Michael Powell ed Emeric Pressburger

Indice dei contenuti

Michael Powell, nato il 30 settembre 1905, è stato un regista inglese, celebre per la sua collaborazione con Emeric Pressburger. Attraverso la loro società di produzione The Archers, insieme hanno creato una raccolta di classici film britannici, in particolare The Life e Death of Colonel Blimp (1943), A Canterbury Tale (1944), I Know Where I’m Going ! Il suo controverso film del 1960 Peeping Tom, mentre oggi è considerato un cult del genere “slasher”, fu così diffamato alla prima uscita che il suo lavoro fu seriamente danneggiato.

Molti registi come Martin Scorsese, Francis Ford Coppola e anche George A. Romero hanno effettivamente menzionato Powell come uno dei più importanti registi di tutti i tempi. Nel 1981 ha ottenuto il BAFTA Academy Fellowship Award insieme al suo compagno Pressburger, il più grande onore che la British Film Academy può offrire a un regista.

Powell è nato a Bekesbourne, nel Kent, e ha studiato alla King’s School, Canterbury e successivamente al Dulwich College. Iniziò a operare presso la Banca Nazionale Provinciale nel 1922, tuttavia capì rapidamente di non essere portato per fare il banchiere.

Michael Powell e il cinema

Powell entrò nell’industria cinematografica nel 1925 lavorando con il supervisore Rex Ingram ai Victorine Studios di Nizza, in Francia (il contatto con Ingram fu stabilito tramite il padre di Powell, che possedeva un resort a Nizza). Powell fece il suo debutto cinematografico come “viaggiatore inglese comico” in The Magician (1926).

Tornato in Inghilterra nel 1928, Powell ha svolto una serie di incarichi per diversi registi, incluso quello di fotografo nel film muto di Alfred Hitchcock Champagne (1928). Nelle sue memorie, Powell afferma di aver suggerito il finale al British Museum, che è stato il primo vero climax “significativo” di Hitchcock per i suoi film. Powell e Hitchcock rimasero amici per il resto della vita.

Dopo aver scritto la sceneggiatura di due produzioni, Powell ha stretto una partnership con il produttore americano Jerry Jackson nel 1931 per realizzare “quote quickies”, film della durata di un’ora, durata richiesta per soddisfare un requisito legale che le sale cinematografiche britanniche richiedono per una particolare assegnazione di film britannici. Durante questo periodo, ha consolidato le sue capacità di regista, in alcuni casi realizzando fino a 7 film all’anno.

Sebbene avesse effettivamente gestito alcune responsabilità in vari altri film, Powell ha avuto il suo primo credito sullo schermo come supervisore in Two Crowded Hours (1931). Questo thriller è stato considerato un modesto successo al botteghino nonostante il suo piano di spesa limitato. Dal 1931 al 1936, Powell è stato il regista di 23 film, tra cui Red Ensign (1934), premiato dalla critica, e The Phantom Light (1935).

Emeric Pressburger

Emeric Pressburger, nato il 5 dicembre 1902, è stato uno scrittore, regista e produttore cinematografico ungherese-britannico. È noto per le sue collaborazioni cinematografiche con Michael Powell, oltre ad aver prodotto molti film, tra cui 49th Parallel (1941), The Life and Death of Colonel Blimp (1943), A Matter of Life and also Death (Stati Uniti: Stairway to Il paradiso, 1946), Narciso nero (1947), Le scarpe rosse (1948) e I racconti di Hoffmann (1951).

Imre József Pressburger è nato a Miskolc, nel Regno d’Ungheria, di origine ebraica. In seguito ha studiato matematica e ingegneria all’Università di Praga e Stoccarda, prima che la morte del padre lo costringesse ad abbandonare gli studi.

Pressburger nel cinema

emeric-pressburger-michael-powell
Pressburger e Powell sul set

Pressburger ha iniziato come giornalista. Dopo aver lavorato in Ungheria e nella Germania dell’era della Repubblica di Weimar, iniziò a scrivere sceneggiature alla fine degli anni ’20. L’ascesa dei nazisti lo costrinse a partire per Parigi, dove lavorò ancora come sceneggiatore, e poi a Londra.

I primi film di Pressburger sono stati girati principalmente in Germania e Francia presso gli UFA Studios nella divisione Dramaturgy (supervisione della sceneggiatura e selezione dei progetti) e anche come sceneggiatore a tutti gli effetti. Negli anni ’30, numerosi film europei furono realizzati in versioni multilingue. 

