fbpx

Film giallo: storia e film gialli da vedere

Indiecinema Film Festival 2022

Dal 5 al 26 dicembre guarda i film del festival in streaming: una numerosa selezione dei migliori film indipendenti inediti da tutto il mondo.

Indice dei contenuti

Nel cinema italiano il film giallo è stato un filone importante che ha prodotto alcuni dei film da vedere assolutamente. Il film Giallo è un mix di generi precedentemente esistenti: ci possono essere elementi di film mistery, film thriller, horror e slasher, storie di crimine, thriller psicologico e a volte elementi soprannaturali.

Il film giallo mescola la finzione thriller con componenti di genere horror e l’erotismo, e in genere include un assassino la cui identità non viene svelata fino all’ultimo atto del film. La categoria istituita tra la metà e la fine degli anni ’60, ha raggiunto il picco  negli anni ’70 e poi è diminuita nel cinema mainstream industriale nel corso degli anni successivi, sebbene continuino a essere prodotti anche oggi, soprattutto a livello di film indipendenti. Il giallo è stato un predecessore e ha avuto un notevole impatto sulla successiva categoria di film slasher americani.

Il termine giallo deriva da una serie di libri pulp poliziesco-misteriosi intitolati Il giallo Mondadori, pubblicati da Mondadori in Italia dal 1929 e che prendono il nome dal caratteristico sfondo giallo della copertina. La collana consisteva in traduzioni italiane di libri di autori americani e britannici: Agatha Christie, Ellery Queen, Edgar Wallace, Ed McBain, Rex Stout, Edgar Allan Poe e Raymond Chandler.

Usciti come tascabili economici, il successo dei libri gialli iniziò rapidamente ad attirare l’attenzione di altre case editrici italiane. Esse hanno rilasciato le proprie collezioni e simulato le copertine gialle. Il fascino di queste serie alla fine ha sviluppato la parola giallo come sinonimo in italiano di un libro di mistero con assassino. Nell’uso colloquiale e mediatico in Italia, si applica anche a una faccenda irrisolta o strana.

Il genere dei film Gialli

film-giallo

Nel contesto cinematografico, per il pubblico italiano il giallo descrive qualsiasi tipo di omicidio misterioso o thriller horror. Il pubblico di lingua inglese ha effettivamente utilizzato il termine giallo per riferirsi in particolare a una categoria di film thriller-horror di produzione italiana presentati al pubblico italiano come giallo all’italiana. 

Nel mondo anglofono, i film gialli italiani sono spesso descritti come Spaghetti Thriller o Spaghetti Slashers, in un modo simile in cui i film western italiani e i film poliziotteschi sono stati descritti come Spaghetti Western e Spaghetti Crime. Il sottogenere Giallo del cinema italiano è iniziato come veri e propri adattamenti dei libri mistery gialli. I registi hanno rapidamente iniziato a sfruttare al meglio le strategie cinematografiche moderne per produrre una categoria speciale che mantenesse il mistero e la finzione dei libri gialli, tuttavia, sono andati anche nel territorio dei thriller psicologici o degli horror psicologici. Alcuni degli attributi comuni di questi film sono stati integrati nella successiva categoria degli slasher americani.

I film gialli spesso presentano un uomo sconosciuto assistere a un omicidio che finisce per essere il bersaglio dell’assassino quando cerca di sapere di più sul crimine. Altre volte il Giallo include una protagonista femminile che è coinvolta in una storia più psicologica e sessuale, di solito concentrata sulla sua sessualità, mente e stato d’animo. I Gialli includono spesso reati penali e indagini investigative ma non devono essere confusi con l’altra popolare categoria di crimine italiani degli anni ’70, i poliziotteschi, che consiste in film più orientati all’azione su agenti delle forze dell’ordine che combattono la malavita organizzata. 

