fbpx

Film francesi commedia da vedere

Indiecinema Film Festival 2022

Dal 5 al 26 dicembre guarda i film del festival in streaming: una numerosa selezione dei migliori film indipendenti inediti da tutto il mondo.

Indice dei contenuti

La commedia è uno dei generi più importanti nel cinema francese e sebbene a lungo considerata un genere cinematografico minore, essa ha prodotto alcuni tra i film migliori della storia del cinema. I film commedia francesi iniziarono ad apparire in numero considerevole durante l’era dei film muti, all’incirca dal 1895 al 1930. L’umorismo della maggior parte di questi film muti dipendeva dalla farsa e dal burlesque.

I film commedia francesi sono spesso commedie sociali, che differiscono in gran parte dalle commedie americane. Lo schema della commedia francese è rimasto lo stesso: una componente straniera turbolenta deve integrarsi in un contesto (geografico, fisico o spirituale). Passato lo shock sociale e anche l’inevitabile fase di rifiuto comune, i protagonisti si rendono conto che nonostante le loro differenze  si sono aiutati l’un l’altro.

Lo shock culturale, in diverse commedie francesi, ha spesso una serie di “cliché”, che includono credenze religiose, matrimoni difficili, storie sociali, distinzione di vita tra due aree, differenza di vita tra 2 periodi di tempo, duetti comici. Alcune commedie francesi sono basate sul film di amici, in cui si relazionano due personaggi molto diversi. Molte gag che fanno ridere i francesi comportano giochi di parole che funzionano solo nella loro lingua. Gran parte dell’umorismo francese è ‘jeux de mots’, giochi di parole intraducibili.

Film francesi commedia prima del cinema

In Europa, la commedia si è affermata nell’epoca classica greco-romana, proprio come gli spettacoli nell’impero romano. Per tutto il medioevo, le rappresentazioni per strada, sotto forma di enigma, fabliaux, farse e spettacoli comici sono state più o meno ispirate da generi antichi.

In Francia durante il XVII secolo sotto Luigi XIV, l’impatto italiano e anche Molière iniziarono a riconoscere la commedia come un’arte a sé stante e non come un sottogenere rispetto al dramma. Dal 18° al 19° secolo, la commedia avrebbe continuato a incorporare l’opera così come la commedia-balletto e sarebbe diventata opéra comique. La commedia avrebbe ispirato inoltre l’Operetta (Offenbach) a metà del XIX secolo. All’inizio del 20° secolo le operette furono trasformate in teatro musicale. Bourvil e Fernandel hanno iniziato come cantanti di operetta mentre Louis de Funès ha iniziato come pianista di music-hall.

Inizio della commedia francese nel cinema

film-francesi-commedia

Nel 1892, prima della creazione del cinema, Émile Reynaud ha realizzato una serie di animazioni divertenti. I film commedia iniziarono ad apparire in numero considerevole durante l’era dei film muti, dal 1895 al 1930. L’umorismo visivo di molti di questi film muti si basava sulla farsa e sul burlesque. Un primo breve film commedia è stato Watering the Gardener (1895) dei fratelli Lumière. Nella sua Francia e in tutto il mondo, Max Linder è stato un importante attore comico e potrebbe qualificarsi come la vera celebrità della commedia francese delle origini.

Georges Méliès, dal teatro è passato al cinema. Ha sviluppato numerosi film commedia muti. Durante la prima guerra mondiale, l’America acquisì il monopolio dei film comici con i film muti di Charlie Chaplin, Laurel e Hardy. Solo dopo che l’audio fu incorporato nei film (The Jazz Singer fu lanciato nel 1927 negli Stati Uniti) i film commedia hanno iniziato a essere prodotti in numero significativo in Francia dagli anni ’30. Poiché la maggior parte dei francesi viveva nei boschi durante gli anni ’30, molti film si svolgevano in aree rurali.

