16 film sulle streghe da non perdere. Dietro i film secoli di storia

Indice dei contenuti

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on email

Siamo abituati fin da piccoli a percepire i film sulle streghe e la stregoneria come spaventosi racconti del terrore, creati da registi e scrittori per stimolare la nostra fantasia e il nostro desiderio di confrontarci con la paura. Ma studiando più a fondo questi temi si scoprono gli aspetti più assurdi ed incredibili della storia umana. Uno dei temi principali dei film sulle streghe è il fenomeno della stregoneria. Una pratica che ha una storia molto antica che si perde nei secoli. 

Il personaggio della strega

film-sulle-streghe

La strega è una donna dedita alle arti magiche, dotata di solito di poteri occulti e interessata ad esercitare il potere con la magia nera. Non sempre però il termine strega ha un significato negativo: nel mondo pagano indicava semplicemente persone capace di usare filtri, erbe cristalli e conoscenze esoteriche

Una delle idee principali più diffuse sulla strega e che lavora in accordo con il diavolo per diffondere il male nell’umanità. Queste informazioni e credenze sono state strumentalizzate per trovare dei capri espiatori, come ad esempio persone con instabilità mentale, emarginati, anziani malati, persone dall’aspetto sgradevole. 

È quello che ha fatto la chiesa per secoli con la caccia alle streghe, accusando persone fragili o non allineate con la loro ideologia religiosa, di operare in accordo con Satana. È quello che continuano a fare ancora oggi i fondamentalisti islamici con i loro attacchi terroristici ai “peccatori occidentali”. 


Inizia ora una prova gratuita e guarda in streaming i film

Cerchi qualcosa in più delle solite piattaforme commerciali? Su Indiecinema puoi guardare in streaming centinaia di film indipendenti e d’autore rari, cult e documentari introvabili selezionati da tutto il mondo. Con un solo abbonamento e su qualsiasi dispositivo. Senza limiti, senza pubblicità. Nuovi film ogni settimana. Entra nel cineclub ora!

Film-in-streaming

Il Sabba delle streghe

film-sulle-streghe

Nelle antiche comunità soprattutto nel Medioevo la strega rappresentava un pericolo, una minaccia per le persone e per i raccolti dei terreni agricoli. Il sabba stregonesco era di solito una festa pagana che si teneva nei boschi, in onore del maligno. Attraverso i sabba le streghe potevano acquisire un potere pericoloso per chiunque. 

Le tracce di queste cerimonie si trovano dai tempi dell’Antico Egitto e attraversano millenni. Ancora oggi, anche se nessuno ne parla, sembra che i riti di magia nera siano una pratica comune in tutto il mondo. La letteratura classica greca e romana è ricchissima di racconti di streghe descritte come esseri mostruosi metà umani e metà animali. Questo tipo di figure sono presenti anche nella Mesopotamia, nell’ebraismo e nella Bibbia. 

In Italia i racconti di stregoneria sono molto diffusi nelle isole Eolie, le isole vulcaniche al largo delle coste della Sicilia. A partire dal 1200 il papà, dopo oltre un secolo di studi di presunti teologi sulla demonologia, apre ufficialmente la caccia alle streghe con un decreto ufficiale. Nel 1275 a Tolosa avviene la prima esecuzione su un rogo di una strega incriminata di praticare la magia nera. 


Sfoglia il catalogo e scegli il film da guardare

Indiecinema è un servizio di streaming in abbonamento dedicato agli amanti del cinema indipendente e dei tesori nascosti dell’arte cinematografica. Crea un circolo virtuoso: con il tuo abbonamento guardi centinaia di film e supporti contemporaneamente la produzione di nuovi film indipendenti e d’autore. Un unico abbonamento, nessun vincolo. Nuove uscite ogni settimana.

film-dessai

La persecuzione delle streghe 

film-sulle-streghe

Nei secoli diverse centinaia di migliaia di donne vengono bruciate sui roghi in tutta Europa. L’apice massimo dello sterminio delle donne accusate di essere streghe avviene nel 1400 grazie al testo Malleus Maleficarum, scritto da un frate tedesco su commissione della Chiesa Cattolica. Il testo fu un perfetto strumento di propaganda per diffondere queste credenze anche nella popolazione che aveva sempre negato l’esistenza delle streghe. 

