fbpx

Martin Scorsese: film, gangster, corruzione, spiritualità e rock

Indice dei contenuti

Martin Scorsese è uno dei migliori registi della storia del cinema. E’ nato il 17 novembre 1942 nella zona di Flushing del distretto di Queens a New York City. La sua famiglia si trasferì a Little Italy a Manhattan prima che iniziasse la scuola. Sia la mamma che il papà di Scorsese, Charles Scorsese e Catherine Scorsese, lavoravano nel Garment District di New York. Charles era uno stirapantaloni mentre Catherine era una sarta oltre che un’attrice.

Entrambi erano di origine italiana: i nonni paterni, Francesco Paolo e Teresa Scozzese, emigrarono da Polizzi Generosa, mentre i nonni della madre, Martino e Domenica Cappa, emigrarono da Ciminna, entrambi nel palermitano. Il cognome iniziale dei membri della famiglia era Scozzese, poi trasformato in Scorsese per un errore di trascrizione. Scorsese è cresciuto in un ambiente prevalentemente cattolico.

Da adolescente nel Bronx, Scorsese affittò spesso Powell e The Tales of Hoffmann (1951) di Pressburger da un negozio che aveva un duplicato della bobina. Era una delle sole 2 persone che l’hanno affittata costantemente; l’altro era il futuro regista cinematografico George A. Romero.

Influenze nel cinema di Martin Scorsese

martin-scorsese

Nel suo docu-dramma intitolato A Personal Journey with Martin Scorsese Through American Movies, Scorsese ha affermato di essere stato innamorato di due film, Land of the Pharaohs e El Cid. Essi hanno avuto un’influenza duratura e profonda sulla sua idea di cinema. Nel suo docu-dramma, Il mio viaggio in Italia, Scorsese ha notato che l’episodio siciliano di Paisà di Roberto Rossellini, che ha visto per la prima volta in televisione con i suoi genitori che erano essi stessi immigrati siciliani, ha avuto un effetto significativo sulla sua vita.

Ha frequentato la Cardinal Hayes High School per soli ragazzi nel Bronx, diplomandosi nel 1960. In realtà all’inizio voleva diventare un prete, frequentando un seminario preparatorio, ma fallì dopo l’anno iniziale. Questa esperienza gli ha aperto la strada al cinema e, di conseguenza, anche Scorsese si è registrato al Washington Square College della New York University, dove ha conseguito una laurea in inglese nel 1964.

Mentre frequentava la Tisch School of the Arts, Scorsese ha realizzato i cortometraggi Cosa ci fa una brava ragazza come te in un posto come questo? (1963) e Non sei solo tu, Murray! (1964). Il suo più popolare è il cupo The Big Shave (1967), con Peter Bernuth. Il film è un’accusa della partecipazione dell’America in Vietnam, suggerita dal titolo alternativo Viet ’67. 

I premi di Martin Scorsese

martin-scorsese

Scorsese ha conseguito un Master presso la Steinhardt School of Culture, Education, and also Human Development della New York University nel 1968. Negli anni ’70 e anche negli anni ’80, Scorsese è emerso come uno dei nomi significativi dell’era della New Hollywood. Scorsese ha vinto la Palma d’Oro a Cannes con il suo thriller del 1976 Taxi Driver, interpretato da Robert De Niro. L’attore continuò a lavorare con  Scorsese in altri 8 film.

Con il divertente After Hours (1985), ha vinto il premio come miglior regista a Cannes. Il suo leggendario gangster movie del 1990 Quei bravi ragazzi, con De Niro, Ray Liotta e Joe Pesci, ha portato ancora una volta elogi a Scorsese e gli è valso 3 British Academy Film Awards. Dopo aver abbandonato i film di gangster per alcuni anni, è tornato nella categoria con Casinò (1995). Negli anni 2000 e anche negli anni 2010, Scorsese ha raccolto elogi cruciali e successi con la sua partnership con Leonardo DiCaprio. 

The Departed (2006) gli è valso il suo primo Oscar come miglior regista, e anche le loro collaborazioni successive in film thriller come Shutter Island (2010) e nel film biografico The Wolf of Wall Street (2013) sono stati enormi successi. Tornando alla sua area di conoscenza dei film criminali, Scorsese ha collaborato di nuovo con De Niro in The Irishman (2019), interpretato anche da Pesci e Al Pacino.

I film di Scorsese, molto colpiti dalla sua storia italo-americana e dalla sua infanzia a New York City, sono incentrati su uomini problematici dall’atteggiamento macho e criminale: nichilismo, nonché concetti cattolici di senso di colpa e redenzione. In aggiunta ai film, Scorsese ha creato episodi per alcune raccolte televisive e documentari di musica rock, vincendo il Grammy Award per il miglior video musicale di lunga durata per No Direction Home (2005). Sostenitore della conservazione e anche della ricostruzione dei film, ha fondato 3 società no profit: la Film Foundation nel 1990, la World Cinema Foundation nel 2007 e l’African Film Heritage Project nel 2017.

Inizia una prova gratuita su Indiecinema

film-dessai

Chi sta bussando alla mia porta?

Nel 1967, Scorsese realizzò il suo primo lungometraggio, il bianco e nero I Call First, che fu poi ribattezzato Who’s That Knocking at My Door (Chi sta bussando alla mia porta?), con i suoi compagni studenti, la star Harvey Keitel e la montatrice Thelma Schoonmaker. Entrambi sarebbero diventati partner durevoli. Questo film doveva essere il primo vero film semi-autobiografico della trilogia di Scorsese, che sarebbe sicuramente consistita in un film successivo, Mean Streets. Il critico Roger Ebert ha visto il film al Chicago International Film Festival del 1967: ha elogiato Scorsese e la scrittura del film. Affermò che “I Call First” riunisce due generi di film in un’opera che è molto realistica, artisticamente riuscita e tecnicamente paragonabile ai migliori film mai realizzati.

