fbpx

I film di exploitation da vedere

Guarda film indipendenti e cult selezionati

Vai oltre i film proposti dalle solite piattaforme commerciali. Guarda centinaia di film indipendenti e d'autore rari, cult e documentari introvabili selezionati da tutto il mondo.

Indice dei contenuti

Un film di exploitation è un genere di film che tenta di avere successo economico facendo uso di modelli attuali, generi di nicchia specifiche o contenuti osceni. I film di sfruttamento sono normalmente film di serie B di basso livello. Alcuni film di exploitation ottengono grande popolarità e diventano a volte film di culto. I film di exploitation possono includere sesso, violenza, abuso di droghe, nudità, sangue, rivolte, caos e stranezze varie. Tali film furono visti per la prima volta nel loro genere moderno nei primi anni ’20, ed ebbero il periodo d’ oro negli anni ’60 e ’70 con l’allentamento della censura e dei tabù cinematografici negli Stati Uniti e in Europa.

Nel 1933 il film Ecstasy con l’ attrice austriaca Hedy Lamarr attirò l’attenzione degli spettatori di film di exploitation per vederla nuda nel film. Hildegard Esper e Dwain Esper sono due registi e produttori cinematografici che hanno realizzato alcuni dei film più exploitation negli anni ’30. Alla censura non piaceva nessuno dei loro film. Negli anni ’30 i film di exploitation non avevano successo. I comitati di censura volevano mantenere l’immagine di una Hollywood “ordinata”, tuttavia i fornitori di film di exploitation andavano oltre il circuito delle sale cinematografiche. Dagli anni ’90, questa categoria ha attirato l’attenzione anche negli ambienti accademici, dove a volte viene chiamato paracinema.

Nei film di exploitation contenuti trasgressivi e arte a volte coesistono, come dimostra il fatto che i film d’essai che hanno smesso di funzionare per passare la censura delle sale cinematografiche ufficiali sono stati spesso proiettati negli stessi cinema grindhouse dei film di exploitation. I film di exploitation condividono il coraggio di noti registi europei trasgressivi come Derek Jarman, Luis Buñuel e Jean-Luc Godard nell’affrontare materiale “non etico”. Molti film riconosciuti come classici includono scene scioccanti, sesso e violenza solitamente legati ai film di exploitation come ad esempio A Clockwork Orange di Stanley Kubrick,ispirato al romanzo di Anthony Burgess, scrittore conosciuto per i suoi testi sulla gioventù e la controcultura.  Freaks di Tod Browning e Repulsion di Roman Polanski sono altri esempi di film d’essai che contengono contenuti di exploitation. 

VAI AI FILM DA GUARDARE

Come nasce il film di exploitation

film-exploitation

Il film d’avanguardia Un Chien Andalou di Luis Buñuel contiene aspetti del moderno film splatter. Se Carnival of Souls fosse stato realizzato in Europa, sarebbe stato considerato a un film d’arte, mentre se Eyes Without a Face fosse stato realizzato negli Stati Uniti, sarebbe stato classificato come un film dell’orrore a basso budget. Si pensa che il pubblico dei film d’essai e di exploitation abbia entrambi gusti che rifiutano le offerte tradizionali di Hollywood.

A causa del tempo necessario per produrre un film significativo, i film di exploitation hanno spesso sfruttato eventi e notizie popolari a breve termine che uno studio cinematografico grande non potrebbe sfruttare. Kid Bride (1938), ad esempio, affrontava il problema dei ragazzi più grandi che sposavano ragazze negli Ozarks. Altri problemi, come l’abuso di sostanze in film come Reefer Madness (1936), hanno attirato un pubblico che gli studi cinematografici importanti normalmente impedirebbero per mantenere i loro track record tradizionali. 

Con una guadagno sufficiente, tuttavia, importanti studi potrebbero finire per produrre film di exploitation, come ha fatto la Warner Bros. nel loro film anti-LSD e anti-controcultura del 1969 The Big Cube. Il film Sex Madness (1938) mostrava i rischi di malattie veneree derivanti dal sesso prematrimoniale. Madre e padre, un film del 1945 sulla gravidanza e il parto, fu promosso con messaggi spaventosi. Avrebbe dovuto dire di no! (1949) ha integrato i temi di abuso di sostanze e sesso promiscuo. Agli albori del cinema, quando i film di exploitation contavano su argomenti sorprendenti come questi, dovevano fornire una prospettiva etica molto conservatrice per prevenire la censura. 

Alcuni film di serie B a basso budget sfruttano spesso importanti lavori degli studi più grandi. Il loro rapido programma di produzione consente loro di sfruttare al massimo la promozione collegata a importanti film in studio. 

Film di exploitation, drive-in e grindhouse

film-exploitation

Grindhouse è un termine americano per una sala cinematografica che mostrava principalmente film di exploitation. Questi teatri erano popolari negli anni ’60, ’70 e all’inizio degli anni ’80 a New York City e in altri i centri metropolitani, generalmente in Nord America, hanno tuttavia iniziato una lunga diminuzione per tutta la metà degli anni 80 con l’introduzione dell’home video. 

Un’opzione dei grindhouse era prenotare film di exploitation a costi inferiori. Alcuni produttori dagli anni ’50 agli anni ’80 realizzavano film direttamente per il mercato drive-in e grindhouse. Molti di loro erano film d’azione violenti che alcuni chiamavano film “drive-in”.

VAI AI FILM DA GUARDARE

Marijuana (1936)

Marihuana è un film di exploitation del 1936 diretto da Dwain Esper, e scritto dalla moglie di Esper, Hildagarde Stadie. Burma è una donna a cui piace festeggiare. Un giorno incontra alcuni perfetti sconosciuti in un bar che accolgono lei e il suo gruppo a una festa. Alla festa tutti consumano alcolici e le donne fumano inconsapevolmente cannabis, il che le fa ridacchiare. Burma e il suo fidanzato fanno l’amore sulla spiaggia mentre i suoi amici fanno il bagno nudi. Lo spinge a sposarla quando Burma lo informa che è incinta dal loro incontro sulla spiaggia. La donna fa affidamento sugli sconosciuti della festa per sostenere la sua futura famiglia, ed essi danno al fidanzato il compito di scaricare droghe di contrabbando da una consegna segreta al porto. 

Reefer Madness (1936)

È un film di propaganda americano del 1936 sulla droga, incentrato sulle eventi che si verificano quando gli studenti delle scuole superiori vengono attratti dagli spacciatori per provare la cannabis: dopo averla provata, finiscono per essere dipendenti, portandoli infine a finire per essere associati a numerose attività criminali. Mentre tutto questo accade, soffrono di allucinazioni, cadono nella follia, si suicidano. Il film è stato diretto da Louis J. Gasnier e includeva un cast di attori sconosciuti.

Inizialmente finanziato da un gruppo ecclesiastico con il titolo Tell Your Children, il film doveva essere mostrato ai genitori come un racconto morale che cercava di insegnare loro i rischi dell’uso di marijuana. Subito dopo che il film è stato girato, è stato acquisito dal produttore Dwain Esper, che ha rimontato il film per la circolazione nel circuito dei film di exploitation, facendo uso di scene trasgressive per è citare il pubblico mentre evitava la censura con il pretesto dell’assistenza etica. Il film è stato “trovato” all’inizio degli anni ’70 e ha acquisito una nuova vita come satira involontaria tra i sostenitori della riforma della politica sulla marijuana. I critici lo hanno definito tra i peggiori film mai realizzati e ha acquisito un seguito di culto all’interno della cultura della marijuana.

VAI AI FILM DA GUARDARE

Child Bride (1938)

È un film drammatico americano del 1938 diretto da Harry Revier e prodotto da Raymond L. Friedgen. È stato promosso come didattico nel tentativo di accentuare l’assenza di leggi che vietano i rapporti coniugali tra ragazzi in numerosi stati.

Il film è ambientato in una remota città degli Ozarks. A causa di una scena di nuoto nuda dell’allora dodicenne Shirley Mills, all’epoca era davvero scandaloso. Il film ha aggirato la restrizione della censura della nudità sullo schermo dichiarando di essere educativo. Il film è stato vietato in numerose località, la sua natura discutibile gli ha fornito una fama morbosa e è circolato per molti anni nel circuito di exploitation.