Attori e registi si spostavano spesso tra le due categorie e c’è una certa sovrapposizione tra di loro. Mentre molti poliziotteschi hanno raccontato gli scontri della mafia e della polizia, alcuni primi esempi della categoria si sono concentrati sulle indagini per omicidio, e in particolare sui casi in cui una donna è uccisa in situazioni sessuali. Questi film erano più psicologici che guidati dall’azione e hanno ottenuto stili e temi diversi dai gialli, come ad esempio in Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto (1970). Alcuni film potrebbero anche essere pensati sotto le insegne di entrambe le categorie, come Naked Violence (1969) di Fernando Di Leo e La polizia chiede aiuto di Massimo Dallamano del 1974 (What Have They Done to Your Daughters?).

Caratteristiche del film giallo

film-giallo

I film gialli sono solitamente macabri thriller di omicidi e misteri che integrano le componenti del thriller della narrativa investigativa con scene di orrore. La trama gialla stereotipata include un misterioso assassino in guanti neri che uccide una serie di donne. Mentre molti gialli includono un assassino umano, alcuni includono anche un aspetto da film sul soprannaturale.

Il personaggio principale giallo è in genere un visitatore, un viaggiatore, un naufrago o un investigatore privato caduto in disgrazia, e spesso una ragazza che è sola in una situazione strana o in ambiente estraneo. Il segreto è l’identità dell’assassino, che viene spesso smascherato nel climax. Egli nasconde la propria identità con un camuffamento: cappello, maschera, occhiali da sole, guanti, impermeabile. Quindi, l’aspetto del giallo letterario dei libri gialli viene mantenuto, mentre vengono infiltrati aspetti dei film horror e la messa in scena del sangue e della violenza. 

Alcuni film, ad esempio Hatchet for the Honeymoon di Mario Bava del 1970, che include l’assassino come protagonista, cambiano in modo significativo la struttura convenzionale o la abbandonano del tutto conservando solo le tematiche o lo stile. Una componente costante della categoria è una non comune assenza di concentrazione sulla narrazione logica o coerente. Sebbene molti abbiano una piccola struttura segreta, ci sono spesso aspetti della trama apparentemente senza senso o bizzarri e una fondamentale disinteresse per il realismo nella recitazione, nel dialogo e nei personaggi. 

Le immagini del film giallo

film-giallo

I Gialli sono spesso legati a una forte cinematografia tecnica e immagini eleganti, colori vivaci e angoli insoliti della telecamera, panoramiche eccessive e carrellate sgargianti, inquadratura e struttura caotiche, primi piani di occhi tremanti e oggetti insoliti. Oltre alle famose immagini di ombrosi assassini in guanti neri i gialli utilizzano spesso usi del colore molto eleganti e persino surreali. I registi Dario Argento e Mario Bava sono particolarmente noti per le loro immagini impressionistiche e l’uso di colori forti, sebbene altri registi gialli come Lucio Fulci hanno utilizzato stili più sobri e realistici. 

Oltre all’usanza del giallo letterario, i primi gialli furono influenzati dai film tedeschi “krimi” dei primi anni ’60. Prodotti dallo studio danese/tedesco Rialto Film, questi film in bianco e nero basati sulle storie di Edgar Wallace includevano trame segrete con un killer mascherato, tuttavia avevano poco della stilizzazione estrema e del sangue dei film gialli italiani. Anche il regista svedese Arne Mattsson è stato indicato come un possibile ispiratore del giallo, in particolare il suo film del 1958 Mannequin in Red. Il film condivide somiglianze narrative e stilistiche con i successivi film gialli, in particolare il suo uso del colore e la sua trama di omicidi multipli. 

Il periodo dei film gialli

film-giallo

Si pensa che il primo vero film giallo in assoluto sia The Girl Who Knew Too Much (1963) di Mario Bava. Girato in bianco e nero e privo della violenza e della sessualità che avrebbe definito i film gialli in seguito, al film è stato attribuito il merito di aver stabilito la struttura essenziale del genere: in esso, una giovane turista americana a Roma assiste a un omicidio, trova la sua testimonianza respinta da le autorità e deve tentare di scoprire lei stessa l’identità dell’assassino. Bava ha utilizzato l’usanza dei film tedeschi krimi insieme al design hitchcockiano a cui si fa riferimento nel titolo e la struttura del film ha funzionato come modello di progettazione standard per gran parte dei gialli che sarebbero seguiti.

