fbpx

I registi spagnoli più importanti di sempre

Guarda film indipendenti e cult selezionati

Vai oltre i film proposti dalle solite piattaforme commerciali. Guarda centinaia di film indipendenti e d'autore rari, cult e documentari introvabili selezionati da tutto il mondo.

Indice dei contenuti

Negli ultimi anni, i registi spagnoli hanno ottenuto altissimi riconoscimenti. Nella lunga storia del cinema spagnolo, il regista Luis Buñuel è stato il primo a raggiungere il riconoscimento globale, seguito da Pedro Almodóvar negli anni ’80. Il cinema spagnolo ha avuto successo in tutto il mondo con registi famosi come Segundo de Chomón, Florián Rey, Luis García Berlanga, Juan Antonio Bardem, Carlos Saura, Julio Médem e Alejandro Amenábar.

Ecco una lista parziale dei registi spagnoli più influenti di sempre per scoprire le loro opere, in ordine alfabetico.

VAI AI FILM DA VEDERE

Alejandro Amenábar

registi-spagnoli-amenabar

Amenábar è un regista spagnolo nato a Santiago del Cile, alla vigilia del colpo di stato di Pinochet del 1973. È figlio di papà cileno e di mamma spagnola. La sua famiglia è tornata in Spagna quando aveva 1 anno, ed è cresciuto e ha studiato a Madrid. Ha scritto, prodotto e diretto il suo primo cortometraggio La cabeza all’età di 19 anni, e aveva 23 anni quando ha diretto Tesis (1996). Il suo film Abre los ojos (1997) è stato un notevole successo in Spagna ed è stato distribuito in tutto il mondo. È stato rifatto a Hollywood da Cameron Crowe col titolo di Vanilla Sky (2001). The Others (2001) è il primo film in lingua inglese di Amenábar. In tutti i suoi film compone anche la musica e scrive la sceneggiatura.

Pedro Almodóvar

registi-spagnoli-almodovar

Il regista spagnolo più conosciuto al mondo dopo Luis Buñuel è nato in un villaggio (Calzada de Calatrava) nella povera area spagnola di La Mancha. Arriva a Madrid nel 1968, vendendo prodotti usati nel mercatino delle pulci chiamato El Rastro. Non avendo i soldi Almodóvar non ha potuto studiare cinema. Le scuole di regia sono state chiuse all’inizio degli anni ’70 dal governo federale di Franco. Piuttosto, ha trovato un lavoro nella compagnia telefonica spagnola e ha risparmiato i suoi guadagni per acquistare una telecamera Super 8. Dal 1972 al 1978 si impegna a realizzare brevi film con l’aiuto dei suoi compagni. Le “prime” di quei primi film erano ben note nel mondo in rapida crescita della controcultura spagnola. In un paio d’anni, Almodóvar finì per diventare una star de “La Movida”, il movimento culturale pop della Madrid di fine anni ’70. Il suo primissimo lungometraggio, Pepi, Luci, Bom y otras chicas del montón (1980), è stato realizzato in 16 mm e ingrandito a 35 mm per il rilascio al pubblico. Nel 1987, lui e suo fratello Agustín Almodóvar hanno sviluppato la propria attività di produzione: El Deseo. Il “fenomeno Almodóvar” ha raggiunto tutto il mondo, rendendo i suoi film incredibilmente popolari in molte nazioni.

VAI AI FILM DA VEDERE

Jaume Balagueró

registi-spagnoli-balaguero

Jaume Balagueró è un regista spagnolo nato il 2 novembre 1968 a Lleida, Catalogna. È regista e scrittore, conosciuto per [Rec] (2007), Mientras duermes (2011) e Los sin nombre (1999).

Antonio Bardem

registi-spagnoli-bardem

Juan Antonio Bardem Muñoz è stato un regista e autore cinematografico spagnolo, nato a Madrid. Apparteneva al Partito Comunista. Bardem era meglio conosciuto per Muerte de un ciclista (1955) che vinse il Premio FIPRESCI al Festival di Cannes del 1955, e El puente (1977) che vinse il Premio d’Oro al 10° Festival Internazionale del Cinema di Mosca. Il suo film del 1979 Seven Days in January ha vinto il Premio d’Oro all’11° Festival Internazionale del Cinema di Mosca. Nel 1981 è stato membro della giuria del 12° Moscow International Film Festival. Nel 1993 ha fatto parte della giuria del 43° Festival Internazionale del Cinema di Berlino. Nel 1953 lui e Luis García Berlanga fondarono una pubblicazione cinematografica, Objetivo, che esistette fino al 1956. Bardem è il padre del regista Miguel Bardem e lo zio della star Javier Bardem. Bardem è morto a Madrid nel 2002, all’età di 80 anni.

