fbpx

24 film fantascienza horror da non perdere

Indiecinema Film Festival 2022

Dal 5 al 26 dicembre guarda i film del festival in streaming: una numerosa selezione dei migliori film indipendenti inediti da tutto il mondo.

Indice dei contenuti

Non è facile mescolare i due generi, eppure ci sono molti film da vedere assolutamente nella fantascienza horror. I migliori film di fantascienza horror non sono spesso dei film mainstream costosi ma film indipendenti a basso budget. Le categorie dei film di fantascienza e film horror sembrano fatte apposta per funzionare bene l’una con l’altra. L’attrazione dei film di fantascienza per mondi sconosciuti e l’enfasi è la tensione dell’horror si traducono spesso in film coinvolgenti e con atmosfere affascinanti.

Fantascienza e horror condividono molte cose: temi immaginari della scienza si snodano attraverso l’orrore, e l’horror entra in numerose opere che altrimenti sarebbero direttamente fantascienza. Se la fantascienza è la letteratura delle idee bizzarre e impossibili della scienza e l’horror è la letteratura della paura, c’è molto spazio per mescolarsi.

film-fantascienza-horror

Prendi Frankenstein del 1818 di Mary Shelley. Shelley ha deciso di scrivere una storia horror, ma così facendo non solo è diventata uno dei più importanti libri horror della storia, ma ha anche scritto quello che è forse tra i primi veri libri di fantascienza. Senza la sperimentazione di laboratorio di Victor Frankenstein, una proiezione immaginaria scientifica basata su ciò che si comprendeva dell’elettrofisiologia ai tempi di Shelley, l’intera storia non esisterebbe.

Perché fantascienza e horror vanno così bene insieme? Ci sono molte cose in cui le due categorie possono combaciare efficacemente. L’ horror è paura, e la scienza può nutrire queste paure: le preoccupazioni del futuro, della malattia, della morte e, forse, soprattutto, della preoccupazione per l’ignoto. La più grande innovazione può anche essere la stregoneria per qualcuno che non comprende come funzionano le cose da un punto di vista scientifico e razionale. Per alcuni con fedi profondamente radicate, la scienza e la razionalità rappresentano dei rischi per la propria fede.

Alcune delle preoccupazioni che la scienza può evocare sono molto più viscerali, come può confermare qualsiasi studente di scuola superiore che abbia effettivamente dovuto sezionare un feto di maiale durante le lezioni di biologia. Il lato oscuro della missione dell’umanità per la conoscenza ha un lato oscuro: vivisezioni, mostruosità in contenitori, scarafaggi divoratori di carne, incidenti chimici ed esperimenti falliti.

film-fantascienza-horror

In alcune storie horror e film, gli temi della fantascienza non vengono utilizzati per amplificare la paura, ma per agganciare il pubblico. Gli scrittori ed i registi utilizzano componenti di vera scienza e innovazione per sviluppare un mondo narrativo più ricco e convincente rispetto al quale le paure irrazionali hanno un effetto maggiore.

La fantascienza riconosce il proprio lato oscuro, categoria che controlla spesso tematiche terribili in gran parte dei suoi sottogeneri distopici. Molti concetti della fantascienza possono essere visti attraverso una lente oscura. Nelle esperienze di fantascienza come Star Trek, l’innovazione è interessante e interessante; nella scienza immaginaria spaventosa di The Terminator la robotica e i sistemi di intelligenza artificiale si ribellano e creano il caos.

Nella vita reale, i ricercatori cercano la vita extraterrestre con l’aspettativa che qualsiasi scoperta di altre civiltà andrà a beneficio dell’umanità. Nella letteratura di H.P. Lovecraft, che in realtà è stato almeno altrettanto importante di Frankenstein, l’umanità non incontra assolutamente nulla, tranne abiette paure. Da allora, una varietà di spaventosi extraterrestri è stata rappresentata attraverso i film sugli alieni, ed molto probabile che il tipico fan della fantascienza immagini uno xenomorfo con i denti e sanguinante acido quando qualcuno gli chiede di pensare a un alieno.

