Roger Corman

Indice dei contenuti

Roger Corman è uno degli esempi più importanti di un modo di fare cinema indipendente, uno dei pochi casi in cui la filmografia di un regista indie ha raggiunto una fama mondiale. Ma Roger Corman ha collaborato a lungo anche con grandi studios, entrando e uscendo continuamente dal mainstream. Numerosi suoi film sono basati su opere che hanno una fama già consolidata, come il suo ciclo di film cult a basso budget adattati dai racconti di Edgar Allan Poe.

Membro del British Film Institute, del Museum of Modern Art e dell’Academy of Motion Picture Arts and Sciences, nella sua carriera è stato il talent scout di alcuni dei più importanti registi e attori del cinema mondiale: la famosa scuola di Corman.

Gli inizi di Roger Corman

Roger-Corman

Corman inizia a lavorare nel cinema all’ufficio postale della 20th Century Fox. Difficile immaginare un inizio più umile e più conflittuale per uno spirito indipendente come il suo. Infatti, compresa la natura del lavoro anonimo e meccanizzato all’interno di uno studios, lascia la Fox e sceglie caparbiamente di lavorare nel cinema da solo. Scrive una sceneggiatura alla Allied Artists per $ 2.000 e lavora gratis sul set del film per fare esperienza. Mette insieme 12.000 dollari per produrre il suo primo film, Monster from the Ocean Floor (1954).

Il film ha successo e Corman a produce un altro film, il thriller sulle auto da corsa The Fast and the Furious (1955), diretto da John Ireland, e interpretato da Dorothy Malone. Riesce a distribuire il film con una nuova azienda indipendente, la American Releasing Company. L’ARC gli anticipa anche i soldi per permettergli di fare altri film: Five Guns West (1955), un western, realizzato a colori per circa $ 60.000, con Malone e John Lund. Poi gira High Steel, Cobra, Fortress Beneath the Sea, Day the World Ended (1955), un film di fantascienza post-apocalittico.

Gira successivamente Corman’s Swamp Women (1956), una storia di ragazze in fuga, e poi The Oklahoma Woman (1956) e Gunslinger (1956); Gunslinger è stato co-scritto da Griffith, che ha finito per essere un partner essenziale di Corman per molti progetti. American International Pictures e Allied Artists assumono Roger Corman come loro principale regista. Finanziano It Conquered the World (1956), The Undead (1957), Not of this Earth (1957).

Nell’agosto 1956 gira un film alle Hawaii, Naked Paradise (1957). Corman ha girato il film in contemporanea con un film realizzato con i suoi soldi, She Gods of Shark Reef (1958). Quasi tutti i film sono scritti con Griffith. I due collaborano anche per Attack of the Crab Monsters (1957), uno dei film più popolari. Come produttore indipendente Corman realizzò due film musicali rock: Carnival Rock (1957) e Rock All Night (1957).

Nell’aprile del 1957, Corman fa due film uno dopo l’altro per risparmiare le spese: Teenage Doll (1957) e Sorority Girl (1957). Segue poi The Saga of the Viking Women e Their Voyage to the Waters of the Great Sea Serpent (1957), girato nell’agosto 1957.

Roger Corman ha ottenuto il suo primo vero successo per Machine-Gun Kelly (1958), un gangster movie con Charles Bronson nel suo primo ruolo da protagonista. Segue Teenage Caveman (1958), con Robert Vaughn. Poi si occupa della produzione di 2 film per Allied Artists: Hot Car Girl (1958), diretto da Bernard Kowalski e prodotto da suo fratello Gene, con Jack Nicholson nel suo primo ruolo da protagonista.

Il budget più grande a disposizione arriva con I Mobster (1958), una storia di gangster per la 20th Century Fox. War of the Satellites (1958) è stato sviluppato e girato a tempo di record per sfruttare al meglio l’evento del lancio dello Sputnik.

Corman ha anche prodotto, ma non diretto, Stakeout on Dope Street (1958), diretto da Irvin Kershner; il film horror Night of the Blood Beast (1958), diretto da Kowalski, utilizzando gli abiti rimanenti di Teenage Caveman; e Delitto e castigo USA (1959), diretto da Dennis Sanders con George Hamilton nel suo primo  ruolo da protagonista.

Roger Corman produttore indipendente

Nel 1959, Corman fondò The Filmgroup con suo fratello Gene, un’azienda che produceva o lanciava film in bianco e nero a basso budget. I loro primissimi film sono stati High School Big Shot (1959) e T-Bird Gang (1959) prodotti da Stanley Bickman.

Nel frattempo continua a lavorare su commissione per l’AIP: Corman e Griffith realizzano A Bucket of Blood (1959). Corman e lo sceneggiatore Griffith hanno riciclato la stessa identica struttura narrativa e molti attori dello stesso cast in La piccola bottega degli orrori (1960).

Con la sua Filmgroup, Corman ha diretto La donna vespa (1959). Con suo fratello ha realizzato 2 film in South Dakota: Ski Troop Attack (1960), un film di guerra, e l’horror Beast from Haunted Cave (1959), il primo film diretto da Monte Hellman.

Corman è andato a Porto Rico e ha prodotto altri 2 film consecutivamente: Battle of Blood Island (1960), diretto da Joel Rapp, e Last Woman in the world (1960), diretto da Corman da una sceneggiatura di Robert Towne. Le riprese di questi 2 film sono state così veloci che Corman ha incaricato Griffith di scrivere un terzo film: il risultato è stato Creature from the Haunted Sea (1961).

La casa degli Usher

Roger-Corman-Vincent-Price

L’AIP desiderava che Corman realizzasse per loro 2 film horror, in bianco e nero, a meno di $ 100.000 ciascuno con un programma di riprese di 10 giorni. Corman, tuttavia, era stanco di fare film a basso budget, e il mercato era in calo. Corman ha proposto un adeguamento di The Fall of the House of Usher di Edgar Allan Poe e l’AIP lo ha assecondato.

