Film indipendenti e cult

Kenji Mizoguchi, 8 film da non perdere del maestro del cinema giapponese

Kenji Mizoguchi nasce nel 1898 a Tokyo. Il padre è un modesto artigiano che ha molte difficoltà economiche e vende impermeabili ai soldati durante la guerra contro la Russia. Per sopravvivere si trasferisce nella comunità di Asakusa, un luogo pieno di teatri popolari e artisti poverissimi, ed è costretto a offrire sua figlia di 14 anni Suzu come geisha. Kenji porterà sempre con sé ricordi di questo periodo della sua vita. La morte della madre quando Kenji ha 17 anni costringe il giovane a trovare un lavoro qualsiasi. Successivamente il fratello, al quale sarà legato per tutta la vita, riesce a dare a Kenji l’opportunità di riprendere gli studi di ricerca abbandonati per diventare medico. 

A 19 anni si occupa di marketing e nel tempo libero si dedica all’organizzazione di gruppi teatrali. A 22 anni entrò nel cinema come attore e nel breve spazio di due anni, ha diretto il suo primo film. Nel 1925 ha già diretto più di 30 film molto diversi: da film contemporanei (gendaigheki) a film storici (jidaigheki), a film accademici o tratti dalla letteratura occidentale. Nel 1923 un terribile terremoto rovinò la maggior parte della cineteca (e della città di Tokyo). Le case di produzione Nikkatsu e Shochiku trasferirono la loro sede nel Kansai. Negli anni successivi, i bombardamenti di Tokyo durante la seconda guerra mondiale e l’umidità naturale del clima faranno altri danni irreparabili al patrimonio cinematografico giapponese.

Kenji-Mizoguchi

Kenji Mizoguchi ha iniziato la sua attività di regista in un momento di grande fermento per l’industria cinematografica  e si è fatto le ossa con una serie di film davvero diversificata. Ha dovuto aspettare fino al 1936 con Elegia di Osaka per poter creare un’opera personale. La sua filmografia d’autore continua con Le sorelle di Gion nello stesso anno. La guerra lo costringe ancora a fare compromessi: gli viene chiesto di realizzare alcuni film storici di propaganda, tra cui Genroku Chushingura – La Vendetta dei 47 ronin. Alla fine della guerra, Mizoguchi torna a dedicarsi ai suoi temi preferiti, inizialmente sotto forma di teatro moderno e successivamente ricopre anche la carica di presidente della Director’s Guild of Japan fino al 1955.

Il suo periodo di fama inizia grazie al successo ottenuto da Rashomon di Kurosawa nel 1951 alla Mostra del Cinema di Venezia. Il mercato occidentale si apre ai registi dell’Estremo Oriente e riconosce gli ultimi lavori di Mizoguchi. Il regista morì di leucemia nel 1956 a Kyoto mentre si preparava a girare “Storia di Osaka”.

I film di Kenji Mizoguchi da vedere assolutamente

Elegia di Osaka (1936)

Osaka-elegy-Kenji-Mizoguchi

La colonna sonora jazz sbarazzina e le inquadrature iniziali di accompagnamento delle insegne al neon lampeggianti di Osaka creano scintillanti paesaggi urbani. E’ lo scenario per questo racconto estremamente modernista tipico dello stile di Mizoguchi che tratta del sacrificio femminile. La sceneggiatura è di Yoshikata Yoda, amico e collaboratore per molti anni di Mizoguchi: è la vicenda di un’operatrice del centralino di un’azienda farmaceutica che inizia una relazione con il suo capo sposato per pagare i debiti dei suoi famigliari.

La storia si svolge sullo sfondo di caffè, outlet, stazioni della metropolitana e altre aree urbane contemporanee che sembrano un mondo a parte rispetto alle immagini del Giappone che la maggior parte dell’occidente immagina. Allo stesso modo si è dimostrato un po’ troppo in anticipo sui tempi; la sua visione cosmopolita di Osaka e l’interpretazione progressista delle opinioni pubbliche affrontate dalle donne giapponesi contemporanee indipendenti ne fecero un titolo discutibile nel clima culturale conservatore dell’epoca, e la distribuzione fu momentaneamente sospesa dal Ministero degli Affari Giapponesi. Impressionante è la fotografia di Minoru Miki, che anticipa lo stile di Gregg Toland in Citizen Kane.

Le sorelle del Gion (1936)

Sisters-of-the-Gion-Kenji-Mizoguchi

La storia si ambienta dietro le quinte della vita delle geishe costrette dalle necessità economiche a fare quella vita. Un tema su cui Kenji Mizoguchi sarebbe tornato nel corso della sua carriera in film come A Woman of Rumor (1954) e Street of Shame (1956). Il quartiere dei divertimenti di Gion a Kyoto rappresenta al massimo lo scontro tra la tradizione e la modernità, incarnati rispettivamente dai 2 fratelli della geisha.

