fbpx

Le migliori commedie romantiche da vedere assolutamente

Indiecinema Film Festival 2022

Dal 5 al 26 dicembre guarda i film del festival in streaming: una numerosa selezione dei migliori film indipendenti inediti da tutto il mondo.

Indice dei contenuti

Le commedie romantiche sono un sottogenere dei film commedia incentrati su trame divertenti che coinvolgono il tema dell’amore e delle relazioni sentimentali, tra cui ci sono film da vedere assolutamente. In una tipica commedia romantica i protagonisti sono spesso giovani, simpatici e destinati ad innamorarsi, eppure sono isolati da qualche situazione complicata: differenze di classe, problemi con la famiglia di origine, un altro partner. Le commedie romantiche spesso hanno un lieto fine in stile fiabesco. Le commedie romantiche sono un variazione divertente e leggera dei film d’amore. 

La storia tipica di una commedia romantica è che 2 personaggi, a causa di un disaccordo o di altri ostacoli. Spesso sono riluttanti a farsi coinvolgere appassionatamente poiché pensano che non si piacciono l’un l’altro. Uno di loro ha già un partner, oppure esistono pressioni sociali. Gli sceneggiatori lasciano indizi che suggeriscono che i personaggi sono attratti l’uno dall’altro e che sarebbero un buon connubio d’amore. I personaggi in genere impiegano tempo per capire i loro sentimenti o gestire le sfide esterne al loro stare insieme, che alla fine conquistano.

Nel corso degli anni, le commedie romantiche sono diventate gradite sia dalle donne che dagli uomini ed hanno iniziato ad espandere la loro struttura tradizionale in altri modi. Alcune commedie romantiche affrontano condizioni strane o estreme per i personaggi, come ad esempio un film di zombie in cui il personaggio principale è uno zombi che ama una donna umana dopo aver mangiato il suo partner. Sono commedie romantiche in cui, oltre alla commedia e al film d’amore, intervengono altri generi cinematografici creando un mix più complesso e creativo.

Le convenzioni della commedia romantica

commedie-romantiche

Tra le convenzioni delle commedie romantiche c’è l’esperienza di 2 potenziali futuri innamorati in scenari comici o insoliti. Durante l’incontro, gli sceneggiatori producono spesso una divertente sensazione di goffaggine tra entrambi i potenziali compagni ritraendo uno scontro preliminare di credenze o personalità, una situazione imbarazzante o presentando un’idea sbagliata umoristica o una circostanza di identificazione errata. 

Le commedie romantiche sono totalmente guidate dallo scenario dell’incontro di una coppia in conflitto per gran parte del film. Il periodo migliore di questo tipo di storie cinematografiche è stato durante la Grande Depressione negli anni ’30; film stravaganti e divertenti hanno fatto un uso massiccio di romanticismo e storie d’amore, forse perché la coscienza di classe molto più rigida di quegli anni hanno trasformato l’amore tra classi sociali diverse in sogni seducenti. 

Alcuni dei prototipi letterari più importanti del genere commedia romantica furono scritti da Shakespeare alla fine degli anni ’90 del Cinquecento: Sogno d’una notte di mezza estate e La dodicesima notte. Nel 20° secolo, con l’espansione di Hollywood, le commedie romantiche in America hanno rispecchiato vari elementi della cultura nei suoi rapidi cambiamenti, creando numerosi sottogeneri nel corso degli anni.

