fbpx

I migliori film di gangster di tutti i tempi

Indice dei contenuti

Nessuno stile ha effettivamente influenzato la percezione da parte del pubblico più dei film di gangster: in questo genere ci sono alcuni dei migliori film di tutti i tempi. Per più di 80 anni, i film sui gangster hanno affascinato e sedotto le menti di milioni di persone; dall’attività criminale pre-codice dell’era del proibizionismo alla vita dei gangster del 21° secolo. Questa lista dei 30 migliori film di gangster consiste in film che sono stati creati in vari periodi, con budget molto diversi. Che sia elettrizzante come Scarface di De Palma o come Boyz n the Hood di Singleton, i mercati target si sono effettivamente ampliati per vedere i gangster con metodi nuovi.

Inizia a guardare i film in streaming con una prova gratuita

film-sui-gangster

King of New York (1990)

King of New York è un film che corrisponde al tono stilistico di vari altri film sull’abisso di New York City, Fuga da New York e Good Time. L’uso dell’ombra, il neon, il blues, forniscono a questo sottogenere un affascinante tono estetico.

King of New York è un film con un cast all-star, guidato dal protagonista Christopher Walken. Questo film crime di gangster fa un ragionamento sulla natura “Robin Hood” dei gangster, esattamente come i mafiosi in alcuni casi si immaginano come eroi.

Scegli un film da guardare nel catalogo

film-dessai

Gli intoccabili (1987)

Interpretato da attori incredibili e diretto da Brian De Palma, Gli intoccabili è tra i film di gangster più famosi mai realizzati. Kevin Costner, Sean Connery e Robert De Niro ci regalano interpretazioni straordinarie. Gli intoccabili è un film di crimine dell’era del proibizionismo che mescola in modo fantastico dramma, poliziesco e thriller.

La regia, nonostante si tratti di un film hollywoodiano ad alto budget con molti elementi classici, è a tratti pura avanguardia: De Palma inventa una delle più memorabili sparatorie della storia del cinema nella sequenza finale alla stazione di Chicago, alternando rallenty e movimenti di macchina iperbolici. Non a caso per questa scena il regista è stato più volte definito genio balistico.

The Killing (1956)

Ci sono film d’irruzione e film di gangster, e poi c’è The Killing di Stanley Kubrick. Il terzo film di Kubrick, The Killing, ha fornito una ispirazione sostanziale a film del calibro di Le iene, I soliti sospetti e Logan Lucky.

Il film di Kubrick racconta di un truffatore che vuole rubare $ 2.000.000 all’ippodromo. Tuttavia, ovviamente, si verificano difficoltà. The Killing condivide inoltre numerose somiglianze con il film del 1955, Rafifi; entrambi i film esistono in uno spazio di transizione tra i film di gangster di “Hollywood” e il film noir. Verità divertente: Rafifi era un film francese, tuttavia è stato realizzato da un regista di Hollywood inserito nella lista nera.

Mafioso (1962)

Mafioso è il film che ha dato il via all’attrazione americana per i film mafiosi. Alberto Sordi fornisce una performance straordinaria che unisce commedia e dramma. A quasi 60 anni, i temi di Mafioso risuonano ancora oggi. Nella parte iniziale del film sono perfettamente rappresentate le differenze culturali e sociali tra il Nord (Milano) e il Sud (Sicilia).

Dai costumi ai dialoghi, ogni piccola cosa è abilmente realizzata. Nella 2a parte, un cambiamento tonale fa disperare il personaggio di Sordi, perseguitato dal fantasma di una vita criminale. In Mafioso, la mafia mette una persona in un ingranaggio all’interno di un meccanismo diabolico.

Scarface (1983)

Il film di Brian De Palma, ispirato dell’omonimo film del 1932, è più grande, più audace e anche molto migliore. Pacino regala un’interpretazione attoriale memorabile. La regia è straordinaria, geniale. Serie TV come Miami Vice così come giochi come Grand Theft Auto: Vice City hanno tratto sicuramente una forte ispirazione da Scarface nel costruire la propria visione del crimine a Miami.