Mon and Dad (1945)

È un lungometraggio del 1945 diretto da William Beaudine e prodotto principalmente dal regista e speaker di exploitation Kroger Babb. E’ considerato il film più efficace nella sua categoria di film sulla “salute sessuale”. Ha affrontato molte difficoltà legali ed è stato condannato dalla National Legion of Decency, poi si è trasformato incredibilmente in uno dei film di maggior incasso degli anni ’40. Il film è considerato un film di exploitation in quanto è stato rimontato con materiale shock creato per propagandare un valore educativo, ed in questo modo aggirò le leggi sulla censura degli Stati Uniti. Il marketing di Babb del suo film integrava programmi di medicina tradizionali, che all’epoca erano reclamizzati con spettacoli itineranti, film, teatro. Questi film educativi hanno formato un modello  per lavori successivi e sono stati imitati da cineasti moderni. 

She Shoulda Said No! (1949)

E’ un film di exploitation del 1949 che segue lo spirito dei film educativi come i film del 1936 Reefer Madness e Marihuana. Diretto da Sam Newfield (utilizzando lo pseudonimo di “Sherman Scott”) e interpretato da Lila Leeds, è stato inizialmente prodotto per trarre profitto dall’arresto di Leeds e Robert Mitchum con l’accusa di spaccio di cannabis. Il film è uscito con molti titoli; è stato difficile trovare un distributore fino a quando il distributore cinematografico Kroger Babb non ha ottenuto i diritti, ristampandolo come The Story of Lila Leeds and Her Exposé of the Marijuana Racket. Il suo relativo successo è arrivato subito dopo che i manifesti pubblicitari sono stati rifatti e una pubblicità ha informato che il film era realizzato in collaborazione con il Tesoro degli Stati Uniti.

VAI AI FILM DA GUARDARE

The Wild One (1953)

E’ un film di exploitation criminale americano del 1953 diretto da László Benedek e prodotto da Stanley Kramer. Il film è noto per il personaggio di Johnny Strabler, interpretato da Marlon Brando, il cui personaggio è diventata un’icona culturale degli anni ’50. The Wild One è considerato il primo film di teppisti in moto e il primo ad analizzare la violenza delle bande di motociclisti di teppisti americani. Il cast di supporto presenta Lee Marvin nei panni di Chino, violento leader della banda di motociclisti “The Beetles”.

La sceneggiatura del film era basata sul racconto di Frank Rooney “Cyclists ‘Raid”, pubblicato su Harper’s Magazine del gennaio 1951. La storia di Rooney è stata influenzata dalla sensazionalistica notizia un raduno motociclistico dell’American Motorcyclist Association avvenuto il fine settimana del 4 luglio del 1947 a Hollister, in California. Il sovraffollamento, gli arresti e la crescita del consumo di alcol furono oggetto di attenzione a livello nazionale, con un’immagine pubblicata sui giornali di un ragazzo ubriaco su una moto. 

Motorpsycho (1965)

E’ un film di exploitation del 1965 di Russ Meyer sui temi di sesso e violenza che si concentra su una banda di motociclisti maschile, a differenza della banda femminile di go-go dancers inclusa in Faster, Pussycat!. Motorpsycho è significativo per essere tra le prime rappresentazioni di un personaggio veterano del Vietnam sconvolto. La storia include un veterinario la cui moglie viene stuprata da una banda di motociclisti guidata da un feroce veterano del Vietnam. Dopo che la banda ha ucciso un vecchio, sua moglie collabora con il veterinario per trovare la banda.

Angeli dell’inferno sulle ruote (1967)

E’ un film di exploitation sui motociclisti americani del 1967 diretto da Richard Rush e interpretato da Adam Roarke, Jack Nicholson e Sabrina Scharf. Il film racconta la storia di un benzinaio con che scopre che la vita è più entusiasmante dopo che conosce un membro del circolo motociclistico degli Hells Angels.

Gli Angeli incontrano inizialmente “Poeta” (Jack Nicholson) dopo che uno di loro danneggia accidentalmente la sua moto e ne rompe il faro. Poeta, con molto più fegato che cervello, sfida l’Angelo che ha colpito la sua moto. Questo è un atto che tipicamente porterebbe ogni angelo presente a prendere parte a una vendetta di gruppo dell’aggressore. “Quando un non-angelo colpisce un angelo, tutti gli angeli contrattaccano.” Il leader degli Angeli, Buddy (Adam Roarke), informa Poeta che gli Angeli cambieranno il faro. Nel frattempo, è il benvenuto a cavalcare con loro mentre “lavorano”: vanno in un bar a picchiare i membri di un altro club che in precedenza avevano picchiato un angelo.

I selvaggi (1966)

E’ un film di exploitation del 1966 su un motociclista criminale americano prodotto e diretto da Roger Corman. Girato nel sud della California, The Wild Angels è stato il primo film ad associare la star Peter Fonda alla Harley-Davidson degli anni ’60 e alla controcultura delle motociclette. Ha ispirato il genere dei film sui motociclisti che è continuata nei primi anni ’70.

The Wild Angels vede Fonda nei panni del personaggio di fantasia Hells Angels San Pedro, presidente del club californiano “Heavenly Blues” (o “Blues”), Nancy Sinatra nei panni della sua innamorata, Bruce Dern nei panni del condannato teppista “il perdente”, e l’allora moglie nella vita reale di Dern, Diane Ladd, nei panni della moglie del perdente. Piccoli ruoli di supporto sono interpretati da Michael J. Pollard e Gayle Hunnicutt, membri degli Hells Angels di Venice, California. Allo stesso modo sono apparsi membri del club motociclistico Coffin Cheaters.

VAI AI FILM DA GUARDARE

The Born Losers (1967)

E’ un film di exploitation del 1967 sui motociclisti criminali americani. Il film presenta Tom Laughlin nei panni del veterano del Vietnam dei Berretti Verdi mezzo indiano Billy Jack. Dal 1954, Laughlin aveva tentato di produrre la sua sceneggiatura di Billy Jack sulla discriminazione nei confronti degli indiani d’America. Negli anni ’60 ha scelto di presentare il personaggio di Billy Jack in una sceneggiatura scritta rapidamente creata per sfruttare lo schema allora popolare nei film di gang di motociclisti. La storia era basata su un vero evento del 1964 in cui i membri degli Hells Angels furono arrestati per aver violentato 2 ragazze adolescenti a Monterey, in California. 

Angels from Hell (1968)

E’ un film di exploitation d’azione del 1968 diretto da Bruce Kessler e interpretato da Tom Stern e Arlene Martel. È stato il primissimo film prodotto dalla Fanfare Films di Joe Solomon, una società che Solomon aveva avviato con gli incassi di 3 precedenti film sui ciclisti. Il film è stato girato a Bakersfield, in California. La sceneggiatura del film è stata scritta da Jerome Wish e il film utilizza la musica di The Peanut Butter Conspiracy e The Lollipop Shoppe. Sonny Barger, presidente della sezione degli Hells Angels di Oakland, in California, è accreditato come esperto di storie.

Easy Rider (1969)

E’ un film indipendente di exploitation drammatico on the road sulla cultura della droga americano del 1969 scritto da Peter Fonda, Dennis Hopper e Terry Southern, prodotto da Fonda e diretto da Hopper. Fonda e Hopper interpretano 2 motociclisti che fanno un viaggio attraverso il sud-ovest e il sud degli Stati Uniti, portando i guadagni da una fornitura di droga. Il successo di Easy Rider ha contribuito a stimolare l’era del cinema di New Hollywood nei primi anni ’70.

Un film di controcultura fondamentale e generazionale che ha catturato l’attenzione in tutto il mondo, Easy Rider esplora il panorama sociale, i problemi e la tensione degli adolescenti negli Stati Uniti negli anni ’60, la crescita del movimento hippie, l’abuso di sostanze stupefacenti e stile di vita delle comuni hippie. Lanciato dalla Columbia Pictures il 14 luglio 1969, Easy Rider ha incassato 60 milioni di dollari in tutto il mondo con un piano di spesa per le riprese non superiore a 400.000 dollari. I critici hanno effettivamente applaudito gli attori, la regia, il montaggio, la colonna sonora e le immagini. Ha ottenuto 2 elezioni agli Oscar per la migliore sceneggiatura originale e il miglior attore non protagonista (Jack Nicholson).

Satan’s Sadists (1969)

E’ un film di exploitation criminale americano del 1969 diretto da Al Adamson e interpretato da Russ Tamblyn. La trama è incentrata su una banda criminale di motociclisti chiamata “Satans”, che si aggira per i deserti del sud-ovest americano. Il leader della banda si fa chiamare Anchor, e gli altri membri sono Firewater, Acid, Muscle, Willie, Romeo e Gina. La banda incontra 2 fidanzati che aggrediscono: picchiato l’uomo e stuprano la donna. Dopo li uccidono entrambi e lanciano la loro auto, con loro dentro, da un dirupo.

