fbpx

Film sui vampiri: la guida definitiva

Indiecinema Film Festival 2022

Dal 5 al 26 dicembre guarda i film del festival in streaming: una numerosa selezione dei migliori film indipendenti inediti da tutto il mondo.

Indice dei contenuti

I vampiri sono esseri che esistono da moltissimo tempo nei miti e nelle leggende popolari. Nella cinematografia sono i protagonisti assoluti del sottogenere dei film horror sui vampiri, un sottogenere che comprende innumerevoli film da vedere assolutamente. Ma i vampiri non sono solo film horror: sono stati spesso presenti in altri generi, dalle commedie ai drammi ai film d’essai. Famosi nel folklore e nei libri, i vampiri furono da subito i personaggi ideali per il grande schermo. 

Ma i vampiri, come tutte le leggende, hanno la loro origine antica nella vita reale, e sono stati un’inquietante presenza costante in tutte le culture, compresa quella europea del diciottesimo secolo. I vampiri sono stati una preoccupazione reale nelle menti di decine di migliaia di persone in vari luoghi del mondo, soprattutto nelle campagne lontane dalle grandi città in cui le pratiche legate alle superstizioni erano ritenute legittime e assolutamente necessarie per la sopravvivenza.

VAI AI FILM DA VEDERE

Come nascono i vampiri

Un vampiro è un essere soprannaturale leggendario che sopravvive nutrendosi del sangue dei vivi. Nel folklore europeo, i vampiri sono esseri umani non morti che provocavano danni o morti nelle aree in cui vivevano mentre erano vivi. Nei tempi contemporanei, il vampiro è normalmente considerato un’entità immaginaria, sebbene la credenza in esseri vampirici comparabili come il chupacabra continui ancora in alcune culture. La prima credenza popolare nei vampiri è stata spesso attribuita alla mancanza di conoscenza della procedura di decadimento del corpo dopo la morte e di come gli individui nelle società preindustriali tentassero di giustificarla.

Il vampiro della narrativa moderna nasce nel 1819 con la pubblicazione de “Il vampiro” dell’autore inglese John Polidori; la storia era estremamente efficace e forse l’opera sui vampiri più importante dell’inizio del XIX secolo. Il Dracula del 1897 di Bram Stoker è considerato il libro sui vampiri essenziale e ha offerto la base della leggenda dei vampiri dei giorni nostri, anche se è stato pubblicato dopo il Carmilla del 1872 del collega autore irlandese Joseph Sheridan Le Fanu.

La prima registrazione verificata della parola vampiro in inglese risale al 1688. È stato anche registrato in francese nel 1693 in relazione a casi nell’Europa orientale. Un’altra teoria è che le lingue slave abbiano ottenuto la parola da un termine turco che significava “strega”. Nelle culture come la Mesopotamia, gli Ebrei, gli Antichi Greci, i Manipuri e i Romani avevano storie di spiriti satanici che sono considerati i precursori dei vampiri contemporanei. I vampiri sono revenants di esseri malvagi, vittime suicidi o streghe, tuttavia possono anche essere prodotti da uno spirito maligno che ha dei resti umani o dall’essere morso da un vampiro. La credenza in tali leggende ha finito per essere così diffusa che in alcuni luoghi ha innescato un’isteria di massa e persino esecuzioni pubbliche di individui ritenuti vampiri.

Caratteristiche dei vampiri

film-sui-vampiri

È difficile fare una descrizione unica e conclusiva del vampiro folcloristico, sebbene ci siano una serie di componenti tipiche di numerose leggende europee. I vampiri erano normalmente segnalati come gonfi nell’aspetto e di colore rubicondo, viola o scuro; questi attributi erano spesso associati al consumo di sangue. Il sangue era visto permeare dalla bocca e dal naso quando se ne vedeva uno nel suo sudario o nella sua bara e il suo occhio sinistro era tipicamente aperto. Nel folklore russo, si affermava che i vampiri erano in realtà individui o streghe che si erano ribellati alla Chiesa ortodossa russa mentre erano vivi.

Sono state utilizzate numerosi metodi per riconoscere un vampiro. Un approccio alla scoperta della tomba di un vampiro includeva la guida di un giovane ragazzo vergine attraverso un cimitero o i locali di una chiesa su uno stallone vergine: il cavallo apparentemente si sarebbe opposto alla tomba preoccupato. I buchi che appaiono nella terra sopra una tomba sono stati presi come un’indicazione di vampirismo.

I resti ritenuti essere di vampiri erano normalmente descritti come aventi un aspetto molto più sano del previsto, paffuti e con pochi o nessun segno di decadimento. In alcuni casi, quando sono state aperte presunte tombe, gli abitanti del villaggio hanno persino spiegato che i resti avevano sangue fresco di una vittima su tutto il viso. La prova che un vampiro era attivo in una regione consisteva nella morte di bestiame, pecore, vicini o membri della famiglia.

VAI AI FILM DA VEDERE

Cosa odiano i vampiri

film-sui-vampiri

Aglio, Bibbie, crocifissi, rosari, acqua santa e specchi sono stati tutti visti in numerose usanze folcloristiche come metodi per scongiurare o riconoscere i vampiri. Altri apotropaici consistono in prodotti spirituali, ad esempio un crocifisso, un rosario o l’acqua santa. Si dice che i vampiri non possano passeggiare su un terreno consacrato, come quello dei templi o delle chiese, o attraversare l’acqua corrente. Gli specchi sono stati effettivamente utilizzati per allontanare i vampiri quando sono stati posti, a contatto con l’esterno, su una porta. 

Le tecniche per uccidere i presunti vampiri erano diverse: il pioppo era utilizzato per i pali, poiché si pensava che la croce di Cristo fosse fatta di pioppo. Perforare la pelle del torace era un metodo per “sgonfiare” il vampiro gonfio. La decapitazione era la tecnica preferita nelle località slave occidentali e tedesche, con la testa sepolta tra i piedi, lontano dal corpo. Questo atto era visto come un metodo per accelerare la partenza dell’anima, che in alcune culture si diceva rimanesse nei resti. 

Nella cultura rom conficcavano aghi d’acciaio o di ferro nel cuore di un resto e posizionavano pezzi d’acciaio in bocca, sopra gli occhi, le orecchie e tra le dita al momento della sepoltura. Allo stesso modo posizionavano il biancospino nel calzino dei resti o conficcavano un paletto di biancospino tra le gambe. In una sepoltura del XVI secolo vicino a Venezia, un mattone inserito nella bocca di una salma femminile è stato effettivamente spiegato come una metodo per l’uccisione di vampiri dagli archeologi che lo hanno trovato nel 2006.

