fbpx

I migliori film horror sull’esorcismo da vedere

Indiecinema Film Festival 2022

Dal 5 al 26 dicembre guarda i film del festival in streaming: una numerosa selezione dei migliori film indipendenti inediti da tutto il mondo.

Indice dei contenuti

I film horror sull’esorcismo hanno stregato il pubblico dall’uscita di “L’esorcista” di William Friedkin nel 1973, uno dei capolavori del cinema. L’esorcista rimane tra i film horror memorabili con un impatto che dura ancora di più rispetto ad tanti altri personaggi malvagi che abbiamo visto in molti film sull’esorcismo. Entità in combutta con il Diavolo per creare l’inferno sulla terra.

film-horror-esorcismo

Nel corso degli anni, questo sottogenere è effettivamente salito a livelli ineguagliabili. Sul pianeta del cinema mainstream questo genere è associato a teste che si attorcigliano, smorfie per il dolore, corpi che si contorcono mentre la vittima combatte una forza malvagia che la possiede. Ma ci sono anche film indipendenti e documentari che trattano l’argomento in modo più serio senza entrare nel territorio dell’intrattenimento horror. L’esorcismo è una pratica antichissima che affonda le sue radici in epoche lontane. 

Cos’è l’esorcismo

L’esorcismo è la pratica spirituale di scacciare le forze sataniche, i jinn o altre entità spirituali da un individuo, o un luogo, che si pensa si sia posseduto. A seconda delle credenze spirituali dell’esorcista, ciò potrebbe essere fatto spingendo l’entità a prestare giuramento, eseguendo dei rituali o semplicemente ordinandole di andarsene in nome di un potere superiore. La pratica è antica e fa parte del sistema di credenze di molte culture e religioni.

La pratica di ascoltare o recitare la Paritta iniziò molto presto nella storia del buddismo. È una pratica buddista di recitare versetti specifici del canone pali per respingere i demoni. Nello Sri Lanka, i buddisti singalesi evocano il Buddha insieme all’essere divino Suniyam per gestire e combattere forze soprannaturali malvagie in un rituale chiamata yakto. Il rituale del giorno del Fantasma Esorcista diventa parte dell’usanza tibetana. I templi e le abbazie in tutto il Tibet organizzano grandi eventi di danza spirituale, il più grande al Palazzo del Potala a Lhasa. Le famiglie puliscono le loro case e consumano una zuppa di noodle chiamata “Guthuk”. Nella notte, gli individui portano torce, gridando le parole di esorcismo.

La preghiera nell’esorcismo cristiano

film-horror-esorcismo

Nella pratica cristiana, l’individuo che esegue l’esorcismo, indicato come esorcista, è tipicamente un membro della Chiesa cristiana. L’esorcista potrebbe utilizzare preghiere e metodi spirituali, gesti, segni, icone, amuleti e così via. L’esorcista tipicamente evoca Dio, Gesù o vari angeli e arcangeli per intervenire con l’esorcismo. Gli esorcisti cristiani protestanti il ​​più delle volte pensano che l’autorità offerta loro dal Padre, dal Figlio e dallo Spirito Santo (la Trinità) sia l’unica fonte della loro capacità di scacciare i diavoli. Gli individui posseduti non sono considerati malvagi in sé stessi, né responsabili delle loro azioni, poiché si pensa siano sotto il potere di una forza satanica che porta a danni a sé e agli altri. 

Gli esorcisti considerano l’esorcismo un rimedio e non una punizione. I riti tradizionali tengono conto di questo, assicurandosi che non ci sia violenza nei confronti dei posseduti. Ci sono versetti biblici, come Giovanni 13:27, che comunicano implicitamente che le appartenenze demoniache possono essere volontarie, come mostrato in persone come Giuda Iscariota, che volontariamente si vendette al Diavolo. L’esorcismo iniziò a diminuire negli Stati Uniti nel 18° secolo e non ebbe luogo quasi mai fino alla seconda metà del 20° secolo, quando il grande pubblico vide un forte aumento a causa delle luci della ribalta che stavano ottenendo gli esorcismi. C’è stato un aumento del 50% nella varietà di esorcismi effettuati tra l’inizio degli anni ’60 e la metà degli anni ’70. 