Luci della città (1931)

Nei suoi ultimi anni, Charlie Chaplin era noto per aver portato il dramma nelle sue commedie ogni volta che ne aveva la possibilità. City Lights è il film in cui ne realizza entrambe le parti. Sebbene la sua struttura assomiglia al genere picaresco di Chaplin, c’è più di un obiettivo intenzionale poiché il vagabondo tenta di assistere una fioraia cieca, interpretata adorabilmente da Virginia Cherrill. Quando è ubriaco e non riesce a ricordare le sue azioni quando è sobrio, anche Harry Myers dovrebbe essere ricordato per il suo ruolo del milionario generoso in questo straordinario film.

https://youtu.be/UpMOQxLZDHU

I cittadini sono riuniti per la presentazione di un nuova statua dedicata alla “Pace e prosperità”. Dopo il discorso inaugurale il velo si alza e vediamo il Piccolo Vagabondo addormentato in grembo tra le figure scolpite. Riesce a lasciare la confusione dell’assemblea per girovagare per la città. Rimprovera 2 strilloni che lo prendono in giro per la sua miseria, e mentre apprezza timidamente una statua nuda ha un incontro quasi fatale con un ascensore.

Io e Annie (1977)

Annie Hall, è un film d’essai inquadrato nel genere della commedia romantica del 1977. Annie Hall è Woody Allen al rovescio, dalla sua narrativa ai suoi personaggi femminili. Il film ha una magia particolare: un dolce sapore nostalgico nelle sue battute diventate celebri, un desiderio malinconico per un’epoca meno complicata e per un luogo dove tutto sembrava possibile con l’amore.

Il comico Alvy Singer sta cercando di capire perché la sua relazione con Annie Hall è finita un anno prima. Cresciuto a Brooklyn, ha irritato sua madre con preoccupazioni esistenziali, ed era precoce nella sessualità, baciando all’improvviso una compagna di scuola a 6 anni e non comprendendo perché non fosse desiderosa di ricambiare. Annie e Alvy sentono un altro uomo deridere il lavoro di Federico Fellini e Marshall McLuhan. Quella notte, Annie non ha interesse per il sesso con Alvy. Piuttosto, discutono della sua prima moglie, il cui ardore non gli ha procurato alcun godimento. La sua seconda relazione coniugale è stata con una scrittrice di New York a cui non piaceva lo sport e non era in grado di raggiungere l’orgasmo.

Harold e Maude (1971)

Una delle commedie romantiche più innovative mai realizzate, del regista Hal Ashby. Bud Cort interpreta Harold, un giovane in difficoltà la cui attrazione per la morte oscura la sua visione del mondo, fino a quando incontra la Maude di Ruth Gordon, una vivace donna anziana che cerca la sua anima gemella più giovane per ritrovare il fascino della vita. Il film è sia aspro che romantico nella sua rappresentazione dell’insolita relazione. Mentre la coppia investe la maggior parte del film passeggiando e avendo conversazioni razionali e dolci, il loro lato oscuro incombe. Il finale è da film drammatico e tragico, ma edificante allo stesso tempo.

Harold Chasen è un ragazzo di 19 anni ossessionato dalla morte. Inscena fantasiosi suicidi fasulli, va ai servizi funebri di individui che non conosce e guida un carro funebre, il tutto con vergogna della sua ricca madre mondana e ossessionata da se stessa. Sua madre manda Harold da uno psicoanalista e gli acquista un’auto di fascia alta, tutti piani che lui ribalta a modo suo.

L’Appartamento (1960)

L’Appartamento è una commedia romantica con riflessioni esistenziali sugli errori dell’innamoramento, in particolare dei padri di famiglia. È anche una commedia in cui l’apparente bravo ragazzo si lascia coinvolgere negativamente da tutti quelli che agiscono su di lui. Tra i grandi aspetti di The Apartment c’è la sensibilità alle molestie in ufficio e alle abitudini negative degli uomini al potere. È una delle migliori commedie romantiche sull’ambiente di lavoro: un film del maestro Billy Wilder che vale la pena rivedere ed appare eccezionale come la prima volta.

Alla fine degli anni ’50, C.C. “Bud” Baxter è un solitario sgobbone in una società di assicurazioni a New York City. Per scalare la gerarchia aziendale, consente a 4 supervisori aziendali di avere il suo appartamento nell’Upper West Side per passare il tempo con le loro amanti. Baxter gestisce il programma delle “prenotazioni”, tuttavia il flusso stabile di donne in entrata e in uscita fa credere ai suoi vicini di casa che è un playboy, portando a casa una donna diversa ogni notte.