Dopo la seconda guerra mondiale, la cultura francese ha subito molte modifiche durante gli anni ’40 e ’70, e quindi ha avuto una grande influenza sulle commedie di questo periodo. Una varietà di commedie francesi ha avuto la capacità di scoprire un mercato target di lingua inglese, tra cui Fernandel, Bourvil, Louis de Funès e Jacques Tati.

All’inizio degli anni ’70, le nuove star della generazione del baby boom hanno recitato in film commedia: Gérard Depardieu, Splendid, Daniel Auteuil, Daniel Prévost e Coluche. Gli anni ’70 e ’90 hanno rappresentato l’era d’oro delle commedie sviluppate e interpretate da Le Splendid che sono state molto popolari nell’industria teatrale. Le commedie dell’epoca trattavano di nuovi fenomeni sociali ed erano realizzate per provocare o scioccare il pubblico. 

Dal 1980 al 2000 si è sviluppata una nuovissima variazione del principio di Francis Veber. “Francois Pignon” così come “Francois Perrin” rappresentavano l’uomo più stupido e ingenuo che trionfa sul ragazzo più intelligente e “più potente” grazie alla buona fortuna. Gli anni 2000 corrispondono a un cambiamento: infatti, la generazione di Splendid performers degli anni ’70 tende a cedere a nuovi personaggi come Dany Boon, Jamel Debbouze, Omar Sy.

Le Million (1931)

film-francesi-commedia-le-million

Non è stato solo Charlie Chaplin a non essere rimasto impressionato dall’introduzione dei film sonoro. Uno dei grandi registi francesi, René Clair, ha rifiutato la moda di produrre obbedientemente i film con i dialoghi, che considerava un cattivo sostituto del potenziale estetico del cinema. Dopo di che, con virtuosismo, nel suo secondo film, in merito alla ricerca di un biglietto della lotteria vincente mancante, Clair ha mostrato a tutti come l’audio potesse essere utilizzato in modo innovativo e spiritoso: cambiare gran parte del dialogo dello spettacolo con melodie, compreso un ritornello, e provare effetti sonori che sembrerebbero sicuramente audaci anche oggi – per esempio, segnando la frenetica corsa alla ricerca del cappotto contenente il biglietto mancante con i rumori di un folla nell’arena.

C’è molto, molto di più in Le Million, dal suo tetto parigino giustamente famoso e sbalorditivo che apre la carrellata, alla contagiosità dei suoi canti di quartiere. In realtà, il film nel complesso è così divertente e leggero, che solo alla fine che sai di aver assistito a una storia intrigante sulla guerra e sull’avidità, soldi e passione.

Zero in condotta (1933)

I ragazzi tornano dalle vacanze nel terribile collegio, gestito da professori ottusi e conformisti, incapaci di motivare la crescita di qualsiasi tipo di spirito di libertà oltre che di creatività. L’unico punto che questi insegnanti severi possono fare è assegnare uno zero nella condotta. I ragazzini prendono la decisione di ribellarsi al sistema scolastico con l’aiuto del nuovo manager, Huguet, diverso da tutti gli altri. Si avvia una vera e propria trasformazione.

Jean Vigo spiega l’anelito alla libertà dei giovani con audacia e spirito sovversivo, con una feroce critica al sistema scolastico francese. Il film è stato bandito dalla censura francese e inoltre non ha avuto una proiezione pubblica fino al 1945.

Guarda Zero in condotta

Jour de fête (1949)

Jacques Tati prima di Monsieur Hulot, con il suo desiderio di perfezionare circostanze già forti, in questo film tratto dal suo cortometraggio L’Ecole des facteurs (1947), che include anche lui stesso nel personaggio del postino François. I sonnolenti richiami alla cittadina della campagna francese di Jour de fête forniscono il paragone ideale con l’obiettivo di François di influenzare le spedizioni postali moderne “in stile americano” che ha visto in una pubblicità. Sebbene forse non sia così riuscito qui come nel suo lavoro successivo, Tati affina il suo umorismo estetico privo di dialoghi, una serie di vignette comiche vagamente collegate in cui le sue inquadrature da maestro consentono alle battute di districarsi in modo naturale.

