Roman Polanski: l’arte è la salvezza dalle tragedie della vita

Indice dei contenuti

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on email

C’è poco da dire: la biografia di Roman Polanski è probabilmente la più tormentata, sfortunata e tragica tra tutti i registi famosi della storia del cinema. Ma Roman è rimasto impermeabile a tutte queste tristi maree grazie all’arte ed al cinema. Una passione iniziata da bambino e mai più sopita. Polanski sembra aver capito la lezione salvifica dell’arte, e che quello che accade intorno sono solo eventi che avvengono alla periferia dell’essere. Un malvagio in più che una mattina si affaccia alla finestra del mondo.

Nel corso della sua carriera Roman Polanski ha ottenuto 5 nomination all’Oscar, vincendo l’Oscar come miglior regista nel 2003 per Il pianista. Ha anche ricevuto due Golden Globe, due BAFTA, una Palma d’Oro al Festival di Cannes 2002 in Francia, oltre a diversi César.

I suoi genitori polacchi-ebrei si trasferirono dalla sua casa natale a Parigi a Cracovia nel 1937. Due anni dopo, l’intrusione della Polonia da parte della Germania nazista iniziò la seconda guerra mondiale: la famiglia si ritrovò catturata nel ghetto di Cracovia. Dopo che sua madre e suo padre furono presi in rastrellamenti nazisti, Polanski trascorse i suoi anni di crescita in famiglie affidatarie sotto una falsa identità e sopportò l’Olocausto.

Il primo lungometraggio di Polanski, Il coltello nell’acqua (Knife in the Water) del1962, è stato girato in Polonia ed è stato scelto per l’Oscar al miglior film in lingua straniera degli Stati Uniti. Nel Regno Unito ha diretto 3 film, a cominciare da Repulsion (1965). Nel 1968 si trasferì negli Stati Uniti e diresse il celebre film horror Rosemary’s Baby (1968).

La vita di Polanski cambiò nel 1969 quando sua moglie incinta, l’attrice Sharon Tate, e quattro amici furono assassinati dai membri della famiglia Manson. Nel 1977 Polanski fu arrestato e accusato di aver drogato e violentato una ragazza di 13 anni. Di conseguenza, Polanski è un latitante del sistema di giustizia penale statunitense.

Guarda i film in streaming, iscriviti ora per una prova gratuita

Film-in-streaming

L’infanzia di Roman Polanski

roman-polanski

Polanski è nato a Parigi, figlio di Bula “Bella” e Mojżesz Liebling, pittore e produttore di sculture, che dopo la seconda guerra mondiale era conosciuto come Ryszard Polański. Il padre di Polanski era ebreo e originario della Polonia; La madre di Polanski, nata in Russia, era stata cresciuta con insegnamenti cattolici ed era di origini per metà ebree. Polanski in seguito dichiarò di essere ateo.

La famiglia Polański tornò nella città polacca di Cracovia all’inizio del 1937 e vi risiedeva quando iniziò la seconda guerra mondiale con l’invasione della Polonia. Cracovia fu rapidamente invasa dalle forze tedesche, così come le leggi razziste e antisemite di Norimberga resero i Polański bersagli di maltrattamenti, costringendoli a entrare nel ghetto di Cracovia, insieme a migliaia di ebrei della città.

Intorno all’età di 6 anni, frequentò la scuola elementare solo per un paio di settimane, finché tutti i bambini ebrei furono improvvisamente espulsi. Tutti i ragazzi ebrei di età superiore ai dodici anni dovevano indossare braccialetti bianchi con una stella di David blu impressa per il riconoscimento. Dopo essere stato espulso, non gli sarebbe stato permesso di entrare in un’altra classe per i successivi 6 anni.

Polanski osservò sia la ghettizzazione degli ebrei di Cracovia, sia la successiva deportazione di tutti gli ebrei del ghetto nel campo di sterminio tedesco. Ha visto come suo padre è stato ucciso. Ricorda dall’età di sei anni, tra le sue prime esperienze degli orrori nazisti:

All’inizio non capivo cosa stesse succedendo. Ho semplicemente visto individui sparpagliarsi in tutte le direzioni. Ho capito perché la strada si era svuotata così in fretta. Alcune donne venivano radunate lungo di essa dai soldati tedeschi. Invece di fuggire come gli altri, mi sono sentito costretto a vedere.

Una donna anziana in fondo alla colonna non riusciva a tenere il passo. Un agente di polizia tedesco ha continuato a spingerla di nuovo in linea, ma è caduta a quattro zampe, … All’improvviso è apparsa una pistola nella mano del poliziotto. Ci fu un forte scoppio, e anche il sangue le sgorgava dalla schiena. Sono corso dritto nella struttura più vicina, nascosto in una rientranza sotto alcune scale di legno, e non sono uscito per ore. Ho avuto un comportamento strano: stringevo le mani così forte che i miei palmi sono rimasti permanentemente callosi. Mi sono anche alzato una mattina per scoprire che avevo bagnato il mio letto.

Suo padre fu trasferito, insieme a centinaia di vari altri ebrei, a Mauthausen, un gruppo di 49 prigionieri di guerra tedeschi in Austria. Sua madre è stata portata ad Auschwitz e anche lei è stata uccisa non molto tempo dopo. L’esodo forzato è avvenuto subito dopo la liquidazione tedesca del ghetto di Varsavia, sfondo reale del film di Polanski Il pianista (2002).

