fbpx

I film sulla mafia da vedere

Guarda film indipendenti e cult selezionati

Vai oltre i film proposti dalle solite piattaforme commerciali. Guarda centinaia di film indipendenti e d'autore rari, cult e documentari introvabili selezionati da tutto il mondo.

Indice dei contenuti

I film sulla mafia, una sottocategoria dei film di gangster, sono anche un sottogenere dei film sulle sul crimine che si occupano di malavita organizzata mafiosa.  In particolare nei primi film, c’è una sostanziale sovrapposizione con il film noir. Varianti popolari del genere includono Poliziotteschi italiani, film della Triade cinese, film giapponesi della Yakuza e anche film dell’abisso indiano di Mumbai. Nel genere dei film di mafia sono stati realizzati alcuni tra i capolavori da vedere assolutamente.

Cosa significa Mafia

Mafia” è un termine che viene utilizzato per definire organizzazioni criminali che hanno una somiglianza con la mafia italiana. Il compito principale di organizzazioni del genere è generare profitti attraverso commerci illegali e crimini con l’uso della violenza. Le mafie spesso partecipano ad attività illegali come il gioco d’azzardo, truffe finanziarie, traffico di droga, estorsioni, ricatti e frodi. Oggi, la ‘Ndrangheta, proveniente dalla zona meridionale italiana della Calabria, è considerata la mafia più ricca e potente del mondo. Il termine “mafia” era inizialmente utilizzato solo per la mafia italiana e deriva dalla Sicilia, ma in realtà si è ampliato per incorporare varie altre organizzazioni simili, ad esempio “la mafia russa” o “la mafia giapponese”. 

Il termine è usato in modo informale dalla stampa e dal pubblico; le stesse compagnie criminali hanno i propri termini: ad esempio, la mafia siciliana e la relativa mafia italo-americana descrivono le loro compagnie come “Cosa Nostra”; la “mafia giapponese” si fa chiamare “Ninkyō dantai” ma è molto più comunemente chiamata ”  Yakuza” dal pubblico; la “mafia russa” di solito si definisce “Bratva”. Il termine “mafia” descrive comunemente la mafia siciliana o la mafia italo-americana, nonché in alcuni casi il crimine organizzato italiano in generale: camorra, ‘Ndrangheta,  ecc… .

VAI AI FILM DA VEDERE

I primi film di mafia

film-mafia

Si ritiene che il film americano The Black Hand (1906) sia il primo film di mafia. Nel 1912, D. W. Griffith girò The Musketeers of Pig Street, un breve film crime per le strade di New York City che si dice fosse in realtà composto da veri mafiosi come cast di supporto.  Alcuni critici cinematografici hanno menzionato Regrowth (1915) come uno dei primi film di mafia.

I film di mafia hanno avuto origine nell’epoca del cinema muto ma il genere si è sviluppato nei primissimi anni ’30. Il successo era dovuto all’instabilità finanziaria e sociale causata dalla Grande Depressione, che incrementò la sottocultura della mafia negli Stati Uniti. Il fallimento di sforzi diretti e investimenti finanziari per garantire una certa protezione economica ha portato a situazioni che si rispecchiano nell’ondata di film di mafia a Hollywood e anche al loro fascino in una società delusa dallo stile di vita americano. 

I film di mafia negli anni ‘30

Gli anni 1931 e 1932 videro lo stile generare 3 classici dei film di mafia: Little Caesar, The Public Enemy, con gli attori Edward G. Robinson e James Cagney, e anche Scarface di Howard Hawks con Paul Muni. Questi film raccontano la rapida crescita, così come il rapido fallimento, di 3 giovani mafiosi, e rappresentano anche la categoria nella sua forma più pura.  Il mafioso in ogni film affronta un feroce fallimento raccontato per avvisare il pubblico delle ripercussioni del reato, come una vera e propria propaganda per la formazione delle masse attraverso il cinema. I mercati target erano solitamente in grado di relazionarsi con l’affascinante antieroe. Coloro che hanno sperimentato la Depressione hanno avuto la capacità di connettersi alla personalità del mafioso che si sforza di raggiungere la sua posizione e il successo, solo per perdere successivamente ogni cosa conquistata.  

