fbpx

Film sui serial Killer: i titoli da vedere assolutamente

Indice dei contenuti

Tra le centinaia di film imperdibili della cinematografia mondiale ce ne sono molti dedicati alla perversa psicologia dei serial killer. Prima di addentrarci nella lista dei film sui serial killer da vedere cerchiamo di scoprire un pò di più sui serial killer veri della storia, e di come si è evoluta la criminologia e le tecniche investigative nei loro confronti.

Definizione di Serial Killer

Un serial killer è un individuo che uccide 3 o più individui, di solito per una gratificazione psicologica, con gli omicidi che si svolgono nell’arco di più di un mese e con un periodo di tempo significativo tra di loro. Mentre la maggior parte delle autorità fissa un limite di tre omicidi, altre lo espandono a quattro o lo riducono al minimo a due.

Il Federal Bureau of Investigation (FBI) afferma che le motivazioni dei serial killer possono includere rabbia, ricerca del brivido, guadagno finanziario e ricerca dell’attenzione. Spesso l’FBI si concentra su uno schema particolare seguito dai serial killer. Sulla base di questo schema, l’assassino fornirà indizi chiave per farsi trovare.

Sebbene un serial killer sia una classificazione che differisce da quella di un assassino di massa, un killer di massa o un killer a contratto, esistono sovrapposizioni concettuali tra di loro. Esistono alcuni dibattiti su determinati requisiti per ciascuna classificazione.


Inizia ora una prova gratuita e guarda in streaming i film indipendenti

Cerchi qualcosa in più delle solite piattaforme commerciali? Su Indiecinema puoi guardare in streaming centinaia di film indipendenti e d’autore rari, cult e documentari introvabili selezionati da tutto il mondo. Con un solo abbonamento e su qualsiasi dispositivo. Senza limiti, senza pubblicità. Nuovi film ogni settimana. Entra nel cineclub ora!

Film-in-streaming

Significato del termine Serial Killer

Film-serial-Killer
Robert Ressler

Il termine inglese e l’idea di serial killer sono tipicamente attribuiti all’ex rappresentante speciale dell’FBI Robert Ressler, che ha utilizzato il termine omicidio seriale nel 1974 in una conferenza alla Police Staff Academy nel Regno Unito. La scrittrice Ann Rule sostiene nel suo libro del 2004 Kiss Me, Kill Me, che il termine serial killer è da attribuire all’investigatore della polizia di Los Angeles Pierce Brooks, che ha sviluppato il sistema Violent Criminal Apprehension Program nel 1985.

Il termine e il concetto tedeschi furono coniati dal criminologo Ernst Gennat, che descrisse Peter Kürten come un Serienmörder (“assassino seriale”) nel suo articolo “Die Düsseldorfer Sexualverbrechen” (1930). Nel suo libro, Serial Killers: The Method and Madness of Monsters (2004), lo storico della giustizia penale Peter Vronsky osserva che mentre Ressler potrebbe aver coniato il termine inglese “serial homicide” all’interno della legge nel 1974, il termine serial killer compare nel libro di John Brophy.


Sfoglia il catalogo e scegli il film da guardare

Indiecinema è un servizio di streaming in abbonamento dedicato agli amanti del cinema indipendente e dei tesori nascosti dell’arte cinematografica. Crea un circolo virtuoso: con il tuo abbonamento guardi centinaia di film e supporti contemporaneamente la produzione di nuovi film indipendenti e d’autore. Un unico abbonamento, nessun vincolo. Nuove uscite ogni settimana.

film-dessai

Il significato dell’omicidio

C’è il killer di massa, o quello che viene chiamato il killer “seriale”, che potrebbe essere stimolato dall’avidità, come la polizza assicurativa, o la brama di potere, come i Medici dell’Italia rinascimentale, o Landru, il “barbablù” della della prima guerra mondiale, che uccise vari coniugi dopo aver preso i loro soldi.

Nel suo studio di ricerca più attuale, Vronsky afferma che il termine omicidio seriale inizialmente è entrato in un uso popolare americano più completo quando è stato pubblicato sul New York Times nella primavera del 1981, per spiegare il serial killer di Atlanta Wayne Williams. Successivamente, per tutti gli anni ’80, il termine è stato ripreso nelle pagine del New York Times, tra le maggiori testate giornalistiche nazionali degli Stati Uniti, su 233 eventi. Entro la fine degli anni ’90, l’uso del termine era effettivamente aumentato a 2.514 articoli.

Quando parlano di killer seriali, i ricercatori normalmente utilizzano “tre o più omicidi” come standard, considerandolo sufficiente per offrire uno schema senza essere restrittivo. Indipendentemente dal numero di omicidi, devono essere stati effettivamente commessi in tempi diversi e in vari luoghi. L’assenza di una pausa significativa tra gli omicidi rileva la distinzione tra un killer e un serial killer. Casi di omicidi sequenziali per periodi di settimane o mesi senza alcun apparente “periodo di riflessione” o “ritorno alla normalità” hanno effettivamente indotto alcuni professionisti a identificare una categoria di incrocio chiamata “spree-serial killer”.

In Controversial Issues in Criminology, Fuller e Hickey scrivono che “l’aspetto del tempo incluso tra gli atti omicidi è primario nella differenziazione di assassini di massa, seriali e folli”, elaborando in seguito che gli assassini folli “commettono i delitti in settimane o giorni” mentre “le tecniche di omicidio così come i tipi di vittime variano”. Andrew Cunanan viene menzionato come esempio di omicidio, mentre Charles Whitman viene segnalato per omicidio di massa, così come Jeffrey Dahmer per omicidio seriale.

Il Federal Bureau of Investigation (FBI) definisce l’omicidio seriale come “una serie di due o più omicidi, commessi come eventi separati, di solito, ma non sempre, da un assassino che agisce da solo”. Nel 2005, l’FBI ha ospitato un simposio multidisciplinare a San Antonio, in Texas, che ha riunito 135 esperti di omicidi seriali provenienti da una varietà di campi e settori con l’obiettivo di identificare i punti in comune delle conoscenze sull’omicidio seriale. Il gruppo ha anche stabilito una definizione di omicidio seriale che gli investigatori dell’FBI accettano ampiamente come standard: “L’uccisione di due o più vittime da parte dello stesso delinquente in eventi separati”.