Polanski, che allora si nascondeva dai tedeschi, vide suo padre allontanarsi con una lunga fila di individui. Polanski ha cercato di avvicinarsi a suo padre per chiedergli cosa stesse succedendo. Suo padre lo vide, ma preoccupato che suo figlio potesse essere trovato dai soldati tedeschi, mormorò in polacco: “Scappa!”

Polanski fuggì dal ghetto di Cracovia nel 1943 e sopravvisse con l’aiuto di alcuni cattolici polacchi, inclusa una donna che aveva promesso al padre di Polanski che avrebbe ospitato il ragazzo. Polanski andò in chiesa, imparò a recitare le preghiere cattoliche a memoria, e si comportò da cattolico romano, sebbene non fosse mai stato battezzato. La punizione per aver aiutato un ebreo nella Polonia occupata dai tedeschi era la morte.

Mentre passeggiava per la campagna cercando di resistere in una Polonia occupata dai soldati tedeschi, vide molti orrori, come essere “costretto a partecipare a un videogioco crudele e vizioso in cui i soldati tedeschi gli sparavano come ad un bersaglio”. Le continue ansie infantili e il terrore della violenza fisica di Polanski si sono aggiunti agli “ambienti tangibili che evoca nel film.

Di queste morti, 3 milioni erano ebrei polacchi, che rappresentavano il 90% della popolazione ebraica del paese. Secondo Sandford, Polanski avrebbe usato il ricordo di sua madre, il suo vestito e il suo stile di trucco, come modello fisico per il personaggio di Faye Dunaway nel suo film Chinatown (1974).

Dopo la guerra

roman-polanski

Suo padre si risposò il 21 dicembre 1946 con Wanda Zajączkowska (che Polanski non aveva mai amato) e morì di cancro nel 1984. Il tempo riparò i contatti familiari; Polanski li ha visitati a Cracovia e i parenti lo hanno visitato a Hollywood e Parigi.

Erano davvero semplici contadini cattolici. Questo villaggio polacco era come il villaggio inglese di Tess. I ragazzi con cui ho vissuto non sapevano dell’elettricità… non mi credevano quando gli dicevo che bastava accendere un interruttore!

Ha affermato che “devi rimanere in una nazione comunista per comprendere davvero quanto può essere brutto. Dopodiché apprezzerai l’industrialismo”. Teneva anche a mente le occasioni alla fine della battaglia e la sua reintroduzione nella società tradizionale quando aveva 12 anni, stringendo amicizie con altri ragazzi, come Roma Ligocka, Ryszard Horowitz ei suoi familiari.

Gli inizi nel cinema

L’attrazione di Polanski per il cinema è iniziata molto presto quando aveva circa 4 o cinque anni. Ricorda questo periodo in un’intervista:

Fin da bambino, ho sempre amato il cinema ed ero entusiasta quando i miei genitori mi ci portavano prima della guerra. E c’era un angolo in particolare dove si poteva vedere lo schermo attraverso il filo spinato. Ricordo di aver guardato affascinato, anche se mostravano solo l’esercito tedesco e i carri armati tedeschi, con occasionali slogan antiebraici.

Dopo la guerra, guardava film, a scuola o in un cinema locale, usando la paghetta che aveva. Polanski scrive: “La maggior parte di questa paghetta è andata nei film, ma i posti per i film erano a buon mercato. Con il passare del tempo, i film sono diventati più di una fuga nell’intrattenimento, come spiega:

I film stavano diventando un ossessione assoluta per me. Sono rimasto affascinato da tutto ciò che è collegato al cinema, non solo dai film in sé, ma dall’atmosfera che li circondava. Mi sono goduto il rettangolo luminoso dello schermo, la vista del raggio di luce che tagliava l’oscurità, la cabina di proiezione, la sincronizzazione di rumore e immagini, anche l’odore dei sedili ribaltabili. Più che altro, però, sono stato affascinato dagli elementi tecnici del processo.

È stato influenzato soprattutto da Sir Odd Man Out (1947) di Carol Reed – “Lo considero ancora uno dei migliori film che abbia mai visto e un film che mi ha fatto desiderare di intraprendere questa professione più di ogni altra cosa. In una certa misura dovrei affermare che in qualche modo rafforzo i concetti di quel film in quello che faccio.”

Polanski ha frequentato la National Film School di Łódź. Il debutto alla regia di Polanski fu nel 1955 con un cortometraggio, Rower. Rower è un lungometraggio semi-autobiografico, ritenuto perduto, interpretato da Polanski.

Scegli un film in streaming dal catalogo

Film-in-streaming

Il coltello nell’acqua

Il primo lungometraggio di Polanski, Il coltello nell’acqua (Knife in the Water), è stato anche uno dei primi film polacchi significativi dopo la seconda guerra mondiale a non avere un tema di guerra. Knife in the Water è stato un importante successo in Occidente e diede a Polanski una reputazione internazionale. Jolanta Umecka, che interpretava Krystyna, fu scoperta da Polanski in una piscina.

Polanski lasciò l’allora Polonia comunista e si trasferì in Francia, dove aveva già girato due importanti cortometraggi nel 1961: Il grasso e il magro e mammiferi. Mentre era in Francia, Polanski ha contribuito con un segmento (“La rivière de diamants”) al film prodotto in Francia, Les plus belles escroqueries du monde (The Beautiful Swindlers) nel 1964. Polanski ha scoperto che all’inizio degli anni ’60, L’industria cinematografica francese era generalmente riluttante e xenofoba a sostenere un regista emergente di origine straniera.

