Guarda film indipendenti e cult selezionati

Vai oltre i film proposti dalle solite piattaforme commerciali. Guarda centinaia di film indipendenti e d'autore rari, cult e documentari introvabili selezionati da tutto il mondo.

Nouvelle Vague 

Indice dei contenuti

La Nouvelle Vague (in francese “Nuova Ondata”) è stata un movimento cinematografico francese degli anni ’50 e ’60 che ha avuto un grande impatto sulla storia del cinema. Il movimento è nato come una reazione contro il cinema francese tradizionale e ha cercato di creare un nuovo stile di fare cinema.

I registi della Nouvelle Vague hanno utilizzato tecniche innovative, come l’uso della macchina da presa a mano, la luce naturale e l’uso di attori non professionisti. Invece di seguire le convenzioni narrative tradizionali, i loro film spesso presentavano storie non lineari, saltando avanti e indietro nel tempo.

Alcuni dei registi più importanti della Nouvelle Vague includono Jean-Luc Godard, Francois Truffaut, Jacques Rivette, Eric Rohmer e Agnes Varda. Molti dei loro film hanno esplorato temi come l’amore, la solitudine e l’alienazione.

Uno dei film più importanti della Nouvelle Vague è “I quattrocento colpi” di Truffaut, che ha segnato l’inizio del movimento. Altri film importanti includono “Fino all’ultimo respiro” di Godard, “La mamma e la puttana” di Jean Eustache e “Cléo da 5 a 7” di Agnes Varda.

La Nouvelle Vague ha influenzato molti registi in tutto il mondo e ha aperto la strada a nuove forme di cinema indipendente. Il movimento è considerato un’importante pietra miliare nella storia del cinema francese e mondiale e tra le opere della Nouvelle Vague ci sono molti film da vedere assolutamente.

SCEGLI I FILM DA VEDERE

Caratteristiche della Nouvelle Vague

nouvelle-vague-godard
Jean-Luc Godard

La Nouvelle Vague è stata un movimento cinematografico francese degli anni ’50 e ’60 caratterizzato da una serie di innovazioni tecniche e narrative che hanno rivoluzionato il cinema francese e internazionale. Alcune delle principali caratteristiche della Nouvelle Vague includono:

Uso della macchina da presa a mano: i registi della Nouvelle Vague spesso hanno utilizzato la macchina da presa a mano per creare un senso di immediacy e realismo nei loro film.

Uso della luce naturale: i registi hanno spesso utilizzato la luce naturale per creare un’atmosfera realistica e autentica nei loro film.

Storie non lineari: i film della Nouvelle Vague spesso presentano storie non lineari, saltando avanti e indietro nel tempo e utilizzando l’ellissi per creare un senso di mistero e suspense.

Attori non professionisti: molti dei registi della Nouvelle Vague hanno utilizzato attori non professionisti per creare un senso di realismo nei loro film.

Temi esistenziali: i film della Nouvelle Vague spesso esplorano temi esistenziali come l’amore, la solitudine, l’alienazione e la ricerca di un senso nella vita.

Sperimentazione formale: i registi della Nouvelle Vague spesso hanno sperimentato con nuove forme narrative e tecniche di montaggio, rompendo con le convenzioni del cinema tradizionale.

Critica sociale e politica: molti dei film della Nouvelle Vague sono stati critici nei confronti della società francese dell’epoca e hanno affrontato questioni sociali e politiche importanti.

In generale, la Nouvelle Vague è stata un movimento molto influente che ha aperto la strada a nuove forme di cinema indipendente e ha avuto un impatto duraturo sulla storia del cinema francese e internazionale.

Iscriviti

Da dove deriva il termine Nouvelle Vague? 

Il termine “Nouvelle Vague” (in francese, “Nuova Ondata”) fu coniato dal critico cinematografico francese François Giroud nel 1957, in riferimento a un nuovo movimento di registi francesi che stavano emergendo all’epoca. Il termine si ispirava alla Nouvelle Vague letteraria, un movimento letterario francese degli anni ’50 caratterizzato da un atteggiamento sperimentale nei confronti della narrativa.

Il termine Nouvelle Vague è stato utilizzato per descrivere un gruppo di giovani registi francesi che stavano rompendo con le convenzioni del cinema tradizionale francese dell’epoca. Questi registi avevano una visione del cinema molto diversa dai loro predecessori e stavano cercando di creare un nuovo stile di fare cinema che fosse più spontaneo, realistico e sperimentale.