Serial killer nella storia

Film-serial-Killer
Juhani Aataminpoika

Juhani Aataminpoika, un serial finlandese chiamato anche “Kerpeikkari” (che significa “carnefice”), fu tra uno dei serial killer più terribili del 19° secolo, eliminando fino a 12 persone nel 1849 in 5 settimane, prima di essere catturato. I criminologi raccontano dei serial killer nel corso della storia. Alcune fonti dicono che racconti come quelli sui vampiri e licantropi siano stati influenzati dai serial killer medievali. 

Liu Pengli in Cina, nipote dell’imperatore Han Jing, fu nominato principe di Jidong nel sesto anno del regno di Jing (144 aC). Secondo lo storico cinese Sima Qian, sarebbe sicuramente “uscito in spedizioni con 20 o 30 servitori o con giovani che sfuggivano alla legge, uccidevano persone e prendevano i loro averi come fosse uno sport”. Sebbene molti vennero a conoscenza di questi omicidi, fu solo nel 29° anno del suo regno che il ragazzo fu denunciato. Alla fine, si è scoperto che aveva ucciso circa 100 persone. I funzionari del tribunale hanno chiesto che Liu Pengli fosse giustiziato; tuttavia, l’imperatore non poteva far eliminare il proprio nipote, quindi Liu Pengli assolto.

Nel XV secolo, Gilles de Rais, uno degli uomini più ricchi d’Europa ed ex compagno d’armi di Giovanna d’Arco, avrebbe aggredito e ucciso con violenza sessuale bambini contadini, principalmente ragazzi, che aveva rapito dai villaggi circostanti e si era portato al suo castello. Si stima che le sue vittime fossero comprese tra 140 e 800.

Film-serial-Killer
Elizabeth Báthory

L’aristocratica ungherese Elizabeth Báthory, nata in una delle famiglie più ricche della Transilvania, presumibilmente ferì e uccise fino a 650 donne e anche giovani donne prima del suo arresto nel 1610. I membri del culto Thuggee in India potrebbero aver ucciso un milione di persone tra il 1740 e il 1840. Thug Behram, un membro del culto, potrebbe aver ucciso fino a 931 vittime.

Nel suo libro del 1886, Psychopathia Sexualis, lo psichiatra Richard von Krafft-Ebing ha notato una situazione di un assassino seriale negli anni ’70 dell’Ottocento, un francese chiamato Eusebius Pieydagnelle che aveva una fissazione legata al sesso e il sangue. Ha ammesso di aver ucciso sei persone.

L’assassino mai catturato Jack lo Squartatore, che è stato definito il primo serial killer contemporaneo, uccise almeno cinque donne a Londra nel 1888. Fu oggetto di una grande caccia all’uomo, durante la quale sono state create molte tecniche investigative criminali contemporanee. Una grande squadra di agenti di polizia ha svolto indagini casa per casa, sono stati raccolti indizi e i sospetti sono stati individuati e rintracciati. Il chirurgo estetico della polizia Thomas Bond ha messo insieme uno dei primi resoconti sulla personalità del serial killer.

Sebbene non sia il primo serial killer nella storia, la vicenda di Jack lo Squartatore è stata la prima a produrre una mania mediatica in tutto il mondo. I drammatici omicidi di donne economicamente indigenti nel mezzo di Londra hanno concentrato l’attenzione dei media sulle circostanze della città e hanno anche ottenuto eco mediatico in tutto il mondo. Jack lo Squartatore è stato anche definito uno dei serial killer più famosi di tutti i tempi, e la sua storia ha generato centinaia di concetti sulla sua identificazione e molte opere di narrativa.

HH Holmes è stato uno dei primi serial killer moderni documentati negli Stati Uniti, responsabile della morte di almeno nove vittime all’inizio degli anni ’90 dell’Ottocento. Allo stesso tempo, in Francia, Joseph Vacher divenne noto come “Lo Squartatore francese” dopo aver ucciso e mutilato 11 bambini e donne. Fu giustiziato nel 1898 dopo aver confessato i suoi crimini. La maggior parte dei serial killer documentati nel 20° secolo proviene dagli Stati Uniti.


Film da vedere senza limiti sulla tua TV

Guarda Indiecinema sulla tua TV trasmettendo i video direttamente dal tuo smartphone, o goditi lo spettacolo su qualsiasi altro dispositivo connesso a internet. Film da vedere selezionati con uno streaming perfettamente fluido su tutti i dispositivi connessi a internet. Riproduzione perfetta in alta definizione, su TV, computer, tablet o smartphone. Ovunque ti trovi, quando vuoi.

indiecinema-catalogo

Serial killer recenti

Il fenomeno dell’omicidio seriale negli Stati Uniti è stato particolarmente popolare dal 1970 al 2000, che è stato descritto come “l’età d’oro dell’omicidio seriale“. La varietà di serial killer nel paese ha raggiunto il picco nel 1989. La fonte di questo picco di omicidi seriali è stata in realtà attribuita all’urbanizzazione, che pone le persone vicine e anonime. Mike Aamodt, insegnante alla Radford University in Virginia, associa la diminuzione degli omicidi seriali a un uso molto meno costante della libertà vigilata, a una maggiore innovazione forense e anche a persone che si comportano in modo molto più meticoloso.

Caratteristiche psicologiche dei serial killer

Film-serial-Killer
Henry Lee Lucas

I serial killer possono mostrare vari gradi di malattia mentale o psicopatia, che potrebbero contribuire alle loro azioni omicide. Ad esempio, qualcuno che è malato di mente potrebbe avere crisi psicotiche che lo portano a pensare di essere un individuo diverso o di essere obbligato a uccidere da altre entità. Il comportamento psicopatico coerente con i tratti comuni ad alcuni serial killer include la ricerca delle sensazioni, la mancanza di rimorso o senso di colpa, l’impulsività, il bisogno di controllo e il comportamento predatorio. Gli psicopatici possono sembrare “normali” e spesso piuttosto affascinanti, uno stato di adattamento che lo psichiatra Hervey Cleckley chiamava la “maschera della sanità mentale“.

