fbpx

I film epici da vedere assolutamente

Guarda film indipendenti e cult selezionati

Vai oltre i film proposti dalle solite piattaforme commerciali. Guarda centinaia di film indipendenti e d'autore rari, cult e documentari introvabili selezionati da tutto il mondo.

Indice dei contenuti

I film epici sono un genere cinematografico con una messa in scena grandiosa e travolgente e sono concentrati su un protagonista coraggioso. Sono film realizzati con grandi budget ed in questa categoria ci sono alcuni film da vedere assolutamente, capolavori del cinema muto e moderno. La natura entusiasta di un film epico lo differenzia da altri tipi di film come i film storici o i film di viaggio. I film epici storici in genere prendono un’evento storico o mitologico e includono anche una scenografia sontuosa e costumi, accompagnati da un grande arrangiamento musicale con un cast di attori famosi, che sicuramente li rendono uno dei film più costosi da creare. 

film-epici

Il termine “epico” inizialmente ha avuto origine dallo stile poetico di opere come l’epopea di Gilgamesh e anche i lavori del ciclo della guerra di Troia. Nelle opere letterarie senza tempo, i poemi epici sono opere concentrate su azioni o viaggi di eroi da cui dipende il destino di molti individui. I film epici generalmente prendono una personalità storica e argomenti tipici sono la nobiltà, i gladiatori, i capi militari o i personaggi principali di un’epoca storica. Ci sono alcuni film epici definiti solo sulla base della loro lunga durata e dell’ampia vista panoramica delle loro ambientazioni come How the West Was Won o East of Eden.

Un film epico è di solito ambientato durante un periodo di guerra o altri conflitti sociali, e in genere copre un periodo di tempo molto più lungo, spesso durante intere generazioni. Tali film generalmente hanno un’ambientazione storica, anche se le ambientazioni di fiction come la fantascienza sono diventate comuni negli ultimi anni tra i film epici. La posta in gioco principale del film è generalmente un risultato di vasta portata, che spesso trasformano la società. Le attività dei personaggi primari sono di solito determinanti per la risoluzione del problema sociale. I film biografici sono a volte variazioni di questa categoria.

VAI AI FILM DA VEDERE

Quali sono i film epici

film-epici

Numerosi autori potrebbero definire qualsiasi tipo di film “lungo” come epico, portando a chiedersi se si tratti in davvero di una “genere”. Ciò che riconosci guardando film come Lawrence d’Arabia è che il termine epico non si riferisce alla spesa o alla sofisticata produzione, ma alla dimensione dei concetti e alla visione. Il film epico è uno dei primi generi cinematografici, con un primo esempio degno di nota che è Cabiria di Giovanni Pastrone, un film mito di tre ore sulle guerre puniche, che ha preparato per i successivi film epici muti di DW Griffith.

La categoria raggiunse l’apice dell’appeal nei primissimi anni ’60, quando Hollywood collaborò regolarmente con studi cinematografici internazionali come Cinecittà di Roma per utilizzare aree abbastanza singolari in Spagna, Marocco e altri luoghi per la produzione di film impressionanti come El Cid (1961) o Lawrence d’Arabia (1962). Si pensa che questo periodo di boom delle coproduzioni internazionali sia terminato con Cleopatra (1963), La caduta dell’impero romano (1964) e Il dottor Zhivago (1965). 

I film epici continuarono ad apparire, con un esempio significativo di War and Peace, che fu pubblicato nell’ex Unione Sovietica tra il 1967 e il 1968. Il fascino duraturo dei film apici è spesso creato dalla loro capacità di attrarre un ampio mercato di riferimento. La maggior parte dei film di maggior incasso di tutti i tempi sono stati in realtà film epici. Il film epico Via col vento è il film di maggior incasso di sempre, insieme a Titanic e Doctor Zhivago. 

VAI AI FILM DA VEDERE

I migliori film epici da vedere

Ecco una lista rigorosamente in ordine cronologico dei migliori film epici da vedere per gli appassionati di questo genere. 

Cabiria (1914)

Cabiria è un film epico storico muto italiano del 1914, diretto da Giovanni Pastrone e girato a Torino. Il film è ambientato nell’antica Sicilia, Cartagine e Cirta per tutta la durata della seconda guerra punica (218-202 aC). Racconta la storia di una donna rapita, Cabiria, e include un’eruzione dell’Etna, rituali a Cartagine, l’imponente viaggio di Annibale, la perdita della flotta romana da parte di Archimede durante l’assedio di Siracusa e il viaggio di Scipione in Nord Africa. Il film è degno di nota per essere stato il primo film in assoluto in cui il personaggio cinematografico Maciste fa la sua apparizione. Secondo Martin Scorsese, in questo lavoro Pastrone ha lanciato il film epico ed è degno di credito per molti dei film epici successivi di D.W. Griffith e Cecil B. DeMille. Tra le innovazioni c’era l’uso completo di una macchina da presa mobile, liberando il lungometraggio narrativo dallo “sguardo fisso”.