Nel Malleus Maleficarum ci sono istruzioni estremamente pratiche per riconoscere e catturare le streghe che gli inquisitori hanno osservato per secoli. La tortura era utilizzata come strumento per estorcere confessioni sulla pratica della magia nera dalle donne. Le streghe erano percepite dalla popolazione che subiva gli influssi della propaganda come una vera e propria setta. 

Uno dei quartier generali della stregoneria europea era in Italia, a Benevento, sotto un albero di noce dove avvenivano sabba satanici tre volte a settimana. Non si tratta però solo di rituali in un bosco a Benevento: la setta delle streghe era organizzata con delle regole ed una vera e propria gerarchia: una struttura che riproponeva i modelli ecclesiastici di Roma con finalità e motivazioni opposte. L’ultima esecuzione di una strega al rogo avvenne in Italia nel 1828. 

A donare alle streghe il potere di volare è un unguento speciale che ritroviamo anche nel capolavoro letterario di Bulgakov, Il Maestro e Margherita. Esse volano verso il luogo dove avverrà il sabba e dove avranno l’onore di baciare l’ano a Satana in persona, un gesto rituale seguito da orge sessuali, balli e sacrifici umani di bambini. 

Spiegazioni razionali della stregoneria 

film-sulle-streghe

Il saggio di un medico olandese De praestigiis daemonum del 1563, ha il merito di ipotizzare per la prima volta un legame tra stregoneria e malattie mentali con carattere allucinatorio. Donne con gravi malattie mentali o con frustrazioni sono di solito quelle accusate di stregoneria. Ma diversi preti e teologi scrivono nuovi saggi nei secoli successivi, continuando ad affermare l’idea dominante di stregoneria. 

Molte delle caratteristiche salienti della stregoneria somigliano agli elementi di nuovi movimenti spirituali come la Wicca. In essi manca la nomenclatura che troviamo nelle grandi religioni e si rivolgono ad entità spirituali universali, con caratteristiche comuni ai culti pagani. I movimenti New Age si sono diffusi in tutto il mondo e sono oggi seguiti da milioni di persone. 

Forse l’ultimo, incredibile caso di caccia alle streghe è quello della persecuzione del leader spirituale indiano Osho, perseguitato negli anni 80 per la comune New Age che aveva creato nel deserto dell’Oregon, negli Stati Uniti. I fondamentalisti cristiani lo accusarono di essere il capo di una setta satanica. Arrestato senza nessun concreto capo d’accusa, Osho ha dovuto viaggiare da esule in tutto il mondo, incontrando decine di paesi che hanno rifiutato di ospitarlo. 

osho-oregon

Esiste ancora oggi la caccia alle streghe? Forse ha cambiato nome, forse le nuove streghe e i nuovi sciamani non hanno nulla a che vedere con i sabba satanici. Ma la tecnica del capro espiatorio sembra una delle tecniche principali messe in atto da tutti i poteri forti, sia politici che spirituali. Essi rivolgono sempre il loro dito indice accusatore con i mezzi di comunicazione di massa verso le categorie che devono essere demonizzate, e messe a rogo. 


Film da vedere senza limiti sulla tua TV

Guarda Indiecinema sulla tua TV trasmettendo i video direttamente dal tuo smartphone, o goditi lo spettacolo su qualsiasi altro dispositivo connesso a internet. Film da vedere selezionati con uno streaming perfettamente fluido su tutti i dispositivi connessi a internet. Riproduzione perfetta in alta definizione, su TV, computer, tablet o smartphone. Ovunque ti trovi, quando vuoi.

indiecinema-catalogo

Film sulle streghe da non perdere

Selezionati dai più importanti e fondamentali film da vedere per ogni amante del cinema, una serie di film sulle streghe o che ruotano attorno al tema della stregoneria da non perdere!

Haxan, la stregoneria attraverso i secoli

Girato nel 1922 dal regista Benjamin Christiansen. Profanazione di tombe, torture, suore indemoniate e sabba di streghe: Haxan, La stregoneria attraverso i secoli è un film incredibilmente originale e fuori dagli schemi che nel tempo è diventato leggendario. Tra documentario e finzione drammatica il film ci guida attraverso l’ipotesi scientifica che le streghe del Medioevo soffrivano degli stessi mali dei malati di mente dell’era moderna. 