Umekichi crede nella cattiva sorte, consapevole della sua esigenza di sicurezza mentre vive la sua giovinezza, mentre suo fratello e sua sorella più giovane adottano un atteggiamento più severo verso gli uomini che le usano come geishe. Entrambe scoprono che le loro prospettive sono limitate dalla loro professione. Uno straordinario lavoro della produzione prebellica del regista, ancora una volta sceneggiato da Yoda da una storia iniziale di Mizoguchi.

Le signore della notte (1948)

Women-of-the-Night

Girato principalmente in esterni tra le macerie e la devastazione dell’era dell’occupazione di Osaka, questo film presenta una città molto cambiata dalla sua rappresentazione più vibrante in Elegia di Osaka poco più di un anno prima: un gruppo di donne spinte alla prostituzione dalle difficoltà del dopoguerra sono un mondo a parte rispetto alle suore di Gion. È un affascinante momento di transizione nella carriera di Kenji Mizoguchi, un film degno di nota per il suo grintoso approccio neorealista e un’efficace interpretazione di Kinuyo Tanaka, l’attrice che, dopo il suo primo ruolo centrale per lui in un altro film ambientato in città, l’ormai perduto A Woman di Osaka (1940), sarebbe finita per essere strettamente associata al regista sia sullo schermo che fuori.

Miss Oyu (1951)

Miss-Oyu-Mizoguchi

Primo film di Kenji Mizoguchi per Daiei, lo studio più attivo nello spingere il cinema giapponese verso il pubblico straniero negli anni ’50, Miss Oyu include Kinuyo Tanaka nei panni dell’omonima vedova che si innamora dell’uomo che sta per sposarsi con la sorella minore Shizu. Vedendo l’amore di Oyu ricambiato dal suo aspirante partner, Shizu escogita un piano per portare avanti la finta relazione coniugale in linea con la correttezza, ma affinché serva da facciata per una relazione altrimenti socialmente impossibile.

Basato sul romanzo di Junichiro Tanizaki del 1932 The Reed Cutter, questo delicato ritratto di un ménage à trois ha segnato la prima collaborazione di Mizoguchi  con il direttore della fotografia Kazuo Miyagawa, i sofisticati piani sequenza del quale avrebbero influenzato il lavoro successivo del regista.

La vita di Oharu (1952)

The-life-of-Oharu

Kenji Mizoguchi inizialmente ha ottenuto un vero riconoscimento al di fuori del Giappone con questo adattamento di un racconto del XVII secolo di Saikaku Ihara, La donna che amava l’amore, vincendo un premio al Festival Internazionale del Cinema di Venezia. In realtà era stato scelto per il premio del Leone d’oro e il regista fu dispiaciuto che il giovane Kurosawa lo avesse superato con la vittoria a sorpresa per Rashomon.

Il film ha fornito a Tanaka (allora 42 anni) uno dei suoi ruoli più ricordati, la figlia di un samurai della corte reale. L’attrice interpreta una varietà di età del personaggio nel corso dei decenni mentre la narrazione descrive l’inesorabile caduta verso il basso del suo personaggio attraverso gli strati sociali nella prostituzione e nell’accattonaggio dopo che il suo amore proibito per un umile paggio (Toshiro Mifune) viene scoperto e viene bandita da Kyoto.

Una rappresentazione potente, se non in qualche modo estenuante, di una donna in balia del patriarcato storicamente radicato nella società giapponese, il film è stato criticato in alcuni ambienti come un estetizzazione della sofferenza del personaggio principale. A livello visivo è tra le opere più importanti di Mizoguchi, con le fluide carrellate che forniscono alcuni dei più superbi esempi di piani sequenza.

I racconti della luna pallida d’agosto (1953)

Ugetsu-kenji-mizoguchi

Adattato da un racconto di Ueda Akinari (1734-1809), questo poetico racconto morale esoterico ambientato durante il periodo della guerra civile del tardo XVI secolo segue i diversi destini di 2 fratelli che si guadagnano da vivere come vasai e le loro particolari cadute attraverso il desiderio, omicidio, avidità e presunzione – con il solito punto di vista di Mizoguchi che sono le donne che alla fine soffrono per le vanità dei loro uomini.

