fbpx

I film di arti marziali da vedere

Guarda film indipendenti e cult selezionati

Vai oltre i film proposti dalle solite piattaforme commerciali. Guarda centinaia di film indipendenti e d'autore rari, cult e documentari introvabili selezionati da tutto il mondo.

Indice dei contenuti

I film di arti marziali sono un sottogenere di film di azione che includono vari stili di arti marziali nel combattimento tra i personaggi. Questi combattimenti sono normalmente il fascino principale dei film di arti marziali e sono anche una tecnica di narrazione, espressione dei personaggi e crescita. Le arti marziali sono regolarmente incluso nelle scene di allenamento e anche in varie altre scene insieme alle lotte. I film di arti marziali consistono in lotte corpo a corpo insieme a vari altri tipi di attività, come acrobazie, inseguimenti e scontri a fuoco. I sottogeneri dei film di arti marziali sono costituiti da film di wuxia, film di karate e anche film commedia sulle arti marziali, mentre le categorie rilevanti sono costituite da jidaigeki con armi, kung fu e film sui samurai.

I film orientali sono noti per avere una tecnica più minimalista nei film. Alcuni film di arti marziali hanno solo una storia marginale e un’enfasi specifica sull’azione, mentre altri hanno storie e personalità molto più complesse e originali e anche scene di azione. I film di arti marziali dell’ultimo tipo sono generalmente considerati film creativamente più interessanti, tuttavia molti film del tipo precedente sono efficaci e ben apprezzati dai fan del genere. 

Le origini dei film di arti marziali

film-arti-marziali

Akira Kurosawa ha lanciato il genere di film sulle arti marziali con il suo lancio alla regia del 1943, Sugata Sanshiro. Il film ha a che fare con un ragazzo che scopre il judo e combatte contro numerosi specialisti di jujitsu. Kurosawa guidò anche un seguito nel 1945 intitolato Sugata Sanshiro, parte seconda. Include lotte con combattenti e professionisti del karate, forse la prima rappresentazione delle arti marziali nel cinema.

I film di arti marziali sono costituiti da numerosi personaggi che sono combattenti marziali e questi ruoli sono generalmente interpretate da star che sono veri esperti delle arti marziali.  Altrimenti, gli attori imparano con un lavoro di preparazione per le scene o il regista potrebbe affidarsi di più su azioni rallentate, angoli di inquadratura, montaggio e immagini generate al computer ed effetti speciali. Il design minimale utilizza scene brevi e combattimenti improvvisati ma esplosive, come si vede nei film di Jackie Chan.  Questi metodi sono occasionalmente usati anche da veri esperti marziali. 

VAI AI FILM DA GUARDARE

Breve storia del film di arti marziali

film-arti-marziali

Per tutti gli anni ’70 e ’80, uno dei più notevoli film di arti marziali e ninja doppiati in inglese sono stati prodotti dagli Shaw Brothers, Godfrey Ho e vari altri produttori di Hong Kong. Inclusi in questo elenco di film ci sono film famosi come The Big Boss, Drunken Master e One Armed Boxer.

I film di arti marziali sono stati prodotti in tutto il mondo, ma la categoria è stata controllata dal cinema di azione di Hong Kong, arrivando al culmine dal 1971 con l’ascesa di Bruce Lee fino alla metà degli anni ’90 con una diminuzione sostanziale del genere di arti marziali, fino a quando non è stato ripreso intorno agli anni 2000.  Varie altre figure degne di nota nella categoria includono Jackie Chan, Jet Li, Sammo Hung, Yuen Biao e anche Donnie Yen.

Sonny Chiba, Etsuko Shihomi e anche Hiroyuki Sanada hanno recitato in innumerevoli film di arti marziali e jidaigeki dal Giappone negli anni ’70 e nei primi anni ’80. Hollywood ha anche preso parte alla moda con attori come Chuck Norris, Sho Kosugi, Jean-Claude Van Damme, Steven Seagal, Brandon Lee, il figlio di Bruce Lee, Wesley Snipes, Gary Daniels, Mark Dacascos e Jason Statham. Negli anni 2000, il mercato cinematografico thailandese è diventato una forza globale dei film di arti marziali con i film di Tony Jaa e anche il cinema del Vietnam ha fatto lo stesso con The Rebel e Clash.  In anni ancora più recenti, il settore cinematografico indonesiano ha prodotto film di arti marziali interessanti.

Anche le donne hanno svolto ruoli cruciali nel genere di arti marziali, tra cui attrici come Michelle Yeoh, Angela Mao e Cynthia Rothrock. Nel mondo di lingua cinese, i film di arti marziali sono spesso suddivisi in due sottocategorie: i film wuxia, i film di arti marziali più moderni, come i film di Bruce Lee, il genere Chanbara Samurai e film di combattimento cappa e spada ambientati nel Giappone feudale.

I film di arti marziali sono una categoria di film sostanziale. Come i western per gli americani, in realtà sono diventati un’identificazione del cinema cinese.  Essendo uno dei film più importanti nel contesto del cinema cinese, i film di arti marziali sono stati tra i primissimi film cinesi prodotti e i film wuxia sono il primo tipo di film di arti marziali cinesi,con il fascino storico delle storie wuxia. Le storie wuxia di Jin Yong e di Gu Long hanno determinato la frequenza dei film wuxia. I western di arti marziali sono generalmente film americani girati a basso costo nei luoghi del sud-ovest degli Stati Uniti, spostando le arti marziali in un’ambientazione da “vecchio west”;  ad esempio, Red Sun con Charles Bronson e Toshiro Mifune.

VAI AI FILM DA GUARDARE

Sanshiro Sugata (1943)

È un film di arti marziali giapponese del 1943 e anche il lancio alla regia del regista cinematografico giapponese Akira Kurosawa. Il film è basato sull’omonima storia scritta da Tsuneo Tomita, il figlio del judoka Tsunejirō Tomita. Racconta la storia di Sanshiro, un giovane dotato ma inflessibile, che fa un viaggio in città per scoprire il Jujutsu. Al suo arrivo trova un nuovo tipo di arte marziale: il judo. Il personaggio principale è basata su Saigō Shirō.