Repulsion

Polanski ha realizzato tre lungometraggi in Inghilterra, basati su sceneggiature originali scritte da lui stesso e da Gérard Brach, un suo partner abituale. Repulsion (1965) è un film horror psicologico incentrato su una giovane donna belga di nome Carol (Catherine Deneuve).

I temi, le circostanze, e i risultati del film rispecchiano chiaramente l’impatto del primo cinema surrealista insieme ai film horror degli anni ’50, in particolare Un chien Andalou di Luis Buñuel, Il sangue di un poeta di Jean Cocteau, Diabolique di Henri-Georges Clouzot e anche Psycho di Alfred Hitchcock.

Cul De Sac

Cul De Sac (1966) è una cupa tragicommedia nichilista girata nell’area del Northumberland. Il tono del film deve molto a Aspettando Godot di Samuel Beckett, insieme alle sfaccettature di The Birthday Party di Harold Pinter.

Per favore, non mordermi sul collo!

La trama riguarda un professore buffone e il suo goffo assistente, Alfred (interpretato da Polanski), che stanno viaggiando attraverso la Transilvania alla ricerca di vampiri. Per favore, non mordermi sul collo! è stato il primo lungometraggio di Polanski ad essere fotografato a colori con l’uso di obiettivi Panavision e includeva uno stile visivo sorprendente con paesaggi da favola innevati, simili al lavoro dei registi fantasy sovietici.

Polanski ha incontrato Sharon Tate durante la realizzazione del film; l’attrice ha interpretato il ruolo della figlia dell’oste locale. Si sposarono a Londra il 20 gennaio 1968. Subito dopo il loro matrimonio, Polanski, con Tate al suo fianco in un documentario, descrisse le esigenze del giovane pubblico cinematografico che, secondo lui, desiderava costantemente vedere qualcosa di nuovo e vario.

Rosemary’s Baby

Il capo della Paramount Robert Evans ha portato Polanski in America apparentemente per dirigere il film Downhill Racer, tuttavia ha detto a Polanski che voleva davvero che leggesse il romanzo horror Rosemary’s Baby di Ira Levin per vedere se poteva essere fatto un film da esso. Polanski l’ha rivisto senza sosta durante la notte e ha scelto di scriverlo insieme a lui. Ha scritto la sceneggiatura del film di 272 pagine in poco più di 3 settimane.

Il film, Rosemary’s Baby (1968), fu un successo al botteghino e divenne anche la sua prima produzione hollywoodiana, sviluppando così il suo successo come importante regista commerciale. Il film, un thriller horror ambientato nell’elegante Manhattan, ha a che fare con Rosemary Woodhouse (Mia Farrow), una giovane casalinga fecondata dal diavolo. L’adattamento della sceneggiatura di Polanski gli è valso una seconda elezione all’Oscar.

Il 9 agosto 1969, mentre Polanski operava a Londra, la moglie incinta, Sharon Tate, e altre quattro persone furono uccise nella residenza dei Polanski a Los Angeles dai fan del leader della setta Charles Manson.

Macbeth

Hugh Hefner e Playboy Productions hanno finanziato il film del 1971, uscito a New York e proiettato al Playboy Theatre. Hefner è stato accreditato come produttore esecutivo e il film è stato elencato come “Playboy Production”. Nella sua autobiografia, Polanski ha scritto che voleva essere fedele alla natura violenta dell’opera e che era consapevole che il suo primo progetto dopo l’omicidio di Tate sarebbe stato oggetto di esame e probabili critiche indipendentemente dall’argomento; se avesse fatto una commedia sarebbe stato percepito come insensibile.

Che?

Scritto da Polanski e dal precedente collaboratore Gérard Brach, Che? (1973) è una mordente commedia assurda liberamente basata su Alice nel Paese delle Meraviglie e anche Henry James. Il film è una storia delle umiliazioni sessuali che accadono a una giovane donna hippie americana che fa l’autostop attraverso l’Europa.

Chinatown

Polanski è stato un regista eccezionale. Non c’era dubbio che proprio nella regia avesse un’abilità straordinaria. Polanski è tornato a Hollywood nel 1973 per dirigere Chinatown (1974) per la Paramount Pictures. Il film è ampiamente considerato uno dei migliori film americani sull’attività criminale, motivato dalle vere guerre dell’acqua della California, una serie di conflitti sull’acqua della California meridionale all’inizio del XX secolo.

È stato scelto per 11 Academy Awards, compresi quelli per le star Jack Nicholson e anche Faye Dunaway. Robert Towne ha vinto per la migliore sceneggiatura originale. Allo stesso modo aveva l’attore-regista John Huston in un ruolo secondario. Nel 1991, il film è stato selezionato dalla Library of Congress per la conservazione nel National Film Registry degli Stati Uniti come “culturalmente, tradizionalmente o esteticamente sostanziale” ed è regolarmente descritto come tra i migliori film nel cinema mondiale.

L’inquilino del terzo piano

Polanski è torna a Parigi per il suo prossimo film, L’inquilino del terzo piano (1976), basato su un romanzo del 1964 di Roland Topor, uno scrittore francese di origine ebraico-polacca. Oltre a dirigere il film, Polanski ha anche interpretato il ruolo di protagonista, un timido immigrato polacco che vive a Parigi. Nel 1978 Polanski divenne un latitante della giustizia americana e non poté più lavorare in paesi in cui rischiava l’arresto o l’estradizione.

