fbpx

Film commedia da vedere: dalle origini del cinema a oggi

Indiecinema Film Festival 2022

Dal 5 al 26 dicembre guarda i film del festival in streaming: una numerosa selezione dei migliori film indipendenti inediti da tutto il mondo.

Indice dei contenuti

Quali sono le commedie da guardare più interessanti della storia del cinema? Considerato a lungo un genere minore, alcune commedie sono diventate dei cult, inseriti da importanti riviste di cinema e critici tra i film da vedere assolutamente. Prima di arrivare al cinema vediamo come nasce il genere della commedia nel teatro antico e nella letteratura.

Le origini della commedia

Commedia-aristotele

La parola “commedia deriva dal greco classico kōmōidía, che è composto dalle 2 parole festa e canto, ode. Le origini della commedia conosciute risalgono all’Antica Grecia in alcune opere di Aristotele, come La Poetica, e di Aristofane. In esse gli autori greci facevano ironia sugli stili di vita e le contraddizioni della società ateniese. 

Le commedie teatrali venivano messe in scena nelle città dell’antica Grecia per fare satira sociale e politica, come avviene nei Talk Show televisivi di oggi. Spesso erano rappresentazioni su un conflitto di attualità, sui politici e sui personaggi noti della società, dove c’erano due schieramenti uno contro l’altro. Il pubblico si poteva identificare e nello stesso tempo divertirsi. 

Il critico canadese Herman Northrop Frye ha identificato questo conflitto principale della commedia teatrale dell’antica Grecia nello scontro tra le giovani generazioni e le vecchie generazioni, tra chi non ha ancora autorità e potere e chi non vuole mollare il ruolo di prestigio conquistato nella società. Lo scontro era raccontato con toni divertenti e situazioni paradossali. 

Mentre l’eroe preferito nella tragedia era un uomo virtuoso il protagonista delle commedie era spesso un uomo mediocre e pieno di difetti. Un personaggio ideale per raccontare i difetti della società con tono divertente. 


Inizia ora una prova gratuita e guarda film in streaming

Cerchi qualcosa in più delle solite piattaforme commerciali? Su Indiecinema puoi guardare in streaming centinaia di film indipendenti e d’autore rari, cult e documentari introvabili selezionati da tutto il mondo. Con un solo abbonamento e su qualsiasi dispositivo. Senza limiti, senza pubblicità. Nuovi film ogni settimana. Entra nel cineclub ora!

Film-in-streaming

La commedia attraverso i secoli

Commedia-shakespeare

Nel mondo islamico antico dove fu tradotta la poetica di Aristotele il termine commedia non veniva associato al divertimento. Fu piuttosto un genere associato alla poesia satirica da scrittori e poeti come Abu Bishr, Al-Farabi , Avicenna e Averroè. 

La commedia attraversa tutte le epoche, da quella dell’antica Roma al Rinascimento, fino ad arrivare alle opere di Shakespeare. 

Nel Medioevo il termine commedia si discosta dal significato di rappresentazione divertente e associata alla risata e assume il significato di poema con lieto fine. Come nel caso de La Commedia di Dante Alighieri

La commedia nel cinema muto

La commedia è un genere cinematografico molto popolare che ha le sue caratteristiche principali nell’ironia, la satira e la derisione dei costumi sociali e morali. Agli albori del cinema, la commedia è stato da subito uno dei generi principali, soprattutto dopo la creazione dell’ industria di Hollywood. La commedia sentimentale nasce negli anni ’10 con film che raccontavano la separazione di due coniugi e la frequentazione di altri partner. 

I film avevano un fine di contenimento dell’esplosione di divorzi dell’epoca. Terminavano sempre con finale moralista in cui i due coniugi tornavano a vivere insieme.

Film-Commedia-chaplin
Il monello di Charlie Chaplin

Grazie al genere della commedia comica e al personaggio di Charlot Charlie Chaplin diviene uno degli attori e registi più famosi del mondo. Innumerevoli sono i suoi capolavori, a partire dal film comico Il monello fino ad arrivare alla commedia amara e drammatica di Luci della ribalta. 

Nel finale di Luci della ribalta Charlie Chaplin recita con un altro gigante della commedia, Buster Keaton. Alcune commedie di Buster Keaton sono assolutamente da vedere, sono dei veri e propri capolavori del genere slapstick, un genere tipico del L’era del muto in cui la comicità era focalizzata sull’azione e sulle gag fisiche. Ad esempio nei film Come vinsi la guerra o Il cameraman.  Con l’avvento del sonoro la commedia incomincia a usare le gag anche attraverso i dialoghi. 