Scorsese finì per essere amico intimo dei più importanti registi degli anni ’70: Brian De Palma, Francis Ford Coppola, George Lucas e Steven Spielberg. È stato Roger Corman a insegnare a Scorsese che i film possono essere girati con pochi soldi o poco tempo, preparando bene il giovane regista per le sfide che sarebbero arrivate con Mean Streets. Aderendo al lancio del film, John Cassavetes ha incoraggiato Scorsese a realizzare i film che desiderava fare, piuttosto che i progetti di qualcun altro.

Mean Streets

Promosso dall’influente critica cinematografica Pauline Kael, Mean Streets è stato un’innovazione per Scorsese, De Niro e anche Keitel. Il tratto caratteristico di Scorsese è rimasto al suo posto: atteggiamenti maschilisti, violenza sanguinaria, vergogna cattolica e anche redenzione, ambientazione cruda di New York (sebbene la maggior parte di Mean Streets sia stata licenziata a Los Angeles), montaggio rapido e anche una colonna sonora con musica moderna. Il film era innovativo, la sua atmosfera affascinante, lo stile da docudrama tagliente e le scene girate strada erano ispirate ai registi Cassavetes, Samuel Fuller e al primo periodo della filmografia Jean-Luc Godard.

Nel 1974, l’attrice Ellen Burstyn scelse Scorsese per dirigerla in Alice non abita più qui, per il quale vinse un Oscar come migliore attrice. Ben preoccupato, il film rimane un’anomalia nei primi lavori del regista poiché si concentra su un personaggio femminile. Tornando a Little Italy per esplorare le sue radici etniche, Scorsese ha poi sviluppato Italianamerican, un documentario che include i suoi genitori Charles e Catherine Scorsese.

Taxi Driver

martin-scorsese-robert-deniro

Scorsese ha realizzato Taxi Driver nel 1976. Il film racconta la storia di un veterano del Vietnam nelle strade piene di criminalità di New York. Il film lo ha consacrato come regista affermato e allo stesso modo ha reso celebre il direttore della fotografia Michael Chapman, il cui stile tende spesso a contrasti elevati, sfumature forti e movimenti intricati della cinepresa. Il film è interpretato da Robert De Niro nei panni dello psicotico e angosciato Travis Bickle, insieme a Jodie Foster nel ruolo di una donna di strada minorenne, con Harvey Keitel come il suo ruffiano. 

Il film segnò l’inizio di una serie di collaborazioni tra Scorsese e lo scrittore Paul Schrader, ispirato dal diario dell’aspirante assassino Arthur Bremer e Pickpocket, un film del regista francese Robert Bresson. Schrader in genere si ispira al lavoro di Bresson in film come American Gigolo, Light Sleeper e il successivo Bringing Out the Dead di Scorsese. Dopo il suo rilascio, Taxi Driver ha fatto notizia ancora una volta 5 anni dopo, quando John Hinckley Jr. ha tentato di assassinare l’allora presidente Ronald Reagan. Alla fine ha confessato che la sua azione era stata influenzata dalla sua fissazione per il personaggio di Taxi Driver. Taxi driver ha vinto la Palma d’Oro al Festival di Cannes del 1976, ha ricevuto 4 nomination all’Oscar, tra cui quella per il miglior film. 

New York, New York

Il successo commerciale di Taxi Driver ha motivato Scorsese a continuare con il suo primo progetto ad alto budget: un musical elegante, New York, New York. Questo omaggio alla comunità domestica di Scorsese e anche all’intramontabile musical di Hollywood è stato un fallimento al botteghino. Il film è stata la terza collaborazione del regista con Robert De Niro, co-protagonista con Liza Minnelli. Il film è meglio ricordato oggi per la melodia del titolo, resa popolare da Frank Sinatra. 

Sebbene fosse presente nel film il solito carisma visivo e anche la bravura stilistica di Scorsese, molti critici cinematografici hanno ritenuto che il suo ambiente limitato e legato allo studio lo lasciasse in ombra in contrasto con il suo lavoro precedente. Nonostante l’insuccesso, il film è accolto positivamente da alcuni critici. Richard Brody in The New Yorker ha scritto: “Per Scorsese, cinefilo per tutta la vita, il significato di New York potrebbe essere scoperto nel suo amore per i classici di Hollywood. Il suo tributo all’età dell’oro dei musical e anche degli affascinanti melodrammi noir si è rivelato uno dei suoi film più originali e personali.”

Martin Scorsese e il docu-dramma

L’insuccesso frustrante che New York, New York ottenne portò Scorsese alla depressione. A questo punto il regista aveva sviluppato una grave dipendenza da cocaina. Ha individuato la spinta creativa per realizzare The Last Waltz, che documenta l’ultimo concerto di The Band. La riprese si tennero presso la Winterland Ballroom di San Francisco il giorno del Ringraziamento americano, il 25 novembre 1976, con la partecipazione di famosi artisti: Bob Dylan, Neil Young, Ringo Starr, Muddy Waters, Joni Mitchell, Van Morrison, Paul Butterfield, Neil Diamond, Ronnie Wood ed Eric Clapton. 

Un altro docu-dramma diretto da Scorsese, intitolato American Boy, è apparso anche nel 1978, incentrato su Steven Prince, l’arrogante venditore di armi in Taxi Driver. Seguì un periodo di feste sfrenate, danneggiando la già delicata salute e benessere del regista.

Toro scatenato

Secondo una serie di testimonianze, tra cui Scorsese stesso, Robert De Niro ha salvato la vita di Scorsese quando lo ha convinto a liberarsi della sua dipendenza da cocaina per girare il suo film Toro scatenato. Scrivendo per il New Yorker nel marzo 2000, Mark Singer ha riassunto il problema di Scorsese specificando: “Lui (Scorsese) era più che scoraggiato. Robert De Niro è venuto a trovarlo in clinica e gli ha chiesto se voleva vivere o morire. Se desideri vivere, ha proposto De Niro, facciamo questo film, riferendosi a Toro scatenato, un libro su Jake La Motta, l’ex campione mondiale di boxe dei pesi medi, che De Niro gli aveva offerto di leggere anni prima.