Tess

Ha dedicato il suo prossimo film, Tess (1979), alla memoria della sua defunta moglie, Sharon Tate. Fu Tate a suggerirgli di leggere Tess of the d’Urbervilles, che pensava sarebbe stato un buon film; successivamente si aspettava che lei recitasse in esso. Quasi un decennio dopo la morte di Tate, ha incontrato Nastassja Kinski, una modella e aspirante giovane attrice che aveva già recitato in numerosi film europei.

Poiché il ruolo richiedeva un dialetto locale, Polanski l’ha mandata a Londra per cinque mesi di studio e per trascorrere del tempo nella campagna del Dorset per assaporare la regione. Nel film, Kinski ha recitato al fianco di Peter Firth e Leigh Lawson. Polanski ha impiegato molto tempo, 2 anni, per preparare quel film. … Era severo con se stesso, ma in senso buono.

Tess fu distribuito nel nord della Francia e nell’Inghilterra di Hardy e divenne anche uno dei film più costosi realizzati in Francia fino a quel momento. Alla fine, si è rivelato un successo monetario ed è stato ben accolto sia dalla critica cinematografica che dal pubblico in generale. Polanski ha vinto i César Awards francesi come miglior film e miglior regista, oltre a ottenere la sua quarta nomination all’Oscar (e anche la sua seconda nomination come miglior regista).

Il film ha ricevuto tre Oscar: miglior fotografia, miglior direzione artistica, costumi ed è stato anche nominato per la migliore fotografia. Nastassja Kinski ricorda anche la sua influenza su di lei durante le riprese: “Era davvero un gentiluomo, per niente come avevo sentito. Mi ha fatto conoscere bellissimi libri, opere teatrali e film.

Roman Polanski a Milano

Nel 1981, Polanski ha recitato e diretto (nel ruolo di Mozart) in una produzione teatrale dell’opera teatrale di Peter Shaffer Amadeus, inizialmente a Varsavia, poi a Parigi. Lo spettacolo è stato nuovamente diretto da Polanski, a Milano, nel 1999.

Pirati

Passarono quasi sette anni prima del film successivo di Polanski, Pirati, un costoso film in costume con Walter Matthau nei panni del Capitano Rosso, che il regista intendeva come tributo agli amati spavaldi Errol Flynn della sua giovinezza. Lo scagnozzo del capitano Red, Jean Baptiste, è stato interpretato da Cris Campion. Il film ha a che fare con una ribellione su una nave chiamata Neptune, nel diciassettesimo secolo. La sceneggiatura del film è stato scritta da Polanski, Gérard Brach e John Brownjohn. Il film è stato girato in Tunisia, utilizzando una nave pirata a grandezza naturale costruita per la produzione. È stato un fallimento commerciale, ha recuperato solo una piccola parte del suo budget di produzione ed ha avuto una nomination all’Oscar.

Frantic

Il film segue un turista a Parigi la cui moglie viene rapita. Tenta, senza speranza, di passare attraverso i canali burocratici per risolvere la sua scomparsa, ma alla fine prende in mano la situazione.

Luna di fiele

Nel 1992 Polanski ha diretto il film drammatico Luna di fiele. Una giovane coppia inglese, Nigel e Fiona, in viaggio in crociera, incontra un’altra coppia: Oscar, un uomo anziano e paralitico, e Mimì, un’affascinante donna francese, che sconvolgeranno le certezze sull’amore dei protagonisti.

La morte e la fanciulla

Nel 1994 Polanski ha diretto un film sull’acclamata commedia La morte e la fanciulla. In un paese imprecisato del Sud America, Paulina Escobar, moglie di Gerardo, un avvocato facente parte della commissione per le indagini sui crimini avvenuti nel paese a seguito del colpo di Stato, riconosce nel dott. Roberto Miranda la persona che in passato l’ha torturata e ripetutamente stuprata.

La nona porta

The Ninth Gate è un thriller basato sul racconto El Club Dumas di Arturo Perez-Reverte e interpretato da Johnny Depp. La trama del film si basa sull’idea che un antico testo intitolato “Le nove porte del regno delle ombre”, scritto da Aristide Torchia insieme a Lucifero, sia vitale per elevare Satana.

Il pianista

Nel 2001, Polanski ha girato Il pianista, un adattamento dell’omonima autobiografia della seconda guerra mondiale dell’artista ebreo polacco Władysław Szpilman. Le esperienze di Szpilman come ebreo perseguitato in Polonia durante la seconda guerra mondiale sono state evocative di quelle di Polanski e della sua famiglia. Mentre Szpilman e Polanski sono fuggiti dai campi di concentramento, i loro familiari non lo hanno fatto, morendo. Quando Varsavia, in Polonia, è stata scelta per il 2002 come location de Il pianista, “la nazione è esplosa di soddisfazione”.

A causa del fatto che Polanski sarebbe stato incarcerato negli Stati Uniti, non ha partecipato alla cerimonia degli Academy Awards a Hollywood. La star Harrison Ford ha ritirato il premio per Polanski e poi gli ha consegnato l’Oscar al Deauville Film Festival cinque mesi dopo in una cerimonia pubblica. Polanski ha successivamente ottenuto il premio Crystal Globe per l’impressionante e fantasioso contributo al cinema mondiale al Karlovy Vary International Film Festival nel 2004.