Tali film dovevano finire costantemente con il personaggio principale del mafioso che moriva in una tempesta di proiettili nel finale del film a partire dal codice di produzione. Il personaggio principale del film era costantemente in qualche modo “deviato” dagli standard della cultura americana. In Little Caesar, è chiaramente suggerito che Caesar Enrico Bandello (Edward G. Robinson) sia gay poiché è chiaramente invidioso quando il suo bell’amico Joe Massaria (Douglas Fairbanks Jr) balla in modo seducente con la sua fan Olga (Glenda Farrell ), che lo spinge a commettere il suo primo errore significativo che causa il suo fallimento.  In The Public Enemy, il personaggio principale Tom Powers (James Cagney) è un misogino.  In Scarface, Tony Carmonte (Paul Muni) ha un interesse incestuoso appena velato per sua sorella Cesca (Ann Dvorak), che si traduce nella sua morte. Alcuni suggeriscono che il film di mafia nella sua forma più pura esistesse solo fino al 1933, quando le limitazioni del codice di produzione condizionarono film che non avevano lo stesso potere dei precedenti. 

VAI AI FILM DA VEDERE

I film sulla mafia da vedere

Ecco una lista dei film di mafia da vedere, con una precisazione: spesso film di mafia e film di gangster sono confusi e sovrapposti sia dal pubblico che dalla critica, soprattutto al di fuori dell’Italia, e percepiti come un unico genere. Anche se inseriamo alcuni film americani degli anni ‘30 attribuibili di più ai film di gangster per la loro importanza nelle origini del genere cinematografico, i film di mafia sono qualcosa di differente. I film di mafia sono focalizzati maggiormente sulle più famose organizzazioni criminali e sulle loro dinamiche interne piuttosto che sulla vita di un gangster malavitoso. I film di mafia si concentrano sulla mafia italiana o italo-americana, sulla Camorra, sulla Ndrangheta, o la mafia cinese e giapponese. Esiste quindi una sottile differenza tra film di gangster e film di mafia.

Piccolo Cesare (Little Caesar, 1931)

E’ un film di mafia americano pre-codice del 1931 distribuito dalla Warner Brothers, diretto da Mervyn LeRoy e interpretato da Edward G. Robinson, Glenda Farrell e Douglas Fairbanks Jr. Il film racconta la storia di un mafioso che scala i ranghi della società fino a raggiungere i suoi livelli superiori. La storia è stata adattata dal libro con lo stesso nome di William R. Burnett. Little Caesar è stato il ruolo di esordio di Robinson e lo ha reso subito una star del cinema importante. Il film è spesso considerato uno dei primissimi film di mafia a tutti gli effetti e continua ad essere ben accolto dalla critica. Nel 2000, Little Caesar è stato incluso nella selezione annuale di 25 film al National Film Registry della Library of Congress essendo considerati “culturalmente, tradizionalmente o visivamente considerevoli”.

Nemico pubblico (The Public Enemy, 1931)

E’ un film di mafia americano pre-Codice del 1931 prodotto e distribuito dalla Warner Bros. Il film è stato diretto da William A. Wellman e interpretato da James Cagney, Jean Harlow, Edward Woods, Donald Cook e Joan Blondell. Il film racconta la storia dell’ascesa di un ragazzo nella mafia nell’America metropolitana dell’era del proibizionismo. Gli attori di supporto sono Beryl Mercer, Murray Kinnell e Mae Clarke. La sceneggiatura del film è basata su un libro inedito – Beer and Blood di 2 precedenti giornalisti, John Bright e Kubec Glasmon – che avevano effettivamente visto alcune delle bande omicide di Al Capone a Chicago. Nel 1998, The Public Enemy è stato scelto per la conservazione nel National Film Registry degli Stati Uniti dalla Library of Congress come “culturalmente, tradizionalmente o visivamente sostanziale”.

VAI AI FILM DA VEDERE

Scarface (1932)

Scarface è un film di mafia americano del 1932 diretto da Howard Hawks e prodotto da Hawks e Howard Hughes. La sceneggiatura del film, di Ben Hecht, è vagamente basata sul libro del 1929 di Armitage Trail, ispirato da Al Capone. Il film vede Paul Muni nei panni del mafioso immigrato italiano Antonio “Tony” Camonte, un gangster che cresce fortemente attraverso la criminalità organizzata di Chicago, con un cast di supporto composto da George Raft e Boris Karloff. L’ascesa al potere di Camonte combacia con la sua incessante ricerca della fidanzata del suo datore di lavoro, mentre sua sorella si innamora del suo miglior sicario. In evidente legame con la vita di Capone, una scena ritrae una variazione del massacro di San Valentino.