Ha lavorato con Richard Matheson per la scrittura e Vincent Price è stato chiamato per il ruolo di protagonista. Il film è House of Usher, girato all’inizio del 1960, che diventò il più grande successo della sua carriera.

In seguito Corman ha diretto un peplum in Grecia, Atlas (1961). La casa degli Usher era stata effettivamente così efficace che l’AIP desiderava un seguito, e Corman, Haller, Matheson e Price si sono riuniti per realizzare Il pendolo e la fossa (1961). Fu un altro successo significativo e il “ciclo Poe” dei film era in sviluppo.

L’intruso

Dopo Il pendolo e la fossa, Corman ha diretto William Shatner in uno dei suoi primi film da protagonista con The Intruder. Corman era insoddisfatto della sua percentuale sui guadagni dei primi 2 film di Poe, quindi fece un terzo film per produttori diversi dall’AIP, The Premature Burial (1962), scritto da Charles Beaumont e interpretato da Ray Milland. Il film è stato cofinanziato dai laboratori Pathé.

Per il produttore Edward Small, Corman ha realizzato un horror storico su Riccardo III, Torre di Londra (1962), interpretato da Vincent Price. Doveva essere il primo di tre film low budget, ma Corman non riesce a mettersi d’accordo con il produttore.

Per Filmgroup, ha anche acquistato i diritti di un film di fantascienza sovietico, Nebo Zovyot (1959) e ha fatto girare alcuni scene extra a colui che era allora il suo assistente, Francis Ford Coppola; il risultato fu Battle Beyond the Sun (1962). Allo stesso modo ha realizzato The Magic Voyage of Sinbad (1962), ispirato sempre ad un film sovietico.

In seguito, Corman ha utilizzato i set di quel film per La vergine di cera (1963), realizzato per Filmgroup ma lanciato dall’AIP, e interpretato da Boris Karloff (le cui scene sono state tutte girate in 2 giorni) e Jack Nicholson. Corman non ha diretto tutto questo film; scene extra sono state girate da Monte Hellman, Coppola e Jack Hill, tra gli altri.

The Young Racers (1963) è stato prodotto e diretto da Corman in Europa per AIP, interpretato e scritto da Campbell. Ad occuparsi del film è stato Francis Ford Coppola, che Corman ha finanziato per realizzare il suo lancio alla regia, Terrore alla 13 ora (1963).

Guarda il film

Tornato negli Stati Uniti, Corman ha realizzato X: L’uomo con gli occhi a raggi X (1963), un moderno film di fantascienza per l’AIP con protagonista Ray Milland. Segue The Haunted Palace (1963). Apparentemente parte del ciclo di Poe, includeva l’interpretazione di Price ed era prodotto AIP, ma era in realtà basato su una storia di HP Lovecraft.

Corman ha diretto un film di guerra in Jugoslavia con suo fratello, The Secret Invasion (1964), con Stewart Granger e Mickey Rooney, da una sceneggiatura di Campbell. Corman ha realizzato altri 2 film ispirati ai racconti di Poe in Inghilterra con Price, The Masque of the Red Death (1964), e La tomba di Ligeia (1965), da una sceneggiatura di Robert Towne. 

Corman ha convinto Towne a scrivereuna sceneggiatura chiamata The Red Baron. Ha acquistato i diritti di un altro film di fantascienza sovietico, Planeta Bur (1962), e ha incluso alcune scene extra di Curtis Harrington. Harrington ha utilizzato riprese di Planeta Bur in un altro film finanziato da Corman, Queen of Blood (1966).

In modo simile ha acquistato i diritti di un film jugoslavo, Operazione Titan (1963), e ha finanziato le riprese extra di Jack Hill e Stephanie Rothman. Il risultato fu Blood Bath (1966). Ha anche partecipato all’investimento finanziario nei film sulla celebrazione della spiaggia Beach Ball (1965) e It’s a Bikini World (1967).

Roger Corman e gli Studios

Nel mese di agosto del 1965, Corman, stufo di bassi budget, firma un accordo con l’United Artists per fare 2 film in 3 anni. Firma un contratto anche con la Columbia per fare un western, The Long ride Home, basato su una sceneggiatura di Robert Towne.

Dopo un anno senza dirigere, Corman ha preso un periodo di pausa mentre era sotto contratto con la Columbia per fare un film per AIP, il primissimo film per ciclisti, The Wild Angels. Era interpretato da Peter Fonda e Nancy Sinatra, da una sceneggiatura di Griffith; Peter Bogdanovich ha lavorato come assistente di Corman.

Voleva anche fare un film sul Barone Rosso, ma la Columbia rifiutò. Corman iniziò a dirigere Long Ride Home con Glenn Ford alla Columbia, ma lasciò la produzione un paio di settimane dopo l’inizio delle riprese e fu sostituito da Phil Karlson.

Corman ottiene un contratto per dirigere The St. Valentine’s Day Massacre (1967), per la 20th Century Fox, con Jason Robards e George Segal. Come regista indipendente era molto a suo agio nelle produzioni come questa, con piccoli piani di spesa e programmi di riprese determinati in giorni, anziché in settimane. E’ ritenuto uno dei suoi film più belli.

Ritorno al cinema indipendente

Ha continuato a finanziare film per la sua società Filmgroup: Voyage to the Prehistoric Planet (1965), acquistando un film sovietico, Planeta Bur, e doppiando esso in inglese con alcune riprese extra girate da Curtis Harrington; Queen of Blood (1966), che utilizza materiale girato per film sovietici per farne un film nuovo, diretto da Harrington; Blood Bath (1966), un film jugoslavo adattato con riprese extra girate da Stephanie Rothman e Jack Hill; Voyage to the Planet of Prehistoric Women (1967), un’altra variante di Planeta Bur con alcune scene extra girate dall’allora assistente di Corman, Peter Bogdanovich.