Oliver Twist

Oliver Twist è un adattamento della storia originale di Charles Dickens, scritto da Ronald Harwood de Il pianista. Polanski ha dichiarato nelle interviste di aver realizzato il film come qualcosa che può insegnare ai giovani e che la vita del giovane spazzino rispecchiava la sua stessa vita, difendendosi da solo nella Polonia della seconda guerra mondiale.

The Ghost Writer

The Ghost Writer, un thriller incentrato su un ghost writer che lavora sulle memorie di un personaggio vagamente basato sull’ex primo ministro britannico Tony Blair, ha trionfato agli European Film Awards nel 2010, vincendo 6 premi, tra cui miglior film, regista, sceneggiatura e protagonista. Quando è stato presentato in anteprima alla 60a Berlinale nel febbraio 2010, Polanski ha vinto un Orso d’argento come miglior regista, e nel febbraio 2011 ha vinto 4 César Awards, la versione francese degli Academy Awards.

Il film è basato su un romanzo dello scrittore britannico Robert Harris. Si stavano avvicinando anche alla produzione quando il film è stato cancellato a causa di uno sciopero degli attori nel settembre 2007. Il cast include Ewan McGregor nei panni dell’autore e Pierce Brosnan nei panni dell’ex primo ministro britannico Adam Lang. Il film è stato girato in Germania.

Negli Stati Uniti, il critico cinematografico Roger Ebert lo ha incluso tra le sue prime 10 scelte per il 2010 e afferma che “questo film è il lavoro di un uomo che sa come dirigere un thriller. Il co-protagonista Ewan McGregor è d’accordo, dopo aver detto su Polanski che “è una leggenda… Non ho mai stimato così tanto un regista e il modo in cui lavora.

Carnage

Polanski ha girato Carnage nel febbraio/marzo 2011. Il film è una versione cinematografica dell’opera teatrale di Yasmina Reza God of Carnage, una commedia su due coppie che si incontrano dopo che i loro figli litigano a scuola e come la loro conversazione inizialmente civilizzata si trasformi nel caos. Il film è stato presentato in anteprima mondiale il 9 settembre 2011 alla Mostra del Cinema di Venezia ed è stato distribuito negli Stati Uniti da Sony Pictures Classics il 16 dicembre 2011.

Venere in pelliccia

Roman Polanski, Emmanuelle Seigner e Mathieu Amalric presentano Venere in pelliccia al Festival di Cannes nel 2013. L’adattamento in lingua francese di Polanski dell’acclamata opera teatrale Venere in pelliccia, ha come protagonisti sua moglie Emmanuelle Seigner e Mathieu Amalric. Polanski ha lavorato con l’autore della commedia, David Ives, alla sceneggiatura del film. Il film è stato girato da dicembre 2012 a febbraio 2013 in francese ed è anche il primo lungometraggio non in lingua inglese di Polanski in quarant’anni. Il film è stato presentato in anteprima in concorso al Festival di Cannes 2013 il 25 maggio 2013.

Quello che non so di lei

Quello che non so di lei di Polanski è un adattamento del romanzo francese dell’autrice bestseller Delphine de Vignan. Il film racconta di una scrittrice (Emmanuelle Seigner) che ha difficoltà a completare un romanzo nuovo. Ha iniziato la produzione nel novembre 2016 da un manoscritto adattato da Polanski e Olivier Assayas. È stato presentato in anteprima in competizione al Festival di Cannes 2017 il 27 maggio 2017 e ha debuttato in Francia il 1 novembre 2017.

L’ufficiale e la spia

Il prossimo film di Polanski, L’ufficiale e la spia, racconta il famigerato evento Dreyfus del 19° secolo, Il film vede Jean Dujardin nei panni del poliziotto francese Georges Picquart e segue la sua battaglia dal 1896 al 1906 per rivelare la realtà riguardo alla prova falsificata che ha portato ad Alfred Dreyfus , uno dei pochi ebrei partecipanti alla squadra generale dell’esercito francese, ingiustamente condannato per aver trasmesso segreti delle forze armate all’impero tedesco e inviato all’Isola del Diavolo. Il film è scritto da Robert Harris, che lavora con Polanski per la terza volta. È co-interpretato da Louis Garrel nei panni di Dreyfus, Mathieu Amalric, Olivier Gourmet e dalla moglie di Polanski, Emmanuelle Seigner. È stato prodotto da Legende Films di Alain Goldman e distribuito da Gaumont. Le riprese sono iniziate il 26 novembre 2018 e si sono concluse il 28 aprile 2019.

È stato presentato in anteprima mondiale alla Mostra del Cinema di Venezia il 30 agosto 2019. Ha ottenuto anche una standing ovation quando ha vinto il Gran Premio della Giuria. L’uscita è prevista in Francia il 13 novembre 2019 da Gaumont. Il film ha fatto discutere l’opinione pubblica a causa della storia che si collega al caso di violenza sessuale di Polanski e ad ulteriori accuse di molestie e aggressioni.