La narrativa apocalittica è stata in realtà un sottogenere privilegiato per incrociare fantascienza e horror. Ancora una volta, Mary Shelley ha aiutato a radicare questo ramo della terribile fantascienza con il suo romanzo The Last Man del 1826. Dopo la seconda guerra mondiale, lettori e autori furono preoccupati dall’olocausto nucleare e dalla terza guerra mondiale. Oggi, la guerra nucleare appare lontana e meno minacciosa, tuttavia la nostra fame di storie apocalittiche non è diminuita. La distinzione principale è che i registi e gli autori hanno effettivamente messo da parte la Bomba a favore di folle fameliche di zombi, grazie ad un romanzo horror fantascientifico di Richard Matheson del 1954 I Am Legend, da cui è stato tratto il celebre film L’ultimo uomo sulla Terra .

Frankenstein (1931)

Frankenstein di Mary Shelley è comunemente considerato il primo racconto di fantascienza, mentre l’adattamento cinematografico di James Whale è stato tra i primi film horror mai realizzati prima. Frankenstein del 1931 è ancora uno classico horror di fantascienza visto e apprezzato. Da Boris Karloff che interpreta il mostro a scene angoscianti che la censura ha tentato di tagliare, Frankenstein è un’opera d’arte cinematografica.

La moglie di Frankenstein (1935)

La moglie di Frankenstein è un film di fantascienza horror americano del 1935, nonché il primo vero seguito del film Frankenstein del 1931 della Universal Pictures. Simile al primo film, è stato diretto da James Whale con Boris Karloff nei panni del mostro e Colin Clive nei panni del dottor Frankenstein. Il film prende una sottotrama del libro di Mary Shelley, Frankenstein (1818).  

La sua storia segue un castigato Henry Frankenstein mentre cerca di abbandonare le sue strategie per creare la vita, solo per essere attirato e infine ricattato dal suo vecchio consigliere, il dottor Pretorius, oltre ai rischi nel costruire una compagna per  il mostro. Il film ha avuto problemi con la censura alla sua uscita.  Negli anni la fama del film si è ampliata, ed è attualmente considerato un film di culto tra i migliori sequel mai realizzati. Molti fan e critici lo considerano un rinnovamento sull’iniziale, ed il miglior film di Whale.

Il mostro del pianeta perduto (1955)

E’ un film di fantascienza horror post-apocalittico in bianco e nero del 1955, prodotto e diretto da Roger Corman, con Richard Denning, Lori Nelson, Adele Jergens, Paul Birch e Mike Connors. Chet Huntley della NBC, in seguito di The Huntley-Brinkley Report, ha agito come narratore del film. È stato lanciato come B movie in un doppio lungometraggio con Il fantasma da 10.000 leghe.

Una guerra atomica ha effettivamente danneggiato la maggior parte della civiltà umana, lasciando la Terra inquinata da ricadute radioattive. Un’eccezione è un canyon separato, circondato da scogliere di piombo, in cui l’ex comandante della Marina degli Stati Uniti Jim Maddison (Paul Birch) si occupa di sua figlia Louise (Lori Nelson) in una casa che ha rifornito di prodotti in previsione di un tale armageddon. Louise è fidanzata e sta per sposarsi, tuttavia il suo fidanzato si è perso. Tiene la sua foto sul comodino (che in realtà era un’immagine di Roger Corman).

Plan 9 from Outer Space (1957)

Plan 9 from Outer Space è un film horror di fantascienza indipendente americano del 1957 prodotto, scritto, diretto e montato da Ed Wood. Il film è interpretato da Gregory Walcott, Mona McKinnon, Tor Johnson e “Vampira” (Maila Nurmi) ed è raccontato da Criswell. La storia del film parla di extraterrestri che cercano di impedire all’umanità di produrre un’arma che potrebbe danneggiare lo spazio profondo. Gli alieni realizzano il “Piano 9”, un piano per rianimare i morti della Terra, descritti come “spiriti maligni”. Attivando il tumulto, gli alieni sperano che la crisi richieda all’umanità di ascoltarli; in caso contrario, gli alieni danneggeranno l’umanità con eserciti di non morti.