Mean Streets (1973)

Il terzo film da regista di Martin Scorsese Mean Streets è solo uno dei suoi più influenti. Scorsese ha dichiarato di essere stato portato all’idea di fare film su di lui e sui suoi buoni amici. Si è persino confrontato con il personaggio di De Niro Johnny Boy, lo sciocco irresponsabile del film.

Il film si svolge nell’area di Little Italy, New York, oltre a mettere in primo piano le esperienze di Scorsese. C’è la mafia, la corruzione dei poliziotti, così come la criminalità a palate. Cosa ci si aspetterebbe di più da un film di gangster di Scorsese?

Donnie Brasco (1997)

Donnie Brasco è un grande film sui gangster interpretato in maniera magistrale da Johnny Depp e Al Pacino. Racconta la storia dell’attività criminale negli anni ’70 da 2 prospettive; l’FBI e la mafia. Depp scopre un insolito equilibrio di profondità psicologica nell’interpretare un doppio ruolo di agente dell’FBI (Joseph Pistone) che cambia identità dopo essere penetrato nella mafia (Donnie Brasco). Il film è ispirato da una storia reale che dà un senso di credibilità e autenticità al racconto.

Più duro è, più forte cade (1972)

The Harder They Come è forse meglio conosciuto per la sua contagiosa colonna sonora reggae, che regge il confronto con le canzoni più belle. Il protagonista Ivan, interpretato da Jimmy Cliff, vuole essere un cantante reggae ma la corruzione e le difficoltà gli impediscono di avere successo.

Invece, Ivan si scopre gratificato in una vita di attività criminale. Diventa famoso per aver ucciso un agente delle forze dell’ordine. Di conseguenza, il suo precedente editore discografico lancia la sua canzone e raccoglie grossi guadagni con la sua celebrità. Ivan sceglie la vita da gangster che inevitabilmente ne provoca la caduta.

Gli angeli con la faccia sporca (1938)

Presentato come “l’esplosione più distruttiva del dramma“, Angels with Dirty Faces rende per lo più vero la sua affermazione. E’ il seguito spirituale di Public Enemy; la differenza principale è che Angels With Dirty Faces è stato creato dopo l’istituzione di linee guida sulla censura.

Il film condanna lo stile di vita dei gangster molto più di prima. Questo è anche uno dei primissimi film sui gangster a includere molto il credo cattolico, che finirebbe per essere un attributo importante dei film sulla mafia.

Quel lungo venerdì santo (1980)

The Long Good Friday è il film di gangster britannico per eccellenza. Bob Hoskins interpreta il leader di una banda di gangster britannica che progetta di iniziare una collaborazione con la mafia americana nella speranza che possa diventare un legittimo uomo d’affari.

Ma le cose iniziano a complicarsi quando emergono problemi tra le bande britanniche, americane e irlandesi. Il Long Good Friday è anche famoso grazie alla sua ricostruzione approfondita del reato penale di Cockney.

Boyz n the Hood (1991)

Il debutto alla regia di John Singleton Boyz n the Hood è un successo cinematografico. Iniziò un intero sotto-movimento artistico che si occupava della vita di strada a Los Angeles durante questo periodo di rivolte. Boyz n the Hood è un film profetico cose che accadranno sullo stile di vita dei gangster.

Il film è anche un avvertimento sugli effetti della gentrificazione e anche su come le istituzioni sono controllate delle bande criminali. Diversi film prima di Boyz n the Hood hanno esplorato l’idea della vita di una gang comunitaria, ma nessuno ha espresso a parole il suo effetto come Furious Styles di Laurence Fishburne sul bordo di una strada di Compton.

L’infernale Quinlan (1958)

Touch of Evil di Orson Welles è uno dei migliori film sui gangster mai realizzati. Il film ha funzionato come un ritorno a Hollywood per Orson Welles, anche se breve. La storia originale del film è stato in parte riscritta e girata di nuovo dopo che Welles è stato licenziato dal lavoro. Nonostante l’ardua produzione, Touch of Evil è diventato il film di gangster seminale sulla corruzione del commercio di droga al confine tra Stati Uniti e Messico.