Intolerance (1916)

È un film muto epico del 1916 diretto da D. W. Griffith. Considerato tra uno dei film più significativi del periodo muto, l’impressionante durata di tre ore e mezza alterna 4 storie, ciascuna divisa dai secoli: inizialmente, un moderno melodramma di crimine e redenzione; 2°, un racconto giudaico: l’obiettivo e la morte di Cristo; 3°, un racconto francese: gli eventi a ridosso del massacro del giorno di San Bartolomeo del 1572; così come il quarto, un racconto babilonese: la perdita dell’impero babilonese a favore della Persia nel 539 a.C. Ogni racconto aveva la sua tonalità di colore distinta nella stampa iniziale. Le scene sono collegate da inquadrature di una donna che rappresenta l’Eterna Maternità, che scuote una culla.

Griffith scelse di realizzare il film in parte in risposta al suo film precedente The Birth of a Nation (1915) per cui fu accusato di sostenere gli stereotipi razziali del Ku Klux Klan. Il film non era, tuttavia, una scusa, poiché Griffith sentiva di non avere assolutamente nulla da scusare: in vari incontri ha spiegò che il film era una risposta ai suoi critici e che sentiva davvero che erano, in realtà, gli intolleranti. Negli anni successivi al suo lancio, Intolerance ha fortemente influenzato i movimenti cinematografici europei. 

GUARDA IL FILM IN STREAMING

I dieci comandamenti (1923)

È un film epico e film spirituale muto americano del 1923 prodotto e diretto da Cecil B. DeMille. Scritto da Jeanie MacPherson, il film è diviso in due parti: un inizio che ricrea il racconto scritturale dell’Esodo e un racconto contemporaneo che riguarda due fratelli e le loro particolari visioni dei Dieci Comandamenti. Ammirato per le sue scene stupende ed epiche, utilizza la procedura Technicolor 2. È il primo della trilogia scritturale di DeMille, a cui aderiscono The King of Kings (1927) e The Sign of the Cross (1932).

GUARDA IL FILM IN STREAMING

Via col vento (1939)

È un film romantico, epico e storico americano del 1939 adattato dal libro del 1936 di Margaret Mitchell. Il film è stato prodotto da David O. Selznick della Selznick International Pictures e diretto da Victor Fleming. Ambientato nel sud americano con lo sfondo della guerra civile americana e del periodo della ricostruzione, il film racconta la storia di Scarlett O’Hara (Vivien Leigh), la figlia testarda di un proprietario di un vigneto della Georgia, innamorata di Ashley Wilkes (Leslie Howard), che è sposato con la sua parente, Melanie Hamilton (Olivia de Havilland), e la sua successiva relazione coniugale con Rhett Butler (Clark Gable).

Il film ha avuto una produzione difficile. A causa della decisione di Selznick di usare Gable per il ruolo di Rhett, l’inizio delle riprese è stato posticipato di due anni fino al gennaio 1939. L’attrice per il ruolo di Scarlett è stata difficile da trovare e sono state provinate 1.400 donne per il ruolo. Il regista iniziale, George Cukor, è stato licenziato subito dopo l’inizio delle riprese, ed è stato sostituito da Fleming. La post-produzione terminò nel novembre 1939, appena un mese prima del suo lancio. Al 12 ° Academy Awards, ha ottenuto 10 Academy Awards da tredici candidature, tra cui il premio per il miglior film, il miglior regista (Fleming), la migliore sceneggiatura a Sidney Howard, la migliore attrice (Leigh), così come la migliore attrice non protagonista (Hattie McDaniel, diventando la prima afroamericana a vincere un Academy Award). 

Ben-Hur (1959)

Ben-Hur è un film storico epico americano del 1959 diretto da William Wyler, generato da Sam Zimbalist, oltre a interpretare Charlton Heston come personaggio del titolo. Un remake del film muto del 1925, è stato adattato dal libro di Lew Wallace del 1880 Ben-Hur: A Tale of the Christ. Ben-Hur aveva il più grande budget ($ 15,175 milioni), insieme alle più grandi scenografie costruite, di qualsiasi film realizzato all’epoca. Fu girato tra Italia, a Cinecittà, e i teatri di posa californiani, in formato widescreen. Per la realizzazione del film sono stati utilizzati oltre 200 cammelli e 2.500 cavalli, con circa 10.000 comparse. La corsa delle bighe di nove minuti si è effettivamente trasformata in una delle scene d’azione più famose del cinema. 