Capolavoro della storia del cinema che inizia come un film saggio per diventare una fiction che anticipa il cinema horror gotico, fino a trasformarsi in un drammatico documentario sulla realtà dei fatti. Capacità figurativi immense, casting eccezionale, argomenti relativi alla stregoneria trattati con grande sensibilità e con intento di denuncia sociale. Sinceramente, per quanto possa piacere la confezione del cinema moderno, è raro oggi imbattersi in qualcosa come Haxan. 

Guarda Haxan

Halloween La notte delle streghe

Film indipendente realizzato con un budget ridicolo che incassa oltre 200 milioni di dollari. Fenomeno del 1979 che lancia definitivamente il genere slasher e consacra il genio del regista John Carpenter. Un film da cui diversi produttori cercheranno di spremere fino all’ultimo dollaro con innumerevoli sequel. Nessuno di questi film però sarà più diretto da John Carpenter, con la sua affascinante capacità di creare paura senza alcun effetto speciale, senza schizzi di sangue, senza nessuna star nel cast. Uno dei rari casi di film “veramente” indipendenti che sono diventati famosi a livello mondiale. Come succederà anni più tardi all’horror The Blair Witch Project

Guarda Halloween – la notte delle streghe

Suspiria

Durante il periodo di attacchi terroristici in Germania chiamato Autunno tedesco, la ballerina americana Susie Bannion si trasferisce a Berlino per entrare in una prestigiosa compagnia di ballo. Una delle allieve, Patricia Hingle, è sparita unendosi al gruppo terroristico Baader-Meinhof. In realtà è sparita dopo aver raccontato al suo psicoterapeuta, il dottor Josef Klemperer, di aver scoperto che la scuola nasconde una congrega di streghe la cui suprema sarebbe una certa Helena Markos. Secondo la versione della ragazza, ella si proclamerebbe quale personificazione di una delle tre divinità infernali conosciute come le Tre Madri, ovvero Mater Suspiriorum, la Madre dei Sospiri. 

Film sperimentale prodotto da una grande casa di produzione e diretto da Luca Guadagnino, è un’opera straordinaria che va oltre il linguaggio cinematografico standard a cui siamo abituati oggi. Film veramente spaventoso fin dalle prime sequenze. La trama ci porta progressivamente a scoprire i segreti e la setta di streghe che si nasconde dietro la scuola di ballo.

Il finale, che ad alcuni può sembrare eccessivo, è da manuale della storia del cinema: un’abile scelta estetica che sorprende e cambia completamente lo stile del racconto per mostrare l’orrore senza nessun filtro. Un film ancora recente ma che con il passare degli anni finirà sicuramente per essere accettato nelle liste dei film da vedere assolutamente e dei capolavori.

Iscriviti gratis a Indiecinema per 7 giorni

La vergine di cera

Il tenente Duvalier (Jack Nicholson), un soldato francese, perde i contatti con la sua unità ed è costretto a vagare da solo vicino al Mar Baltico. Mentre è alla ricerca del suo reggimento, scorge Helene (Sandra Knight), una misteriosa bellezza, camminare da sola. Incantato, Duvalier inizia a seguirla, ma lei svanisce. In seguito la raggiunge e la segue in un castello, dove incontra il bizzarro barone Von Leppe (Boris Karloff), trova segni di stregoneria e scopre la scioccante verità su Helene.

Film horror di Roger Corman del 1963, primo ruolo da protagonista di Jack Nicholson. Dietro la superficie di un film di genere c’è uno sviluppo interessante sui temi occulti legati alla stregonerie, come la capacità di prendere il controllo dei corpi fisici delle persone attraverso il corpo eterico e gli altri corpi invisibili. Viene citato anche il fenomeno del mesmerismo, termine nato dal nome del suo inventore, il medico tedesco Franz Anton Mesmer, vissuto nel Settecento.

Guarda La vergine di cera

Il grande inquisitore

Nel 1645, l’Inghilterra sta attraversando una guerra civile e vi sono sconvolgimenti sociali e politici. Ciò sta causando conflitti nelle città locali poiché gli uomini ne approfittano e sono in grado di acquisire potere sfruttando le superstizioni della stregoneria.