Il termine Nouvelle Vague è diventato un’etichetta per una serie di registi francesi tra cui Jean-Luc Godard, François Truffaut, Claude Chabrol, Éric Rohmer, Jacques Rivette, Agnès Varda e altri. Anche se il movimento è stato spesso associato alla Francia, le sue influenze si sono estese a livello internazionale, influenzando registi in tutto il mondo.

SCEGLI I FILM DA VEDERE

I protagonisti della Nouvelle Vague

nouvelle-vague-truffaut-godard
Jean-Luc Godard, François Truffaut

I protagonisti della Nouvelle Vague sono stati un gruppo di registi francesi che hanno rivoluzionato il cinema francese e internazionale negli anni ’50 e ’60. Questi registi hanno creato un nuovo stile di fare cinema che ha avuto un impatto duraturo sulla storia del cinema.

Alcuni dei registi più importanti della Nouvelle Vague includono:

Jean-Luc Godard: uno dei registi più importanti della Nouvelle Vague, Godard ha creato film come “Fino all’ultimo respiro” (À bout de souffle) e “Week-end”, che sono diventati classici del cinema francese.

François Truffaut: uno degli esponenti più importanti della Nouvelle Vague, Truffaut ha creato film come “I quattrocento colpi” (Les quatre cents coups) e “L’amore a vent’anni” (L’amour à vingt ans).

Jacques Rivette: un altro importante regista della Nouvelle Vague, Rivette ha creato film come “La religiosa” (La religieuse) e “Céline e Julie vanno in barca” (Céline et Julie vont en bateau).

Éric Rohmer: noto per i suoi film caratterizzati da dialoghi intelligenti e sottili, Rohmer ha creato film come “La carriera di Suzanne” (La carrière de Suzanne) e “Le notti della luna piena” (Les nuits de la pleine lune).

Claude Chabrol: uno dei registi più prolifici della Nouvelle Vague, Chabrol ha creato film come “Il coltello nella piaga” (Le couteau dans la plaie) e “La donna che canta” (La femme qui chante).

Agnès Varda: una delle poche donne a emergere nella Nouvelle Vague, Varda ha creato film come “Cléo da 5 a 7” (Cléo de 5 à 7) e “Senza tetto né legge” (Sans toit ni loi).

Questi registi hanno lavorato spesso insieme, scambiando idee e collaborando su progetti, e hanno contribuito a creare una nuova visione del cinema francese e internazionale.

Andrea Bazin è i Cahiers du Cinema

nouvelle-vague-Andrea-Bazin
André Bazin

André Bazin è stato uno dei più influenti critici cinematografici del XX secolo e ha avuto un ruolo fondamentale nella creazione della Nouvelle Vague. Bazin è stato il fondatore e l’editore della rivista Cahiers du cinéma, che è diventata una delle più importanti riviste cinematografiche in Francia e nel mondo.

Bazin ha contribuito in modo significativo alla creazione di una nuova forma di critica cinematografica, che era meno interessata alla valutazione morale dei film e più concentrata sull’analisi estetica e tecnica del mezzo cinematografico. Bazin ha sostenuto che il cinema dovrebbe essere trattato come una forma d’arte autonoma e ha promosso l’idea che il cinema potesse essere usato per esprimere la visione personale dei registi.

La rivista Cahiers du cinéma, fondata da Bazin nel 1951, ha contribuito alla diffusione delle idee della Nouvelle Vague e ha aiutato a creare una comunità di registi e critici cinematografici che erano interessati a esplorare le possibilità del mezzo cinematografico. Tra i collaboratori della rivista c’erano molti dei registi che sarebbero diventati protagonisti della Nouvelle Vague, tra cui François Truffaut, Jean-Luc Godard, Jacques Rivette e Éric Rohmer.

Bazin è stato un grande sostenitore della Nouvelle Vague e ha scritto recensioni entusiastiche sui film dei registi emergenti della Nouvelle Vague. Ha anche aiutato i giovani registi a ottenere finanziamenti e supporto per i loro film, e ha contribuito a creare un clima culturale in cui il cinema d’autore poteva fiorire.

