fbpx

Film divertenti da non perdere

Indiecinema Film Festival 2022

Dal 5 al 26 dicembre guarda i film del festival in streaming: una numerosa selezione dei migliori film indipendenti inediti da tutto il mondo.

Indice dei contenuti

I film divertenti vengono spesso considerati un genere secondario ma a volte non è così. Ci sono film da vedere assolutamente anche nella categoria del film divertente. Un film divertente classico non va alla deriva sulle mutevoli maree del tempo. Dallo slapstick alle grandi commedie di tutti i tempi, dalle commedie americane ai classici della commedia all’italiana, dalle parodie demenziali alle commedie francesi. L’arte della risata è tra le più nobili ed anche tra le più difficili. Non è affatto semplice girare un film divertente di alto livello, molto più difficile di altri generi considerati più importanti: la gag non riuscita è un rischio che può far crollare tutta la storia in una sola scena.

film-divertenti

I film divertenti variano in modo significativo da nazione a nazione, da città a città, da generazione a generazione. Alcuni film divertenti sono più universali senza sentire il peso del tempo, ma la comicità è spesso legata alla cultura. I film divertenti sono meno duraturi e le risate potrebbero non essere più le stesse mezzo secolo dopo l’uscita iniziale. Tuttavia, i film divertenti che attraversano gli anni rimanendo efficaci sono davvero unici. I film divertenti raramente vincono premi prestigiosi e la maggior parte degli attori potrebbero avere l’ambizione di recitare in film ritenuti più importanti. Ma i migliori film divertenti restano più a lungo e vengono rivisti più regolarmente di qualsiasi altro tipo di film. Due ore di risate irrefrenabili, a volte, sono proprio quello che ci vuole alla fine della giornata.

Come vinsi la guerra (1926)

Quando il progettista dei treni della Western & Atlantic Railroad Johnnie Gray arriva a Marietta, in Georgia, incontra Annabelle Lee, tra i due amori della sua vita. L’altro è la locomotiva “The General”. La guerra civile americana è scoppiata e il fratello di Annabelle e suo padre si arruolano nelle forze armate. Per compiacere Annabelle, Johnnie si precipita ad arruolarsi, ma viene rifiutato. Annabelle informa Johnnie che non parlerà con lui finché non lo vedrà in uniforme.

Il film di Buster Keaton è stato influenzato da Great Locomotive Chase, il racconto di una storia realmente accaduta durante la guerra civile americana. All’epoca della sua prima uscita non fu ben accolto dal pubblico e per lo più stroncato dalla critica cinematografica, con pessime entrate in biglietteria. A causa del budget di $ 750.000 Keaton ha perso la sua autosufficienza come regista e ha dovuto iniziare ad affrontare le enormi dipendenze dello studio. Il generale è stato effettivamente rivalutato gradualmente ed è attualmente percepito come uno dei migliori film mai realizzati. Il generale è tra i più famosi film divertenti mai realizzati, con la sua fotografia in tonalità di grigio, il suo occhio per le linee forti, la sua fantastica connessione di azione. Un capolavoro comico da non perdere.

Guarda Come vinsi la guerra

Charlie Chaplin – Cortometraggi

film-divertenti

Charlie Chaplin si fa conoscere in tutto il mondo con i brevi filmati del suo personaggio Charlot, motivato dalla sua esperienza di vita, creata nel 1914. Un vagabondo con scarpe robuste contribuisce ai film comici dell’epoca la poesia del film fantastico Teatro. I cortometraggi di Charlie Chaplin, spesso meno conosciuti dei suoi lungometraggi più apprezzati, sono autentiche perle dell’arte cinematografica e divertente mondiale.

Guarda i cortometraggi di Charlie Chaplin

Il monello (1921)

Una donna molto povera abbandona il suo bambino piccolo sperando che venga scoperto da qualcuno che possa allevarlo nel benessere. Il vagabondo Charlot lo trova e non si tira indietro, lo prende come un obiettivo davvero importante. Charlie Chaplin scrive, produce da solo e dirige il suo primo lungometraggio, un’opera d’arte nella storia del cinema che dopo un secolo mantiene il suo fascino completamente intatto.