Di solito venivano abusati mentalmente, fisicamente o sessualmente da un membro della famiglia. È più probabile che i serial killer siano affetti da feticismo o necrofilia, che sono parafilie che implicano una forte tendenza a sperimentare l’oggetto di interesse erotico quasi come se fosse una rappresentazione fisica del corpo. Gli individui si impegnano in parafilie che sono organizzate lungo un continuum; partecipando a vari livelli di fantasia, magari concentrandosi su parti del corpo, oggetti simbolici che fungono da estensioni fisiche del corpo, o sulla fisicità anatomica del corpo umano; in particolare per quanto riguarda le sue parti interne e gli organi sessuali.

Molti sono affascinati dal fuoco. Sono associati all’attività sadica; soprattutto nelle psicologie infantili che non hanno raggiunto la maturazione legata al sesso, questo aspetto potrebbe assumere la tortura degli animali domestici. Più del 60 per cento, o semplicemente una larga parte, bagnava i propri letti dopo i 12 anni. Da giovani venivano spesso molestati o emarginati dagli altri. 

Ad esempio, Henry Lee Lucas è stato deriso da bambino e in seguito ha citato il rifiuto di massa dei suoi coetanei come motivo del suo odio per tutti. Kenneth Bianchi è stato preso in giro da bambino poiché ha urinato nei pantaloni, e da adolescente è stato trascurato dai suoi coetanei.

Alcuni sono stati coinvolti in piccole attività criminali, come frode, furto con scasso, vandalismo o reati simili. Spesso hanno difficoltà a trovare lavoro e tendono a svolgere lavori umili. Altre fonti affermano che spesso provengono da famiglie instabili.

Studi di ricerca hanno raccomandato che i killer seriali in genere abbiano un’intelligenza ordinaria o nella media, sebbene siano spesso visti come aventi un QI superiore alla media. Un campione di 202 QI di serial killer aveva un’intelligenza media di 89.

serial-Killer
Harold Shipman

Ci sono eccezioni a questi criteri. Ad esempio, Harold Shipman era un medico di medicina generale. Era un punto di riferimento della comunità locale; ha anche vinto un premio come esperto per un centro per l’asma per giovani, così come è stato intervistato da World in Action della Granada Television su ITV. Dennis Nilsen era un ex soldato diventato funzionario pubblico e sindacalista di professione che non aveva precedenti penali al momento della detenzione.

Nessuno dei due aveva mostrato i segni rivelatori del serial killer. Vlado Taneski, un giornalista della cronaca nera, è stato catturato dopo che una serie di articoli che ha scritto hanno dato l’idea che avesse effettivamente ucciso delle persone. Russell Williams era un colonnello rispettato e di successo della Royal Canadian Air Force, condannato per aver ucciso 2 donne, oltre a episodi di feticismo e stupri.

Problemi famigliari

Molti serial killer hanno effettivamente affrontato problemi simili durante lo sviluppo dell’infanzia. Il modello di controllo del trauma di Hickey descrive come i traumi della prima infanzia possono predisporre il bambino ad abitudini devianti nell’età adulta; l’ambiente del bambino, i suoi genitori o la società, è la variabile principale per capire se le abitudini del bambino si trasformano o meno in attività omicida.

La famiglia, o la sua mancanza, è una delle caratteristiche principali della crescita di un bambino perché è ciò con cui il bambino può identificarsi regolarmente. “Il serial killer non è diverso da qualsiasi altra persona a cui viene chiesto di chiedere l’autorizzazione a mamma e papà, partner sessuali o altri”. Questo requisito di autorizzazione è ciò che colpisce i bambini nel tentativo di stabilire relazioni sociali con la propria famiglia e con i coetanei. 

Wilson e Seaman (1990) hanno condotto uno studio sui serial killer incarcerati, e quello che hanno concluso è stato uno degli elementi più importanti che si sono aggiunti alla loro attività. Per lo più tutti i serial killer nello studio avevano sperimentato qualche tipo di problema ambientale durante la loro giovinezza, come una casa distrutta a causa della separazione, o la mancanza dei genitori per educare il giovane. Quasi il cinquanta per cento dei serial killer aveva subito una sorta di abuso fisico o sessuale, e anche un numero ancora maggiore di loro aveva effettivamente subito una trascuratezza emotiva.

Quando un genitore ha un problema di droga o alcol, l’attenzione in casa è sui genitori piuttosto che sul bambino. Il modello di controllo del trauma di Hickey supporta il modo in cui l’abbandono dei genitori può facilitare il comportamento deviante, specialmente se il bambino vede l’abuso di sostanze stupefacenti. Se un bambino non riceve supporto da nessuno, è improbabile che si riprenda dall’evento traumatico in modo positivo.

Fantasia dei serial killer

I ragazzi che non hanno il potere di gestire i maltrattamenti che subiscono di tanto in tanto creano una nuova realtà a cui possono fuggire. Questo nuovo mondo diventa la fantasia di cui hanno il controllo ed entra anche nella loro esistenza quotidiana. In questo mondo onirico, la loro crescita psicologica è bloccata. Secondo Garrison (1996), “il bambino finisce per essere sociopatico a causa del fatto che il normale avanzamento delle idee di giusto così come di sbagliato e di compassione nella verso gli altri sono ritardate perché si verifica la crescita emotiva e sociale del bambino all’interno delle sue fantasie autoindulgenti. 

Un individuo non può fare nulla di male nel proprio mondo, così come il dolore degli altri è irrilevante quando lo scopo del mondo onirico è soddisfare le esigenze di qualcuno” (Garrison, 1996). I confini tra sogno e realtà sono persi e le fantasie si focalizzano sul il controllo, l’attività sessuale, la violenza fisica, che a un certo punto portano all’omicidio. Il sogno può realizzare il passaggio principale di uno stato dissociativo, che, nelle parole di Stephen Giannangelo, “consente al serial killer di lasciare il flusso della coscienza per quello che è, per lui, un posto migliore”.

