Film che fanno riflettere da vedere

Guarda film indipendenti e cult selezionati

Vai oltre i film proposti dalle solite piattaforme commerciali. Guarda centinaia di film indipendenti e d'autore rari, cult e documentari introvabili selezionati da tutto il mondo.

Indice dei contenuti

I film che fanno riflettere sono un modo straordinario per esplorare l’animo umano. Possono farci ridere, piangere, arrabbiare, emozionare. Ma possono anche farci riflettere, stimolare la nostra immaginazione e farci vedere il mondo da una nuova prospettiva.

Un film che fa riflettere è un film che ci lascia qualcosa da pensare, che ci provoca domande, che ci invita a riflettere sulla nostra vita e sul mondo che ci circonda. Può essere un film che affronta temi profondi, come il senso della vita, la morte, l’amore, la perdita. Oppure può essere un film che semplicemente ci fa vedere le cose da un punto di vista diverso, che ci fa aprire la mente a nuove possibilità.

I film che fanno riflettere possono essere di qualsiasi genere, dai film drammatici ai film d’animazione, dai film d’azione ai film romantici. L’importante è che siano ben fatti, che abbiano una storia coinvolgente e che siano in grado di toccare le corde della nostra anima.

I film che fanno riflettere sono un’esperienza preziosa che può arricchire la nostra vita e aiutarci a crescere come persone.

Temi dei film che fanno riflettere

film-che-fanno-riflettere

I temi che affrontano i film che fanno riflettere sono tanti e diversi. Ecco alcuni dei più comuni:

  • Il senso della vita: cosa significa vivere? Qual è il nostro scopo in questo mondo?
  • La morte: cosa succede dopo la morte? Come affrontare la perdita di una persona cara?
  • L’amore: cos’è l’amore? Come trovare e mantenere l’amore?
  • La perdita: come affrontare la perdita di qualcosa o qualcuno di importante?
  • La guerra: cosa significa la guerra? Quali sono le conseguenze della guerra?
  • La giustizia: cos’è la giustizia? Come ottenere giustizia?
  • L’etica: cosa è giusto e cosa è sbagliato? Come prendere decisioni etiche?

I film che fanno riflettere sono importanti perché possono aiutarci a comprendere meglio noi stessi e il mondo che ci circonda. Possono aiutarci a riflettere sui nostri valori, sui nostri obiettivi e sulle nostre scelte. Possono aiutarci a crescere come persone e a diventare più consapevoli.

Guardare un film che fa riflettere può essere un’esperienza intensa e coinvolgente. Può farci provare emozioni forti, può farci pensare a cose che non avevamo mai considerato prima. Può farci cambiare prospettiva e vedere il mondo in modo diverso.

I film possono essere una fonte di grande crescita personale. Ecco una piccola selezione di film che fanno riflettere e che potrebbero ispirarti, farti fare un bilancio della tua vita o spingerti a fare delle riflessioni sul mondo in cui viviamo.

Iscriviti

Faust (1926)

Regia: Friedrich Wilhelm Murnau

Genere: Drammatico, fantasy, horror

Trama: Faust è un vecchio e disilluso studioso che fa un patto con il diavolo, Mefistofele, in cambio della giovinezza e di una vita di piacere. Faust si innamora della giovane Gretchen, ma la sua relazione con lei porta a una serie di tragedie.

Accoglienza: Il film è stato un successo di critica e di pubblico, ed è considerato uno dei capolavori del cinema espressionista tedesco. È stato restaurato e proiettato in versione restaurata nel 2002.

Riflessioni: Faust è un film che fa riflettere sulla natura del male, della redenzione e della natura umana. Il film suggerisce che il male è sempre presente nel mondo, e che può corrompere anche le persone più buone. Tuttavia, il film mostra anche che la redenzione è possibile, anche per le persone che hanno commesso grandi errori.