Guarda Il monello

Safety Last! (1923)

In questo film divertente Harold Lloyd interpreta un personaggio un ragazzo della porta accanto che finisce in un pericolo da far rizzare i capelli. La sua strategia per incoraggiare un socio atletico a scalare l’esterno di un grattacielo come trovata promozionale gli si ritorce contro, quindi Harold si occupa personalmente della salita pericolosa. Incontra piccioni fastidiosi e un quadrante di un orologio in un set sensazionale e perfettamente costruito che produce grandi brividi.

La corsa all’oro (1925)

Il piccolo vagabondo di Charlie Chaplin si dedica alla corsa all’oro in Alaska in questo famoso film, il cui sviluppo surreale, come nella scena in cui mangia gli stivali per la fame, ha effettivamente fatto la storia del cinema. Allo stesso modo, le parti romantiche e il suo innamoramento funzionano molto bene, contribuendo alla bellezza di questo film di Chaplin. Un grande film, da vedere soprattutto nella prima versione muta.

Zero in condotta (1933)

Le vacanze sono finite ed è ora che i ragazzi tornino nell’orribile collegio, gestito da tutor conformisti e ottusi, non in grado di coltivare lo sviluppo di alcuno spirito di flessibilità e di immaginazione. Tra le opere d’arte nella storia del cinema sullo stile giovanile e sui condizionamenti sociali e scolastici sulle generazioni più giovani. Un inno alla libertà e all’immaginazione, una spinta a liberarsi totalmente dalle prigioni impercettibili in cui tentano di rinchiuderci. Un’opera d’arte del genio di Jean Vigo.

Guarda Zero in condotta

Figli del deserto (1933)

L’eccentrico Stan Laurel e Oliver Hardy fanno il doppio atto del film divertente più amato e si ritiene che questi siano i loro 68 minuti più belli. I due scappano dalle loro mogli e tutto va terribilmente storto nei loro piani attivando un’intera serie di gag con grande tempismo comico mentre i 2 poveretti finiscono per nascondersi nella loro soffitta. Breve, divertente e delizioso.

Zuppa d’anatra (1933)

Cosa affermare quando un film si avvicina all’età di un secolo ma sembra ancora sovversivo e attuale come quando fu lanciato? Film perfetto dei fratelli Marx, Duck Soup li porta fuori dal loro ambiente da music hall di New York, in una sorta di ricordo di immigrati penetrati dall’Europa centrale e dalle fiabe, dove la lotta si sta preparando tra i compiaciuti individui di Freedonia e i criptofascisti della vicina Sylvania. Con un tocco molto più leggero rispetto a Il grande dittatore di Chaplin, il film prende in giro non solo il fascismo, ma il patriottismo e la politica nel suo insieme: una satira tagliente e intelligente in ogni scena.

Una notte all’Opera (1935)

I fratelli Marx nella loro prima esperienza anarchica, ambientazioni nel jazz e nel mondo dell’alta borghesia che includono le loro gag più memorabili. La storia, in cui Groucho dovrebbe assistere un’impresa operistica in difficoltà, mette in scena giochi di parole, trucchi e tornado linguistici. Chico fa battute all’italiana, mentre le energiche realizzazioni slapstick di Harpo impressionano continuamente.

Way Out West (1936)

Way Out West di Laurel e Hardy è il film che raggiunge il massimo. Essendo riusciti a fornire un atto di casa al proprietario di un bar, i loro sforzi per scusarsi includono un asino volante, uno sfortunato pianoforte e molte risate. Tutto questo più vari brani musicali vecchio stile decisamente notevoli e la memorabile gag di Ollie che utilizza il suo pollice come accendino. Opera d’arte.