Il criminologo Jose Sanchez riferisce, “il giovane criminale che vedete oggi è più distaccato dalla sua vittima, più pronto a ferire o uccidere. Lorenzo Carcaterra, autore di Gangster (2001), spiega come i potenziali criminali siano etichettati dalla società, che può quindi portare la loro prole a svilupparsi allo stesso modo attraverso il ciclo della violenza. La capacità dei serial killer di apprezzare la vita mentale degli altri è gravemente compromessa, portando presumibilmente alla loro disumanizzazione degli altri.

serial-Killer

Potrebbe essere considerata una carenza cognitiva relativa alla capacità di fare distinzioni nette tra altri individui e cose inanimate. Per queste persone, gli oggetti possono mostrare potere animistico o umanistico mentre gli individui sono visti come oggetti. Il serial killer Ted Bundy ha dichiarato che la violenza dei media e anche il porno aveva effettivamente aumentato e accresciuto il suo bisogno di dedicarsi all’omicidio, sebbene questa dichiarazione è stata fatta durante i disperati tentativi di evitare la sua pena di morte. Ci sono eccezioni agli schemi tipici dei serial killer, come nel caso di Dennis Rader, che era un amorevole padre di famiglia oltre che il leader della sua chiesa.

Classificazione dei serial killer

Il Manuale di classificazione del crimine dell’FBI colloca i killer seriali in tre gruppi: organizzati , disordinati e misti. Alcuni assassini passano dall’essere organizzati a disorganizzati mentre i loro omicidi continuano, come quando si tratta di scompenso psicologico per aver evitato la cattura, o viceversa, come quando un killer già caotico determina uno o più aspetti particolari dell’atto di uccidere come sua fonte di soddisfazione e stabilisce anche un modus operandi.

I serial killer organizzati spesso preparano i loro reati con attenzione, normalmente rapendo le vittime, eliminandole in un posto e sbarazzandosi di loro in un altro. Altri prendono di mira specificamente le donne di strada, che molto probabilmente andranno volentieri con un perfetto sconosciuto. Questi serial killer conservano un alto livello di controllo sulla scena del crimine e di solito hanno anche una forte esperienza che consente loro di eliminare le proprie tracce, come seppellire il corpo o buttarlo in un fiume. come se fosse tutto un grande progetto seguono attentamente i loro crimini nei media e spesso sono orgogliosi delle loro azioni.

Tra i serial killer, quelli di questo tipo, in caso di cattura, potrebbero essere descritti dai conoscenti come gentili ed è improbabile che facciano del male a qualcuno. Ted Bundy e John Wayne Gacy sono esempi di serial killer organizzati. In generale, i QI dei serial killer organizzati tendono ad essere normali, con una media di 98,7.

I serial killer disordinati sono normalmente molto più spontanei, di solito dedicano i loro omicidi con un’arma casuale disponibile in quel momento, e generalmente non tentano di nascondere il corpo. È probabile che siano disoccupati, solitari o entrambi, con pochissimi amici. Di solito finiscono per avere una storia di disturbo mentale e il loro modus operandi o la sua assenza è tipicamente caratterizzato da troppa violenza fisica e occasionalmente da necrofilia o violenza sessuale. È stato riscontrato che i serial killer caotici hanno un QI medio ridotto rispetto ai serial killer organizzati, a 89,4. I serial killer misti, con tratti organizzati e anche caotici, hanno un QI ordinario di 100.

Medici serial killer

Alcuni individui con un interesse patologico per il potere della vita e della morte hanno la tendenza ad essere attratti da carriere cliniche o ad ottenere un lavoro del genere. Questo tipo di criminali sono spesso descritti come “angeli della fatalità” o angeli della misericordia. Il dottore ucciderà il suo paziente per soldi, per un senso di piacere sadico, per la convinzione che stanno “alleviando” il dolore del cliente, o semplicemente “per il fatto che possono”.

serial-Killer

Probabilmente uno dei più prolifici di questi serial killer fu il medico britannico Harold Shipman. Un’altra serial killer è stata l’infermiera Jane Toppan, che ha confessato durante il suo processo per omicidio di essere sessualmente eccitata dalla morte. Avrebbe sicuramente fornito una miscela di medicinali alle persone che ha selezionato come suoi bersagli, le avrebbe accudite sul letto e le avrebbe tenute vicine al suo corpo mentre morivano.

Un altro serial killer medico professionista è Genene Jones. Si ritiene che abbia ucciso da 11 a 46 neonati e bambini mentre lavorava al Bexar County Medical Center Hospital di San Antonio, Texas, Stati Uniti. Un caso simile si è verificato in Gran Bretagna nel 1991, dove l’infermiera Beverley Allitt ha ucciso quattro bambini nell’ospedale in cui lavorava, ha tentato di ucciderne altri tre e ne ha feriti altri sei nel corso di due mesi. Un esempio del 21° secolo è l’infermiera canadese Elizabeth Wettlaufer che ha ucciso persone anziane nella casa di riposo in cui lavorava.

Inizia a guardare i film con una prova gratuita

film-dessai

Film sui serial killer da vedere

Tra i migliori film della storia del cinema ce ne sono alcuni che raccontano storie di serial killer che vale assolutamente la pena di vedere. Altri non sono dei capolavori ma, in un modo o nell’altro, sono diventati dei cult. Ad altri film meno conosciuti a cui vale sicuramente la pena di dare un’occhiata. Ecco una selezione di alcuni film sui serial killer da non perdere.

Halloween – la notte delle streghe

31 ottobre 1963, in una piccola città della provincia americana, Haddonfield, Il piccolo Michael Myers uccide a coltellate la sorella Judith. Viene ricoverato in un istituto psichiatrico ma 15 anni dopo, riesce a scappare ed a tornare nella sua città. Il dottor Sam Loomis, lo psichiatra che ha seguito Michael nel corso degli anni, lo conosce molto bene e sa quali potranno essere le sue mosse. Michael uccide un meccanico, indossa i suoi vestiti e torna nella sua fatiscente casa natale, ora abbandonata.

Film indipendente girato con un piccolissimo budget, ha incassato nel mondo oltre 80 milioni di dollari dell’epoca. E’ lo slasher movie di maggior successo e uno dei 5 film più redditizi della storia del cinema, diventato un cult con innumerevoli sequel e reboot.

Guarda Halloween – la notte delle streghe

Notte silenziosa, Notte di sangue

La vigilia di Natale del 1950, Wilfred Butler muore in un incidente in fiamme fuori dalla sua villa a East Willard, nel Massachusetts. La residenza è lasciata in eredità a suo nipote, Jeffrey. Vent’anni dopo, nel 1970, l’avvocato John Carter arriva a East Willard la vigilia di Natale con la sua assistente e amante Ingrid, essendo stato incaricato da Jeffrey di vendere la casa. Carter incontra i principali cittadini della città: il sindaco Adams; lo sceriffo Bill Mason; il muto Charlie Towman, proprietario del giornale locale; e Tess Howard, che gestisce il centralino telefonico della città. 