Ha finanziato 2 western girati contemporaneamente nello Utah diretti da Monte Hellman e scritti e coprodotti da Jack Nicholson, The Shooting (1967) e Ride in the Whirlwind (1967) che finirono per essere dei successi di culto. Ha anche finanziato 2 film diretti da Dan Haller, Devil’s Angels (1967), un seguito di Wild Angels scritto da Griffith; e un film di corse automobilistiche girato in Europa, The Wild Racers (1968). 

Corman ha diretto The Trip per AIP, scritto da Jack Nicholson e interpretato da Peter Fonda, Dennis Hopper e Bruce Dern. L’AIP ha apportato alcune modifiche al film in post-produzione che hanno reso Corman insoddisfatto del risultato finale. Corman ha realizzato un film per la televisione americana: Harry (1968), girato in Europa con il fratello come produttore. Ha prodotto The Dunwich Horror (1970) per AIP, diretto da Haller e scritto insieme a Curtis Hanson.

Ultimi film da regista

Per l’AIP, Corman è tornato alla sedia di regista per un film di gangster, Bloody Mama (1970), con Shelley Winters e un giovane Robert de Niro. È stato un successo. Ha anche diretto un divertente film noir, Gas-sss (1970), scritto da George Armitage; il film è stato tagliato al montaggio senza il suo consenso dall’AIP ed è stato un fallimento al botteghino.

Poi gira il film Von Richthofen e Brown (1971), ispirato alle vicende del Barone Rosso, in Irlanda nel luglio 1970. Ci sono stati numerosi incidenti aerei durante le riprese e una persona della troupe è morta.

“La regia è estremamente angosciante ed estremamente dura”, dice Corman nel 1971. “Produrre è semplice. Posso farlo senza pensarci troppo.”. Corman ha finanziato il lancio alla regia di Curtis Hanson, Sweet Kill (1971). Poi un altro film all’AIP, Boxcar Bertha (1972), il secondo lungometraggio diretto da Martin Scorsese, con David Carradine.

Distribuzione di film stranieri

La produzione di Corman New World diventò il distributore statunitense di grandi film stranieri come Sussurri e grida (1972), diretto da Ingmar Bergman. Corman lo ha acquistato per $ 75.000 e ha guadagnato oltre $ 2 milioni negli Stati Uniti. New World ha lanciato Fantastic Planet (1974).

In una durata di 10 anni, New World Pictures ha vinto più Oscar per il miglior film straniero di tutti gli altri studi messi insieme. Nel frattempo ha lavorato nella produzione esecutiva di quattro film della 20th Century Fox, realizzando Capone (1975), Fighting Mad (1976) (di Jonathan Demme), Moving Violation (1976) e Thunder and Lightning (1977).

Il successo della New World

Death Race 2000 (1975), scritto da Robert Thom e diretto da Paul Bartel, è stato un enorme successo, guadagnando $ 4 milioni. Questo ha aiutato a lanciare una serie di film di inseguimento automobilistico: Cannonball (1976), diretto da Bartel; Mangia la mia polvere! (1976), diretto da Griffith con Ron Howard, che ha portato a un seguito, Grand Theft Auto (1978), esordio alla regia di Howard.

I trailer di New World sono stati montati dagli aspiranti giovani registi Joe Dante e Alan Arkush. Corman ha dato loro l’opportunità di dirigere insieme Hollywood Boulevard (1976). Il film ha ottenuto abbastanza successo per offrire a entrambi i ragazzi un esordio alla regia: Dante con Piranha (1978) e Arkush con Rock ‘n’ Roll High School (1979).

Piranha è stato scritto da John Sayles, che era stato effettivamente trovato dalla story editor di Corman, Frances Doel. Sayles in seguito scrisse The Lady in Red (1979) per Corman, diretto da Lewis Teague.

Altri film popolari in questo periodo erano Tidal Wave (1975), un film giapponese in cui Corman ha inserito scene aggiuntive, e Jackson County Jail (1976). Meno popolare è stato Avalanche (1979), un film catastrofico diretto da Corey Allen. Per la Universal ha realizzato Fast Charlie… the Moonbeam Rider (1979), diretto da Carver. Ha finanziato Saint Jack di Bogdanovich (1979).

Il successo di Star Wars ha influenzato il film più costoso della New World, Battle Beyond the Stars (1981). Corman offrì la New World Pictures nel gennaio 1983 a un consorzio di 3 avvocati per 16,9 milioni di dollari. Ha creato in seguito una nuovissima attività di produzione, Millennium, il cui titolo è stato preso dal nome di una retrospettiva del 1981 del lavoro di Corman al National Film Theatre di Londra.

I film della Millenium furono Space Raiders (1983), un impressionante film di fantascienza che utilizzava immagini e musica da Battle Beyond Destiny; Love Letters (1984), un dramma di Amy Holden Jones; Screwballs (1984), un film divertente sul sesso sulla scia di Porky’s; Suburbia (1984), diretto da Penelope Spheeris, e The Warrior and the Sorceress.

New Horizons

Corman afferma che alcune persone avevano problemi con il nome “Millennium” – “nessuno poteva scriverlo, nessuno capiva cosa suggerisse” – così lo modificò in New Horizons all’inizio del 1984. Corman e i nuovissimi proprietari di New World finirono per intraprendere un’azione legale l’uno contro l’altro nel marzo 1985. New World in cambio fece un’azione legale contro Corman, dichiarando che stava cercando di tornare in circolazione, e stava screditando New World a possibili finanziatori. Hanno affermato che Corman ha scavalcato New World per alcuni dei suoi film, come Hardbodies (1984).

