fbpx

Michael Powell ed Emeric Pressburger: la coppia di registi cult

Indice dei contenuti

Michael Powell, nato il 30 settembre 1905, è stato un regista inglese, celebre per la sua collaborazione con Emeric Pressburger. Attraverso la loro società di produzione The Archers, insieme hanno creato una raccolta di classici film britannici, in particolare The Life e Death of Colonel Blimp (1943), A Canterbury Tale (1944), I Know Where I’m Going ! Il suo controverso film del 1960 Peeping Tom, mentre oggi è considerato un cult del genere “slasher”, fu così diffamato alla prima uscita che il suo lavoro fu seriamente danneggiato.

Molti registi come Martin Scorsese, Francis Ford Coppola e anche George A. Romero hanno effettivamente menzionato Powell come uno dei più importanti registi di tutti i tempi. Nel 1981 ha ottenuto il BAFTA Academy Fellowship Award insieme al suo compagno Pressburger, il più grande onore che la British Film Academy può offrire a un regista.

Powell è nato a Bekesbourne, nel Kent, e ha studiato alla King’s School, Canterbury e successivamente al Dulwich College. Iniziò a operare presso la Banca Nazionale Provinciale nel 1922, tuttavia capì rapidamente di non essere portato per fare il banchiere.

I film di Michael Powell

Powell entrò nell’industria cinematografica nel 1925 lavorando con il supervisore Rex Ingram ai Victorine Studios di Nizza, in Francia (il contatto con Ingram fu stabilito tramite il padre di Powell, che possedeva un resort a Nizza). Powell fece il suo debutto cinematografico come “viaggiatore inglese comico” in The Magician (1926).

Tornato in Inghilterra nel 1928, Powell ha svolto una serie di incarichi per diversi registi, incluso quello di fotografo nel film muto di Alfred Hitchcock Champagne (1928). Nelle sue memorie, Powell afferma di aver suggerito il finale al British Museum, che è stato il primo vero climax “significativo” di Hitchcock per i suoi film. Powell e Hitchcock rimasero amici per il resto della vita.

Dopo aver scritto la sceneggiatura di due produzioni, Powell ha stretto una partnership con il produttore americano Jerry Jackson nel 1931 per realizzare “quote quickies”, film della durata di un’ora, durata richiesta per soddisfare un requisito legale che le sale cinematografiche britanniche richiedono per una particolare assegnazione di film britannici. Durante questo periodo, ha consolidato le sue capacità di regista, in alcuni casi realizzando fino a 7 film all’anno.

Sebbene avesse effettivamente gestito alcune responsabilità in vari altri film, Powell ha avuto il suo primo credito sullo schermo come supervisore in Two Crowded Hours (1931). Questo thriller è stato considerato un modesto successo al botteghino nonostante il suo piano di spesa limitato. Dal 1931 al 1936, Powell è stato il regista di 23 film, tra cui Red Ensign (1934), premiato dalla critica, e The Phantom Light (1935).

The Edge of the World

Nel 1937 Powell completò il suo primo vero progetto personale, The Edge of the World. Powell ha riunito attori e personale che hanno accettato di prendere parte a un’esplorazione in quella che in seguito era una parte estremamente isolata del Regno Unito. Hanno dovuto rimanere lì per molti mesi e hanno realizzato un film che non solo raccontava la storia che voleva, ma catturava anche la bellezza naturale del luogo.

The Spy in Black

Nel 1939, Powell era stato assunto come regista da Alexander Korda, il produttore di The Edge of the World. Powell è stato chiamato per un film che veniva realizzato per due degli più famosi di Korda, Conrad Veidt e Valerie Hobson. Il film era The Spy in Black, dove Powell ha incontrato per la prima volta Emeric Pressburger.

Inizia a guardare i film in streaming una prova gratuita

film-streaming

La sceneggiatura originale di The Spy in Black era fedele al racconto, ma era anche prolissa e non aveva un ruolo eccellente né per Veidt né per Hobson. Powell ha poi continuato a testimoniare (in A Life in Movies) esattamente come:.

… Il film europeo non esisteva più. … Solo il fantastico mondo del cinema tedesco era pronto a trattare con il sindacato americano, e il dottor Goebbels si fermò presto nel 1933. Il giorno in cui Emeric uscì allo scoperto, è stata la giornata peggiore che il medico abbia mai fatto per la credibilità della sua nazione, come avrebbe presto scoperto.

Emeric Pressburger

Emeric Pressburger, nato il 5 dicembre 1902, è stato uno scrittore, regista e produttore cinematografico ungherese-britannico. È noto per le sue collaborazioni cinematografiche con Michael Powell, oltre ad aver prodotto molti film, tra cui 49th Parallel (1941), The Life and Death of Colonel Blimp (1943), A Matter of Life and also Death (Stati Uniti: Stairway to Il paradiso, 1946), Narciso nero (1947), Le scarpe rosse (1948) e I racconti di Hoffmann (1951).

Imre József Pressburger è nato a Miskolc, nel Regno d’Ungheria, di origine ebraica. In seguito ha studiato matematica e ingegneria all’Università di Praga e Stoccarda, prima che la morte del padre lo costringesse ad abbandonare gli studi.

Pressburger nel cinema

Pressburger ha iniziato come giornalista. Dopo aver lavorato in Ungheria e nella Germania dell’era della Repubblica di Weimar, iniziò a scrivere sceneggiature alla fine degli anni ’20. L’ascesa dei nazisti lo costrinse a partire per Parigi, dove lavorò ancora come sceneggiatore, e poi a Londra.