Tre versioni di Jour de fête sono ancora disponibili: la versione in bianco e nero del 1949; la versione totale modificata del 1964 con l’aggiunta di colori disegnati a mano e la ristampa del 1995, ripristinata nella combinazione di colori originariamente prevista. Tutti e tre hanno il loro fascino e forniscono un eccellente resoconto della sua identità tra i maestri del cinema francese.

Le vacanze di Monsieur Hulot (1953 )

Impossibile fare una lista delle migliori commedie francesi senza includere Jacques Tati, tra i migliori registi francesi, folgorante star del burlesque, l’equivalente francese di Chaplin e Buster Keaton. Les Vacances de Monsieur Hulot è eccellente. La sua forma e il suo design unico fanno del maestro l’eroe perfetto per osservare con tutta leggerezza la dolce assurdità dei soggiorni estivi in ​​riva al mare in un litorale eccessivamente ventoso. 

In realtà non c’è storia nel film. Il dialogo è minimo ed è utilizzato solo per cose ridicole e prive di significato che pronunciano i turisti della stagione estiva. Suoni di ogni tipo finiscono per essere petardi, gettati per effetto comico. Il film è tra la migliore raccolta di gag visive mai viste, tuttavia è il contesto in cui sono inserite e l’ambiente del film che lo elevano in un altro mondo. Il personaggio centrale è una straordinaria amalgama di sconcerto per il mondo moderno, e ogni suo sforzo per adattarsi durante la sua vacanza al mare devasta l’ordine delle cose. 

Zazie nel metrò (1960)

La Nouvelle Vague francese è celebrata per molti punti, anche se forse meno per la commedia. Il folle adattamento di Louis Malle, caotico, del romanzo non filmabile di Raymond Queneau, riguardante una bolshlie di 11 anni (l’affascinante Catherine Demongeot) che viene screditata dallo zio (un giovane Philippe Noiret) a Parigi mentre sua madre vive un’avventura di una notte. Spumeggiante di inquadrature estetiche, tagli di montaggio in picchiata, movimento veloce, oltre a pullulare di giochi di parole, trasforma la Parigi di fine anni ’50 in un vivace parco giochi in cui ogni adulto appare mentalmente molto meno stabile della giovane Zazie, che li fa tornare allegramente alla loro immaturità, mentre asseconda la propria.

In effetti, per essere una commedia, c’è un profondo malumore nel nucleo di Zazie. Malle mantiene la velocità così inesorabile in mezzo al conflitto che è possibile ignorare completamente l’autocritica di Parigi, l’attrazione dei suoi abitanti per il sesso e persino l’invecchiamento. Tutto è riassunto magnificamente con la battuta di chiusura spensierata e toccante di Zazie su ciò che ha fatto durante il suo soggiorno a Parigi: “Sono invecchiata”.

Les Tontons flingueurs (1963)

Questa commedia gangster – adattata dal romanzo di Albert Simonin dallo scrittore di film Michel Audiard (papà del regista Jacques) e dal regista Georges Lautner, non era molto popolare alla sua uscita iniziale, prima di diventare tardivamente un punto fermo della TV francese estremamente importante. Lino Ventura, nei panni di un ex gangster riportato negli inferi del crimine dal suo capo morente, mentre i mafiosi sono in competizione per il potere, cerca di mantenere la figlia del suo capo, una brava ragazza solo in apparenza, fuori dai guai e lontano dalla criminalità organizzata.

Se il film non ha preso piede alla sua prima uscita in Francia, potrebbe essere che il modo di Audiard di scrivere i dialoghi possa essere complicato da tradurre correttamente. Cosa molto più facile da apprezzare all’estero è il tempismo comico di Ventura, una scena di consumo di alcol al chiaro di luna giustamente famosa e un intenso senso di farsa che minaccia di sopraffare il bisogno dei gangster di mantenere il controllo.