The Shop Around the Corner (1940)

Non ci sarebbe sicuramente You’ve Got Mail senza The Shop Around the Corner di Ernst Lubitsch, che influenzò sia la libreria dell’Upper West Side di Kathleen Kelly che la struttura principale del film del 1998. I personaggi protagonisti sono 2 venditori litigiosi in una catena di negozi di Budapest che si spediscono lettere d’amore anonime e ignorano la loro identità. E’ un film che in genere ottiene attenzione come film di Natale di second’ordine con protagonista James Stewart. Le presenze femminili del cast non sono da trascurare. La Klara di Margaret Sullivan è una valida compagna di competizione per l’Alfred di Stewart. Fresco del suo ruolo come protagonista ne Il mago di Oz, Frank Morgan ruba la scena nei panni del datore di lavoro Hugo Matuschek. 

Alfred Kralik (James Stewart) è il principale venditore di un negozio di pelletteria a Budapest di proprietà dell’irrequieto Mr. Hugo Matuschek (Frank Morgan). I colleghi di Kralik alla Matuschek and Company includono il suo amico, Pirovitch (Felix Bressart), un uomo sposato; Ferencz Vadas (Joseph Schildkraut), un donnaiolo con due facce; la commessa Ilona Novotny (Inez Courtney); l’impiegata Flora Kaczek (Sara Haden); e Pepi Katona (William Tracy), il ragazzo delle spedizioni. Una mattina presto, Kralik rivela a Pirovitch di aver avuto una corrispondenza anonima con una donna intelligente e colta di cui ha scoperto l’annuncio sul giornale.

La signora del venerdì (1940)

Cary Grant e Rosalind Russell hanno collaborato per questa divertente commedia romantica dalla parlantina veloce del regista Howard Hawks. Il film era in anticipo sul suo tempo: un amore nel mondo dei media sostenuto da dialoghi taglienti, una perfetta chimica tra Grant e Russell, menti acute con lo stesso fiuto per le notizie scoop. Modificando l’opera teatrale del 1928 The Front Page, Hawks ha spostato l’ambiente di lavoro dei giornalisti maniaci a Chicago con un colpo secco: ha trasformato Hildy Johnson in una giornalista elegante e vivace, nonché l’ex moglie di Walter Burns di Grant, l’intrigante e comprensivo editore di The Morning Post con una bellezza seducente. His Girl Friday si basa sul maschilismo tipico degli anni ’40: Walter rovina la relazione di Hildy con un altro uomo, e si diverte a convincerla a lavorare di più. Ma la decisione finale della donna sarà terribilmente moderna e adatta ai tempi odierni.

Guarda La signora del venerdì

It Happened One Night (1934)

Una commedia romantica realizzata in un’epoca imperversava loa censura, It Happened One Night mostra innamoramenti e desideri con allusioni: una gamba abilmente presentata, Clark Gable a torso nudo, una storia on the road imitata costantemente negli anni. It Happened One Night resiste particolarmente bene grazie alla chimica tra Gable e Claudette Colbert, che interpreta l’erede in fuga perseguitata dal giornalista di Gable. La loro collaborazione è in competizione oltre che divertente finché non si trasforma in modo romantico, con l’Ellie di Colbert che scappa dalla celebrazione del matrimonio per stare con il suo giornalista. Il film ha vinto 5 Oscar.

L’erede in rovina Ellen “Ellie” Andrews fugge con il pilota e cacciatore di fortuna King Westley contro i sogni del suo ricchissimo papà, Alexander Andrews, che desidera che la relazione coniugale venga annullata poiché capisce che Westley è veramente interessato solo ai soldi di Ellie. Saltando dalla nave in Florida, Ellie fugge e sale a bordo di un autobus diretto a New York City per ricongiungersi con suo marito. Incontra il compagno di viaggio Peter Warne, un giornalista che ha perso di recente il suo lavoro. Peter la riconosce e le offre una possibilità: l’aiuterà a riunirsi con Westley se lei gli offre la storia in esclusiva. In caso contrario, informerà suo padre.