Sfoglia il catalogo e scegli il film da guardare

Indiecinema è un servizio di streaming in abbonamento dedicato agli amanti del cinema indipendente e dei tesori nascosti dell’arte cinematografica. Crea un circolo virtuoso: con il tuo abbonamento guardi centinaia di film e supporti contemporaneamente la produzione di nuovi film indipendenti e d’autore. Un unico abbonamento, nessun vincolo. Nuove uscite ogni settimana.

film-dessai

La commedia sofisticata

Nel 1934 entrò in vigore il codice Hays e la rigidità della censura non permetteva più la distribuzione di opere che parlavano di adulterio coniugale. Il genere commedia si orientò allora verso il sottogenere della screwball comedy, la commedia sofisticata.

Questo genere di commedie aveva per protagonisti personaggi ricchi dell’alta borghesia. La commedia sofisticata fu frequentata da grandi registi come Frank Capra in film come Accadde in una notte, del 1934. 

Film commedia americana

I film commedia americani sono tra i genere più antichi del cinema americano; alcuni dei film muti iniziali erano commedie, poiché lo slapstick divertente spesso si basa sull’azione e la mimica, senza richiedere il suono. Con l’introduzione del suono alla fine degli anni ’20 e ’30, i film commedia aumentarono di prestigio. Negli anni ’50, l’industria televisiva era diventata una forte concorrenza per l’industria cinematografica. Gli anni ’60 hanno visto un numero crescente di commedie divertenti pieni di star di Hollywood. Negli anni ’70 erano preferite le commedie nere. Figure di spicco negli anni ’70 furono Woody Allen e Mel Brooks.

Ernst Lubitsch

Film-Commedia-americana-lubitsch
Ernst Lubitsch

Il maestro indiscusso della commedia sofisticata ad Hollywood fu Ernst Lubitsch. Lo stile di Lubitsch era brillante, coinvolgente e dinamico, fatto di improvvisi cambi di narrazione e di punti di vista. Tra le sue commedie da vedere più famose possiamo ricordare film come Il ventaglio di Lady Windermere, Mancia competente, Partita a quattro, Ninotchka, girati tra gli anni 20 e gli anni 30. Tra i suoi capolavori sicuramente anche, Vogliamo vivere!, una memorabile satira su Hitler, ispirata a Il grande dittatore di Charlie Chaplin

Frank Capra

Film-Commedia-americana-frank-capra
Frank Capra

All’inizio degli anni trenta ad affermarsi come regista di commedie a Hollywood è soprattutto Frank Capra con i suoi film a lieto fine, epiloghi spesso inverosimili ed edulcorati. 

Siamo in pieno New Deal e dopo la Grande Depressione gli Stati Uniti hanno bisogno di fiducia. Le case di produzione sono contente di produrre film che sostengono il progetto politico del governo di un nuovo sogno americano. 


Sfoglia il catalogo e scegli il film da guardare

Indiecinema è un servizio di streaming in abbonamento dedicato agli amanti del cinema indipendente e dei tesori nascosti dell’arte cinematografica. Crea un circolo virtuoso: con il tuo abbonamento guardi centinaia di film e supporti contemporaneamente la produzione di nuovi film indipendenti e d’autore. Un unico abbonamento, nessun vincolo. Nuove uscite ogni settimana.

film-dessai

Howard Hawks

Film-Commedia-americana

Degli anni 40-50 arriva al successo il maestro della commedia Howard Hawks, con film come sono Susanna! (1938), La signora del venerdì (1940) o Gli uomini preferiscono le bionde (1953)

Sono racconti cinematografici in cui l’autore si concentra principalmente sul conflitto tra vita noiosa e caos, con una regia invisibile che da rilevanza oggettiva ai fatti che accadono sullo schermo. 

Billy Wilder

La commedia però diventa amara e si trasforma in film d’essai con maggiore spessore solo con il cinema di Billy Wilder. Wilder collaborò con grandi scrittori come come Charles Brackett o I. A. L. Diamond. 

I suoi film sono una critica amara alla società occidentale pieni di umorismo nero, che ricordano in un certo senso lo spessore della grande commedia all’italiana. 

I capolavori più importanti sono Scandalo internazionale, 1948, Quando la moglie è in vacanza, 1955, A qualcuno piace caldo, 1959, Sabrina, 1954, Arianna, 1957, Irma la dolce, 1963.