Scandalo a Filadelfia (The Philadelphia Story, 1940)

Un film divertente e romantico che brilla come l’oro, The Philadelphia Story è una meravigliosa commedia di idee sbagliate e comportamenti scorretti. Quale dei 3 maschi conquisterà il cuore della gelida ereditiera di Katharine Hepburn alla vigilia del suo matrimonio? Il suo ex marito milionario Cary Grant, il giornalista impiccione James Stewart o il suo partner e imprenditore John Howard? Alla fine potresti credere che abbia scelto l’uomo sbagliato, tuttavia non puoi negare che questo film divertente e affascinante sia un comico americano quasi perfetto.

Il grande dittatore (1940)

Il coraggioso film del 1940 di Charlie Chaplin lo vede parodiare Adolf Hitler nei panni del despota immaginario Adenoid Hynckel. La scena popolare in cui balla con un mondo di plastica è un’eccellente gag sull’ostentazione della megalomania, sebbene ci sia anche un impulso omicida nelle abitudini di Hynkel, e il discorso preveggente del “campo di prigionia”. In generale, è più un film d’essai sul potere che un semplice film divertente.

La signora del venerdì (1940)

Il cinismo a doppio taglio della commedia di Broadway di Ben Hecht e Charles MacArthur The Front Page non potrebbe essere più contemporaneo. Il regista Howard Hawks ha avuto l’intuizione entusiasta di trasformare il personaggio maschile Hildy, protagonista del romanzo, in una donna ardente interpretata da Rosalind Russell nel film, innescando uno dei combattimenti di guerra tra uomo e donna più incendiari e divertenti nella storia del cinema.

Guarda La signora del venerdì

Arsenico e vecchi merletti (1944)

Il classico dell’umorismo nero. Piacevole film hollywoodiano dell’epoca d’oro pieno di malvagità, in cui alcune donne anziane praticano l’omicidio con la stessa identica calma e pace con cui preparano una tazza di tè. Ugualmente orribili anche se non violenti, gli omicidi per avvelenamento vengono scoperti da un formidabile Cary Grant.

Le vacanze di Monsieur Hulot (1953)

È difficile fare un elenco dei migliori film divertenti senza inserire nella lista Jacques Tati, tra i migliori registi di sempre, una straordinaria star del burlesque, l’equivalente francese di Chaplin e Buster Keaton. Les Vacances de Monsieur Hulot è eccezionale. La sua forma e il suo stile particolare fanno del maestro l’eroe ideale per osservare con tutta leggerezza la dolce assurdità dei soggiorni estivi in ​​riva al mare in una costa estremamente ventosa.

In realtà non c’è nessuna storia nel film. Il dialogo è minimo e viene utilizzato solo per cose inutili e assurde che pronunciano i turisti della stagione estiva. Suoni di ogni tipo finiscono per essere petardi, lanciati con un impatto comico. Il film è tra le migliori raccolte di gag visive mai viste, tuttavia è il contesto in cui sono inserite e l’ambiente del film che lo porta ad un livello superiore. Il personaggio centrale è una spettacolare amalgama di confusione nel mondo moderno, e ogni sforzo che fa per adattarsi durante la sua vacanza al mare devasta l’ordine delle cose.

I soliti ignoti (1958)

Questa film divertente diretto da Mario Monicelli è normalmente ritenuto tra i film più divertenti italiani. Il punto di forza sono i personaggi. “I Soliti Ignoti” è una “satira” basata sull’opera francese “Rififi”, pubblicata anni prima. “Rififi” si concentra sulla storica e leggendaria scena del furto con scasso di 30 minuti. I soliti ignoti era un film di star, molte delle quali non erano ancora famose nel cinema; sono i casi di Claudia Cardinale, Marcello Mastroianni e Vittorio Gassman, che poi sono diventati attori leggendari e iconici del cinema italiano.

Cosimo (Memmo Carotenuto) è un gangster che è stato incarcerato dopo aver tentato di rubare un’auto. Mentre è in prigione, crea un piano che pensa lo renderebbe ricco per il resto della sua vita, quindi chiama il suo avvocato e sua moglie per chiedere di chiamare qualcuno che ammetterebbe il furto del veicolo. Quell’individuo è Peppe (Vittorio Gassman), che autorizza a rispondere del furto che non ha commesso. Invece di essere rilasciati, entrambi rimangono in prigione. Comprendendo il piano, Peppe inganna Cosimo facendogli confessare la sua strategia.