Vacanze romane (1953)

Tutte le imitazioni, comprese le moderne e strampalate versioni nel mercato delle serie in streaming, iniziano con la principessa Ann di Audrey Hepburn che scappa dalla sua prigione d’oro per fare esperienza nella Città Eterna. Mentre intraprende il suo viaggio, si imbatte nel giornalista americano Joe Bradley (Gregory Peck). L’innamoramento mentre si guida una Vespa o le passeggiate vicino alla fontana di Trevi sono tra le scene cult del film, fino a quando la frode di Joe non viene rivelata. L’ultima scena del film rimane una delle più strazianti in un affascinante sfondo divertente. Diretto da William Wyler, Vacanze Romane si rivelerà il capolavoro della Hepburn, facendole guadagnare un Oscar come miglior attrice protagonista.

Ann, una principessa di un paese europeo a Roma, è delusa dalla sua vita prevedibile e lascia di nascosto l’ambasciata della sua nazione. Un sedativo la fa addormentare su una panchina, dove Joe Bradley, giornalista migrante dell'”American News Service”, la scopre, senza riconoscere chi sia. Credendo che sia ubriaca, Joe le lascia passare la notte nel suo appartamento. La mattina presto successiva, Joe si precipita al lavoro tardi e offre al suo editore, il signor Hennessy, informazioni errate sulla sua presenza all’intervista di una principessa. Quando Hennessy lo informa che l’intervista è annullata e gli svela l’identità della principessa con un’immagine di lei, capisce chi sta dormendo nella sua casa. Vedendo una possibilità, Joe chiama il suo amico fotografo, Irving Radovich, per convincerlo a scattare foto di nascosto. Joe quindi informa Hennessy che gli consegnerà un’intervista speciale e approfondita con la principessa e chiede quanto guadagnerebbe da uno scoop del genere. Hennessy paga $ 5000, tuttavia scommette su Joe $ 500 che non avrà la possibilità di avere l’intervista.

Ma papà ti manda sola? (1972)

Questa commedia slapstick è perfetta grazie al contributo di Barbra Streisand nei panni di Judy Maxwell, Ryan O’Neal nel ruolo del musicologo Dr. Howard Bannister, e Madeline Kahn nel suo primo ruolo sullo schermo nei panni della futura moglie di Howard, Eunice Burns. I loro personaggi salgono alle stelle sotto le istruzioni di Peter Bogdonavich, a partire da una sceneggiatura sapiente. L’eredità di lunga data del film rimane nelle sue scene comiche: un fantasioso inseguimento in auto a San Francisco e una scena in cui Howard afferma di non riconoscere Eunice in un ristorante mentre si nasconde sotto un tavolo con Judy. 

Il dottor Howard Bannister, un musicologo del Conservatorio di musica dell’Iowa, ha fatto un viaggio a San Francisco per completare una borsa di studio di ricerca fornita da Frederick Larrabee. Howard è accompagnato dalla sua fidanzata prepotente, Eunice Burns. Mentre i due esplorano l’Hotel Bristol, Howard incontra l’affascinante Judy Maxwell nel drugstore che comincia a inseguire Howard e alloggia in hotel senza pagare.

Mancia competente (1932)

L’opera d’arte di Ernst Lubitsch sullo status, la seduzione e la classe si concentra su 2 ladri che si innamorano mascherandosi da nobili in tutta Europa. Realizzato prima del Codice Hays, è un film audacemente sensuale, con una genuina rappresentazione del romanticismo. Dopo il 1935 il film fu proibito dalla riedizione fino alla fine degli anni ’60. 