Concorde Pictures

Nel marzo 1985 Corman rivelò che avrebbe sviluppato una nuovissima “cooperativa”, Concorde Pictures, in cui i produttori avrebbero potuto ottenere una distribuzione ragionevolmente a basso costo da Concorde in cambio di un contributo alle spese generali dell’azienda. Le loro primissime uscite sono state le produzioni di Corman School Spirit, Wheels of Fire e Barbarian Queen. Concorde in seguito si è unito a un’azienda di produzione di film a basso costo, Cinema Group, e ha realizzato 15-20 film all’anno.

Corman ha dovuto affrontare la diminuzione del mercato drive-in e della concorrenza degli studi negli anni ’90. Nel 1995 Corman è stato produttore esecutivo di Roger Corman Presents, una serie unica di 13 film per Showtime con piani di spesa di circa 1,5 milioni di dollari ciascuno. “Credo che il nome Corman suggerisca azione, umorismo e un po’ di eccitazione”, afferma Mike Elliott, il produttore della serie. Corman ha finito per fare una seconda stagione di 11 film.

Concorde ha avviato operazioni in Irlanda, costruendo studi nel Connemara, nella contea di Galway. Ha ottenuto un aiuto dal governo federale irlandese, una scelta che ha finito per essere controproducente quando il materiale di alcune produzioni di Corman come Criminal Affairs è stato criticato dalla stampa. Corman ha gestito anche una pubblicazione di fumetti nel 1995/1996 chiamata Cosmic Comics con cui ha prodotto fumetti sulla base di suoi film. 

Nel 2006 Corman ha dichiarato di aver realizzato il 60% dei suoi film all’estero. “Queste nazioni straniere stanno fornendo aiuti così straordinari che non solo io, ma anche numerosi produttori indipendenti si stanno spostando all’estero”, ha affermato. Ha offerto i diritti di remake di Death Race 2000 alla Universal, che ha realizzato Death Race (2008) con Jason Statham, con Corman accreditato come produttore esecutivo.

Nel 2009, Corman ha diretto e prodotto insieme al regista Joe Dante la web serie Splatter per Netflix. Nel 2011 Corman ha citato Avatar (2009) di James Cameron e Inception (2010) di Christopher Nolan come esempi di “creatività eccezionali”.

Vita privata

Roger-Corman

Corman ha sposato Julie Halloran nel 1970. La sua autobiografia, intitolata How I Made a Hundred Movies in Hollywood e Never Lost a Dime, documenta le sue esperienze nel mercato del cinema. Nel 1964, Corman è stato il più giovane produttore/regista ad aver ricevuto una retrospettiva alla Cinémathèque Française, oltre alle retrospettive al British Film Institute e al Museum of Modern Art.

Corman ha vinto il premio alla carriera allo Stockholm International Film Festival nel 1990. E’ stato il protagonista del documentario del 1978 Roger Corman: Hollywood’s Wild Angel, prodotto e diretto da Christian Blackwood. Nel 1998 ha vinto il primissimo Producer’s Award mai assegnato dal Festival di Cannes.

Nel 2006, Corman ha ricevuto il David O. Selznick Award dalla Producers Guild of America. Nel 2006, il suo film Fall of the House of Usher è stato tra i venticinque film scelti per il National Film Registry, una raccolta di film considerevoli gestita dalla Library of Congress.

Nel 2010, l’autore e star Mark Gatiss ha parlato con Corman per la sua serie di documentari della BBC A History of Horror, di cui la seconda metà del secondo episodio si concentra su Corman. Nel 2010, Corman è stato inserito nella Hall of Fame della Beverly Hills High School.

The Corman Film School

Molti registi hanno affermato che l’impatto di Corman ha insegnato loro alcuni dei segreti del cinema. Cameron, Coppola, Demme, Hanson, Howard e Scorsese hanno vinto tutti gli Academy Awards. Howard sarebbe stato lanciato da Corman: “Se fai un ottimo lavoro in questo film, non dovrai mai più lavorare per me”.

Le star che hanno ottenuto il successo professionale lavorando per Corman sono Jack Nicholson, Peter Fonda, Bruce Dern, Charles Bronson, Todd Field, Michael McDonald, Dennis Hopper, Talia Shire, Sandra Bullock, Robert De Niro e David Carradine, che hanno ottenuto i loro primissimi ruoli cinematografici da protagonista in Boxcar Bertha (1972) prodotto da Corman e hanno continuato a recitare in Death Race 2000 (insieme a Sylvester Stallone).

La maschera di cera (1953)

Il film La maschera di cera (1963) di Roger Corman è un film horror fantascientifico basato sul poema di Edgar Allan Poe “Il corvo”. Il film racconta la storia di un mago, Erasmus Craven, che cerca di riportare in vita sua moglie Lenore, che credeva morta. Per farlo, Craven fa un patto con il diavolo, ma il prezzo da pagare è alto.

Il film è interpretato da Vincent Price, Boris Karloff e Peter Lorre. Price interpreta Erasmus Craven, un mago che è anche un potente stregone. Karloff interpreta Scarabus, un mago malvagio che si allea con il diavolo. Lorre interpreta Adolphus Bedlo, un mago amico di Craven.

La trama del film è ambientata nell’Inghilterra del XVI secolo. Craven è un mago famoso per le sue abilità. Dopo la morte di sua moglie Lenore, Craven si ritira nel suo castello e inizia a studiare l’alchimia. Craven scopre un modo per riportare in vita i morti, ma il prezzo da pagare è alto. Per riportare in vita Lenore, Craven deve sacrificare la vita di un altro essere umano.

Craven fa un patto con il diavolo, e il diavolo gli concede il potere di riportare in vita Lenore. Tuttavia, il diavolo ha un piano: Lenore non è veramente viva, ma è un’anima dannata che è stata intrappolata nel corpo di una donna. Lenore è controllata dal diavolo, e inizia a uccidere le persone che Craven ama.

Craven deve trovare un modo per fermare Lenore e il diavolo. Con l’aiuto di Adolphus Bedlo, Craven combatte Lenore e il diavolo. Alla fine, Craven riesce a sconfiggere il diavolo e a salvare Lenore.