JA Bayona

registi-spagnoli-bayona

Juan Antonio García Bayona è un regista spagnolo. Ha diretto il film horror del 2007 The Orphanage, il film drammatico del 2012 The Impossible e il film drammatico onirico del 2016 A Monster Calls. Il film più attuale di Bayona è il film di fantascienza del 2018 Jurassic World: Fallen Kingdom, la quinta parte della serie di film Jurassic Park. In realtà ha anche diretto spot televisivi e video. 

Icíar Bollaín

registi-spagnoli-bollain

È una regista spagnola nata a Madrid, Iciar Bollain ha lavorato come attrice in film come El Sur (1983), diretto da Víctor Erice; Sublet (1991) diretto da Chus Gutiérrez, Malaventura (1988) diretto da Manuel Gutiérrez Aragón; El Mejor de los Tiempos (1990) e Un Paraguas para Tres (1992) diretto da Felipe Vega, Tierra y Libertad (1995) diretto da Ken Loach, LEO (2000) diretto da Jose Luis Borau, Nos Miran (2002) diretto da Norberto Pérez, La Balsa de Piedra (2003) diretto da Geogre Sluiezer e La Noche del Hermano (2005) diretto da Santiago García de Leániz. Come regista, Icíar ha scritto e diretto numerosi film illustri. Flowers from Another World, il suo secondo film, è stato premiato al Festival di Cannes nel 1999 come miglior Film alla Settimana Internazionale della Critica. Take my eyes (2003), il suo film successivo, ha vinto 7 Goya (premi Oscar spagnoli), tra cui il miglior film, e molti altri premi internazionali. Ha diretto una sceneggiatura di Paul Laverty nel 2009, Even the Rain. Il film ha ottenuto riconoscimenti globali e nazionali: 13 elezioni ai Goya Awards, Panorama Award alla Berlinale, Ariel Award al miglior film latinoamericano ed è rimasto nella lista dei film stranieri scelti per gli Academy Awards nel 2010 in rappresentanza della Spagna. Nel 2011 ha co-sceneggiato e diretto Katmandú, un Espejo en el Cielo. Il film è stato scelto per i Goya Awads per Migliore Attrice e Migliore Sceneggiatura Adattata. Nel 2014 è stato lanciato En Tierra Extraña, un documentario che Iciar ha diretto sulla vita dei giovani immigrati spagnoli a Edimburgo, in Scozia, che avevano bisogno di lasciare la Spagna a causa della crisi economica e della disoccupazione. 

Luis Bunuel

luis-bunuel

Luis Buñuel è il regista spagnolo più popolare. Bunuel ha lavorato in Francia, Messico e Spagna ed è stato ampiamente apprezzato da molti critici cinematografici, registi e storici come uno dei migliori e più importanti registi di tutti i tempi. Quando Buñuel morì all’età di 83 anni, il suo necrologio sul New York Times lo definì “un moralista, critico e rivoluzionario che è stato un leader del surrealismo in gioventù e un regista cinematografico globale dominante mezzo secolo dopo”. Il suo primo film, Un Chien Andalo, realizzato nel periodo del cinema muto, è visto in tutto il mondo e mantiene il suo potere di sorprendere il pubblico, e il suo ultimo film, Quell’oscuro oggetto del desiderio, realizzato 48 anni dopo, gli è valso il premio come miglior regista dal National Board of Review e dalla National Society of Film Critics. L’autore Octavio Paz ha definito il lavoro di Buñuel “il rapporto del film con l’immagine poetica, che produce una verità nuova … sovversiva e oltraggiosa”. Spesso collegato al movimento surrealista degli anni ’20, Buñuel ha realizzato film dagli anni ’20 agli anni ’70 in Europa e Nord America, e in spagnolo e francese, Buñuel ha anche diretto film che coprono numerose categorie. Il regista John Huston ha pensato che, indipendentemente dalla categoria, un film di Buñuel è così distinto da essere immediatamente identificabile o, come ha detto Ingmar Bergman, “Buñuel ha quasi sempre realizzato film di Buñuel”. Molti dei film di Buñuel sono tra i film più importanti di sempre.