Perversi ad occhi chiusi (1969)

E’ un film di exploitation sui motociclisti teppisti americano del 1969 diretto da Bruce D. Clark. Con Michael Greene nei panni della madre, Jennifer Gan nei panni di Marlene e Richard Rust nei panni di Fingers, fornisce il punto di vista di un esperto sullo stile di vita dei ciclisti banditi. Naked Angels è stato l’ultimo film distribuito da Favorite Films. La storia racconta di una rissa fatale tra 2 bande di motociclisti in competizione. Gli Angels sono in cerca di vendetta contro la loro banda in competizione, i Las Vegas Hotdoggers, che hanno picchiato duramente il loro leader, Mother (Michael Greene). Marlene (Jennifer Gan), è diventata proprietà di Fingers (Richard Rust), il nuovo capo del clan. Quando la madre torna, riassume rapidamente la gestione della banda e i diritti sulla bionda Marlene.

VAI AI FILM DA GUARDARE

The Sidehackers (1969)

E’ un film d’azione di exploitation americano del 1969 sulle corse motociclistiche. Ogni bici ha un sidecar ma senza pareti laterali o sedile, in cui un viaggiatore vola e si inclina da una parte o dall’altra quando percorre le curve. I titoli di coda ringraziano la “Southern California Sidehack Association”; Il sidehacking è anche chiamato sidecarcross o “sidecar motocross racing”. Il film è incentrato su Rommel, un meccanico in un centro di assistenza per motociclette che lavora insieme al suo partner Luke e fa gare in stile sidehack. Lui e la sua fidanzata Rita cercano di sposarsi. Un giorno al lavoro, incontra JC, un artista irascibile e il suo team, quando porta la sua moto per lavori di riparazione. Vede una moto sidehack nel negozio e gli piace. Rommel si unisce a lui in un’evento di sidehack durante il fine settimana. 

The Losers (1970)

E’ un film di guerra di exploitation americano del 1970 diretto da Jack Starrett. La trama include una banda di motociclisti di tipo Hells Angels chiamata “The Devil’s Advocates” associata alla guerra del Vietnam. Vengono inviati nella giungla cambogiana su moto Yamaha per salvare un diplomatico americano / agente della CIA, Chet Davis. La banda di motociclisti è guidata da Link Thomas, un veterano del Vietnam e fratello di un maggiore dell’esercito che li ha assunti. La sua banda include Duke, anch’egli un veterano del Vietnam, Limpy, Speed ​​e un altro veterano del Vietnam, Dirty Denny. Sono agli ordini del capitano dell’esercito Jackson.

CC and Company (1970)

E’ un film di exploitation sui motociclisti americani del 1970 diretto da Seymour Robbie. Ha interpretato Joe Namath nei panni del ciclista CC Ryder, Ann-Margret nei panni della giornalista Ann e William Smith nei panni di Moon, il leader del club di ciclisti teppisti “Heads Company”. Il film include anche il cantante Wayne Cochran e il gruppo The CC Riders. CC Ryder si imbatte in una banda di ciclisti nel deserto, e poi salva Ann dai guai con la stessa banda. Successivamente si svolge una gara di motocross. I capi interferiscono con l’evento, tuttavia CC Ryder partecipa alla corsa per ottenere il favore di Ann. Questo lo mette in conflitto con Moon. E Ryder dovrebbe tornare indietro per salvarla quando Ryder se ne va e vince la gara con il suo premio in denaro, la banda rapisce Ann.

Pupe calde e mafia nera (1970)

E’ un film di exploitation thriller d’azione americano del 1970 scritto e diretto da Ossie Davis e interpretato da Godfrey Cambridge, Raymond St. Jacques e Redd Foxx. Il film, citato in seguito come uno dei primi esempi della categoria blaxploitation, è basato sull’omonimo libro di Chester Himes. La canzone di apertura, “Ain’t Now But It’s Gon na Be”, è stata composta da Ossie Davis e interpretata da Melba Moore. Il film era tra i tanti film neri apparsi negli anni ’70 e finì per essere un successo delle proiezioni notturne. Fu seguito 2 anni dopo dal sequel Come Back, Charleston Blue.

Sweet Sweetback’s Baadasssss Song (1971)

E’ un film di exploitation del sottogenere blaxploitation americano del 1971 scritto , coprodotto, montato, diretto e interpretato da Melvin Van Peebles. Anche suo figlio Mario Van Peebles appare in una piccola parte, interpretando il personaggio del titolo da ragazzino. Il film racconta la storia picaresca di un ragazzo di colore che scappa dai poliziotti bianchi.

Van Peebles ha iniziato a sviluppare il film dopo aver ottenuto un contratto di tre film per la Columbia Pictures. Nessuno studio avrebbe finanziato il film, quindi Van Peebles lo ha prodotto lui stesso, girando per 19 giorni, eseguendo tutte le sue acrobazie e apparendo in numerose scene di sesso, alcune apparentemente non simulate. Ha ottenuto un prestito di $ 50.000 da Bill Cosby per completare l’operazione. I montaggi frenetici e i jump-cut del film erano caratteristiche tipiche nel cinema americano dell’epoca. Il film è stato censurato in alcuni mercati e ha ottenuto recensioni contrastanti, ma ha lasciato un segno nel cinema americano.

L’arrangiamento musicale di Baadasssss Song di Sweet Sweetback è stato eseguito da Earth, Wind & Fire. Van Peebles non aveva soldi per il marketing, quindi ha lanciato l’album della colonna sonora prima dell’uscita del film per creare promozione. Il film è stato proiettato in sole 2 sale negli Stati Uniti. In seguito ha guadagnato $ 15,2 milioni al botteghino ed ha rivelato ad Hollywood che i film che ritraevano neri “militanti” potevano essere estremamente gratificanti, con conseguente sviluppo della categoria blaxploitation.

Shaft il detective (1971)

E’ un film di exploitation d’azione criminale americano del 1971 diretto da Gordon Parks e scritto da Ernest Tidyman e John DF Black. È un adattamento dell’omonimo libro di Tidyman ed è la prima puntata nella serie di film Shaft. La trama si concentra su un investigatore privato chiamato John Shaft con cui lavora un mafioso di Harlem per salvare sua figlia dai mafiosi italiani che l’hanno rapita. Il film è interpretato da Richard Roundtree nei panni di Shaft, insieme a Moses Gunn, Charles Cioffi, Christopher St. John e Lawrence Pressman.

Il film ha temi del movimento Black Power, mascolinità, sessualità e razza. È stato registrato ad Harlem, Greenwich Village e Times Square nel quartiere Manhattan di New York City. Anche l’album della colonna sonora di Shaft, registrato da Isaac Hayes, è stato un successo, vincendo un Grammy Award per la migliore colonna sonora originale scritta per un film e un secondo Grammy per il miglior arrangiamento strumentale. Il “Theme from Shaft” ha vinto l’Oscar per la migliore canzone originale, rendendolo il primo ragazzo nero a vincere il premio. 

VAI AI FILM DA GUARDARE

Super Fly (1972)

E’ un film di exploitation poliziesco neo-noir americano del 1972 diretto da Gordon Parks Jr. e interpretato da Ron O’Neal nei panni di Youngblood Priest, uno spacciatore di droga afroamericano che sta tentando di rinunciare alla malavita. Il film è famoso per la sua colonna sonora, composta e prodotta dall’artista soul Curtis Mayfield. O’Neal ha ripetuto il suo ruolo di Youngblood Priest nel film del 1973 Super Fly TNT, che ha anche diretto. Il produttore Sig Shore ha diretto un secondo seguito, The Return of Superfly, lanciato nel 1990, con Nathan Purdee nel ruolo di Priest. Un remake è stato lanciato nel 2018.

Blacula (1972)

E’ un film horror di exploitation del sottogenere blaxploitation americano del 1972 diretto da William Crain. Ha come protagonista William Marshall nel ruolo del protagonista di un principe africano del XVIII secolo chiamato Mamuwalde, che è diventato un vampiro nel castello del conte Dracula in Transilvania nell’anno 1780 dopo che Dracula si è rifiutato di aiuatare Mamuwalde per ridurre la tratta degli schiavi.

Blacula ha avuto recensioni contrastanti, ma è stato uno dei film di maggior incasso dell’anno. È stato il primo film in assoluto a ricevere un premio come miglior film horror ai Saturn Awards. Blacula è stato seguito dal sequel Scream Blacula Scream nel 1973 e ha influenzato un’ondata di film horror a tema blaxploitation.