Uno di questi uomini è il cacciatore di streghe Matthew Hopkins (Vincent Price), che gira per le piccole città dei paesi abusando dell’ammissione delle presunte streghe. Allo stesso modo abusa dei suoi poteri per atti sessuali e guadagni finanziari. Quando un pastore viene maltrattato e impiccato da Hopkins, il fidanzato di sua nipote promette di rintracciarlo e ucciderlo.

Il film è una visione realistica e cupa di ciò che è accaduto durante quel periodo, con numerose scene di violenza, tormento, omicidio e stupro. Il film è degno di nota per numerosi fattori. Presenta una bella interpretazione di Price nei panni del malvagio Hopkins che si comporta come se riconoscesse che i suoi strani esami da stregoneria sono frodi, ma fa il lavoro per i vantaggi invece che per una convinzione di giustizia morale.

Price ha raccontato che tutti gli attori sul set hanno avuto un momento difficile con il regista, Michael Reeves, incapace di comunicare con gli attori. Il nome del film è stato modificato per la circolazione americana in The Conqueror Worm, in modo da coincidere con i film di Edgar Allen Poe di Price. Ha incassato in America circa $ 1.500.000. 

Ha conservato un seguito di culto a causa della sfortunata morte del regista, i seguaci dell’horror, i seguaci della stregoneria e anche i fan di Vincent Price. Se ti piace uno di questi, allora dovresti dare un’occhiata, è considerato un classico dell’horror britannico.

Le streghe

Gwen Mayfield (Joan Fontaine) è in viaggio missionario in Africa quando incontra un evento di praticanti del voodoo e soffre di un esaurimento nervoso. Ritorna in Inghilterra e prende un posto di insegnante in una piccola città, sperando di riprendersi dalle sue esperienze traumatiche.

Comincia a trovare eventi insoliti che accadono in città; una donna con la mano maciullata, un gatto domestico che la segue in giro, un bambino in coma, una bambola voodoo con degli spilli, il ragazzo e la sua mamma sono morti dopo una conversazione con una delle donne anziane, il papà del bambino annega, viene calpestata da un gruppo di pecore, regredisce dopo aver visto la maschera voodoo che c’era in Africa. Tutti questi eventi la portano a scoprire che esiste una congrega di streghe che intende avere una vergine tra i loro rituali.

Black Sunday

Nel 1630 in Moldavia, le streghe Asa Vajda (Barbara Steele) e Javuto vengono condannate a morte dal fratello di Asa e dall’Inquisizione. Vengono torturate, marchiate con la lettera “S” di Satana e mi viene messa una maschera di ferro inchiodata al viso.

200 anni dopo, tornano dal regno morti, quando un gruppo di professionisti medici scopre il luogo di sepoltura e danneggia accidentalmente la croce e il pannello di vetro. Uno dei medici professionisti si taglia sul vetro e il suo sangue fa tornare in vita la strega. Evoca Javuto con la strategia di drenare il sangue della sua parente, la principessa Katia (interpretata anche da Steele), al fine di ottenere la vita eterna.

Questo è un horror gotico creato in Italia che è considerato una delle straordinarie opere d’arte del cinema horror. Fa uso di un mix di atmosfera, suono, sangue e i suoi ambienti gotici per creare un film spaventoso. Ricorda gli eccellenti film horror in bianco e nero degli anni ’30 come Dracula, e avrebbe anche luogo per influenzare i film spaventosi della Hammer a cui sicuramente si ispira.

È degno di nota per essere il lancio alla regia di Mario Bava e dell’attrice Barbara Steele, entrambi per lo più associati allo stile horror. Bava avrebbe poi diretto film degni di nota Black Sabbath, Il corpo e la frusta, Sangue e pizzo nero, Kill Baby, Kill, A Bay of Blood, Lisa e il diavolo.

Steele finì per essere riconosciuta per il suo fascino sorprendente, gli occhi grandi e i capelli scuri ed è apparsa in numerosi film dell’orrore, da Pit and the Pendulum, The Horrible Dr. Hichcock, The Ghost, Castle of Blood, An Angel of Satana e la maledizione dell’altare rosso. Steele riesce nel suo ritratto delle personalità in conflitto, cambiando i volti dall’innocente principessa alla strega cattiva.