Il film è anche un ritratto della natura umana, con tutte le sue contraddizioni. Faust è un uomo complesso e sfaccettato, che è sia buono che cattivo. La sua storia è una storia di lotta tra il bene e il male, che è una lotta che si svolge dentro di noi tutti.

GUARDA IL FILM

Metropolis (1926)

Regia: Fritz Lang

Genere: Film muto, fantascienza, drammatico

Trama: In una megalopoli distopica del futuro, la società è divisa in due classi: gli operai, che vivono nelle profondità della terra, e gli aristocratici, che vivono in una città futuristica sospesa nel cielo. Quando Maria, una donna sensibile e idealista, scende nella città degli operai per diffondere la parola di Dio, il suo messaggio viene corrotto da Rotwang, un ex scienziato impazzito che trama di scatenare una rivolta tra gli operai.

Accoglienza: Metropolis è stato un successo immediato al suo debutto nel 1927, e da allora è stato considerato uno dei capolavori del cinema muto. Il film è stato elogiato per la sua regia innovativa, i suoi effetti speciali mozzafiato, e la sua complessa esplorazione delle questioni sociali.

Riflessioni: Metropolis è un film che fa riflettere sulla natura del progresso, della classe sociale, e delle relazioni umane. Il film suggerisce che il progresso tecnologico non è necessariamente sinonimo di progresso umano, e che la divisione tra le classi sociali può portare alla disarmonia e alla violenza.

Il film è anche una riflessione sulla condizione umana, e sul conflitto tra i desideri individuali e le esigenze della società. Il film mostra come sia possibile cercare un equilibrio tra questi due aspetti, e come il progresso umano possa essere raggiunto solo attraverso la collaborazione e la comprensione reciproca.

Aurora (1927)

Regia: Friedrich Wilhelm Murnau

Genere: Film muto, dramma, romanticismo

Trama: Una giovane donna di un villaggio rurale in Russia si innamora di un ricco aristocratico, ma la loro relazione è proibita dalle differenze di classe sociale. La donna viene infine costretta a sposare un altro uomo, ma non dimentica mai il suo amore per l’aristocratico.

Accoglienza: Aurora è stato un successo alla critica alla sua uscita nel 1927, e da allora è stato considerato uno dei capolavori del cinema muto. Il film è stato elogiato per la sua regia visionaria, la sua fotografia mozzafiato, e la sua esplorazione emotiva delle questioni amorose e sociali.

Riflessioni: Aurora è un film che fa riflettere sulla natura dell’amore, della gelosia, e della tragicità della vita. Il film suggerisce che l’amore può essere sia una forza positiva che una forza negativa, e che la gelosia può portare alla distruzione di una relazione.

Il film è anche una riflessione sulla condizione umana, e sulla lotta tra i desideri individuali e le aspettative sociali. Il film mostra come le persone siano spesso costrette a rinunciare ai propri sentimenti per conformarsi alle norme sociali.

GUARDA IL FILM

La folla (1928)

Regia: King Vidor

Genere: Film muto, dramma, commento sociale

Trama: Un giovane uomo della classe operaia lotta per trovare il suo posto nella società e trovare l’amore in un vasto ambiente urbano impersonale.

Accoglienza: La folla è stato un successo commerciale e di critica alla sua uscita nel 1928, ed è da allora considerato uno dei capolavori del cinema muto. Il film è stato elogiato per la sua innovativa cinematografia, la sua realistica rappresentazione della vita urbana e la sua potente esplorazione di temi di alienazione, isolamento e lotta per l’identità.

Riflessioni: La folla è un film che ci invita a riflettere sulla natura dell’esistenza umana nella società moderna. Il film suggerisce che l’individuo può essere facilmente perso nella vastità della città, e che la ricerca della felicità può essere sfuggente e frustrante.

Il film è anche una critica del capitalismo e della mercificazione delle relazioni umane. Il film mostra come gli individui sono spesso ridotti a meri numeri o ruote dentate nella macchina della società, e che la loro individualità è persa nella ricerca di beni materiali e status sociale.