Che carriera che si fa con l’aiuto di mammà!… (Le Distrait, 1970)

Prima di diventare una grande star negli anni ’80 in un duetto con Gérard Depardieu nei film di Francis Veber, Pierre Richard ha rivelato la sua capacità comica in film più particolari in cui brillava con l’umorismo naturale che lo identifica. Qualcosa che non può essere descritto coinvolge sempre la famosa goffaggine del personaggio, che raggiunge una misura poetica dietro la sua potenza comica. Questo vale per Le Distrait, che la star ha diretto lui stesso. 

Pierre Malaquet è un ragazzo fantasioso, estremamente distratto e folle, non di questo mondo, che entra costantemente in situazioni comiche. Ha lavorato con una grande agenzia pubblicitaria “Jerico” su suggerimento di sua madre. Concentrato con strani concetti di marketing, le sue pubblicità sembrano film horror; morte, violenza e umorismo nero esistono in tutte le sue opere. È convinto che le pubblicità “sbalorditive” siano le più efficienti. Le sue azioni frustrano i suoi colleghi, tuttavia, con loro sorpresa, il severo datore di lavoro, il signor Guiton, lo perdona per tutte le sue stranezze: ha una relazione segreta con la mamma di Malaquet, Glycia.

Il fascino discreto della borghesia (1972)

Nel 1962, Luis Buñuel realizza L’angelo sterminatore, una farsa surrealista in lingua spagnola riguardante gli ospiti che si trovano incapaci di abbandonare una cena dell’alta borghesia. Un decennio dopo, è venuto in Francia e ha ribaltato il concetto con effetti probabilmente ancora più potenti: sei borghesi tentano di pranzare insieme, ma non ci riescono mai a causa di giorni sbagliati, gestori di ristoranti morti, esercitazioni militari. 

Combinando il desiderio con le azioni senza criticare direttamente le istituzioni, questo è il surrealismo Buñuel del tardo periodo nella sua forma più diabolica: deride i suoi personaggi mentre mostra le loro pretese e la loro corruzione. Grande cast: Delphine Seyrig, Stéphane Audran, Fernando Rey, Jean-Pierre Cassel. Grande disinvoltura registica e narrativa di Buñuel e nello script del co-sceneggiatore Jean-Claude Carrière che in qualche modo rende la satira molto più potente.

Les naufragés de l’île de la Tortue (1974)

Il membro dello staff di un’agenzia di viaggi a Parigi, Jean-Arthur Bonaventure e il suo collaboratore “Gros-Nono” Dupoirier hanno creato un soggiorno la possibilità per ogni cliente di rivivere l’esperienza di Robinson Crusoe su un’isola deserta. Jean-Arthur, accompagnato da “Petit-Nono”, fratello di Gros-Nono, vola nelle Indie occidentali per prepararsi all’arrivo dei primi viaggiatori. Le cose si trasformano rapidamente con vari colpi di scena, con una commedia eccitante e surreale.

Pierre Richard ha difeso il film per vedere la luce del giorno, mentre Rozier è stato piuttosto ostacolato dai produttori che lo hanno rimproverato per i suoi metodi di lavoro. Le riprese avvennero in Guadalupa e Repubblica Dominicana per 8 settimane. Ci furono 50.000 metri di pellicola che Rozier impiegò 2 anni per montare. Con un periodo di 2h18, è tra i film francesi più lunghi degli anni ’70: a quel tempo, le commedie francesi duravano in genere 1h30.

L’amore fugge (1978)

Dopo sette anni Antoine e Christine si separano, pur rimanendo amici. Antoine continua a vedersi con l’amica di Christine, Liliane, che ha pubblicato un suo libro di memorie collaborando come correttore di bozze. Antoine inizia una relazione romantica e travagliata con Sabine, una commessa in un negozio di dischi.