Altri metodi consistevano nel mettere acqua bollente sulla tomba o sul totale incenerimento del corpo. Nei Balcani, un vampiro potrebbe anche essere eliminato sparandogli o annegandolo, facendo di nuovo il funerale, spruzzando acqua santa sul corpo o mediante esorcismo. Nelle zone sassoni della Germania, un limone veniva posizionato nella bocca di coloro che erano ritenuti vampiri.

I vampiri nel 18mo secolo

film-sui-vampiri

Per tutto il 18° secolo, ci fu una mania di avvistamenti di vampiri nell’Europa orientale, con scavi e picchettamenti regolari per riconoscere ed eliminare i potenziali vampiri. Anche le autorità del governo federale si sono impegnate nella ricerca e nel picchettamento dei vampiri. Nonostante sia stata chiamata l’Età dell’Illuminismo, durante la quale la maggior parte delle leggende folcloristiche è stata interrotta, la credenza nei vampiri è aumentata considerevolmente, provocando un’isteria di massa in gran parte dell’Europa.

L’isteria, tipicamente chiamata “Controversia sui vampiri del XVIII secolo”, continuò per una generazione. La questione è stata aggravata dall’impennata nelle campagne dei cosiddetti attacchi di vampiri, sicuramente innescati dalla maggiore quantità di superstizioni rispetto ai quartieri cittadini, con i residenti che scavano corpi e, in alcuni casi, li picchettano. Anche famosi scrittori come Voltaire hanno tradotto dichiarazioni dell’esistenza dei vampiri.

Il dibattito in Austria si interruppe quando l’imperatrice Maria Teresa inviò il suo medico personale, Gerard van Swieten, per esaminare le affermazioni di entità vampiriche. Concluse che i vampiri non esistevano e l’imperatrice approvò leggi che proibivano l’apertura di tombe e la profanazione dei corpi, decretando la fine delle ondate di vampiri. Nonostante questa condanna, il vampiro sopravvisse in opere creative e nel folklore regionale.

I migliori film sui vampiri da vedere

Ecco una lista dei migliori film sui vampiri da vedere ordinati per anno di uscita. Essa comprende diversi generi cinematografici, dalla commedia all’orrore, e quasi ogni genere di stile di regia: dal film d’essai al B movie fino a toccare spesso il territorio del cinema commerciale e mainstream. Il vampiro è tra i personaggi più utilizzati nella storia del cinema.

Nosferatu (1922)

Nosferatu di FW Murnau non solo ha contribuito a far nascere il film horror cinematografico, ma ha rivoluzionato il modo in cui si può raccontare una storia attraverso il film. Quando il film era ancora considerato poco più di un intrattenimento da fiera, erano produzioni come Nosferatu che avrebbero contribuito a elevare il nuovo mezzo allo stato di una vera forma d’arte. Finché le persone continueranno a documentare la storia, l’immagine dell’Orlok di Schreck che risorge dalla sua bara sarà senza dubbio tra le prime immagini definitive nella storia del film.

Dracula (1931)

Renfield è un avvocato che si reca al castello del Conte Dracula in Transilvania per una questione organizzativa. Gli individui della città temono che i vampiri che popolano il castello e avvertono Renfield di non andarci. Renfield rifiuta di rimanere alla locanda cittadina e chiede al suo autista di carrozza di portarlo al borgo. Renfield viene portato al castello dal maggiordomo di Dracula, che in realtà è Dracula stesso. Durante il viaggio, Renfield chiede all’autista di diminuire la velocità, ma vede che è scomparso; un pipistrello guida i cavalli.

Negli anni ‘30 Dracula del regista Tod Browning è diventato una pietra angolare così indelebile della cultura pop e del cinema di vampiri che è quasi impossibile vedere il film separato dalla sua posizione di film di culto. Sì, il film è un classico per un motivo, ma come fa a stare in piedi? Il direttore della fotografia Karl Freund completa la presenza di Lugosi con un look oscuro e gotico che avrebbe perseguitato i sogni degli spettatori per decenni dopo.

VAI AI FILM DA VEDERE

Vampyr (1932)

A tarda notte, Allan Gray arriva in una locanda vicino alla città di Courtempierre e prende in affitto una camera per dormire. Gray viene svegliato all’improvviso da un vecchio, che gli lascia un pacco sul tavolo di Gray; Sulla carta di copertina è scritto “Aprire alla mia morte”. Gray prende il fagotto e passeggia all’aperto. Le ombre lo seguono in un vecchio castello, dove le vede danzare. 

Costretto a girare la produzione in tre lingue diverse (francese, inglese e tedesco), la prima esperienza nel film sonoro di Dreyer è stata una proverbiale prova del fuoco. Per aggiungere sale alla produzione esasperante, il film è uscito solo dopo una censura abbastanza pesante. Con il passare degli anni l’apprezzamento per Dreyer è cresciuto ed è cresciuto anche l’apprezzamento per il film, con molti critici moderni che citano la sua visione sovversiva della sessualità come anni in anticipo sui tempi. Oggi è considerato un capolavoro della storia del cinema, forse il miglior film sui vampiri di tutti i tempi.

Guarda Vampyr

La figlia di Dracula (Dracula’s Daughter, 1936)

Film della Universal del 1931 con Bela Lugosi, che ebbe un enorme successo ma non diede vita a un seguito immediato. Alla fine ne ottenne uno nel 1936. Dracula’s Daughter è un film non convenzionale interpretato Gloria Holden nei panni della contessa figlia di Dracula, senza l’apparizione di Lugosi. È una riluttante e romantica vampira che è ritratta come una sorta di tragico antieroe.

Il figlio di Dracula (Boy of Dracula, 1943)

Il cast di attori presenti nella serie originale dei mostri della Universal potrebbe essere confuso quando si tratta di ruoli che si incrociano, ed è così che finiamo con Son of Dracula con protagonista The Wolf Man in persona, Lon Chaney Jr. nel ruolo di vampiro. Non è mai veramente chiaro se il vampiro di Chaney in questo film sia davvero il “figlio di Dracula”. o è semplicemente una versione diversa dello stesso Dracula. Indipendentemente da ciò, la trama coinvolge il vampiro ungherese in visita a New Orleans per cercare una donna che spera lei stessa di usare i doni del vampiro per raggiungere l’immortalità.