Esorcismo cattolico

film-horror-esorcismo

Nel cattolicesimo si praticano gli esorcismi nel nome di Gesù Cristo. Una pratica comparabile è il ministero della liberazione. La differenza tra il ministero di liberazione e l’esorcismo è che l’esorcismo è svolto da sacerdoti a cui è stata offerta l’approvazione unica dalla chiesa cattolica, mentre il ministero di liberazione è una preghiera per le persone che sono angosciate e desiderano recuperare ferite psicologiche provocate da demoni.

Nella pratica cattolica, l’individuo che compie l’esorcismo, chiamato esorcista, è un sacerdote appositamente eletto. L’esorcista recita le preghiere secondo il rito e può utilizzare oggetti spirituali, icone e sacramentali. L’esorcista evoca Dio, in particolare il Nome di Gesù Cristo, insieme ai membri della Chiesa Trionfante e all’Arcangelo Michele per intervenire nell’esorcismo. Secondo la tradizione cattolica, sono spesso necessari un certo numero di esorcismi settimanali per diversi anni per espellere una forza satanica profondamente radicata. La preghiera di San Michele contro Satana e gli angeli ribelli, attribuita a papa Leone XIII, è pensata come la più grande preghiera della Chiesa cattolica contro i casi di proprietà diabolica. Anche il Santo Rosario ha un potere di intercessione ed esorcista. 

I migliori film horror sull’esorcismo da vedere

Quali sono i migliori film di esorcismo mai realizzati? Da film indipendenti meno conosciuti a classici della grande distribuzione mainstream, in ogni categoria il crocifisso è l’arma per combattere gli spiriti malvagi.

The Devil’s Doorway (2018)

Negli anni ’60, 2 sacerdoti cattolici romani, padre Thomas Riley (Lalor Roddy) e padre John Thornton (Ciaran Flynn), vengono inviati in una remota lavanderia Magdalene, un’istituzione per donne peccatrici gestita da un ordine religioso, per esaminare un presunto miracolo visto dalle donne e dal personale: gli occhi della Vergine Maria che sanguinano. Quando arrivano però vengono trattati piuttosto male ed il luogo sembra nascondere un segreto.

“The Last Exorcism” è stato tra i primi film in assoluto a trasformare il sottogenere dei film horror sull’esorcismo in qualcosa di nuovo con il found footage. The Devil’s Doorway del regista Aislinn Clarke ha delle similitudini questo film. Clarke integra con cura il contesto storico, mostrando l’enorme abuso accaduto a centinaia di donne considerate peccatrici nelle lavanderie irlandesi Magdalene. L’esorcismo stesso non ha luogo fino alla fine, e mentre è meno importante di altre situazioni qui, è straordinariamente spaventoso e terribile.

Deliver United States From Evil (2014)

Scott Derickson è un regista horror di talento meno conosciuto rispetto ai maestri moderni più noti del genere. “Deliver United States From Evil” è il primo dei 2 film che ha diretto. Eric Bana interpreta Ralph Sarchie, un agente di polizia coinvolto in un rituale demoniaco in piena regola. Con l’assistenza di un sacerdote gesuita (Édgar Ramírez), Sarchie rivela un ponte tra il cristianesimo e il paganesimo che ha effettivamente permesso ai diavoli di aprire una porta al mondo umano e liberare l’inferno sulla terra. In parte film di esorcismo, in parte film di casa infestata e in parte film poliziesco, la fusione di generi crea confusione ma il film è un pezzo di cinema horror certamente spaventoso e pieno di energia. Le performance degli attori sono forti, l’ambientazione è ben studiata e le paure sono grandi.

The Exorcism of Emily Rose (2005)

Scott Derrickson è tornato ancora una volta a far vorticare i sottogeneri insieme. Questa volta, integra le componenti del film horror psicologico e le paure demoniache di base di “The Exorcist”. Linney interpreta Erin Bruner, un avvocato che ha lavorato per salvaguardare padre Moore (Tom Wilkinson), un prete accusato della morte di una ragazza dopo un esorcismo. La ragazza è una spettacolare Jennifer Carpenter ed il suo ruolo è implacabile, dimena e distorce il suo corpo senza l’aiuto degli effetti digitali, così tanto che il film è stato vietato ai minori. Il film pone una serie di dilemmi etici, e mentre la prima parte sembra più tradizionale, la seconda funziona. Uno dei film più spaventosi degli ultimi anni.