Con L’amore fugge Francois Truffaut conclude un’opera composta di cinque film realizzati nel corso di vent’anni raccontando la crescita di Antoine Doinel, costantemente interpretato dallo stesso attore Jean-Pierre Léaud. L’amore fugge è una commedia romantica dai toni malinconici tipici del cinema del regista francese ed è l’ultimo film del ciclo Doinel, il film che fa il bilancio su tutto il percorso del mitico personaggio interpretato da Léaud.

Guarda L’amore fugge

Le Père Noël est une ordure (1982)

Un film che è stato un flop alla sua prima uscita, diventato successivamente un film di culto. Le Père Noël est une ordure, o Santa Claus Is a Stinker (“puzzolente” è una traduzione gentile), è una visione natalizia tradizionale in molte case francesi. Un film che rivela il periodo di Natale come un momento di bontà e generosità in cui si nasconde egoismo e ipocrisia.

Basato su un’opera teatrale della compagnia comica Le Splendid, i cui partecipanti tra cui Christian Clavier, Josiane Balasko e Thierry Lhermitte sono diventati importanti celebrità francesi, è ambientato nell’ufficio di una linea telefonica di assistenza la vigilia di Natale, dove due sfortunati lavoratori lottano per avere a che fare con i visitatori, tra cui un travestito depresso, una donna in attesa maltrattata, un folle negozio outlet di Babbo Natale con un’arma. L’intensificarsi della catena di catastrofi, che causano la necessità di sbarazzarsi di un cadavere inaspettato, sono un delizioso mix di tremenda farsa e battute molto ingegnose.

Delicatessen (1991)

Un paesaggio urbano fatiscente e post-apocalittico dove le persone ricorrono al cannibalismo per farcela. È il set per un film horror, tuttavia nelle mani dei registi esordienti Marc Caro e Jean-Pierre Jeunet – che sembrano altrettanto ispirati dai fumetti, dalla narrazione del cinema muto, dalla creazione di Heath Robinson e anche da Terry Gilliam, che in Delicatessen è anche produttore, è la base per una commedia nera molto particolare.

Calibrato con minuziosa accuratezza, il suo spirito anarchico e innovativo è probabilmente avvolto dalla nota scena in cui, mentre il macellaio fa l’amore con la sua ragazza, le molle stridenti del suo letto sincronizzano progressivamente le attività dell’intero condominio al loro ritmo crescente. Caro e Jeunet inquadrano la bellezza nello squallore, trovare il cuore e l’umorismo nel più cupo dei mondi delle fiabe.

La Classe américaine (1993)

La Classe américaine è un film per la televisione francese del 1993, scritto e diretto da Michel Hazanavicius e Dominique Mézerette. Consiste esclusivamente di estratti di vecchi film della Warner Bros con dialoghi nuovi in modo da produrre un film completamente nuovo che è una parodia di Citizen Kane. Il film inizia con le seguenti righe che appaiono sullo schermo con errori di ortografia intenzionali: “Attention! Ce flim n’est pas un flim sur le cyclimse. Merci de votre compréhension”. (“Attenzione! Questo film non è un film sul ciclismo. Grazie per la tua comprensione.”)

La storia inizia con la morte di George Abitbol (John Wayne), indicato come il “l’uomo più elegante del pianeta”, da qualche parte vicino all’atollo immaginario di “Pom Pom Galli” nel “Pacifico Meridionale”, un luogo tratto dal Wayne film La caccia al mare. I giornalisti Dave (Paul Newman), Peter (Dustin Hoffman) e Steven (Robert Redford) esaminano la sua morte incontrando le persone che lo hanno conosciuto. Esaminano principalmente le sue ultime parole: “Monde de merde” (mondo di merda).