Il paese del sesso selvaggio (1972)

E’ un film di exploitation cannibale italiano del 1972 diretto da Umberto Lenzi e interpretato da Ivan Rassimov , Me Lai e Pratitsak Singhara. Fu l’inizio del “boom cannibale” del cinema di exploitation italiano nei primi anni ’80 e fine anni ’70. Si pensa che Lenzi stesse tentando di imitare il materiale del genere Mondo Cinema, che aveva avuto un notevole appeal nelle sale Grindhouse dal momento in cui Gualtiero Jacopetti e Paolo Cavara avevano realizzato Mondo Cane nel 1962, anche se questo film è basato sulla finzione. Il film e il suo titolo sono stati influenzati da A Man Called Horse, che includeva anche un ragazzo bianco incluso in un popolo che inizialmente lo teneva in ostaggio.

The Mack (1973)

E’ un film di exploitation del sottogenere blaxploitation americano del 1973 diretto da Michael Campus, con Max Julien e Richard Pryor. Il film è interpretato anche dalla candidata all’Oscar Juanita Moore e dall’attrice Anthony Williams. Girato a Oakland, in California, il film segue le vicende di Goldie, che al ritorno da una condanna a cinque anni di carcere scopre che suo fratello è associato al nazionalismo nero. Goldie sceglie di seguire una strada alternativa, impegnandosi per diventare il più grande magnaccia della città.

Le valutazioni sono state poco positive al momento dell’uscita, ma in seguito The Mack è stato  considerato da molti critici come il miglior film nella sua categoria. Il film è classificato come blaxploitation, tuttavia Michael Campus, Max Julien, e altri associati alla sua produzione hanno sostenuto che l’etichetta di genere semplifica eccessivamente il film. La colonna sonora del film è stata registrata su nastro dall’artista della Motown Willie Hutch.

Willie Dynamite (1973)

E’ un film di exploitation del sottogenere blaxploitation americano del 1973 diretto da Gilbert Moses e interpretato da Roscoe Orman, Diana Sands, Thalmus Rasulala, Joyce Walker, ed è stato lanciato dalla Universal Pictures. L’omonimo Willie Dynamite è un magnaccia di New York City, che vuole essere il migliore in città, mentre un’assistente sociale di nome Cora, sta tentando di modificare i suoi metodi e quelli delle donne che lavorano per lui. 

Deranged: Confessions of a Necrophile (1974)

E’ un film di exploitation horror psicologico del 1974 diretto da Alan Ormsby e Jeff Gillen e interpretato da Roberts Blossom. La trama, vagamente basata sulle attività criminali di Ed Gein, segue Ezra Cobb, un uomo di mezza età in un quartiere rurale del Midwest che inizia una serie di omicidi seriali dopo la morte di sua madre, una fanatica spirituale che lo ha cresciuto come un misogino. Basato sul serial killer Gein, il titolo del film è ingannevole considerando che Gein non ha mai esplorato la necrofilia. Finanziato da un promotore di spettacoli americano con un piccolo budget, la produzione è avvenuta a Oshawa, Ontario, nella stagione invernale del 1973, con un cast e una squadra per lo più canadesi. Il film fu considerato perduto dopo la sua uscita nel 1974; tuttavia, è stato ritrovato in Florida a metà degli anni ’90 ed è stato lanciato in home video.

Stone (1974)

E’ un film di exploitation sui motociclisti hooligan australiano del 1974 scritto, diretto e prodotto da Sandy Harbutt. È un film low budget della Hedon Productions. Il detective Stone va sotto copertura con la banda di motociclisti GraveDiggers, per scoprire chi sta uccidendo i loro membri, uno per uno. Il film è interpretato da Ken Shorter e include Rebecca Gilling, Bill Hunter e Helen Morse. La colonna sonora del film è stata composta da Billy Green e includeva alcuni membri del suo gruppo Sanctuary. Tra le moto presenti c’è la famosa Kawasaki Z1. Il film è stato incluso nel documentario, Not Quite Hollywood, in cui Quentin Tarantino è entusiasta del film. Lo stuntman australiano Peter Armstrong ha stabilito un record mondiale per aver guidato una motocicletta su una scogliera di 80 piedi per cadere a capofitto in mare.

VAI AI FILM DA GUARDARE

Foxy Brown (1974)

E’ un film di exploitation del sottogenere blaxploitation americano del 1974 scritto e diretto da Jack Hill. Ha come protagonista Pam Grier nel ruolo del personaggio del titolo che insegue una banda di spacciatori bianchi che hanno ucciso il suo amante. Il film è stato distribuito da American International Pictures come doppio lungometraggio con Truck Turner. Il film utilizza moda afroamericana su vestiti e capelli. Grier ha recitato in 6 film blaxploitation per la American International Pictures.

Sugar Hill (1974)

E’ un film di zombie blaxploitation americano del 1974, diretto da Paul Maslansky e interpretato da Marki Bey nei panni del personaggio del titolo che utilizza il voodoo per vendicarsi delle persone responsabili della morte del suo uomo. È stato lanciato da American International Pictures. Secondo il film, gli zombi sono i corpi dei servi portati negli Stati Uniti dalla Guinea. Lo studio di produzione aveva precedentemente integrato le categorie spaventose e blaxploitation con Blacula (1972) e il suo seguito Scream Blacula Scream (1973).

Black Christmas (1974)

E’ un film di exploitation slasher canadese del 1974 prodotto e diretto da Bob Clark e scritto da A. Roy Moore. Nel cast Olivia Hussey, Keir Dullea, Margot Kidder, Andrea Martin, Lynne Griffin e John Saxon. La storia segue un gruppo di sorelle che ricevono una chiamata minacciosa e alla fine vengono perseguitate da un killer psicopatico nel periodo natalizio.

Influenzato da una serie di omicidi avvenuti nella zona di Westmount a Montreal, in Quebec, Moore ha scritto la sceneggiatura del film dal titolo Stop Me. I realizzatori hanno apportato varie modifiche alla sceneggiatura, principalmente il passaggio a un’ambientazione universitaria con personaggi giovani. È stato girato a Toronto nel 1974 con un budget di $ 620.000 ed è stato distribuito dalla Warner Bros. in Nord America.

Al momento della sua uscita, Black Christmas ha ricevuto recensioni contrastanti, ma in realtà ha ricevuto una rivalutazione cruciale, con gli storici del cinema che lo hanno scoperto come uno dei primi film slasher. Allo stesso modo è applaudito per il suo impatto su Halloween (1978) di John Carpenter. Oltre a diventare un film cult dopo la sua uscita, nel 1976 è uscito un romanzo scritto da Lee Hays. È il primissimo film della serie Black Christmas, seguito da 2 remake nel 2006 e nel 2019. Il film ha ottenuto un riconoscimento retroattivo ed è stato effettivamente considerato tra i migliori film horror mai realizzati.

Mandingo (1975)

E’ un film di exploitation e film storico americano del 1975 che si concentra sulla tratta degli schiavi nell’Atlantico nel sud. Il titolo del film descrive gli individui mandinka, che sono descritti come “Mandingos” e indicati come ottimi servitori. Prodotto da Dino De Laurentiis per la Paramount Pictures, il film è stato diretto da Richard Fleischer. La sceneggiatura del film, di Norman Wexler, è stata adattata dal romanzo Mandingo del 1957 di Kyle Onstott e dall’opera teatrale del 1961 Mandingo di Jack Kirkland.

Il film è interpretato da Perry King nei panni di Hammond, il figlio del terribile servitore Warren Maxwell (James Mason). Si dice che Hammond abbia violentato le domestiche nella piantagione di suo padre, e suo padre gli ordina di sposare una donna bianca per avere nipoti senza origini nere. Hammond sposa Blanche (Susan George), sua cugina, che diventa invidiosa perchè egli dà più attenzione alla sua amante nera Ellen (Brenda Sykes) che a sua moglie, portando Blanche a sedurre il servitore Mandingo Mede (Ken Norton).

Mandingo ha ottenuto recensioni sfavorevoli al momento del rilascio. In retrospettiva, l’accoglienza del film è stata molto più vantaggiosa. In realtà è stato visto come un film di exploitation ad alto budget realizzato da uno studio importante, un film severo sulla schiavitù americana, che analizza le paure storiche.Fu un successo al botteghino e fu seguito da un sequel, Drum (1976), con Norton nei panni di un personaggio diverso e Warren Oates nei panni di Hammond.