Plan 9 from Outer Space è stato spesso definito il “peggior film mai realizzato” un cinema così brutto da essere fantastico, e ha effettivamente ottenuto un grande seguito di culto. Un’ombra evidente del microfono a braccio si vede chiaramente in una scena della cabina di pilotaggio, mentre la sceneggiatura può essere vista in mano a Trent. Durante la primissima scena della cabina di pilotaggio dell’aeroplano, il primissimo ufficiale controlla da un copione e un lampo di luce mostra l’ombra del microfono ad asta.

La star principale Gregory Walcott, ha commentato anni dopo: “Ed aveva cattivo gusto ed era sfrenato. Se avesse avuto 10 milioni di dollari, Plan 9 sarebbe stato comunque una merda. Mi piaceva Ed Wood, tuttavia potrei non riconoscergli alcun genio. Il suo problema principale era realizzare il suo prossimo film… Anni dopo Vampira ricordò “Non avevo un buon vestito per Plan 9. Quello che usavo era vecchio, rotto. Sembra che avessi un buco nell’inguine dell’abito, se osservi … Ma pensavo, “oh beh, nessuno vedrà mai questo film, quindi non importa.”

Occhi senza volto (1960)

L’istruttore Génessier, un famoso chirurgo specializzato in trapianti, è responsabile di un incidente con da cui suo figlio Christiane è uscito vivo ma con una faccia terribilmente mutilata. Con l’aiuto di un assistente, attira le donne nel suo laboratorio, per prendere la pelle dai loro volti e utilizzarla per le ferite del suo ragazzo. Un’operazione così difficile che Génessier ha bisogno di replicarla di continuo, dopo ogni fallimento degli innesti. Christiane, una maschera sul viso, ancora non capisce assolutamente niente…

I critici francesi hanno affermato che si trattava o di una ripetizione dell’espressionismo tedesco o semplicemente di una delusione per il salto del regista da regista di documentari a film di genere. La stampa britannica ha affermato che quando un regista come Georges Franju fa un film horror, non si può cercare di trovare allegorie o livelli di lettura. Eyes Without a Face è uscito nelle sale nel settembre 1986 per accompagnare le retrospettive al National Film Theatre di Londra e alla Cinémathèque Française. Con un nuovo interesse, il film ha iniziato a essere rivalutato. La critica francese è stata significativamente più incoraggiante di quanto non fosse alla sua uscita preliminare. Il pubblico ha trovato la natura poetica del film confrontandolo con l’opera del poeta e regista francese Jean Cocteau.

Il mulino delle donne di pietra (1960)

Il mulino delle donne di pietra è un film del 1960 diretto da Giorgio Ferroni. È considerato uno dei massimi esempi italiani di film horror fantastico. È il primo film horror italiano realizzato a colori. Alcuni critici hanno trovato riferimenti letterari a Edgar Allan Poe, Apollinaire e Alberto Martini e collegamenti stilistici non solo ad André De Toth (La maschera di cera) o Mario Bava (La maschera del diavolo), ma anche, nell’uso delle inquadrature, in Luis Buñuel. Tematicamente, la storia è una reinterpretazione inedita dell’archetipo dello scienziato pazzo che sacrifica vite innocenti per salvare quella di una persona cara, una situazione che in quegli anni ispirò anche Eyes Without a Face, Seddok, l’erede di Satana e Gritos en la noche.

La ricerca sull’arte popolare olandese porta lo studente Hans von Armin a incontrare Gregorius Wahl, uno scultore che vive con la sua bellissima figlia Elfi. Gregorius possiede un imponente carillon all’interno di un mulino in cui allo scoccare dell’ora compaiono statue a grandezza naturale di famose eroine del passato. Hans sarà presto sedotto dai giovani Elfi ma, rifiutata poi, la giovane morirà, a causa di una malattia, che la porterà alla crisi.

L’ultimo uomo sulla Terra (1964)

L’ultimo uomo sulla Terra è un film di fantascienza horror post-apocalittico del 1964 basato sul romanzo I Am Legend del 1954 di Richard Matheson. Il film è stato diretto da Ubaldo Ragona e da Sidney Salkow. Nel cast Vincent Price e Franca Bettoia. La sceneggiatura del film è stata scritta in parte da Matheson, tuttavia lo scrittore è rimasto deluso dal risultato.