Meshes of the Afternoon (1943)

Regia: Maya Deren

Genere: Surrealismo

Trama: Una donna torna a casa dopo una passeggiata e inizia a vivere una serie di esperienze surreali e ripetitive.

Accoglienza: Il film è stato accolto con recensioni positive dalla critica, che ha lodato la sua originalità e il suo impatto visivo. È considerato uno dei capolavori del cinema surrealista.

Riflessioni: Meshes of the Afternoon è un film che fa riflettere sulla natura della realtà e del sogno. Il film suggerisce che la realtà può essere ambigua e soggettiva, e che il sogno può essere una forma di esplorazione della propria psiche.

Il film è anche un ritratto della condizione femminile. La donna del film è una figura solitaria e alienata, che si confronta con le proprie paure e desideri.

GUARDA IL FILM

Quarto potere Citizen Kane (1949)

Regia: Orson Welles

Genere: Dramma

Trama: Charles Foster Kane è un magnate americano che ha tutto: ricchezza, potere, fama. Ma alla fine della sua vita si ritrova solo e insoddisfatto. Il film esplora il tema del successo e del fallimento, della ricchezza e della solitudine.

Accoglienza: Il film è stato un successo immediato, sia di critica che di pubblico. È considerato uno dei migliori film di tutti i tempi, e ha influenzato generazioni di cineasti.

Riflessioni: Il film riflette sul significato della vita e della felicità. Ci mostra che il successo e la ricchezza non garantiscono la felicità, e che l’uomo è un essere complesso che ha bisogno di più di cose materiali per trovare la propria realizzazione.

Viaggio a Tokyo (1953)

Regia: Yasujirō Ozu

Genere: Dramma

Trama: Shūkichi e Tomi Hirayama, una coppia di anziani, decidono di fare un viaggio a Tokyo per visitare i propri figli, che vivono nella capitale. Il viaggio è un’occasione per riflettere sulla propria vita e sui propri rapporti familiari.

Accoglienza: Il film è stato un successo di critica e pubblico, vincendo il Leone d’oro al Festival di Venezia. È considerato uno dei capolavori della cinematografia giapponese e uno dei più grandi film mai girati.

Riflessioni: Il film fa riflettere su temi universali come la famiglia, la vecchiaia e il cambiamento. Ozu esplora con delicatezza le dinamiche familiari, mostrando come le generazioni si scontrano e si confrontano. Il film è anche un ritratto della società giapponese del dopoguerra, che è in rapido cambiamento.

GUARDA IL FILM

I racconti della luna pallida d’agosto (1953)

Regia: Kenji Mizoguchi

Genere: Fantasy

Trama: La storia è ambientata nel Giappone del XVI secolo, durante il periodo Sengoku. Due contadini, Genjuro e Tobei, vendono i loro vasi a dei soldati per poter arricchirsi. Genjuro si innamora di una donna fantasma, mentre Tobei sposa una donna ricca, ma che si rivela essere un demone.

Accoglienza: I racconti della luna pallida d’agosto è stato un grande successo di critica e pubblico. Ha vinto il Leone d’argento al Festival di Venezia nel 1953 ed è stato candidato a due premi Oscar, per la migliore regia e la migliore fotografia.

Riflessioni: I racconti della luna pallida d’agosto è un film che fa riflettere su diversi temi, tra cui l’ambizione e i suoi pericoli: Genjuro e Tobei sono entrambi mossi dall’ambizione di arricchirsi e migliorare la propria condizione sociale. Questa ambizione li porta a prendere decisioni sbagliate che portano alla loro rovina.

GUARDA IL FILM

La strada (1954)

Regia: Federico Fellini

Genere: Dramma

Trama: Gelsomina e Zampano sono due vagabondi che viaggiano insieme attraverso l’Italia. Gelsomina è una ragazza ingenua e sognatrice, Zampano è un uomo burbero e violento. Il film racconta la loro storia d’amore e di sofferenza, e la loro lotta per sopravvivere in un mondo indifferente.