La maschera di cera è un film di genere horror fantascientifico. Il film è caratterizzato da una trama oscura e inquietante, e da immagini e atmosfere macabre. Il film è anche caratterizzato dalle interpretazioni di Vincent Price, Boris Karloff e Peter Lorre.

La maschera di cera è stato un successo al botteghino e ha ricevuto recensioni positive dalla critica. Il film è considerato un classico del genere horror fantascientifico.

GUARDA IL FILM

La meticcia di fuoco (1955)

La meticcia di fuoco (1955) è un film western americano del 1955 diretto da Roger Corman e interpretato da Lloyd Bridges e Joan Taylor. Il film racconta la storia di un ufficiale della cavalleria degli Stati Uniti che viene inviato a indagare su una serie di attacchi a un insediamento bianco da parte di un gruppo di Apache. Tuttavia, l’ufficiale scopre presto che gli Apache non sono responsabili degli attacchi.

Il film è un classico esempio dello stile di regia a basso budget di Corman. Il film è stato girato in soli 12 giorni e Corman ha utilizzato una serie di tecniche innovative di regia per risparmiare denaro. Ad esempio, Corman ha utilizzato riprese stock di cavalli e nativi americani per risparmiare denaro sulle riprese di queste scene.

Nonostante il suo budget basso, La meticcia di fuoco è un film ben fatto e divertente. La regia di Corman è serrata e suspense, e le interpretazioni di Bridges e Taylor sono eccellenti. Il film è anche degno di nota per la sua rappresentazione comprensiva dei nativi americani.

La meticcia di fuoco è stato un successo di critica e commerciale al momento dell’uscita. Il film è stato elogiato per la sua atmosfera suspense, le sue interpretazioni forti e la sua rappresentazione comprensiva dei nativi americani. Il film è diventato un cult e da allora è considerato uno dei migliori western a basso budget mai realizzati.

Ecco alcuni dettagli aggiuntivi sul film:

  • Il film è stato girato in bianco e nero.
  • La colonna sonora del film è stata composta da Ronald Stein.
  • Il film è stato distribuito negli Stati Uniti il 15 settembre 1955.

Il mostro del pianeta perduto (1955)

Il mostro del pianeta perduto (1955) è un film horror fantascientifico statunitense del 1955 diretto da Roger Corman e interpretato da Richard Denning, Lori Nelson e Paul Birch. Il film racconta la storia di un gruppo di sopravvissuti a un’apocalisse nucleare che si rifugiano in una miniera abbandonata. Tuttavia, il gruppo presto scopre che non sono soli, e che un mostro radioattivo vive nelle profondità della miniera.

Il film è un classico esempio del genere di fantascienza nucleare della fine degli anni ’50. Il film esplora temi come la paura della guerra nucleare e la sopravvivenza in un mondo post-apocalittico.

Trama

Il film inizia con un’apocalisse nucleare che distrugge la Terra. Un gruppo di sopravvissuti, tra cui Jim Drake (Richard Denning), Helen Benson (Lori Nelson) e Paul Carlson (Paul Birch), si rifugiano in una miniera abbandonata.

Il gruppo presto scopre che non sono soli. Un mostro radioattivo, creato dalla radiazione nucleare, vive nelle profondità della miniera. Il mostro attacca il gruppo, e Jim e Helen sono costretti a fuggire dalla miniera.

Jim e Helen trovano rifugio in una città abbandonata, ma il mostro li trova e li attacca di nuovo. Jim e Helen riescono a uccidere il mostro, ma la città viene distrutta da un’esplosione nucleare.

Critica

Il film è stato un successo di critica e commerciale al momento dell’uscita. Il film è stato elogiato per i suoi effetti speciali, la sua atmosfera suspense e le sue interpretazioni.

Il film è considerato un classico del genere di fantascienza nucleare. Il film è stato influenzato da altri film del genere, come Il mostro della laguna nera (1954) e L’invasione degli ultracorpi (1956).

Ecco alcuni dettagli aggiuntivi sul film:

  • Il film è stato girato in bianco e nero.
  • La colonna sonora del film è stata composta da Ronald Stein.
  • Il film è stato distribuito negli Stati Uniti il 15 settembre 1955.

La pantera del West (1956)

La pantera del West (1956) è un film western statunitense del 1956 diretto da Roger Corman e interpretato da Peggie Castle, Richard Denning e Gerald Mohr. Il film racconta la storia di una donna che torna nella sua città natale per scoprire che è controllata da un fuorilegge spietato e dalla sua banda. La donna decide di affrontare il fuorilegge e la sua banda, e diventa un simbolo di speranza per gli abitanti della città.

Il film è un classico esempio dello stile di regia a basso budget di Corman. Il film è stato girato in soli 12 giorni, e Corman ha utilizzato una serie di tecniche innovative di regia per risparmiare denaro. Ad esempio, Corman ha utilizzato riprese stock di cavalli e nativi americani per risparmiare denaro sulle riprese di queste scene.

Nonostante il suo budget basso, La pantera del West è un film ben fatto e divertente. La regia di Corman è serrata e suspense, e le interpretazioni di Castle, Denning e Mohr sono eccellenti. Il film è anche degno di nota per la sua forte protagonista femminile.

La pantera del West è stato un successo di critica e commerciale al momento dell’uscita. Il film è stato elogiato per la sua atmosfera suspense, le sue interpretazioni forti e la sua positiva rappresentazione di una protagonista femminile. Il film è diventato un cult e viene considerato uno dei migliori western a basso budget mai realizzati.

Ecco alcuni dettagli aggiuntivi sul film:

  • Il film è stato girato in bianco e nero.
  • La colonna sonora del film è stata composta da Ronald Stein.
  • Il film è stato distribuito negli Stati Uniti il 15 giugno 1956.