Un secchio di sangue (1959)

Film divertente horror del re del b-movie Roger Corman, girato nel 1959. Una notte, dopo aver ascoltato le parole di un poeta recitare al caffetteria The Yellow Door, il cameriere Walter Paisley torna a casa per creare una scultura del gatto che ospita la padrona di casa Carla, ma uccide inavvertitamente il felino. Girato in tempo record di 5 giorni con un piano di spesa di soli $ 50.000. Roger Corman, oltre ad essere il re dei b-movies, è anche il re dei film a basso costo.

Guarda Un secchio di sangue

Simon del deserto (1965)

Simón, un mistico dalla lunga barba, vive su una colonna in mezzo al deserto, senza mangiare. Gli abitanti della zona lo lodano come un Messia. Film divertente e surreale di altissimo livello dal genio surrealista di Luis Bunuel. Nato come un cortometraggio cinematografico, Simon è uno dei personaggi più famosi del regista spagnolo. Nella variante spagnola iniziale, il modo di parlare del sant’uomo è grottesco e divertente, qualcosa di totalmente perso nel doppiaggio.

Guarda Simon nel deserto

Divorzio all’italiana (1961)

Premio Oscar, il film di Pietro Germi racconta una storia eccezionale con molte scene davvero intelligenti e divertenti. Il film ha moltissimi movimenti della macchina da presa davvero notevoli oltre alla fantastica regia di Germi e un’eccezionale ruolo protagonista di Marcello Mastroianni.

Mastroianni interpreta Ferdinando Cefalù, un ragazzo stanco della moglie, tanto da volerla uccidere. Vuole sposare Angela, una donna innocente che ricambia il suo amore. Convinto che il suo piano funzionerà senza dubbio, inizia a immaginare come ne trarrà vantaggio. La follia e l’eccentricità di Ferdinando sono spesso rappresentate da tic nervosi che Mastroianni esegue perfettamente per tutto il film. Anche se è stato lanciato nel 1961, il film è piuttosto diverso dai film divertenti normalmente realizzati all’epoca. I suoi minuti migliori restano nel personaggio di Mastroianni e nell’aspetto cinico e malvagio del suo carattere.

La pantera rosa (1963)

Il primo in assoluto di una raccolta di 5 film divertenti sul goffo infedele investigatore pseudo-francese di Peter Sellers, ispettore capo Clouseau, The Pink Panther è anche tra i più determinati, raffinati e pigri della serie. Sebbene estremamente divertente, il personaggio di Sellers ha avuto solo importanza dal secondo film, A Shot in the Dark, in poi.

Il mio amico il diavolo (1967)

Il remake di questo film divertente con Brendan Fraser e Liz Hurley è stato una delusione. Il precedente Bedazzled è un classico dei film divertenti e allo stesso modo il miglior film cinematografico di Dud. Dudley Moore è uno sfortunato cuoco che va alla ricerca di una cameriera (Eleanor Bron), mentre Peter Cook interpreta il diavolo. Quella che segue è una raccolta faustiana di gag – alcune divertenti, altre sgargianti, altre un po’ invecchiate – che forniscono molte possibilità per il talento unico del duo comico.

Stanley Moon lavora come cuoco in un ristorante ed è ossessionato dalla cameriera, Margaret Spencer, tuttavia non ha fiducia in se stesso ed è troppo timido per avvicinarsi a lei. Disperato, tenta il suicidio impiccandosi, ma viene interrotto da un uomo che dichiara di essere il diavolo, un tizio di nome George Spiggott. George fornisce a Stanley un “sogno di prova”. Stanley vuole un ghiacciolo al lampone e George lo porta ad acquistarne uno da un negozio vicino. Spiggott vuole essere il primo a raccogliere 100 miliardi di anime. Sarà riammesso in Cielo se lo farà. Commette anche atti di vandalismo assistito dal suo personale dei 7 peccati capitali.