Accoglienza: Il film è stato un successo di critica, e ha vinto il Leone d’Oro al Festival di Venezia. È considerato uno dei capolavori del cinema neorealista italiano.

Riflessioni: Il film riflette sulla condizione umana, e sulla difficoltà di trovare la felicità in un mondo spesso crudele e indifferente. Ci mostra che l’amore è una forza potente, ma che non è sempre sufficiente per superare le difficoltà della vita.

Il settimo sigillo (1957)

Regia: Ingmar Bergman

Genere: Drammatico, fantastico

Trama: La storia è ambientata in un’Europa medievale, devastata dalla peste. Il cavaliere Antonius Block torna dalle crociate, accompagnato dal suo scudiero Jöns. Sulla spiaggia, al suo arrivo, il cavaliere trova ad attenderlo la Morte, che ha scelto quel momento per portarlo via.

Accoglienza: Il settimo sigillo è stato un grande successo di critica e pubblico. Ha vinto il premio speciale della giuria al Festival di Cannes nel 1957 e ha ricevuto una nomination all’Oscar per la migliore sceneggiatura originale.

Riflessioni: Il settimo sigillo è un film che fa riflettere su diversi temi, tra cui La vita e la morte: Il film esplora il tema della morte in modo profondo e provocatorio. La Morte è rappresentata come una figura reale e tangibile, con la quale il cavaliere Antonius Block è costretto a confrontarsi. La fede: Il film mette in discussione la fede religiosa. Antonius Block, che è un cavaliere cristiano, si trova a dover affrontare la propria fede in un mondo di morte e distruzione.

La notte (1961)

Regia: Michelangelo Antonioni

Genere: Drammatico

Trama: La storia inizia con Giovanni e Lidia che visitano un amico gravemente malato in un ospedale. Giovanni è uno scrittore di successo, mentre Lidia è una donna insoddisfatta della sua vita matrimoniale. Dopo la visita all’ospedale, i due partecipano a un ricevimento per presentare il nuovo libro di Giovanni. Lidia, però, si sente a disagio e se ne va presto.

Accoglienza: La notte è stato un successo di critica e pubblico. Ha vinto l’Orso d’oro al Festival di Berlino nel 1961 ed è stato candidato a due premi Oscar, per la migliore regia e la migliore sceneggiatura originale.

Riflessioni: La notte è un film che fa riflettere su diversi temi, tra cui La crisi del matrimonio: Il film esplora la crisi del matrimonio in modo profondo e realistico. Giovanni e Lidia sono due persone che si amano, ma che hanno perso la connessione tra loro. L’insoddisfazione: Il film esplora anche l’insoddisfazione che può portare alla crisi del matrimonio. La solitudine: La notte è un film sulla solitudine. Giovanni e Lidia si sentono soli, anche quando sono insieme.

8½ (1963)

Regia: Federico Fellini

Genere: Dramma

Trama: Guido Anselmi è un regista in crisi creativa. Sta lavorando al suo nuovo film, ma non riesce a trovare l’ispirazione. Il film è un ritratto del processo creativo, e della difficoltà di trovare un significato alla vita.

Accoglienza: Il film è stato un successo di critica, e ha vinto la Palma d’Oro al Festival di Cannes. È considerato uno dei capolavori del cinema italiano.

Riflessioni: Il film riflette sul significato della vita e dell’arte. Ci mostra che la creatività è un dono prezioso, ma che può essere anche una fonte di grande sofferenza.

Au Hasard Balthazar (1966)

Regia: Robert Bresson

Genere: Drammatico

Trama: La storia inizia con Balthazar che vive con una giovane ragazza, Marie. Balthazar è un asino gentile e affettuoso, e Marie lo ama molto. Tuttavia, la famiglia di Marie è povera e deve vendere Balthazar.

Accoglienza: Au Hasard Balthazar è stato un successo di critica e pubblico. Il film ha vinto il Gran Premio della Giuria al Festival di Cannes nel 1966 ed è stato candidato a due premi Oscar, per la migliore regia e la migliore sceneggiatura originale non originale.