Ha ottenuto nomination all’Oscar, tra cui Miglior film, Miglior attore per Robert De Niro e la prima nomination di Scorsese come Miglior regista. Da questo lavoro in poi, i film di Scorsese sono costantemente identificati come “A Martin Scorsese Picture” sul materiale pubblicitario. Raging Bull, registrato in un alto confronto tra bianco e nero, è il punto in cui lo stile di Scorsese ha raggiunto il suo apice: Taxi Driver così come New York, New York aveva usato elementi di espressionismo per mostrare fattori psicologici, tuttavia in questo film lo stile è stato portato a nuovi estremi, che impiegano il rallentatore, carrellate complicate, nonché una geniale distorsione del punto di vista del protagonista.

È stato riscritto numerose volte da numerosi autori tra cui Jay Cocks (che ha poi co-sceneggiato i film di Scorsese The Age of Innocence e Gangs of New York). La bozza finale è stata in gran parte scritta da Scorsese e Robert De Niro. L’American Film Institute ha scelto Toro scatenato come il film sportivo americano numero uno nella lista dei 10 migliori film di attività sportive.

Inizia una prova gratuita su Indiecinema

film-dessai

Re per una notte

Il lavoro successivo di Scorsese è stata la sua quinta collaborazione con Robert De Niro, The King of Comedy (1983). Si tratta di una satira sul mondo dei media e delle star, il cui protagonista è un uomo solitario e angosciato che arriva paradossalmente a fare un rapimento. Il film era un apparente allontanamento dai film a cui Scorsese era stato associato dal pubblico. Visivamente, era molto meno cinetico dello stile che Scorsese aveva effettivamente stabilito in precedenza, utilizzando tipicamente una telecamera fissa e riprese lunghe. Proprio qui l’espressionismo del suo lavoro precedente ha aperto la strada a momenti di quasi totale surrealismo

Il regista tedesco Wim Wenders lo ha annoverato tra i suoi 15 film preferiti. Allo stesso modo, nel 1983, Scorsese ha fatto una breve apparizione cameo nel film Anna Pavlova, originariamente pensato per essere diretto da uno dei suoi eroi, Michael Powell. Ciò ha portato a un’apparizione di recitazione più significativa nel film jazz di Bertrand Tavernier Round Midnight. Allo stesso modo ha fatto un rapido tentativo in televisione, dirigendo un episodio di Storie incredibili di Steven Spielberg.

Il colore dei soldi

Insieme al videoclip delle canzoni di Michael Jackson del 1987 “Bad”, nel 1986 Scorsese realizzò Il colore dei soldi, con Tom Cruise. E’ un sequel dell’apprezzato film di Robert Rossen The Hustler (1961) con Paul Newman. Il film ha vinto un Oscar per Paul Newman e ha dato a Scorsese il potere di assicurarsi il sostegno finale per un progetto che in realtà era stato un obiettivo da molto tempo per lui: L’ultima tentazione di Cristo.

L’ultima tentazione di Cristo

Nel 1983 Scorsese iniziò ad occuparsi di questo progetto personale a lungo amato. L’ultima tentazione di Cristo, basato sul romanzo del 1955 creato da Nikos Kazantzakis, racconta la vita di Cristo in termini umani anziché divini. Il film doveva essere girato sotto lo stendardo della Paramount Pictures, tuttavia poco prima dell’inizio delle riprese, la Paramount ha ceduto i diritti per non sporcarsi con scandali legati alla religione cattolica. In questa versione del 1983, Aidan Quinn è stato scelto per il ruolo di Gesù, così come Sting per il ruolo di Ponzio Pilato. (Nella versione del 1988, questi ruoli erano interpretati rispettivamente da Willem Dafoe e David Bowie.) 

Tuttavia, dopo il suo flirt della metà degli anni ’80 con la Hollywood industriale, Scorsese ha fatto un significativo ritorno al cinema indipendente. La Universal Pictures ha acconsentito a finanziare il film poiché Scorsese ha accettato di realizzare un film thriller in futuro, Cape Fear. Anche prima del suo lancio nel 1988, il film ha creato una furia enorme, con proteste in tutto il mondo contro la sua presunta blasfemia, trasformando un film indipendente a basso budget in un caso mediatico. La maggior parte della disputa riguardava i passaggi finali del film, che raffiguravano Cristo che sposava e cresceva anche un membro della famiglia con Maria Maddalena in un’allucinazione indotta da Satana mentre era sulla croce.

Nel 1986, Scorsese ha diretto il cortometraggio di 18 minuti Bad, con Michael Jackson e Wesley Snipes. Il direttore della fotografia del breve film era il partner costante di Scorsese Michael Chapman. La danza e il cinema sono stati fortemente influenzati dal film del 1961 West Side Story. Scorsese ha anche tenuto a mente l’impatto del suo film Taxi Driver (1976) nel documentario di Spike Lee sul 25° anniversario del corto intitolato Bad 25 (2012). Il cortometraggio è stato applaudito dalla critica come uno dei video più iconici e più grandi di tutti i tempi. L’abito di Jackson ha avuto un impatto sullo stile.

Guardando oltre la polemica, L’ultima tentazione di Cristo ha acquisito un riconoscimento cruciale e continua anche ad essere un’opera fondamentale di Scorsese: un tentativo specifico di risalire alla spiritualità che ha sostenuto i suoi film fino a quel momento. Il regista ha ottenuto la sua seconda nomination per l’Oscar al miglior regista (ancora una volta senza successo, vinse Barry Levinson per Rain Man). Altro lavoro cinematografico, condiviso con Woody Allen e Francis Ford Coppola nel 1989, è l’episodio di New York Stories, chiamato Life Lessons. Anche questo grande successo di critica.