In nome della legge (In the Name of the Law, 1948)

Sicilia, 1948: un giovane magistrato palermitano viene inviato come pretore a Capodarso, un paesino siciliano e, per amore della giustizia e della legalità, si scopre chiamato a combattere contro numerose oppressioni sociali. La sua passione lo porterà a scontrarsi contro un notabile, il barone Lo Vasto e contro la mafia, rappresentata dal contadino Turi Passalacqua e dai suoi uomini. Il tutto contornato da una comunità estremamente diffidente e complice che impedisce il suo operato. Solo contro tutti, affiancato dal maresciallo della stazione regionale dei Carabinieri e dal suo giovane amico Paolino, la cui barbara uccisione lo convincerà a rinunciare alle sue dimissioni, porterà fino in fondo la sua lotta che consiste non solo nell’utilizzare la legge, ma anche nell’insegnarne il valore. Un’opera affascinante nella sua spettacolarità ma estremamente ambigua dal punto di vista ideologico, è un film d’azione energico, capofila del cinema civile italiano degli anni Sessanta e il vero primo western del cinema italiano del dopoguerra.

Mafioso (1962)

Mafioso è il film che ha dato inizio al successo americana dei film sulla mafia. Alberto Sordi fornisce una notevole prova di attore che integra commedia e drammatico. A quasi 60 anni, i temi di Mafioso risuonano ancora oggi. Nella parte preliminare del film, le distinzioni sociali e culturali tra Nord (Milano) e Sud (Sicilia) sono efficacemente rappresentate. Dagli abiti ai dialoghi, tutto è magistralmente realizzato. Nella 2a parte, una modifica tonale scatena l’angoscia nel personaggio di Sordi, perseguitato dal fantasma di una vita criminale. In Mafioso, la mafia mette un individuo nella trappola di un sistema malvagio.

VAI AI FILM DA VEDERE

Salvatore Giuliano (1962)

Salvatore Giuliano è un film di mafia del 1962 di Francesco Rosi. Il film esamina le circostanze che causarono la morte del bandito siciliano Salvatore Giuliano, scoperto a Castelvetrano la mattina presto del 5 luglio 1950. Il film è stato scelto tra i 100 film italiani da conservare. 1950: il corpo di a Castelvetrano viene scoperto il famigerato fuorilegge Salvatore Giuliano. Inizia un lungo flashback in cui si ripercorrono i primissimi anni del dopoguerra in Sicilia, la nascita della richiesta di indipendenza della Sicilia e le prime “imprese” di Giuliano, del cugino Gaspare Pisciotta e della loro banda criminale. Montelepre, paese natale di Giuliano, è protetto dai reparti antibanditismo dei Carabinieri nel tentativo di catturare lui e Pisciotta. I fuorilegge colpiscono ancora una volta: nel 1947 prende luogo la strage di Portella della Ginestra e poi la narrazione del film torna al ritrovamento del corpo di Salvatore Giuliano. Pisciotta fu arrestato, processato insieme ai suoi compari e condannato all’ergastolo.

Il giorno della civetta (The day of the owl, 1968)

Il giorno della civetta è un film di denuncia del 1968 diretto da Damiano Damiani, con Franco Nero e Claudia Cardinale, tratto dall’omonimo libro di Leonardo Sciascia. Il film, girato a Partinico, ha utilizzato un grande cast internazionale, con star del calibro di Lee J. Cobb, Serge Reggiani e Nehemiah Persoff.

Sicilia, 1961. L’ufficiale dei carabinieri Bellodi, parmense ed ex partigiano, in servizio in una cittadina, indaga sull’omicidio di Salvatore Colasberna, ucciso per aver rifiutato di accettare un accordo con un’impresa protetta della mafia. L’omicidio è avvenuto vicino a casa tua dove vivono Rosa Nicolosi, il suo compagno e il loro bambino. Nella stessa mattinata è scomparso anche il marito di Rosa Nicolosi. Il responsabile del comune, don Mariano Arena, organizza una manovra per depistare le indagini sull’omicidio Colasberna: in pratica sarebbe stato Nicolosi a eliminare l’impresario come amante di sua moglie. Il capitano cerca il corpo di Nicolosi, che pensa sia stato eliminato come testimone “fastidioso”.

