Anthony Perkins

Indice dei contenuti

Anthony Perkins. Il nome stesso ricorda un attore talentuoso ed enigmatico, noto per il suo ruolo iconico di Norman Bates nel thriller psicopatico “Psycho” di Alfred Hitchcock. Ma in Perkins c’è molto di più oltre al suo indimenticabile ritratto del disturbato proprietario di un motel. In questo articolo faremo un tuffo nel profondo nella vita e nella carriera di Anthony Perkins, dai suoi esordi in teatro fino a diventare una leggenda di Hollywood. Quindi siediti, rilassati e preparati a imparare tutto sull’uomo dietro l’iconico personaggio di Norman Bates.

Primi anni di vita e carriera

Anthony-Perkins

Nato il 4 aprile 1932 a New York City, Anthony Perkins era il figlio dell’attore teatrale e cinematografico Osgood Perkins. Fin da piccolo mostra interesse per la recitazione e spesso accompagna il padre a teatro. Tuttavia, l’infanzia di Perkins non è stata priva di difficoltà. I suoi genitori divorziarono quando aveva solo cinque anni e fu lasciato allevato da sua madre, alla quale in seguito fu diagnosticata la schizofrenia. Queste prime esperienze hanno avuto un profondo impatto su Perkins e hanno plasmato il suo futuro come attore.

Gli inizi di Broadway

L’incursione di Perkins nella recitazione è iniziata con apparizioni in spettacoli locali e produzioni estive. Tuttavia, è stata la sua interpretazione nella commedia “Tea and Sympathy” ad attirare l’attenzione del produttore di Hollywood George Stevens. Stevens è rimasto così colpito da Perkins che gli ha offerto un provino per il ruolo principale nel suo prossimo film “The Actress”. All’epoca Perkins aveva solo 22 anni e non aveva precedenti esperienze cinematografiche. Nonostante ciò, ottenne il ruolo e fece il suo debutto cinematografico nel 1953.

Sfortunatamente, “The Actress” non fu un successo commerciale e Perkins tornò a Broadway, dove continuò ad affinare la sua arte. Ha ottenuto il plauso della critica per le sue interpretazioni in spettacoli come “Look Homeward, Angel” e “Greenwillow”. Tuttavia, fu solo nel 1955 che Perkins lasciò il segno a Hollywood con il film “Friendly Persuasion”. Il suo ruolo di Josh Birdwell, un giovane soldato durante la Guerra Civile, gli è valso una nomination all’Oscar come miglior attore non protagonista.

Il ruolo iconico di Norman Bates

Dopo il successo in “Friendly Persuasion”, Perkins ha continuato a lavorare stabilmente sia nel cinema che nel teatro. Tuttavia, è stata la sua collaborazione con Alfred Hitchcock nel film “Psycho” del 1960 a consolidare il suo posto nella storia di Hollywood. Il ritratto di Perkins del disturbato proprietario di un motel Norman Bates è stato accolto con favore dalla critica e lo ha consolidato come attore di talento. La sua interpretazione è stata così convincente che ancora oggi la gente lo associa al personaggio di Norman Bates.

Dietro le quinte di “Psycho”

Sebbene “Psycho” possa essere stato un ruolo determinante per la carriera di Perkins, non è stato privo di sfide. In un’intervista con il New York Times, ha rivelato che la famigerata scena della doccia ha richiesto sette giorni per essere girata e 78 angolazioni della telecamera. Ha anche raccontato che Hitchcock era molto attento ad ogni dettaglio, dall’illuminazione all’angolazione del coltello. Nonostante le difficoltà, la dedizione di Perkins al ruolo ha dato i suoi frutti e “Psycho” è diventato uno dei film horror più influenti e iconici di tutti i tempi.

Un attore versatile

Antonio-Perkins

Anche se molti ricordano Perkins per il suo ruolo in “Psycho”, era molto più di un semplice cattivo di un film horror. Nel corso della sua carriera si è rivelato un attore versatile, ricoprendo una varietà di ruoli di generi diversi. Negli anni ’70 e ’80 ha recitato in diverse produzioni di Broadway, tra cui “Equus” e “Romantic Comedy”. Ha anche fatto apparizioni in programmi televisivi come “The Love Boat” e “Murder, She Wrote”.

Un film degno di nota che ha messo in mostra la gamma di Perkins come attore è stato “Five Miles to Midnight” (1962), dove interpretava un marito manipolatore al fianco di Sophia Loren. La sua interpretazione in questo film gli è valsa una nomination ai Golden Globe come miglior attore. Inoltre, Perkins si è dilettato anche nella regia, e il suo debutto alla regia è stato il film horror cult “Psycho III” nel 1986.

Vita personale e lotte

Sebbene Anthony Perkins possa essere stato un rubacuori di Hollywood, ha lottato con problemi personali per tutta la vita. Era noto per essere un tipo tranquillo e riservato, che spesso si teneva per sé sul set. Tuttavia, le sue lotte andavano oltre la semplice timidezza. In un’intervista con People Magazine, Perkins ha dichiarato di aver combattuto la depressione e di essersi persino sottoposto a cure per malattie mentali. Nonostante ciò, continuò a lavorare e rimase dedito al suo mestiere.

La vita personale di Perkins venne esaminata attentamente negli anni ’70, quando iniziarono ad emergere voci sulla sua sessualità. In un’epoca in cui l’omosessualità non era ampiamente accettata, Perkins scelse di mantenere la sua vita privata nascosta agli occhi del pubblico. Tuttavia, nel 1992, riconobbe pubblicamente la sua omosessualità e rivelò di convivere con l’HIV da diversi anni. Purtroppo, Perkins morì il 12 settembre 1992 a causa di complicazioni dovute all’AIDS all’età di 60 anni.

Eredità e influenza

Anthony Perkins potrebbe esserci stato portato via troppo presto, ma la sua eredità continua a vivere attraverso le sue performance senza tempo e il suo impatto su Hollywood. Ha aperto la strada ai futuri attori LGBTQ+ essendo uno dei primi attori di serie A a fare coming out pubblicamente. Il suo ruolo di Norman Bates in “Psycho” rimane una delle interpretazioni più iconiche e influenti nella storia del cinema.

In sua memoria

In onore del contributo di Perkins al cinema e al teatro, gli è stata dedicata una stella sulla Hollywood Walk of Fame nel 1994. È stato anche inserito postumo nell’American Theatre Hall of Fame nel 2016, riconoscendo il suo impatto a Broadway.

Inoltre, ogni anno dalla sua scomparsa, l’Anthony Perkins Memorial Fund ha organizzato un evento di raccolta fondi chiamato “A Sondheim Evening”. L’evento raccoglie fondi per la ricerca sull’AIDS e onora l’amore di Perkins per le opere del compositore e paroliere Stephen Sondheim.

Filmografia

Per comprendere veramente la portata della carriera di Anthony Perkins, abbiamo compilato un elenco di alcuni dei suoi film più importanti. Dall’horror al dramma, questi film mettono in mostra la versatilità di Perkins come attore.

Film

AnnoTitolo
1953L’attrice
1956Persuasione amichevole
1960Psycho
1962Five Miles to Midnight
1973The Last of Sheila
1977Mahogany
1986Psycho III

Televisione

AnnoTitolo
1974Remember When
1978Les Misérables
1986Murder, She Wrote
1986The Twilight Zone
1987Perry Mason: The Case of the Sinister Spirit
Picture of Indiecinema

Indiecinema

0 0 voti
Film Rating
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi.x