Quei bravi ragazzi

L’epopea gangster di Scorsese Quei bravi ragazzi (1990) segna il suo ritorno alla grande regia: è il suo film più iconico insieme a Toro scatenato. De Niro e Joe Pesci hanno interpretato in modo virtuoso la visione di Scorsese. Dopo l’uscita del film, Roger Ebert, ormai buon amico e anche fan di Scorsese, ha definito Quei bravi ragazzi “il miglior film per il pubblico di sempre”. È posizionato al primo posto nella lista di controllo dei film di Ebert per il 1990, insieme a quelli di Gene Siskel e di Peter Travers, ed è comunemente considerato uno dei migliori successi del regista. 

Il film è stato nominato per 6 Oscar, Miglior Film e Miglior Regista, e anche Scorsese ha ottenuto la sua terza candidatura come Miglior Regista, ma ancora una volta ha perso a causa di Kevin Costner (Balla coi lupi). Joe Pesci ha vinto l’Oscar come miglior attore non protagonista. Scorsese e il film hanno anche vinto molti altri riconoscimenti, tra cui cinque BAFTA Awards, un Leone d’argento e molto altro ancora. L’American Film Institute ha inserito Quei bravi ragazzi al numero 94 nella lista dei migliori 100 film della storia del cinema dell’AFI. Nella versione aggiornata del 2007, hanno spostato Quei bravi ragazzi all’incirca al numero 92 nella lista di controllo dei 100 anni … 100 film dell’AFI (edizione per il 10 ° anniversario) e hanno inserito Quei bravi ragazzi al numero 2 nella lista dei 10 principali film di gangster (dopo Il Padrino). Nel 1990 lancia il suo cortometraggio documentario: Made in Milan, sullo stilista Giorgio Armani. 

Cape Fear

Poi realizza Cape Fear, un remake di un film cult del 1962 con lo stesso nome, è la settima collaborazione del regista con De Niro. Un’ulteriore incursione nel mainstream, il film è un thriller elegante che prende molto da Alfred Hitchcock e anche da La notte del cacciatore di Charles Laughton (1955). Cape Fear è stato criticato per le sue scene di violenza misogina. Tuttavia, l’argomento offriva a Scorsese la possibilità di esplorare trucchi e impatti visivi. Il film ha ottenuto 2 nomination all’Oscar. Guadagnando $ 80 milioni negli Stati Uniti, è stato il grande successo di Scorsese fino a The Aviator (2004), e successivamente The Departed (2006). Il film ha anche segnato la prima volta che Scorsese ha utilizzato il Panavision widescreen con una proporzione di 2,39:1.

Nel 1990, Scorsese ha recitato in un piccolo ruolo come Vincent van Gogh nel film Dreams del regista giapponese Akira Kurosawa. The Age of Innocence (1993) è stata una separazione significativa per Scorsese, un adattamento riguardante l’alta società della New York della fine del XIX secolo. È stato molto ammirato sulla sua uscita iniziale, ma è stata una fallimento al botteghino. 

Scorsese su Scorsese

Scorsese voleva che il suo film fosse un’esperienza emotiva ricca come lo era il libro per lui, piuttosto che un tradizionale adattamento accademico di un’opera letteraria. In Scorsese su Scorsese, documenta le influenze di film come Senso di Luchino Visconti e Il Gattopardo, L’orgoglio degli Amberson di Orson Welles e anche La Prize de pouvoir par Louis XIV di Roberto Rossellini (La presa del potere di Luigi XIV). ). The Age of Innocence era in definitiva diverso da questi film in termini di narrativa, storia e tematica. La presenza di una società perduta, di valori perduti, ricreazioni dettagliate di costumi e rituali sociali, continua la tradizione di questi film.

Il film è stato rivalutato successivamente in Europa, ma è ancora sottovalutato in Nord America. L’età dell’innocenza ha ottenuto cinque nomination all’Oscar (inclusa la migliore sceneggiatura adattata per Scorsese), ed ha vinto l’Oscar per i costumi. Questa è stata la prima collaborazione di Martin Scorsese con l’attore premio Oscar Daniel Day-Lewis , con il quale avrebbe lavorato di nuovo in Gangs of New York.

Casinò

Casinò (1995), come The Age of Innocence, racconta la vita di un uomo la cui vita ben ordinata è sconvolta dall’arrivo di forze imprevedibili. Il fatto che fosse un film di gangster violento lo rendeva più appetibile per i fan del regista che forse erano sconcertati dal film precedente. Sono stati fatti confronti con il suo precedente film Quei bravi ragazzi e Scorsese ha ammesso che Casinò aveva una somiglianza superficiale con esso, ma ha affermato che la storia aveva una portata significativamente più ampia. Durante le riprese, Scorsese ha recitato come comparsa interpretando un giocatore d’azzardo a uno dei tavoli.

Un secolo di cinema – Viaggio nel cinema americano di Martin Scorsese

Scorsese ha anche trovato il tempo per un documentario di quattro ore nel 1995, intitolato Un secolo di cinema – Viaggio nel cinema americano di Martin Scorsese (A Personal Journey with Martin Scorsese Through American Movies), un viaggio attraverso il cinema americano. In esso racconta il cinema americano fino al 1969, un anno dopo il quale ha iniziato la sua occupazione di filmmaker. Ha affermato: “Non mi sentirei davvero bene a commentare me stesso o i miei coetanei”. 

Nel documentario di quattro ore, Scorsese elenca le 4 sfaccettature del regista che ritiene essere le più vitali come (1) il regista come narratore; (2) il regista come illusionista: DW Griffith o FW Murnau, che ha sviluppato nuove tecniche di montaggio tra gli altri sviluppi che hanno reso possibile la comparsa del suono e del colore in seguito; (3) il regista come contrabbandiere – registi come Douglas Sirk, Samuel Fuller e anche Vincente Minnelli, che erano soliti nascondere messaggi sovversivi nei loro film; così come (4) il regista come critico. 

Nella prefazione a questo docudrama, Scorsese specifica la sua dedizione al “Dilemma del regista”, in cui un cineasta contemporaneo dovrebbe essere pratico per quanto riguarda l’ottenimento di finanziamenti per film indipendenti personali, approvando la richiesta di “fare un film per uno studio, e poi realizzarne uno per se stessi.”