È il 1968 e il dottor Robert Morgan rimane in una Terra in cui ogni altra persona è stata contaminata da un virus che li ha effettivamente trasformati in non morti, animali vampirici che non sopportano il sole, hanno paura degli specchi e sono anche respinti dall’aglio. Certamente eliminerebbero Morgan se potessero, eppure sono poco intelligenti oltre che deboli. Ogni giorno Morgan esegue lo stesso identico rituale: si sveglia, raccoglie i suoi strumenti e va alla ricerca di vampiri, eliminandone il maggior numero possibile e bruciando i corpi per evitare che tornino. Durante la notte, si nasconde all’interno della sua casa.

Il film non è stato considerato un successo al momento del suo lancio, in seguito è diventato un classico, forse il ruolo più interessante di Vincent Price. Ci fu un remake del 1971 con Charlton Heston, The Omega Man, ma non è allo stesso livello.

Terrore nello spazio (1965)

Terrore nello spazio è un film di fantascienza del 1965 diretto da Mario Bava, basato sul racconto del 1960 A 21 Hour Night di Renato Pestriniero. Viene segnalato tra i migliori film di fantascienza italiani e come fonte di ispirazione per la realizzazione di Alien (1979) di Ridley Scott. Costretto a fare i conti con un budget basso, Mario Bava sfrutta abilmente gli elementi horror per comunicare esteticamente il senso del mistero e del rischio. Con un paio di tecniche artigianali, il regista produce un mondo permeato di ombre e nebbie coprenti, pronte a decollare con un fulmineo fulgore o un grido di orrore.

2 grandi navi interplanetarie, in un viaggio di spedizione in alcune località non identificate della zona, ricevono un SOS da Aura, un mondo disabitato e non identificato. Le due navi, la Galliot e l’Argos, scelgono di arrivare in quel mondo che appare morto e desolato. Durante la discesa in superficie, i membri del team Argos vengono inaspettatamente presi da una forza non identificata che li spinge ad uccidersi a vicenda. Il capitano Markary ha la volontà di resistere, riuscendo a risvegliare gli altri membri della squadra dal violento stato ipnotico.


La notte dei morti viventi (1968)

La notte dei morti viventi è un film horror fantascientifico indipendente americano del 1968 diretto, fotografato e a montato da George A. Romero, con una sceneggiatura di John Russo e Romero. La storia racconta di 7 individui che vengono catturati in una fattoria di campagna nella Pennsylvania occidentale, che è attaccata da un gruppo di zombi carnivori.

 Avendo effettivamente acquisito esperienza tramite spot televisivi e film commerciali per la loro azienda di produzione con sede a Pittsburgh The Latent Image, Romero e anche i suoi amici Russo e Russell Streiner decisero di realizzare le loro aspirazioni di realizzare un lungometraggio.  Scegliendo di realizzare un film horror sugli zombi Russo e Romero hanno utilizzato principalmente l’impatto del romanzo I Am Legend di Richard Matheson del 1954 . Gli attori e la troupe includevano i loro familiari e amici, attori amatoriali e cittadini del luogo.  Il film è stato il suo lancio alla regia, Romero ha utilizzato molte delle strategie di guerriglia che aveva effettivamente sviluppato nel suo lavoro commerciale e anche industriale per finire il film con un budget di circa 100.000 dollari. Dopo l’uscita al cinema a Pittsburgh il 1 ottobre 1968, il film ha incassato 30 milioni di dollari nel mondo, diventando una delle produzioni cinematografiche più redditizie mai realizzate.

Alien (1979)

Aliens è un film horror fantascientifico a combustione lenta:  il regista Ridley Scott utilizza i primi 45 minuti del film per descrivere i personaggi e le loro relazioni, quindi, quando una forma di vita insolita inizia a insinuarsi tra loro, il pubblico sente davvero la paura del gruppo di astronauti. Ci sono alcune scene tra le più leggendarie mai viste nella categoria cinematografica dell’horror di fantascienza. 