Il mercenario della morte (1956)

Il mercenario della morte (1956) è un film western statunitense del 1956 diretto da Roger Corman e interpretato da John Ireland, Beverly Garland e Allison Hayes. Il film racconta la storia di Rosa Hood, una giovane donna che diventa la nuova sceriffo di una piccola città nel vecchio West dopo che suo marito viene assassinato da una banda di banditi.

Il film è un classico esempio dello stile di regia a basso budget di Corman. Il film è stato girato in soli 12 giorni, e Corman ha utilizzato una serie di tecniche innovative di regia per risparmiare denaro. Ad esempio, Corman ha utilizzato riprese stock di cavalli e nativi americani per risparmiare denaro sulle riprese di queste scene.

Nonostante il suo budget basso, Il mercenario della morte è un film ben fatto e divertente. La regia di Corman è serrata e suspense, e le interpretazioni di Ireland, Garland e Hayes sono eccellenti. Il film è anche degno di nota per la sua forte protagonista femminile.

Il mercenario della morte è stato un successo di critica e commerciale al momento dell’uscita. Il film è stato elogiato per la sua atmosfera suspense, le sue interpretazioni forti e la sua positiva rappresentazione di una protagonista femminile. Il film è diventato un cult e viene considerato uno dei migliori western a basso budget mai realizzati.

Ecco alcuni dettagli aggiuntivi sul film:

  • Il film è stato girato in bianco e nero.
  • La colonna sonora del film è stata composta da Ronald Stein.
  • Il film è stato distribuito negli Stati Uniti il 15 ottobre 1956.

Note sulla traduzione:

  • Il titolo italiano del film, Il mercenario della morte, si traduce letteralmente in The Death Gunslinger in inglese. Tuttavia, il titolo inglese del film, Gunslinger, è più descrittivo della trama del film, in quanto si concentra sulla professione del protagonista.
  • Il film è un classico esempio dello stile di regia a basso budget di Corman. Corman era noto per la produzione di film con budget limitati e l’utilizzo di tecniche innovative per risparmiare denaro.
  • Il film è stato un successo di critica e commerciale al momento dell’uscita. Il film è stato elogiato per la sua atmosfera suspense, le sue interpretazioni forti e la sua positiva rappresentazione di una protagonista femminile.
  • Il film è diventato un cult e viene considerato uno dei migliori western a basso budget mai realizzati.

Il conquistatore del mondo (1956)

Il conquistatore del mondo (1956) è un film horror fantascientifico statunitense indipendente del 1956 prodotto e diretto da Roger Corman. Il film racconta la storia di un giovane scienziato americano, entusiasta per il suo incontro ravvicinato con gli alieni, favorisce la loro invasione della Terra. In realtà lui spera che l’emissario venusiano sia portatore di pace, ben presto però scopre le sue reali intenzioni.

Il film è un classico esempio dello stile di regia a basso budget di Corman. Il film è stato girato in soli 12 giorni, e Corman ha utilizzato una serie di tecniche innovative di regia per risparmiare denaro. Ad esempio, Corman ha utilizzato riprese stock di cavalli e nativi americani per risparmiare denaro sulle riprese di queste scene.

Nonostante il suo budget basso, Il conquistatore del mondo è un film ben fatto e divertente. La regia di Corman è serrata e suspense, e le interpretazioni di Peter Graves, Beverly Garland e Sally Fraser sono eccellenti. Il film è anche degno di nota per il suo mostro alieno, che è un design originale di Paul Blaisdell.

Il conquistatore del mondo è stato un successo di critica e commerciale al momento dell’uscita. Il film è stato elogiato per la sua atmosfera suspense, le sue interpretazioni forti e il suo mostro alieno. Il film è diventato un cult e viene considerato uno dei migliori film horror fantascientifici degli anni ’50.

La sopravvissuta (1957)

La sopravvissuta (1957) è un film horror/fantasy diretto da Roger Corman e interpretato da Pamela Duncan, Richard Garland, Allison Hayes, Val Dufour, Mel Welles, Dorothy Neumann, Billy Barty, Bruno Sota, Richard Devon, Maurice Manson, Aaron Saxon, Don Garrett, Dick Miller.

Trama:

Diana (Pamela Duncan), una prostituta, viene scelta dal giovane scienziato Quintus Ratcliff (Val Dufour) per un esperimento sensazionale: arrivare mediante ipnosi alla conoscenza della storia passata. Ipnotizzata da Quintus, Diana si trova in catene in una prigione medievale per stregoneria. Riuscita a fuggire, si rifugia in una bara assieme a un morto per evitare un cavaliere, ma le cose si complicano sempre più.

La sopravvissuta è un film bizzarro e affascinante che esplora i temi della reincarnazione, del viaggio nel tempo e della giustizia. Il film è noto per la sua atmosfera gotica, le sue scene di violenza e la performance di Pamela Duncan.

Il film è stato un successo di critica e commerciale al momento dell’uscita. È stato elogiato per la sua atmosfera gotica, le sue scene di violenza e la performance di Pamela Duncan. Il film è diventato un cult classico ed è considerato uno dei migliori film horror/fantasy mai realizzati.

Alcuni dettagli aggiuntivi:

  • Il film è stato girato in bianco e nero.
  • La colonna sonora del film è stata composta da Ronald Stein.
  • Il film è stato distribuito negli Stati Uniti il ​​2 marzo 1957.

GUARDA IL FILM

La leggenda vichinga (1957)

La leggenda vichinga (1957) è un film fantasy a basso budget diretto da Roger Corman e interpretato da Abby Dalton, Susan Cabot e Richard Devon. Il film racconta la storia di un gruppo di donne vichinghe che partono per salvare i loro uomini da un’isola misteriosa abitata da una razza di schiavi e un serpente marino gigante.

Il film è un classico esempio dello stile di regia a basso budget di Corman. Il film è stato girato in soli 12 giorni, e Corman ha utilizzato una serie di tecniche innovative di regia per risparmiare denaro. Ad esempio, Corman ha utilizzato riprese stock di cavalli e nativi americani per risparmiare denaro sulle riprese di queste scene.