Herbert Marshall e Miriam Hopkins interpretano criminali che tentano di ingannare una ricca vedova interpretata da Kay Francis, con problemi sessuali e sentimentali che emergono dalla relazione di Francis e Marshall e dall’esistenza degli altri corteggiatori di Francis. È un film intelligente e sexy, con un’atmosfera sbalorditiva e una sceneggiatura che trasmette la spavalderia e l’artificiosità della gerarchia sociale. 

L’idolo delle donne (1933)

Gli stili della commedia e del romantico leggeri di questo film si fondono ​​con gli sguardi da star di celebri pugili dell’epoca. Myrna Loy interpreta una cantante di un bar alla moda e una ragazza di gangster che gioca con i sentimenti di Max Baer, ​​il campione dei pesi massimi. Con il famoso Jack Dempsey come arbitro e il vero sfidante di Baer Primo Carnera sul ring, è un girotondo di celebrità non solo cinematografiche. Un vecchio film di Hollywood divertente e fuori dai soliti schemi.

Ninotchka (1939)

La donna fredda e priva di emozioni di Greta Garbo personifica il ritratto tipico di un personaggio sovietico nel classico prebellico di Ernst Lubitsch. Poi la donna scopre che può godersi sia un uomo (Melvyn Douglas) che la libertà dell’Occidente mentre è in viaggio a Parigi. Può essere un po’ inaspettato vedere quanto la nostra concezione del comunismo russo sia stata raccontata nella cultura pop: le battute in genere si concentrano sui russi che non riescono a pensare alle normali comodità dell’Occidente, un clichè dei film sulla Guerra Fredda. La Garbo è travolgente nella sua prima commedia, supportata dall’amore romantico nei suoi flirt con Douglas.

Scandalo a Filadelfia (1940)

Questo adattamento di un successo di Broadway è stato un essenziale per rimettere in sesto la carriera della Hepburn dopo una serie di flop. Il suo ruolo della gelida ereditiera Tracy Lord in questa commedia è una forza della natura. Il suo ex non più ubriaco è interpretato da Cary Grant, che è un meraviglioso partner attoriale. Jimmy Stewart e Ruth Hussey completano il cast come giornalisti. Questo classico della commedia americana è un puro piacere da guardare e la sceneggiatura è un’opera d’arte.

Tracy Lord è la figlia maggiore di una ricca famiglia mondana di Filadelfia. Era sposata con C.K. Dexter Haven, designer di yacht di lusso e membro del suo gruppo sociale, lo ha però lasciato 2 anni prima, poiché, secondo suo padre, non è all’altezza della sua famiglia e dei suoi amici: si ubriacava e siccome lei era importante per lui, consumava sempre più alcool. La loro unica interazione mentre sono sposati, la scena di apertura del film, è un litigio violento in cui lei cade a terra. Ora sposerà il “nuovo” ricco George Kittredge.

Lady Eva (1941)

Tra i film del regista Preston Sturges The Lady Eve mostra una splendida truffatrice (Barbara Stanwyck) decisa a trovare l’amore, e l’eredità, di un uomo sprovveduto (Henry Fonda) tornato di recente da una spedizione di un anno in Amazzonia. In una buona versione della formula della battaglia dei sessi, The Lady Eve scopre i generi convenzionali invertite, con Jean Harrington di Stanwyck che funge da cacciatrice sessuale dominante con l’ignaro ma dolce Charles di Henry Fonda che è oggetto passivo del desiderio. Con abbastanza identità segrete e un’ampia farsa per essere all’altezza di un’opera teatrale di William Shakespeare, The Lady Eve si pone come un classico americano gelido.

Jean Harrington è uno splendido artista della truffa. Oltre al suo padre altrettanto ladro, il “colonnello” Harrington, e al suo partner Gerald, è intenzionata a derubare Charles Pike, il beneficiario della ricchezza della Pike Ale, su una grande nave. Charles è appena tornato da un’esplorazione durata un anno in Amazzonia per uno studio sui serpenti. Le ragazze a bordo della nave sono in lotta per conquistare il riccone, ma Charles è occupato dai rettili.