Film commedia all’italiana 

Film-Commedia-italiana

Alla fine degli anni 50 nasce in Italia la cosiddetta commedia all’italiana, un genere di commedia che tratta temi sociali, politici e culturali da un punto di vista divertente e ironico. La commedia all’italiana riesce ad essere più incisiva di molti film drammatici considerati d’essai. Uno dei primi film è I soliti ignoti di Mario Monicelli, nel 1958.

Mario Monicelli

La commedia all’italiana descriverà con straordinaria precisione e arguzia il costume della società italiana degli anni 60 e 70, come nessun altro genere sarà in grado di fare. L’attore Alberto Sordi sarà protagonista sul grande schermo di centinaia di film che racconteranno i vizi, l’opportunismo, la meschinità e la propensione alla truffa dell’italiano medio. 

I principali registi della commedia all’italiana sono stati Mario Monicelli, Ettore Scola, Dino Risi, Luigi Zampa, Steno, Vittorio De Sica e Luigi Comencini.

Tutti i grandi attori italiani dell’epoca hanno frequentato il genere della commedia: furono Vittorio Gassman, Anna Magnani, Sophia Loren, Ugo Tognazzi, Marcello Mastroianni, Nino Manfredi, Aldo Fabrizi, Claudia Cardinale Gastone Moschin e Adolfo Celi.

Film commedia francesi

I film commedia francesi iniziarono ad apparire in numero sostanziale durante l’era dei film muti, dal 1895 al 1930. L’umorismo visivo di gran parte di questi film muti contava sula farsa e sul burlesque. Uno dei primi cortometraggi divertenti fu Watering the Gardener (1895) dei fratelli Lumière. Max Linder è stato un importante attore comico e può essere considerato la vera celebrità dei film commedia di quell’epoca.

Quando il suono è arrivato nei cinema nel 1927, i film commedia sono tornati alla popolarità, grazie all’uso del dialogo. Dopo la seconda guerra mondiale, la cultura francese ha subito molti adattamenti negli anni ’40 e ’70, che hanno avuto una grande influenza sulle commedie di questa durata. Una varietà di comici francesi ha avuto la capacità di individuare un arrivare al mercato di lingua inglese in questo periodo; Fernandel, Bourvil, Louis de Funès e Jacques Tati.

All’inizio degli anni ’70, giovani attori nuovi della generazione del baby boom hanno recitato in film commedie: Gérard Depardieu, Splendid, Daniel Auteuil, Daniel Prévost e Coluche.

La commedia romantica

Uno dei principali sottogeneri della commedia, diventato uno dei generi di film più commerciali negli anni 2000 è la commedia romantica, un sottogenere dei film romantici. Famosi attori di Hollywood come Julia Roberts e Richard Gere sono dedicati principalmente a questo tipo di film, con mediocri risultati dal punto di vista artistico e straordinari incassi al botteghino. 

La commedia romantica più recente raramente ha trovato una sua identità artistica ed è rimasto un fenomeno prevalentemente commerciale. Spesso sono state l’equivalente cinematografico del fenomeno di massa del romanzo rosa, prive di spessore. 

La commedia nera

Perfetta invece come punto di collegamento tra il genere commedia e film d’essai è la commedia nera. Con questo genere si sono cimentati artisti del calibro di Stanley Kubrick come in il Dottor Stranamore, Ettore Scola, Marco Ferreri in Italia, e molti altri in varie parti del mondo. 

La commedia nera, in antitesi con la commedia romantica patinata e sdolcinata, inserisce nel racconto elementi divertenti ma osceni, oscuri, spesso collegati alla morte. La commedia nera è perfetta per raccontare in modo più leggero i lati più oscuri dell’essere umano e della società. 

La commedia drammatica

La commedia drammatica, definita anche commedia amara, è un film che nonostante conservi il tono della commedia esplora vicende drammatiche, spesso prive di un lieto fine. 

I personaggi della commedia drammatica hanno frequentemente un maggior spessore di quelli della commedia leggera: i registi possono inserire elementi più verosimili e rendere il cinema più simile alla vita, con alternanza di momenti divertenti e momenti drammatici. 

Molti film di Federico Fellini, se proprio dovessimo assegnare un genere ad un autore geniale e inclassificabile, sono commedie drammatiche, dove il maestro del cinema italiano mescola con rara abilità momenti tragici e ironici, dramma e grottesco. 