VAI AI FILM DA VEDERE

Dracula il vampiro (Scary of Dracula, 1958)

Horror of Dracula è tra i migliori film di vampiri dell’era dei classici mai realizzato, dopo il Dracula di Bela Lugosi del 1931, l’originale Nosferatu ed il Vampyr di Carl Theodor Dreyer. Interpretato dal regale e intimidatorio Christopher Lee all’apice dei suoi poteri, insieme a La maledizione di Frankenstein, è il film responsabile della rinascita tra la fine degli anni ’50 e l’inizio degli anni ’70 del classico horror gotico attraverso la Hammer Film Productions nel Regno Unito, che produrrà dozzine di film su Frankenstein, La mummia e non meno di otto sequel di Dracula.

Le spose di Dracula (The Brides of Dracula, 1960)

Marianne Danielle, una giovane insegnante di francese in viaggio per lavoro in Transilvania, viene abbandonata in una locanda dal suo autista di pullman. Trascurando le cautele dei residenti, accetta l’accordo della baronessa Meinster di passare la notte nel suo castello. Il bel marito della baronessa, il barone Meinster, è considerato pazzo e tenuto prigioniero. Dopo essere penetrata nei suoi alloggi per incontrarlo, è sorpresa di scoprire che il barone è incatenato a un muro. Afferma che sua madre ha effettivamente usurpato le sue terre e chiede l’aiuto di Marianne che lo libera.

Peter Cushing torna nei panni del cacciatore di vampiri Van Helsing, portando la sua consueta raffinatezza e convinzione al ruolo. In realtà è un vero tosto anche in questo, picchettando i non morti e persino escogitando un rimedio casalingo piuttosto raccapricciante per i morsi di vampiri. La trama è un po’ tortuosa ed è un po’ minata dall’avere un cattivo che si presenta come un clone sdolcinato del “Conte Dracula”, ma le spose dei vampiri sono un punto culminante, così come lo è Cushing che porta i suoi talenti da attore al ruolo.

Il sangue e la rosa (Blood and Roses, 1960)

Stroyberg interpreta una giovane donna che, gelosa del fidanzamento di un’amica con il suo amato cugino, sembra essere posseduta dallo spirito di un vampiro assassino. A merito di Vadim, il film risultante non sembra così palesemente commerciale come alcune delle sue precedenti imprese e, insieme a un’atmosfera opportunamente gotica, c’è un senso in qualche modo legittimo di commozione e tragedia nella trama.

La maschera del demonio (Black Sunday, 1960)

Dopo anni trascorsi a lavorare come direttore della fotografia e a volte non accreditato, co-regista in un assortimento di produzioni horror e di cappa e spada a budget medio-basso, Mario Bava è esploso alla grande come regista con Black Sunday. Liberamente basato su un racconto di Nikolai Gogol, il film è incentrato sulla resurrezione di una strega vampira del 17° secolo e del suo amante mentre cercano vendetta sui discendenti del fratello che l’ha giustiziata. 

VAI AI FILM DA VEDERE

I tre volti della paura (Black Sabbath, 1963)

La band in questione ha preso il nome da questo celebre film a episodi, che racconta tre storie dell’horror dirette da Mario Bava. Il film include 3 diversi racconti presentati da Boris Karloff. L’ordine in cui esistono le storie differisce tra le varie varianti in cui il film è stato effettivamente lanciato. Nella prima stampa italiana, la primissima storia, intitolata “Il telefono”, mostra Rosy (Michèle Mercier) che riceve costantemente telefonate minacciose da uno stalker nascosto. Il secondo è “The Wurdulak”, dove un ragazzo chiamato Gorca (Karloff) torna a casa sua dopo aver dichiarato di aver ucciso un Wurdulak, un essere non morto. La terza storia, “The Drop of Water”, presenta Helen Corey (Jacqueline Pierreux), un’infermiera che prende un anello da un cadavere che viene preparato per la sepoltura e si scopre perseguitata dal proprietario dell’anello.

L’ultimo uomo sulla Terra (The Last Man in the world, 1964)

Il grande Price interpreta in questo film distopico il dottor Robert Morgan, l’ultimo uomo sulla Terra, che trascorre tutte le sue ore di veglia alla luce del sole a cacciare vampiri che sono stati creati da un virus che ha spazzato via l’umanità. A differenza dell’adattamento del 2007 con Will Smith, in realtà ci viene presentata una certa ambiguità morale con il personaggio principale quando si scopre che i vampiri non sono così mostruosi come avrebbe potuto credere. È chiaro, tra l’altro, che queste creature in realtà sono vampiri, a differenza di I Am Legend, dove la loro sensibilità alla luce solare è davvero l’unico segno.

Guarda L’ultimo uomo sulla Terra

Terrore nello spazio (World of Vampires, 1965)

Il racconto racconta le terribili esperienze della squadra di 2 grandi asronavi spaziali che sono arrivati ​​​​in collisione su una terra inesplorata e restrittiva.  I cittadini incorporei del luogo prendono i corpi della squadra morta durante la collisione. Il titolo è super fuorviante considerando che tecnicamente i mostri di questa storia sono più zombi che vampiri. Comunque è un gioiello di film di serie B che merita un pubblico più ampio. A lungo annunciato come il predecessore di Alien di Ridley Scott, Il pianeta dei vampiri di Mario Bava è un film da riscoprire. 

Dracula: Prince of Darkness (1966)

La casa di produzione di film horror Hammer è riuscito a produrre un sequel molto divertente e adeguatamente inquietante con Prince of Darkness, che si avvicina a un film del sottogenere della “vecchia casa infestata” quando un gruppo di viaggiatori viene bloccato nel castello di Dracula e assiste alla sua resurrezione. Degno di nota è il fatto che Dracula ha letteralmente zero battute in questo film, qualcosa che è accaduto perchè Lee si è rifiutato di dirle dopo aver letto la sceneggiatura.

Per favore, non mordermi sul collo! (The Fearless Vampire Killers, 1967)

Dopo diversi acclamati drammi psicologici, inclusi classici come Repulsion e Knife in the Water, Roman Polanski si è cimentato in una commedia eccentrica con The Fearless Vampire Killers. Una versione comica del tipo di produzioni horror gotiche rese popolari da Hammer, è un film che pone domande come: una croce potrebbe allontanare con successo un vampiro ebreo.

Le amanti di Dracula (Dracula Has Risen From the Grave, 1968)

Uno dei migliori film sui vampiri dei sequel della Hammer su Dracula, che esce di poco da Taste the Blood of Dracula, potrebbe anche essere il migliore dei sequel in assoluto. Il giovane protagonista Paul è un killer di vampiri molto insolito per una ragione in particolare: è ateo! Un’altra cosa che si distingue in Dracula Has Risen From the Grave è l’apparente intenzione di Hammer di creare un’atmosfera più sexy.