Tutti accettano di acquistare la villa di Butler per conto della città al prezzo d’occasione di $ 50.000, che Jeffrey deve pagare in contanti il ​​giorno successivo. Carter e Ingrid trascorrono la notte nella villa di Butler, ma vengono brutalmente assassinati a letto con un’ascia da un aggressore invisibile. Slasher americano del 1972 inedito in Italia, è un horror cult precursore del genere diversi anni prima di Halloween di Carpenter, con una sceneggiatura complessa e le riprese in soggettiva del killer, che hanno ispirato molti film successivi.

Guarda Notte silenziosa, Notte di sangue

M, il mostro di Dusseldorf

Capolavoro di Fritz Lang considerato uno dei capostipiti del filone noir che ebbe successo a Hollywood negli anni Quaranta, si ispira agli efferati crimini commessi in Germania negli anni venti da Fritz Haarmann e Peter Kürten.

La città è terrorizzata da un assassino di bambine, e la polizia non riesce a trovare nessuna traccia. Le organizzazioni malavitose hanno continui problemi con le retate della polizia e decidono di dare la caccia al mostro per conto proprio, riuscendo a scoprire un indizio: il “mostro”, nell’avvicinare le sue vittime fischietta un macabro motivo. Uno dei capolavori dell’arte cinematografica, un film da vedere assolutamente.

Guarda M, il mostro di Dusseldorf

The Hitcher

Nei film dell’orrore, c’è qualcosa di attraente per un destino inarrestabile e implacabile la cui funzione è solo quella di danneggiare la vita con entusiasmo nichilista, quasi mitologico. Parte del motivo per il quale l’Halloween originale è ancora così spaventoso risiede nella sua capacità agghiacciante e semplice per l’esistenza di Michael Myers come maschera della morte stessa: non smetterà finché non smetti di prendere fiato.

The Hitcher opera agli stessi identici livelli, con la semplicità della storia di una coppia molestata da un assassino maniaco autostoppista (Rutger Hauer), e aumenta l’enigma che circonda le ispirazioni dell’assassino. Il film del regista Robert Harmon trasmette un’atmosfera inquietante e squallida, completamente adatta al punto di vista filosofico dell’assassino.

Summer of Sam – Panico a New York

Summer of Sam non riguarda l’assassino di Son of Sam, che ha spaventato New York City per tutta l’estate del 1977 con la sua pistola calibro 44. In un certo senso, Summer of Sam funziona come Do The Right Thing, concentrandosi meno apertamente sulla razza e anche ancora di più su come la cultura emargina le persone. Quando Richie (Adrian Brody) torna nel suo quartiere italiano conservatore vestendosi come un orgoglioso componente di una band punk britannica, la pronta risposta dei suoi vecchi amici è che è un mostro, quindi deve essere responsabile degli omicidi che affliggono la città.

Spike Lee, trattando le avventure di Son of Sam come una sottotrama, Summer of Sam potrebbe sembrare un po’ lunga, in effetti, con troppi personaggi e sottotrame, e funziona davvero nell’aumentare lo shock degli omicidi del film: le scene delle uccisioni non hanno il brivido di un normale film di serial killer. Quando l’assassino si avvicina casualmente alle sue vittime e svuota la sua arma, la violenza fisica inizia e finisce inaspettatamente, consentendoci di riflettere sulla banalità del male, in confronto diretto con scene ancora più stranamente macabre, come quando il killer discute con un cane.

Il killer del trapano

L’artista Reno Miller ( Abel Ferrara) e la sua ragazza Carol entrano in una chiesa dove si avvicina un vagabondo che vuole parlare con l’artista, ma Reno e Carol, spaventati, fuggono via. Reno torna a casa e trova una grossa bolletta dell’elettricità, la bolletta del telefono, e non può permettersi di pagare l’affitto. Condivide l’appartamento con Carol e la sua amante tossicodipendente Pamela in un quartiere degradato di New York. Reno decide di andare dal gallerista Dalton e di chiedergli un anticipo per il suo prossimo quadro, ma Dalton gli risponde che prima vuole vedere il quadro e poi eventualmente acquistarlo.

Guarda il Killer del trapano

La signora ammazzatutti (Serial Mom)

Sempre preveggente e sofisticato, John Waters intuiva la fissazione per il crimine dell’America – sulla scia dei fratelli Menendez e dei processi Pamela Smart, prima ancora del rivoluzionario To Die For di Gus Van Sant, e degli omicidi di OJ Simpson, con la ironica serial killer mamma. Farsa in primo piano, Waters comprende appieno il potere di avere Kathleen Turner nel ruolo dell’assassina, una donna la cui classe, attrattiva e condizione domestica le consentono la simpatia immeritata e il perdono che i suoi spregevoli crimini richiedono per continuare, ma non evita mai di giustapporre la cordialità del comportamento di Beverly Sutphin (Turner) con la natura malata della sua psiche, producendo un film tanto sconvolgente quanto esilarante.

Grindhouse

Kurt Russell interpreta il serial killer Stuntman Mike in Death Proof, parte del film Grindhouse di Quentin Tarantino, ma le auto e i camion sono le vere celebrità. Proprio come in tutte le sue opere, Tarantino riempie le vite dei suoi personaggi con il suo caratteristico mix di discussioni mondane e culturali pop e folle violenza fisica. In una sequenza elettrizzante, la controfigura della vita reale Zoe Bell si aggrappa al cofano di un’automobile in corsa in quella che è una delle migliori scene di inseguimento nella storia del cinema. In definitiva, Death Proof non sarà mai considerato uno dei “grandi lavori” di Tarantino, eppure è una scarica di adrenalina vedere Stuntman Mike alla fine e tutto quello che gli accade.

Terrore alla 13ª ora

Opera prima di Francis Ford Coppola prodotta a basso costo da Roger Corman, che voleva un film sul modello di Psycho low budget con atmosfere gotiche ed efferati delitti. La famiglia Haloran si riunisce nel suo castello irlandese per commemorare la prematura scomparsa della piccola Kathleen, annegata sette anni prima. Incominciano a verificarsi avvenimenti misteriosi, come le apparizioni della bambina morta, e un killer armato d’ascia si aggira sul luogo.