Negli anni 70, in Italia ad esempio, la commedia all’italiana cambia mentre cambia la società. L’ottimismo del boom economico cede il passo agli anni di piombo e al terrorismo. 

La commedia diventa progressivamente più malinconica e drammatica, a cominciare da film come C’eravamo tanto amati di Ettore Scola. L’abbandono dei valori dell’amicizia e dell’amore in cambio dell’opportunismo e della carriera diventa uno dei temi dominanti. 

I film hanno ancora quello spirito divertente ed ironico, ma esso è fortemente attenuato da riflessioni più impegnate, sguardi malinconici su una realtà spesso complessa è difficile. 

La commedia non può permettersi più di essere troppo “leggera”, perché il declino della società incomincia ad essere preoccupante, e cambia anche lo sguardo sul mondo dei registi. 

Il film comico 

Il film comico, spesso distinto dalla commedia, è considerato spesso un genere a sé stante. Molti critici cinematografici considerano il genere comico come sottogenere della commedia. Nasce nell’epoca del muto con registi come Max Linder, Charlie Chaplin, Laurel & Hardy, Buster Keaton, Harry Langdon e Harold Lloyd

Continua poi con il cinema sonoro con artisti come i fratelli Marx, Abbott and Costello, Jerry Lewis, Woody Allen e i Monty Python

In Italia il cinema comico riscuote nel corso dei decenni sempre un grande successo con attori come Totò, Peppino De Filippo, Aldo Fabrizi, Massimo Troisi, Paolo Villaggio, Carlo Verdone

Il famoso impiegato sfigato Fantozzi, interpretato da Paolo Villaggio, è uno dei film più grotteschi e allo stesso tempo più “neri” sulla mediocrità esistenziale, un grande successo del cinema italiano che ha dato vita a una lunga serie di sequel. 

Altri generi di commedia 

La commedia ha dato vita ad una miriade di sottogeneri, e probabilmente ci saranno critici cinematografici che ne identificheranno alcuni nuovi in futuro. 

La commedia anarchica è un genere identificato da alcuni critici cinematografici focalizzato sulla presa in giro dell’autorità e del potere. Ad esempio film come quelli di Monty Python, o le commedie irriverenti americane come Animal House, del 1978, National Lampoon e molti dei film dei fratelli Marx.

La commedia da bagno: film grossolani e disgustosi girati con un approccio demenziale. Porky’s (1982), Scemo e più scemo (1994),  American Pie (1999). 

La commedia di buone maniere come il film Colazione da Tiffany, ambientate nel conformismo di una determinata classe sociale. 

La commedia “farsa” che esagera situazioni al limite del paradosso come in A qualcuno piace caldo. Poi c’è la parodia, la commedia sul sesso, la commedia situazione, la commedia etero, la commedia surreale. 

Film commedia da vedere

Dopo questo breve viaggio nella storia della commedia e dei vari sottogeneri genere cinematografici, ecco una lista di commedie d’essai da vedere assolutamente. Per chi ama il genere ma non vuole rinunciare alla qualità artistica e allo spessore culturale. 

Come vinsi la guerra (1926)

Quando Johnnie Gray, progettista di treni della Western & Atlantic Railroad, arriva a Marietta, in Georgia, trova la casa di Annabelle Lee, tra i due suoi amori di vita. L’altro è la locomotiva di treni chiamato “The General”. La guerra civile americana è scoppiata, e il fratello di Annabelle e suo padre si arruolano nelle forze armate. Per compiacere Annabelle, Johnnie si precipita ad arruolarsi anche lui, ma viene rifiutato. Annabelle dice a Johnnie che non parlerà con lui finché non lo vedrà nell’esercito.

Il film di Buster Keaton è stato ispirato da Great Locomotive Chase, una storia realmente accaduta durante la guerra civile americana. All’epoca del suo primo lancio non fu ben accolto dal pubblico e fu disprezzato dalla critica cinematografica, con incassi scarsi. Come ho vinsi la guerra è tra le più famose commedie mai realizzate. Un capolavoro comico da non perdere.

Guarda Come vinsi la guerra

Charlie Chaplin – cortometraggi

Charlie Chaplin diventa conosciuto in tutto il mondo con i cortometraggi del suo personaggio Charlot, ispirato alla sua esperienza di vita, inventato nel 1914. Un vagabondo dalle scarpe enormi che aggiunge ai film comici dell’epoca la poesia del grande cinema. I cortometraggi di Charlie Chaplin spesso meno conosciuti dei suoi film di lungometraggio più famosi sono delle vere e proprie perle della commedia e dell’arte cinematografica mondiale. Film da non perdere assolutamente.