La Cité de la peur (1994)

Il film inizia con un’anteprima di Red Is Dead, un film horror su un serial killer comunista elimina le sue vittime con falce e martello, il primo giorno dell’evento di Cannes. Quando compaiono i titoli di coda tutti lasciano la sala cinematografica tranne Odile Deray, che sta tentando di ottenere una valutazione positiva del film chiedendo ad un critico di scrivere un buon articolo, ma il critico rifiuta. Mentre Odile lascia il cinema insoddisfatta, il proiezionista del film viene ucciso da un assassino allo stesso modo che si vede nel film.

È ormai un film cult intramontabile che non ha bisogno di introduzioni nel campo della commedia francese. Le sue numerose scene cult che non sono invecchiate dalla sua uscita nel 1994, sono servite dalla band di Dummies che si ritrovano in compagnia di un killer di proiezionisti nel bel mezzo del festival di Cannes. Tra i ruoli più divertenti che Gérard Darmon abbia mai eseguito.

Bernie (1996)

Racconta la storia di Bernie Noël, un ragazzo di 29 anni che è cresciuto per tutta la vita in un orfanotrofio nelle zone residenziali di Parigi. Quando aveva solo un paio di mesi, fu scoperto in un bidone della spazzatura. Il suo nome deriva dall’uomo che lo scoprì lì, Bernie, il custode della struttura, e il suo cognome ha origine dal periodo dell’anno in cui fu scoperto, Natale. All’età di 29 anni, Bernie sceglie di lasciare l’orfanotrofio per dare un’occhiata a un mondo che conosce solo attraverso la televisione e ciò che i suoi amici gli hanno detto. Da solo, vagando in un ambiente ostile di Parigi di notte, vive una serie di esperienze incredibili alla ricerca di sua madre e suo padre, prima di scoprirli e salvarli da un’immaginaria cospirazione del governo federale.

E’ tra le più strane commedie francesi. In questa commedia divertente, Albert Dupontel si infila nella pelle di Bernie, un trentenne psicologicamente instabile che, dopo aver lasciato l’orfanotrofio, cerca di capire i suoi genitori. Una commedia nera completamente nuova per l’epoca che sconvolge con la sua violenza e il suo cinismo ma allo stesso tempo toccante e divertente. Per la cronaca, dopo che Albert Dupontel ha rivelato il film a suo padre, quest’ultimo gli avrebbe dichiarato “Ma cosa ti ho fatto?”.

Il gusto degli altri (2000)

Il regista Agnès Jaoui e il suo co-sceneggiatore e co-protagonista ricorrente Jean-Pierre Bacri avevano creato opere teatrali premiate e anche sceneggiature di film prima che il film d’esordio agrodolce, intelligente e spiritoso di Jaoui vincesse i César all’inizio del nuovo secolo. Una storia incentrata su un imprenditore conservatore di mezza età e sul suo brusco risveglio di coscienza, Il gusto degli altri (Le Goût des autres) utilizza l’idea della propria immaginazione come trampolino di lancio per una valutazione più ampia di noi stessi.

La narrazione si intreccia abilmente tra i suoi personaggi definiti con precisione (Jaoui nei panni di una barista spacciatrice di pentole, il fantastico Alain Chabat nei panni dell’autista del veicolo di Castella che suona il clarinetto), eppure è l’impareggiabile Bacri a rubare la scena. I confronti con Woody Allen erano coerenti, anche se in realtà è passato molto tempo prima che Allen realizzasse qualcosa di così innovativo ed emozionante come questo film. 

OSS 117: Cairo, Nest of Spies (2006)

Prima di The Artist (2011) è diventato un successo globale inaspettato e una calamita per premi, il regista Michel Hazanavicius e anche le star Jean Dujardin e Bérénice Bejo hanno collaborato per rendere omaggio a un altro periodo e stile cinematografico del XX secolo. I libri di Jean Bruce in realtà sono precedenti a 007 di Ian Fleming, ma il film punta a un intrattenimento perfetto di Bond dell’era di Connery. L’Agente 117 è un burlone impettito che ama il suo lavoro. Il film diverte facendo emergere il razzismo, il sessismo e l’ignaro omoerotismo dei tempi, mentre 117 cerca di infiltrarsi in un Cairo pieno di gente fanatica e nazisti inaffidabili.