Lucky Luciano (1973)

Lucky Luciano è un film del 1973 diretto da Francesco Rosi. Il film è incentrato sulla figura di Salvatore Lucania, detto “Lucky Luciano”, il gangster della mafia italo-americana a New York e rientrato in Italia nel 1946. Il film è una sorta di biografia di Salvatore Lucania, alias Lucky Luciano, capo indiscusso della malavita italo-americana fin dal 1931, quando prese il potere sbarazzandosi di una quarantina di oppositori. Nel 1946 il governatore Thomas E. Dewey lo mandò in Italia. Da quel giorno Lucky ha vissuto una vita relativamente serena a Napoli, tuttavia ci sono nuove accuse per traffico di droga internazionale. Charles Siragusa, capo dell’Ufficio europeo degli stupefacenti, tenta inutilmente di smascherarlo. In una disputa alle Nazioni Unite, l’inquisitore Harry J. Anslinger e il delegato italiano si scontrano a causa di Luciano. Spinta dall’opinione popolare mondiale, la Guardia di Finanza sottopone Lucky a pedinamenti, interrogatori e perquisizioni. Nessuno scopre una sola prova contro di lui. Lucky Luciano muore per un arresto cardiaco all’aeroporto di Napoli, portando il mistero nella sua tomba.

Mean Streets (1973)

Il terzo film diretto da Martin Scorsese Mean Streets è tra i più importanti della sua filmografia. Scorsese ha affermato di essere stato attratto dall’idea di realizzare un film su di lui e sui suoi amici. Ha persino sfidato il personaggio di De Niro, Johnny Boy, il pazzo spericolato del film. Il film si svolge nella location di Little Italy, New York, oltre a raccontare le esperienze di Scorsese, c’è la mafia, la corruzione dei poliziotti, il crimine. La confezione è ancora quella da film indie low budget, girato in 16mm: questo rende questo film di mafia ancora più realistico ed affascinante.

VAI AI FILM DA VEDERE

Il Padrino (1972)

L’opera d’arte cinematografica di Francis Ford Coppola è un adattamento dell’omonimo romanzo di Mario Puzo. Marlon Brando offre tra le sue migliori interpretazioni come Don Vito Corleone, il patriarca della mafia a Corleone.

Questo è il film di mafia più popolare mai realizzato. Ogni appassionato di cinema riconoscerà l’immagine di Don Vito che tiene in braccio il felino o di Michael che chiude la porta alla sua vita precedente. Il Padrino incorpora alcuni dei minuti più significativi della storia del cinema. Puzo e allo stesso modo la splendida sceneggiatura del film di Coppola sono una base ideale per una produzione cinematografica epica ed importante, di grande valore figurativo e pittorico. Si tratta di un film dove l’azione e il crimine passa in secondo piano per lasciare spazio ad una grande saga familiare ed alle complesse dinamiche relazionali tra le famiglie mafiose.

The Godfather Part II (1974)

Un’altra opera d’arte cinematografica, con Michael Corleone interpretato da Pacino. Le melodie memorabili si gonfiano e la catastrofe di entrambi i film del Padrino ti travolge come una tempesta. Molto probabilmente nessun personaggio mostra la frase “il potere logora” più di Michael Corleone. Attraverso 2 film, vediamo come la sua crescita come mafioso sia direttamente correlata alla sua discendenza familiare. Entrambi i film sono opere d’arte, tuttavia Il Padrino II occupa la primissima posizione per la sua straordinaria messa in scena sul mondo della mafia.