Scanners (1981)

Scanners è ricordato per la famosa scena in cui la testa di un uomo viene esplosa da un telepate, ma questa è semplicemente la punta dell’iceberg. Il film ha molto di più da raccontare grazie anche a Michael Ironside nei panni di Daryll Revok. La storia di un’azienda malvagia che prende di mira i telepati è solo una delle cose affascinanti in questo mix di fantascienza e orrore, che è anche una feroce critica al potere dei mezzi di comunicazione di massa.

The Thing (1982)

Questo remake di La cosa da un altro mondo è una storia claustrofobica e cupa riguardante un team di scienziati in una stazione antartica che viene invaso da un alieno assassino che può imitare qualsiasi tipo di essere vivente. I personaggi del film non hanno più nessuno su cui poter fare affidamento. Grazie agli effetti speciali, alla magnifica regia di John Carpenter e a una costante sensazione di tensione praticamente in ogni scena, La cosa è un’opera d’arte della categoria horror di fantascienza, sebbene sia stata seriamente sottovalutata dalla critica e dal pubblico al momento del lancio.

Videodrome (1983)

Videodrome è un film horror di fantascienza canadese del 1983 scritto e diretto da David Cronenberg e interpretato da James Woods, Sonja Smits e Debbie Harry. Max Renn è il capo di CIVIC-TV, un stazione televisiva di Toronto incentrata su programmi sensazionalistici. Harlan, l’autista di CIVIC-TV, rivela a Max Videodrome, un programma senza trama trasmesso dalla Malesia che mostra persone che vengono gravemente ferite e anche uccise.  Pensando che questo sia il futuro della tv, Max ordina ad Harlan di iniziare a utilizzare il programma senza licenza. 

Videodrome è stato il film iniziale di Cronenberg a ottenere il supporto di uno studio hollywoodiano.  Con il piano di spesa più alto dei suoi film precedenti, il film è stato un fallimento al botteghino, recuperando solo $ 2,1 milioni da un piano di budget di $ 5,9 milioni. Attualmente è considerato uno classico di culto, menzionato come uno dei migliori di Cronenberg, nonché un esempio vitale del body horror e di fantascienza. 

The Terminator (1984)

The Terminator di James Cameron includeva temi di tecnofobia e fiducia in se stessi nel suo racconto di un viaggio nel tempo riguardante un innovativo robot tornato indietro nel tempo per eliminare la mamma dell’uomo che un giorno guiderà una resistenza contro i creatori di un governo autoritario e la loro battaglia contro l’umanità. Sia un segno delle cose a venire per quanto riguarda i rischi della creazione di un robot senzienti e anche un viaggio avventuroso alimentato dall’orrore con la sua fitta storia a un ritmo vertiginoso, The Terminator è un impressionante film horror, di fantascienza e di azione.

La Mosca (1986)

Il regista horror David Cronenberg ha prodotto tra le migliori creazioni del sottogenere horror fantascientifico con The Fly, la storia di un ricercatore il cui esperimento di teletrasporto lo trasforma in una mosca umana. Jeff Goldblum funziona bene, mentre Chris Walas e il trucco di Stephan Dupuis sono meravigliosamente orribili. Inevitabilmente, Il film è stato liberamente adattato da un racconto del 1957 di George Langelaan, ma i suoi avvertimenti sui rischi umani di voler essere un Dio possono essere ricondotti a Frankenstein di Mary Shelley.

Predator (1987)

Una navicella spaziale lancia un bus navetta verso la Terra, dove l’esperto di guerra del Vietnam, il maggiore Alan “Dutch” Schaefer e il suo gruppo di soccorso delle forze armate, tra cui Mac, Poncho, Blain, Billy e Hawkins, sono incaricati di salvare un ministro e il suo assistente dagli insorti. Il poliziotto della CIA Al Dillon, un amico degli olandesi durante la guerra del Vietnam, è designato per accompagnare il gruppo.  Durante il viaggio, il gruppo scopre il relitto di un elicottero e anche 3 resti scuoiati.