L’aspetto soprannaturale arriva quando Genjuro, è tentato da Lady Wakasa: si tratta di un film precursore dell’horror giapponese. Tuttavia, questo è una storia di brividi discreti, sottili sentimenti e una forte dimensione spirituale, con la sequenza onirica che descrive in dettaglio l’arrivo di Genjuro al maniero della nobildonna e la successiva seduzione che senza dubbio conta come una delle più belle sequenze del cinema mondiale.

Guarda il film


La principessa Yang Kwei-fei (1955)

Princess-Yang-Kwei-fei

Pochi inserirebbero il primo film a colori di Kenji Mizoguchi (insieme all’epopea storica dello stesso anno Tales of the Taira Clan) come tra le sue opere più riconosciute. È comunque un film di grande interesse, uno dei primissimi di una serie di coproduzioni giapponesi con Shaw Brothers di Hong Kong avviata dal presidente di Daiei, Masaichi Nagata, nel tentativo di coltivare un’intesa cinematografica tra il Giappone e i suoi vicini del sud-est asiatico appena un anno dopo la guerra.

Nonostante gli ornamenti orientali, tuttavia, questo delizioso racconto incastonato nella Cina della dinastia Tang dell’VIII secolo segue una tipica storia di Mizoguchi, con Machiko Kyo nel ruolo dell’innocente giovane concubina dell’imperatore Xuan Zong, rimasto vedovo, che cade vittima delle sue autorità di corte e le turbolenze politiche del tempo. Il film può sembrare un po’ rigido, tuttavia i costumi e le scenografie elaborate, decorate dalla sontuosa fotografia di Kohei Sugiyama, lo rendono molto bello da vedere.

La via della vergogna (1956)

The-street-of-Shame

Kenji Mizoguchi è tornato alla vita delle prostitute per il suo ultimo lavoro, lanciato in modo appropriato nello stesso anno in cui entrò in vigore la legge giapponese contro la prostituzione: un film di un ciclo di breve durata di cosiddetti film akasen (“segnale stradale”) che raccontano il sole che tramonta su questo mondo.

Stilisticamente ridotto rispetto ai drammi d’epoca più lirici e metafisici per i quali il regista è ricordato nei suoi ultimi anni, il film dipinge con sensibilità 5 donne che finiscono per una serie di circostanze in un bordello e delle loro preoccupazioni per il futuro dopo la sua chiusura forzata. Mizoguchi purtroppo è morto tre mesi dopo la sua uscita, e con esso, un intero periodo del cinema classico giapponese è arrivato alla fine.

Stile e poetica di Kenji Mizoguchi

best-kenji-mizoguchi-films.jpg

Nel suo stile ineguagliabile, in cui la vita sembra scorrere come per magia e la tecnica del piano sequenza anticipa il cinema di Antonioni e Jancsó, Mizoguchi ha osservato il mondo e le sue contraddizioni e cambiamenti, le sopravvivenze del passato nel travaglio di una nuova epoca. Attraverso un realismo umanista, il suo punto di vista è stato quello di un’osservazione sgradevole piuttosto che di denuncia, e la sua visione lirica, genuina e controllata, non cade mai nel paternalismo e nella polemica.

Attraverso gli spazi si svelano la potenza di un individuo e la nullità dell’altro: inchini che non finiscono mai, salamelecchi, individui che si umiliano strisciando per terra. E nonostante tutte queste inquadrature di individui che attraversano passaggi e spazi, non capiamo mai cosa si prova a vivere in quelle case, poiché si tratta semplicemente di scenografie, scenografie fatte di forme rettangolari, volumi, linee e cubi, e la loro superficie è fittizia, parte della struttura stessa del potere.

Gli individui su cui si concentra Mizoguchi sono compulsivi, persino isterici nelle loro esigenze, vivono in un inferno, se non addirittura del mondo dei burattini. “Descrivimi l’implacabile”, chiese Mizoguchi appena al suo fedele sceneggiatore Yoshikata Yoda, all’epoca di Naniwa hika (Elegia di Naniwa, 1936). “Descrivimi l’implacabile, l’egocentrico, il sensuale… Ci sono solo individui orribili in questo mondo.” In questo senso, il melodramma naturalistico era il mezzo perfetto: “Tutto ha bisogno di essere messo a fuoco… Dovresti comporre un’opera fantastica alla maniera di Balzac, Stendhal, Victor Hugo o Dostoevskij”.

Condividi l'articolo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Indiecinema

Indiecinema

Autore dell'articolo

Iscriviti alla Newsletter

Resta aggiornato sui nuovi articoli, nuovi film in uscita, festival, promo, eventi… e molto altro!

Iscriviti alla Newsletter

Resta aggiornato sui nuovi articoli, nuovi film in uscita, festival, promo, eventi… e molto altro!