Mario Camus

registi-spagnoli-camus

Mario Camus García, nato nel 1935, è stato un regista e sceneggiatore spagnolo. Ha vinto l’Orso d’Oro al 33° Festival Internazionale del Cinema di Berlino con La colmena. Il suo film del 1987 The House of Bernarda Alba è stato valutato nell’area Un Certain Regard al Festival di Cannes del 1987 e tra i principali concorrenti al 15° Festival Internazionale del Cinema di Mosca. Il suo film del 1993 Shadows in a Conflict ha partecipato al 18° Moscow International Film Festival.

Segundo Chomón

registi-spagnoli-dechomon

Segundo Víctor Aurelio Chomón y Ruiz, nato il 17 ottobre 1871, è stato un pioniere del cinema, direttore della fotografia e regista spagnolo. Ha prodotto molti cortometraggi in Francia mentre lavorava per Pathé Frères ed è stato paragonato a Georges Méliès, a causa delle sue tecniche di ripresa elettronica ed effetti visivi. È considerato il più importante regista spagnolo di film muti ed è famoso in tutto il mondo per la sua opera.

Isabel Coixet

registi-spagnoli-coixet

Isabel Coixet è nata il 9 aprile 1960 a Sant Adrià de Besòs, Barcellona, ​​Catalogna, Spagna. È regista e autrice, nota per The Secret Life of Words (2005), My Life Without Me (2003) e The Bookshop (2017).

Rodrigo Cortés

registi-spagnoli-cortes

Rodrigo Cortés è un regista spagnolo nato nel 1973 a Pazos Hermos. È montatore e regista, conosciuto per Buried (2010), Love Gets a Room (2021) e Red Lights (2012).

Álex de la Iglesia

registi-spagnoli-delaiglesia

Álex de la Iglesia è un regista spagnolo nato a Bilbao, in Spagna, nel 1965. All’età di 10 anni disegnava fumetti e riconosce Alex Raymond e Stan Lee come i suoi padri spirituali. Volendo ampliare la sua conoscenza, ha studiato all’Università di Deusto, una scuola nella sua città natale, dove ha trascorso la maggior parte del tempo in un bar e nella società cinematografica della scuola.

Deciso ad entrare nel mondo dello spettacolo, ha lavorato come disegnatore per la televisione ed è stato art director nel film di Enrique Urbizu Todo por la pasta (1991). Successivamente ha iniziato a dirigere film. Ha diretto il suo primo e breve film, Mirindas asesinas (1990), in collaborazione con Jorge Guerricaechevarría come co-sceneggiatore. Jorge è diventato il partner di scrittura abituale di Iglesia in tutti i suoi film successivi. Il cortometraggio ha vinto premi in molti festival, inoltre è servito a convincere il famoso regista spagnolo Pedro Almodóvar, attraverso la sua azienda di produzione, El Deseo, a sponsorizzare il primissimo lungometraggio di Iglesia, Acción mutante (1993).

Questo divertente film fantascientifico ha ricevuto 2 premi al Montréal Fantasia Film Festival e 3 premi Goya, trasformando il regista nel regista più attraente dell’anno. Il suo secondo film, El día de la bestia (1995), ha vinto 6 Goya, tra cui il miglior regista. Ha inoltre ricevuto riconoscimenti al primo Festival del Cinema Fantastico di Gérardmer (Francia) e al Festival del Cinema Fantastico di Bruxelles, e ha ottenuto il consenso di critica e pubblico ai festival cinematografiche mondiali di Venezia e Toronto, e al Festival del Film Fantastico di Catalogna di Sitges. Poi è diventato un enorme successo in biglietteria.

Víctor Erice

registi-spagnoli-erice

Víctor Erice Aras, nato il 30 giugno 1940, è un regista spagnolo. È conosciuto per i suoi due film di finzione, Lo spirito dell’alveare (1973), che molti considerano tra i migliori film spagnoli mai realizzati, e El Sur (1983).

Jesús Franco

registi-spagnoli-franco

Jesús Franco Manera è stato un regista, scrittore e attore spagnolo, un noto regista di film a basso budget e film di serie B. In una professione che copre dal 1954 al 2013, ha scritto, diretto, prodotto, recitato in circa 173 lungometraggi, lavorando sia nella sua nativa Spagna che in Francia, Germania Ovest, Svizzera e Portogallo . Inoltre, durante gli anni ’60, ha girato numerosi film a Rio de Janeiro e Istanbul.