I primi film di Pressburger sono stati girati principalmente in Germania e Francia presso gli UFA Studios nella divisione Dramaturgy (supervisione della sceneggiatura e selezione dei progetti) e anche come sceneggiatore a tutti gli effetti. Negli anni ’30, numerosi film europei furono realizzati in versioni multilingue. 

Nel 1933, dopo l’ascesa al potere dei nazisti, i dirigenti dell’UFA licenziarono i restanti dipendenti ebrei dell’azienda e a Pressburger fu detto che il suo contratto non sarebbe stato rinnovato. Lasciò il suo appartamento di Berlino, “lasciando la chiave nella porta per assicurarsi che gli Stormtrooper non avrebbero dovuto danneggiare la porta” e partì per Parigi. Verso la fine del 1935, Pressburger decise che sarebbe andato sicuramente meglio in Inghilterra.

emeric-pressburger-michael-powell
Pressburger e Powell sul set

Pressburger è entrato in Gran Bretagna nel 1935 come apolide; cambiò il suo nome in Emeric nel 1938. Su richiesta di Korda di migliorare il manoscritto di La spia in nero (1939), incontrò il regista del film, Michael Powell. Pressburger faceva ancora alcuni lavori da solo.

Pressburger era più di un semplice “sceneggiatore di Michael Powell”, come alcuni lo hanno classificato. I film che hanno realizzato insieme erano principalmente storie di Pressburger, che ha anche svolto la maggior parte del lavoro di produzione per il team. Allo stesso modo, Pressburger è stata molto più coinvolto nel processo di montaggio di Powell. Inoltre, Pressburger è stato coinvolto anche nella selezione della musica per i suoi film.

Inizia a guardare i film in streaming una prova gratuita

film-streaming

Michael Powell ed Emeric Pressburger

powell-pressburger

Powell e Pressburger hanno iniziato a utilizzare mezzi diversi dopo la metà degli anni ’50. Sono rimasti amici ma hanno voluto scoprire cose diverse, avendo effettivamente fatto del loro meglio insieme. Due dei suoi ultimi film sono stati realizzati con lo pseudonimo di “Richard Imrie”.

Sono stati pubblicati 2 romanzi di Pressburger. Il primo è Killing a Mouse on a Sunday (1961), ambientato nella guerra civile spagnola. Ha ottenuto recensioni favorevoli ed è stato rapidamente tradotto in una dozzina di lingue. The Glass Pearls (1966) ha ricevuto una valutazione particolarmente sfavorevole dal Times Literary Supplement, la sua unica recensione. È stata definita da Lucy Scholes su The Paris Review nel 2019 come “un’opera davvero straordinaria. Dovrebbe essere identificata sia per l’artigianato che come un’aggiunta vitale allo stile delle opere letterarie dell’Olocausto”.

Lavorando insieme come co-produttori, sceneggiatori e supervisori in una collaborazione che hanno soprannominato “The Archers”, hanno realizzato 19 lungometraggi, molti dei quali hanno ricevuto un successo vitale e commerciale. L’elenco BFI 100 dei “film britannici preferiti del 20 ° secolo” include 5 film di Powell, quattro con Pressburger.

Gli ammiratori sosterrebbero sicuramente che Powell dovrebbe valutare insieme ai colleghi registi britannici Alfred Hitchcock e anche David Lean, la sua carriera ha subito una grave svolta dopo il lancio del film thriller psicologico Peeping Tom, realizzato nel 1960 come solista. Il film è stato stroncato dai principali critici britannici, che sono stati offesi dalle sue immagini legate al sesso e violente; Powell è stato emarginato dall’industria cinematografica e da allora è riuscito a lavorare solo saltuariamente.

Il film ha comunque incontrato l’estatica approvazione dei giovani critici di Positif e Midi-Minuit Fantastique in Francia, e quelli di Motion in Inghilterra, e nel 1965 è stato oggetto di un’importante rivalutazione positiva da parte di Raymond Durgnat nella pubblicazione d’autore Il film, in seguito ha trovato spazio nella significativa pubblicazione di Durgnat A Mirror for England.

I film di Powell arrivarono film di culto negli anni ’70 e all’inizio degli anni ’80 grazie ad una raccolta di retrospettive e riscoperte, nonché ulteriori scritti e pubblicazioni. Al momento della sua morte, lui e anche Pressburger erano stati identificati come una delle principali collaborazioni cinematografiche di tutti i tempi e menzionati come un impatto chiave da molti registi tenuti a mente come Martin Scorsese, Brian De Palma e Francis Ford Coppola.

Michael Powell nel privato

Nel 1927 Powell sposò Gloria Mary Rouger, una ballerina professionista americana; si sono sposati in Francia e sono rimasti insieme solo per 3 settimane. Durante gli anni ’40, Powell ebbe relazioni amorose con le attrici Deborah Kerr e Kathleen Byron. Dal 1 luglio 1943 fino alla sua morte il 5 luglio 1983, Powell è stato sposato con Frances “Frankie” May Reidy, figlia del medico Jerome Reidy; ebbero 2 figli: Kevin Michael Powell (nato nel 1945) e anche Columba Jerome Reidy Powell (nato nel 1951).

Successivamente, Powell è stato sposato con la montatrice cinematografica Thelma Schoonmaker dal 19 maggio 1984 fino alla sua morte nella sua casa di Avening, nel Gloucestershire. Sua nipote era la starlet australiana Cornelia Frances, che è apparsa in piccole parti nei primi film di suo zio.

Centinaia di film e documentari selezionati senza limiti

Nuovi film ogni settimana. Guarda su qualsiasi dispositivo, senza nessuna pubblicità. Annulla in qualsiasi momento.
error: Content is protected !!

Scopri di più su Indiecinema

Scegli il film da guardare

Scegli il film da guardare in streaming tra centinaia di titoli disponibili ora su Indiecinema.