In sintesi, André Bazin e la rivista Cahiers du cinéma sono stati elementi cruciali per lo sviluppo della Nouvelle Vague, e il loro impatto sul cinema francese e internazionale è stato enorme.

Perché finisce la Nouvelle Vague?

Alain Resnais

La Nouvelle Vague non ha una “fine” precisa, ma si può dire che la sua influenza si è gradualmente esaurita nel corso degli anni ’60. Molti registi associati alla Nouvelle Vague hanno continuato a fare film dopo gli anni ’60, ma il loro stile e la loro visione del cinema sono cambiati.

C’è stata una serie di eventi che hanno contribuito alla fine dell’era della Nouvelle Vague, tra cui l’aumento del costo della produzione cinematografica, il cambiamento dei gusti del pubblico e la crescente competizione con il cinema americano. Inoltre, molti dei registi associati alla Nouvelle Vague hanno avuto difficoltà a ottenere finanziamenti per i loro film a causa delle loro visioni artistiche e sperimentali.

Nonostante ciò, la Nouvelle Vague ha lasciato un’impronta duratura sul cinema francese e internazionale, e la sua influenza si può ancora sentire oggi. Il suo stile di cinema indipendente e sperimentale ha influenzato generazioni di registi in tutto il mondo, e i suoi film sono ancora amati e studiati per la loro innovazione tecnica e artistica. Inoltre, molti dei registi associati alla Nouvelle Vague sono diventati icone del cinema francese e internazionale e hanno continuato a fare film di grande impatto culturale e artistico anche dopo la fine dell’era della Nouvelle Vague.

Qual è l’eredità della Nouvelle Vague? 

L’eredità della Nouvelle Vague è ancora evidente nel cinema di oggi e ha avuto un impatto duraturo sulla forma e sul contenuto del cinema contemporaneo.

Uno dei maggiori contributi della Nouvelle Vague è stato la creazione di un nuovo linguaggio cinematografico, che ha rotto con le convenzioni del cinema tradizionale e ha aperto la strada a una maggiore libertà creativa. Questo ha permesso ai registi di esplorare nuove tecniche di ripresa, di montaggio e di narrazione, spingendo i confini del mezzo cinematografico e dando vita a nuove forme di espressione artistica.

Inoltre, la Nouvelle Vague ha introdotto una nuova generazione di registi indipendenti e ha aperto la strada al cinema d’autore. Ha anche contribuito a creare un nuovo pubblico per il cinema, interessato a film che esplorano temi sociali e politici in modo innovativo.

Oggi, il cinema d’autore e il cinema indipendente sono ancora molto popolari e ci sono numerosi registi che continuano a esplorare le possibilità del mezzo cinematografico, prendendo in prestito le tecniche e le idee della Nouvelle Vague. Inoltre, molti dei registi associati alla Nouvelle Vague, come Jean-Luc Godard, François Truffaut e Alain Resnais, sono diventati icone del cinema francese e internazionale e continuano ad essere studiati e ammirati per il loro contributo alla storia del cinema.

Infine, la Nouvelle Vague ha anche influenzato la cultura popolare in generale, oltre al cinema. La moda, la musica e l’arte visiva degli anni ’60 hanno subito l’influenza della Nouvelle Vague, dando vita a una nuova estetica che ha continuato ad ispirare le generazioni successive. 

SCEGLI I FILM DA VEDERE

Nouvelle Vague: i film da non perdere

Ecco una lista dei film più importanti della Nouvelle Vague da vedere assolutamente:

Le beau Serge (1958)

“Le Beau Serge” è un film francese del 1958 scritto e diretto da Claude Chabrol, considerato uno dei primi film della “Nouvelle Vague” francese.

Il film è ambientato in un piccolo villaggio della Francia centrale, dove François (interpretato da Jean-Claude Brialy), un giovane uomo di Parigi, torna per visitare il suo amico d’infanzia Serge (interpretato da Gérard Blain), che vive in una casa fatiscente con sua moglie Yvonne (interpretata da Michèle Méritz). François trova Serge profondamente depresso, alcolizzato e insoddisfatto della vita, e cerca di aiutarlo a trovare una via d’uscita dalla sua tristezza.