Bava, dopo La ragazza che sapeva troppo, girò l’anno successivo l’influente ed elegante Blood and Black Lace (1964). Il film presentava una varietà di aspetti che sono finiti per essere emblematici della categoria: uno stalker mascherato con un’arma nella mano guantata di nero che uccide una serie di donne attraenti. Il film non fu un successo finanziario all’epoca, i tropi che introdusse come il killer con i guanti neri, la sessualità provocatoria e l’uso audace del colore, sarebbero diventati iconici del genere.

Numerosi film polizieschi/thriller a tema simile seguirono nei due anni successivi, costituiti da i primi film dei registi Antonio Margheriti, Umberto Lenzi e Lucio Fulci, che sarebbero poi diventati registi significativi nella categoria giallo in crescita. Il primo lungometraggio di Dario Argento , nel 1970, ha trasformato il giallo in un grande fenomeno culturale. Quel film, L’uccello dalle piume di cristallo, fu notevolmente influenzato da Blood and Black Lace, e ha presentato un linguaggio di elegante violenza e thriller che ha contribuito a ridefinire il genere di film. Il film è stato un successo ed è stato ampiamente imitato. Il suo successo ha provocato una lunga serie di film italiani simili, con trame di omicidi, violenti e sessualmente intriganti. Argento ne ha realizzati altri 3 nei seguenti 5 anni.

La categoria giallo ha avuto il suo primo successo dal 1968 al 1978. Il periodo più celebre, tuttavia, è stato l’intervallo di cinque anni tra il 1971 e il 1975, durante il quale sono stati prodotti 96 diversi gialli. Registi come Bava, Argento, Fulci, Lenzi e Margheriti hanno continuato a produrre gialli per tutti gli anni ’70 e oltre, e sono stati rapidamente ingaggiati altri importanti registi tra cui Sergio Martino, Paolo Cavara, Armando Crispino, Ruggero Deodato e il figlio di Bava Lamberto Bava. La categoria ha anche contagiato la Spagna all’inizio degli anni ’70, portando a film come La residencia (The House That Screamed) (1969) e Los Ojos Azules de la Muñeca Rota (Blue Eyes Of The Broken Doll) (1973). 

Influenza dei film gialli

I Gialli hanno continuato a essere prodotti negli anni ’70 e ’80, ma lentamente il loro fascino è diminuito e i piani di budget dei film hanno iniziato a diminuire. Il regista Pupi Avati ha parodiato la categoria nel 1977 con uno slapstick giallo intitolato Tutti defunti … tranne i morti. Il film giallo è sceso drasticamente negli anni ’90 e ha visto pochi titoli negli anni 2000. Il giallo italiamo ha effettivamente avuto un impatto duraturo sulla produzione di film horror e mistery di omicidio creando la base dei film slasher e splatter americani che finirono per essere popolari nel primi anni ’80. Perfino Alfred Hitchcock con Frenzy (1972) e Dressed to Kill (1980) di Brian De Palma sono chiaramente ispirati alla categoria. 

I film giallo italiani da vedere assolutamente

La ragazza che sapeva troppo (1963)

Diretto dal regista italiano Mario Bava, il film è interpretato da John Saxon nei panni del dottor Marcello Bassi e Letícia Román nei panni di Nora Davis. La trama è incentrata su una ragazza di nome Nora, che fa un viaggio a Roma e assiste a un omicidio. Seguono numerosi altri omicidi, collegati a una serie di vittime selezionate in ordine alfabetico. La ragazza che sapeva troppo è considerato il primo film giallo in assoluto, una categoria di film con un mix di sensualità, horror e thriller. 

In vacanza, Nora Davis (Letícia Román) arriva in aereo a Roma per visitare la sua zia anziana malata. La zia di Nora è curata dal dottor Marcello Bassi (John Saxon). La zia di Nora muore la sera dell’arrivo di Nora e lei si reca alla vicina struttura sanitaria per informare il dottor Bassi. Durante il viaggio, viene derubata in Piazza di Spagna. Vede il corpo di una donna morta che giace a terra vicino a lei; un maschio barbuto estrae un coltello dalla schiena della donna. Nora lo denuncia alle autorità che però non scoprono alcuna prova e credono che abbia le allucinazioni.