Alcune scene folli, come una lotta che coinvolge il lancio di galline vive, sono esilaranti, e diventano un’allegoria post-11 settembre dell’ingerenza del mondo arabo. Una performance attoriale per il meraviglioso Dujardin, perfetto per l’aspetto e la figura di Connery, oltre a un ottimo tempismo comico.

The Names of Love (2010)

La commedia romantica ha subito un calo significativo nelle preferenze del pubblico negli ultimi tempi. Questa versione francese, quindi, è una boccata d’aria fresca per il genere. Una donna francese per metà algerina dallo spirito libero va a letto con persone di destra per trasformare i loro punti di vista politici, poi subisce il fascino di un professionista dell’influenza aviaria di mezza età eccessivamente attento . The Names of Love mette costantemente in primo piano la messa in discussione della politica nazionale, dell’eredità razziale e anche dell’identità sociale, e il film è più di una semplice commedia per questo.

La protagonista si proclama “troia politica” e non fa altro che spogliarsi. Il film è ingegnoso e Sara Forestier sviluppa qualcosa di molto più di una fantasia erotica maschile, così come gli sceneggiatori Baya Kasmi e l’uso audace di tropi come l’olocausto e la pedofilia da parte del regista Michel Leclerc, rivela che hanno molto di più in mente oltre al romanticismo e al divertimento. Una delle migliori commedie romantiche degli ultimi anni.

Tournée – Il vero burlesque (2010)

Joachim Zand, un produttore televisivo in crisi, torna in Francia dopo una lunga permanenza negli Stati Uniti. Joachim aveva interrotto tutte le relazioni in Francia: amici, nemici, figli. Arriva qui con una gruppo di ballerine californiani paffute ed energiche che fanno spettacoli di burlesque che intende portare a Parigi.

Il regista Mathieu Amalric ha tratto ispirazione per Tournée dal cinema indipendente americano degli anni ’70, in particolare Assassinio di un allibratore cinese di John Cassavetes. Il personaggio del protagonista Joachim Sand è interpretato dallo stesso regista, che si conferma una star di altissimo livello, già scelta come interprete da registi come André Téchiné, Alain Resnais, Arnaud Desplechin: un attore espressivo con la capacità di osservarsi anche dall’esterno come regista.

Guarda Tournee – Il vero burlesque

Adorabili amiche (2012)

Tre amiche sulla cinquantina vengono accolti all’evento del matrimonio di Philippe, un comune amico della loro giovinezza, che dopo numerose esperienze sentimentali sembra aver trovato la donna ideale, Tasha. Chantal è sola e lo strano lavoro di pubblicità e marketing di cioccolato amaro è un disastro. Gabrielle è una delle sue amiche, spontanea e libertina, convinta che fare l’amore sia l’unico modo per non invecchiare. Nelly, scoraggiata e fredda, o almeno così sembra. Tutti e 3 hanno avuto un flirt con Philippe in passato, non desiderano vederlo ancora una volta, eppure la curiosità vince. Il viaggio è inoltre una pretesa per analizzare trent’anni di vita, i legami con gli uomini che amavano, i risentimenti che hanno dovuto affrontare quotidianamente, le frustrazioni di lavoro. Un’opportunità anche cambiare la tua vita. sull’autostrada con 3 donne sulla cinquantina, in mezzo a gioia, rabbia, infelicità, deliziose oltre che dolorose.

Guarda Adorabili amiche

Centinaia di film e documentari selezionati senza limiti

Nuovi film ogni settimana. Guarda su qualsiasi dispositivo, senza nessuna pubblicità. Annulla in qualsiasi momento.
error: Content is protected !!

Indiecinema Film Festival 2022

Indiecinema Film Festival 2022

Dal 5 al 26 Dicembre guarda in streaming la selezione dei film in concorso: cortometraggi, documentari e film indipendenti da tutto il mondo