“Le Beau Serge” è un film molto interessante perché rappresenta il modo in cui la Nouvelle Vague ha cercato di rinnovare il cinema francese degli anni ’50, introducendo un nuovo stile narrativo e visivo. Chabrol usa tecniche come la macchina a mano e il montaggio discontinuo per creare un’atmosfera di realismo e intimità nel racconto.

Inoltre, il film affronta temi importanti come la depressione, l’alcolismo, la solitudine e la disillusione, fornendo una riflessione sulla condizione umana e sulla difficoltà di trovare un significato nella vita. Il personaggio di Serge rappresenta l’alienazione e la delusione delle persone che vivono in piccoli villaggi isolati, mentre il personaggio di François simboleggia l’aspirazione alla libertà e all’indipendenza.

I 400 colpi (The 400 Blows, 1959)

È un film del 1959 diretto da François Truffaut, considerato uno dei capolavori del cinema francese e della Nouvelle Vague.

Il film racconta la storia di Antoine Doinel, un ragazzino di 14 anni che vive in una famiglia turbolenta e insoddisfatta della sua vita. Quando inizia a rubare, viene messo in riformatorio e poi scappa. In seguito alla sua fuga, Antoine vaga per Parigi e fa amicizia con altri ragazzi. Tuttavia, la sua situazione diventa sempre più disperata.

Il film è stato molto apprezzato dalla critica e ha vinto il premio per la miglior regia al Festival di Cannes del 1959. Il film è stato anche considerato un manifesto della Nouvelle Vague, un movimento cinematografico francese degli anni ’50 e ’60 che ha ridefinito il linguaggio del cinema attraverso la sperimentazione formale e l’attenzione ai personaggi e alla realtà quotidiana.

Il film è stato anche un successo commerciale e ha lanciato la carriera dell’attore Jean-Pierre Léaud, che ha interpretato Antoine Doinel e ha continuato a lavorare con Truffaut in molti altri film, diventando un’icona della Nouvelle Vague.

SCEGLI I FILM DA VEDERE

Il segno del leone (Sign of the Lion, 1959)

È un film del 1962 diretto da Eric Rohmer, che rappresenta il suo primo lungometraggio.

Il film è ambientato a Parigi nell’estate del 1957 e racconta la storia di Pierre Wesserlin, un musicista americano di mezza età che vive a Parigi. Pierre ha da poco perso la sua ultima parente, una zia che gli aveva lasciato in eredità una grande quantità di denaro. Tuttavia, quando cerca di riscuotere l’eredità, scopre che il denaro è stato già speso dalla zia per coprire i suoi debiti, lasciandolo con niente.

La situazione finanziaria di Pierre diventa quindi molto precaria e si ritrova costretto a chiedere aiuto ai suoi amici parigini. Tuttavia, questi sembrano disinteressati alle sue difficoltà e gli suggeriscono di vendere i suoi beni per sopravvivere.

Il film è un ritratto accurato della vita di un artista che lotta per mantenere la propria indipendenza e integrità in un mondo che sembra disinteressato alle sue lotte. Il personaggio di Pierre è interpretato in modo magistrale da Jean-Louis Trintignant, che riesce a trasmettere l’angoscia e la disperazione del protagonista attraverso la sua interpretazione.

Il film è considerato uno dei film più importanti di Rohmer e un’opera fondamentale del cinema francese degli anni ’60. Il film rappresenta anche un esempio di cinema d’autore, caratterizzato dalla sua attenzione ai dettagli e alla psicologia dei personaggi, piuttosto che agli effetti speciali o all’azione.

Hiroshima mon amour (1959)

“Hiroshima mon amour” è un film del 1959 diretto dal regista francese Alain Resnais e scritto da Marguerite Duras. Il film è considerato uno dei capolavori della Nouvelle Vague francese ed è un’opera d’arte cinematografica che esplora le conseguenze emotive e psicologiche della bomba atomica sulle persone.

Il film racconta la storia di una giovane attrice francese (Emmanuelle Riva) che visita Hiroshima per girare un film sulla pace. Durante il suo soggiorno, incontra un architetto giapponese (Eiji Okada) e i due iniziano una relazione amorosa. Mentre si conoscono meglio, la donna rivela il suo passato di giovane francese che aveva una relazione con un soldato tedesco durante l’occupazione nazista, una storia che l’uomo trova difficile da accettare.