Sanshiro Sugata Part II (1945)

È un film di arti marziali giapponese del 1945 diretto anche da Akira Kurosawa.  Si basa sul romanzo di Tsuneo Tomita, figlio di Tomita Tsunejiro, il primo seguace del judo. Fu girato all’inizio del 1945 in Giappone nel periodo della fine della seconda guerra mondiale. A differenza del primo Sugata Sanshiro, il seguito fu pensato come un film di propaganda. Nel 1880, un apprendista di arti marziali continua la sua missione per diventare un maestro di judo, dal creatore di quella disciplina. Alla fine, impara abbastanza per mostrare la sua abilità in un incontro tra combattenti giapponesi e americani alla fine del film. L’intero film parla infatti della competizione tra artisti marziali di karate e judo e della battaglia di Sanshiro. Da una parte c’è la cosa eticamente migliore da fare, dall’altra le regole del dojo. Alla fine sceglie di infrangere tutte le linee guida, lasciare il dojo, lottare contro il combattente americano e, allo stesso modo, i maestri di karate.

VAI AI FILM DA GUARDARE

Rashomon (1950)

È un film thriller Jidaigeki del 1950 diretto e scritto da Akira Kurosawa, che opera in stretta collaborazione con il direttore della fotografia Kazuo Miyagawa. Interpretato da Toshiro Mifune, Machiko Kyō, Masayuki Mori e Takashi Shimura come personaggi diversi che raccontano come un samurai è stato ucciso in un bosco, la storia è basata sul racconto di Ryunosuke Akutagawa “In a Grove”, e sul racconto “Rashōmon” di Akutagawa. Ogni storia è diversa, dal samurai ucciso che parla tramite un sensitivo shintoista al fuorilegge nel bosco, il monaco, l’aggressione alla moglie e l’ingannevole rivisitazione degli eventi in cui ognuno rivela la sua versione.

Musashi Miyamoto (1954)

È un film giapponese del 1954 di Hiroshi Inagaki con protagonista Toshiro Mifune.  Il film è il film iniziale della trilogia dei samurai di Inagaki. Il film è adattato dal romanzo Musashi di Eiji Yoshikawa, inizialmente pubblicato come serie sul giornale giapponese Asahi Shimbun, tra il 1935 e anche il 1939. La storia è liberamente basata sulla vita dello spadaccino giapponese Miyamoto Musashi. Il film è stato seguito da Samurai II: Duel at Ichijoji Temple (1955) e Samurai III: Duel at Ganryu Island (1956). Il film ha vinto un premio speciale agli Academy Awards del 1955.

Giorno maledetto (1955)

È un film western di arti marziali americano del 1955 diretto da John Sturges con la sceneggiatura del film di Millard Kaufman. È interpretato da Spencer Tracy e Robert Ryan con l’assistenza di Anne Francis, Dean Jagger, Walter Brennan, John Ericson, Ernest Borgnine e Lee Marvin. Il film è ambientato nel 1945 e contiene aspetti della categoria western. Nella storia, uno sconosciuto (Tracy) con un braccio arriva in una minuscola comunità nel deserto e rivela qualcosa che ha danneggiato l’intero villaggio.

VAI AI FILM DA GUARDARE

La sfida del samurai (1961)

È un film sui samurai di arti marziali giapponese del 1961 co-scritto, prodotto, montato e diretto da Akira Kurosawa.  Il film è interpretato da Toshiro Mifune, Tatsuya Nakadai, Yoko Tsukasa, Isuzu Yamada, Daisuke Katō, Takashi Shimura, Kamatari Fujiwara e Atsushi Watanabe.  Nel film, un rōnin si presenta in una città in cui i boss del crimine contendenti cercano di prevalere. Entrambi i capi criminali tentano di lavorare con il novizio come guardia del corpo.

Sanjuro (1962)

È un film di arti marziali jidaigeki giapponese in bianco e nero del 1962 diretto da Akira Kurosawa e interpretato anche da Toshiro Mifune. È il seguito di Yojimbo del 1961 di Kurosawa. Inizialmente un adattamento dell’originale Hibi Heian di Shūgorō Yamamoto, la storia è stato modificata in base al successo di Yojimbo dell’anno precedente per includere il protagonista di quel film. 9 giovani samurai pensano che il ciambellano Mutsuta sia corrotto dopo aver distrutto la loro petizione contro le truffe a corte. Uno di loro ne informa il sovrintendente Kikui e lui accetta di intervenire. Mentre i 9 si incontrano di nascosto per discuterne in un santuario, un rōnin li sente e li avverte di non fare affidamento sul sovrintendente.

La storia di Zatoichi (1962)

 È un film di arti marziali chanbara giapponese del 1962 diretto da Kenji Misumi e basato sull’omonimo saggio del 1948 di Kan Shimozawa.  È la parte iniziale di una lunga raccolta di film jidaigeki con Shintaro Katsu nei panni dello spadaccino cieco Zatoichi. Il massaggiatore cieco Zatoichi è arruolato dal capobanda della yakuza Sukegoro (Eijiro Yanagi) poiché crede che la guerra sia inevitabile con la yakuza in competizione Shigezo (Ryuzo Shimada). Zatoichi ha una comprovata esperienza come spadaccino e Sukegoro crede di avere ben investito. Shigezo reagisce lavorando con un ronin di pari importanza, Miki Hirate (Shigeru Amachi). Ichi è un uomo mite e semplice che viene ignorato e considerato con sospetto. Il suo essere massaggiatore, che era una posizione di scarsa considerazione nel Giappone feudale, non fa altro che aumentare l’ostilità nei suoi confronti. Tentano persino di sfruttare al meglio la sua perdita della vista in una bisca, ma fin dall’inizio è chiaro che Zatoichi trae forza dalla sua cecità.

Tre samurai fuorilegge (1964)

È un film di arti marziali chambara giapponese del 1964 diretto e co-scritto da Hideo Gosha nel suo lungometraggio di lancio. Il film è uno spin-off della storia dell’omonima serie televisiva giapponese di Gosha del 1963, con le stesse protagoniste, Tetsuro Tamba, Isamu Nagato e Mikijiro Hira. Il film presenta un ronin vagabondo che si ritrova coinvolto con altri 2 altri samurai che sono coinvolti con una banda di contadini che hanno rapito la figlia di un magistrato corrotto.

VAI AI FILM DA GUARDARE

Sword of the Beast (1965)

È un film di arti marziali jidaigeki del 1965 co-scritto e diretto da Hideo Gosha. Ambientato nel 1857 alla fine dello shogunato Tokugawa, il racconto segue un samurai fuggitivo che ha eliminato un medico nel suo clan e si mette in fuga.  Viene coinvolto in un piano per rubare l’oro dalla collina dello shōgun, dove si imbatte in un altro samurai che è lì anche per rubare l’oro.