Nel 1933, dopo l’ascesa al potere dei nazisti, i dirigenti dell’UFA licenziarono i restanti dipendenti ebrei dell’azienda e a Pressburger fu detto che il suo contratto non sarebbe stato rinnovato. Lasciò il suo appartamento di Berlino, “lasciando la chiave nella porta per assicurarsi che gli Stormtrooper non avrebbero dovuto danneggiare la porta” e partì per Parigi. Verso la fine del 1935, Pressburger decise che sarebbe andato sicuramente meglio in Inghilterra.

Pressburger è entrato in Gran Bretagna nel 1935 come apolide; cambiò il suo nome in Emeric nel 1938. Su richiesta di Korda di migliorare il manoscritto di La spia in nero (1939), incontrò il regista del film, Michael Powell. Pressburger faceva ancora alcuni lavori da solo.

Pressburger era più di un semplice “sceneggiatore di Michael Powell”, come alcuni lo hanno classificato. I film che hanno realizzato insieme erano principalmente storie di Pressburger, che ha anche svolto la maggior parte del lavoro di produzione per il team. Allo stesso modo, Pressburger è stata molto più coinvolto nel processo di montaggio di Powell. Inoltre, Pressburger è stato coinvolto anche nella selezione della musica per i suoi film.

Michael Powell ed Emeric Pressburger

powell-pressburger

Powell e Pressburger hanno iniziato a utilizzare mezzi diversi dopo la metà degli anni ’50. Sono rimasti amici ma hanno voluto scoprire cose diverse, avendo effettivamente fatto del loro meglio insieme. Due dei suoi ultimi film sono stati realizzati con lo pseudonimo di “Richard Imrie”.

Sono stati pubblicati 2 romanzi di Pressburger. Il primo è Killing a Mouse on a Sunday (1961), ambientato nella guerra civile spagnola. Ha ottenuto recensioni favorevoli ed è stato rapidamente tradotto in una dozzina di lingue. The Glass Pearls (1966) ha ricevuto una valutazione particolarmente sfavorevole dal Times Literary Supplement, la sua unica recensione. È stata definita da Lucy Scholes su The Paris Review nel 2019 come “un’opera davvero straordinaria. Dovrebbe essere identificata sia per l’artigianato che come un’aggiunta vitale allo stile delle opere letterarie dell’Olocausto”.

Lavorando insieme come co-produttori, sceneggiatori e supervisori in una collaborazione che hanno soprannominato “The Archers”, hanno realizzato 19 lungometraggi, molti dei quali hanno ricevuto un successo vitale e commerciale. L’elenco BFI 100 dei “film britannici preferiti del 20 ° secolo” include 5 film di Powell, quattro con Pressburger.

Gli ammiratori sosterrebbero sicuramente che Powell dovrebbe valutare insieme ai colleghi registi britannici Alfred Hitchcock e anche David Lean, la sua carriera ha subito una grave svolta dopo il lancio del film thriller psicologico Peeping Tom, realizzato nel 1960 come solista. Il film è stato stroncato dai principali critici britannici, che sono stati offesi dalle sue immagini legate al sesso e violente; Powell è stato emarginato dall’industria cinematografica e da allora è riuscito a lavorare solo saltuariamente.

Il film ha comunque incontrato l’estatica approvazione dei giovani critici di Positif e Midi-Minuit Fantastique in Francia, e quelli di Motion in Inghilterra, e nel 1965 è stato oggetto di un’importante rivalutazione positiva da parte di Raymond Durgnat nella pubblicazione d’autore Il film, in seguito ha trovato spazio nella significativa pubblicazione di Durgnat A Mirror for England.

I film di Powell arrivarono film di culto negli anni ’70 e all’inizio degli anni ’80 grazie ad una raccolta di retrospettive e riscoperte, nonché ulteriori scritti e pubblicazioni. Al momento della sua morte, lui e anche Pressburger erano stati identificati come una delle principali collaborazioni cinematografiche di tutti i tempi e menzionati come un impatto chiave da molti registi tenuti a mente come Martin Scorsese, Brian De Palma e Francis Ford Coppola.

Michael Powell nel privato

Nel 1927 Powell sposò Gloria Mary Rouger, una ballerina professionista americana; si sono sposati in Francia e sono rimasti insieme solo per 3 settimane. Durante gli anni ’40, Powell ebbe relazioni amorose con le attrici Deborah Kerr e Kathleen Byron. Dal 1 luglio 1943 fino alla sua morte il 5 luglio 1983, Powell è stato sposato con Frances “Frankie” May Reidy, figlia del medico Jerome Reidy; ebbero 2 figli: Kevin Michael Powell (nato nel 1945) e anche Columba Jerome Reidy Powell (nato nel 1951).