Blood and Black Lace (1964)

Blood and Black Lace è un film giallo del 1964 diretto da Mario Bava e interpretato da Eva Bartok e Cameron Mitchell. La storia racconta gli spietati omicidi di un killer mascherato nel disperato tentativo di acquisire un diario rivelatore di scandali. Isabella, una modella di Christian Haute Couture, una casa di moda romana, sta passeggiando per i locali della proprietà la sera quando viene eliminata da un killer con una maschera bianca, un cappello nero e un impermeabile. L’ispettore di polizia Silvestri interroga Massimo Morlacchi, che co-gestisce il parrucchiere con la contessa Cristiana Cuomo, rimasta vedova da poco. Silvestri scopre che la ragazza era una tossicodipendente e che aveva cercato di combattere la sua dipendenza.

Nude … si muore (1968) 

Un film giallo di Antonio Margheriti. Una signora viene annegata in una vasca da bagno e successivamente messa in un bagagliaio su un pick-up diretto al St. Hilda College. Tra gli istruttori c’è la signora Clay, un’istruttrice di scienze. Inoltre, c’è un giovane istruttore, Richard Barrett, un istruttore subacqueo. Ci sono solo 7 donne nell’istituto, mentre le altre sono in viaggio. Arrivato sul posto, al bagagliaio viene messo nel seminterrato.

Betty Ann entra nel seminterrato e viene strangolata e portata via. Inizia la ricerca della signora scomparsa. Tutte le donne sono informate di non lasciare il luogo, tuttavia una, Lucille, ha un consulto con il suo istruttore Richard, con il quale ha una relazione. Lucille decide di uscire e si reca in una casetta su una collina, dove scopre il corpo di Betty Ann e scappa. Incontra Richard e lo informa di ciò che è accaduto ma il corpo di Betty Ann è sparito quando tornano.

Orgasmo (1969)

Orgasmo è un film giallo del 1969 diretto da Umberto Lenzi e interpretato da Carroll Baker, Lou Castel e Colette Descombes. L’americana Catherine West arriva in Italia da New York attesa da molti giornalisti in seguito alla morte per incidente automobilistico di suo marito Robert, un barone del petrolio del Texas che le ha lasciato la sua proprietà di $ 200 milioni. Si ritira in una casa per le vacanze italiana affittata dal suo austero avvocato, Brian Sanders. Catherine incontra Peter Donovan, un giovane americano di Boston la cui auto si è rotta nelle vicinanze. Catherine, che all’inizio è gelida nei confronti delle sue avances romantiche. Peter riesce rapidamente a sedurla e i due iniziano una relazione appassionata.

Così dolce… così perversa (1969)

Così dolce… così perversa) è un film giallo diretto da Umberto Lenzi e scritto da Ernesto Gastaldi, con Carroll Baker e Jean-Louis Trintignant. Ambientato a Parigi, racconta la storia di una moglie che complotta per eliminare un marito ricco, ma è lei stessa vittima dei suoi complici.

Jean, un ricco industriale di Parigi, ha sposato Danielle, ma ora lei lo rifiuta. Per vendetta, si lascia sedurre dalla moglie di un ospite durante una festa. Una donna attraente si trasferisce nell’appartamento sopra di loro e in alcuni casi sentono qualcuno rimproverarla e picchiarla. Jean cerca di proteggerla, ed entrano in intimità. Lei è Nicole e il suo ex violento è Klaus. Lo avverte che Klaus cercherà di ucciderlo, cosa che accade presto. Il suo corpo carbonizzato viene trovato in un veicolo bruciato. Nicole, che in effetti è complice di Danielle, rivela che Jean le aveva fornito la sua parte di ricompensa. Danielle inizia a essere perseguitata e mentre è al telefono con Nicole, Klaus entra in casa e le spara. In mancanza di indizi l’ispettore della polizia accetta con esitazione l’ipotesi del suicidio. 