Predator è stato un successo guadagnando 98 milioni di dollari in tutto il mondo.  Le prime recensioni sono state contrastanti, ma il film oggi è considerato un classico dell’azione horror di fantascienza e tra i film cult degli anni ’80. Il successo di Predator ha generato un’attività in franchising multimediale di film, storie, fumetti, giochi per computer e anche giocattoli. Predator è un film di fantascienza più intelligente di quello che sembra dalla sua confezione mainstream e ha anche alcuni sequenze horror sottovalutate tra le più estreme. I principi della fantascienza tradizionale, come l’uso della tecnologia moderna di HG Welles in War of the World’s, si trasformano in personaggi che sono assassini tecnologici.

Essi vivono (1988)

They Live è un film horror di fantascienza americano del 1988 di John Carpenter, basato sulla narrativa del 1963 “Eight O’Clock in the Morning” di Ray Nelson.  Il film è interpretato da Roddy Piper, Keith David e Meg Foster. Il film racconta di un vagabondo che scopre tramite occhiali da sole speciali gli alieni che nascondono il loro aspetto sotto sembianze umane per dominare il pianeta per mezzo di messaggi subliminali nei mezzi di informazione.

Il film è stato un piccolo successo al momento del suo lancio, debuttando al numero 1 della biglietteria nordamericana.  Dapprima ottenne recensioni sfavorevoli, che ne rimproverarono il discorso sociale. Tuttavia, come altri film di Carpenter, in seguito ha ottenuto uno status da film cult horror anni 80, diventando uno dei film distopici più famosi di sempre.  Il film è entrato nella cultura pop, oltre ad aver avuto un risultato a lungo termine sulla street art.

Un vagabondo senzatetto, arriva a Los Angeles per trovare un lavoro.  Mentre è per strada, vede un predicatore che avvisa che “loro” hanno effettivamente assunto persone per dominare l’umanità. Nada trova lavoro in una ditta di costruzioni e fa amicizia con il collega Frank, che lo invita in una cucina di una baraccopoli guidata da un ragazzo di nome Gilbert.

Punto di non ritorno (1997)

È un film di fantascienza del 1997 diretto da Paul W. S. Anderson e scritto da Philip Eisner, con Laurence Fishburne, Sam Neill, Kathleen Quinlan e anche Joely Richardson. Ambientato nel 2047, racconta di uno staff di astronauti inviato in missione di salvataggio dopo che un veicolo spaziale scomparso, l’Event Horizon, si presenta in orbita attorno a Nettuno, solo per scoprire che una presenza minacciosa è tornata con esso. È stato bocciato dai critici e non è stato un successo, poi è diventato un cult senza tempo amato dall’horror fantascienza. La paura mitologica e la fisica quantistica si mescolano tra loro per un viaggio indimenticabile e cruento.

Mimic (1997)

Mimic di Guillermo del Toro è un film di fantascienza horror 8n cui, 3 anni dopo che i ricercatori hanno sviluppato un insetto selvaggio per eliminare gli scarafaggi che stavano diffondendo un’infezione letale intorno a New York, l’insetto torna ad affrontare il suo peggior avversario: l’umanità. Con un cast eccellente con Mira Sorvino e Josh Brolin, del Toro ha realizzato un film horror fantascientifico con molte paure e un messaggio nascosto sulla modificazione genetica.

Cube (1997)

Apparentemente è un film horror su personaggi catturati in un labirinto estremamente sofisticato, Cube è un film guidato principalmente dai dialoghi e dalla sua analisi di tipi di individualità all’interno della società. I personaggi del film si ritrovano all’interno di una gigantesca struttura di cavi d’acciaio interconnessi senza alcuna comprensione di come o perché si trovino esattamente lì. I loro dialoghi, mentre cercano di scoprire cosa sta succedendo e anche come possono scappare, esaminano concetti tanto intricati quanto ampi, come principi e psicologia dell’autoritarismo.

Prometheus (2012 )

Un film di Ridley Scott Alien che scava ancora più a fondo nei temi del regista di famosi film di fantascienza. Prometheus include concetti di spiritualità, come il desiderio pressante dell’umanità di risposte e significato. Ci sono molte scene inquietanti e spaventose tuttavia la sua vera paura ha origine dal perfido maggiordomo robotico assassino, David,il cattivo della storia, è interpretato da Michael Fassbender, che rende il personaggio un vero e proprio cattivo da film horror nello stesso genere dei mostri della Universal, come Frankenstein.