VAI AI FILM DA VEDERE

La casa dei vampiri (Home of Dark Shadows, 1970)

Definire House of Dark Shadows una continuazione della popolare soap opera gotica Dark Shadows sarebbe un termine improprio, poiché il produttore/sceneggiatore Dan Curtis ha fondamentalmente usato questo film del 1970 come un’opportunità per riunire il cast dello show e essenzialmente raccontare la storia di Barnabas Collins, il personaggio vampiro preferito dai fan. Il film vanta lo stesso stato d’animo sobrio e inquietante che ha reso il programma TV un successo, così come alcuni segmenti sorprendentemente cruenti, dato che Curtis ha voluto trarre vantaggio dal non doversi piegare alle restrizioni della rete.

Vampiri amanti (The Vampire Lovers, 1970)

Ultima produzione di Hammer ad essere finanziata con denaro americano, The Vampire Lovers segna uno dei progetti finali nella filmografia della famosa casa di produzione per sembrare un film vero e proprio al contrario di un film di serie b realizzato in pochi giorni in cui la troupe ha avuto un breve accesso a un castello. Un libero adattamento dell’opera gotica classica di Joseph Thomas Sheridan Le Fanu, Carmilla, The Vampire Lovers presenta Ingrid Pitt nei panni di Carmilla, una seducente vampira che prende di mira una ricca famiglia europea, in particolare le impressionabili e splendide giovani donne.

Il marchio di Dracula (Scars of Dracula, 1970 )

Questo film sui vampiri è il quarto sequel della Hammer su Dracula, una scelta consapevole per riportare la serie alle sue radici che stava rischiando di perdere nei film precedenti. Il film infatti rielabora i vecchi schemi narrativi dei vampiri. Dracula è tornato nel suo castello in Transilvania predando un paio di individui che capitano nelle sue grinfie. Come in Taste the Blood of Dracula, si esaurisce in una conclusione che esce davvero dal nulla in cui i titoli di coda iniziano a girare nel momento in cui il cattivo viene ucciso all’improvviso, troncando il film di netto con un’ingiustificata fretta di concludere il lavoro. 

La morte va a braccetto con le vergini (Countess Dracula, 1971)

Nell’Ungheria del XVII secolo, la contessa Elisabeth Nádasdy, rimasta vedova di recente, scopre che il suo aspetto più giovane e la sua pulsione sessuale possono essere momentaneamente tornare se si bagna nel sangue delle ragazze. Chiede al suo steward e fan, il capitano Dobi, e alla sua cameriera Julie, di aiutarli con il rapimento e l’omicidio di un certo numero di donne, mentre inizia un nuovo amore con un giovane tenente di nome Imre Toth. Per quanto allegramente spudorato come suggerisce il titolo, la contessa Dracula è un film sui vampiri che racconta di una vedova che scopre di poter prolungare il suo aspetto giovanile bagnandosi nel sangue di giovani donne. È il tipo di follia tipica dei film horror Hammer degli ultimi giorni.

1972: Dracula colpisce ancora! (Dracula AD 1972, 1972)

È improbabile che qualcuno dei fan della serie Hammer Dracula abbia visto arrivare questo. Sembra davvero che Hammer non sia stato in grado di decidere quale diavolo doveva essere il tono del film: a volte ci stiamo muovendo nella vibrante e funky Londra del 1972, eppure la dimora di Dracula è ancora un castello dall’aspetto completamente gotico che ti fa dimenticare immediatamente l’impostazione “moderna”. un film di serie B abbastanza curioso e strampalato per accendere la curiosità di chi ama questo tipo di film low budget.

La regina dei vampiri (Vampire Circus, 1972)

Al momento della sua uscita, The Vampire Circus era un esperimento della Hammer. Il circo porta anche un vampiro che depreda i bambini della città. Immerso nell’atmosfera gotica ed eccessivamente cruento anche per gli standard della Hammer, Vampire Circus rappresenta una delle ultime puntate horror degne di nota della compagnia prima che la fine degli anni ’70 determinasse il suo inevitabile declino.

I satanici riti di Dracula (The Satanic Rites of Dracula, 1973)

Il sesto seguito di Hammer’s Horror of Dracula è fortunatamente l’ultimo film della serie a includere il cattivo ed esitante Christopher Lee nella funzione, e allo stesso modo riporta di nuovo Peter Cushing nei panni di Van Helsing. Il film è come un assemblaggio di vari pezzi, con parti non correlate e vari generi cinematografici messi insieme; in parte film di spionaggio, in parte film di fantascienza e in parte horror gotico. Dracula ha in realtà intenzione di spazzare via l’intera razza umana questa volta scatenando una sorta di piaga del giorno del giudizio.

La leggenda dei 7 vampiri d’oro (The Legend of the 7 Golden Vampires, 1974)

Satanic Rites of Dracula potrebbe essere stato l’ultimo film di Hammer Dracula con Christopher Lee, ma c’era ancora un altro “film di Dracula” rimasto in studio prima che se ne andasse verso il tramonto. Dracula è nel film solo per pochi minuti prima di possedere il corpo di un monaco taoista e fuggire a Chungking, dove guida una cabala di sette vampiri cinesi. Quello che segue è una serie di folli combattimenti di kung fu con armi dall’aspetto ridicolo, vampiri fiammeggianti e il ritorno di Peter Cushing nei panni del cacciatore di vampiri Van Helsing.

VAI AI FILM DA VEDERE

Captain Kronos (1974)

Un altro film horror della Hammer degli ultimi giorni degno di essere riscoperta, Captain Kronos segue le avventure del personaggio principale: un cacciatore di vampiri spavaldo con abilità esemplari con la spada e un volto molto nordico. È certamente un peccato che questo film non abbia prodotto il tipo di franchising offerto ad altre produzioni Hammer, poiché la società ha chiuso poco dopo.

Deafula (1975)

Nonostante i suoi modesti valori di produzione, Deafula occupa un posto speciale nella storia del cinema: segna la prima volta che un film è stato realizzato completamente nella lingua dei segni. Fotografato in bianco e nero, il film conserva l’atmosfera classica dei film horror della Universal, anche se con un lavoro di trucco, costumi e scenografia tutt’altro che stellare. Ciò che il film manca di risorse, tuttavia, lo compensa con la pura stranezza.