Riflessioni: Au Hasard Balthazar è un film che fa riflettere su diversi temi, tra cui la sofferenza animale: Il film esplora la sofferenza che gli animali possono subire a causa dell’uomo. La natura umana: Il film suggerisce che la natura umana è spesso crudele e insensibile. La fede: Il film è stato interpretato come una metafora della fede cristiana. Balthazar può essere visto come un simbolo di Cristo, che è stato sacrificato per il bene dell’umanità.

Iscriviti

2001: Odissea nello spazio (1968)

Regia: Stanley Kubrick

Genere: Sci-Fi

Trama: Un gruppo di astronauti intraprende un viaggio nello spazio alla ricerca di un monolite misterioso. Il film esplora i temi della coscienza, dell’evoluzione e dell’alienità.

Accoglienza: Il film è stato un successo di critica, ma è stato anche criticato per la sua complessità e la sua mancanza di dialoghi. È considerato uno dei film più importanti della storia del cinema.

Riflessioni: Il film riflette sulla natura dell’universo e del nostro posto in esso. Ci mostra che l’uomo è un essere piccolo e insignificante in un universo vastissimo e misterioso.

Taxi Driver

Regia: Martin Scorsese

Genere: Dramma

Trama: Travis Bickle è un tassista solitario che si trasforma in un assassino. Il film esplora i temi della violenza, della solitudine e della follia.

Accoglienza: Il film è stato un successo di critica, e ha vinto la Palma d’Oro al Festival di Cannes. È considerato uno dei film più importanti della storia del cinema.

Riflessioni: Il film riflette sulla natura della violenza e della follia. Ci mostra che la violenza può essere una conseguenza della solitudine e della frustrazione.

Apocalypse Now (1979)

Regia: Francis Ford Coppola

Genere: Guerra

Trama: Un gruppo di soldati americani si avventura nella giungla del Vietnam alla ricerca di un colonnello che è impazzito. Il film esplora i temi della guerra, della follia e della natura umana.

Accoglienza: Il film è stato un successo di critica, ma è stato anche criticato per la sua violenza e per la sua lunghezza. È considerato uno dei film più importanti della storia del cinema.

Riflessioni: Il film riflette sulla natura della guerra e della follia. Ci mostra che la guerra può corrompere anche le persone più sane di mente.

 Il tempo dei gitani (1988)

Regia: Emir Kusturica

Genere: Dramma

Trama: La storia di un gruppo di gitani che vivono ai margini della società. Il film esplora i temi dell’identità, della libertà e della cultura.

Accoglienza: Il film è stato un successo di critica, e ha vinto la Palma d’Oro al Festival di Cannes. È considerato uno dei film più importanti della storia del cinema.

Riflessioni: Il film riflette sull’importanza dell’identità e della libertà. Ci mostra che le persone di ogni cultura hanno il diritto di essere libere.

 Le ali della libertà (1994)

Regia: Alan Parker

Genere: Dramma

Trama: Andy Dufresne, un uomo condannato per un crimine che non ha commesso, riesce a trovare la redenzione in prigione. Il film esplora i temi della speranza, della redenzione e della resilienza.

Accoglienza: Il film è stato un successo di critica e di pubblico, e ha vinto due premi Oscar. È considerato uno dei film più importanti sulla redenzione.

Riflessioni: Il film riflette sulla natura della speranza e della redenzione. Ci mostra che la speranza può sopravvivere anche nelle situazioni più difficili.

La sottile linea rossa (2001)

Regia: Terrence Malick

Genere: Guerra

Trama: La storia di un gruppo di soldati americani durante la Seconda Guerra Mondiale, che si confrontano con la violenza e la morte. Il film esplora i temi della guerra, della natura umana e della spiritualità.