Nel febbraio 2020, Polanski ha vinto il premio come miglior regista ai Cesar Awards 2020 in Francia. Alla cerimonia di premiazione organizzata alla Salle Pleyel di Parigi non hanno partecipato né Polanski né gli attori, né la squadra di L’ufficiale e la spia (J’accuse). Affrontando le accuse di violenza sessuale rivoltegli, ha affermato, “Le fantasie di menti malate ora vengono trattate come verità provate.” Questa è la quinta vittoria di Cesar per il miglior regista di Polanski, il record per un regista; in precedenza ha vinto per Tess, The Pianist, The Ghost Writer e Venus in Fur.

Prima della cerimonia di premiazione, Polanski ha rilasciato una dichiarazione, dicendo: “Per diversi giorni, le persone mi hanno posto questa domanda: parteciperò o non parteciperò alla cerimonia del Cesar? Facendo riferimento al recente scandalo mediatico che ha portato alle dimissioni in massa del consiglio dei Cesar, Polanski ha aggiunto: “La stampa e i social media hanno presentato le nostre 12 candidature come se fossero doni offerti a noi dal consiglio di amministrazione dell’accademia, come un gesto autoritario che aveva costretto le loro dimissioni.

Nonostante l’assenza di Polanski dalla cerimonia di premiazione, la sua elezione e la vittoria hanno suscitato proteste a causa delle accuse di stupro che deve ancora affrontare. Gli attivisti hanno mostrato slogan come “Vergogna per un settore che tutela gli stupratori”. La polizia ha incontrato attivisti, sparando su di loro anche gas lacrimogeni. Le accuse sono state inoltre fatte da star, come Adèle Haenel, Noémie Merlant, così come Celine Sciamma che ha abbandonato le onorificenze. Molte altre star e femministe si sono espresse contro Polanski online, come NousToutes, una femminista francese, che ha definito la vittoria “scandalosa”, così come Jessica Chastain ha twittato “I Fucking Stan” in relazione alle proteste.

Allo stesso tempo, alcune star si sono attivate in sua difesa, come l’attrice Fanny Ardant, che ha dichiarato: “Quando mi piace qualcuno, lo amo appassionatamente. E mi piace molto Roman Polanski … molto … Quindi sono molto felice per lui. Dopodiché, capisco che non tutte le persone sono d’accordo per quanto sia lunga la flessibilità in tempo reale!” così come la star Brigitte Bardot che ha dichiarato: “Per fortuna Polanski esiste e sta salvando il cinema dalla sua mediocrità! Lo valuto per il suo talento e per la sua vita personale! Mi dispiace non aver mai girato con lui!”.

La star Lambert Wilson ha definito la guerra mediatica Polanski “orribile linciaggio pubblico”, così come Isabelle Huppert, che ha specificato che “il linciaggio è una specie di pornografia”. Samantha Geimer, ha criticato i militanti definendoli “molto opportunisti”, oltre ad affermare che “Se desideri trasformare il mondo oggi, fallo… chiedendo che le persone siano ritenute responsabili oggi, non scegliendo qualcuno che è famoso e credere che se lo demonizzi per cose accadute decenni fa, in qualche modo ciò abbia un qualche tipo di valore nel cambiare e proteggere la società”.

In un’intervista Polanski ha confessato: “Vedo la stessa identica volontà di tralasciare i fatti e condannarmi per cose che in realtà non ho fatto. La maggior parte delle persone che mi infastidiscono non mi conoscono e non sanno nulla della situazione”.

Nell’ottobre 2020, Polanski è tornato in Polonia e ha reso omaggio a una coppia polacca che lo ha aiutato a nascondersi e a fuggire dai nazisti. Stefania e Jan Buchala sono stati definite da Yad Vashem, il memoriale israeliano dell’Olocausto, come “Giusti tra le nazioni”. Polanski ricordava Stefania Buchala come una persona “eccezionalmente nobile” e audace.

Nell’aprile 2021, è stato annunciato che Polanski dirigerà The Palace, un dramma sugli ospiti di un lussuoso hotel svizzero alla vigilia di Capodanno del 1999. Polanski ha co-scritto la sceneggiatura con il regista polacco Jerzy Skolimowski, che ha anche co-scritto la sceneggiatura e ha scritto il primo lungometraggio di Polanski, Knife in the Water, nel 1962. 

La vita di Roman Polanski

Nel 1959 Polanski sposò l’attrice Barbara Kwiatkowska-Lass. L’attrice ha recitato nel suo cortometraggio When Angels Fall. Polanski ha conosciuto l’attrice Sharon Tate durante le riprese di The Fearless Vampire Killers, e durante la produzione, i due hanno iniziato a frequentarsi. Il 20 gennaio 1968 Polanski e anche Tate si sposarono a Londra.

Nel febbraio 1969 Polanski e Tate affittarono una casa a Los Angeles. Ad agosto, mentre Polanski era in Europa a lavorare a un film, Tate è rimasta a casa, incinta di otto mesi e mezzo. Polanski ha infatti affermato che la sua assenza la sera degli omicidi è il più grande rimpianto della sua vita. Ha scritto nelle sue memorie: “La morte di Sharon è l’unico punto di riferimento nella mia vita”, così come ha commentato che il suo omicidio ha trasformato il suo personaggio da un “mare illimitato e sereno di ipotesi e prospettive positive” a un “pessimismo radicato … frustrazione eterna con la vita”. Polanski è stato travolto da una percezione negativa del giornalismo, che sentiva interessato a sensazionalizzare la notizia per attirare lettori. Era sbalordito dall’assenza di compassione nelle varie notizie.