L’onore dei Prizzi (Prizzi’s Honor, 1985)

E’ un film sulla mafia americano del 1985 diretto da John Huston, con Jack Nicholson e Kathleen Turner nei panni di 2 abili assassini della mafia che, dopo essersi innamorati, lavorano per eliminarsi a vicenda. La sceneggiatura del film co-scritta da Richard Condon è basata sul suo libro del 1982 con lo stesso identico nome. Il cast di supporto del film è composto da Anjelica Huston (figlia del regista e allora fidanzata di Nicholson), Robert Loggia, John Randolph, CCH Pounder, Lawrence Tierney e William Hickey. Stanley Tucci appare in una piccola parte. È stato l’ultimo dei film di John Huston ad essere distribuito nel corso della sua vita. Il film ha ottenuto 8 candidature ai 58 ° Academy Awards (Miglior film, Miglior regista, Miglior attore e Miglior sceneggiatura adattata) con la figlia di Houston che ha vinto come Miglior attrice non protagonista. Il film ha anche vinto quattro Golden Globe.

Il siciliano (The Sicilian, 1987)

E’ un film sulla mafia drammatico storico del 1987 diretto e coprodotto da Michael Cimino. Il film è stato adattato da Steve Shagan e da un Gore Vidal non accreditato tratto dall’omonimo libro di Mario Puzo del 1984. Christopher Lambert interpreta Salvatore Giuliano, il famigerato fuorilegge che ha tentato di liberare la Sicilia dei primi anni ’50 dalla guida italiana. Il film è interpretato anche da Terence Stamp, Joss Ackland, John Turturro e Barbara Sukowa.

Salvatore Giuliano, famigerato fuorilegge, insieme alla sua banda di guerriglieri, cercò di liberare la Sicilia dei primi anni ’50 dal dominio italiano e farne uno stato americano. Giuliano ruba ai ricchi proprietari terrieri per dare le risorse ai contadini, che a loro volta lo acclamano come loro salvatore. Man mano che il suo fascino di lui cresce, cresce anche il suo ego, e alla fine crede di essere al di sopra del potere del suo sostenitore, il mafioso Don Masino Croce. Don Croce, a sua volta, si propone di eliminarlo convincendo il cugino e più stretto consigliere Gaspare “Aspanu” Pisciotta ad assassinarlo.

Gli intoccabili (1987)

Interpretato da star straordinarie e diretto da Brian De Palma, Gli intoccabili è tra i film di mafia più popolari mai realizzati. Kevin Costner, Sean Connery e Robert De Niro ci offrono interpretazioni notevoli. Gli intoccabili è un film di crimine del periodo del proibizionismo che integra dramma, criminalità e thriller in un modo eccezionale. Pur avendo una confezione classica e mainstream, il film rivela pian piano un’anima nascosta di cinema d’avanguardia: il genio balistico di De Palma nella scena finale della sparatoria alla stazione di Chicago, ispirata al film capolavoro dell’avanguardia russa la corazzata Potëmkin di Eisenstein, è arte delle immagini in movimento all’ennesima potenza.

VAI AI FILM DA VEDERE

Il padrino parte 3 (The Godfather Part III, 1990)

E’ un film di mafia americano del 1990 prodotto e diretto da Francis Ford Coppola dalla sceneggiatura del film scritta in collaborazione con Mario Puzo. Il film è interpretato da Al Pacino, Diane Keaton, Talia Shire, Andy García, Eli Wallach, Joe Mantegna, Bridget Fonda, George Hamilton e Sofia Coppola. È l’ultima e la terza parte della trilogia de Il Padrino. Seguito de Il padrino (1972) e Il padrino parte II (1974), conclude la storia immaginaria di Michael Corleone, il patriarca della famiglia Corleone che cerca di legittimare il suo impero criminale. Il film contiene anche resoconti romanzati di due eventi della vita reale: la morte di Papa Giovanni Paolo I nel 1978 e lo scandalo bancario papale del 1981-1982, entrambi collegati agli affari di Michael Corleone.

Il Padrino Parte III ha ottenuto recensioni favorevoli, anche se non esattamente allo stesso livello dei primi 2 film; i critici hanno applaudito la bravura di Pacino e la sceneggiatura del film, tuttavia, hanno criticato la trama complicata e l’interpretazione di Sofia Coppola. Il film ha incassato 136,8 milioni di dollari ed è stato scelto per 7 Academy Awards, tra cui Miglior film. Nel dicembre 2020, è stata lanciata una variazione recut del film, intitolata The Godfather Coda: The Death of Michael Corleone, per accompagnare il 30 ° anniversario della variazione iniziale.