Successivamente, Powell è stato sposato con la montatrice cinematografica Thelma Schoonmaker dal 19 maggio 1984 fino alla sua morte nella sua casa di Avening, nel Gloucestershire. Sua nipote era la starlet australiana Cornelia Frances, che è apparsa in piccole parti nei primi film di suo zio.

I film da vedere

The Edge of the World (1937)

Nel 1937 Powell completò il suo primo vero progetto personale, The Edge of the World. Powell ha riunito attori e personale che hanno accettato di prendere parte a un’esplorazione in quella che in seguito era una parte estremamente isolata del Regno Unito. Hanno dovuto rimanere lì per molti mesi e hanno realizzato un film che non solo raccontava la storia che voleva, ma catturava anche la bellezza naturale del luogo.

Questo avvincente dramma è ambientato nell’incantevole scenario delle Isole Shetland, situate sul bordo settentrionale della Scozia. Il film esplora la vita di una comunità molto unita che affronta difficoltà economiche e una popolazione in declino.

Al cuore della trama di “The Edge of the World” c’è la struggente decisione affrontata dagli abitanti dell’isola: abbandonare la loro casa ancestrale a causa delle aspre condizioni di vita o perseverare nel loro modo di vita tradizionale. La narrazione si svolge sullo sfondo dei paesaggi accidentati delle Isole Shetland, enfatizzando l’isolamento e la bellezza di questo luogo remoto.

Mentre la comunità discute del proprio futuro, il film affronta temi profondi come la preservazione del patrimonio culturale, il peso della tradizione e lo spirito umano che perdura di fronte alle avversità. La regia di Michael Powell è magistrale, catturando sia la grandiosità dei paesaggi naturali che i momenti intimi di lotta personale.

“The Edge of the World” è celebrato per la sua cinematografia avvincente, che ritrae vividamente l’imponente e allo stesso tempo implacabile ambiente delle Isole Shetland. Si afferma come un classico del cinema britannico e una testimonianza del duraturo potere della narrazione cinematografica.

The Spy in Black (1939)

Nel 1939, Powell era stato assunto come regista da Alexander Korda, il produttore di The Edge of the World. Powell è stato chiamato per un film che veniva realizzato per due degli più famosi di Korda, Conrad Veidt e Valerie Hobson. Il film era The Spy in Black, dove Powell ha incontrato per la prima volta Emeric Pressburger.

Il film è ambientato durante la Prima Guerra Mondiale e segue la storia di un capitano di U-boat tedesco che utilizza lo pseudonimo di Tenente Hardt e un insegnante di nome Ashington. Entrambi lavorano come spie, cercando di raccogliere informazioni sulle movimentazioni navali britanniche.

Man mano che il film si sviluppa, la tensione aumenta poiché la loro missione diventa sempre più pericolosa e devono navigare tra i pericoli dell’espionaggio. La pellicola esplora temi legati all’espionaggio, alla fiducia e ai dilemmi morali che coloro coinvolti nell’espionaggio durante la guerra devono affrontare.

“The Spy in Black” è noto per la sua narrazione piena di suspense ed è un’opera precoce nella carriera del regista Michael Powell, che avrebbe poi dato un significativo contributo al cinema britannico. Si tratta di un classico esempio di cinema bellico incentrato sulla spionaggio con un forte focus sul dramma basato sui personaggi.

La sceneggiatura originale di The Spy in Black era fedele al racconto, ma era anche prolissa e non aveva un ruolo eccellente né per Veidt né per Hobson. Powell ha poi continuato a testimoniare (in A Life in Movies) esattamente come:.

… Il film europeo non esisteva più. … Solo il fantastico mondo del cinema tedesco era pronto a trattare con il sindacato americano, e il dottor Goebbels si fermò presto nel 1933. Il giorno in cui Emeric uscì allo scoperto, è stata la giornata peggiore che il medico abbia mai fatto per la credibilità della sua nazione, come avrebbe presto scoperto.

Scala al paradiso (1946)

“Scala al paradiso” è un film del 1946 diretto da Michael Powell ed Emeric Pressburger. Questo film è considerato un classico del cinema britannico ed è apprezzato per la sua combinazione di realismo e elementi fantastici.

La trama segue la storia di Peter Carter, un pilota di aerei da combattimento britannico interpretato da David Niven, che, dopo essere stato gravemente ferito in un incidente aereo, si trova in una situazione di vita o morte. Incontra un angelo, interpretato da Kim Hunter, che è stato incaricato di portarlo nell’aldilà. Tuttavia, Peter decide di sfidare le leggi divine per rimanere sulla Terra e continuare la sua relazione con una donna americana di nome June.