Il film è noto per la sua struttura narrativa non lineare e per l’uso di tecniche di montaggio innovative. Il regista utilizza una serie di flashback per mostrare le esperienze della donna durante la guerra e le immagini di Hiroshima dopo l’esplosione atomica. Queste sequenze sono state girate in bianco e nero e sono contrapposte alle immagini a colori del presente.

“Hiroshima mon amour” è stato accolto con entusiasmo dalla critica e ha vinto il premio della giuria al Festival di Cannes nel 1959. Il film è considerato un capolavoro del cinema francese e ha avuto una forte influenza sulla Nouvelle Vague. È stato inoltre un importante punto di svolta nella storia del cinema poiché ha introdotto una nuova forma di narrazione cinematografica che ha influenzato molti registi successivi.

I cugini (The cousins, 1959)

È un film del regista francese Claude Chabrol, uscito nel 1959. È considerato uno dei film più rappresentativi del movimento cinematografico francese conosciuto come “la Nouvelle Vague”.

Il film segue la storia di due cugini: il timido e studioso Paul (interpretato da Jean-Claude Brialy) e l’estroverso e mondano Charles (interpretato da Gérard Blain). Paul si trasferisce a Parigi per studiare legge, e viene accolto dal cugino Charles, che lo introduce alla vita notturna e alle feste dell’alta società parigina. Paul, tuttavia, si sente sempre più a disagio in questo ambiente, che gli sembra vuoto e superficiale, e comincia a provare dei sentimenti contrastanti nei confronti del cugino.

Il film esplora i temi della disillusione, dell’alienazione e della solitudine nella società moderna. Chabrol, infatti, critica la superficialità della borghesia parigina e la mancanza di autenticità e di valori veri nella loro vita. Il contrasto tra i due cugini rappresenta l’opposizione tra due modi di vivere: quello tradizionale e quello moderno, quello dell’impegno e dello studio e quello dell’ozio e del divertimento.

Il film ha avuto un grande successo di critica e di pubblico, ed è considerato un classico del cinema francese. Il film ha inoltre influenzato molti altri registi, sia francesi che stranieri, e ha contribuito a definire lo stile della Nouvelle Vague.

SCEGLI I FILM DA VEDERE

L’avventura (The Advanture, 1960)

“L’avventura” è un film del 1960 diretto da Michelangelo Antonioni, uno dei maggiori registi del cinema italiano del Novecento. Il film è il primo della celebre trilogia dell’incomunicabilità, che comprende anche “La notte” e “L’eclisse”.

La trama del film segue un gruppo di amici benestanti che partono per un viaggio in barca nell’arcipelago delle isole Eolie. Durante la traversata, una giovane donna di nome Anna (interpretata da Lea Massari) scompare misteriosamente. La sua amica Claudia (interpretata da Monica Vitti) e il fidanzato di Anna, Sandro (interpretato da Gabriele Ferzetti), iniziano a cercarla disperatamente, ma la loro ricerca si rivela vana. Nel corso del film, Claudia e Sandro iniziano a provare una strana attrazione l’uno per l’altra, mentre il mistero della scomparsa di Anna rimane irrisolto.

“L’avventura” è considerato un capolavoro del cinema italiano e una pietra miliare del cinema d’autore. Il film è famoso per la sua lentezza e la sua attenzione ai dettagli, per la sua fotografia in bianco e nero e per la sua capacità di rappresentare l’incomunicabilità tra le persone in modo straordinariamente efficace. Inoltre, il film ha suscitato molte interpretazioni e discussioni tra gli studiosi di cinema e il pubblico in generale, diventando uno dei più importanti esempi del cinema d’autore europeo degli anni ’60.

Fino all’ultimo respiro (Breathless, 1960)

E’ un film del 1960 diretto da Jean-Luc Godard, considerato un classico del cinema francese e uno dei capolavori del movimento cinematografico della Nouvelle Vague.

La trama segue la storia di Michel, un giovane criminale che dopo aver ucciso un poliziotto si rifugia a Parigi e si innamora di Patricia, una studentessa americana. I due intraprendono una relazione, ma la loro felicità è minacciata dalla caccia all’uomo scatenata dalla polizia alla ricerca di Michel.

Il film è stato acclamato per la sua innovativa tecnica di ripresa, con l’uso di una macchina da presa a mano che dava un effetto di realismo e immediatezza, e per la sua rivoluzionaria narrazione non lineare. Inoltre, la colonna sonora jazz di Martial Solal è diventata anch’essa un classico.