VAI AI FILM DA VEDERE

El Cid (1961)

El Cid è un film drammatico e storico del 1961 diretto da Anthony Mann. Il film è liberamente basato sulla vita del signore della guerra castigliano dell’XI secolo Rodrigo Díaz de Vivar, chiamato El Cid. Il film è interpretato da Charlton Heston nel ruolo del protagonista e anche Sophia Loren nel ruolo di Doña Ximena. La sceneggiatura del film è attribuita a Fredric M. Frank, Philip Yordan e Ben Barzman. Il film ha ottenuto recensioni per lo più favorevoli, soprattutto per le interpretazioni di Heston e Loren, la cinematografia e l’arrangiamento musicale. È stato scelto per 3 Academy Awards per la migliore regia, la migliore colonna sonora e la migliore canzone originale.

Lawrence d’Arabia (1962)

Lawrence d’Arabia è un film epico storico britannico del 1962 basato sulla vita di TE Lawrence e sul romanzo del 1926 Seven Pillars of Wisdom. È stato diretto da David Lean e interpretato da Peter O’Toole nei panni di Lawrence con Alec Guinness che interpreta il principe Faisal. Il film è interpretato anche da Jack Hawkins, Anthony Quinn, Omar Sharif, Anthony Quayle, Claude Rains e Arthur Kennedy. La sceneggiatura del film è stata scritta da Robert Bolt e anche da Michael Wilson.

Il film illustra le esperienze di Lawrence nei distretti ottomani dell’Hejaz e della Grande Siria durante la prima guerra mondiale, in particolare i suoi assalti ad Aqaba e Damasco e la sua partecipazione al Consiglio nazionale arabo. I suoi temi includono il rapporto psicologico di Lawrence con la violenza fisica della guerra, la sua identificazione e la sua lealtà divisa tra la Gran Bretagna ed il popolo del deserto arabo. Il film è stato scelto per 10 Oscar al 35 ° Academy Awards nel 1963; ne ha vinti 7, tra Miglior Film e Miglior Regista. Anche la colonna sonora di Maurice Jarre e la cinematografia Super Panavision 70 di Freddie Young hanno ottenuto l’apprezzamento della critica cinematografica. Lawrence d’Arabia è considerato uno dei più grandi film epici mai realizzati nel Regno Unito. 

Cleopatra (1963)

Cleopatra è un film epico e storico americano del 1963 diretto da Joseph L. Mankiewicz, con una sceneggiatura adattata da Mankiewicz, Ranald MacDougall e Sidney Buchman dalla pubblicazione del 1957 The Life and also Times of Cleopatra di Carlo Maria Franzero, e anche da racconti di Plutarco, Svetonio e Appia. Il film è interpretato da Elizabeth Taylor, Richard Burton, Rex Harrison, Roddy McDowall e Martin Landau. Narra le battaglie di Cleopatra, la giovane regina d’Egitto, per resistere alla conquista di Roma.

Walter Wanger aveva a lungo pensato di realizzare un film biografico su Cleopatra. Nel 1958, la sua azienda di produzione ha collaborato con la Twentieth Century Fox per creare il film. Elizabeth Taylor ha interpretato il ruolo principale per uno stipendio da record di $ 1 milione. Rouben Mamoulian è stato assunto come regista e la sceneggiatura ha subito varie modifiche. Mamoulian, a causa di una malattia, fu sostituito da Joseph L. Mankiewicz e la produzione fu trasferita a Cinecittà. Con costi di produzione pari a $ 31 milioni, il film è diventato uno dei film più costosi mai realizzati ed ha praticamente mandato in bancarotta la produzione.

La caduta dell’impero romano (1964) 

È un film epico storico americano del 1964 diretto da Anthony Mann e prodotto da Samuel Bronston, con una sceneggiatura di Ben Barzman, Basilio Franchina e Philip Yordan. Il film è interpretato da Sophia Loren, Stephen Boyd, Alec Guinness, James Mason, Christopher Plummer, Mel Ferrer e anche Omar Sharif.

Quando le riprese di El Cid (1961) erano effettivamente terminate, Anthony Mann trovò un progetto simile nella raccolta in sei volumi di Edward Gibbon del 1776-1789 The History of the Decline and Fall of the Roman Empire all’interno della libreria Hatchards. Ha scritto un adattamento cinematografico per Samuel Bronston, che poi ha acconsentito a produrre il progetto. Charlton Heston si è ritirato dal film e attori famosi sono stati scelti per rappresentare diversi ruoli nel film. Il titolo del film non si riferisce al crollo del regno romano, che in realtà durò per secoli oltre l’epoca mostrata nel film, ma piuttosto all’inizio della corruzione e della decadenza che portarono alla morte di Roma. Affronta a fondo il problema della famiglia reale e analizza anche la relazione tra padre e figlio sulla storia della politica romana. 