Ci sono molte scene notevoli, costituite dall’apertura in cui la strega viene torturata e uccisa. Ci sono ottime riprese ravvicinate della maschera di ferro e dei chiodi al suo interno, mentre si torna alle inquadrature della strega mentre la maschera si avvicina a lei. Poi c’è una scena mentre le martellano la maschera sul viso e il sangue fuoriesce.

Ci sono anche una serie di scene impressionanti in cui le tolgono la maschera e scorpioni appaiono dai suoi occhi vuoti, quindi una serie di scene che rivelano la sua rigenerazione. C’è anche una grande scena in cui Javuto esce dalla tomba in cui è nascosta, con la maschera ancora inchiodata alla testa.

Il film era liberamente basato su un racconto russo chiamato The Viy, che in seguito avrebbe ricevuto un adattamento russo il titolato Viy (1967) che era fedele al suo materiale di riferimento. Le scene esterne e alcune scene interne furono girate dagli studi di Scalera Film, mentre le scene interne sono state girate in un castello nel comune di Arsoli, in Italia. Il film ha avuto un discreto successo in Italia e anche negli Stati Uniti, ma ha ottenuto critiche molto positive e ha anche un forte culto tra i fan dell’horror. 

La sopravvissuta

Una donna viene messa in trance psichica e rimandata indietro nel tempo direttamente nel corpo di uno dei suoi antenati medievali, che è condannata a morire come strega. Fugge e una vera strega di nome Livia (Allison Hayes), che lavora con il diavolo. C’è anche un’altra strega, una canaglia che aiuta Livia, e uno dei sensitivi che fa un viaggio indietro nel tempo con lei.

Prodotto e diretto da Roger Corman, questo è un film di serie B insolito e divertente che è un mix di spaventoso: violenza, reincarnazione, viaggi nel tempo, commedia e divertimento sdolcinato. Ci sono scene divertenti con la strega e il folletto che si trasformano in numerosi animali, in particolare una coppia di pipistrelli dall’aspetto molto falso.

Anche il becchino è divertente con le sue rime e discussioni spiritose, come quando chiama il cimitero la sua “fattoria di carne”. Il maligno è fantastico, con le sue continue risate e anche un enorme forcone. Di sabato, convoca un trio di ragazze morte per arrampicarsi dalla tomba e ballare.

Il film è particolarmente degno di nota per l’aspetto dell’attrice Hayes, il suo abito molto attillato. Hayes era probabilmente una starlet di film di serie B degli anni ’50, soprattutto per la sua apparizione in L’attacco della donna di 50 piedi. Il film è stato girato in sei giorni con un piano di budget di $ 70.000, in un vecchio supermercato.

Ha un culto tra i fan di film spaventosi, drive-in, film indipendenti con budget ridotto. Se ti piace qualcuno di quelli, dopo devi dare un’occhiata. Se apprezzi questo film, potresti anche apprezzare come The Mole People, Attack of the Crab Monsters, The Leach Woman, The Deadly Mantis e Premature Burial.

Il film è un film horror britannico prodotto da Hammer Films, che divenne famosa per i suoi film spaventosi dagli anni ’50 agli anni ’70. Si basa sull’esclusivo The Devil’s Own di Norah Lofts. Il film è molto più basato sulla trama ed è ha combustione lenta, poiché le cose strane accadono lentamente all’insegnante nel suo nuovo ambiente e lei inizia a mettere insieme i pezzi del puzzle.

Gli ultimi venti minuti del film sono indimenticabili: scopriamo cosa sta succedendo in questa comunità. Fontaine fornisce una solida performance nella sua ultima apparizione in un ruolo da protagonista. È nota per le apparizioni in Rebecca, Suspicion, This Above All e The Constant Nymph.

Ci sono immagini che si distinguono nel film. La grande maschera voodoo che Mayfield vede inizialmente quando è in Africa, quando gli africani irrompono in città. Dopodiché riemerge in una scena in cui è in Inghilterra e la costringe anche a tornare in una struttura sanitaria.