Kundun

Se The Age of Innocence ha respinto e confuso alcuni seguaci, in seguito Kundun (1997) ha fatto diversi passi in più, offrendo un resoconto dei primissimi anni di vita di Tenzin Gyatso, il 14° Dalai Lama, l’ingresso dell’Esercito popolare di liberazione in Tibet , e anche il successivo esilio del Dalai Lama in India. I tradizionali dispositivi drammatici sono stati sostituiti da una riflessione simile alla trance realizzata con un elaborato tableau di straordinarie immagini. 

Il film fu fonte di caos per il suo distributore, Buena Vista Pictures, che all’epoca stava preparando una sostanziale espansione nel mercato cinese. Ribelle di fronte alle pressioni dei funzionari cinesi, la Disney ha preso le distanze dal progetto, danneggiando le potenzialità commerciali di Kundun. Kundun è stato il secondo tentativo di Scorsese di tracciare un profilo della vita di um leader spirituale del buddismo, dopo L’ultima tentazione di Cristo.

Al di là della vita

Al di là della vita (Bringing Out the Dead, 1999) è stato un ritorno a un territorio familiare, con il regista e scrittore Paul Schrader che ha costruito un racconto nero come la pece simile al precedente Taxi Driver. Come le precedenti collaborazioni Scorsese-Schrader, le sue scene finali di redenzione spirituale ricordano esplicitamente i film di Robert Bresson. Non il plauso della critica universale di alcuni dei suoi altri film.

In vari eventi Scorsese è stato chiamato a consegnare l’Oscar onorario durante la cerimonia dell’Oscar. Nel 1998, alla 70esima edizione degli Academy Awards, Scorsese ha offerto il premio a Stanley Donen. Quando ha consegnato il premio, Donen ha scherzato: “Marty, questo è al contrario, dovrei darti questo, credimi”. Nel 1999, alla 71a edizione degli Academy Awards, Scorsese e De Niro hanno dato il premio al regista Elia Kazan. Questa è stata una scelta controversa per l’accademia a causa della partecipazione di Kazan alla lista nera di Hollywood negli anni ’50. Numerosi membri dell’Academy, tra cui Nick Nolte e Ed Harris, si sono rifiutati di applaudire Kazan quando ha ricevuto il premio, mentre altri come Warren Beatty, Meryl Streep, Kathy Bates e Kurt Russell gli hanno dato un applauso.

Gangs of New York

Alla prova di Gangs of New York al Festival di Cannes con Leonardo DiCaprio e Cameron Diaz è il documentario che descriveva il futuro progetto del regista, l’epico Gangs of New York (2002), influenzato da grandi registi italiani come Luchino Visconti e girato integralmente nei famosi studi cinematografici di Cinecittà di Roma. Il film ha segnato la prima collaborazione tra Scorsese e l’attore Leonardo DiCaprio, che è diventato un appuntamento fisso nei film di Scorsese successivi. Nonostante non ci sia un compromesso artistico nella produzione, alcuni ritengono che Gangs of New York fosse il film più convenzionale del regista, con troppi stereotipi che il regista aveva sempre evitato, come personaggi esistenti esclusivamente a scopo espositivo e flashback esplicativi.

Il montaggio finale del film dura 168 minuti, mentre il montaggio iniziale del regista durava più di 180 minuti. Il film ha ricevuto valutazioni generalmente favorevoli con l’aggregatore di valutazioni Rotten Tomatoes che in cui il 75 percento delle recensioni dicono che, sebbene imperfetto, Gangs of New York è recuperato da un notevole design di produzione e dall’impressionante efficienza di Day-Lewis. I temi del film seguono le note preoccupazioni del regista: New York, la violenza in quanto culturalmente originaria dell’isola e le divisioni culturali ed etniche. 

Registrato originariamente per il lancio nei mesi invernali del 2001 (per ottenere le candidature per l’Oscar), Scorsese ha posticipato l’ultima produzione del film a dopo l’inizio del 2002; lo studio di conseguenza ha posticipato il film fino al suo lancio nella stagione degli Oscar alla fine del 2002. Gangs of New York ha fatto guadagnare a Scorsese il suo primo Golden Globe come miglior regista. Nel febbraio 2003, Gangs of New York ha ottenuto 10 nomination agli Oscar, tra cui Miglior film, Miglior regista e anche Miglior attore per Daniel Day-Lewis; tuttavia, non ha vinto nessun premio.

L’anno successivo, Scorsese ha completato la produzione di The Blues, un ampio documentario in sette parti che ripercorre la storia della musica blues dalle sue radici africane al delta del Mississippi e oltre. Sette registi tra cui Wim Wenders, Clint Eastwood, Mike Figgis e lo stesso Scorsese hanno contribuito ciascuno con un film di 90 minuti (il film di Scorsese era intitolato Feel Like Going Home). All’inizio degli anni 2000, Scorsese ha prodotto diversi film per registi emergenti, come You Can Count on Me (diretto da Kenneth Lonergan), Rain (diretto da Katherine Lindberg), Lymelife (diretto da Derick Martini) e The Young Victoria (regia di Jean-Marc Vallée).

The Aviator

Il film di Scorsese The Aviator (2004) è un imponente film biografico su l’eccentrico pioniere dell’aeronautica nonché magnate del cinema Howard Hughes, interpretato da Leonardo DiCaprio. Il film ha ricevuto recensioni molto positive ed è stato un grande successo al botteghino. Ha anche ottenuto il riconoscimento dell’Academy. The Aviator è stato scelto per sei premi ai Golden Globe, tra cui Miglior film drammatico, Miglior regista, Miglior sceneggiatura e Miglior attore in un film drammatico per Leonardo DiCaprio. Ne ha vinti 3, Miglior film drammatico e Miglior attore cinematografico drammatico. 