Under The Skin (2013)

Under the Skin è un film di fantascienza horror del 2013 diretto da Jonathan Glazer e scritto da Glazer e Walter Campbell, liberamente basato sulla storia del 2000 di Michel Faber. A Glasgow, un motociclista prende una ragazza morta dal ciglio della strada e la posiziona nel retro di un furgone, dove una donna nuda indossa i suoi vestiti.  Dopo aver acquistato vestiti e trucco in un centro commerciale, la donna guida il furgone, seducendo uomini. Tenta un uomo in una casa in rovina e l’uomo viene sommersi da un fluido.

Scarlett Johansson è impegnata in questo film horror fantascientifico d’autore riguardante un alieno che si traveste da donna attraente per sedurre gli uomini in una cattura letale. Con un alto livello di realismo nella maggior parte delle scene, c’è poco dell’eccitazione emotiva dei film di genere e il racconto si concentra molto di più su repressi motivi di identificazione e sessualità, con uno stile minimalista.

Coherence (2013)

È un film thriller horror di fantascienza americano del 2013 diretto da James Ward Byrkit nel suo lancio alla regia. Emily Foxler è nei panni di una donna che ha bisogno di prendersi cura di strani eventi riguardanti la morte di una cometa.

8 amici che soggiornano nel nord della California si riuniscono per una cena che si terrà a casa di Mike e Lee la sera della morte della cometa di Miller. Tra i visitatori, Emily, è riluttante sull’opportunità di accompagnare il suo amato Kevin in un lungo viaggio di lavoro in Vietnam.  Con costernazione dei partecipanti alla festa, il loro amico Amir porta Laurie, una donna civettuola nonché precedente partner di Kevin.  Durante la cena, la discussione viene stuzzicata dall’amarezza tra l’amica di Emily, Beth e Laurie, e si intensifica quando Laurie infastidisce Emily. La storia del film parte da una semplice idea di fantascienza che ha effetti labirintici. Il gruppo di amici che partecipa alla cena nel film lo fa alla vigilia della morte di una cometa e scoprono che ha creato un’evento insolito.  

Upgrade (2018)

Update è un film cyberpunk di fantascienza horror del 2018 di Leigh Whannell e interpretato da Logan Marshall-Green, Betty Gabriel e Harrison Gilbertson. Grey Trace, un automeccanico, chiede alla moglie Asha di aiutarlo a restituire un’auto ricondizionata al suo cliente Eron Keen, un importante azienda della tecnologia.  Mentre vede la sua residenza, Eron rivela il suo ultimo sviluppo, un chip chiamato STEM che può prendersi cura di un essere umano. Tornando a casa Gray e Asha si scontrano con un auto.  4 ragazzi eliminano Asha e sparano a Grey al collo, tagliandogli la spina dorsale.  Gray torna a casa mesi dopo come tetraplegico su sedia a rotelle, sotto le cure di sua madre, Pamela.  La morte di Asha e il fallimento per trovare i loro aggressori crea preoccupazione a Gray.  Dopo un tentativo di suicidio viene contattato da Eron che lo incoraggia ad provare un impianto dentale STEM.

Prima di dare la sua personale interpretazione a The Invisible Man, l’autore e regista Leigh Whannell è passato dal mondo horror alla fantascienza per una storia di vendetta cruenta su un ragazzo che fornisce il controllo del suo corpo a un innovativo programma di intelligenza artificiale che può trasformarlo in un inarrestabile killer. La paura del film si trova principalmente nel racconto, perfettamente mescolato con alcune idee fantascientifiche tipicamente horror riguardo al potere della tecnologia moderna nella perdita della libera scelta, il controllo e anche il desiderio umano di sottrarsi alla responsabilità.

Centinaia di film e documentari selezionati senza limiti

Nuovi film ogni settimana. Guarda su qualsiasi dispositivo, senza nessuna pubblicità. Annulla in qualsiasi momento.
error: Content is protected !!

Indiecinema Film Festival 2022

Indiecinema Film Festival 2022

Dal 5 al 26 Dicembre guarda in streaming la selezione dei film in concorso: cortometraggi, documentari e film indipendenti da tutto il mondo