Scala al paradiso (1947)

Michael Powell ed Emeric Pressburger avevano una capacità di prendere leggende ed estrarne una storia umana concreta. La natura grandiosa dello spazio profondo potrebbe essere inconoscibile per noi, tuttavia è la nostra capacità di amare che rende così gratificante questa dimensione piccola e piena di conflitti. 

I poteri che ostacolano il nuovo amore tra un malinconico pilota della Royal Air Force (David Niven) e una premurosa operatrice radiofonica americana (Kim Hunter) nel superbo melodramma soprannaturale di Archer A Matter of Life and Death sono grandi. Il pilota doveva morire dopo che il suo aereo è stato abbattuto, tuttavia, a causa di un errore d’ufficio nell’aldilà, cade e si innamora. Quando un’autorità stravagante dell’altro mondo (Marius Goring) si rivolge alla Terra per richiamarlo, il pilota sfida il destino deciso per lui, dichiarando che non può andarsene ora che l’errore lo ha portato al suo nuovo amore. Realizzato subito dopo la seconda guerra mondiale, il film ruota attorno a concetti difficili ma essenziali, e chi meglio degli Powell e Pressburger possono fornire loro una forma fantastica e divertente? Se apprezzi le stravaganti rappresentazioni dell’aldilà nelle commedie devi vedere questo film. Una vera e propria scala verso il paradiso, impatti ottici che flettono il tempo e lo spazio: A Matter of Life and Death è una delle più interessanti commedie romantiche da vedere.

Sabrina (1954)

Con 2 dei più famosi protagonisti come Humphrey Bogart e William Holden, Billy Wilder come regista ed Ernest Lehman come autore, Sabrina deve praticamente tutta la sua fama alla luminescente Audrey Hepburn. La Hepburn era attualmente una star, avendo vinto un Oscar per il suo ruolo da protagonista in Vacanze romane del 1953 e qui brilla ancora una volta. Tipicamente indicata come una commedia romantica, Sabrina ha delle doti molto più significative dell’intrattenimento divertente, e la 25enne Hepburn recita con grandi attori come Holden e Bogart, portando l’archetipo di Cenerentola a livelli nuovi.

Sabrina Fairchild è la giovane ragazzina dell’autista della famiglia Larrabee, Thomas, e ha amato David Larrabee per tutta la vita.  David, un playboy sfaccendato sposato tre volte, in realtà non ha mai avuto un interesse per Sabrina. Considerando che in realtà ha vissuto per diversi anni a Long Island, New York, nella tenuta dei Larrabees con suo padre, per lui è ancora una ragazzina. Sabrina presta anche attenzione mentre David tenta l’ennesima conquista femminile. Sconvolta, lascia a suo padre un biglietto di addio e poi accende tutte e 8 le auto nel garage chiuso per uccidersi.  Sta perdendo conoscenza a causa dei fumi quando Linus, il fratello maggiore di David, apre il garage, la scopre e la trascina fuori quando perde conoscenza.

Chalti Ka Naam Gaadi (1958)

Un film di tre ore che mescola diversi generi cinematografici: amore, commedia, azione, dramma, catastrofico. Chalti Ka Naam Gaadi è stato uno dei primissimi film hindi a concentrarsi sulla commedia romantica folle con il dramma e l’azione. 

La storia racconta di 3 fratelli, Brijmohan, Jagmohan e Manmohan, che gestiscono un centro di assistenza automobilistica, interpretati da 3 fratelli nella vita reale: Ashok Kumar, Anoop Kumar e Kishore Kumar. Dopo essersi innamorato, Brijmohan consiglia ai suoi fratelli più giovani di non fidarsi mai delle femmine. Incontra una ragazza in pericolo, Renu, interpretata da Madhubala, il cui veicolo si guasta in una notte piovosa. Manmohan ripara la sua automobile e la coppia si innamora. I problemi arrivano quando il padre di Renu, ignaro dell’interesse di Renu per Manmohan, viene avvicinato da Raja Hardayal Singh, che desidera che suo fratello Prakashchand sposi Renu. Finisce che le casse reali di Singh sono vuote, e questo è uno dei suoi numerosi piani per ottenere ricchezza. Chalti Ka Naam Gaadi include famose canzoni senza tempo, commedia d’azione e interpretazione strepitose degli attorii.