Coonskin (1975)

E’ un film di exploitation criminale satirico americano per adulti del 1975 scritto e diretto da Ralph Bakshi. La narrazione del film presenta 3 personaggi antropomorfi di Uncle Remus, Brother Rabbit, Preacher Fox e Brother Bear. Salgono ai vertici del racket della mafia ad Harlem, con aiuto della polizia corrotta, l’arte della truffa e la mafia, in una satira sia del bigottismo all’interno del sistema cinematografico di Hollywood, sia dell’America stessa. Il film è interpretato da Philip Thomas, Charles Gordone, Barry White e Scatman Crothers, che appaiono sia in serie animate che live-action.

Coonskin si è imbattuto in un dibattito prima dell’uscita del film nelle sale quando il Congress of Racial Equality ha affermato che il film era razzista. Quando il film è stato distribuito, Bryanston gli ha offerto una diffusione minima e inizialmente ha ricevuto recensioni contrastanti. Successivamente ripubblicato con i titoli Bustin’ Out e Street Fight, Coonskin lo ha effettivamente rivalutato, contestualizzando il film come condanna del fanatismo invece che una storia razzista. 

Black Shampoo (1976)

E’ un film di exploitation americano diretto da Greydon Clark. Lanciato nel 1976, il film è considerato un esempio dei sottogeneri blaxploitation e sexploitation del film di exploitation. Prodotto con un budget di 50.000 dollari, il film è interpretato da John Daniels nei panni di Jonathan Knight, un imprenditore e parrucchiere afroamericano che fa regolarmente l’amore con le sue clienti principalmente donne bianche, e Tanya Boyd nei panni di Brenda, la segretaria e fidanzata di Jonathan, che in precedenza aveva una relazione con un datore di lavoro della mafia bianca, che, per gelosia nei confronti della nuova amante del suo ex, inizia a inviare regolarmente teppisti a distruggere il negozio di Jonathan. La violenza si intensifica man mano che il film avanza.

Clark deliberatamente non desiderava realizzare un film che includesse archetipi di personaggi che generalmente avevano film di blaxploitation, come magnaccia, investigatori privati ​​o spacciatori di droga, e decise di realizzare un film in cui un imprenditore afroamericano fosse il protagonista, invece di più personaggi blaxploitation stereotipati. La sceneggiatura del film, scritta da Clark e Alvin Fast, è stata spiegata da Clark come un mix di sesso, violenza e divertimento. Clark ha tratto motivazione dal film Shampoo del 1975. Il film è un esempio di un tipo di produzione cinematografica blaxploitation in cui un precedente film popolare interpretato da un cast principalmente bianco viene imitato da un cast afroamericano. 

Ultimo mondo cannibale (1977)

E’ un film di exploitation sui cannibali italiano del 1977 diretto da Ruggero Deodato e scritto da Tito Carpi, Gianfranco Clerici e Renzo Genta. Interpretato da Massimo Foschi, Me Lai e Ivan Rassimov, la trama segue un ragazzo che tenta di scappare da un’isola nella giungla abitata da un popolo cannibale. È il precursore del famoso Cannibal Holocaust (1980) di Deodato, tuttavia era inizialmente previsto per essere diretto da Umberto Lenzi come seguito del suo film sui cannibali del 1972 Man from Deep River. Sebbene non sia stato perseguito per oscenità, il film è stato sequestrato nel Regno Unito.

Maledetto sortilegio (1977)

E’ un film di exploitation horror soprannaturale del 1977 diretto da Eddy Matalon e interpretato da Alan Scarfe, Beverly Murray e Randi Allen. Il film segue una ragazza che è posseduta dallo spirito della zia defunta. Una coproduzione tra Canada e Francia, è stata girata nell’area di Westmount e Montreal, Quebec. Il film è stato stroncato al momento dell’uscita, con molte scene copiate da altri film di quegli anni tra cui L’esorcista e Carrie, poi è diventato un classico di culto.

Rabid (1977)

E’ un film di exploitation horror indipendente del 1977 scritto e diretto da David Cronenberg. Una coproduzione di Canada e Stati Uniti, il film è interpretato da Marilyn Chambers, con il supporto di Frank Moore, Joe Silver e Howard Ryshpan. Chambers interpreta una donna che, dopo essere stata ferita in un incidente in moto e aver subito un intervento chirurgico, si trova un orifizio sotto le ascelle che nasconde un pungiglione fallico/clitorideo che utilizza per mangiare il sangue delle persone. Quelli di cui si nutre sono contaminati. Il loro morso diffonde la malattia e scatenano enormi disordini che iniziano nella campagna del Quebec e finiscono a Montreal. 

VAI AI FILM DA GUARDARE

The Brood (1979)

E’ un film di exploitation horror canadese del 1979 scritto e diretto da David Cronenberg e interpretato da Oliver Reed, Samantha Eggar e Art Hindle. La sua trama segue un uomo e la sua ex moglie malata di mente, che è stata sequestrata da uno psichiatra noto per le sue discutibili strategie terapeutiche. Una serie di spietati omicidi irrisolti fa da sfondo alla storia principale. Scritto da Cronenberg dopo il suo divorzio, la sceneggiatura del film è una meditazione su una relazione distrutta in una coppia che condivide un figlio, e ha scelto Eggar e Hindle come alter ego di se stesso e della sua ex moglie. The Brood ha avuto successo guadagnando oltre 5 milioni di dollari. Inizialmente accolto con favore dalla critica, è diventato negli anni successivi un cult movie. Il film ha attirato l’interesse per i suoi temi relativi al disturbo mentale e all’essere un genitore. 

Disco Godfather (1979)

E’ un film di exploitation d’azione americano del 1979 con Rudy Ray Moore e Carol Speed, diretto da J. Robert Wagoner e distribuito da Transvue Pictures. Spesso recepito come un film blaxploitation, la trama è incentrata sul personaggio di Moore Tucker Williams, un agente di polizia in pensione che gestisce una discoteca e tenta di bloccare lo spacciatore locale di polvere d’angelo dopo che suo nipote Bucky, (Julius Carry) viene colpito dalla droga. L’affermazione di una drogata di polvere d’angelo di aver cucinato il proprio bambino come cena di Pasqua è una variazione del mito urbano denominato “The Baby-Roast”.

Non entrate in quella casa (1980)

E’ un film di exploitation slasher del 1980 diretto da Paul Lynch e scritto da William Gray. Nel cast Jamie Lee Curtis e Leslie Nielsen. La trama del film segue un gruppo di studenti delle scuole superiori che vengono presi di mira al loro ballo di fine anno da un killer mascherato, in cerca di vendetta per la morte involontaria di una ragazza 6 anni prima. Il film include i ruoli di supporto di Casey Stevens, Eddie Benton, Mary Beth Rubens e Michael Tough. 

Il film è stato lanciato il 18 luglio 1980 in alcune sale cinematografiche ed è stato un successo immediato, battendo successivamente i record del fine settimana a Los Angeles, Filadelfia e nel New England. Alla fine della uscita nelle sale il film aveva guadagnato $ 15 milioni negli Stati Uniti ed era il film horror più redditizio del Canada del 1980. La risposta critica al film è stata variegata e negativa per le rappresentazioni della violenza contro le ragazze. La notte del ballo di fine anno ha ottenuto alcuni importanti riconoscimenti, raccogliendo le elezioni del Genie Award per il montaggio e per il ruolo principale di Jamie Lee Curtis. Alcuni studiosi di cinema hanno menzionato Prom Night come uno dei film slasher più importanti.

Cannibal Holocaust (1980)

E’ un film horror sul cannibalismo italiano del 1980 diretto da Ruggero Deodato e scritto da Gianfranco Clerici. Nel cast Robert Kerman nei panni di Harold Monroe, un antropologo della New York University che guida un gruppo di soccorso nella giungla amazzonica per trovare una squadra di cineasti. Interpretato da Carl Gabriel Yorke, Francesca Ciardi, Perry Pirkanen e Luca Barbareschi, il team si è perso durante la registrazione di un documentario sui cannibali locali. Quando il gruppo di soccorso riesce a recuperare le bobine di film perdute dalla squadra, un’emittente televisiva americana vuole trasmettere il video come uno speciale televisivo sensazionalistico. Dopo aver visto le bobine, Monroe è inorridita dall’intenzione della TV di mandare in onda il documentario.