Il braccio violento della legge (1971)

In parte thriller di poliziotti, in parte dramma di gangster, The French Connection è tra i film più elogiati. Gene Hackman interpreta l’investigatore di New York “Popeye” che scopre un commercio di droga a New York City con una connessione francese. Questa storia è unica nel genere gangster perché è raccontata dal punto di vista dei poliziotti, che risolvono il caso di una banda con un indizio alla volta.

Gomorra (2008)

Entro l’anno 2000, la produzione cinematografica mondiale si è espansa per produrre film sui gangster come un genere elettrizzante. I film popolari di gangster brulicavano di lodi etiche. Gomorra, che si basa su un libro con lo stesso nome su una famiglia camorristica napoletana, e non ha alcuna intenzione di rendere affascinante la vita delle gang. In effetti, Gomorra è un’accusa ai film di gangster che hanno influenzato i giovani a intraprendere una vita criminale.

Un film in particolare condannato in questo modo è Scarface. I giovani nel film affermano di voler essere come Tony Montana, tuttavia la vita criminale che scoprono non è quella che avevano effettivamente visto nel film.

Il profeta (2009)

Jacques Audiard dirige questo esilarante film gangster su un ragazzo che si ritrova reclutato nella malavita mentre sta scontando una pena detentiva. Il profeta è un film di gangster straordinariamente moderno.

Al centro del racconto c’è una lotta tra le società musulmane e francesi corse. Il personaggio principale, interpretato da Tahar Rahim, è un ragazzo che viene catturato tra queste culture. Da un lato, ha i suoi antenati. Dall’altro, ha l’impressione di un futuro. Questo è un film che ha radici in classici film di gangster come The French Connection e The Godfather. Si sviluppano temi simili, ma si accendono luci originali.

City of God (2002)

City of God è un film di gangster unico nel suo genere per un paio di ragioni. È raccontato da un cantastorie. Utilizza la fotografia per sviluppare il racconto. È uno dei film di gangster brasiliani famosi. Abbiamo controllato i film di gangster dal punto di vista del criminale, dell’ufficiale di polizia e dello spettatore. Ma che dire di un film di gangster dal punto di vista di qualcuno che lo registra?

City of God ha a che fare con la fluttuazione dei gangster in tutta la favela Cidade de Deus in Brasile. Ha un cast composto in gran parte da individui che vissero in quella favela. L’intero film ha un’atmosfera da documentario pur essendo un thriller.

Nemico pubblico  (1931 )

L’era pre-codice del cinema dalla fine degli anni ’20 al 1934 ha prodotto molti dei più affascinanti film di Hollywood mai realizzati. Il pre-codice esiste dopo l’era del muto, tuttavia prima dell’avvento degli standard di censura. Forse nessun film è più iconico di questo periodo come The Public Enemy.

Questa è stata un’età di transizione fondamentale per gli individui americani. La ricchezza e il benessere che animarono gli anni ’20, si esaurirono totalmente negli anni a venire. La Grande Depressione fu un periodo di estrema rivalità e complicate decisioni etiche. The Public Enemy ha messo queste preoccupazioni al centro della scena mentre raccontava una delle prime storie di grande portata di gangster nel cinema.

C’era una volta in America (1984)

Once upon a time in America è tra i film più grandiosi mai realizzati. È stato l’ultimo film della carriera di Sergio Leone, nonché l’unico film che ha terminato negli ultimi tredici anni della sua vita.

Inizialmente desiderava che il film fosse diviso in 2 lungometraggi di tre ore, ma lo studio lo ha informato che doveva essere ridotto in un solo film. Leone ha montato fino a 269 minuti, ma lo studio non era soddisfatto dei suoi sforzi per ridurlo. Ha concesso una versione di 229 minuti, ma la versione americana è stata ulteriormente ridotta senza la sua approvazione a 139 minuti.

Il risultato dei tagli è stata una complicazione tra i mercati target. Solo nel 2012 la versione di 255 minuti riportata è stata resa disponibile al pubblico. Alcuni dei contenuti sono molto pesanti e spingono ai limiti, anche per un film di gangster. La versione completa di C’era una volta in America è uno dei migliori film di gangster di tutti i tempi.