Guarda i cortometraggi di Charlie Chaplin

Il monello

Una donna molto povera abbandona suo figlio sperando che sia trovato da qualcuno che lo possa crescere nel benessere. Invece lo trova il vagabondo Charlot, che però non si tira certo indietro, prendi la cosa come una missione molto seria. Charlie Chaplin scrive, produce in maniera indipendente, dirige e interpreta il suo primo lungometraggio, capolavoro della storia del cinema che dopo un secolo conserva perfettamente intatto il suo fascino.

Guarda Il monello

Zero in condotta

Le vacanze sono terminate ed è il momento per i ragazzi di ritornare al terribile collegio, gestito da tutori ottusi e conformisti, incapaci di favorire la crescita di qualunque spirito di libertà e di creatività. Uno dei grandi capolavori della storia del cinema sul tema dell’infanzia e dei condizionamenti scolastici e sociali sulle giovani generazioni. Un inno alla libertà e alla creatività, una spinta a liberarsi dalle prigioni invisibili in cui tentano di rinchiudersi. Opera fondamentale da vedere almeno una volta nella vita. Un capolavoro dal genio di Jean Vigo.

Guarda Zero in condotta

Un secchio di sangue

Divertente commedia horror dal re del b-movie Roger Corman, girata nel 1959. Una notte, dopo aver ascoltato le parole di un poeta che si esibisce al caffè The Yellow Door, l’ottuso cameriere Walter Paisley torna a casa per tentare di creare una scultura del volto della padrona di casa Carla, ma uccide accidentalmente il gatto. Girato con il tempo record di 5 giorni con un budget di soli $50000. Roger Corman, oltre che re dei b-movie è anche il re del low budget.

Guarda Un secchio di sangue

Simon del deserto

Simón, un santone dalla barba lunga, vive su una colonna in pieno deserto, quasi in totale digiuno. La gente lo venera come un Messia. Commedia surreale e di critica di altissimo livello e raffinatezza ai dogmi religiosi dal genio surrealista di Luis Bunuel. Nato come un progetto di cortometraggio, Simon è diventato uno dei personaggi più iconici del grande regista spagnolo. Nella versione originale in lingua spagnola il modo di parlare del santone è davvero buffo e grottesco, cosa completamente persa nel doppiaggio.

Guarda Simon nel deserto

L’amore fugge

Truffaut chiude con L’amore fugge la serie dedicata ad Antoine Doinel. Dopo sette anni Antoine e Christine divorziano, pur rimanendo buoni amici. Antoine ha una relazione con Liliane, amica di Christine, ha pubblicato un’autobiografia che parla dei suoi amori e trova lavoro come correttore di bozze ed inizia anche un’allegra, anche se tumultuosa relazione, con Sabine, commessa in un negozio di dischi. Una commedia sentimentale da vedere assolutamente. Allegro e malinconico, passionale e distaccato nello stesso tempo, il film ripropone lo stile unico di Truffaut. Uno dei registi che ha saputo raccontare meglio l’amore sul grande schermo dei cinema.

Guarda L’amore fugge

Il giorno più bello

Andi è un pianista ricoverato in clinica per fibrosi polmonare, in attesa di un donatore per un trapianto che forse non arriverà in tempo. Benno è un ladro ricoverato nella stessa clinica per tumore al cervello e la diagnosi gli lascia poco tempo da vivere. Benno riesce a convincere il timido Andi a seguirlo nella sua idea folle: scappano dalla clinica dove sono ricoverati e trovano un po’ di denaro per fare un viaggio in Africa per vivere il giorno più bello della loro vita.

Un on the road a bordo di un camper che attraversa il Sud dell’Africa, da Mombasa a Cape Town. Un viaggio che diventa metafora del senso della vita. Il giorno più bello sceglie il tono della commedia per raccontare un tema drammatico come quello della morte e della malattia terminale, trovando equilibrio nell’interpretazione dei due protagonisti che non scade mai nel patetismo.

Guarda Il giorno più bello

Tournee – Il vero burlesque

Joachim Zand, un produttore televisivo in crisi, torna in Francia dopo un lungo periodo trascorso negli Stati Uniti. Joachim aveva tagliato tutti i rapporti in Francia: amici, nemici, figli. Ispirato al cinema americano indipendente degli anni ’70 di John Cassavetes. Il personaggio protagonista è interpretato dallo stesso regista, che si dimostra un attore di alto livello. Presentato al Festival di Cannes 2010 dove ha vinto il premio Fipresci ed il premio come miglior regista. Film molto interessante, da non perdere.