Nonostante il suo budget basso, La leggenda vichinga è un film ben fatto e divertente. La regia di Corman è serrata e suspense, e le interpretazioni di Dalton, Cabot e Devon sono eccellenti. Il film è anche degno di nota per la sua forte protagonista femminile e i suoi effetti speciali esagerati.

La leggenda vichinga è stato un successo di critica e commerciale al momento dell’uscita. Il film è stato elogiato per la sua atmosfera suspense, le sue forti interpretazioni e i suoi effetti speciali esagerati. Il film è diventato un cult classico ed è considerato uno dei migliori film fantasy a basso budget mai realizzati.

Trama:

Dopo che i loro mariti sono stati rapiti da una razza di schiavi, un gruppo di donne vichinghe decide di partire per salvarli. Guidate da Desir (Abby Dalton), le donne costruiscono una nave e salpa per l’isola misteriosa.

Una volta sull’isola, le donne scoprono che i loro mariti sono stati costretti a lavorare nelle miniere d’oro. Le donne si alleano con gli schiavi per liberare i loro mariti e sfuggire all’isola.

Sulla strada per casa, le donne devono affrontare un serpente marino gigante. Desir uccide il serpente e le donne tornano a casa con i loro mariti.

La piccola bottega degli orrori (1960)

La piccola bottega degli orrori (1960) è un film horror/commedia diretto da Roger Corman e interpretato da Jonathan Haze, Jackie Joseph, Mel Welles e Dick Miller. Il film è ispirato al racconto di John Collier “Green Thoughts”.

Trama:

Seymour Krelboin è un timido e impacciato commesso di un negozio di fiori. Un giorno, Seymour trova una strana pianta carnivora, che chiama Audrey. Seymour si prende cura della pianta, che cresce rapidamente e diventa sempre più affamata.

Per soddisfare la fame della pianta, Seymour inizia a uccidere le persone e a dare la loro carne ad Audrey. La pianta diventa sempre più grande e potente, e Seymour inizia a perdere il controllo.

Alla fine, Audrey diventa così grande che distrugge il negozio di fiori. Seymour e Audrey vengono uccisi da un incendio, ma la loro storia continua a vivere nelle leggende della città.

La piccola bottega degli orrori è un film cult che ha avuto un grande successo di pubblico e di critica. Il film è noto per la sua atmosfera bizzarra e inquietante, per le sue scene di violenza e per la performance di Jonathan Haze.

Il film è stato elogiato per la sua satira della società americana e per la sua esplorazione dei temi della natura umana, come la violenza, la perversione e la follia.

GUARDA IL FILM

I vivi e i morti (1960)

I vivi e i morti (House of Usher) (1960) è un film horror gotico diretto da Roger Corman e interpretato da Vincent Price, Mark Damon, Myrna Fahey e Harry Ellerbe. Il film è basato sul racconto “La caduta della casa degli Usher” di Edgar Allan Poe.

Il film racconta la storia di Roderick Usher (Vincent Price), un uomo malato che vive nella sua decadente casa ancestrale insieme alla sorella Madeline (Myrna Fahey). Roderick invita il suo amico Philip Winthrop (Mark Damon) a visitarlo, e Philip presto scopre che la casa degli Usher è piena di oscuri segreti.

I vivi e i morti è un film atmosferico e inquietante, con una forte componente visiva. La casa degli Usher è un luogo oscuro e claustrofobico, e Corman utilizza una serie di tecniche visive per creare un’atmosfera di tensione e suspense. Il film è anche degno di nota per la sua performance di Vincent Price, che interpreta Roderick Usher come un uomo tormentato e ossessionato dalla morte.

I vivi e i morti è un classico film horror gotico, ed è considerato uno dei migliori film diretti da Roger Corman. Il film è stato un successo di critica e commerciale al momento dell’uscita, e ha contribuito a lanciare la carriera di Vincent Price come attore di film horror.

Riepilogo:

Un uomo malato che vive nella sua decadente casa ancestrale insieme alla sorella Madeline invita il suo amico Philip a visitarlo. Philip presto scopre che la casa degli Usher è piena di oscuri segreti.

Il pozzo e il pendolo (1961)

Il pozzo e il pendolo (1961) è un film horror gotico diretto da Roger Corman e interpretato da Vincent Price, John Kerr, Barbara Steele e Luana Anders. Il film è basato sul racconto “Il pozzo e il pendolo” di Edgar Allan Poe.

Trama:

Francis Barnard (John Kerr) è un giovane nobile spagnolo che viene accusato di eresia dall’Inquisizione. Viene imprigionato in un castello e sottoposto a torture indicibili.

Una notte, Francis viene rinchiuso in una stanza buia e claustrofobica. Al centro della stanza c’è un pozzo profondo e buio, e sopra di esso pende un pendolo oscillante con una lama affilata.

Francis è convinto di essere stato condannato a morte. Inizia a perdere la ragione e a vedere visioni del suo passato.

Un giorno, Francis incontra la sua ex moglie Elizabeth (Barbara Steele), che è stata imprigionata nel castello per aver tradito il marito. Elizabeth aiuta Francis a fuggire dalla stanza delle torture, e i due si alleano per sfuggire all’Inquisizione.

Conclusione:

Il pozzo e il pendolo è un film cupo e inquietante, che esplora i temi della tortura, della follia e della vendetta. Il film è noto per le sue scene di torture realistiche e per la performance di Vincent Price, che interpreta Francis Barnard come un uomo tormentato e disperato.

Il film è stato un successo di critica e commerciale al momento dell’uscita. È stato elogiato per la sua atmosfera gotica, le sue scene di torture e la performance di Vincent Price. Il film è diventato un cult classico ed è considerato uno dei migliori film horror gotici mai realizzati.