Una sull’altra (1969)

Uno sopra l’altro (Una sull’altra), è un film giallo italiano del 1969 diretto da Lucio Fulci e interpretato da Jean Sorel, Marisa Mell, Elsa Martinelli, Alberto de Mendoza e John Ireland. Il primo vero giallo diretto da Fulci, la sua trama riguarda George Dummurrier (Sorel), un medico sanfrancescano disonesto che pensa di causare la morte di sua moglie asmatica Susan (Mell) per una polizza assicurativa. Il film è stato indicato come ispiratore di famosi film di Hollywood successivi come Basic Instinct e Body of Evidence.

George Dumurrier è un ricco medico che gestisce un centro con il fratello più giovane Henry, tuttavia lascia la cura della moglie Susan, malata di asma, a sua sorella Marta e a un’infermiera. Ha avuto una relazione con Jane, l’assistente personale di Larry, un fotografo professionista. Molto innamorata di George, Jane è dubbiosa sul futuro della loro relazione. George e Jane fanno una gita fuori porta per una vacanza romantica a Reno. Dopo essere arrivato al casinò, George riceve una telefonata da Henry, che gli dice che Susan è morta durante un violento attacco d’asma. Tornando a casa nella sua lussuosa casa di San Francisco, George viene consolato da Henry. Una polizza assicurativa da $ 1 milione lasciata da Susan è un bonus tempestivo per l’impresa commerciale di George. Un rappresentante della copertura assicurativa inizia a seguire George, scopre la sua relazione con Jane e porta i suoi sospetti all’investigatore della polizia, l’ispettore Wald.

L’uccello dalle piume di cristallo (1970)

E’ un film giallo del 1970 diretto da Dario Argento, nel suo esordio alla regia. Il film è il capostipite della categoria giallo italiano. Alla sua uscita il film è stato un notevole successo guadagnando 1.650.000.000 di lire italiane. E’ stato un successo anche fuori dall’Italia. Sam Dalmas è un autore americano in vacanza a Roma con la sua fidanzata inglese, Julia, sta vivendo il blocco dello scrittore ed è sul punto di tornare in America, tuttavia assiste all’aggressione di una signora in una galleria d’arte da parte di uno strano individuo in guanti neri che indossa un impermeabile. Cercando di raggiungerlo, Sam è intrappolato tra 2 porte a vetri azionate meccanicamente e può semplicemente guardare la fuga dell’uomo. La signora, Monica Ranieri, ha subito l’aggressione e la polizia sequestra il passaporto di Sam per impedirgli di lasciare la nazione. Si pensa che l’aggressore sia un serial killer che sta uccidendo le ragazze in tutta la città e Sam è un testimone cruciale.

Cosa avete fatto a Solange? (1972)

Cosa hai fatto a Solange? è un film giallo del 1972 diretto da Massimo Dallamano e interpretato da Fabio Testi, Karin Baal, Joachim Fuchsberger, Cristina Galbó e Camille Keaton. La trama segue una serie di violenti omicidi che avvengono in una scuola femminile cattolica a Londra.

Mentre è su una barca con il suo insegnante Enrico Rosseni, Elizabeth Seccles vede un ragazzo che accoltella una donna nei boschi sulla costa vicina. Rosseni convince Elizabeth a tacere su ciò che ha visto. Un’altra ragazza, studentessa presso lo stesso college, viene eliminata in seguito dallo stesso assassino. Poco dopo, Elizabeth viene uccisa nel suo bagno. Le autorità pensano che sia stato Rosseni, che confessa la sua relazione con la sessualmente repressa Herta nella speranza di ottenere il suo aiuto. Ma Rosseni viene scagionato: le vittime avevano tutte visto un prete ed erano amiche di una ragazza di nome Solange, che aveva iniziato a frequentare la scuola il semestre precedente ma in realtà era inspiegabilmente scomparsa.

Giallo (2009)

Giallo è un film giallo horror del 2009 scritto e diretto da Dario Argento e interpretato da Adrien Brody, Emmanuelle Seigner ed Elsa Pataky.