Guarda Tournée – il vero burlesque

Adorabili amiche

Tre amiche cinquantenni vengono invitate al matrimonio di Philippe, un loro comune amico di gioventù, che dopo molte avventure sentimentali sembra aver trovato la donna giusta, Tasha. Una commedia amara, un road-movie con tre donne cinquantenni, tra gioia, rabbia, tristezza, divertimento e malinconia.

Guarda Adorabili amiche

Festival in Cannes 

Cannes, 1999 . Alice, un’attrice, vuole dirigere un film indipendente, ed è in cerca di finanziatori. Conosce Kaz, un affarista chiacchierone, che le promette 3 milioni di dollari se userà Millie, una star francese che ha oltrepassato la sua giovinezza e non trova più ruoli interessanti. Il popolare filmakers indipendente Henry Jaglom, poco conosciuto in Europa, gira una commedia sentimentale con grande libertà stilistica, che sembra un documentario e si concentra sulle performance degli attori con un metodo di improvvisazione spontaneo e fluido, ispirato dal cinema di Cassavetes.

Guarda Festival in Cannes

Slow Life 

Lino Stella prende un periodo di ferie dal suo alienante lavoro per dedicarsi al relax e alla sua passione: disegnare fumetti. Ma non ha previsto certi elementi di disturbo. Una commedia nerissima e surreale dal regista Fabio del Greco, che assume nel finale i toni del thriller e dell’horror. Il tema è quello vissuto dai cittadini ogni giorno sulla propria pelle: la persecuzione da parte dello stato, delle tasse, delle regole del condominio, della burocrazia che ci schiaccia come individui. Un film indipendente anarchico ed ambizioso che ci porta a riflettere su come l’essere umano sia ridotto a rotella di un ingranaggio. Un ingranaggio che non è interessato alla sua felicità né alla sua dignità. Da guardare assolutamente.

Guarda Slow Life

Primo morso

Gus è un uomo affascinante che lavora come cuoco in un ristorante orientale a Montreal. Il suo capo lo manda in una sperduta isola della Thailandia per incontrare un maestro della cucina zen e migliorare la qualità delle sue pietanze. Lì incontra una misteriosa donna di nome Lake che vive in una grotta e lo informa che il maestro della cucina zen è morto.

Primo morso è un film indipendente canadese molto originale che incrocia nella sua narrazione diversi generi cinematografici passando in modo repentino dal romanticismo alla suspense fino all’ horror. Tra misticismo, magia nera, storie d’amore e isole tropicali, Primo morso è l’odissea di un uomo che rimane prigioniero in una trappola dalla quale non riesce più ad uscire, smarrito tra passioni e cibi esotici.

Guarda Primo morso

Queen of The Lot

Un braccialetto elettronico alla caviglia e gli arresti domiciliari non bastano a fermare l’aspirante attrice Maggie Chase (Tanna Frederick) nel rperseguire i suoi obiettivi: diventare famosa nel mondo del cinema e trovare una relazione sentimentale. Maggie vuole arrivare a diventare protagonista di film di altissima qualità e abbandonare il mondo dei B movie.

Il regista Henry Jaglom sembra aver vissuto in prima persona le frustrazione e le assurdità dell’industria cinematografica mainstream di Los Angeles e di come essa vampirizzi l’anima delle persone che sono dentro di essa. Un’altra delle qualità di Jaglom come sceneggiatore e regista è la sua capacità di saper raccontare una vicenda drammatica e allo stesso tempo amare i suoi personaggi senza sentimentalismi. Queen of the Lot è uno film indipendente con uno stile ben riconoscibile di un autore fuori dagli schemi e dalle banalità dei film commerciali. Tanna Frederick è di nuovo un’attrice appassionata e talentuosa al servizio di Jaglom.

Guarda Queen of The Lot

Centinaia di film e documentari selezionati senza limiti

Nuovi film ogni settimana. Guarda su qualsiasi dispositivo, senza nessuna pubblicità. Annulla in qualsiasi momento.
error: Content is protected !!

Indiecinema Film Festival 2022

Indiecinema Film Festival 2022

Dal 5 al 26 Dicembre guarda in streaming la selezione dei film in concorso: cortometraggi, documentari e film indipendenti da tutto il mondo