Come Drink with Me (1966)

È un film di arti marziali wuxia di Hong Kong del 1966 diretto da King Hu.  Ambientato durante la dinastia Ming, vede Cheng Pei-pei e anche Yueh Hua come guerrieri con Chan Hung-lit come cattivo, e include coreografie di azione di Han Ying-chieh. Il film è stato scelto come candidato al miglior film in lingua straniera ai 39 ° Academy Awards, ma non è stato scelto.

Mantieni l’odio per la tua vendetta (1967)

È un film di arti marziali wuxia di Hong Kong del 1967 prodotto dallo Shaw Brothers Studio. Diretto da Chang Cheh, è ​​stato l’inizio del nuovo genere dei film wuxia che raccontano antieroi maschili e feroci combattimento con la spada.  È stato il primo film di Hong Kong a incassare 1 milione di dollari alla biglietteria, portando la celebrità di Jimmy Wang alla massima fama. Questo film alla fine è diventato il primo della trilogia di Chang Cheh,ed è diventato un film di culto del cinema di Hong Kong.  

Eleven Samurai (1967)

È un film di arti marziali giapponese jidaigeki del 1967 diretto da Eiichi Kudo.  Questa è l’ultima e la terza parte della trilogia Samurai Revolution di Kudo. La storia è basata su un samurai leggendario con una base storica. Il giovane Lord Nariatsu era probabilmente imitato dal samurai realmente esistito Matsudaira Nariyoshi, che era il 20° uomo dello Shōgun Ienari e anche il più giovane dello Shōgun Ieyoshi. Nariyoshi è morto quando aveva 19 anni. Gli scenari che circondano la sua morte sono misteriosi. 

La morte nella mano (1970)

È un film di arti marziali d’azione di Hong Kong del 1970 scritto, diretto e interpretato da Jimmy Wang Yu. Il film è stato un successo commerciale al momento del suo lancio ed è attualmente preso in considerazione come lo standard iniziale nei film non-wuxia, Kung Fu style, con il combattimento a mani nude,  concentrati maggiormente sulla formazione e sulla competenza rispetto alla fantasia e all all’avventura.  Sarebbe stato sicuramente d’ispirazione per i film successivi come Fist of Fury. 

VAI AI FILM DA GUARDARE

Vengeance! (1970)

È un film di arti marziali del 1970 diretto da Chang Cheh, e interpretato da David Chiang e Ti Lung. Il film è ambientato a Pechino intorno al 1930, e racconta una storia di vendetta di Chiang. Il film ha poche vere scene di arti marziali ed è piuttosto carico di combattimento con la lama e anche di judo. Al 16 ° Festival del cinema asiatico, il regista Chang Cheh ha vinto il Best Director Award, David Chiang ha vinto il Best Actor Award e ha vinto il primo Movie King Award dell’Asia, e Vengeance ha vinto il Best Movie Award e anche  il triangolo di ferro.

Il furore della Cina colpisce ancora (1971)

È un film di arti marziali di Hong Kong del 1971 diretto da Raymond Chow e interpretato da Bruce Lee nel suo primo film in un ruolo da protagonista.  Il film è interpretato anche da Maria Yi, James Tien, Tony Liu e Nora Miao.  Inizialmente creato per Tien, il ruolo principale è stato offerto a Lee quando il regista iniziale del film, Ng Kar-seung, è stato sostituito da Lo. Il film è stato un grande successo al botteghino.  La solida interpretazione di Lee ha superato Tien, che era una celebrità a Hong Kong, e ha anche reso famoso Bruce Lee in Asia e nel mondo.

Con una mano ti rompo con due piedi ti spezzo (1971)

È un film di arti marziali di Hong Kong del 1971 con protagonista Jimmy Wang Yu.  Racconta di un abile combattente marziale cinese che perde un braccio e brama vendetta sui suoi nemici. Per il film, Wang Yu, che in realtà ha entrambe le braccia, aveva un braccio legato alla schiena. Tien Lung, il miglior combattente della scuola di arti marziali Ching Te, litiga con la locale Hook Gang in un ristorante dove Tien Lung ei suoi amici stanno cenando. Gli Hook Gang fanno parte di un giro locale di spaccio di oppio e prostituzione gestito da un uomo di nome Chao e sono rivali della scuola Ching Te. La scuola Ching Te è la più importante accademia di arti marziali della città e controlla le fabbriche locali di tintura di vestiti e mattoni. In una battaglia, Tien ed i suoi amici sconfiggono la banda di Hook.

Billy Jack (1971)

È un film indipendente di azione americano del 1971, il secondo di quattro film iniziato con il film The Born Losers (1967), interpretato da Tom Laughlin, che ha co-scritto la sceneggiatura e anche diretto il film. Le riprese sono iniziate a Prescott, in Arizona, alla fine del 1969, ma il film non è stato completato fino al 1971. L’American International Pictures è fallita, interrompendo la registrazione. La 20th Century-Fox si è fatta avanti e ha finito il film.

Touch of Zen (1971)

È un film wuxia del 1971 co-montato, prodotto e diretto da King Hu. La sceneggiatura del film è basata su un racconto tradizionale cinese “Xianü” dal titolo Strange Stories from a Chinese Studio di Pu Songling. Il film è ambientato nell’impero Ming sotto la supremazia degli eunuchi e racconta diversi temi di trascendenza delle dualità, buddismo zen, femminismo, ruoli femminili tradizionali e storie di fantasmi. Al Festival di Cannes del 1975, il film vinse il Gran Premio Tecnico.

Sole rosso (1971) 

È un film Spaghetti Western di coproduzione franco-italiana del 1971 diretto da Terence Young e interpretato anche da Charles Bronson, Toshirō Mifune, Alain Delon, Ursula Andress e Capucine. È stato girato in Spagna dal regista britannico Young con una sceneggiatura di Denne Bart Petitclerc, William Roberts e Lawrence Roman, da un racconto di Laird Koenig. Connect Stuart e Gauche sono i leader di una banda di fuorilegge che deruba un treno del suo carico di $ 400.000. Sul treno c’è un ambasciatore giapponese in viaggio verso Washington, che ha con sé un tachi rituale suggerito come regalo per il presidente. Gauche prende la spada dal manico d’oro e spara a morte tra le 2 guardie samurai dell’ambasciatore.