Accoglienza: Il film è stato un successo di critica, ma è stato anche criticato per la sua lunghezza e la sua complessità. È considerato uno dei film più importanti sulla Seconda Guerra Mondiale.

Riflessioni: Il film riflette sulla natura della guerra e della natura umana. Ci mostra che la guerra può corrompere anche le persone più buone. 

Giorno 122 (2016)

Regia: Fulvio Ottaviano

Genere: Fantascienza, drammatico

Trama: Un gruppo di sopravvissuti a un incidente ferroviario si ritrova isolato sull’Appennino tosco-emiliano. Dopo aver atteso invano i soccorsi, i superstiti si mettono in cammino nella foresta innevata, alla ricerca di viveri e di un riparo.

Accoglienza: Il film è stato presentato in anteprima al Festival del cinema di Roma nel 2016 e ha ricevuto recensioni positive dalla critica. È stato elogiato per la sua regia, la sceneggiatura e la fotografia.

Riflessioni: Giorno 122 è un film che fa riflettere sulla natura umana, sulla società e sull’ambiente. Il film suggerisce che la natura umana è capace di grande generosità e altruismo, ma anche di grande crudeltà e violenza.

Il film è anche una riflessione sulla società contemporanea, che è sempre più individualista e competitiva. Il film mostra come la catastrofe ambientale può portare alla disgregazione della società e alla lotta per la sopravvivenza.

GUARDA IL FILM

The Astronot (2018)

Regia: Tim Cash

Genere: Drammatico, storico

Trama: Daniel è un recluso che ha sempre sognato di andare sulla luna. Quando incontra Sandy, una donna che condivide la sua passione per lo spazio, Daniel inizia a realizzare il suo sogno.

Accoglienza: Il film è stato presentato in anteprima al Festival internazionale del cinema di Toronto nel 2018 e ha ricevuto recensioni positive dalla critica. È stato elogiato per le sue performance, la sceneggiatura e la regia.

Riflessioni: The Astronot è un film che fa riflettere sulla natura dei sogni, dell’amore e della possibilità di realizzare le proprie aspirazioni. Il film suggerisce che i sogni possono essere potenti motivatori e che l’amore può aiutarci a raggiungere i nostri obiettivi.

Il film è anche un ritratto della passione per lo spazio e dell’importanza di perseguire i propri sogni. Il film mostra come la passione per lo spazio possa unire le persone e ispirarle a realizzare grandi cose.

GUARDA IL FILM

Mistero di un impiegato (2019)

Regia: Fabio Del Greco

Genere: Thriller, drammatico

Trama: Giuseppe Russo è un impiegato ordinario che vive una vita tranquilla e anonima. Un giorno, però, inizia a ricevere strane telefonate e a notare strani avvenimenti nella sua vita. Qualcuno sta cercando di controllarlo, ma Russo non sa chi sia o perché.

Accoglienza: Il film è stato accolto con recensioni positive dalla critica, che ha lodato la regia, le interpretazioni e la sceneggiatura.

Riflessioni: Mistero di un impiegato è un film che fa riflettere sulla natura del controllo sociale e sulla possibilità di vivere una vita autentica in una società che ci vuole conformi. Il film suggerisce che il controllo sociale può assumere forme sottili e pervasive, e che può essere difficile resistergli.

Il film è anche un ritratto di un uomo ordinario che cerca di trovare il proprio posto nel mondo. Russo è un uomo semplice e ingenuo, che viene travolto da eventi che non capisce. Il suo viaggio è un viaggio di crescita e di consapevolezza, che lo porta a interrogarsi sul senso della propria vita.

GUARDA IL FILM

Adele Resilienza

Adele Resilienza

Laureata in giurisprudenza, grafologa, sceneggiatrice, scrittrice, storica e critica cinematografica dal 2010.
0 0 voti
Film Rating
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Centinaia di film e documentari selezionati senza limiti

Nuovi film ogni settimana. Guarda su qualsiasi dispositivo, senza nessuna pubblicità. Annulla in qualsiasi momento.
0
Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi.x