Donnie Brasco (1997)

Donnie Brasco è un film di mafia interpretato magistralmente da Johnny Depp e Al Pacino. Racconta la storia dell’attività criminale negli anni ’70 da 2 punti di vista; l’FBI e la mafia. Depp trova un insolito equilibrio di profondità psicologica nell’interpretare un doppio ruolo di rappresentante dell’FBI (Joseph Pistone) che cambia l’identità dopo essere entrato nella mafia (Donnie Brasco) Il film è influenzato da una storia vera che fornisce un senso di verità e credibilità al racconto.

Goodfellas (1990)

Goodfellas è uno dei grandi capolavori del cinema di mafia. Martin Scorsese ha utilizzato un adattamento del romanzo Wiseguy di Nicholas Pillegi per la sceneggiatura del film. Lo stile del regista adrenalinico e spettacolare esplode in questo film con continui fuochi d’artificio. Tante sono le scene memorabili e il contrappunto tra canzoni romantiche e violenza è un’invenzione eccezionale.

Il film inizia con Liotta come narratore che afferma “per quanto posso tenere a mente, ho sempre desiderato essere un gangster”. Da lì, il film ti porta in un’avventura nel mondo della mafia italiana a Brooklyn e, a metà visione, molto probabilmente desideri essere tu stesso un mafioso. C’è sesso, droga e dipendenze in abbondanza. Alla fine del film, Scorsese si sbarazza della visione attraente dei gangster e mostra il suo personaggio principale con qualcosa che ogni gangster detesta: un topo intrappolato.

Gomorra (2008)

Negli anni 2000 la produzione cinematografica mondiale si è ampliata per produrre film di mafia come genere spettacolare. I famosi film di mafia hanno avuto molto apprezzamento. Gomorra si basa su un libro con lo stesso nome su una famiglia della camorra napoletana ma in realtà è un film anti spettacolare, girato con un rigore estremo ed una regia fuori dagli schemi. Gomorra è un atto d’accusa contro i film di mafia che hanno spinto i giovani a condurre una vita criminale ed è una galleria di personaggi indimenticabili. Girato da Matteo Garrone con la cinepresa a mano con uno stile realistico e attori straordinariamente efficaci, è uno spaccato di vita della camorra nella zona di Napoli straordinariamente potente. Probabilmente il miglior film sulla camorra della storia del cinema.

Sicilian Ghost Story (2017)

Sicilian Ghost Story è un film di mafia italiano del 2017 diretto da Fabio Grassadonia e Antonio Piazza. È basato sulla narrazione su fatti reali “Il cavaliere bianco” nel volume We Won’t Be Confused Forever di Marco Mancassola. Il film è stato selezionato nella Settimana Internazionale della Critica al Festival di Cannes 2017. È stata la prima volta in assoluto che un film italiano ha aperto la Settimana della Critica, ricevendo una standing ovation di dieci minuti.

In un paesino siciliano ai margini di un bosco, Giuseppe, un ragazzino di 13 anni, scompare. Luna, la sua compagna di scuola innamorata di lui, non accetta la sua strana scomparsa. Si ribella al silenzio e alla complicità che la circondano, e per scoprire il mistero scende nel mondo oscuro che lo ha di fatto inghiottito e che ha come ingresso magico un lago. Solo il loro amore indissolubile avrà la capacità di riportarlo in vita.

Piccolo film indipendente poco conosciuto e distribuito con difficoltà, è in realtà un vero e proprio capolavoro. Una cinematografia eccezionale, scene sottomarine e una narrazione meravigliosa, i co-registi hanno trovato un tono da favola nera sorprendente per raccontare una storia terribile basata su delitto di mafia reale. Un superbo lavoro tecnico che trasforma la dura verità in un mito con numerose implicazioni, potenziando il significato degli eventi in un limbo tra reale e sogno spettrale. Imperdibile.

Centinaia di film e documentari selezionati senza limiti

Nuovi film ogni settimana. Guarda su qualsiasi dispositivo, senza nessuna pubblicità. Annulla in qualsiasi momento.
error: Content is protected !!

Indiecinema Film Festival 2022

Indiecinema Film Festival 2022

Dal 5 Dicembre al 31 gennaio guarda in streaming la selezione dei film in concorso: cortometraggi, documentari e film indipendenti da tutto il mondo