1975: Occhi bianchi sul pianeta Terra (The Omega Man, 1971)

Nella primavera del 1975, un conflitto tra Russia e Cina sfocia in una guerra globale in cui la guerra biologica distrugge la maggior parte della razza umana. Il colonnello dell’esercito americano Robert Neville, MD, è uno scienziato che opera a Los Angeles. Quando inizia la pandemia si inietta un vaccino sperimentale e diventa immune. Per quanto il film possa essere deliziosamente banale a volte, tuttavia, ha anche formato un’impressione indelebile sulla coscienza della cultura pop per una ragione. Insieme a una solida interpretazione da protagonista di Heston, la produzione mette al lavoro il suo notevole budget di Hollywood attraverso diverse sequenze d’azione emozionanti e non esita mai a tracciare paralleli chiari, spesso cupi tra gli eventi della trama e la paranoia che ha caratterizzato l’ambiente sociale in cui è stata realizzata.

Rabid – Sete di sangue (Rabid, 1977)

Rose e il suo partner Hart hanno un incidente in bicicletta nella campagna del Quebec, avvenuto a causa di un furgone parcheggiato in mezzo alla carreggiata. Mentre Hart soffre di una mano danneggiata, una spalla ferita e una commozione cerebrale, Rose è gravemente ferita e ustionata dall’evento. 

Un altro esempio in cui il termine “vampiro” è discutibile, questo primo lavoro del maestro canadese di body horror David Cronenberg offre comunque un’interpretazione avvincente e preziosa del tipico racconto di vampiri. Piuttosto che emergere come una forza del male, i vampiri di Rabid sono il risultato di una mutazione biologica causata quando una giovane donna si schianta con la sua motocicletta e sviluppa un pungiglione dall’aspetto molto fallico sotto l’ascella. E mentre il film è gravato da una sceneggiatura mediocre e da una recitazione pomposa della nota porno star Marilyn Chambers, rimane una preziosa intuizione nella mente di un futuro maestro del cinema.

Martin (1977)

Il regista George Romero ha realizzato un film meno horror e più drammatico rispetto ai suoi precedenti. In molti modi, le azioni di Martin, in particolare la sua violenza contro le donne, servono a Romero per riflettere sugli impulsi primordiali distruttivi dell’uomo e sulla brutalità che si verifica quando vengono lasciati incontrollati. Mentre la maggior parte dei film horror delinea chiaramente tra gli eroi giusti e i mostri che devono essere sconfitti, Martin pone domande molto più profonde, spingendo gli spettatori a contemplare l’oscurità che giace dentro di noi tutti. Da non perdere.

Nosferatu: Phantom der Nacht (1979)

Jonathan Harker è un rappresentante immobiliare a Wismar, in Germania. La sua compagnia, Renfield, lo informa che un nobile chiamato Conte Dracula vuole acquistare una proprietà residenziale a Wismar e incarica Harker di andare dal Conte e portare a termine la vendita. Lasciata la sua giovane sposa Lucy a Wismar, Harker fa un viaggio in Transilvania, al castello del Conte Dracula, che dura 4 settimane, porta con sé i documenti e gli atti necessari per vendere la casa al Conte. Durante il suo viaggio, Harker si ferma in una locanda cittadina, dove i residenti gli raccomandano di tenersi lontano dal castello maledetto, fornendogli informazioni sul vampirismo di Dracula. Tralasciando le suppliche degli abitanti del villaggio come un’idea superstiziosa, Harker continua il suo viaggio.

Werner Herzog ricrea la pietra angolare del cinema dei vampiri e del cinema espressionista tedesco attraverso un incubo sempre crescente di scene sconvolgenti e sconnesse. Il fatto che Klaus Kinski interpreti anche il conte Dracula significa che la follia è al limite di ogni linea di chiaroscuro: Nosferatu si crogiola nella bellezza dell’orrore. Ecco un film che rende onore al cinema d’arte e alla serietà dei vampiri.

Le notti di Salem (Salem’s Lot, 1979)

In una chiesa del Guatemala, Ben Mears e Mark Petrie, stanno riempiendo piccole bottiglie di acqua santa. Quando una delle bottiglie inizia a emettere un inquietante bagliore soprannaturale, Mears dice a Mark che “ci hanno ritrovato”. Sapendo che una presenza demoniaca è vicina, decidono di prepararsi a combatterla. Il risultato di questo film sui vampiri è una versione tentacolare e disordinata dei film sulla casa stregata. Il prodotto finale è tutt’altro che perfetto: David Soul è un protagonista di legno, l’ampio cast di supporto e le trame multiple rendono il film tortuoso e sfocato e la conclusione finale si presenta come una piccola carezza considerando il lungo accumulo. Questo non vuol dire che non ci siano grandi momenti salienti, in particolare, il perfetto ritratto di un misterioso antiquario e una scena decisamente semplice, ma inquietante che coinvolge un vampiro.

Amore al primo morso (Love initially Bite, 1979)

George Hamilton porta il colore al genere dei film sui vampiri nella parodia del regista Stan Dragoti, una storia di un pesce fuor d’acqua in cui la creatura senza età va in declino alla fine degli anni ’70 a New York City. È stato sfrattato dal suo castello in Transilvania a causa delle tasse arretrate, e gli appuntamenti con le donne dell’era della discoteca a New York si rivelano disastrosi. 

Dracula (1979)

Nel 1979 non mancano i film di Dracula innovativi e fuori dagli schemi come il Nosferatu di Herzog, e probabilmente il film di John Badham, un regista che non ha mai avuto una particolare visione cinematografica d’autore, è sembrato eccessivamente tradizionale e noioso. Ma la cosa interessante per vedere questo film sui vampiri è che Frank Langella qui cattura il fascino ipnotizzante del personaggio di Dracula e mette in evidenza l’anima più sensibile dietro il mostro: qualità importanti data l’enfasi che il film pone sulla storia d’amore tra lui e Mina. 

Thirst (1979)

Rapita da una losca organizzazione di cosiddetti “super uomini” che banchettano con il sangue umano, la protagonista deve sfuggire alla prigionia prima che le facciano il lavaggio del cervello per farla diventare una di loro. Mettendo da parte i clichè degli anni ’70 che distraggono, Thirst funziona come un brivido di horror psichedelico con le sfumature politiche. Non così degno di nota come il film di Park Chan-wook del 2009 di cui condivide il titolo, Thirst è un’esperienza utile per quei fan dell’horror che cercano qualcosa fuori dai sentieri battuti.

Lifeforce (1985)

Il team dello Space Shuttle Churchill, sotto il comando del colonnello Tom Carlsen, scopre un veicolo spaziale lungo 150 miglia (240 chilometri) nascosto vicino la cometa di Halley. All’interno, il team scopre migliaia di animali essiccati simili a pipistrelli e 3 corpi umanoidi nudi (2 uomini e una donna) all’interno di contenitori di vetro.  Lo staff recupera un pipistrello alieno e anche i 3 corpi e inizia il viaggio di ritorno sulla Terra. 