Il film ha influenzato numerosi registi successivi ed è stato citato come un precursore del cinema moderno. È considerato uno dei film più importanti della storia del cinema e un esempio di come il cinema possa sfidare le convenzioni narrative e visive per creare un’esperienza cinematografica unica.

Iscriviti

L’anno scorso a Marienbad (Last Year at Marienbad, 1961)

E’ un film francese del 1961, diretto da Alain Resnais e scritto da Alain Robbe-Grillet. Il film è stato presentato in concorso al Festival di Cannes del 1961, dove ha vinto il Leone d’oro.

La trama del film è molto complessa e misteriosa. La storia è ambientata in un lussuoso hotel, dove un uomo incontra una donna e cerca di convincerla di averla conosciuta l’anno precedente a Marienbad. La donna, tuttavia, non ricorda di averlo mai visto prima. L’uomo continua a insistere, presentando una serie di racconti ambigui e contraddittori sulla loro presunta relazione passata.

Il film è noto per il suo stile visivo altamente stilizzato, che combina riprese statiche e movimenti di camera fluidi e lenti. La colonna sonora è stata creata da Francis Seyrig e utilizza la musica di Erik Satie.

Il film è stato un film molto influente, spesso citato come un capolavoro del cinema d’avanguardia europeo. Il film ha ispirato numerosi altri registi, tra cui Stanley Kubrick, David Lynch e Wes Anderson, e ha avuto un impatto significativo sulla teoria cinematografica e sulla critica. Il film è stato anche oggetto di numerosi dibattiti e interpretazioni, poiché la sua trama è enigmatica e aperta a molte interpretazioni.

La donna è donna (A Woman is a Woman, 1961)

E’ un film del 1961 diretto da Jean-Luc Godard e interpretato da Jean-Paul Belmondo, Anna Karina e Jean-Claude Brialy. Il film è una commedia musicale che segue le vicende di una giovane ballerina, Angela, interpretata da Anna Karina, che cerca di convincere il suo fidanzato Emile, interpretato da Jean-Claude Brialy, a sposarla e a mettere al mondo un bambino.

La trama è abbastanza semplice, ma il film si distingue per il suo stile visivo e sonoro unico, caratterizzato da un uso innovativo della colonna sonora e delle tecniche di montaggio. Il regista Jean-Luc Godard è noto per il suo stile radicale e sperimentale, e La donna è donna non fa eccezione. Il film è stato realizzato durante un periodo in cui Godard stava cercando di superare le convenzioni del cinema tradizionale e di trovare nuovi modi di esprimere la sua visione artistica.

Il film è stato accolto con recensioni positive dalla critica e ha vinto il premio per la migliore attrice al Festival di Cannes 1961 per la performance di Anna Karina. Il film è considerato un classico della Nouvelle Vague francese e uno dei capolavori di Godard. Se sei interessato al cinema sperimentale e ai film della Nouvelle Vague, La donna è donna è sicuramente un film che vale la pena vedere.

SCEGLI I FILM DA VEDERE

Lola (1961)

Lola è un film del 1961 diretto da Jacques Demy. È un film in bianco e nero che racconta la storia di Lola, una ballerina di cabaret, e dei suoi amori.

Il film è ambientato nella città portuale di Nantes, in Francia, e segue Lola mentre cerca di trovare l’amore della sua vita. Lola incontra molti uomini durante il corso del film, ma il suo cuore appartiene a Michel, un giovane che si è appena trasferito in città. Michel, però, ha una relazione complicata con Roland, un ricco uomo d’affari che lo sta finanziando per aprire un negozio di modellismo.

La trama del film si dipana attraverso le vicende dei personaggi che gravitano intorno a Lola e Michel, tra cui una giovane madre single di nome Cécile e un amico di Michel di nome Frankie. Alla fine, Lola e Michel si incontrano di nuovo e decidono di dare una chance alla loro relazione, mentre Roland è costretto ad affrontare la fine della sua relazione con Michel.

Lola è un film notevole per la sua atmosfera romantica e nostalgica, che è amplificata dalla colonna sonora di Michel Legrand. Il film è anche importante come esempio di “cinema d’autore” francese.