Il Padrino (1972)

Il capolavoro cinematografico di Francis Ford Coppola è un adattamento dell’omonimo racconto di Mario Puzo. Marlon Brando dà una delle sue migliori performance di tutti i tempi nei panni di Don Vito Corleone, il patriarca dei membri della famiglia di mafiosi a Corleone.

Questo è il film di gangster più famoso mai realizzato. Ogni appassionato di cinema riconosce l’immagine di Don Vito che tiene il gatto o Michael che chiude la porta alla sua vita precedente. Il padrino comprende alcuni dei momenti più espressivi della storia del cinema. Puzo e anche l’abbagliante sceneggiatura del film di Coppola sono una base perfetta per una creazione cinematografica altrettanto perfetta.

Quei bravi ragazzi (1990)

Quei bravi ragazzi è un film che puoi vedere un sacco di volte e trovare ogni volta un nuovo modo per apprezzarlo. Martin Scorsese ha utilizzato per la sceneggiatura un adattamento del romanzo Wiseguy di Nicholas Pillegi.

Il film inizia con Liotta nei panni del narratore che dice “per quanto posso ricordare, ho sempre voluto essere un gangster”. Da lì, il film ti porta in un’escursione nel mondo dell’attività criminale italiana di Brooklyn e, a metà visione, probabilmente vorresti essere anche tu un gangster.

C’è sesso, droga e vizi in abbondanza. Entro la fine del film, Scorsese elimina la visione glamour dei gangster e mostra il suo personaggio principale con l’unica cosa che ogni gangster disprezza: un topo.

Il Padrino Parte II (1974 )

Altro capolavoro della storia del cinema, con Michael Corleone interpretato da Pacino. Le canzoni indimenticabili si gonfiano e la tragedia di entrambi i film del Padrino ti travolge come una tempesta. Probabilmente nessun personaggio dimostra la frase “il potere danneggia” più di Michael Corleone.

Nel corso di 2 film, vediamo come la sua ascesa da mafioso sia direttamente correlata alla sua discesa morale. Entrambi i film sono capolavori, ma è Il padrino II occupa la prima posizione per la sua straordinaria messa in scena sul mondo dei gangster.

Scarface (1932)

Diretto da Howard Hawks e prodotto da Howard Hughes, questo film di gangster, vagamente influenzato dal re dei gangster di Chicago Al Capone, è tra i classici del gangster movie. Paul Muni recita nel ruolo di Tony Camonte, il cui temperamento caldo e grandi idee lo rendono un talento criminale.

Realizzato durante l’era pre-codice dei primissimi anni ’30, quando ciò che veniva messo in mostra non era molto regolamentato, il film è stato accolto con favore senza polemiche per la sua rappresentazione della violenza.

Piccolo Cesare (1931)

Considerato il primo film di gangster a tutto campo, Edward G. Robinson sarebbe diventato una celebrità che interpretava il personaggio del titolo, un truffatore che diventa il capo di un sindacato della criminalità organizzata. Un altro titolo che ha beneficiato dell’era Pre-Code, questo è solo uno dei film che hanno gettato le basi per come sarebbero stati sicuramente raccontati i film di gangster con il progredire del genere.

Casinò (1995)

Dopo il successo di “Quei bravi ragazzi”, Scorsese, De Niro, Joe Pesci e anche l’autore/sceneggiatore Nicholas Pileggi hanno collaborato di nuovo per raccontare la storia di Las Vegas e di Sam “Ace” Rothstein, e di come lui e anche i suoi legami con il pubblico controllassero il gioco d’azzardo negli anni ’70.

Film di un’eleganza visiva e stilistica impressionante: fotografia, interpretazioni, movimenti della macchina da presa, regia, colonna sonora: tutto davvero impressionante. Uno dei capolavori di Scorsese che realizza il suo personale C’era una volta in America.

Carlito’s Way (1993)

Avendo realizzato “Scarface”, Al Pacino e il regista Brian De Palma hanno collaborato ancora una volta per un diverso tipo di gangster movie. Pacino interpreta il fuorilegge portoricano Carlito Brigante che mira a prendere il potere ora che è fuori di prigione.