Dalla Cina con furore (1972)

È un film di arti marziali di Hong Kong del 1972 scritto e diretto da Lo Wei, prodotto da Raymond Chow e interpretato da Bruce Lee nel suo secondo ruolo importante dopo The Big Boss (1971).  Lee, che è stato anche il coreografo dell’azione del film, interpreta Chen Zhen, allievo di Huo Yuanjia, che combatte per proteggere l’onore dei cinesi di fronte all’ostilità internazionale, e per trascinare in tribunale i responsabili della morte del suo maestro.  Il film discuteva questioni delicate che riguardavano il destino giapponese e includeva coreografie di lotta piuttosto all’avanguardia per l’epoca. Si distingue da altri film del genere arti marziali per i suoi riferimenti sociali e storici, in particolare all’espansionismo giapponese. Il film ha guadagnato circa 100 milioni di dollari a livello globale, contro un piano di budget di 100.000 dollari. È stato il film di Hong Kong che ha incassato di più fino a The Way of the Dragon (1972) di Lee.

VAI AI FILM DA GUARDARE

Cinque dita di violenza (1972)

È un film sugli arti marziali di Hong Kong del 1972 diretto da Jeong Chang-hwa e interpretato da Lo Lieh. La sceneggiatura è stato scritta da Chiang Yang.  Realizzato a Hong Kong, è uno dei tanti film di arti marziali con protagonista la star indonesiana Lo Lieh, apparso in molti progetti cinematografici di arti marziali degli anni ’60, prima di Bruce Lee. Il film ha avviato la moda del cinema di arti marziali nordamericani degli anni ’70  con oltre 30 film simili lanciati negli Stati Uniti solo nel 1973. 

L’urlo di Chen terrorizza anche l’occidente (1972)

È un film commedia di arti marziali di Hong Kong del 1972 scritto, coprodotto e diretto da Bruce Lee, che recita anche.  Questo è l’unico film da regista completo di Lee e anche l’ultimo lanciato nel corso della sua vita. Il film è interpretato da Nora Miao, Robert Wall e Wei Ping-ou, con Chuck Norris che interpreta il suo ruolo di lancio. Il film ha guadagnato circa 130 milioni di dollari a livello globale, pari a oltre 700 milioni di dollari oggi, rispetto a un piano di spesa limitato di $ 130.000, guadagnando mille volte il suo piano di spesa. È stato il film di Hong Kong con il maggior incasso fino al film successivo di Lee, Enter the Dragon (1973).

I 3 dell’Operazione Drago (1973)

È un film di arti marziali del 1973 diretto da Robert Clouse e scritto da Michael Allin.  Il film è interpretato da Bruce Lee, John Saxon e Jim Kelly. È stato l’ultimo film finito di Lee prima della sua morte, avvenuta il 20 luglio 1973 all’età di 32 anni. Una coproduzione americana e di Hong Kong, è stata presentata per la prima volta a Los Angeles il 19 agosto 1973, un mese dopo la morte di Lee. Si stima che il film abbia  guadagnato oltre 400 milioni di dollari in tutto il mondo, l’equivalente di oltre 2 miliardi di dollari oggi, contro un piano di spesa di 850.000 dollari. Avendo realizzato più di 400 volte il suo piano di budget, è uno dei film più redditizi di tutti i tempi ed il film di arti marziali di maggior successo commerciale.

È considerato uno dei migliori film di arti marziali mai realizzati. Tra i primissimi film a integrare l’azione di arti marziali con componenti di film di spionaggio e l’emergente categoria di blaxploitation, il suo successo ha causato una serie di produzioni simili che integrano le categorie di arti marziali e blaxploitation. I suoi temi hanno creato discussioni sulle modifiche che si verificano all’interno delle società asiatiche postcoloniali dopo la fine della seconda guerra mondiale. Esso è anche considerato uno dei film d’azione più importanti dell’eternità, con il suo successo che si aggiunge al mainstream mondiale dell’interesse per le arti marziali e ispira molte opere di finzione, tra cui film d’azione, programmi televisivi, film d’azione  videogiochi, fumetti, manga e anime.

Black Belt Jones (1974)

È un film di arti marziali blaxploitation americano del 1974 diretto da Robert Clouse e interpretato da Jim Kelly e Gloria Hendry. Il film è un sequel del precedente film di Go into the Dragon, in cui Kelly aveva un ruolo di supporto. Qui, Kelly ha il suo primo ruolo da protagonista;  è un eroe che combatte la mafia e uno spacciatore locale. 

La mafia ha scoperto della costruzione di un nuovo centro civico, e ha acquistato tutti i terreni ad eccezione di un dojo di karate di proprietà di “Pop” Byrd (Scatman Crothers), che si rifiuta di  lasciare la sua proprietà.  Il Don contatta uno spacciatore indebitato chiamato “Pinky”, che in realtà aveva rubato $ 250.000 dalla mafia che di conseguenza aveva prestato a Pop Byrd per far costruire il dojo. Il Don ordina a Pinky di riavere i suoi soldi o di reclamare la proprietà.  “Black Belt” Jones (Jim Kelly), un combattente marziale mercenario, viene contattato dal suo vecchio amico Pop per aiutarlo a mettere in sicurezza il dojo.

La leggenda dei 7 vampiri d’oro (1974)

È un film horror di arti marziali del 1974.  Il film inizia nel 1804, quando 7 vampiri vestiti con maschere d’oro vengono rianimati dal conte Dracula, interpretato da John Forbes-Robertson. Un secolo dopo, Peter Cushing nei panni del professor Van Helsing, noto al mondo per le sue imprese con Dracula, viene assunto da un ragazzo e dai suoi 7 fratelli dopo aver tenuto una conferenza in un’università cinese per occuparsi dei vampiri.  

Il film è una coproduzione britannico-Hong Kong tra Hammer Film Productions e Shaw Brothers Studio. Chang Cheh è stato impiegato per dirigere scene di arti marziali aggiuntive per l’uscita del film in Oriente. Il film è stato lanciato per la prima volta a Hong Kong e successivamente nel Regno Unito con una durata molto più breve.  Il film è stato un fallimento monetario.  Nelle recensioni fu ritenuto noioso se non fosse stato per il contributo di Peter Cushing come cacciatore di Dracula e per alcuni combattimenti innovativi. 

Bruce Lee Fights Back from the Grave (1976)

È un film di arti marziali soprannaturale di Bruceploitation del 1976 con protagonista l’allenatore di tae kwon do Jun Chong. Il film è stato diretto da Lee Doo-yong, anche se alcune fonti poco attendibili dichiarano che il film è stato diretto dal regista italiano horror Umberto Lenzi. La scena di apertura rivela Bruce Lee, interpretato da un sosia non identificato, che salta fuori dalla sua tomba dopo essere stato colpito da un fulmine. Mentre il titolo indica una storia che include Bruce Lee che ritorna dall’aldilà per combattere, il resto del film si concentra su una trama che non ha nulla a che fare con Bruce Lee. Piuttosto, parla di Wong Han, un uomo coreano che tenta di scoprire il mistero dietro la morte di suo fratello, Han Ji-Hyeok. Fa un viaggio a Los Angeles e si allea con una signora di nome Suzanne.  Han è infastidito da una varietà di piccoli delinquenti e scagnozzi nel suo tentativo di scoprire la realtà su suo fratello. Alla fine, inizia a credere che Ji-Hyeok sia ancora vivo e associato a un racket criminale.