Guarda Terrore alla 13ma ora

Deranged

Come la maggior parte delle storie sui serial killer, le afflizioni mentali di Ezra provengono dal fascino morboso per gli individui squilibrati che esistono in ogni angolo del pianeta. Essi mascherano le loro nevrosi per funzionare all’interno della società, e così Deranged si ispira alla storia di Ed Gein e al realismo scioccante di The Texas Chain Saw Massacre, uscito lo stesso anno, godendosi la rottura un tabù dopo l’altro.

Deranged diventa disgustoso, i suoi momenti finali rivelano che, come tanti film del suo genere, questo potrebbe accadere solo in un universo senza Dio, un universo in cui non c’è motivo o scopo per il male. In retrospettiva, si capiscono gli avvertimenti di Buzz, per quanto manipolatori possano essere stati: quello di Blossom è il volto di un ragazzo che potrebbe picchiare a morte uno spettatore innocente con una pala da neve senza battere ciglio.

Inizia a guardare i film con una prova gratuita

film-dessai

Maniac

Maniac è una rivisitazione piuttosto eccellente del film horror di exploitation del 1980 con lo stesso nome, uno sforzo per prendere un prodotto grindhouse e anche ripristinarlo in una chiave moderna, in parti uguali sorprendenti e stimolanti. Elijah Wood offre un’ottima performance nei panni dell’assassino, Frank Zito, anche se praticamente non vedi mai la faccia di Wood, dato che l’intero film è registrato dalla prospettiva del killer. Invece, il pubblico ascolta il rumore di fondo del suo caos mentale mentre borbotta con se stesso e segue le sue vittime.

Fai attenzione: la violenza di Maniac è difficile da tenere d’occhio anche per i veterani dell’horror esperti, e la continua ripresa in POV del punto di vista dell’assassino fa sentire immediatamente in colpa per l’identificazione che crea con l’assassino . Alcuni lo definiranno eccessivamente gratuito in termini di crudeltà, eppure il film è così ben realizzato che è difficile resistere alle critiche. Con una colonna sonora di synth a rotazione, in stile Carpenter, e canzoni classiche/d’opera, Maniac è un film gore d’autore, se mai ce n’è stato uno.

Cruising

Cruising di William Friedkin ha visto il regista immergersi ancora una volta nella sottocultura gay e, sebbene si sia trasferito dalla classe media, dalle case piene di alcol di The Boys in the Band (1970) a bar sotterranei macchiati di sudore. Punto di vista estraneo o meno, il legame tra il suo adattamento dell’opera teatrale di Mart Crowley e il noir di Gerald Walker è il disprezzo di sé. Cruising inquadra quell’ansia nella storia di un poliziotto, Steve Burns (Al Pacino), che va sotto copertura a New York per scoprire un serial killer che uccide uomini, il legame di Friedkin tra sesso e morte è amplificato in questo film. Una combinazione tra la minaccia di una virilità pericolosa e una meditazione sulla crisi dell’AIDS. Il primo disco sull’AIDS non è stato pubblicato sul New York Times fino al 3 luglio 1981.

Tenebre

Se scrivessi un libro horror e la sua pubblicazione influenzasse uno psicopatico quotidiano a compiere la propria follia omicida ultraviolenta, lo prenderesti come un complimento? Forse non è questa l’indagine che Dario Argento cerca nel suo noto film giallo del 1982 Tenebrae, ma la storia ricorda un vecchio detto in particolare sull’imitazione e l’adulazione: l’autore americano Peter Neal (Anthony Franciosa) si reca in Italia per pubblicizzare il suo nuovo libro e scopre anche che c’è un serial killer a piede libero, incoraggiato dal suo romanzo a commettere omicidi. Dev’essere davvero molto bello per Neal, non tanto per le vittime del killer.

Il film mette in scena fiumi di sangue per inzuppare la scena di rosso a causa delle indulgenze di Argento come regista. Non è che Argento condoni l’omicidio o qualcosa di così folle; è più che è disposto a confessare la sua fissazione senza speranza per la rappresentazione dell’omicidio sullo schermo.

Frenzy

Il penultimo, e anche l’ultimo grande film di Hitchcock è anche il suo più macabro. Quando negli anni ’70 la censura cinematografica allentò le sue rigide regole, a Hitchcock fu permesso di mostrare più violenza e persino un po’ di nudità. È ancora poco per gli standard odierni, eppure la storia di un serial killer londinese che violenta e soffoca le sue vittime femminili con una cravatta genera suspense nella maggior parte delle scene, pur preservando la trama tortuosa che ti aspetteresti.

Manhunter

Il fascino estetizzante di Manhunter un po’ eccessivo per i gusti del mercato di riferimento a metà degli anni ’80, più di 30 anni dopo rappresenta un film svincolato nel tempo, un opera cinematografica di un decennio lontano ma unica e ricca di significati, nonché straordinariamente raffinata che sembra nascondere ancora il sentimento della paura al suo interno. Il primo di numerosi adattamenti dei libri di Thomas Harris, Manhunter ha legato immagini oniriche a un dramma criminale, cercando di illustrare l’esperienza emotiva traumatica dell’essere un agente dell’FBI.

Per tutto il tempo, Michael Mann si focalizza sul serial killer, Francis Dollarhyde (Tom Noonan), il cosiddetto “Tooth Fairy”, che vive in ogni scena con la presunta garanzia di farla franca. Sostenuto dalla fotografia di Dante Spinotti che disegna le ombre come se stesse realizzando un thriller poliziesco, in Manhunter Mann ha scoperto un equilibrio tra il film poliziesco e la violenza astratta. Dollarhyde vuole solo essere desiderato, quindi elimina la possibilità di essere “visto” dalle sue vittime, cosa che poi, nella sua mente, lo trasforma in qualcosa di potente. Manhunter agisce in modo simile, diventando più forte man mano che lo guardi.

Profondo rosso

Profondo rosso è uno di quei film che non avrebbe potuto essere girato da nessun’altra persona – Mario Bava potrebbe aver tentato, ma il suo non avrebbe la colonna sonora dei collaboratori di Argento Goblin, né l’eccentrico lavoro di ripresa con cui ci chiediamo se stiamo guardando il POV del killer o meno. Argento ha un vero occhio per ciò che è letteralmente sconcertante da vedere: in qualche modo prende scene che sono “fondamentali” per creare la paura e le rende molto più spiacevoli di quanto si possa credere.