C’è anche la scena in cui viene calpestata dalla pecora e cade nel fango, cosa insolita vedere una celebrità fare un’impresa del genere per un film. È anche significativa per la presenza di un’antagonista femminile e di una protagonista femminile, con il principale ruolo maschile che interpreta un ruolo debole e vulnerabile.

Questo è un tesoro piuttosto dimenticato dagli archivi di Hammer, spesso trascurato per la collezione di Dracula e per altri film. Dovresti guardarlo se sei un fan di Hammer Films, horror o stregoneria. Se ti piace, potrebbero piacerti anche The Devil Rides Out, Dracula: Prince of Darkness, To The Devil a Daughter e The Wicker Man.

Ho sposato una strega

Una commedia curiosa e dai toni noir, che era stata ampiamente dimenticata nell’oscurità nonostante la presenza delle star Fredric March e Veronica Lake. In modo divertente, la sinossi non suona in alcun modo come una commedia: il film ruota attorno a una strega e suo padre che vengono istruiti per esercitare le magia nera, solo per essere rianimati negli anni ’40, dove molestano il discendente dell’uomo incaricato della loro morte.

Come nel successivo Bell, Book & Candle, l’uso farsesco della magia è usato per ridere ma allo stesso tempo è stranamente minaccioso: viene usato prima per spingere un ragazzo in relazioni extraconiugali e poi per motivare le truffe dei cittadini in un’elezione. Non importa, lo stai guardando oggi per vedere la bomba degli anni ’40 Veronica Lake al culmine dei suoi poteri, che è molto attraente nella sua caratteristica pettinatura. Indipendentemente dalla trama decisamente ridicola, è difficile resistere al fascino straordinario della Lake.

Una strega in paradiso

È strano credere che semplici mesi dopo aver recitato in contrasto l’uno con l’altro in Vertigo, magistralmente ricco di suspense di Hitchcock, Jimmy Stewart e Kim Novak si sono riuniti per un divertente film romantico sulle streghe metropolitane. Considerato ampiamente come l’ultima volta che Stewart ha interpretato un vero protagonista romantico nella sua professione (all’epoca aveva 50 anni), il film è invece controllato dalla gelida e sexy Novak, che interpreta una strega boema che prende la decisione di ottenere l’amore di Stewart per una vendetta.

Ovviamente si innamora dell’uomo molto più anziano, causando un dilemma tra mantenere i suoi poteri da strega o cedere al piacere. L’intera storia è interpretata come una farsa “attraente”, tuttavia è allo stesso tempo il tipo di storia che non saresti davvero in grado di interpretare come una commedia leggera oggi. Tuttavia il film getta le basi per un genere che si sarebbe visto in seguito in Vita da strega e I Dream of Genie.

The Blair Witch Project

La “strega” del titolo in The Blair Witch Project è alla fine qualunque cosa tu voglia che sia. Pubblicizzato in maniera quasi ingannevole alla sua uscita, The Blair Witch Project è stato solo uno dei più grandi successi degli anni ’90 nella pubblicità e nel marketing cinematografico. Sfruttando internet per diffondere voci sugli inizi del film e sugli eventi della storia spacciati come reali, Blair Witch si è occupato di convincere le persone normali che si trovavano in un cinema, guardando un film in ampia distribuzione. La verità che non è mai stato affatto chiaro chi (o cosa) fosse “la strega”, in particolare, ha solo accresciuto il senso di paura voyeuristica. Tutto quello che sapevamo è che c’era qualcosa di estremamente scorretto in quegli annunci pubblicitari.

La baia di Eva

Con uno spaccato di vita nei film e commedie affascinanti offerte in rapida successione alla fine degli anni ’90, il lancio della regia di Lemmon è un tour de force con le eccezionali interpretazioni di Jurnee Smollett, Debbi Morgan, Samuel L. Jackson e Lynn Whitfield. Tra la profonda infedeltà di suo padre e l’espansione della femminilità del fratello maggiore, la bambina di 10 anni inizia a contare sulla fortuna e anche sul voodoo per sconfiggere le malefatte della sua famiglia.

Le streghe son tornate

Quello che Shaun of the Dead ha fatto per gli zombi e What We Do in the Shadows per i vampiri, Witching & Bitching lo ha fatto essenzialmente per la rappresentazione cinematografica delle streghe, anche se su una scala molto meno visibile. Dei due film, è il film di Edgar Wright che suona molto più vero di Witching & Bitching di Iglesia, che è fondamentalmente un film di rapina che fa una deviazione nella mondo delle streghe cannibali, con un lato di assurdità.