Il ritorno di palma d’acciaio (1976)

È un film di arti marziali di Hong Kong del 1976 diretto da Lo Wei e interpretato da Jackie Chan. È il primo di numerosi film in cui Lo ha diretto Chan. Il film ha dato a Chan il suo primo ruolo da protagonista in un film lanciato a livello internazionale.  Il film è stato il seguito di Fist of Fury di Bruce Lee, uno dei successi più significativi di Lo Wei. Chan era già apparso nel primo Fist of Fury come stuntman. New Fist of Fury è diventato parte dello sforzo di Lo per commercializzare Jackie Chan come il nuovo Bruce Lee, e non aveva niente di divertente come i successivi film di Chan.

Hand of Death (1976)

È un film di arti marziali di Hong Kong del 1976 scritto e diretto da John Woo.  Ha come protagonisti Doran Tan e James Tien nei ruoli principali e include i primi ruoli di supporto di Jackie Chan e Sammo Hung. Oltre alla recitazione, Hung ha anche lavorato come coordinatore degli stunt, mentre Biao ha anche svolto gran parte del lavoro di stuntman.  

Per tutta la dinastia Qing i discepoli Shaolin sono perseguitati da un potente guerriero, Shih Shao-Feng, che desidera liberare la Cina dagli Shaolin. In una scuola di formazione remota un gruppo di Shaolin si allena insieme. Al loro miglior apprendista Yun Fei viene offerto il compito di rimuovere Shih e il suo regno del terrore. Lungo la strada fa amicizia con il personaggio di Chan Yuan-lung, Tan Feng, che è un fabbro.

VAI AI FILM DA GUARDARE

The Dragon Lives Again (1977)

È un film fantasy e commedia di arti marziali del 1977 in cui l’anima di Bruce Lee, interpretato da Bruce Leung Siu-lung, va negli Inferi. Lì, il defunto Lee interpreta una varietà di icone della cultura pop, tra cui Dracula, James Bond, Zatoichi, Clint Eastwood, Il padrino, L’esorcista e persino il personaggio del porno soft degli anni ’70 Emmanuelle. Lee fa amicizia con The One-Armed Swordsman, Caine del Kung Fu televisivo e Popeye.

Il film inizia con l’affermazione: “Questo film è dedicato a milioni di persone a cui piace Bruce Lee”. Dopo la sua morte imprevista, Bruce Lee (Bruce Leung Siu-lung) si risveglia e si ritrova negli “Inferi”. Qui incontra il Re degli Inferi e dopo aver messo in dubbio il potere del re, il re mostra il suo fastidio scuotendo un palo che può innescare un terremoto attraverso gli Inferi.

Messaggi da forze sconosciute (1978)

È un film fantasy di arti marziali del 1978 diretto da Richard Moore e co-scritto da Bruce Lee, che intendeva recitare lui stesso nel film, ma è morto prima della produzione. Dopo la morte di Lee nel 1973, Silliphant e Stanley Mann finirono la sceneggiatura del film, e la parte di Lee fu data a  La star del Kung Fu David Carradine. Anche molte altre famose star hanno avuto piccole parti nel film, tra cui Roddy McDowall, Eli Wallach e Christopher Lee. 

In una competizione di arti marziali, i combattenti si contendono il diritto di iniziare una missione per sfidare Zetan (Lee), un famoso mago che possiede un libro di conoscenza unico in cui c’è tutta la conoscenza del mondo. Il combattente dalla testa grossa Cord (Jeff Cooper) batte ogni sfidante, tuttavia viene squalificato per aver combattuto in modo scorretto.  Cable sceglie di seguire il vincitore finale, Morthond (Anthony de Longis), sperando che possa condurre Cord a Zetan.

36ª camera dello Shaolin (1978)

È un film di kung fu di Hong Kong del 1978 diretto da Lau Kar-leung e prodotto da Shaw Brothers, con Gordon Liu. Il film segue una variazione estremamente romanzata di San Te, un famoso discepolo di arti marziali Shaolin che si è allenato sotto il Chi Shan di base. Il film è considerato uno dei migliori film di kung fu e un punto di svolta nelle professioni del regista e della star. È stato seguito da Return to the 36th Chamber, che è stato più comico nei dialoghi e includeva Gordon Liu come il nuovo personaggio principale.  

Un giovane studente di nome Liu Yude viene coinvolto dal suo istruttore attivista nella rivolta locale contro il governo federale manciù. I funzionari governativi, guidati dal severo generale Tien Ta, tuttavia, frenano rapidamente la rivolta, liquidano la scuola ed eliminano i familiari degli allievi. Yude sceglie di cercare vendetta e si dirige verso il tempio Shaolin per scoprire il kung fu.

Le furie umane del kung fu (1978)

È un film cult di arti marziali di Hong Kong del 1978 diretto da Chang Cheh, con protagonista il Venom Mob, con la coreografia di arti marziali di Leung Ting, e prodotto dallo Shaw Brothers Studio, su 5 combattenti di kung-fu con diverse maschere di animali: il Centipede, Il serpente, lo scorpione, la lucertola e il rospo: sono le cinque creature velenose del folklore cinese, da cui il film prende il titolo. Il film è considerato uno dei film di arti marziali più popolari del suo periodo.  

Il maestro scomparso del potente Clan Veleno invia il suo ultimo allievo, Yang Tieh, con un obiettivo importante. Preoccupato che le abilità che ha insegnato vengano utilizzate per il male, arruola Yang per rintracciare un collega in pensione, Yun, e avvisarlo che la fortuna che ha raccolto dalle attività del clan è minacciata da 5 dei suoi precedenti studenti. Yang deve trovare la posizione e le vere identità di questi guerrieri mascherati.

L’ultimo combattimento di Chen (1978)

È un film di arti marziali di Hong Kong, girato tra l’agosto e l’ottobre del 1972, diretto, scritto, prodotto e interpretato da Bruce Lee, nel suo ultimo lavoro cinematografico. Lee è morto durante la realizzazione del film. Prima della sua morte sono stati girati oltre 100 minuti di riprese video che in seguito sono andate perdute negli archivi di Golden Harvest. Il filmato rimanente è stato pubblicato con il dialogo inizialeb in cantonese e inglese di Lee. Gran parte del video che è stato girato proviene da quello che doveva essere il climax del film.