Sei donne per l’assassino (Blood e Black Lace)

Puoi accreditare film come Psycho o Peeping Tom per aver gettato le basi per la categoria slasher, e anche Black Christmas del 1974 per aver prima riunito tutti i componenti in quello che è senza dubbio un “film slasher”. Tuttavia il film di Mario Bava del 1964 è così vicino al genere da giustificare quasi il titolo di primo “vero” slasher. Blood and Black Lace è un film decisamente adorabile e superbo che è molto meglio vedere sul grande schermo, se possibile, per ammirare i colori primari utilizzati con grande impatto. La storia è un mix di omicidio ed exploitation, con un gruppo di donne seguite da uno strano aggressore il cui viso è coperto da una maschera antiproiettile. È un’immagine diventata immediatamente famosa che ha impresso la sua impronta in un intero stile italiano, codificando la figura dell’assassino, dai guanti neri alla maschera stessa. Numerosi hanno tentato di imitare il suo stile, pochissimi potrebbero eguagliare la decadenza e la sensazione stravagante che Bava crea in Blood and Black Lace.

Male Bites Dog

Man Bites Dog ha vinto il Premio Internazionale della Critica al Festival di Cannes del 1992, ed ha ricevuto un punteggio NC-17 al momento della sua uscita negli Stati Uniti, censurato in Svezia completamente. Si può comprendere il maltrattamento dei censori: Man Bites Dog rappresenta senza battere ciglio un omicida seriale nella sua banalità quotidiana, vittime che variano dai bambini agli anziani fino a una donna violentata in gruppo il cui cadavere viene successivamente fotografato con le sue viscere che si riversano su tutto il tavolo su cui è stata violata.

Girato come un mockumentary, Man Bites Dog esplora dimensioni angoscianti per rappresentare i dilemmi dell’omicidio nel modo più vile possibile, integrando l’esitazione della troupe cinematografica che registra tali paure. Il dolore avvincente condiviso dal regista del documentario (Rémy Belvaux) mentre si rende conto di cosa significhi davvero realizzare un documentario su un serial killer, diventando sempre più complice degli omicidi mentre il film si svolge, indica esplicitamente la nostra disponibilità come spettatori a tollerare gli orrori rappresentati.

Tuttavia, reagiamo in modo viscerale mentre il film scopre la vera attività criminale come merce della cultura popolare e anche della TV-verità. Il protagonista Benoit (Benoît Poelvoorde) è un derelitto sociale incredibilmente intelligente assediato dalla xenofobia e dalla misoginia, che fornisce innumerevoli nevrosi da scoprire dietro la sua psicopatia e follia omicida, che tratta come un’opera legittima, un lavoro da professionista. Il regista è particolarmente preoccupato per i modi in cui guardiamo un film come Man Bites Dog, preoccupato molto meno per l’uccisione ostentata e comica, suggerendo che la vera colpa è nel normalizzare la violenza fisica e l’odio.

Eyes Without a Face

Eyes Without a Face di Georges Franju, un film gelido, poetico e allo stesso tempo realizzato con amore, riguardante una donna e il suo scienziato pazzo/, un killer seriale che vuole semplicemente rapire le ragazze che condividono i suoi attributi facciali nella speranza di innestare la loro pelle sulla sua faccia sfigurata. Eyes Without a Face ha uno stile snervante, intimo e malvagio come tendono ad essere le storie dell’orrore polpose più durature. Se Franju riesce a far valere la maggior parte della storia per questo, contribuisce anche Scob, i cui occhi sono il miglior effetto speciale nell’arsenale del film. La sua è un’interpretazione che nasce proprio dallo spirito.

Henry: Ritratto di un serial killer

Ispirato alla vita del serial killer Henry Lee Lucas, insieme al suo partner Otis Toole. Henry è un film davvero spaventoso: ti senti sporco solo a guardarlo, dalle strade incrostate di sudiciume ai personaggi sgradevoli che predano le donne di quartiere delle strade. Alcune delle scene, come il “videoclip della residenza”, mentre Henry e Otis torturano un’intera famiglia, hanno conferito al film una famigerata reputazione, anche tra i seguaci dell’horror, come uno sguardo spietato nella natura inquietante della banalità del male.

I Saw the Devil

I Saw the Devil è un’opera d’arte brutale sudcoreana del regista Kim Ji-woon, che è stato anche alla base del più grande film horror della Corea del Sud, A Tale of Two Sisters. È un film assolutamente sbalorditivo, che racconto di un uomo in cerca di vendetta a tutti i costi dopo l’omicidio del suo partner da parte di uno psicopatico. Interessante come il “protagonista” del film si diverta a cercare lo psicopatico, incorporando un tracker nell’assassino che gli consente di apparire ripetutamente, tormentandolo nel subconscio e poi rilasciarlo di nuovo per ulteriori tormenti.

Memorie di un omicidio

Basato sul primo serial killer della Corea del Sud, questa è la versione di Bong Joon-Ho. La tensione nasce dallo scontro tra un investigatore di campagna e il suo equivalente metropolitano inviato per accelerare l’indagine, che ostacola costantemente per apprensioni irrazionali. Uno usa i pugni, l’altro i medici legali, ed entrambi funzionano anche come archetipi sociali le cui azioni si svolgono sullo sfondo della violenza delle forze armate della metà degli anni ’80. Anche Murder non è privo di risate, che sono sia penetranti che crudeli.

Arsenico e vecchi merletti

Adattamento di Old Lace Arsenic and Old Lace di Frank Capra di una commedia cupa di Broadway (alcuni membri del cast di Broadway hanno ripreso i loro ruoli nel film) vedono Cary Grant nei panni di Mortimer Brewster, uno scrittore di molti libri sulla stupidità del matrimonio, si sposa. Alla vigilia della luna di miele incontra le sue zie maniache e dolcemente assetate di sangue (Josephine Hull e anche Jean Adair), un fratello affascinante e delirante (John Alexander) che crede di essere Theodore Roosevelt, e uno altro fratello, Jonathan (Raymond Massey), che ha corpi da seppellire ed è accompagnato da un chirurgo plastico alcolizzato. Peter Lorre interpreta il chirurgo, che ha effettivamente cambiato la faccia di Jonathan per farlo assomigliare a Boris Karloff.