La Jetée (1962)

“La Jetée” è un film francese del 1962 diretto da Chris Marker. È considerato uno dei film più importanti nella storia del cinema d’avanguardia e del cinema sperimentale.

Il film è noto per essere stato realizzato quasi interamente in bianco e nero, ad eccezione di una singola scena a colori, ed è composto principalmente da fotografie fisse, con solo alcune immagini in movimento. Questo stile unico di realizzazione dà al film un’atmosfera surreale e onirica, che si adatta alla trama.

Il film racconta la storia di un uomo che vive in un mondo post-apocalittico in cui la maggior parte della popolazione è stata sterminata da una guerra nucleare. L’uomo è stato scelto per partecipare a un esperimento scientifico che lo porta indietro nel tempo, alla Parigi degli anni ’60, dove incontra una donna che diventa la sua unica fonte di felicità in un mondo altrimenti vuoto e desolato.

“La Jetée” è un film particolarmente interessante dal punto di vista narrativo, in quanto utilizza un narratore esterno per raccontare la storia dell’uomo e la sua esperienza, invece di dialoghi tradizionali. Inoltre, la sua trama, che combina la fantascienza con la storia d’amore, ha ispirato numerosi film successivi, tra cui il celebre “12 Monkeys” di Terry Gilliam.

“La Jetée” è un film di grande valore artistico e culturale, che ha influenzato molti registi e appassionati di cinema. La sua tecnica di fotografia fissa, la sua trama avvincente e la sua atmosfera surreale lo rendono ancora oggi un’opera cinematografica estremamente interessante da vedere e analizzare.

Jules e Jim (1962)

“Jules e Jim” è un film francese del 1962 diretto da François Truffaut, basato sul romanzo omonimo di Henri-Pierre Roché.

La storia si svolge in Europa tra il 1912 e il 1933 e segue la relazione tra Jules (Oskar Werner) e Jim (Henri Serre), due amici francesi che si innamorano della stessa donna, Catherine (Jeanne Moreau). La relazione tra i tre diventa sempre più complicata e conflittuale nel corso degli anni, poiché Catherine non riesce a scegliere tra i due uomini.

Il film è famoso per il suo stile innovativo, che include un uso creativo della narrazione non lineare, della voce fuori campo e della fotografia in bianco e nero. È stato acclamato dalla critica per la sua audacia e la sua rappresentazione non convenzionale dell’amore e della sessualità.

Inoltre, il film ha una colonna sonora memorabile composta da Georges Delerue, che include la canzone “Le Tourbillon de la Vie”, cantata da Jeanne Moreau, diventata un classico della musica francese.

“Jules e Jim” è considerato un classico del cinema francese e ha influenzato numerosi registi successivi. Il film ha anche consolidato la posizione di Truffaut come uno dei registi più importanti della Nouvelle Vague francese.

L’amore a vent’anni (Love at Twenty, 1962)

E’ un film a episodi franco-italiano del 1962, diretto da tre importanti registi del cinema europeo: François Truffaut, Jean-Luc Godard e Claude Chabrol. Il film è composto da tre storie indipendenti che ruotano attorno alla tematica dell’amore e dell’adolescenza.

Il primo episodio, “Antoine et Colette”, diretto da Truffaut, è il seguito del celebre film “I 400 colpi”. Il protagonista Antoine Doinel (interpretato da Jean-Pierre Léaud) è diventato maggiorenne e lavora come stampatore musicale. Incontra Colette (interpretata da Marie-France Pisier), una ragazza che gli piace molto, ma che non sembra ricambiare i suoi sentimenti.

Il secondo episodio, “Le Garçon Scandaleux”, diretto da Godard, è la storia di un giovane (interpretato da Jean-Pierre Léaud) che cerca di conquistare una ragazza ma viene ostacolato dal padre di lei.

Il terzo episodio, “Amour à vingt ans”, diretto da Chabrol, è la storia di un giovane soldato che torna a casa in Bretagna in licenza e si innamora di una donna più grande di lui.

“L’amore a vent’anni” è un film molto rappresentativo della Nouvelle Vague francese, un movimento cinematografico degli anni ’60 che ha portato molte innovazioni nel modo di fare cinema. Il film è stato molto apprezzato dalla critica e ha contribuito a rendere famosi i tre registi coinvolti.