Alcuni dettagli aggiuntivi:

  • Il film è stato girato in bianco e nero.
  • La colonna sonora del film è stata composta da Les Baxter.
  • Il film è stato distribuito negli Stati Uniti il ​​24 ottobre 1961.

La torre di Londra (1962)

La torre di Londra è un film storico-horror diretto da Roger Corman e interpretato da Vincent Price, Michael Pate, Joan Freeman, Robert Brown, Bruce Gordon, Joan Camden, Richard Hale, Sandra Knight, Charles Macaulay, Justice Watson, Sarah Selby, Donald Losby, Sara Taft, Eugene Mazzola. Il film è un remake de L’usurpatore (1939).

Trama:

Nell’Inghilterra del XV secolo, Riccardo III vuole disperatamente il trono, ma il reggente lo concede all’altro fratello, Clarence. Quest’azione porta Riccardo a scatenare una furia omicida.

Richard uccide suo fratello Clarence, poi fa arrestare il principe Edward e il fratello minore Richard. I due ragazzi vengono imprigionati nella Torre di Londra, dove Riccardo li fa uccidere.

La regina Margaret, la moglie di Edoardo IV, organizza una rivolta per deporre Riccardo. La rivolta ha successo e Riccardo viene ucciso.

Conclusione:

La torre di Londra è un film storico-horror che esplora i temi della corruzione politica, della follia e della vendetta. Il film è noto per la performance di Vincent Price, che interpreta Riccardo III come un uomo malvagio e psicopatico.

Il film è stato un successo di critica e commerciale al momento dell’uscita. È stato elogiato per la sua atmosfera gotica, le sue scene di violenza e la performance di Vincent Price. Il film è diventato un cult classico ed è considerato uno dei migliori film horror gotici mai realizzati.

Alcuni dettagli aggiuntivi:

  • Il film è stato girato in bianco e nero.
  • La colonna sonora del film è stata composta da Ronald Stein.
  • Il film è stato distribuito negli Stati Uniti il ​​24 ottobre 1962.

La tomba di Ligeia (1964)

La tomba di Ligeia (1964) è un film horror gotico diretto da Roger Corman e interpretato da Vincent Price, Elizabeth Shepherd e John Westbrook. Il film è un adattamento del racconto omonimo di Edgar Allan Poe.

Trama:

Nell’Inghilterra del XIX secolo, Verden Fell (Vincent Price) è un uomo tormentato dalla morte della sua bellissima moglie Ligeia (Elizabeth Shepherd). Quando si risposa con Lady Rowena (Luana Anders), Verden inizia a vedere il fantasma di Ligeia.

Rowena è convinta di essere posseduta da Ligeia, e Verden inizia a perdere la ragione. Alla fine, Verden scopre che Ligeia è ancora viva, e che ha usato la magia per possedere Rowena.

La tomba di Ligeia è un film cupo e inquietante, che esplora i temi della morte, dell’amore e della possessione. Il film è noto per la sua atmosfera gotica, le sue scene di suspense e la performance di Vincent Price.

Il film è stato un successo di critica e commerciale al momento dell’uscita. È stato elogiato per la sua atmosfera gotica, le sue scene di suspense e la performance di Vincent Price. Il film è diventato un cult classico ed è considerato uno dei migliori film horror gotici mai realizzati.

Alcuni dettagli aggiuntivi:

  • Il film è stato girato in bianco e nero.
  • La colonna sonora del film è stata composta da Ronald Stein.
  • Il film è stato distribuito negli Stati Uniti il ​​24 ottobre 1964.

Note:

  • Il titolo italiano del film, La tomba di Ligeia, è un riferimento al racconto di Edgar Allan Poe da cui il film è tratto. Il titolo inglese del film, The Tomb of Ligeia, è più letterale e si riferisce al luogo in cui Ligeia è sepolta.
  • Il film è un classico esempio dello stile di regia a basso budget di Roger Corman. Corman era noto per produrre film con budget limitati e utilizzare tecniche innovative per risparmiare denaro.
  • Il film è stato un successo di critica e commerciale al momento dell’uscita. È stato elogiato per la sua atmosfera gotica, le sue scene di suspense e la performance di Vincent Price. Il film è diventato un cult classico ed è considerato uno dei migliori film horror gotici mai realizzati.

La maschera della morte rossa (1964)

La maschera della morte rossa (1964) è un film horror gotico diretto da Roger Corman e interpretato da Vincent Price, Hazel Court, Jane Asher e Patrick Magee. Il film è basato sul racconto omonimo di Edgar Allan Poe.

Trama:

Nel Medioevo, il principe Prospero (Vincent Price) organizza un ballo in maschera per sfuggire a una misteriosa malattia, la “Morte Rossa”, che sta devastando la terra.

La festa si svolge in un castello isolato, ma la Morte Rossa arriva anche lì, sotto forma di una figura spettrale vestita di rosso. La figura uccide tutti i partecipanti al ballo, uno per uno.

Prospero è l’unico sopravvissuto, ma alla fine viene ucciso anche lui dalla Morte Rossa.

Conclusione:

La maschera della morte rossa è un film cupo e inquietante, che esplora i temi della morte, della follia e della vendetta. Il film è noto per la sua atmosfera gotica, le sue scene di violenza e la performance di Vincent Price.

Il film è stato un successo di critica e commerciale al momento dell’uscita. È stato elogiato per la sua atmosfera gotica, le sue scene di violenza e la performance di Vincent Price. Il film è diventato un cult classico ed è considerato uno dei migliori film horror gotici mai realizzati.

Alcuni dettagli aggiuntivi:

  • Il film è stato girato in bianco e nero.
  • La colonna sonora del film è stata composta da Ronald Stein.
  • Il film è stato distribuito negli Stati Uniti il ​​24 ottobre 1964.
Picture of Indiecinema

Indiecinema

0 0 voti
Film Rating
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi.x