A oltre sette decenni dal suo lancio, questo film è ancora molto divertente. La resistenza di questo film è una testimonianza sia della notevole sceneggiatura che della magia di Frank Capra con una scuderia di attori comici di talento a sua disposizione.

The Honeymoon Killers

In un film che ha agito come una sorta di antecedente spirituale alla percettività di John Waters, Badlands di Terrence Malick e anche i film di sfruttamento degli anni ’70, Leonard Kastle fornisce risultati con The Honeymoon Killers. La sensazione di illuminazione di Kastle è uno dei punti di forza del film, per non parlare delle interpretazioni fantastiche di Shirley Stoler e di Tony Lo Bianco, che interpretano la vera coppia di Martha Beck e Ray Fernandez, la cui storia va oltre ogni atto di grottesco e orrore, i loro litigi durante uno dei momenti salienti di questo film indipendente shock a basso budget.

Il gabinetto del dottor Caligari

Il lavoro perfetto dell’espressionismo tedesco, Il gabinetto del dottor Caligari è stato definito da Roger Ebert come il “primo vero film horror”, anche se è naturalmente improbabile che una visione contemporanea generi paura. Lo stile di avanguardia e straordinariamente creativo del film hanno effettivamente avuto un impatto duraturo su ogni paesaggio onirico rappresentato nei quasi 100 anni successivi. Non puoi semplicemente capire le origini del cinema senza vedere il film.

Guarda Il gabinetto del dottor Caligari

The Texas Chain Saw Massacre

Uno dei film horror più spietati mai usciti, The Texas Chain Saw Massacre, basato sul famigerato serial del Wisconsin Ed Gein, presenta il minaccioso Leatherface, il leggendario killer armato di motosega che indossa una maschera fatta di pelle umana, il cui sadismo è messo in ombra solo dall’introduzione della sua famiglia cannibale con la quale vive in una casa fatiscente nel mezzo di una landa selvaggia del Texas. I fratelli sono dei cannibali mentre il nonno beve sangue e modella anche arredi con le ossa delle vittime. Tuttavia, The Texas Chain Saw Massacre potrebbe è anche uno film sull’ansia sotterranea di una popolazione rurale americana post-Vietnam.

Peeping Tom

Da un certo punto di vista, Peeping Tom di Michael Powell è un film meticoloso, umano e riflessivo riguardante gli impulsi emotivi che guidano la procedura di realizzazione di un film. Si tratta di un film slasher riguardante un serial killer-documentarista che uccide le persone con il treppiede della sua macchina fotografica. (Il treppiede ha una lama su di esso.) In primo luogo, Peeping Tom per un certo periodo è stato considerato piuttosto discutibile.

I film sulle donne a rischio hanno un mezzo per colpire i nervi del loro pubblico e Peeping Tom porta questo metodo all’estremo, offrendo alla sua lista di future vittime poco spazio per prendere fiato mentre Mark Lewis (Carl Boehm) si avvicina loro, catturando la loro paura crescente di secondo in secondo mentre comprendono la loro morte imminente. È un film difficile da sopportare, come lo sarebbe qualsiasi film su uno psicopatico con l’abitudine di uccidere le donne, tuttavia è anche dettagliato, informativo, perfettamente realizzato e anche meravigliosamente considerato.

Badlands

Perché 2 persone relativamente normali hanno intrapreso una follia omicida attraverso il paese. Cosa rende Badlands diverso da tutti i vari altri film sui serial killer in fuga? Queste 2 grandi preoccupazioni guidano il regista alle prime armi Terrence Malick in Badlands. Inizia con la narrazione di Spacek nei panni di Holly; l’intera sua storia passata ha origine da questo primissimo colloquio, attraverso il quale ci viene detto che sua madre è morta di polmonite.

Quindi il film ci fornisce un mosaico di immagini di questo villaggio del Texas prima di presentarci Kit (Martin Sheen), che viene mostrato mentre lavora come spazzino. La storia di base di Badlands è stata tratta dalla follia omicida di Charles Starkweather con la sua fidanzata nel 1958, ma Malick utilizza quella storia solo come una struttura flessibile per le sue enormi domande sulla natura dei malvagi e sulla nostra ossessione di vedere film come questo.

“Il nostro senso del passato è già costantemente influenzato dalla nostra attuale comprensione del mondo (vediamo il passato attraverso il presente); così come la nostra attuale comprensione del mondo è essa stessa costantemente già influenzata e calcolata dal passato (vediamo il presente attraverso il passato).” La comprensione della “teoria della ricezione” da parte del teorico Leland Poague fornisce una struttura adeguata per il primo film di Terrence Malick del 1973.

La morte corre sul fiume

Film noir o horror: a quale classificazione appartiene la morte corre sul fiume di Charles Laughton? Il film si adatta perfettamente a entrambe le denominazioni, per un punto: è una variazione ibrida di entrambe. Il reverendo Harry Powell è il cattivo, un uomo così veloce nel distorcere la realtà con bugie ricoperte di miele come Laughton è bravo nel deformare la verità con una prospettiva obliqua, un uso spaventoso dell’oscurità e anche della luce e una gamma di immagini che trasformano La città del West Virginia in un luogo ultraterreno.

Psycho

60 anni dopo che Alfred Hitchcock pubblicò Psycho l’impatto del film continua clamoroso in tutto il mondo. L’effetto di Psycho è l’effetto diretto della competenza di Hitchcock come regista e come scrittore. È un film eccellente, tanto efficace oggi quanto autorevole: non hai mai incontrato uno slasher come Norman Bates (Anthony Perkins), e indipendentemente dal numero di volte che i film ci provano per riprodurre la sua personalità sullo schermo, non lo capiranno mai abbastanza bene. È, come Psycho stesso, unico.

Centinaia di film e documentari selezionati senza limiti

Nuovi film ogni settimana. Guarda su qualsiasi dispositivo, senza nessuna pubblicità. Annulla in qualsiasi momento.
error: Content is protected !!

Scopri di più su Indiecinema

Scegli il film da guardare

Scegli il film da guardare in streaming tra centinaia di titoli disponibili ora su Indiecinema.