Torino, Italia: l’assistente di volo francese Linda e l’investigatore italo-americano Enzo Avolfi collaborano per indagare sulla sorella più giovane di Linda, Celine. Celine è stato rapita da un serial killer conosciuto come “Giallo” che  rapisce belle donne straniere nel suo taxi senza licenza. Dopo averli drogate, l’assassino continua a mutilarle e infine ad ucciderle. Enzo riceve una telefonata da un collega, che scopre il corpo di una donna asiatica fuori da una chiesa. Scoprono che è ancora viva e inizia a parlare in giapponese. Enzo e Linda iniziano a cercare un traduttore, che dice loro che la signora ripete la parola “giallo”. Vanno all’obitorio, dove Linda riconosce che la faccia dell’assassino potrebbe essere gialla, e il medico legale informa Enzo che la pelle gialla è un segno di malattia del fegato.

Il rosso segno della follia (1970)

Hatchet for the Honeymoon (Il rosso segno della follia) è un film giallo del 1970 diretto da Mario Bava e interpretato da Stephen Forsyth, Dagmar Lassander, Laura Betti e Femi Benussi. La storia segue John Harrington, un pazzo armato di ascia che uccide giovani spose a causa di un trauma giovanile. La produzione del film è stata travagliata a causa delle tensioni tra il cast e la troupe, problemi di location e una notevole pausa nella riprese quando il budget è andato fuori. Non è stato lanciato fino a un anno dopo la sua conclusione ed è stato per lo più ignorato sia dal pubblico che dalla critica, rimanendo tra i tanti film strani di Bava anche dopo che il suo lavoro ha raggiunto l’appeal di culto.

John Harrington è un ragazzo di 30 anni di bell’aspetto che si sente obbligato ad uccidere le giovani spose per un trauma giovanile. John risiede in una spaziosa casa per le vacanze fuori Parigi, dove gestisce una fabbrica di abiti da sposa proveniente dalla madre scomparsa e sostenuta economicamente dalla moglie Mildred. Lui e Mildred non vanno d’accordo, tuttavia lei rifiuta di prendere in considerazione il divorzio. Ogni volta che sente che una donna tra le modelle che lavorano nella fabbrica di abiti deve sposarsi, la uccide a colpi di mannaia mentre sta provando il suo abito da sposa, brucia il corpo e utilizza le ceneri come fertilizzante. Ogni omicidio gli offre un’immagine un po’ più chiara della sua memoria traumatica. L’ispettore Russell viene spesso a interrogare John sulle 6 modelle che sono scomparse ma con l’assenza di prove non riesce ad arrestarlo.

Reazione a catena (1971)

A Bay of Blood (Reazione a catena) è un film giallo slasher italiano del 1971 diretto da Mario Bava. Bava ha scritto la sceneggiatura del film con Giuseppe Zaccariello, Filippo Ottoni e Sergio Canevari. Il film è interpretato da Claudine Auger, Luigi Pistilli, Brigitte Skay, Nicoletta Elmi e Laura Betti. Carlo Rambaldi ha prodotto i raccapriccianti effetti speciali. La storia mostra una serie di omicidi rituali che hanno luogo intorno ad una baia. E’ un film che ha influenzato i film slasher che sarebbe seguito anni dopo, ritenuto tra i 50 più grandi film giallo/horror di sempre.

Durante la notte nella sua tenuta sulla baia, la contessa Federica Donati in sedia a rotelle viene aggredita e strangolata a morte dal suo compagno, Filippo Donati. Pochi minuti dopo, lo stesso Filippo viene pugnalato a morte da un aggressore, e le sue spoglie vengono poi trascinate nella baia. Dopo un esame, i poliziotti scoprono quello che pensano essere un biglietto d’addio scritto dalla contessa, tuttavia l’omicidio di Filippo non viene scoperto. Il rappresentante immobiliare Frank Ventura e la sua fidanzata Laura complottano per impadronirsi della baia. Dopo che la contessa ha rifiutato di offrire loro la casa, la coppia ha escogitato un piano con Filippo per uccidere il marito. Per completare la loro strategia, Ventura richiede la firma di Filippo su una serie di fascicoli legali. Non hanno idea, tuttavia, che lo stesso Filippo sia stato effettivamente ucciso.

Un tranquillo posto di campagna (1968)

A Quiet Place in the Country (Un tranquillo posto di campagna) è un film thriller giallo del 1968 diretto da Elio Petri e interpretato da Franco Nero e Vanessa Redgrave. Basato sul racconto “The Beckoning Fair One” di Oliver Onions, la trama segue un artista che si trasferisce in una casa di vacanza rurale con sua moglie, dove inizia a vivere situazioni sempre più spaventose e soprannaturali.