Fernando León de Aranoa

registi-spagnoli-leon

Fernando León de Aranoa è un regista spagnolo nato il 26 maggio 1968 a Madrid, in Spagna. È autore e regista, noto per A Perfect Day (2015), El buen patrón (2021) e Los lunes al sol (2002).

Paco León

registi-spagnoli-leon

Paco León è un regista spagnolo nato il 4 ottobre 1974 a Siviglia. È anche un attore e scrittore, ed è noto per i film Kiki, el amor se hace (2016), Carmina o revienta (2012) e Carmina y amén. (2014).

Bigas Luna

registi-spagnoli-luna

José Juan Bigas Luna è stato un artista e regista spagnolo. I suoi film sono normalmente caratterizzati da una forte attenzione al sensuale, spesso legato al cibo, cosa per la quale ha confessato un forte entusiasmo. Il suo lavoro in genere parodia i cliché dell’identità spagnola, ma ha avuto una carriera mondiale e ha effettivamente realizzato film in spagnolo, catalano, italiano, francese e inglese.

Julio Medem

registi-spagnoli-medem

Julio Medem è un regista spagnolo nato a San Sebastian, nel nord della Spagna. Da adolescente Medem ha realizzato cortometraggi con una cinepresa super-8 di proprietà di suo padre. Alcuni di quei film sono “El ciego” (1976), “El jueves pasado” (1977) e “Fideos” (1979). Interessato agli angoli più bui della mente umana, Medem ha studiato psichiatria. Nel 1985 Medem si è laureato in Medicina presso l’Università dei Paesi Baschi. Nel 1986 Medem ha diretto “Patas en la cabeza”, un breve 35MM che ha vinto un premio al Festival mondiale di Bilbao. Nel 1987, dopo aver vinto il premio Telenorte per un altro cortometraggio, “Las seis en punta”, sceglie di diventare un regista professionista. Medem ha lavorato come assistente, montatore e sceneggiatore in diversi incarichi per il cinema e la televisione. Ha anche scritto diverse sceneggiature cinematografiche, ma sono state tutte rifiutate dalla maggior parte delle società di produzione in Spagna. Nel 1991, Medem ricevette una telefonata da una nuova società di produzione. Erano interessati alla sua sceneggiatura intitolata “Vacas”, sulla battaglia tra 2 famiglie nel corso di 3 generazioni, dal 1875 al 1936. Medem ha diretto il film ed è stato lanciato nel 1992. “Vacas” ha riscosso un enorme successo. Ha vinto il Premio Goya dell’Accademia spagnola per il miglior regista esordiente e ha vinto premi nei festival di Tokyo, Torino e Alessandria. Nel 1993 Medem ha realizzato il suo secondo film, “La ardilla roja”. “La ardilla roja” ha convalidato le abilità di Medem e ha vinto premi a Fort Lauderdale, Bogotà e Bucarest. Il suo terzo film, “Tierra”, lanciato nel 1996, è stato scelto per il Festival di Cannes. Nel 1998 Medem ha lanciato “Los amantes del Circulo Polar”, considerato dalla maggior parte dei suoi fan il suo miglior film. Nel 2001 il suo quarto film, “Lucia y el sexo”, è diventato un grande successo e ha iniziato la carriera di Paz Vega, che ha vinto il Goya come miglior nuova attrice. Nel 2003 l’uscita di “La pelota vasca”, un documentario che rappresenta il fenomeno del nazionalismo nei Paesi Baschi del nord della Spagna, è stata estremamente difficile.

Daniel Monzón

registi-spagnoli-monzon

Daniel Monzón è un regista spagnolo nato nel 1968 a Palma, Isole Baleari, Spagna. È autore e regista, conosciuto per Celda 211 (2009), El corazón del guerrero (1999) e Las leyes de la frontera (2021).

VAI AI FILM DA VEDERE

Alberto Rodríguez

registi-spagnoli-rodriguez

Alberto Rodríguez è un regista spagnolo nato nel 1971 a Siviglia. È autore e regista, conosciuto per La isla mínima (2014 ), 7 vírgenes (2005) e Grupo 7 (2012 ). Ha co-scritto e co-diretto numerosi lavori con Santi Amodeo. 