Che carriera che si fa con l’aiuto di mammà!… (Le Distrait, 1970)

Prima di diventare una grande star negli anni ’80 in un duetto con Gérard Depardieu nei film di Francis Veber, Pierre Richard ha mostrato le sue capacità comiche in film divertenti in cui brillava con l’umorismo naturale che lo contraddistingue: la goffaggine del personaggio, il messaggio poetico dietro il suo potere comico. Le Distrait è un film divertente che la star ha diretto lui stesso.

Pierre Malaquet è una persona creativa, strana, non di questo mondo, che entra continuamente in circostanze comiche. Ha avuto a che fare con una grande agenzia pubblicitaria “Jerico” su consiglio di sua madre. Concentrati su strane idee di marketing, i suoi spot pubblicitari appaiono come film horror; morte, violenza e umorismo nero esistono in tutte le sue opere. È convinto che le pubblicità “sensazionali” siano più efficaci. Le sue azioni infastidiscono i suoi colleghi, tuttavia, con loro sorpresa, il titolare dell’agenzia, il signor Guiton, lo perdona per tutte le stranezze: ha una relazione segreta con la mamma di Malaquet, Glycia.

Frankenstein Junior (1974)

Poiché è anche una lettera d’amore ai classici film di Frankenstein degli anni ’30, la raffinata commedia di Mel Brooks è una parodia esilarante. Mentre il nipote del vecchio barone (Gene Wilder) riporta in vita il mostro, Brooks spinge la storia all’assurdità, quando Wilder esegue un duo di canti e balli in smoking per dimostrare che il suo mostro (Peter Boyle) è una creativo. L’iniziale di una lunga serie di copie.

Il ritorno della pantera rosa (1975)

Undici anni dopo A Shot in the Dark, Edwards e Sellers tornarono al franchise di Clouseau. Con Christopher Plummer ora il cacciatore di gemme Sir Charles e Catherine Schell combattono per mantenere un’immagine rispettabile. Il preoccupato manager Herbert Lom e il maggiordomo ninja Burt Kwouk esagerano con le loro mani ma le vocali francesi di Sellers rimangono splendide.

Fantozzi (1975)

I film di Fantozzi sono alcuni dei film divertenti italiani più importanti di sempre e sono pieni di idiomi e parole che attualmente fanno parte della lingua italiana. Raccontano la storia di Ugo Fantozzi, un mediocre impiegato italiano mediocre, personaggio che incarna le abitudini e le routine della piccola borghesia italiana. Enormi scene di culto: Fantozzi e il suo compagno Filini che giocano a tennis, Fantozzi che si butta dal balcone di casa sulla tangenziale per prendere puntuale l’autobus per andare al lavoro, la parodia della corazzata Potemkin…

National Lampoon’s Animal House (1978)

Il National Burlesque Project, un gruppo selvaggio di adolescenti, disadattati e playboy rischia di essere espulso dal preside dell’università. Se questa storia suona familiare è molto probabilmente dovuto al fatto che questo film divertente è stata influenzato da un’intera serie di film universitari, dall’American Pie fino al film di Zac Efron Bad Neighbors. Nessuno di essi però ha la stessa coraggiosa energia portata dai membri del cast di John Belushi.

Blues Brothers (1980)

Il cantante blues e criminale Jake Blues esce di prigione dopo aver scontato 3 anni e viene preso da suo fratello Elwood nella sua Bluesmobile, un precedente veicolo della polizia malconcio. Elwood mostra le sue abilità saltando un ponte levatoio aperto. I fratelli esplorano l’orfanotrofio cattolico dove sono cresciuti e vengono a sapere da suor Mary Stigmata che sarà chiuso a meno che non vengano raccolti $ 5.000 di tasse sugli immobili. Durante una predicazione del reverendo Cleophus James alla Triple Rock Baptist Church, Jake ha un’idea: possono riformare la loro band, i Blues Brothers, che si è sciolta quando Jake è andato in prigione, e raccogliere i soldi per salvare l’orfanotrofio.