Il film esplora temi di amore, destino e soprannaturale, mescolando il mondo reale con il mondo dell’aldilà in una narrazione unica. È noto per le sue innovazioni visive, comprese sequenze in cui il colore e il bianco e nero si alternano per rappresentare i due mondi.

“Scala al paradiso” è considerato uno dei capolavori di Powell e Pressburger e continua a essere apprezzato per la sua storia coinvolgente e la sua audace estetica cinematografica.

Narciso nero (1947)

“Narciso nero” è un film del 1947 diretto da Michael Powell e Emeric Pressburger. Questo film è un notevole esempio di cinema britannico ed è basato sul romanzo di Rumer Godden.

La trama segue un gruppo di monache anglicane che si stabiliscono in un convento in cima a una montagna nelle Himalaya indiane. Mentre cercano di adattarsi alla vita isolata e alle sfide ambientali, affrontano una serie di conflitti interni ed esterni. La presenza di un agente del governo britannico e l’attrazione per il mondo esterno mettono alla prova la loro dedizione religiosa.

“Black Narcissus” è noto per la sua cinematografia straordinaria e il suo uso creativo del colore, che contribuiscono a creare una sensazione di atmosfera e dramma visivo unica. Il film esplora temi di desiderio, repressione e la lotta tra spiritualità e tentazione.

Questo capolavoro del cinema britannico è ancora oggi considerato uno dei film più importanti e influenti della sua epoca.

Scarpette rosse (1948)

“Scarpette rosse” è un film del 1948 diretto da Michael Powell e Emeric Pressburger. Questo film è considerato uno dei capolavori del cinema britannico ed è noto per la sua straordinaria coreografia e cinematografia.

La trama segue la storia di Victoria Page, una giovane ballerina interpretata da Moira Shearer, che ottiene il ruolo principale in uno spettacolo di danza noto come “Scarpette rosse.” Tuttavia, il suo desiderio di successo artistico entra in conflitto con il suo amore per il compositore del balletto e il direttore della compagnia di danza.

Il film esplora temi di dedizione all’arte, sacrificio personale e il conflitto tra la realizzazione artistica e la vita personale. La sua coreografia innovativa e la sua messa in scena visivamente stupefacente sono diventate iconiche nel mondo del cinema.

I racconti di Hoffmann (1951)

“I racconti di Hoffmann” è un film del 1951 diretto da Michael Powell ed Emeric Pressburger. Questo film è un adattamento dell’opera teatrale “Les Contes d’Hoffmann” di Jacques Offenbach e rappresenta un’opera d’arte cinematografica straordinaria.

La trama segue la vita del poeta tedesco Hoffmann e le sue esperienze amorose attraverso una serie di tre storie, ognuna delle quali è un racconto di un diverso amore e desiderio. Queste storie sono intrise di elementi fantastici e soprannaturali, creando un’atmosfera fiabesca.

“I racconti di Hoffmann” è noto per la sua spettacolare scenografia e i costumi elaborati, che contribuiscono a creare un mondo visivamente straordinario. La colonna sonora comprende brani musicali memorabili tratti dall’opera di Offenbach.

Questo film è un esempio straordinario di come il cinema possa catturare l’essenza di un’opera d’arte teatrale e musicale e trasformarla in un’esperienza visiva e sonora mozzafiato. È una pietra miliare del cinema e dell’adattamento delle opere liriche per lo schermo.

L’occhio che uccide (1960)

“L’occhio che uccide” è un film del 1960 diretto da Michael Powell. Questo film è noto per essere uno dei precursori del genere thriller psicologico e ha suscitato controversie all’epoca della sua uscita per il suo contenuto disturbante.

La trama ruota attorno a Mark Lewis, un giovane che lavora come assistente operatore in un laboratorio cinematografico durante il giorno e come regista dilettante di film casalinghi al di fuori dell’orario di lavoro. Tuttavia, la sua ossessione per la registrazione dei momenti di paura e terrore delle sue vittime lo porta a commettere una serie di omicidi. Il film esplora la mente distorta del protagonista e il suo desiderio morboso di catturare la paura sulla pellicola.

“Peeping Tom” è stato all’epoca un film controverso per la sua rappresentazione dell’ossessione e della violenza, ma nel corso degli anni è stato rivalutato come un capolavoro del cinema psicologico. La regia di Michael Powell e la performance dell’attore principale, Carl Boehm, sono state elogiate per la loro capacità di immergere gli spettatori nella mente disturbata del protagonista.

Picture of Indiecinema

Indiecinema

0 0 voti
Film Rating
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi.x