Prodotto come parte del moderno film sui cannibali del cinema di exploitation italiano, Cannibal Holocaust è stato influenzato dalla copertura mediatica italiana del terrorismo delle Brigate Rosse che consisteva nel fatto che Deodato pensava fosse una messa in scena, un concetto che finì per essere un elemento importante della storia del film. Componenti extra della storia sono state influenzate dai documentari del regista di Mondo Gualtiero Jacopetti, consistenti nella discussione del filmato perduto del team del documentario, che costituisce circa la metà del film. Il trattamento di questo video, noto per il suo realismo visivo, ha innovato il design del found footage nel cinema che è stato successivamente utilizzato da The Blair Witch Project. Cannibal Holocaust è stato girato principalmente nella foresta pluviale amazzonica della Colombia con un cast di nativi che recitavano con attori americani e italiani principalmente non professionisti assunti a New York City.

Cannibal Holocaust ha raggiunto il prestigio poiché la sua violenza ha suscitato molti dibattiti. Dopo la sua uscita in Italia, fu bloccato da un magistrato e Deodato fu arrestato con l’accusa di oscenità. Successivamente è stato accusato di diversi capi di omicidio a causa di rapporti che dichiaravano che numerose attori erano stati uccisi davanti la macchina da presa. Deodato è stato assolto da queste accuse ma il film è stato proibito in Italia, Australia e in un certo numero di altre nazioni a causa di scene di aggressioni sessuali e violenze reali nei confronti degli animali. L’accoglienza del film è stata contrastante, sebbene in realtà abbia ottenuto un seguito di culto. La trama e la violenza del film sono state considerate come metafora del giornalismo, dello sfruttamento dei paesi sudamericani e della distinzione tra paesi non occidentali e occidentali, ma anche queste analisi sono state criticate.

Cannibal Ferox (1981)

E’ un film horror sui cannibali italiano di exploitation del 1981 scritto e diretto da Umberto Lenzi. Al momento della sua uscita, il distributore statunitense del film ha dichiarato che era “il film più violento mai realizzato”. Allo stesso modo Cannibal Ferox è stato dichiarato “proibito in 31 nazioni”, sebbene questa affermazione sia dubbia. 

Il giorno di San Valentino (1981)

E’ un film di exploitation slasher canadese del 1981 diretto da George Mihalka e scritto da John Beaird. Nel cast Paul Kelman, Lori Hallier e Neil Affleck. La trama mostra un gruppo di giovani che scelgono di lanciare una festa di San Valentino, solo per favorire la rabbia crudele di un maniaco in attrezzature minerarie che inizia una follia omicida. Il film è stato girato nell’area di Sydney Mines, in Nuova Scozia, nell’autunno del 1980. È stato lanciato nelle sale l’11 febbraio 1981 dalla Paramount Pictures, in occasione delle vacanze di San Valentino. 

Nonostante una reazione mista da parte della critica e guadagnando $ 5,7 milioni al botteghino, il film ha stabilito un grande seguito di culto per molti anni dalla sua uscita. My Bloody Valentine ha affrontato la censura con un totale di 9 minuti tagliati dalla Motion Picture Association of America a causa della quantità di violenza e sangue. Il co-produttore Dunning ha confermato che il film integrale esisteva ancora e ha provato a lanciarlo ma si è rivelato difficile poiché la Paramount Pictures ha rifiutato di fornire una versione non tagliata. 

Cannibal Women in the Avocado Jungle of Death (1988)

E’ un film commedia americano di exploitation del 1988 diretto da JF Lawton e interpretato da Shannon Tweed e Bill Maher. Il film tratta molti temi della cultura popolare e modelli sociali, costituiti dal femminismo, film di serie B, attori, personaggi politici e scrittori, incentrati su una satira di Joseph Cuore di tenebra di Conrad del 1899. È stato il primo lungometraggio diretto dallo sceneggiatore JF Lawton, autore anche di Pretty Woman, Under Siege e del suo seguito.

Ghostkeeper (1981) 

E’ un film soprannaturale di exploitation slasher canadese del 1981 diretto da James Makichuk e interpretato da Riva Spier, Georgie Collins e Murray Ord. La trama è incentrata su un trio di motoslitte nelle Montagne Rocciose canadesi che finiscono per rimanere bloccati in un hotel deserto dove l’anziana locandiera nasconde un’entità malvagia all’interno della struttura. Il film è influenzato dalla leggenda Windigo del Nord America.

Registrato a Banff, Alberta, nel dicembre 1980, il film ha avuto una situazione monetaria instabile e i realizzatori hanno quasi interrotto la produzione a metà a causa dell’esaurimento del suo piano di spesa. Al film è stata offerta una piccola distribuzione in Canada e negli Stati Uniti ed è quindi sconosciuto tra i fan dei film horror, ma ha effettivamente ottenuto un seguito di culto nel corso degli anni.

Highpoint (1982)

È un film di exploitation thriller-commedia d’azione canadese del 1982 diretto da Peter Carter e interpretato da Richard Harris, Christopher Plummer e Beverly D’angelo. Il film è stato girato a Montreal e Toronto, ed è ricordato per il suo finale in cima alla CN Tower, in cui lo stuntman Dar Robinson fa il salto di 700 piedi in caduta libera, protetto solo da un paracadute nascosto.

Il film ha attraversato una durata di post-produzione difficile e prolungata. Inizialmente girato nel 1979 come thriller comico sulla scia di North by Northwest, il film è stato accantonato per 2 anni. Il film ha avuto un’uscita minima in Europa nel 1982. A causa della sfavorevole accoglienza della critica e del pubblico che non gradiva la sua trama complicata e il ritmo, il film è stato rimontato dal distributore nordamericano New World Pictures. Questa variazione è stata lanciata nelle sale nel 1984 e ha offerto la base per le future uscite in home video.

La maschera del terrore (1983)

È un film di exploitation slasher canadese del 1983 diretto da Richard Ciupka e Peter R. Simpson, scritto da Robert Guza Jr. e interpretato da John Vernon, Samantha Eggar, Linda Thorson e Lynne Griffin. Ambientato nel mondo del teatro e del cinema, la sua trama si concentra su un gruppo di attrici che fanno un’audizione per un ruolo in un film nella villa di un illustre regista, dove vengono prese di mira da un killer mascherato.

Sviluppato dal produttore Peter R. Simpson dopo I buoni incassi di Prom Night (1980), il film doveva essere uno slasher “per adulti” rivolto a un pubblico più anziano in contrasto con i film di categoria base dell’epoca, che includevano prevalentemente personaggi adolescenti. Le riprese sono iniziate alla fine del 1980 e sono state l’inizio di una produzione in difficoltà segnata da numerose riscritture e nuove riprese che hanno coperto quasi 3 anni. La lunga produzione del film si è conclusa con Ciupka che ha eliminato il suo nome dal lavoro.

Il film è stato presentato in anteprima negli Stati Uniti ed è stato lanciato nelle sale in Canada l’anno successivo con recensioni molto sfavorevoli. Un fallimento totale al botteghino, il film finì per essere un punto fermo della tv a tarda notte. Il film ha stabilito un seguito di culto intorno agli anni 2000 in home video.

American Nightmare (1983)

È un film slasher di exploitation canadese del 1983 diretto da Don McBrearty e interpretato da Lawrence Day, Lora Staley, Lenore Zann, Michael Ironside e Alexandra Paul. Racconta la storia di un potente pianista che indaga sulla scomparsa di sua sorella in nel degrado metropolitano mentre un serial killer prende di mira donne di strada e prostitute. La sceneggiatura del film di John Sheppard, basata su una storia di John Gault e Steven Blake, è stata influenzata dall’aumento dei tassi di reati nelle città americane negli anni ’70 e all’inizio degli anni ’80.

Il film è stato prodotto da Paul Lynch, che in precedenza aveva diretto Prom Night. Le riprese sono avvenute a Toronto, in Ontario, nel 1980 con un budget di $ 200.000. Il film ha avuto inizialmente una piccola uscita nelle sale nel marzo 1983 in Canada prima di apparire in televisione negli Stati Uniti lo stesso anno.

Cannonball (1976)

È una commedia e film di exploitation americano del 1976 diretto da Paul Bartel e interpretato da David Carradine. Il film è tra i due lanciati nel 1976 basati su una vera e propria corsa su strada illegale attraverso il continente che si è svolta per diversi anni negli Stati Uniti. Lo stesso soggetto in seguito finì per essere la base per i film The Cannonball Run, Cannonball Run II e Speed ​​Zone. Il film è stato scritto e diretto da Paul Bartel, che ha anche diretto Death Race 2000.

Il nome della trama e il film sono stati ispirati ​​da Erwin G. “Cannon Ball” Baker, che fece un viaggio negli Stati Uniti un certo numero di volte, e dal Cannonball Baker Sea-To-Shining-Sea Memorial Trophy Dash, una corsa su strada illegale attraverso il continente presentata da Brock Yates per protestare contro il limite di velocità di 55 MPH.