The Blues Brothers è un film divertente con una storia meravigliosamente ritmata, una sceneggiatura incisiva e un tripudio di automobili che ti tengono occupato ogni volta che le rapine di Belushi e Aykroyd sono un po’ eccessive. Naturalmente, il cuore del film rimane nella sua musica: Cab Calloway, Ray Charles e James Brown. È “Respect” di Aretha Franklin che ti fa tremare sulla sedia.

L’aereo più pazzo del mondo (1980)

Un film divertente che fa ridere fino alle lacrime anche dopo numerose visioni, questo è stato il 2° film di Jim Abraham e dei fratelli Zucker. E’ una parodia bizzarra e giocosa dei film catastrofici degli anni ’70 e vede come protagonista Robert Hays nei panni di un ex pilota in difficoltà che ha bisogno di far atterrare un aereo di linea quando il vero pilota muore a causa della diarrea. Leslie Nielsen è il medico di bordo.

Il marchese di Grillo (1981)

Interpretato da Alberto Sordi, questo film divertente è ambientato nella Roma dell’Ottocento e racconta la storia di Onofrio del Grillo, un marchese che trascorre le sue giornate nell’ozio totale e si diverte a fare brutti scherzi alla popolazione. La sua vita cambia quando incontra Gasperino, un povero che gli somiglia notevolmente, offrendogli la possibilità di essere il marchese.

Roma, 1809. Il Papa Pio VII con i suoi ministri e cardinali esercita il potere spirituale e temporale dello Stato Pontificio in Italia. Il marchese Onofrio del Grillo è tra i suoi favoriti, ma anche il peggiore di tutta la nobiltà. Da nobile protetto e fortunato, Onofrio non esita a giocare brutti scherzi ai cittadini senza preoccuparsi delle conseguenze. Si rivolge al popolo con discorsi ripugnante, dichiarando che la sua nobiltà gli consente di fare ciò che desidera, cosa che loro, essendo poveri, non possono fare.

Pee-wee’s Big Adventure (1985)

Il film divertente di Tim Burton potrebbe essere la prova che il regista sta molto meglio con progetti a basso budget, purché abbia un forte collaboratore. A partire da una famosa colonna sonora di Danny Elfman, la storia culmina con una satira sullo spionaggio. Pee-Wee è un film on the road in cui un ragazzo iperattivo finisce per essere un profeta che illumina le vite di vagabondi e anime ribelli. Lo stile caratteristico di Burton è tutto in questo film. È il personaggio di Paul Reubens che rende il film ancora attuale e cattura l’essenza della giovinezza.

The Three Amigos! (1986)

Questo film divertente di Hollywood vede 3 attori dimenticati dell’epoca del cinema muto fare un viaggio in Messico per apparire alla festa di compleanno di un signore della guerra solo per finire a guidare la rivolta di un contadino. È tutto profondamente frenetico, la maggior parte delle battute deriva da accenti stravaganti, Il ruolo di Alfonso Arau nei panni del terribile El Guapo è una sorpresa, così come lo scioccato cameo di Randy Newman.

Mortacci (1989)

In un cimitero i morti si incontrano ogni notte. Sono predestinati a non entrare nella fase successiva dell’immortalità, fino alla morte dell’ultimo essere umano vivente che li ricorda. I vari personaggi esistono con il ricordo delle loro vite: Alma, una star del cinema (Carol Alt) che ogni notte assiste allo sforzo inutile del suo precedente fan (Malcolm McDowell) di suicidarsi sulla sua tomba; Angelo, un donnaiolo (Andy Luotto) morto per la vergogna; Felice e Giggetto, 2 mendicanti (Eraldo Turra e Luciano Manzalini) che lasciano rapidamente il gruppo in quanto l’ultima donna (Mariangela Melato) che li ricorda muore mentre visitava il loro luogo di sepoltura. La storia è interrotta dall’arrivo di Lucillo (Sergio Rubini), un soldato che in realtà è stato ritenuto morto in Libano, evento gradito dai suoi compaesani poiché hanno costruito su di lui un mito di eroe popolare. Il guardiano del cimitero Domenico (Vittorio Gassman) è all’oscuro di qualunque cosa accade.