Durante la registrazione, Lee ha ottenuto un accordo per recitare in Enter the Dragon, il primo film di kung fu prodotto da uno studio di Hollywood, e con un piano di budget senza eguali per la categoria ($ 850.000). Lee è morto di edema cerebrale prima dell’uscita del film. Al momento della sua morte, aveva escogitato strategie per riprendere le riprese di The Game of Death. Dopo la morte di Lee, il regista di Enter the Dragon Robert Clouse è stato assunto per finire il film utilizzando due controfigure;  è stato lanciato nel 1978 come Game of Death, 5 anni dopo la morte di Lee, da Golden Harvest.

Drunken Master (1978)

È un film commedia di arti marziali di Hong Kong del 1978 diretto da Yuen Woo-ping, con Jackie Chan, Yuen Siu-tien e Hwang Jang-lee. È stato un successo al botteghino di Hong Kong, guadagnando 2 volte e mezzo di più del precedente film di Yuen e Chan, Snake in the Eagle’s Shadow, anch’esso considerato un successo. È un punto di riferimento della categoria divertente delle arti marziali e ha anche contribuito a rendere popolare Jackie Chan in Asia. È stato classificato tra i migliori film di arti marziali. Ha generato un seguito principale, Drunken Master II (1994), oltre a una serie di spin-off. Ha avuto un notevole effetto sociale, ispirando vari film successivi, canzoni, anime, manga e anche videogiochi.

The Magnificent Butcher (1979)

È un film divertente di arti marziali di Hong Kong del 1979 diretto da Yuen Woo-ping e interpretato da Sammo Hung, Kwan Tak-hing, Yuen Biao e Wei Pai. Il film è basato sulla storia di Lam Sai-wing, tra gli apprendisti del famoso eroe popolare cinese Wong Fei-hung. Hung interpreta “Butcher” Lam Sai-wing e Kwan Tak-hing interpreta Wong Fei-hung, un ruolo che aveva già interpretato in oltre 70 film. 

Il film include Hung Yuen Biao nei panni di un altro apprendista di Wong, Leung Foon, un ruolo che avrebbe ripetuto anni dopo nel film C’era una volta in Cina insieme a Jet Li. The Magnificent Butcher è stato prodotto come tentativo di Hung di replicare il successo del divertente film d’azione di arti marziali Drunken Master di Jackie Chan del 1978 , in cui Chan interpreta Wong Fei-hung. 

Lam Sai-wing (Sammo Hung), chiamato anche Butcher Wing, è un allievo di Wong Fei-hung (Kwan Tak-hing). Il fratello perduto da tempo di Butcher Wing, Lam Sai-kwong (Chiang Kam), vive in città con la sua compagna Yuet-mei (Tong Ching).  Ko Tai-hoi (Fung Hak-on), il figlio del Maestro Ko (Lee Hoi-sang), vede Yuet-mei e la rapisce. Il rapimento è visto dalla figlioccia del Maestro Ko, Lan-hsing (JoJo Chan).

The Big Brawl (1980)

È un divertente film d’azione di arti marziali del 1980, che rappresenta il primo tentativo di Jackie Chan di entrare nel mercato cinematografico americano di Hollywood. Una produzione americana e di Hong Kong, è stato diretto da Robert Clouse e comprendeva gran parte del team di Enter the Dragon (1973). Il film è ambientato principalmente a Chicago, Illinois, negli anni ’30, sebbene sia stato girato in Texas, e segue il personaggio di Chan, un artista marziale cinese americano, mentre combatte da solo la mafia.

Sebbene abbia avuto un discreto successo in Nord America e Hong Kong, The Big Brawl è stato al di sotto delle aspettative in questi mercati, ma ha avuto più successo in altri mercati asiatici ed europei. Gli scarsi guadagni del film in Nord America, tuttavia, hanno indotto Chan a essere a trovare ruoli di supporto in altri film. Chan in seguito fece un altro sforzo per entrare nel mercato americano con The Protector del 1985, che andò anche peggio di questo film. Solo nel  1995 con Rumble in the Bronx, in cui Chan mostrava il suo caratteristico umorismo e il suo lavoro acrobatico, ha avuto successo nei cinema americani.

The Octagon (1980)

È un film d’azione americano di arti marziali del 1980 con Chuck Norris, Karen Carlson e Lee Van Cleef.  È stato diretto da Eric Karson e scritto da Paul Aaron e Leigh Chapman. Il film racconta di un combattente di arti marziali (Chuck Norris) che deve fermare un gruppo di terroristi addestrati nello stile ninja dal suo fratellastro (Tadashi Yamashita).  

Il film è stato girato a Los Angeles. È significativo per il suo uso innovativo della “voce fuori campo” per rappresentare la vita interiore del personaggio di Norris, Scott James. Il film si apre con una breve scena in un campo di addestramento.  L’allenatore Katsumoto (Yuki Shimoda) informa gli allievi che tutte le loro azioni saranno sorvegliate e che se fanno qualcosa per danneggiare il gruppo loro e le loro famiglie verranno eliminati.

The Prodigal Son (1981)

È un film commedia di arti marziali di Hong Kong del 1981 con Yuen Biao e diretto da Sammo Hung, che ha anche recitato insieme a Barry Wong. Il film è stato scelto per 2 Hong Kong Film Awards e ha vinto il premio per la migliore coreografia d’azione. Il film racconta la storia di Leung Chang, il figlio di un uomo ricco che studia a malincuore il kung fu. L’assenza di talento di Leung Chang costringe suo padre a pagare gli avversari per perdere nei combattimenti. Dopo che Leung Chang scopre che suo padre lo ha ingannato, finisce per essere ispirato a studiare più seriamente le arti marziali e cerca di convincere uno specialista di kung fu ad assumerlo come allievo. 

L’invincibile ninja (1981)

È un film di arti marziali americano del 1981 diretto da Menahem Golan e interpretato da Franco Nero, Susan George, Sho Kosugi e Christopher George. Il film ha a che fare con un artista marziale di nome Cole (Nero) che sta visitando il suo amico Frank nelle Filippine.  All’arrivo, Cole scopre che il suo amico è infastidito dal ricco uomo d’affari Charles Venarius che desidera la terra di Frank per il petrolio sottostante. Frank e sua moglie sono costantemente ostacolati da Cole che li salvaguarda con le sue abilità nelle arti marziali. Sapendo dell’esistenza di Cole, Venarius impiega il suo ninja (Kosugi).