Drive-in 2000 (1986)

È un film distopico di exploitation australiano del 1986 su una coppia di adolescenti catturati in un drive-in che è in realtà un campo di prigionia per il declino sociale. I prigionieri, molti dei quali sfoggiano uno stile punk, sono trattati con una dieta di cibo malsano, musica new age, droghe e film di exploitation. Il film è stato diretto da Brian Trenchard-Smith e vede protagonisti Ned Manning e Natalie McCurry nei panni della coppia prigioniera, e Peter Whitford come direttore del drive-in. Lo stuntman di Mad Max 2 Guy Norris ha fatto alcune delle acrobazie. La colonna sonora è composta da musica moderna eseguita da band come Kids in the Kitchen e Collectors and hunters. La melodia dei titoli di coda è “Playing With Fire” di Lisa Edwards.

La ragazza che sapeva troppo (1963)

È un film giallo di exploitation italiano del 1963. Diretto dal regista italiano Mario Bava, il film è interpretato da John Saxon nei panni del dottor Marcello Bassi e Letícia Román nei panni di Nora Davis. La trama si concentra su una ragazza di nome Nora, che fa un viaggio a Roma e assiste a un omicidio. I poliziotti e il dottor Bassi non le credono visto che non si scoprono tracce. Seguono una serie di altri omicidi di vittime scelte in ordine alfabetico. Si tratta del primo film giallo, una categoria di film con un mix di sexploitation, thriller e convenzioni horror.

Una lucertola con la pelle di donna (1971) 

È un film giallo di exploitation del 1971 diretto da Lucio Fulci e prodotto da Edmondo Amati e Robert Dorfmann. Nel cast Florinda Bolkan, Stanley Baker, Jean Sorel, Leo Genn e Anita Strindberg. Il film è una coproduzione italo-spagnola-francese. Ambientato a Londra, il film segue Carol Hammond (Bolkan), figlia di un rispettabile leader politico, che sperimenta una serie di esperienze psichedeliche tra cui orge sessuali promiscue e uso di LSD. Nel sogno, commette un omicidio di un vicino di casa di cui è invidiosa.

Lo strano vizio della signora Wardh (1971)

È un film di mistero del 1971 diretto da Sergio Martino e interpretato da Edwige Fenech, George Hilton, Ivan Rassimov e Alberto de Mendoza. La sua trama segue la compagna di un diplomatico che si scopre perseguitata dal suo precedente amante violento a Vienna. La lettera “h” è stata aggiunta al nome “Ward” quando una donna italiana di nome Mrs. Ward ha minacciato un’azione legale per il fatto che il titolo iniziale avrebbe potuto distruggere la sua reputazione, proprio prima che il film fosse lanciato. Il film è stato inizialmente lanciato con il titolo Blade of the Ripper negli Stati Uniti. Allo stesso modo è stato lanciato con i titoli alternativi Next! e La prossima vittima.

Il mostro di Piedras Blancas (1959)

E’ un film di fantascienza americano in bianco e nero del 1959 prodotto da Jack Kevan, scritto e diretto da Irvin Berwick, e interpretato da Jeanne Carmen, Les Tremayne, John Harmon, Don Sullivan, Forrest Lewis e Pete Dunn. Il mostro di Piedras Blancas è stato influenzato da Creature from the Black Lagoon (1954). Kevan, che aveva effettivamente monitorato la produzione del costume di Gill-man e si era occupato degli abiti di Mole People alla Universal-International, ha prodotto il costume da mostro di Piedras Blancas. Kevan ha utilizzato molti dei suoi precedenti collaboratori della Universal nel film, composto dal tecnico del suono Joe Lapis e dal maestro di scena Eddie Keys.

The Man Who Saved the World (1982)

E’ un film del 1982 d’avventura di arti marziali turco diretto da Çetin Inanç, e interpretato dall’attore / artista marziale Cüneyt Arkın. Il film è famoso all’estero come lo Star Wars turco, a causa del suo noto uso non approvato di video, musica ed effetti sonori di Star Wars e altri film di fantascienza. Il film, parte di un’ondata di film di supereroi Turksploitation a basso budget prodotti tra gli anni ’70 e l’inizio degli anni ’80 e combina temi di fantascienza con le arti marziali, avendo più in comune con Film di arti marziali di Hong Kong degli anni ’70 da che con Star Wars. Il film è stato stroncato dalla critica ed è stato considerato uno dei peggiori film mai realizzati.

Mondo Cane (1962)

E’ un documentario italiano del 1962 e diretto dal trio di Gualtiero Jacopetti, Paolo Cavara e Franco E. Prosperi, con la narrazione di Stefano Sibaldi. Il film include una serie di scene di diari di viaggio che forniscono uno sguardo alle pratiche culturali di tutto il mondo con l’obiettivo di scioccare o sorprendere il pubblico dei film occidentali. Queste scene hanno poca connessione, poiché sono mostrate come un caleidoscopico materiale sbalorditivo invece di fornire un argomento strutturato. Indipendentemente dalle sue pretese di scene reali, molte scene sono messe in scena o controllate artisticamente per migliorare questo risultato.

Il film è stato un successo mondiale al botteghino e ha influenzato un’intera categoria di “mondo movie” sotto forma di documentari di exploitation, molti dei quali hanno anch’essi la parola “mondo” nel titolo. L’arrangiamento musicale di Riz Ortolani e Nino Oliviero ha acquisito un fascino significativo al di là del film stesso. La sua canzone principale, “More”, ha vinto un Grammy Award e ha avuto una candidatura all’Oscar per la migliore canzone originale, ed è stata interpretata da artisti come Frank Sinatra, Andy Williams e Roy Orbison.

Africa Addio (1966)

E’ un documentario di exploitation mondo movie italiano del 1966 co-diretto, co-scritto e co-montato da Gualtiero Jacopetti e Franco Prosperi con musiche di Riz Ortolani. Jacopetti e Prosperi avevano acquisito popolarità come registi di Mondo Cane nel 1962. Africa Addio registra il completamento dell’era coloniale in Africa, e la violenza e il caos che ne seguirono. Il film è stato un grande successo, che ha confermato la popolarità della categoria “Mondo movie”, un ciclo di “shockumentary”, documentari che includono argomenti scioccanti. Il film ha ricevuto critiche a causa del suo materiale controverso, tuttavia è considerato un film estremamente importante nella storia del cinema documentario.

Faces of Death (1978)

E’ un film horror americano di exploitation del 1978 scritto e diretto da John Alan Schwartz, accreditato rispettivamente con gli pseudonimi “Conan Le Cilaire” e “Alan Black”. Il film, girato in uno stile simile a un documentario, è incentrato sul patologo Francis B. Gröss, interpretato dall’attore Michael Carr. Il narratore fornisce al pubblico una serie di video che rivelano vari metodi raccapriccianti per morire da una serie di fonti. 

Alcune delle scene più famose sono state fabbricate per il film, mentre la maggior parte del film è un filmato preesistente di morti autentiche o conseguenze della morte. Faces of Death ha ricevuto recensioni negative, ma è stato un grande successo al botteghino, guadagnando oltre $ 35 milioni in tutto il mondo. Ha ottenuto un seguito di culto, alla fine è stato considerato creativamente considerevole ed ha anche generato numerosi sequel, il primo dei quali, Faces of Death II, è stato pubblicato nel 1981.

Piranha (1978)

E’ un film horror americano di exploitation del 1978 diretto e co-montato da Joe Dante, e interpretato da Bradford Dillman, Heather Menzies, Kevin McCarthy, Keenan Wynn, Barbara Steele e Dick Miller. Il film racconta la storia di un fiume popolato da mortali piranha geneticamente modificati, che minacciano la vita dei residenti della regione e dei visitatori di una vicina località estiva.

Prodotto da Roger Corman, Piranha è il primo di una serie di film di serie B a basso budget ispirati ​​dal film Lo squalo (1975). La Universal aveva effettivamente pensato di fare un’ingiunzione per evitare il lancio di Piranha, soprattutto perché avevano effettivamente lanciato Jaws 2 la stessa estate, ma hanno rinunciato dopo che lo stesso Spielberg ha offerto al film una recensione favorevole. Lanciato il 3 agosto 1978, il film fu un successo commerciale e in seguito finì per diventare un cult movie. Piranha è stato seguito da un seguito, Piranha II: The Spawning (1982), e da 2 remake, uno nel 1995 e un altro nel 2010, che hanno generato un sequel nel 2012.