Nel gennaio 2005 The Aviator è diventato il film più nominato delle 77e elezioni degli Academy Awards, scelto in 11 gruppi tra cui quello per il miglior film. Il film ha anche accumulato nomination in quasi tutte le varie altre categorie significative, consistenti in una 5a nomination per il miglior regista per Scorsese. Nonostante abbia avuto il maggior numero di nomination, il film ha vinto solo cinque Oscar. Scorsese ha perso di nuovo, questa volta contro il regista Clint Eastwood per Million Dollar Baby (che ha anche vinto il premio come miglior film).

No Direction Home è un film documentario di Scorsese che racconta la vita di Bob Dylan, così come la sua influenza sulla musica americana e sulla società del 20° secolo. Il film non copre l’intera carriera di Dylan; si concentra sui suoi inizi, sulla sua ascesa alla fama negli anni ’60, sulla sua trasformazione allora controversa da artista e intrattenitore con la chitarra acustica alla chitarra elettrica.

Il film è stato presentato per la prima volta in TV sia negli Stati Uniti (come parte della collezione PBS American Masters) che nel Regno Unito (come parte della serie BBC Two Arena) dal 26 al 27 settembre 2005. Una versione DVD del film è stato lanciata lo stesso mese. Il film ha vinto un Peabody Award e il Grammy Award per il miglior video musicale di lunga durata. Inoltre, Scorsese ha ricevuto un premio agli Emmy.

The Departed 

Scorsese è tornato al genere criminale con il thriller ambientato a Boston The Departed, basato su Infernal Affairs (co-diretto da Andrew Lau e anche Alan Mak). Il film ha continuato la collaborazione di Scorsese con Leonardo DiCaprio ed è stata la prima volta che ha collaborato con Matt Damon, Jack Nicholson, Mark Wahlberg e anche Martin Sheen.

The Departed è uno dei migliori sforzi di Scorsese dopo Quei bravi ragazzi degli anni ’90, e alcuni lo mettono allo stesso livello di Taxi Driver e Raging Bull. Con incassi al botteghino degli Stati Uniti superiori a 129,4 milioni di dollari, The Departed è stato il film di Scorsese con il maggior incasso fino a Shutter Island del 2010.

The Departed ha fatto guadagnare a Scorsese un secondo Golden Globe come miglior regista, oltre a un Critics’ Choice Award, il suo primo Directors Guild of America Award e l’Oscar al miglior regista. Il premio è stato consegnato dai suoi amici e colleghi di lunga data Francis Ford Coppola, George Lucas e Steven Spielberg. The Departed ha anche ricevuto l’Oscar per il miglior film del 2006, la migliore sceneggiatura adattata e il miglior montaggio di un film dalla storica montatrice di Scorsese Thelma Schoonmaker, la sua terza vittoria per un film di Scorsese.

Shine a Light

Shine a Light segue l’esibizione della band rock and roll The Rolling Stones al Beacon Theatre di New York City il 29 ottobre e il 1 novembre 2006, intervallati da brevi notizie e filmati di interviste di tutta la loro carriera. La sua prima mondiale è stata all’apertura del 58° Festival di Berlino il 7 febbraio 2008. “Marty ha fatto un lavoro straordinario facendoci sembrare fantastici…” ha osservato il batterista Charlie Watts. 

Shutter Island

Il 22 ottobre 2007, il Daily Variety ha riferito che Scorsese si sarebbe sicuramente riunito con Leonardo DiCaprio in un film, Shutter Island. Le principali riprese della sceneggiatura di Laeta Kalogridis, basate sull’omonima storia di Dennis Lehane, sono iniziate in Massachusetts nel marzo 2008. Nel dicembre 2007, Mark Ruffalo, Max von Sydow, Ben Kingsley, e Michelle Williams hanno firmato il contratto. Era la prima volta che questi attori avevano a che fare con Scorsese. Il film è stato lanciato il 19 febbraio 2010.

Il 20 maggio 2010, il film è diventato il film con il maggior incasso di Scorsese. Nel 2010, il Wall Street Journal ha riferito che Scorsese stava sostenendo la campagna della David Lynch Foundation per aiutare 10.000 professionisti militari a superare il disturbo da stress post-traumatico attraverso la Meditazione Trascendentale; Scorsese ha effettivamente recensito pubblicamente la propria tecnica di Meditazione Trascendentale.

Scorsese ha diretto la serie per Boardwalk Empire, una serie drammatica della HBO, con Steve Buscemi e anche Michael Pitt , basato sulla pubblicazione di Nelson Johnson Boardwalk Empire: The Birth, High Times and Corruption of Atlantic City. Oltre a guidare il pilot (per il quale ha vinto il Primetime Emmy Award 2011 per la miglior regia), Scorsese è stato anche produttore esecutivo della serie. La serie è stata presentata in anteprima il 19 settembre 2010 ed è stata trasmessa per 5 stagioni. Scorsese ha guidato il docudrama di tre ore e mezza George Harrison: Living in the Material World sulla vita e le canzoni del membro dei Beatles George Harrison, presentato in anteprima negli Stati Uniti su HBO in due puntate, trasmesse il 5 e 6 ottobre del 2011. 

Hugo Cabret

Il suo film successivo Hugo Cabret è un film drammatico basato sul romanzo di Brian Selznick L’invenzione di Hugo Cabret. Il film è interpretato da Asa Butterfield, Chloë Grace Moretz, Ben Kingsley, Sacha Baron Cohen, Ray Winstone, Emily Mortimer, Christopher Lee e Jude Law. Il film è stato accolto con grande successo e ha anche fatto vincere a Scorsese il suo terzo Golden Globe come miglior regista.

Il film è stato anche nominato per 11 Academy Awards, vincendone cinque e diventando anche insieme al film di Michel Hazanavicius The Artist il lavoro con il maggior numero di Academy Awards vinti da un singolo film nel 2011. Hugo ha inoltre vinto due premi BAFTA, innumerevoli altri premi e candidature. Hugo è stato il primo film in 3D di Scorsese ed è uscito negli Stati Uniti il 23 novembre 2011.