Anche se è un classico regista horror, Tobe Hooper di Texas Chainsaw Massacre non è proprio il regista per un film fantascientifici sui vampiri stravaganti degli anni ’80. Hooper abbandona l’estetica sudicia del suo lavoro precedente e gioca abilmente con le vecchie convenzioni del genere dei vampiri, mantenendo alcuni riferimenti ai pipistrelli ma abbandonando i succhiasangue. Piuttosto, i “vampiri spaziali” sono stati aggiornati in assassini più cerebrali e distaccati che prosciugano le persone della loro energia vitale.

Ammazzavampiri (Fright Night, 1985)

Il diciassettenne Charley Brewster è un fan di un programma televisivo horror chiamato Fright Night , condotto dall’ex cacciatore di vampiri Peter Vincent. Una sera, Charley scopre che il suo nuovo vicino di casa Jerry Dandrige è un vampiro responsabile della scomparsa di diverse vittime. Dopo averlo detto a sua madre, Charley chiede aiuto alla sua ragazza, Amy Peterson, e al suo amico, “Evil Ed” Thompson, prima di contattare le autorità. L’investigatore Lennox va con Charley a casa di Jerry per interrogarlo, tuttavia il suo “compagno di stanza” Billy Cole li informa che Jerry è “in compagnia”. Quella notte, Charley è sorpreso di vedere Jerry all’interno della sua casa, essendo stato accolto dalla madre di Charley. Jerry rovina il veicolo di Charley per rappresaglia e minaccia Charley al telefono.

Non credo che nessuno sosterrà che l’originale Fright Night sarà mai accanto ai più classici film horror degli anni ’80 ma è comunque un film di vampiri molto divertente. Alcuni degli effetti di trucco e dei dialoghi sono puro stile film horror degli anni ’80, il film va avanti con il suo approccio ironico così come il ruolo disinvolto di Sarandon come vampiro della porta accanto.

La tana del serpente bianco (The Lair of the White Worm, 1988)

Basato sull’omonimo romanzo di Bram Stoker molto meno conosciuto di Dracula, il film vede come protagonista Peter Capaldi nei panni di un archeologo scozzese che inavvertitamente libera un mostro serpente vampirico che inizia a tormentare i responsabili dell’uccisione in un vita passata. Con Amanda Donohoe e Hugh Grant in uno dei suoi primi ruoli cinematografici, White Worm porta la firma e lo stile di Ken Russell alla fine della sua filmografia. Tra una commedia e un film di mostri, è un film che sfugge alla classificazione.

Waxwork (1988)

Dopo l’inaugurazione di un museo delle cere, la studentessa del liceo China (Michelle Johnson) viene invitata ad una cena vittoriana a base di carne cruda e sangue alla quale partecipa un gruppo di vampiri molto attraenti. La China potrebbe diventare l’ennesima vittima della strana interpretazione di Waxwork dell’orrore sessuale e del masochismo, incarnato dal fatto che il marchese De Sade fosse uno degli psicopatici più famosi del mondo, ma la sua terrificante esperienza è solo il preludio della battaglia finale alle statue delle cere, in cui Dracula finalmente arriva nel mondo reale, si trasforma in un pipistrello e viene ucciso con un revolver. I film horror anni ’80 sono stati un periodo meraviglioso per il cinema.

Tramonto (Sundown: Vampire in Retreat, 1989)

E anche se questo film sui vampiri non è certamente un capolavoro perduto, il successivo status di cult del film è più che una prova che c’era davvero un pubblico per questo insolito ibrido western/horror/commedia. Il film è ambientato in una città deserta dove un gruppo di vampiri ha deciso di vivere la propria vita eterna in pace e tranquillità. Le cose iniziano ad andare storte dopo che una famiglia umana diventa il catalizzatore di una guerra civile tra i vampiri che desiderano rimanere nascosti e coloro che desiderano un ritorno al loro status di predatori.

Subspecies (1991)

La serie Subspecies è una serie di film dedicata ai vampiri piuttosto strampalata e curiosa. Il film è stato realizzato da Full Moon Studios come una delle serie di punta prodotte dall’ancora prolifico esperto di film di serie B Charles Band, un produttore che ha abilmente interpretato un ruolo alla Roger Corman nell’horror diretto all’home video sin dagli anni 80. Questo è esattamente il tipo di film che avresti visto sugli scaffali delle videoteche commerciali nel 1993, un film che ha avuto molto successo in standar VHS, costantemente noleggiato dai fan dell’orrore con standard bassi e un desiderio di visione pauroso casalinga.

Dracula di Bram Stoker (1992)

Nel 1462, Vlad Dracula torna da un successo nella sua campagna contro l’Impero Ottomano per scoprire che la sua compagna Elisabeta si è suicidata dopo che i suoi nemici le riferirono falsamente la sua morte. Un prete lo informa che l’anima della sua sposa è dannata all’inferno per essersi suicidata. Furioso, Vlad rinnega Dio della cappella, affermando che risorgerà dalla tomba per vendicare Elisabeta con tutti i poteri delle tenebre. 

Basato sul classico horror gotico del 1897, l’adattamento sfacciatamente esagerato di Francis Ford Coppola è a volte tanto degno di una risata quanto impressionante. Che si tratti di Gary Oldman nei panni dello spietato vampiro pieno di sentimento, Winona Ryder nel ruolo del suo amore perduto da tempo, o Anthony Hopkins nel ruolo dell’altrettanto leggendario Dr. Van Helsing, nulla nel film o nelle sue interpretazioni è sottile, a parte Keanu Reeves. 

Amore all’ultimo morso (Innocent Blood, 1992)

Fresca del successo del ruolo da protagonista in Nikita di Luc Besson, l’attrice francese Anne Parillaud ha fatto la sua successiva apparizione nel film sui vampiri d’azione horror di John Landis nei panni di Marie, una vampira che uccide e banchetta solo con i criminali. Una notte, dopo una serie di decisioni sbagliate, finisce per dare poteri vampirici a un boss mafioso psicotico. Come film, Innocent Blood è praticamente un disastro, ma, considerando che mescola crimine, horror e dramma d’azione, è una miscela di generi curiosa da vedere.