Il disprezzo (Contempt, 1963)

E’ un film del 1963 diretto da Jean-Luc Godard, basato sul romanzo di Alberto Moravia del 1954. Il film è interpretato da Brigitte Bardot, Michel Piccoli, Jack Palance e Fritz Lang, che interpreta se stesso.

La trama segue l’autore di sceneggiature Paul Javal (interpretato da Michel Piccoli), che viene assunto per riscrivere la sceneggiatura di un film greco diretto dal leggendario regista Fritz Lang (interpretato da se stesso). Durante le riprese del film, la moglie di Paul, Camille (interpretata da Brigitte Bardot), incontra il produttore del film (interpretato da Jack Palance) e inizia una relazione con lui, il che mette a dura prova il matrimonio di Paul.

Il film si concentra sull’arte del cinema e sulla sua capacità di rappresentare la realtà e il disprezzo che può nascere nelle relazioni umane. Il personaggio di Paul rappresenta l’intellettuale alienato, che cerca di raggiungere la propria libertà e l’autodeterminazione attraverso il lavoro artistico. Camille, invece, rappresenta la figura femminile sacrificata sull’altare del desiderio maschile, che viene sottomessa e tradita.

Il film è famoso per le sue lunghe riprese e per l’utilizzo di inquadrature fisse, che mettono in risalto i dialoghi e le espressioni facciali dei personaggi. La fotografia è spettacolare, con l’uso del CinemaScope e dei colori primari per creare una sensazione di alienazione e disperazione.

Il dfilm è considerato uno dei film più importanti e influenti della Nouvelle Vague francese, per il suo approccio innovativo alla narrazione cinematografica e per il suo stile visivo distintivo. Il film ha anche avuto un impatto significativo sulla cultura popolare, ispirando numerosi cineasti e artisti successivi.

SCEGLI I FILM DA VEDERE

Pierrot le fou (1965)

“Pierrot le fou” è un film del 1965 diretto dal regista francese Jean-Luc Godard. Il film è un’opera d’arte cinematografica della Nouvelle Vague, un movimento cinematografico francese degli anni ’60 noto per le sue tecniche innovative e la sua narrazione non convenzionale.

La trama del film segue la storia di Ferdinand Griffon, interpretato da Jean-Paul Belmondo, un uomo insoddisfatto della sua vita che decide di fuggire con la sua ex-amante Marianne Renoir, interpretata da Anna Karina. Insieme, i due diventano coinvolti in una serie di avventure che li portano a Parigi e sulla costa della Francia.

“Pierrot le fou” è noto per il suo stile visivo unico, che combina la fotografia vibrante del direttore della fotografia Raoul Coutard con il montaggio non lineare di Godard e la colonna sonora jazzistica di Antoine Duhamel. Il film è anche noto per le sue numerose citazioni culturali e riferimenti ad altri film, opere letterarie e opere d’arte.

Il film è stato accolto in modo misto dalla critica all’uscita, ma è diventato un classico del cinema francese e uno dei film più influenti della Nouvelle Vague. “Pierrot le fou” è considerato uno dei capolavori di Godard e ha ispirato molti altri registi e artisti nel corso degli anni.

Alphaville (1965)

“Alphaville” è un film di fantascienza francese del 1965 diretto da Jean-Luc Godard. Il film è ambientato in un futuro distopico in cui la società è governata da un supercomputer chiamato Alpha 60 e in cui le emozioni e la creatività sono state eliminate.

La trama segue il protagonista Lemmy Caution, un agente segreto inviato dalla Terra per trovare e distruggere il supercomputer. Nel corso della sua missione, Caution incontra la figlia del creatore di Alpha 60, una donna di nome Natacha, e si innamora di lei.

Il film è noto per la sua atmosfera cupa e surreale, per la sua critica alla tecnologia e alla società moderna e per la sua sperimentazione formale. Godard utilizza una serie di tecniche cinematografiche innovative, tra cui l’uso di immagini distorte, la voce fuori campo e la discontinuità narrativa, per creare un’esperienza cinematografica unica.

“Alphaville” è stato un successo al botteghino e ha ricevuto il plauso della critica per la sua visione avveniristica e la sua originalità. È diventato un film di culto nel corso degli anni e ha influenzato molti altri film di fantascienza successivi.

Picture of Indiecinema

Indiecinema