Tra il sensazionalismo generato dai media c’erano voci secondo cui Tate ei suoi visitatori stavano assumendo droghe, nonostante il medico legale avesse annunciato che non sono state trovate tracce di droghe dopo l’autopsia di Tate. Per anni dopo, osserva Sandford, “i giornalisti hanno apertamente speculato sulla vita domestica dei Polanski” e sulla loro personalità al fine di creare più pettegolezzi mediatici sulla vita privata delle celebrità di Hollywood.

Nel 1989, Polanski ha sposato l’attrice Emmanuelle Seigner. Hanno due figli, la figlia Morgane e il figlio Elvis. Polanski e i suoi figli parlano polacco a casa. Nel maggio 2018, l’Academy of Motion Picture Arts and Sciences ha votato per rimuovere Polanski dalla sua adesione. Lo stesso anno, la moglie Emmanuelle Seigner rifiutò l’invito ad entrare in Accademia.

Le accuse a Roman Polanski

roman-polanski-gailey

Nel 1977 Polanski fu arrestato e accusato di aver drogato e violentato una ragazza di 13 anni. Nel 1978, dopo aver appreso che il giudice intendeva rifiutare il suo patteggiamento e imporre una pena detentiva invece della libertà vigilata, è fuggito a Parigi. Diverse altre donne hanno successivamente accusato Polanski di averle violentate quando erano adolescenti.

L’11 marzo 1977, tre anni dopo aver realizzato Chinatown, Polanski fu arrestato al Beverly Wilshire Hotel per l’aggressione sessuale della tredicenne Samantha Gailey. Polanski è stato incriminato per sei capi di imputazione, compreso lo stupro. L’avvocato di Gailey ha organizzato un patteggiamento in cui cinque delle sei accuse sarebbero state respinte e Polanski ha accettato.

Dopo essere stato rilasciato dalla prigione dopo 42 giorni, Polanski ha accettato il patteggiamento insieme alla libertà vigilata. “Vedrò che quest’uomo non esca mai di prigione”, ha detto all’amico di Polanski, lo sceneggiatore Howard E. Koch. l’avvocato di Gailey. Avrebbe condannato Polanski a cinquant’anni. Quello che ha fatto il giudice è stato scandaloso. Avevano concordato un patteggiamento e il giudice lo aveva approvato.

A Polanski è stato detto dal suo avvocato che “non ci si poteva più fidare del giudice” e che le dichiarazioni del giudice erano “prive di valore”. Polanski ha deciso di non comparire alla sua condanna. Dato che è fuggito dagli Stati Uniti prima della condanna definitiva, le accuse sono ancora pendenti.

Nel 1988, Gailey fece causa a Polanski. Nell’agosto 1996, Polanski le doveva ancora $ 604.416; documenti del tribunale confermano che l’accordo è stato completato entro il 1997 tramite un accordo finanziario riservato.

Il 26 settembre 2009 Polanski è stato incarcerato mentre si trovava in Svizzera su richiesta delle autorità statunitensi. L’evento ha riportato a fuoco l’istanza e ha anche suscitato conflitti, in particolare negli Stati Uniti e in Europa. Polanski è stato difeso da numerose personalità importanti, tra cui celebrità di Hollywood e anche musicisti europei e politici, che ne hanno chiesto il rilascio. L’opinione popolare americana sarebbe stata contro di lui, e sondaggi in Francia e in Polonia hanno rivelato che solide maggioranze erano favorevoli alla sua estradizione negli Stati Uniti.

Polanski fu incarcerato vicino a Zurigo per due mesi, poi messo agli arresti domiciliari nella sua abitazione a Gstaad in attesa dei risultati dei suoi appelli di estradizione. Il 12 luglio 2010 gli svizzeri hanno respinto la richiesta degli Stati Uniti, hanno dichiarato Polanski un “uomo libero” e lo hanno rilasciato dalla custodia. Un avviso rosso dell’Interpol è stato emesso nel 1978 dopo essere fuggito dagli Stati Uniti, limitando i suoi movimenti in Francia, Svizzera e Polonia.

Durante un’intervista televisiva il 10 marzo 2011, Geimer ha condannato i media, i giornalisti, il tribunale e anche il giudice per aver creato “molti più danni a me e anche alla mia famiglia di qualsiasi cosa Roman Polanski abbia mai fatto”, e ha anche affermato che il il giudice stava utilizzando lei e Polanski per l’esposizione ai media.

Il 30 ottobre 2015, il giudice polacco Dariusz Mazur ha respinto la richiesta degli Stati Uniti di estradare Polanski (con doppia cittadinanza franco-polacca) per un processo completo, sostenendo che sarebbe stato “ovviamente illegale”. L’ufficio del pubblico ministero di Cracovia ha rifiutato di impugnare la sentenza del tribunale, concordando sul fatto che Polanski aveva scontato la sua punizione e non aveva bisogno di affrontare di nuovo un tribunale statunitense.

Il 3 maggio 2018, Polanski è stato eliminato dall’Accademia delle arti e delle scienze cinematografiche, con la decisione che fa riferimento al caso. Polanski ha criticato Harvey Weinstein per il ritrovato focus sulla sua situazione di aggressione sessuale negli anni 2000 e ha affermato che Weinstein ha cercato di etichettarlo come uno “stupratore di bambini” per impedirgli di vincere un Oscar nel 2003.