L’ultimo esorcismo (The Last Exorcism, 2010)

“The Last Exorcism” è molto probabilmente responsabile del rinnovamento del film sull’esorcismo, un sottogenere che era vicino all’estinzione. Difficile fare un seguito di “The Exorcist”, ma questo film ha creato abbastanza brividi da rianimare la categoria: è davvero spaventoso, ed ha un suo seguito, la “Parte II”. Gran parte del merito è dovuto all’attrice Ashley Bell. Seguendo i passi di Jennifer Carpenter in “Emily Rose”, l’efficienza di Ashley Bell è estremamente fisica, contorcendosi orribilmente e contorcendo il suo corpo in modi che vanno oltre la paura, verso il terrore puro. Con l’elemento di un’entità opprimente spirituale, la sua interpretazione è incredibilmente verosimile e allo stesso tempo spaventosa. Le paure arrivano subito all’inizio del film e superano i limiti nella seconda parte.

The Medium (2021)

“The Medium” fa paura. Una combustione lenta quasi mitica e densa, tutto in una volta ha rianimato il sottogenere dell’esorcismo che sfutta la tecnica del found footage. Diretto da Banjong Pisanthanakun e co-sceneggiato da Na Hong-jin, “The Medium” è un film delirante e sconvolgente, ricco di suggestioni culturali uniche.

Al centro c’è Nim (Sawanee Utoomma), una sciamana di un remoto villaggio seguito da un team di documentari thailandesi. Nim dichiara di essere posseduta dall’essere divino Bayan, una dea ancestrale che ha avuto donne nella casa di Nim per un certo numero di generazioni. Un onore per il villaggio, Nim utilizza il suo potere per guarire i malati e guidare i deboli. Viene chiamata ad aiutare sua nipote, Mink, dopo che ha iniziato a mostrare abitudini preoccupanti e aggressive. “The Medium” ci mostra i dettagli quotidiani delle zone rurali, è lungo più di 2 ore, e fa penetrare la paura come la cera di candela, anche la paura esplode con violenza nell’ultimo atto.

L’esorcista (1973)

L’esorcista è il capostipite ed il miglior film del sottogenere horror di esorcismo, un film d’arte eccitante che ha sbalordito il pubblico di tutto il mondo. Alcuni spettatori ebbero addirittura malori durante le proiezioni. Diretto da William Friedkin, scritto da William Peter Blatty, fotografia di Owen Roizman, interpretato con maestria da Jason Miller, Ellen Burstyn, Max von Sydow e Linda Blair nei panni dell’indemoniata Regan, è uno dei grandi capolavori della storia dei film. Il film va oltre l’essere semplicemente spaventoso, finendo per essere un dramma profondo: è l’elemento umano che colpisce nel segno. 

Anche chi non l’ha visto lo associa al film più spaventoso mai realizzato. Altri non sono nemmeno film di esorcismo: sono semplicemente film che non sono “L’esorcista”. Qualunque altra cosa è un imitazione. La Regan MacNeil di Blair è posseduta dal diavolo Pazuzu, e Chris di Burstyn è disperata e deve aiutarla. Viaggio da brivido nell’orrore puro, inizia con risonanze magnetiche e diagnosi mediche con cui Chris cerca di capire le condizioni di sua figlia, fino ad arrivare a scene cult che hanno terrorizzato gli spettatori di tutto il mondo. Cosa che spaventa ancora di più, è un horror ispirato da una storia vera.

The Wailing

È quasi ingiusto paragonare “The Wailing” rispetto a “The Exorcist”: entrambi sono straordinariamente spaventosi e meritano di essere riconosciuti come 2 dei film più spaventosi mai realizzati. Col passare del tempo però “The Wailing” diventa sempre di più un film classico, e impressionante. In alcune parti, sembra così realistico da far sembrare “L’esorcista” una semplice finzione.

Na Hong-jin dirige la storia di un ufficiale di polizia coreano di una zona rurale (Kwak Do-won) a Gokseong mentre vedel’arrivo di uno strano sconosciuto giapponese (Jun Kunimura). I cittadini della regione pensano che c’è qualcosa di strano in questo individuo, con alcuni racconti che lo ritraggono nudo in agguato nei boschi e sconvolge coloro che guarda con occhi spaventosi occhi brillanti e maligni. Per alcuni, questo sconosciuto potrebbe essere effettivamente il Diavolo stesso. Essendo ricco di intrecci ambientati sullo sfondo della superficie tortuosa e montuosa di Gokseong, “The Wailing” è un film di grande spessore. Una storia di moralità, paura e radici del male. Un film che dura più di due ore e mezza: una durata totalmente giustificata e necessaria per una storia del genere: il film di esorcismo più importante insieme a The Exorcist. 