Nadja (1994)

Il conte Arminius Chousescu Dracula muore e la sua piccola Nadja (Elina Löwensohn) crede davvero che la sua morte la libererà sicuramente dalla vita che suo padre le ha imposto. Un’altra puntata del sottogenere dei vampiri come hipster di città, Nadja trapianta il mito dei vampiri nel film drammatico indipendente di Hal Hartley. Prodotto da David Lynch, che interpreta anche un cameo come addetto all’obitorio, il film si pone come un dramma intimo con il vampirismo trattato con disinvoltura come se fosse qualsiasi altra attività quotidiana. Il film non concilia mai del tutto queste due nozioni, ci sono abbastanza immagini interessanti e abilità in gioco per rendere questo film di vampiri da vedere.

Intervista col vampiro (Interview with The Vampire, 1994)

Il romanzo gotico di Anne Rice del 1976 sui succhiasangue nella Louisiana spagnola ha ricevuto un trattamento epico sul grande schermo quasi due decenni dopo il suo debutto. Una preadolescente, interpretata da Kirsten Dunst, è un’orfana sputafuoco diventata succhiasangue immortale, mentre Antonio Banderas e Stephen Rea terrorizzano il pubblico in ruoli secondari. Il regista Neil Jordan, in collaborazione con il direttore della fotografia Philippe Rousselot e lo scenografo Dante Ferretti, cattura la loro esistenza notturna con colori psichedelici e la luce delle lanterne, un universo cinematografico che è ancora fermo nel tempo.

The Addiction (1995)

Kathleen Conklin, una studentessa universitaria introversa arrivata alla New York University, viene aggredita una notte da una donna che si fa chiamare “Casanova”. Spinge Kathleen in una tromba delle scale, le morde il collo e beve il suo sangue. Kathleen trova in se stessa una serie di indizi di vampirismo, costituiti dall’ostilità verso il giorno e dal disgusto per il cibo. Diventa aggressiva nell’atteggiamento e propone al suo insegnante di fare sesso nel suo appartamento, prendendo denaro dal suo portafoglio mentre dorme. Essendo una studentessa di filosofia Kathleen prende la sua condizione di deterioramento come spunto per rimuginazioni esistenziali. Una delle opere migliori e più essenziali del regista Abel Ferrara.

The Night Flier (1997)

Segue un giornalista cinico e ciarlatano di un tabloid mentre cerca un serial killer che ha soprannominato il “volo notturno”, un aspirante vampiro che vola da un piccolo aeroporto all’altro nel suo aereo/bara personale, uccidendo arbitrariamente mentre va . Indipendentemente da ciò, il “serial killer” ovviamente si rivela un vero vampiro. Non è sullo schermo a lungo, ma il momento clou del film è senza dubbio il design nodoso che hanno scelto per il mostro: un grande, lungo dente centrale, combinato con un mantello di Dracula economico da negozio di costumi.

Brivido di sangue (The Wisdom of Crocodiles, 1998)

Jude Law interpreta Steven, un vampiro londinese alla disperata ricerca della donna giusta con cui condividere la sua vita. Alla fine incontra Anne, tuttavia, diventa presto chiaro che la loro storia d’amore è destinata ad avere una fine non felice. Notevole per aver escluso diversi aspetti chiave della tradizione dei vampiri, ad esempio Steven può ricevere la luce del sole, il film è un’interpretazione quasi poetica e romantica della normale storia di vampiri.

Vampires (1998)

In un film che racconta la profonda e duratura storia d’amore tra due cacciatori di vampiri, John Carpenter ha creato una lettera d’amore al cinema di vampiri che sembra anche odiare il cinema di vampiri. In Vampires, le creature sono spietate, bestiali, senza l’eleganza o la cultura di quelle di un romanzo di Anne Rice, decise semplicemente di uccidere tutti gli umani con la massima ferocia. Insieme al suo compagno di vita, Anthony Montoya (Daniel Baldwin), Jack setaccia il sud-ovest americano alla ricerca degli agenti del diavolo, uccidendoli brutalmente tutti, pugnalando il petto dei vampiri finché ognuno non diventa una poltiglia maciullata. 

Io sono leggenda (I Am Legend, 2007)

Una cura per curare le cellule tumorali finisce per essere mortale, contaminando il 99% della popolazione mondiale, trasformando coloro che non elimina direttamente in mutanti vampiri, albini e cannibali chiamati Darkseekers, che sono molto sensibili alla luce solare  e uccidono le minoranze sopravvissute. I vampiri di questo film non conservano molte caratteristiche dei vampiri classici, fatta eccezione per la loro vulnerabilità ai raggi UV. Le parti migliori del film sono quelle che abbracciano l’ambiente post-apocalittico, mentre Will Smith cerca e si fa strada attraverso una Manhattan abbandonata con il suo fedele cane. Alcune eccellenti caratterizzazioni sono impostate durante la prima metà del film ma alla fine la storia si impantana sul cliché di in un gruppo di vampiri strampalati che aggrediscono la casa del protagonista.

Daybreakers (2009)

Daybreakers prende la sua ispirazione da artisti del calibro di Philip K. Dick che dai romanzi rosa di YA. Ambientato nel prossimo futuro in cui una vasta piaga ha trasformato la maggior parte della popolazione mondiale in vampiri, Ethan Hawke interpreta uno scienziato che deve trovare un modo per salvare la razza dei vampiri prima che la loro scorta di sangue si esaurisca. Alla fine, il buono prevale per lo più sul cattivo e, data la mancanza di veri e propri “film di vampiri di fantascienza”, non è un titolo trascurabile.

Thirst (2009)

Sang-hyun è un prete cattolico che fa volontariato presso un ospedale offrendo aiuto ai pazienti. È molto apprezzato per la sua fede e il servizio devoto, tuttavia sperimenta segretamente sensazioni di dubbio e infelicità. Sang-hyun si offre volontario per prendere parte a un esperimento per scoprire un vaccino per il fatale Emmanuel Virus (EV). L’esperimento smette di funzionare e Sang-hyun viene contaminato dalla malattia apparentemente mortale. Fa una guarigione rapida e totale dopo aver ricevuto una trasfusione di sangue. Premurosa, cupa, grottesca e piena di speranza, la favola horror elegantemente triste di Park Chan-Wook alla fine si rivela un thriller romantico con un triangolo amoroso al centro: tra un vampiro, una donna e il loro Dio.

Stake Land (2010)

Prendi il classico Day of the Dead di Romero, mettilo in superficie e sostituisci i non morti mangiatori di cervelli con i vampiri. Il viaggio su strada di vampiri nella terra desolata di Jim Mickle è un film di genere originale. Come il seguito di Mickle, ugualmente sorprendente dal punto di vista visivo, We Are What We Are, Stake Land è una bella storia di orrore per coloro a cui piace affondare i denti in una cinematografia spettacolare.