Tentacoli (1977)

E’ un film horror di exploitation italo-americano del 1977 diretto da Ovidio G. Assonitis (annunciato nella variante americana come Oliver Hellman) e interpretato da John Huston, Shelley Winters, Bo Hopkins e Henry Fonda. Quando molte persone scompaiono in una località balneare, un giornalista scopre che un enorme polpo sta terrorizzando la costa. Mentre un biologo marino tenta di fermare il polpo sembra che una società possa essere collegata alle abitudini omicide del cefalopode. Il film aveva lo scopo di cavalcare il successo di Jaws, ed ha anche varie somiglianze con il film horror di fantascienza del 1955 It Came from Beneath the Sea.

Ilsa, She Wolf of the SS (1975)

E’ un film di exploitation canadese del 1975 su Ilsa, una comandante del campo di prigionia nazista sessualmente famelica e feroce. Il film è diretto dal regista americano Don Edmonds e prodotto da David F. Friedman per Cinépix Film Properties a Montreal. Il film è interpretato da Dyanne Thorne nel ruolo del titolo, che è vagamente basato su Ilse Koch, una condannata di guerra e sorvegliante del campo di prigionia di Buchenwald.

Al momento della sua uscita all’inizio del 1975, il film fu immediatamente oggetto di polemiche e derisione da parte dei critici che lo definirono un film degenerato. Critiche specifiche sono state rivolte alla violenza esplicita del film; che include rappresentazioni di castrazione, fustigazione, sperimentazione umana e molti altri tipi di abuso. Il passaparola si è rapidamente diffuso e il film è stato un notevole successo commerciale, finendo per essere un classico dei cinema grindhouse e drive-in.

Il fascino del film ha portato alla produzione di 3 sequel, ognuno dei quali ha visto Thorne ripetere il suo ruolo. L’infamia del film alla fine si trasformò in un significativo seguito di culto, con il personaggio di Ilsa che finì per essere un’icona culturale pop con l’autorità femminile “forte e aggressiva”. Il film è tra i più popolari del sottogenere Nazisploitation e, in misura minore, del sottogenere sexploitation.

SS Experiment Camp (1976)

E’ un film di exploitation nazista del 1976 diretto da Sergio Garrone. La trama è incentrata sulla sessualità delle detenute di un campo di prigionia gestito dal colonnello von Kleiben (Giorgio Cerioni), un ufficiale nazista che necessita di un trapianto di testicoli dopo essere stato castrato da una donna russa. Ha acquisito una brutta fama negli anni ’80 per i suoi temi discutibili e una campagna pubblicitaria pubblica che includeva manifesti scandalosi e controversi. Il film è stato vietato in alcune nazioni, tra cui il Regno Unito. 

Not Quite Hollywood: The Wild, Untold Story of Ozploitation! (2008)

È un documentario australiano del 2008 sulla New Wave australiana dei cinema a basso budget degli anni ’70 e ’80. Il film è stato composto e diretto da Mark Hartley, che ha parlato con oltre ottanta star, registi, produttori e sceneggiatori australiani, britannici e americani, tra cui Quentin Tarantino, Brian Trenchard-Smith, Jamie Lee Curtis, Dennis Hopper, George Lazenby, George Miller, Barry Humphries, Stacy Keach, John Seale e Roger Ward.

Hartley ha investito molti anni in uno studio di ricerca approfondito, che è servito in una certa misura come sceneggiatura per il film, sul periodo New Wave del cinema australiano. Si concentrava sui film “Ozploitation” tipicamente ignorati, principalmente pieni di violenza, paura e sesso, che i critici e gli storici del cinema consideravano offensivi e ripugnanti, tipicamente esclusi dalla “storia del cinema principale” australiano.

Hartley si è avvicinato a Quentin Tarantino, un fan di lunga data di “Ozploitation” che aveva effettivamente dedicato il suo film del 2003 Kill Bill alla categoria dello sfruttamento, e Tarantino ha accettato di aiutare a far decollare il lavoro. Hartley ha quindi investito altri 5 anni parlando di argomenti e modificando le 250 ore combinate di interviste e video stock iniziale in un film di 100 minuti. Not Quite Hollywood , presentato in anteprima al Melbourne International Film Festival 2008 , non è stato un successo sua uscita in l’Australia, ma ha raccolto valutazioni generalmente favorevoli da parte della critica e un’elezione per “Miglior documentario” all’Australian Film Institute 2008.

Non violentate Jennifer (1978)

È un film horror americano del 1978 sullo stupro e la vendetta montato, scritto e diretto da Meir Zarchi. Il film racconta la storia di Jennifer Hills (Camille Keaton), una scrittrice a New York City che esige vendetta su ciascuno dei suoi aguzzini dopo lo stupro di gruppo di 4 uomini.

Il film è ricordato per la sua discutibile rappresentazione di violenza, in particolare le scene prolungate dello stupro di gruppo, che consumano 30 minuti della durata del film. Durante la sua uscita più ampia, nel Regno Unito è stato oggetto di censura da parte degli organismi di commissione cinematografica. Definito repellente  spazzatura il film rimane estremamente discutibile fino ad oggi, considerato tra i peggiori film mai realizzati. Per alcuni, è questo dibattito che lo ha effettivamente considerato un film di culto. Nonostante le recensioni sfavorevoli, l’interpretazione di Camille Keaton è stata applaudita dalla critica.

L’ultima casa a sinistra (1972)

È un film horror americano del 1972 scritto, diretto e modificato da Wes Craven nel suo lancio alla regia. Il film segue Mari Collingwood (Sandra Peabody), un’adolescente hippie che viene rapita, violentata e torturata il giorno del suo diciassettesimo compleanno. Quando ignari cercano rifugio nella sua casa, gli assassini affrontano la vendetta dei suoi genitori.

Craven ha basato il film sul film svedese del 1960 The Virgin Spring, diretto da Ingmar Bergman, che a sua volta è un adattamento della ballata svedese “Töres döttrar i Wänge”. Craven ha prodotto il film con il produttore Sean S. Cunningham dopo aver avuto a che fare con lui in Together (1971). Craven ha scritto una sceneggiatura focalizzata sull’aspetto shock della storia, desiderando ritrarre la violenza esplicitamente. 

Il film è stato inizialmente distruttivo per la carriera di Craven ed era discutibile per il suo marketing, con lo slogan “Può un film andare troppo oltre?”, Promuovendone la violenza. Pur non essendo un’enorme attrazione per le biglietterie ai drive-in, ha guadagnato $ 3 milioni contro un piano di spesa inferiore a $ 90.000. I critici hanno deriso il film per la sua violenza conflittuale e per l’uso da parte di Craven di scene di commedia nera intervallate da scene di stupro. Il film è stato particolarmente fastidioso per la starlet principale Peabody, che ha ricordato di aver avuto difficoltà a girare a causa di una sceneggiatura in continua evoluzione e di aver subito abusi da parte dei suoi co-protagonisti uomini. Molte altri attori nel film hanno avuto rimorso per aver recitato anni dopo la sua uscita.

Terrore nello spazio (1965)

È un film di fantascienza italo-spagnolo del 1965, prodotto da Fulvio Lucisano, diretto da Mario Bava, con Barry Sullivan e Norma Bengell. La sceneggiatura del film, di Bava, Alberto Bevilacqua, Callisto Cosulich, Antonio Roman e Rafael J. Salvia, era basata su un racconto di fantascienza italiano, “Una notte di 21 ore” di Renato Pestriniero. 

La storia segue le terribili esperienze dei membri del team di 2 astronavi che si sono schiantate e sono arrivate in un mondo proibitivo e inesplorato. I residenti disincarnati del mondo possiedono i corpi della squadra che è morta durante l’incidente e utilizzano i cadaveri per inseguire ed uccidere i sopravvissuti rimasti. Anni dopo la sua uscita, alcuni critici hanno intuito che il film di Bava abbia avuto un impatto significativo su Alien (1979) e Prometheus (2012) di Ridley Scott, sia nelle informazioni narrative che nello stile visivo.

Centinaia di film e documentari selezionati senza limiti

Nuovi film ogni settimana. Guarda su qualsiasi dispositivo, senza nessuna pubblicità. Annulla in qualsiasi momento.
error: Content is protected !!

Indiecinema Film Festival 2022

Indiecinema Film Festival 2022

Dal 5 Dicembre al 31 gennaio guarda in streaming la selezione dei film in concorso: cortometraggi, documentari e film indipendenti da tutto il mondo