L’esorcismo di Dio (2021)

Il Vaticano lo tratta come un re, i parrocchiani lodano la sua esistenza, tuttavia, padre Peter Williams (Will Beinbrink) ha in realtà nascosto qualcosa per 18 anni. Nel disperato tentativo di seppellire la memoria di un esorcismo andato storto, il prete pieno di sensi di colpa si tuffa nel lavoro umanitario in una piccola città messicana. Il passato non solo torna a perseguitarlo, ma si getta nel presente come un barbaro treno naufragato carico di detenuti e malattie che si disperdono tra i cittadini. 

https://youtu.be/Soxe-QkMd1A

Il regista/co-sceneggiatore venezuelano Alejandro Hidalgo (The House At The End Of Time) calpesta un’area fin troppo familiare copiando The Exorcist, è mostra  in maniera molto efficace la lotta interiore di Will con il diavolo.

L’altra faccia del diavolo (The Devil Inside, 2012)

Vent’anni fa, Maria Rossi (Suzan Crowley) eliminò 3 preti durante un tentato esorcismo in una fatidica notte. Ora assicurata in un ospedale psichiatrico italiano, sua figlia (Fernanda Andrade) ha dei dubbi sulla sua malattia mentale. È pazza… o è indemoniata? 4 diavoli le hanno effettivamente strappato l’anima e 2 esorcisti (Simon Quarterman ed Evan Helmuth) hanno deciso di tirarla fuori. Un viaggio da brivido in stile documentario carico di attacchi feroci, convulsioni e croci scolpite su labbra e braccia, il regista William Brent Bell mostra che il cinema a basso budget è spesso un vantaggio: The Devil Inside ha guadagnato oltre $ 101 milioni su un piano di spesa da 1 milione di dollari.

The Cleansing Hour (2019)

Intorno a un programma in live streaming sull’esorcismo organizzato da “Padre” Max (Ryan Guzman) e dal migliore amico Drew (Kyle Gallner), dove ogni settimana viene scritto il copione di un finto esorcismo per intrattenere il pubblico, avviene l’incredibile. La fidanzata di Drew (Alix Angelis) diventa posseduta ed i veri diavoli degli inferi prendono il controllo del programma con il crescente numero di spettatori. Drew è ossessionato dall’aumento dell’audience e si ritrova a offrire intrattenimento domestico imprevedibile che si trasforma in male vero quando un esorcismo apparentemente sicuro e finto divento troppo genuino.

The Possession (2012)

The Possession è un film che sprofonda negli abissi della follia mentale del regista Ole Bornedal, esplorando l’inconscio ed il lato ombra. Jeffrey Dean Morgan interpreta un allenatore di basket che alleva i suoi figli (Natasha Calis e Madison Davenport) dopo un brutto divorzio. La famiglia si trasferisce in una casa nuova dove c’è un’entità malvagia: Abyzou, che in ebraico significa “Presa di bambini”. Quando credono che il demone sia scomparso, Abyzou si rianima in luoghi improbabili come un ospedale. Il vento geme mentre il corpo di Calis si dondola su una barella, la sua famiglia accende le candele mentre un rabbino urla parole della Bibbia. Il film è pieno di clichè dei film di esorcismo ma è realizzato bene e anche la sceneggiatura basata sulla presunta scatola di dybbuk infestata non è male.

The Conjuring 2 (2016)

Il seguito di James Wan all’iniziale Conjuring vede Vera Farmiga e Patrick Wilson che ripropongono i loro personaggi come coppia con poteri straordinari che indaga il paranormale. Sebbene non sia completamente all’altezza del suo predecessore, le scene degli omicidi di Amityville, l’inquietante arrangiamento musicale di Joseph Bishara e la regia adrenalinica di Wan accontentano la maggior parte dei fan di Conjuring.

The Conjuring 2 è pieno di brividi improvvisi tutti girati con tecniche cinematografiche ispirate dal cinema degli anni ’70. Come gran finale, l’ultimo esorcismo lascia con il fiato sospeso con la sua ambientazione sotto la pioggia, le aste del drappo della doccia danneggiate, lampi di luce e un albero rovesciato sotto la finestra dove la vita di Wilson è in bilico. Avvincente e terrificante, Wan mostra ancora una volta di essere un ottimo regista del genere horror.