De Palma è nel suo elemento in questo film, con uno straordinario lavoro di regia, consistente in un emozionante inseguimento al gatto e al topo che inizia con un viaggio in metropolitana e finisce alla Grand Central Station.

Ancora una volta De Palma reinventa il linguaggio e scardina gli stereotipi lavorando dentro il cinema mainstream ad alto budget, raccontando la parabola discendente e malinconica di un gangster crepuscolare con sequenze indimenticabili da antologia cinematografica.

La furia umana (1949)

Questo film senza tempo di James Cagney del regista Raoul Walsh è ancora uno dei film di gangster più belli di sempre. Cagney interpreta Cody Jarret, un gangster psicotico che è ossessionato da sua madre. Tanto che le sue ultime parole prima della sua morte quando l’enorme serbatoio di stoccaggio del gas su cui è in cima esplode sono ora popolari: “Made it Ma! Top of the world!” La performance di Cagney avrebbe influenzato numerose star che interpretavano personaggi psicotici.

Lotta senza codice d’onore (1973)

La prima scena di “Battaglie senza onore e anche umanità” aggancia prontamente il pubblico con una sconcertante inquadratura iniziale di un fungo atomico, con un’apparizione al relitto nucleare di Hiroshima. Quello che segue è una carneficina continua, che vediamo attraverso gli occhi del ruffiano Shozo Hirono e anche dei suoi amici mentre combattono per il predominio nel mercato nero.

Tutte le ore feriscono… l’ultima uccide (1966)

Il gangster stimato e devoto Gu Minda ha il compito di un ultimo lavoro prima di tentare di fuggire in Italia: collaborare con una banda per svaligiare un camion che trasportava lingotti d’oro. Ovviamente, la polizia va in massima allerta, con il Commissario Blot che si avvicina gradualmente con indizi alla banda criminale.

Ciò che accade è un gioco di inganni, con Minda disinformata su ciò su cui può assolutamente fare affidamento. “Le Deuxième Souffle” è lento, proprio come i suoi personaggi. L’isolamento è sempre presente in questo cupo gangster leggendario, il che rende la violenza fisica sullo schermo molto più brutale. Abbinalo alla colonna sonora sgargiante di Bernard Gérard, e questo classico gangster movie francese brucia sotto la cenere.

Infernal Affairs (2002)

Infernal Affairs segue la vita di due ragazzi: Chan Wing-yan, un poliziotto che si infiltra in una banda di quartiere, e Lau Kin-ming, un membro della mafia che finisce per essere una talpa sotto la pressione della polizia.

Hon Sam manda Lau Kin-ming, un giovane gangster, all’Accademia delle autorità per lavorare come sua talpa. Più o meno nello stesso periodo, Chan Wing-yan, un giovane cadetto della polizia, viene apparentemente eliminato dall’accademia della polizia. In verità, Chan è diventato un agente sotto copertura che ubbidisce solo al sovrintendente Wong Chi-shing, che lo manda a infiltrarsi nella triade di Hon. Nel corso di dieci anni, Chan sperimenta la tensione dal suo lavoro sotto copertura mentre Lau scala le classifiche nelle forze dell’ordine.

Performance (1970)

Con un protagonista che è tra le più grandi icone del rock, “Performance” è un classico di culto trippy e che piega i generi. Chas Devlin è un violento in fuga dalla mafia. Si nasconde nel seminterrato di una celebrità del rock in rovina, interpretata da Mick Jagger. Pieno della giusta quantità di sesso, droghe e rock ‘n’ roll, questa è una gioiosa corsa allucinogena travestita da gangster movie che riesce anche a trovare un equilibrio tra i generi. Jagger dimostra che sa recitare anche lui, anche se otteniamo anche molte celebrità del rock, in particolare attraverso il suo brano musicale raffinato, “Memo from Turner”.

Centinaia di film e documentari selezionati senza limiti

Nuovi film ogni settimana. Guarda su qualsiasi dispositivo, senza nessuna pubblicità. Annulla in qualsiasi momento.
error: Content is protected !!

Scopri di più su Indiecinema

Scegli il film da guardare

Scegli il film da guardare in streaming tra centinaia di titoli disponibili ora su Indiecinema.