Festival in Cannes (1999)

Cannes, 1999. Alice, un’attrice, desidera fare un film indipendente e cerca dei finanziatori. Incontra Kaz, un uomo d’affari loquace, che le assicura 3 milioni di dollari se lavora con Millie, una star francese che non trova più ruoli attraenti. Alice racconta la storia del film a Millie e l’attrice si innamora del progetto. Rick, un famoso produttore che lavora per un grande studio di Hollywood, chiede a Millie una piccola parte in un film mainstream, altrimenti perderà la sua celebrità, Tom Hanks. Kaz è un vero produttore o è un imbroglione? Rick non è in realtà così ricco come una volta e ha sicuramente bisogno di convincere Alice a lasciare Millie per chiudere il grosso affare con Tom Hanks.

Guarda Festival in Cannes

Hollywood Dreams (2007)

L’entusiasta attrice Margie Chizek cerca la fama a Hollywood. Viene rifiutata dall’industria del cinema, si innamora, trova l’inganno dietro il mondo del marketing e della pubblicità. Salvata dalla distruzione da un gentile produttore, Margie riesce a entrare nel mondo di Hollywood e si innamora di una giovane star, che sta consolidando la sua carriera fingendosi gay. Hollywood Dreams coinvolge il pubblico grazie alla notevole performance di Tanna Frederick e del suo personaggio di attrice nevrotica e tormentata.

Guarda Hollywood Dreams

Inseguendo le farfalle (2009)

Nina scappa da casa poche ore prima del suo matrimonio. Per non ritardare l’evento del matrimonio, sua madre fa credere allo sposo di essere Nina e celebra le nozze. Non molto tempo dopo la madre e lo sposo iniziano insieme la ricerca per scoprire Nina e riportarla indietro: il compagno di Nina ha paura di non piacerle più. Un ragazzo bizzarro di quindici anni incontra Nina per strada e tenta di impressionarla con la Corvette di suo padre. Una ragazza ribelle e il suo uomo appena evaso di prigione incontrano il ragazzo e gli rubano la Corvette, scatenando il caos con una serie di furti mentre si dirigono in Canada in cerca di una vita migliore.

Guarda Inseguendo le farfalle

Adorabili amiche (2012)

3 amiche sulla cinquantina vengono accolti in occasione del matrimonio di Philippe, un comune ex fidanzato della loro giovinezza, che dopo molte esperienze amorose sembra aver scoperto la donna perfetta, Tasha. Chantal è single e lo strano lavoro di marketing e pubblicità di un cioccolato amaro è una catastrofe. Gabrielle è tra le sue amiche, spontanea e libertina, incoraggiata dal fatto che fare sesso è l’unico metodo per non invecchiare. Nelly è una donna diffidente e fredda, o almeno così sembra. Tutte e 3 hanno avuto un flirt con Philippe in passato e non vogliono rivederlo. Eppure l’interesse vince. Il viaggio è anche una pretesto per fare un bilancio di trent’anni di vita, dei legami con gli uomini, delle frustrazioni quotidiane, delle delusioni sul lavoro. Allo stesso modo è un’occasione per cambiare vita.

Guarda Adorabili amiche

Centinaia di film e documentari selezionati senza limiti

Nuovi film ogni settimana. Guarda su qualsiasi dispositivo, senza nessuna pubblicità. Annulla in qualsiasi momento.
error: Content is protected !!

Indiecinema Film Festival 2022

Indiecinema Film Festival 2022

Dal 5 al 26 Dicembre guarda in streaming la selezione dei film in concorso: cortometraggi, documentari e film indipendenti da tutto il mondo