A qualcuno piace caldo (1959)

Sugar Kane è il tipo di personaggio che Marilyn ha avuto difficoltà a evitare nella maggior parte della sua carriera: una bionda superficiale, un puro oggetto sessuale, qualcuno che esiste nel contesto del film semplicemente per solleticare l’aspetto maschile, all’interno o all’esterno della storia. Potresti chiederti perché Billy Wilder abbia rinunciato a mettere nel personaggio di Sugar con qualsiasi livello di compassione, perché abbia creato il personaggio come un oggetto unidimensionale.

Nel febbraio 1929, nella Chicago dell’era del proibizionismo;  il suo nervoso amico Jerry è un jazzista.  Suonano in uno locale avuto dal mafioso “Spats” Colombo.  Avvisate dall’informatore “Stuzzicadenti” Charlie, le autorità fanno irruzione nel locale. Joe e Jerry scappano, tuttavia in seguito assistono inavvertitamente a Spats e ai suoi scagnozzi che assassinano “Stuzzicadenti” e la sua banda per vendetta. La banda li vede mentre scappano. Al verde, spaventati e senza speranza di lasciare la città, Joe e Jerry si travestono da donne in modo che possano partecipare a Sweet Sue e anche ai suoi Society Syncopators, una band tutta al femminile a Miami. Sul treno Joe e Jerry fanno amicizia con Sugar Kane, cantante della band e anche musicista di ukulele.

C’eravamo tanto amati (1974)

Capolavoro di Ettore Scola, questa commedia di culto segue 3 amici nel corso di 30 anni. Gianni, Marco e Nicola, si incontrano per la prima volta come giovani ottimisti alla guida della battaglia dell’Italia per la liberazione dal fascismo. Dopo la guerra, si allontanano, con l’intenzione di realizzare i loro sogni. Nei decenni che seguono, le loro vite si intersecano, rivedendo l’impatto e l’adattamento non solo dei loro sogni e fallimenti, ma di quelli dell’Italia in generale. Una commedia all’italiana con un sapore amaro e malinconico sul tempo che passa e su come le vite cambiano con le pressioni sociali e l’incapacità di conservare la propria coerenza. E’ una di quelle commedie che si mescolano con il dramma e che ad un certo punto, con l’intensità delle emozioni che trasmette, può rigare il tuo viso di lacrime.

L’amore fugge (1978)

Dopo sette anni Antoine e Christine si separano, pur rimanendo amici. Antoine continua a vedersi con l’amica di Christine, Liliane, che ha pubblicato un suo libro di memorie collaborando come correttore di bozze. Antoine inizia una relazione romantica e travagliata con Sabine, una commessa in un negozio di dischi.

Con L’amore fugge Francois Truffaut conclude un’opera composta di cinque film realizzati nel corso di vent’anni raccontando la crescita di Antoine Doinel, costantemente interpretato dallo stesso attore Jean-Pierre Léaud. L’amore fugge è una commedia francese dai toni malinconici e poetici tipici del cinema di Truffaut ed è l’ultimo film del ciclo Doinel, il film che fa il bilancio su tutto il percorso dei film precedente della serie.