Nel suo libro, Geimer afferma: “Per quanto abbia sbagliato a fare quello che ha fatto, so senza ombra di dubbio che non mi considerava una sua vittima. Non tutti lo riconosceranno, eppure non ho mai pensato che volesse ferirmi; voleva che lo apprezzassi. Era testardo oltre che eccitato. Mi sembra evidente che non stesse cercando di trarre piacere dal mio dolore. “

​​Nell’intervista, Geimer chiarisce alcune delle idee che si sono create nei media: “… perché gli altri insistono che devo sopportare, e che se non presento la giusta quantità di dolore e vergogna, ci deve essere qualcosa di sbagliato in me? In realtà non devo essere ferita per confermare ciò che ha fatto Roman.

Verso la fine dell’intervista conclude:

Il perdono aiuta la vittima. Ti libera dall’odio e dal rimpianto. Come ho già sottolineato, le persone esplodono quando scoprono che non possono utilizzarmi per soddisfare il loro scopo. Roman è tornato negli Stati Uniti, ha servito la sua condanna, così come è stato trattato ingiustamente da un tribunale corrotto. Sono passati 40 anni. Basta.

​​Documentario

roman-polanski-seigner

Nel 2008, il film docudrama di Marina Zenovich, Roman Polanski: Wanted as well as Desired, è stato distribuito in Europa e negli Stati Uniti dove ha vinto vari riconoscimenti. Include incontri con le persone coinvolte nel caso, inclusa la vittima, Geimer, così come il pubblico ministero, Roger Gunson.

Nel settembre 2011, il film documentario Roman Polanski: A Film Memoir ha avuto la sua anteprima a Zurigo, in Svizzera. In questa celebrazione, ha ritirato il premio alla carriera che avrebbe effettivamente ricevuto 2 anni prima.

Diffamazioni

Nel 2004, Polanski ha intrapreso un’azione legale contro la pubblicazione Vanity Fair a Londra per diffamazione. Un post del 2002 sulla rivista dichiarava che Polanski aveva promesso che avrebbe “fatto di te un’altra Sharon Tate” nel tentativo di sedurre una ragazza scandinava mentre stava facendo un viaggio al funerale di Tate.

La corte dei magistrati di Herzliya ha respinto la richiesta di Polanski di essere esentato dal presentarsi in tribunale dopo aver presentato la causa per diffamazione. Mentre Polanski ha offerto numerose ragioni per la sua incapacità di presentarsi, il giudice presiedente, Gilad Hess, le ha respinte una per una e ha ordinato a Polanski di pagare Uziel. Nel novembre 2018, è stato dichiarato che Polanski aveva deciso di abbandonare l’azione legale.

roman-polanski

Alla fine di dicembre 2019, negli incontri di Polanski con Paris Match e Gazeta Wyborcza, il regista ha accusato Matan Uziel di voler distruggere la sua immagine pubblica e di aver svolto un ruolo importante nel progettare una campagna globale per infangare il suo nome e far cadere in disgrazia la sua professione.

Charlotte Lewis

Nel 2010, la star britannica Charlotte Lewis ha affermato che Polanski si era effettivamente “interessato” a di lei mentre faceva un’audizione per un film a Parigi nel 1983, quando lei aveva 16 anni e lui 50. Nel 1999, Lewis aveva effettivamente fornito un resoconto molto vario degli eventi in un incontro con il News of the World del Regno Unito, che è stato portato alla luce da Libération, quotidiano francese. In quell’incontro, Lewis ha affermato di aver avuto una frequentazione di sei mesi con Polanski quando aveva 17 anni: “Sapevo che Roman aveva effettivamente fatto qualcosa di brutto negli Stati Uniti, eppure intendevo essere la sua ragazza”, ha dichiarato Lewis, secondo Liberazione. “Lo desideravo forse più di quanto lui desiderasse me.”

Lewis non ha mai menzionato alcuna aggressione sessuale e ha affermato che la loro collaborazione è finita quando Polanski l’ha presentata a Warren Beatty. È stata scritturata nel film Pirati di Polanski del 1986, è apparsa al festival di Cannes al suo braccio anni dopo il presunto evento, così come in un incontro l’anno del lancio del film, Lewis ha specificato: “Mi piacerebbe avere avuto un’esperienza romantica con Polanski, e anche fisica. Non puoi fare a meno di innamorarti di lui. Ma davvero non mi desiderava”.

Ulteriori accuse a Polanski

Nell’ottobre 2017, l’attrice tedesca Renate Langer ha informato le autorità svizzere che Polanski l’ha violentata a Gstaad quando aveva 15 anni, nel 1972. Lo stesso mese, l’artista californiana Marianne Barnard ha accusato Polanski di averla aggredita sessualmente nel 1975, quando aveva 10 anni. Nel novembre 2019, l’attrice francese Valentine Monnier ha dichiarato che Polanski l’ha violentata in uno chalet a Gstaad nel 1975.

Centinaia di film e documentari selezionati senza limiti

Nuovi film ogni settimana. Guarda su qualsiasi dispositivo, senza nessuna pubblicità. Annulla in qualsiasi momento.
error: Content is protected !!

Inizia ora a guardare gratis per 7 giorni centinaia di titoli disponibili

Inizia una prova gratuita

Guarda centinaia di film indipendenti, film d’essai, documentari, cult, film sperimentali e di avanguardia, retrospettive tematiche, spettacoli teatrali. Inizia gratis.