The Wolf of Wall Street

Il film di Scorsese del 2013, The Wolf of Wall Street, è una commedia nera basata sull’omonimo libro di memorie di Jordan Belfort. Scritto da Terence Winter e interpretato da Leonardo DiCaprio nei panni di Belfort, insieme a Jonah Hill , Matthew McConaughey e altri. Il film ha segnato la quinta collaborazione tra Scorsese e DiCaprio e la seconda tra Scorsese e Winter dopo Boardwalk Empire.

Il film racconta la storia di un agente di cambio di New York, interpretato da DiCaprio, che è coinvolto in un grande caso di frode su titoli che coinvolge la manipolazione illecita di azioni, attraverso la pratica del “pump and dump”. Il film è stato anche nominato per il miglior film commedia.

Altri progetti

Scorsese e David Tedeschi hanno realizzato un docudrama sulla storia della New York Review of Books, intitolato The 50 Year Argument. È stato proiettato come lavoro in sviluppo al Festival Internazionale del Cinema di Berlino nel febbraio 2014 e anche in anteprima nel giugno 2014 allo Sheffield Doc/Fest. 

Scorsese ha diretto il pilot di Vinyl composto da Terence Winter e George Mastras, con Mick Jagger. La serie vede come protagonista Bobby Cannavale nei panni di Richie Finestra, fondatore e capo di stato di un’etichetta discografica di alto livello, incorporata nell’organizzazione di canzoni alimentate dalla droga e dal sesso della New York degli anni ’70 mentre il punk e i nightclub stavano esplodendo, mentre cercano di resuscitare la sua etichetta.

La registrazione è iniziata il 25 luglio 2014. I co-protagonisti includono Ray Romano, Olivia Wilde, Juno Temple, Andrew Dice Clay, Ato Essandoh, Max Casella e anche James Jagger. La serie è durata una stagione. Scorsese ha effettivamente lavorato come produttore esecutivo di numerosi film indipendenti, come The Third Side of the River del 2014 (diretto da Celina Murga), un altro film del 2014 La vendetta dei draghi verdi (co-diretto da Andrew Lau, il cui film Infernal Affairs hanno influenzato The Departed), As Bleed for This e Free Fire. [123]

Scorsese ha diretto The Audition, un cortometraggio che è servito anche come pezzo promozionale per i casinò Studio City a Macao e City of Dreams a Manila, nelle Filippine. Il cortometraggio presenta i due attori, che interpretano versioni romanzate di se stessi, in competizione per un ruolo nel prossimo film di Scorsese. Il film è stato presentato in anteprima nell’ottobre 2015 in concomitanza con l’inaugurazione di Studio City.

Silence 

Scorsese aveva da tempo previsto di registrare un adattamento del romanzo Silence di Shūsaku Endō, una film drammatico sulla vita di 2 sacerdoti gesuiti portoghesi in Giappone durante il XVII secolo. In realtà aveva originariamente pensato a Silence come il suo lavoro successivo dopo Shutter Island. Il 19 aprile 2013, il finanziamento di Silence è stato ottenuto da Emmett/Furla Films, e le riprese sono iniziate a gennaio 2015. A novembre 2016, il film aveva terminato la post-produzione. Il film è uscito il 23 dicembre 2016.

Rolling Thunder Revue

Il 10 gennaio 2019, Chris Willman di Variety ha riferito che il tanto atteso documentario del tour di Bob Dylan del 1975, il Rolling Thunder Revue, sarebbe stato sicuramente pubblicato da Netflix: Rolling Thunder Revue: A Bob Dylan Story di Martin Scorsese documenta lo spirito travagliato dell’America nel 1975 e le canzoni di Dylan. In parte documentario, in parte film di finzione, componente di desiderio di febbre, Rolling Thunder è un’esperienza unica, dal maestro Martin Scorsese. 

Il 25 aprile 2019 viene data la notizia che il documentario sarebbe uscito su Netflix il 12 giugno 2019, con un coinvolgimento delle sale cinematografiche simultaneo in venti città americane, europee e anche australiane la notte precedente, oltre a un prolungato programma a Los Angeles e New York. 

The Irishman

Dopo anni di sviluppo, le riprese del film criminale di Scorsese The Irishman sono iniziate nell’agosto 2017, con Robert De Niro, Joe Pesci e Al Pacino. Il film è stato presentato in anteprima mondiale al 57° New York Film Festival il 27 settembre 2019.

È uscito nelle sale il 1 novembre 2019, seguito da streaming digitale il 27 novembre 2019 su Netflix. Nel gennaio 2020, The Irishman ha ottenuto 10 nomination all’Oscar, tra cui miglior film, miglior regista, migliore sceneggiatura non originale e anche miglior attore non protagonista per Pacino e Pesci.

Inizia una prova gratuita su Indiecinema

film-dessai

Lo stile cinematografico di Martin Scorsese

In molti dei film di Scorsese sono riconoscibili numerose strategie ricorrenti. In realtà ha sviluppato un background cinematografico che include collaborazioni ripetute con star, sceneggiatori, montatori cinematografici e cineasti, in alcuni casi attraversando diversi decenni, come quello con Michael Ballhaus, Robert Richardson e Rodrigo Prieto.