Inizialmente il film doveva essere diretto da Emmett Alston e interpretato da Mike Stone. All’inizio della produzione, Alston è stato sostituito da Golan, tuttavia è rimasto come secondo regista, e Stone è stato sostituito da Nero, tuttavia è rimasto come controfigura di combattimento e acrobazie.  Dalla sua uscita, il film ha portato un seguito di culto. Il film ha dato il via a una moda dei film hollywoodiani a tema ninja nei primi anni ’80 ed è stato il primo film della Ninja Trilogy di Cannon Films, una serie che include Revenge of the Ninja (1983) e Ninja III: The Domination ( 1984). Il film ha inaugurato la professione di Sho Kosugi, che ha continuato a recitare il ruolo principale in entrambi i sequel del film, recitando anche in altri film e programmi televisivi a tema ninja degli anni ’80 come The Master (1984).

VAI AI FILM DA GUARDARE

Legendary Weapons of China, (1982)

È un film wuxia di arti marziali del 1982 diretto da Lau Kar-Leung.  È ambientato durante la tarda dinastia Qing quando l’imperatrice vedova Cixi invia i suoi rappresentanti a diverse fazioni ribelli per scoprire artisti marziali soprannaturali che sono invulnerabili ai proiettili occidentali.    Come suggerisce il titolo del film, si verificano un’incredibile varietà di battaglie, comprese le “famose armi”.

 Lau Kar-Leung è noto per aver rivelato il “vero Kung-Fu” nei suoi film, si prende una certa licenza creativa includendo componenti della magia popolare taoista Maoshan con la battaglia corpo a corpo.  Questo assomiglia a quello che ha realizzato in un altro dei suoi film, Heroes of the East (o “Challenge of the Ninja”).

Shao Lin Sì (1982)

È un film di arti marziali cinese-Hong Kong del 1982 diretto da Chang Hsin Yen e interpretato da Jet Li nel suo ruolo di lancio oltre a Ding Lan e Yu Hai nei ruoli di supporto. Il film è basato sul monastero di Shaolin in Cina e illustra lo Shaolin Kung Fu. Il film è stato tra le prime coproduzioni significative tra Hong Kong e la Cina continentale, e il primo ad essere girato nella Cina continentale con un cast principalmente continentale. La trama del film ha una struttura narrativa episodica ed integra storia romantica, azione e componenti divertenti. 

 È stato il primo film di arti marziali realizzato nella Cina continentale dopo l’inizio della Repubblica popolare cinese;  fino ad allora, i film di kung fu venivano girati a Hong Kong e i film wuxia di King Hu principalmente a Taiwan. Allo stesso modo è stato il primo film ad essere girato in un monastero di Shaolin. Ha venduto circa 500 milioni di biglietti in Cina e si stima che sia il film con il maggior incasso mai registrato in Cina. 

Il successo del film ha sviluppato Jet Li come la prima vera star della Cina continentale di Hong Kong, e successivamente di Hollywood.  È stato anche il principale responsabile della trasformazione del monastero di Shaolin in un importante luogo di viaggio, sia in Cina che in tutto il mondo. Un remake del film è stato lanciato nel 2011 intitolato Shaolin e interpretato da Andy Lau, Nicholas Tse e Jackie Chan.

La Tigre e il Dragone (2000)

È un film wuxia del 2000 diretto da Ang Lee e scritto da Wang Hui-ling, James Schamus e anche Tsai Kuo-jung.  Il film include attori di origine etnica cinese, composto da Chow Yun-fat, Michelle Yeoh, Zhang Ziyi e anche Chang Chen. È basato sull’omonima storia cinese serializzata tra il 1941 e il 1942 da Wang Dulu, la quarta parte della sua pentalogia di Crane Iron. Il film è stato realizzato con un piano di spesa di 17 milioni di dollari con la discussione in cinese standard, sottotitolato per numerosi mercati, ed è diventato un successo mondiale a sorpresa, guadagnando $ 213,5 milioni in tutto il mondo. 

Il film ha ottenuto 40 riconoscimenti ed è stato anche scelto per 10 Academy Awards nel 2001, tra cui Miglior film in lingua straniera, Migliore scenografia, Miglior colonna sonora originale e Miglior fotografia. Il film ha inoltre vinto quattro BAFTA e due Golden Globe, uno per il miglior film straniero. Oltre ai suoi numerosi riconoscimenti, il film è menzionato come uno dei migliori film wuxia mai realizzati. Il film è stato apprezzato per la sua storia, regia, cinematografia e scene di combattimento.

The Rebel (2007)

È un film di arti marziali vietnamita del 2007 diretto da Charlie Nguyen e interpretato da Johnny Tri Nguyen, Dustin Nguyen e Veronica Ngo. Il film è ambientato nel Vietnam occupato dai francesi nel 1922, dove le rivoluzioni contadine contro i colonialisti francesi sono emerse in tutta la nazione. In reazione, i francesi hanno uomini vietnamiti per trovare e sbarazzarsi dei ribelli. Tra essi c’è Le Van Cuong: i suoi principi sono distrutti dallo spargimento di sangue che ha creato. In seguito all’assassinio di un’autorità francese di alto livello, Cuong è incaricato di cercare ed eliminare il noto leader della resistenza. Cuong incontra Vo Thanh Thuy, un implacabile combattente rivoluzionario nonché la figlia del leader ribelle. 

Clash (2009)

È un film di arti marziali vietnamita del 2009 diretto da Le Thanh Son e interpretato da Johnny Tri Nguyen e dall’attrice / cantante Veronica Ngo.  Johnny Tri Nguyen e Veronica Ngo si erano recentemente presentati insieme nel film del 2007 The Rebel. Trinh nome in codice Phoenix (Ngo Thanh Van), una donna che lavora per la mafia, deve finire una serie di lavori per il suo boss Hac Long (Hoang Phuc Nguyen) per vincere il lancio del suo bambino rapito. Cerca aiuto assumendo diversi mercenari, tra cui Quan, soprannominato Tiger, di cui si innamora. Ma dopo poco tempo Thrinh si accorge che l’uomo ha motivazioni diverse. 

Merantau (2009)

È un film di arti marziali indonesiano del 2009 prodotto, diretto e montato da Gareth Huw Evans, nonché interpretato da Iko Uwais.  Il film, che segna il lancio di Uwais come attore, è la prima collaborazione tra il regista Evans e l’attore Uwais. È anche il lancio della recitazione di Yayan Ruhian, entrambi incontrati da Evans mentre girava un docudrama in Indonesia che divenne la sua introduzione allo stile di combattimento Pencak Silat.