Jaime Rosales

regista-spagnolo-rosales

Jaime Rosales non è il tipo di regista ordinario. Costantemente alla ricerca di metodi nuovi per rivelare la sua arte, potrebbe dare fastidio a coloro che, avendo visto i suoi film, credono di poterlo classificare in un genere o nell’altro. Tra i suoi film può esserci il bianco e nero o il colore. In una delle sue opere la discussione sarà quasi impercettibile mentre in quella successiva sarà il più corposa e chiara possibile. A volte preferirà inquadrature fisse mentre in altri i carrelli circolari. In alcune scene il tempo sarà allungato, in altre contratto. A Jaime piace la sperimentazione e non si può negare che sia un artista genuino, che richiede un continuo rinnovo di se stesso.

VAI AI FILM DA VEDERE

Carlos Saura

registi-spagnoli-saura

Carlos Saura Atarés, nato nel 1932, è un regista spagnolo, fotografo professionista e autore. Oltre a Luis Buñuel e Pedro Almodóvar, è considerato uno dei maggiori cineasti spagnoli. Ha una professione prestigiosa e lunga che copre oltre mezzo secolo. I suoi film hanno vinto molti premi in tutto il mondo. Saura ha iniziato la sua professione nel 1955 realizzando cortometraggi e documentari. Quando il suo primo lungometraggio è stato presentato in anteprima al Festival di Cannes nel 1960, ha rapidamente acquisito importanza mondiale. Ha iniziato a girare come neorealista, con film codificati con metafore per aggirare la censura spagnola. Nel 1966, è stato messo sotto i riflettori globali quando il suo film La Caza ha vinto l’Orso d’argento al Festival Internazionale del Cinema di Berlino. Negli anni successivi, ha avuto una fama mondiale per il suo trattamento cinematografico delle reazioni spirituali e psicologiche alle condizioni politiche repressive. 

Negli anni ’70, Saura era il regista meglio conosciuto che operava in Spagna. I suoi film utilizzavano complicati espedienti narrativi ed erano regolarmente in polemica con la situazione sociale in Spagna. Ha vinto i premi speciali della giuria per La Prima Angélica (1973) e Cría Cuervos (1975) a Cannes; e un Oscar per il miglior film in lingua straniera nel 1979 per Mama Cumple 100 Años. Negli anni ’80, Saura è rimasto sotto i riflettori per la sua trilogia sul flamenco: Bodas de Sangre, Carmen e El Amor Brujo, in cui ha integrato materiale straordinario e tipi di danza flamenca. Il suo lavoro ha continuato a essere incluso nei festival di tutto il mondo e ha ottenuto vari premi. Ha ottenuto 2 candidature per gli Academy Awards per il miglior film in lingua straniera, per Carmen (1983) e Tango (1998). I suoi film fondono la verità con il sogno, il passato con il presente e la memoria con l’allucinazione. Negli ultimi 20 anni del 20° secolo, Saura si è infatti concentrata su opere che uniscono musica, danza e immagini.

Enrique Urbizu

registi-spagnoli-urbizu

Enrique Urbizu è un regista spagnolo nato nel 1962 a Bilbao. È regista e autore, noto per La caja 507 (2002), No habrá paz para los malvados (2011) e La vida mancha (2003).

Nacho G. Velilla

regista-velilla

Nacho G. Velilla è un regista spagnolo nato a Saragozza. È noto per Fuera de carta (2008), Que se mueran los feos (2010) e Villaviciosa de al lado (2016).

Carlos Vermut

registi-spagnoli-vermut

Carlos Vermut è un regista spagnolo nato il 6 marzo 1980 a Madrid, in Spagna. È autore e regista, noto per Quién te cantará (2018), Magical Girl (2014) e Mantícora (2022).  È un autore di graphic novel. Ha pubblicato fumetti come: “El banyán rojo”, “Psicosoda” o “Plutón BRB Nero, la venganza de Maripili”, basato sulla serie tv di Álex de la Iglesia. 

Nacho Vigalondo

registi-spagnoli-vigalondo

Nacho Vigalondo è un regista spagnolo nato nel 1977 a Cabezón de la Sal, Cantabria, Spagna. È autore e protagonista, noto per Los cronocrímenes (2007), Colossal (2016) ed Extraterrestre (2011).

Centinaia di film e documentari selezionati senza limiti

Nuovi film ogni settimana. Guarda su qualsiasi dispositivo, senza nessuna pubblicità. Annulla in qualsiasi momento.
error: Content is protected !!

Indiecinema Film Festival 2022

Indiecinema Film Festival 2022

Dal 5 Dicembre al 31 gennaio guarda in streaming la selezione dei film in concorso: cortometraggi, documentari e film indipendenti da tutto il mondo