Guarda L’amore fugge

La rosa purpurea del Cairo (1985)

Woody Allen ha detto diverse volte che La rosa purpurea del Cairo è tra i suoi film preferiti che ha diretto, e non è una sorpresa: è il suo film più creativo e compassionevole. Fornendo la sua migliore interpretazione dei 13 film che ha realizzato con il regista, Mia Farrow interpreta una donna solitaria che va al cinema per vivere i suoi sogni attraverso le sue star preferite. Anche quando il frettoloso Tom Baxter (un giovane Jeff Daniels) esce dallo schermo ed entra nella sua vita, tiene sotto controllo i suoi sentimenti e le sue aspettative. Il film si sviluppa in modo stravagante verso un ultimo atto straziante ed elegiaco che ci suggerisce, per quanto straordinario possa sembrare, perché andiamo al cinema.

She’s Got ta Have It (1986)

Spike Lee fa il suo esordio come regista con questo film indipendente a basso budget, in bianco e nero, che finì per essere tra i film più cruciali anni ’80 per incoraggiare la produzione indie. Lee ha portato sullo schermo una voce e una verosimiglianza mai viste prima, con un film saggio, avventuroso e divertente. Il tema principale sulle libertà delle donne è ancora pertinente 30 anni dopo.

Nola Darling è una giovane artista che vive a Brooklyn e gestisce 3 corteggiatori: il ben intenzionato e rispettoso Jamie Overstreet, l’egocentrico Greer Childs e il portabiciclette Mars Blackmon. Nola è coinvolta con ognuno di loro, ma rifiuta di dedicarsi completamente a uno in particolare, apprezzando piuttosto la sua flessibilità individuale, mentre ogni ragazzo la desidera per se.

Moonrise Kingdom (2012)

I film di Wes Anderson sono poco romantici e spesso focalizzati sullo stile visivo, ma Moonrise Kingdom mostra un calore e un’innocenza creati da un sincero amore adolescenziale. Corre l’anno 1965 e la sonnolenta isola di New Penzance, nel New England, viene spinta all’azione quando l’esploratore Khaki Sam Shakusky (Jared Gilman) e Suzy Bishop (Kara Hayward), residente nella regione, scappano insieme. Gli scout di Sam lo detestano e i suoi genitori adottivi non lo rivogliono. Sam è pieno di sorprese: è piuttosto competente, e quando si incontra con la ragazza con cui ha scambiato lettere per un anno, le consegna una composizione di fiori di campo e inizia a impartire idee per la sopravvivenza. Suzy è una ribelle che sconvolge l’equilibrio tra i suoi genitori (Bill Murray e Frances McDormand) e i suoi 3 fratellini. Anderson e il co-sceneggiatore Roman Coppola evitano i cliché in ogni occasione. Le forze che normalmente lavorerebbero per fare a pezzi Sam e Suzy piuttosto si radunano dietro di loro, forse dominate dalla convinzione del loro amore. Moonrise Kingdom è una commedia romantica stravagante e originale.

Sull’isola di New Penzance, nel New England, l’orfano di 12 anni Sam Shakusky partecipa a Camp Ivanhoe, un campo estivo Khaki Scout guidato dal maestro scout Randy Ward. Suzy Bishop, anche lei 12enne, risiede sull’isola con i genitori Walt e Laura e i suoi 3 fratelli più giovani in una casa chiamata Summer’s End. Sam e Suzy, entrambi timidi, intelligenti e maturi per la loro età, nell’estate del 1964 diventano amici tramite scambi epistolari. La relazione diventa romantica durante la loro corrispondenza e fanno un patto segreto per riunirsi e fuggire insieme. Nel settembre 1965, eseguono la loro strategia. Sam parte da Campo Ivanhoe mentre Suzy scappa da Summer’s End. La coppia si incontra, cammina, si accampa e pesca nella natura selvaggia con l’obiettivo di raggiungere un’area particolare.

Centinaia di film e documentari selezionati senza limiti

Nuovi film ogni settimana. Guarda su qualsiasi dispositivo, senza nessuna pubblicità. Annulla in qualsiasi momento.
error: Content is protected !!

Indiecinema Film Festival 2022

Indiecinema Film Festival 2022

Dal 5 al 26 Dicembre guarda in streaming la selezione dei film in concorso: cortometraggi, documentari e film indipendenti da tutto il mondo