Midnight Son (2011)

Jacob, il giovane al centro del film horror a basso budget di Scott Leberecht ha degli strani sintomi che si manifestano contro la sua volontà: la sua pelle brucia alla luce del giorno ed è costantemente affamato… potrebbe essere un vampiro? Prendendo una pagina da Martin di George A. Romero, Midnight Son esplora i miti dei vampiri attraverso un dramma intimo di un personaggio.

Byzantium (2012)

Dieci anni dopo aver portato i vampiri alla ribalta della cultura pop con l’adattamento di Anne Rice, Intervista con un vampiro, il regista irlandese Neil Jordan torna nel mondo delle sanguisughe conil film  Byzanzium, a tema femminile. Con Gemma Arterton e Saoirse Ronan nei panni di madre e figlia vampiri in fuga, il film scambia le calde tonalità della vita notturna di New Orleans con la fredda distesa di una cittadina costiera irlandese. Com’era prevedibile, il principale punto di forza del film emerge ogni volta che Arterton e Ronan condividono lo schermo.

Solo gli amanti sopravvivono (Just Lovers Left Alive, 2013)

Sposati da secoli e separati da una grande distanza fisica, 2 vampiri si svegliano al calare del sole. Adam siede con in mano un liuto, nella sua disordinata Detroit vittoriana, mentre Eve si sveglia nella sua camera da letto a Tangeri, circondata da libri. Invece di mordere e uccidere le persone direttamente, dipendono dai fornitori di sangue di buona qualità, per la preoccupazione del sangue infetto dall’ambiente del 21° secolo.

Adam porta la sua compagna in un viaggio crepuscolare a Detroit, facendole scoprire lo stabilimento vuoto di Packard, le proprietà un tempo ricche che ora stanno crollando su se stesse, la casa dove è cresciuto Jack White. La città in cui questi 2 vampiri non morti che riflettono sulla storia di un’umanità che li evita è essa stessa una terra desolata di vampiri. Jim Jarmusch sceglie di far vivere i suoi affascinanti vampiri nell’ombra della notte senza fine di Detroit con un film d’autore geniale, uno dei migliori film sui vampiri mai realizzati.

Kiss of the Damned (2013)

Paolo, uno sceneggiatore che soggiorna nel Connecticut per scrivere la sceneggiatura di un film, si innamora di Djuna (Joséphine de La Baume), solo per scoprire che è un vampiro che vive bevendo il sangue degli animali. Lei lo ammette, quindi gli chiede di incatenarla in modo che possa mostrarglielo. Paolo non ha paura. Mette le catene che la legano e si unisce a lei, ricevendo il “bacio della morte” e diventando un vampiro. Il tanto atteso seguito di Xan Cassavetes al suo eccellente documentario del 2004, Z Channel: A Magnificent Obsession, si è rivelato una sorta di ritorno al passato dei film sui vampiri europei sgargianti e sensuali degli anni ’70.

Il sangue di Cristo (Da Sweet Blood of Jesus, 2014)

Un remake affascinante, anche se confuso, del classico cult dei vampiri, Ganja & Hess. Trapiantando il film originale in un’ambientazione moderna, Lee racconta la storia di un ricco antropologo nero che si trasforma in un vampiro dopo essere stato pugnalato da un pugnale maledetto. Con una durata leggermente al di sopra delle due ore, il film si destreggia tra tutti i tipi di temi riguardanti la dipendenza, il genere, il razzismo e la politica del classismo.

Summer of Blood (2014)

Durante un appuntamento serale, Eric Sparrow (Onur Tukel) rifiuta una proposta di matrimonio della sua fidanzata da Jody (Anna Margaret Hollyman). Tornando a casa si imbattono in un amore dell’università di Jody, Jason (Jason Selvig), per il quale Jody scarica immediatamente Eric. Rimasto solo Eric incontra un ragazzo non ha un’emorragia di sangue dal collo fatale. 

Alla fine degli anni ’90, il regista indipendente Onur Tukel ha segnato il suo unico successo con il dramma sui vampiri Drawing Blood. Summer of Blood immagina cosa accadrebbe se si lasciassero cadere i vampiri nel bel mezzo di una commedia in stile Woody Allen. Una parodia intelligente e spiritosa della vita moderna, Summer of Blood è una delle commedie di vampiri più interessanti.

Bloodsucking Bastards (2015)

Il senso dell’umorismo di questo film sui vampiri fonde in egual misura consapevolezza di sé e autoironia, è innamorato dei mostri e della mitologia e piega una manciata di generi in un progetto disordinato e artificioso di satira sull’universo dei vampiri. Con Bloodsucking Bastards, il regista Brian O’Connell prende un percorso un po’ più mirato: lascia cadere la dolcezza e l’emozione, punta dritto a battute e alle abbondanti quantità di carneficina.

Yakuza Apocalypse (2015)

Un giorno, un pastore pistolero e un musicista di arti marziali chiamato Mad-Dog si presentano nella comunità di Kamura, dove decapitano Kamura e feriscono anche il suo secondo in comando Akira Kageyama.  Nei suoi ultimi minuti, la testa della morte di Kamura attacca Kageyama, trasformandolo così in un vampiro. Con la sua combinazione di roboante superviolenza, slapstick ed eccessi, questo strano film sui vampiri rappresenta Miike nella sua forma più da cartone animato. Detto questo, non troverai molti altri film sui vampiri che sono così costantemente sconvolti.

Jakob’s Wife (2021)

Anne, sposata con un ministro, sente che la sua vita si è intorpidita negli ultimi 30 anni. Incontra “The Master” che le porta una nuova sensazione di potere e il desiderio di vivere in modo più audace.  Il cambiamento viene fornito con una materia corporea. Più che un semplice film sui vampiri, Jakob’s Wife parla del tentativo di sfuggire alla vita domestica e alle trappole della vita quotidiana di una donna sposata di mezza età. Il vampirismo è spesso usato come metafora di cose come l’infezione, il potere sugli altri, il sesso e altro ancora. Mette in mostra uno stile che non è mai stato visto prima, racco tando sia una casalinga tranquilla e triste che un vampiro potente e sicuro di sé.

Centinaia di film e documentari selezionati senza limiti

Nuovi film ogni settimana. Guarda su qualsiasi dispositivo, senza nessuna pubblicità. Annulla in qualsiasi momento.
error: Content is protected !!

Indiecinema Film Festival 2022

Indiecinema Film Festival 2022

Dal 5 al 26 Dicembre guarda in streaming la selezione dei film in concorso: cortometraggi, documentari e film indipendenti da tutto il mondo