Desideroso di lasciare il trambusto della città, l’artista visivo Leonardo Ferri si prepara a trasferirsi da Milano in una tenuta rurale nella campagna italiana con la sua fidanzata britannica, una gallerista di nome Flavia. Il suo consulente immobiliare gli offre una grande casa, ma Leonardo si scopre attratto da una grande e squallida proprietà in affitto nelle vicinanze. Leonardo un pomeriggio raggiunge la proprietà recintata e incontra Attilio, il suo custode, che lo informa che i proprietari potrebbero affittarla. Leonardo alla fine prende in affitto la casa e inizia subito a lavorare per restaurarla. 

La donna del lago (1965)

The Possessed (La donna del lago) è un film mystery italiano del 1965 scritto e diretto da Luigi Bazzoni e Franco Rossellini e interpretato da Peter Baldwin, Virna Lisi, Pia Lindstrom e Philippe Leroy. Si basa sul romanzo La donna del lago di Giovanni Comisso. Bernard (Peter Baldwin), un famoso scrittore, si presenta in una cittadina italiana vicino a un lago per un viaggio invernale. Esplora un vecchio albergo di proprietà di Enrico e di sua figlia Irma (Valentina Cortese), desiderando di nascosto di ritrovare la loro domestica Tilde: l’ultima volta che vi era stato si era preso una cotta per lei l’aveva persino perseguitata. È sbalordito nel sentire che Tilde (Virna Lisi) si è suicidata la precedente stagione invernale dopo aver scoperto di essere incinta. Ha ingerito un veleno e si è anche tagliata la gola.

Tenebrae (1982)

Tenebrae è un film giallo italiano del 1982 scritto e diretto da Dario Argento. Il film è interpretato da Anthony Franciosa nei panni dell’autore americano Peter Neal, che, mentre è a Roma a promuovere il suo più recente libro di omicidi e misteri, finisce per essere coinvolto nella ricerca di un serial killer che potrebbe essere stato motivato ad uccidere dal suo libro. Il film è stato definito come una storia di dualismo e aberrazione sessuale e ha forti componenti metafisiche. Tenebrae ha rappresentato il ritorno del regista al sottogenere giallo horror, che aveva aiutato a promuovere negli anni ’70. Argento è stato influenzato da una serie di eventi: un fan telefonava al regista per incolparlo per i risultati mentali distruttivi del suo lavoro precedente. La telefonata è culminata in minacce di morte nei confronti di Argento, che ha inserito l’esperienza nella scrittura di Tenebrae. Allo stesso modo, il regista ha voluto raccontare l’insensatezza degli omicidi che aveva effettivamente visto e di cui era venuto a conoscenza mentre era rimasto a Los Angeles nel 1980.

Peter Neal, un autore americano di libri violenti e horror, arriva in Italia per promuovere il suo ultimo lavoro, Tenebrae. È accompagnato dal suo rappresentante letterario, Bullmer e dalla sua assistente, Anne. Neal non è informato di essere stato seguito a Roma dalla sua ex fidanzata, Jane. Poco prima che Neal arrivasse a Roma, Elsa, una giovane ladra, è stata uccisa con un rasoio. L’assassino invia a Neal una lettera in cui lo informa che i suoi libri lo hanno influenzato a compiere omicidi. Neal viene contattato dal detective Germani e dal suo collega, l’ispettore Altieri.

Non si sevizia un paperino (1972)

Un film giallo italiano del 1972 diretto da Lucio Fulci, con Florinda Bolkan, Tomas Milian e Barbara Bouchet. La trama segue un investigatore che esamina una serie di omicidi di bambini in una città insulare dell’Italia meridionale. La colonna sonora del film è stata composta da Riz Ortolani con la voce di Ornella Vanoni. Lanciato nell’autunno del 1972 in Italia, Don’t Torture a Duckling è notevole nella filmografia di Fulci in quanto è tra i primissimi film in cui ha iniziato a utilizzare violenti impatti gore. L'”anatroccolo” nel titolo del film descrive una bambola di Paperino a cui è stata tagliata la testa da una donna pazza, che offre un’idea per gli omicidi.