Yuda è un Minangkabau di West Sumatra, nonché uno specialista in silat. Come parte dell’usanza merantau (viaggiare), lascia la sua residenza per cercare un lavoro fuori dalla sua città natale. Si prepara a insegnare il silat ai giovani di Jakarta. Durante il suo viaggio in autobus, incontra Eric, un altro specialista di Silat.  Eric lo avverte che la città è piuttosto diversa da quella a cui è abituato Yuda, e sarà difficile guadagnarsi da vivere insegnando Silat. Vanno a un provino per guardie del corpo di cui Eric ha sentito parlare. Eric batte il suo sfidante, prendendo il lavoro. 

The Raid (2011)

È un film thriller di arti marziali indonesiano del 2011 scritto, diretto e montato da Gareth Evans. Il film è interpretato da Iko Uwais, che in precedenza aveva avuto a che fare con Evans in un altro film d’azione, Merantau, lanciato nel 2009. Nel film, una squadra è incaricata di penetrare in un grattacielo gestito da un feroce signore della droga nei quartieri fatiscenti di Jakarta;  tra loro c’è Rama (interpretato da Uwais), un esperto combattente del gruppo.

Mr. Vampire (1985) 

È un film horror divertente di Hong Kong del 1985 diretto da Ricky Lau e prodotto da Sammo Hung. Il successo del film ha portato allo sviluppo di un franchise di Mr. Vampire, con l’uscita di 4 sequel diretti da Ricky Lau dal 1986 al 1992, e successivi film a tema simile con vari registi lanciati tra il 1987 e il 1992, con Lam Ching-  ying come protagonista per la maggior parte di loro. Il vampiro del film è basato sui jiangshi, paragonabili sia ai vampiri che agli zombi. Il film è stato il successo della categoria jiangshi, uno stile popolare a Hong Kong negli anni ’80, e ha sviluppato una serie di cliché riconoscibili. 

Nella Cina dell’era repubblicana, il Maestro Kau si guadagna da vivere come prete taoista che si destreggia e mantiene il controllo su spiriti e vampiri aggressivi.  Insieme ai suoi apprendisti, Man-choi e Chau-sang, vivono in una grande casa protetta dal mondo spirituale con amuleti e talismani.

Storia di fantasmi cinesi (1987)

È una commedia romantica e horror di Hong Kong del 1987 con Leslie Cheung, Joey Wong e Wu Ma, diretto da Ching Siu-tung e prodotto da Tsui Hark. La trama è vagamente basata su una narrazione su Nie Xiaoqian da Strange Stories from a Chinese Studio dell’autore della dinastia Qing Pu Songling ed è anche ispirata dal film dello Shaw Brothers Studio del 1960 The Enchanting Shadow. 

Il film era popolare a Hong Kong e in un certo numero di nazioni asiatiche, tra cui la Corea del Sud e il Giappone. Il film non ho avuto accesso alle sale cinematografiche della Cina continentale quando è stato lanciato per la prima volta, ed è diventato un film cult tra i giovani cinesi. A quel tempo il film ha prodotto uno straordinario seguito di culto tra il pubblico, in particolare la generazione nata negli anni ’80. Il film ha innescato un modello di film di fantasmi folcloristici nel mercato cinematografico di Hong Kong ed è stato classificato tra i 100 migliori film cinesi. 

Dragon – La storia di Bruce Lee (1993) 

È un film drammatico biografico americano del 1993 diretto da Rob Cohen. Il film è interpretato da Jason Scott Lee, con un cast composto da Lauren Holly, Nancy Kwan e Robert Wagner. Il film segue la vita della star e artista marziale Bruce Lee (Jason) dal suo trasferimento negli Stati Uniti da Hong Kong alla sua professione di istruttore di arti marziali, e successivamente come star televisiva e cinematografica. Si concentra anche sulla relazione tra Bruce e sua moglie Linda Lee Cadwell e sugli effetti della celebrità su Bruce Lee.

La fonte principale della sceneggiatura del film è la biografia di Cadwell del 1975 Bruce Lee: The Man Only I Knew. Altre fonti sono il libro di Robert Clouse Bruce Lee: The Biography e lo studio di ricerca di Cohen, composto da interviste con Cadwell e il figlio di Bruce, Brandon Lee.  Invece di un film biografico standard, Cohen ha scelto di inserire componenti di misticismo e drammatizzare le scene di lotta per dargli lo stesso tono dei film in cui recitava Bruce. Dragon è stato girato principalmente a Hong Kong, Los Angeles e San Francisco.

Dragon: The Bruce Lee Story ha avuto recensioni favorevoli, con i critici lo trovarono divertente nonostante le critiche per la sua venerazione per Bruce Lee. Il film è stato un successo e i suoi profitti sono andati oltre la media dei film biografici, che è stato attribuito ai suoi temi romantici e al suo attrarre persone al di fuori del pubblico standard dei film di kung fu. Dragon è dedicato a Brandon, scomparso diverse settimane prima della sua uscita.

Mortal Kombat (1995) 

È un film d’azione di arti marziali fantasy americano del 1995 diretto da Paul W. S. Anderson e scritto da Kevin Droney. Basato sull’omonima serie di giochi per computer, è la prima installazione della serie di film Mortal Kombat. Interpretato da Linden Ashby, Cary-Hiroyuki Tagawa, Robin Shou, Bridgette Wilson, Talisa Soto e Christopher Lambert, il film segue un gruppo di eroi che prendono parte all’omonima competizione di Mortal Kombat per proteggere la Terra dal dominio di forze oscure. La sua storia adatta principalmente il videogioco del 1992, utilizzando anche aspetti del videogioco Mortal Kombat II (1993).

Il film ha ricevuto recensioni contrastanti da parte della critica, che ha applaudito le scene di arti marziali, l’ambientazione e i valori di produzione, ma ha criticato gli attori, la sceneggiatura e la violenza dei videogiochi. E’ stato un successo, guadagnando $ 122 milioni su un piano di spesa di $ 20 milioni. Mortal Kombat è stato seguito da diversi sequel che non sono stati in grado di eguagliare il successo del film iniziale e la serie è stata riavviata con un film del 2021.

Centinaia di film e documentari selezionati senza limiti

Nuovi film ogni settimana. Guarda su qualsiasi dispositivo, senza nessuna pubblicità. Annulla in qualsiasi momento.
error: Content is protected !!

Indiecinema Film Festival 2022

Indiecinema Film Festival 2022

Dal 5 Dicembre al 31 gennaio guarda in streaming la selezione dei film in concorso: cortometraggi, documentari e film indipendenti da tutto il mondo