Agnes (2021)

Di fronte al prete esorcista suor Agnes (Hayley McFarland) si contorce in una stanza buia, con la schiuma alla bocca davanti a un raduno di monache carmelitane. Le conseguenze di eventi demoniaci sono il filo conduttore di Agnes, una film horror sull’esorcismo abbastanza interessante. L’esorcismo iniziale contagia il resto della storia quando Agnes lascia la chiesa per vivere una vita normale, o almeno così crede. Le forze sataniche si trasformano in ferite, correndo tra i flashback del patto di Santa Teresa con facce insanguinate e le porte che bussano al supermercato in cui lavora Agnes oggi. Il regista Mickey Reece (Country Gold) mescola abilmente paura e dramma in un film che trabocca di pericoli incombenti, crisi di fede e preghiere senza risposta.

The Exorcist III (1990)

Una gemma nascosta dalla popolarità del primo film, William Peter Blatty si fa avanti per dirigere questo terzo episodio. Blatty, che ha scritto il libro e la sceneggiatura del film L’esorcista, è responsabile dell’intero franchise. Ha ambientato la storia 17 anni dopo, trascurando gli eventi di Exorcist II: The Heretic e ne fa l’ultimo capitolo della “Trilogia della fede”, la trilogia dell’esorcista.

Il tenente Kinderman (George C. Scott) vede parallelismi tra un indagine per omicidio e il “Gemini Killer” di 15 anni prima, con un centro sanitario in preda al panico mentre i corpi cadono come mosche sul pavimento. Mettendo da parte The Exorcist, gli appassionati di paura hanno effettivamente pensato alle qualità del terzo capitolo senza trovare contrasti con l’iniziale. Ci sono un sacco di scene spaventoso: il corridoio vuoto in cui un’infermiera viene eliminata durante il suo turno al cimitero, il messaggio “È una vita meravigliosa” scarabocchiato nel sangue e padre Karras (Jason Miller) che ripete il suo ruolo in un cameo. Scene e sequenze davvero terrificanti. 

The Witch (2015)

The Witch è il primo film di Robert Eggers che racconta una storia horror folk nel New England del 1630. La storia segue una famiglia devota, guidata da papà William (Ralph Ineson) e da sua moglie Katherine (Kate Dickie), che risiedono in una fattoria isolata dopo la loro espulsione dalla società puritana. Una strega minacciosa ( Sarah Stephens ) si aggira nel bosco e abusa della loro presenza, rapendo il loro bambino e lasciando la famiglia allo sbando. Rapidamente ogni membro della famiglia viene preso di mira da forze malvagie. In una scena cult Caleb si riposa sul letto, inarcando la schiena e morendo davanti agli occhi della sua famiglia. Subito dopo, i giovani gemelli affermano che la sorella maggiore Thomasin è la strega del bosco. A differenza dei film horror costruiti su un oscuro uomo nero che rimbalza dall’oscurità, il tono di The Witch rimane tranquillo nelle atmosfere di incantesimo, magia nera e malvagità senza eccessi, con eccezionali interpretazioni che ne fanno uno tra i più cupi drammi horror di tutti i tempi. 

Requiem (2006)

Il Requiem di Hans-Christian Schmid, sia spaventoso che toccante, è una ricerca su 2 fenomeni messi spesso in relazione nel corso della storia: possessioni demoniache e malattia mentale. La sua forza deriva dal realismo cogliendo quel senso di sventura che si costruisce lentamente e il presagio che molti film di paura ignorano per preferire spaventi sciocchi ed effetti speciali. Sandra Hüller interpreta l’epilettica Anneliese Michel, una donna tedesca che si pensava fosse stata posseduta da numerosi diavoli prima della sua terribile morte nel 1976. Ciò che lo rende ancora migliore è che è un film horror basato su una storia vera. Sarà vero? Non ha molta importanza in questo caso perché sembra vera.

Centinaia di film e documentari selezionati senza limiti

Nuovi film ogni settimana. Guarda su qualsiasi dispositivo, senza nessuna pubblicità. Annulla in qualsiasi momento.
error: Content is protected !!

Indiecinema Film Festival 2022

Indiecinema Film Festival 2022

Dal 5 al 26 Dicembre guarda in streaming la selezione dei film in concorso: cortometraggi, documentari e film indipendenti da tutto il mondo