Nella cittadina di Accendura, nel sud Italia, vivono 3 bambini, Bruno, Michele e Tonino. Giuseppe Barra, un sempliciotto che spia 2 concittadini che vanno con una prostituta, si arrabbia quando i 3 ragazzini che lo stanno vedendo iniziano a prenderlo in giro. Sulle colline che circondano il paese, La Magiara, una solitaria strega, compie rituali di magia nera, inizialmente riesumando i resti di un bambino e poi conficcando spilli tra le teste di 3 piccole bambole di argilla. Il rituale è collegato ai 3 ragazzi che ridicolizzano Giuseppe.

La casa con le finestre che ridono (1976)

La casa con le finestre che ridono è un film giallo italiano del 1976 scritto e diretto da Pupi Avati. Il film è stato girato a Lido degli Scacchi nella provincia di Ferrara. Stefano (Lino Capolicchio) arriva in un paese delle Valli di Comacchio dove è stato chiamato per restaurare un affresco raffigurante quello che sembra il martirio di San Sebastiano, che è stato in realtà dipinto su un muro in rovina della chiesa da uno strano artista morto da tempo chiamato Legnani. 

Mentre risiede momentaneamente nella casa che in realtà era stata precedentemente di proprietà dei 2 fratelli del pittore scomparso, Stefano inizia una relazione amorosa con Francesca (Francesca Marciano), e scopre che il pittore era stato in realtà un pazzo. In particolare, Stefano scopre che l’artista, aiutato dai suoi 2 fratelli egualmente pazzi, era stato un assassino. Alcuni abitanti del villaggio vengono uccisi, compresa la sua compagna, e Stefano crede che l’assassino stia tentando di impedirgli di trovare la verità dietro l’artista del dipinto.

La Corta notte delle bambole di vetro (1971)

Brief Night of Glass Dolls (La Corta notte delle bambole di vetro) è un film giallo italiano del 1971. È il lancio della regia di Aldo Lado e vede come protagonisti Ingrid Thulin, Jean Sorel e Barbara Bach. I resti del giornalista Gregory Moore (Jean Sorel) vengono scoperti in una piazza di Praga e consegnati all’obitorio. Moore è invece vivo, intrappolato nel suo cadavere e ricorda freneticamente come la scomparsa della sua splendida fidanzata (Barbara Bach) abbia portato a una spaventosa cospirazione. 

Egli comincia ad entrare nella sua mente. Indaga e trova un club dove avvengono riti occulti. Finisce per andare al club ed esplora il luogo in cui è scomparso il corpo senza vita della fidanzata Mira, che  giace in una stanza segreta coperta di fiori. Mentre Moore se ne va senza trovarla, il custode del club guarda il corpo di Mira e pensa quanto sia affascinante anche dopo la morte. Alla fine, tutta la verità rimbalza su Moore, e si arriva ad una fine sbalorditiva e inquietante.

Spasmo (1974)

Spasmo è un film giallo italiano del 1974 diretto da Umberto Lenzi e interpretato da Robert Hoffmann e Suzy Kendall. Christian e la sua fidanzata vanno in una spiaggia per fare sesso dove trovano una donna impiccata: in realtà si tratta di un manichino mutilato. Poi si imbattono nel corpo di una donna, questa volta a faccia in giù. Non è morta, si chiama Barbara e senza dire come sia arrivata svanisce rapidamente. Christian non riesce a togliersi Barbara dalla mente: la ritrova su una barca ormeggiata in un porto turistico. Lui e la sua fidanzata vanno a una festa a bordo della barca, dove incontrano Barbara e il suo amante, Alex.

Centinaia di film e documentari selezionati senza limiti

Nuovi film ogni settimana. Guarda su qualsiasi dispositivo, senza nessuna pubblicità. Annulla in qualsiasi momento.
error: Content is protected !!

Indiecinema Film Festival 2022

Indiecinema Film Festival 2022

Dal 5 al 26 Dicembre guarda in streaming la selezione dei film in concorso: cortometraggi, documentari e film indipendenti da tutto il mondo