Arricchito con ottime interpretazioni dal suo cast spagnolo, e anche ricco di scene sorprendentemente cruente, è un horror divertente che non lesina sugli splatter. Non puoi prendere sul serio le sue streghe, tuttavia ciò non impedirà loro di legarti a uno spiedo e anche di arrostirti vivo.

Rosemary’s Baby

Rosemary’s Baby, per quanto sia un classico dell’horror, potrebbe non essere il primo film da considerare in una raccolta di “film di streghe”. Ma cos’altro è Minnie Castevet? Un’anima davvero depravata al servizio del suo oscuro padrone, l’amichevole vicina di casa. Pochi film hanno fatto ancora di più per distruggere quella semplicità eccessiva degli anni ’50 dell’assistenza “per il vicinato” di Rosemary’s Baby, né hanno fatto di più per far sembrare ancora più sciocco un passato idilliaco “quando non dovevi davvero chiudere le porte”.

Questo è tutto grazie a Gordon, la cui innocuità intrinseca, fragilità fisica, movimenti sfacciati e anche vocalizzi ripetitivi celano la compostezza a sangue freddo che vediamo brevemente mentre Rosemary scruta il suo viso imperturbabile attraverso lo spioncino. Gordon interpreta il personaggio mostrando il suo debole fisico, anche se svolge una funzione essenziale nel togliere a Mia Farrow tutta la sua fermezza e potere di resistere. Davvero, di tutte le streghe in questo elenco, è una delle più determinanti nella sua malvagità.

Suspiria

Dalla sequenza ipnotica di apertura del film, che segue Suzy Banyon (Jessica Harper) mentre fa un giro in taxi attraverso una foresta in stile fratelli Grimm, il pubblico viene colpito dalla musica barocca dei Goblin e dalla fotografia fantasmagoriche di Luciano Tovoli. Lui e Argento hanno utilizzato il Technicolor e strategie di illuminazione all’avanguardia per ottenere i particolari effetti, ispirati alla Disney, di rosso, giallo, verde e blu, colori che finiscono per essere “il mostro” del film, un’evidente indicazione del soprannaturale. Significativamente, quando Suzy si trova faccia a faccia con l’antagonista del film, la strega Helena Markos, Markos non viene percepita.

La strega

Fin dai suoi primi momenti, The Witch ci blocca in una terra ostile. Consideriamo, perché è tutto ciò che possiamo fare, come il patriarca puritano William (Ralph Ineson) suggerisce ostinatamente l’esilio dei membri della sua famiglia dalla loro area del “New England”. Il carro inciampa sempre nel deserto, accostando la frontiera di questo Nuovo Mondo sulla frontiera letterale di una foresta inesplorata. È il 1620 e William afferma: “Domineremo questo deserto”.

“The Witch – New England Folk Tale” di Eggers è un film spaventoso e pieno del fascino dell’ignoto. Affermare che ricorda i processi alle streghe di Salem, che si verificano 70 anni dopo gli eventi del film, sarebbe certamente un eufemismo: le conseguenze imprevedibili di tale evento storico incombono pesantemente su The Witch. Eggers creare tensione all’interno di ogni ripresa, non basandosi quasi mai su effetti banali o sangue, ma mettendo la suspense attraverso un montaggio magistrale. L’impatto, quindi, è quello di una struttura febbrile di desiderio in cui le pressioni primitive – lussuria, sfida, brame, avidità – ribollono accanto all’esperienza, nascoste ma mai del tutto dominate.

Centinaia di film e documentari selezionati senza limiti

Nuovi film ogni settimana. Guarda su qualsiasi dispositivo, senza nessuna pubblicità. Annulla in qualsiasi momento.
error: Content is protected !!

Inizia ora a guardare gratis per 7 giorni centinaia di titoli disponibili

Inizia una prova gratuita

Guarda centinaia di film indipendenti, film d’essai, documentari, cult, film sperimentali e di avanguardia, retrospettive tematiche, spettacoli teatrali. Inizia gratis.