Rallentatore e fermo immagine

Scorsese è noto per il suo uso frequente del rallentatore, ad esempio in Chi bussa alla mia porta (1967) e in Mean Streets (1973). È anche famoso per l’uso di fermo immagine, come: nei titoli di testa di The King of Comedy (1983), in Quei bravi ragazzi (1990), Casino (1995), The Departed (2006), così come in The Irishman (2019). Le sue bionde protagoniste sono angeliche ed eteree, si vestono di bianco nella loro prima scena e sono fotografate al rallentatore, come Cybill Shepherd in Taxi Driver. Il costume da bagno bianco di Cathy Moriarty in Toro scatenato; Il miniabito bianco di Sharon Stone in Casino. Forse un omaggio al regista Alfred Hitchcock

Scorsese utilizza spesso lunghi piani sequenza, come si vede in Taxi Driver, Quei bravi ragazzi, Casinò, Gangs of New York e Hugo. Scorsese in alcuni casi mette in evidenza i personaggi in una scena con un’iride, un omaggio al cinema muto degli anni ’20. Questo effetto può essere visto in Casinò (è usato su Sharon Stone così come su Joe Pesci), Life Lessons, The Departed (su Matt Damon) e anche Hugo. Alcuni dei suoi film consistono in riferimenti/allusioni ai western, in particolare Rio Bravo, The Great Train Robbery, Shane, The Searchers e The Oklahoma Kid. Vengono spesso utilizzati flash al rallentatore e suoni di fotocamera/flash/otturatore, così come la melodia “Gim me Shelter” dei Rolling Stones ascoltata in numerosi film di Scorsese: Quei bravi ragazzi, Casino e The Departed.

I cameo di Martin Scorsese

Scorsese di solito ha un cameo veloce nei suoi film (Who’s That Bussing at My Door, Boxcar Bertha, Mean Streets, Alice non abita più qui, Taxi Driver, The King of Comedy, After Hours, L’ultima tentazione di Cristo, The Age of Innocence, Gangs of New York, Hugo). Utilizza a volte la sua voce nei film senza apparire (ad esempio in The Aviator e The Wolf of Wall Street). In The Age of Innocence si presenta nel ruolo di un fotografo professionista di ritratti di grandi dimensioni in una delle scene di passaggio del film. Si presenta anche come regista della fiction televisiva con un divertente italiano In the Pope’s Eye.

Martin Scorsese e la spiritualità

Scorsese considerava il Silenzio un “progetto di interesse”: in realtà era in avanzamento dal 1990, due anni dopo il lancio del suo film L’ultima tentazione di Cristo, anch’esso composto da temi spirituali. Quando gli è stato chiesto perché avesse mantenuto la passione in un progetto che trattava temi teologici per oltre 26 anni, Scorsese ha affermato:

Domande, risposte, perdita di nuovo della risposta e molte altre preoccupazioni, ed è questo che mi appassiona veramente. Sì, il cinema così come le persone nella mia vita così come la mia famiglia sono i più importanti, ma alla fine man mano che si invecchia, si ottiene molto di più… Il silenzio è semplicemente qualcosa da cui sono attratto. È stata un’ossessione, in realtà deve essere fatta … è una storia vera, forte, meravigliosa, un thriller in un certo senso, eppure affronta quelle domande.

Martin Scorsese e la corruzione

Più recentemente, i suoi film hanno raccontato autorità corrotte, come agenti di polizia in The Departed, così come leader politici in Gangs of New York e The Aviator. È anche conosciuto per il suo umorismo nero e la violenza fisica. L’interesse di Scorsese per la corruzione politica come rappresentato nei suoi film è stato ulteriormente ampliato nel suo film del 2019 The Irishman. Richard Brody, scrivendo per The New Yorker, ha scoperto che l’interpretazione principale del film è un’oscura allegoria di un’analisi realista della politica nazionale americana e della cultura americana che afferma:

L’Hoffa nella vita reale … (era) un protagonista cruciale in entrambe le politiche della gangland e la politica reale, e anche la chiave del film è l’inseparabilità di quei 2 mondi. The Irishman è una storia sociopolitica spaventosa che esamina gran parte della storia americana moderna come un crimine in continuo movimento, in cui ogni grado della società – dalla vita normale alla vicinanza con grandi aziende attraverso la politica a livello nazionale e globale – è avvelenato dalla corruzione, offerte non etiche come denaro sporco, minacce di violenza fisica e anche la sua terribile attuazione, così come l’immunità che mantiene in funzione l’intero sistema.

I collaboratori di Martin Scorsese

Scorsese spesso sceglie gli stessi attori nei suoi progetti, in particolare Robert De Niro, che ha collaborato con Scorsese su nove film e un cortometraggio. Dopo l’inizio del secolo, Scorsese ha trovato una musa nuova di zecca con l’attore più giovane Leonardo DiCaprio, collaborando in 5 film. Prima della loro morte, i genitori di Scorsese, Charles Scorsese e Catherine Scorsese, sono apparsi in piccoli ruoli, comparse o ruoli di supporto, come in Quei bravi ragazzi.

Schoonmaker, Richardson, Powell e Dante Ferretti hanno vinto entrambi gli Academy Awards nei rispettivi gruppi grazie alla collaborazione con Scorsese. Elaine così come Saul Bass, quest’ultimo essendo il creatore dei titoli dei film di Hitchcock, hanno fatto i titoli iniziali per Quei bravi ragazzi, The Age of Innocence, Casino e Cape Fear.

La vita privata

Nel 1965, Scorsese sposò la sua prima moglie Laraine Marie Brennan. Rimasero insieme per 6 anni e hanno avuto una bambina, Catherine, che prende il nome da sua madre. Nel 1976, Scorsese sposò la scrittrice Julia Cameron, la sua seconda moglie; hanno una figlia (Domenica Cameron-Scorsese, che è una attrice apparsa in The Age of Innocence), ma il matrimonio è durato solo un anno.

Prima della fine del 1979, Scorsese sposò l’attrice Isabella Rossellini, e rimasero insieme per quattro anni, divorziando nel 1983. Scorsese sposò poi Barbara De Fina nel 1985, il suo quarto di 5 matrimoni; hanno divorziato nel 1991.  Nel 1999, Scorsese ha sposato la sua attuale compagna da oltre vent’anni, Helen Schermerhorn Morris. Hanno una figlia, Francesca, che è apparsa in The Departed oltre che in The Aviator.

Centinaia di film e documentari selezionati senza limiti

Nuovi film ogni settimana. Guarda su qualsiasi dispositivo, senza nessuna pubblicità. Annulla in qualsiasi momento.
error: Content is protected !!

Scopri di più su Indiecinema

Scegli il film da guardare

Scegli il film da guardare in streaming tra centinaia di titoli disponibili ora su Indiecinema.