VAI AI FILM DA VEDERE

Guerra e pace (1967)

È un film epico del 1966-67 co-scritto e diretto da Sergei Bondarchuk, adattato dal romanzo di Lev Tolstoy del 1869. Il film, distribuito in quattro parti tra il 1966 e il 1967, vede Bondarchuk nel ruolo principale di Pierre Bezukhov, insieme a Vyacheslav Tikhonov e Ludmila Savelyeva, che interpreta il principe Andrej Bolkonsky e Natasha Rostova.

Il film è stato realizzato dallo studio Mosfilm con un notevole sostegno da parte delle autorità sovietiche e anche dell’Armata Rossa che ha dato come aiuto alla produzione migliaia di cavalli e oltre 10mila soldati. È stato uno dei film più costosi realizzati in Unione Sovietica. Dal momento del suo lancio, il film è stato comunemente considerato il più grande film epico mai realizzato, con molti che hanno insistito sul fatto che la sua imponente produzione fosse irripetibile.

Il buono, il brutto, il cattivo (1966)

È un film western epico italiano del 1966 diretto da Sergio Leone e interpretato anche da Clint Eastwood, Lee Van Cleef ed Eli Wallach. La sceneggiatura del film è stata scritta da Age & Scarpelli, Luciano Vincenzoni e Leone, basata su un racconto di Vincenzoni e Leone. Il direttore della fotografia Tonino Delli Colli era responsabile della cinematografia widescreen del film, ed Ennio Morricone ha composto la colonna sonora. Il film è noto per l’uso da parte di Leone delle lunghe e ravvicinata inquadrature, insieme al suo uso non convenzionale della violenza, della tensione e degli scontri a fuoco. La storia si concentra su 3 pistoleri che sono in competizione per scoprire un sacco di oro in un nascondiglio nel mezzo del feroce tumulto della guerra civile americana mentre si uniscono a battaglie lungo la strada. Il film è stata la terza collaborazione tra Leone e Clint Eastwood, e anche la seconda con Lee Van Cleef.

Il buono, il brutto e il cattivo è stato commercializzato come ultima e terza parte della trilogia di dollari, seguendo Per un pugno di dollari e Per qualche dollaro in più. Il film è stato un successo commerciale, guadagnando oltre 38 milioni di dollari nelle biglietterie internazionali e gli viene attribuito il merito di aver catapultato Eastwood alla fama. A causa dei pregiudizi sugli spaghetti western da parte dei critici all’epoca, non ebbe molte recensioni favorevoli, ma negli anni successivi acquisì elogi fondamentali, finendo per essere lo “spaghetti western definitivo”.

Dottor Zivago (1966) 

È un film d’amore storico del 1965 diretto da David Lean con una sceneggiatura di Robert Bolt, basato sul libro del 1957 di Boris Pasternak. Il racconto è ambientato in Russia durante la prima guerra mondiale e la guerra civile russa. Il film è interpretato da Omar Sharif nel ruolo del protagonista nei panni di Yuri Zhivago, un medico sposato e poeta la cui vita è cambiata dalla rivoluzione russa e dalla successiva battaglia civile, e Julie Christie nei panni della sua passione amorosa Lara Antipova. Geraldine Chaplin, Tom Courtenay, Rod Steiger, Alec Guinness, Ralph Richardson, Siobhán McKenna e Rita Tushingham svolgono ruoli di supporto.

Sebbene eccezionalmente importante in Occidente, la pubblicazione di Pasternak è stata bandita per anni in Unione Sovietica. Di conseguenza il film non è stato girato in Unione Sovietica ed è stato registrato principalmente in Spagna. È stata una coproduzione globale tra Metro-Goldwyn-Mayer e il produttore italiano Carlo Ponti. I critici cinematografici non hanno apprezzato la durata di oltre 3 ore e hanno affermato che banalizzava il contesto storico, ma hanno apprezzato la forza del romanticismo e dei sentimenti umani. Alla 38a edizione degli Academy Awards, il dottor Zhivago ha vinto 5 Oscar.

C’era una volta il West (1968)

È un film epico e Spaghetti Western del 1968 diretto da Sergio Leone, che lo ha co-scritto con Sergio Donati tratto da un racconto di Dario Argento, Bernardo Bertolucci e anche Leone. Ha come protagonista Henry Fonda, Charles Bronson, Jason Robards, e Claudia Cardinale. La fotografia è di Tonino Delli Colli e la musica di Ennio Morricone.

Dopo aver diretto Il buono, il brutto e il cattivo, Leone ha deciso di abbandonare i western e intendeva produrre un film basato su The Hoods, che a un certo punto è diventato C’era una volta in America. Leone ha avuto un accordo con la Paramount Pictures per la disponibilità di Henry Fonda e un budget per creare un altro western. Ha assunto Bertolucci e Argento per creare la storia del film nel 1966, esaminando vari altri film western mentre lo faceva. Dopo che Clint Eastwood ha rifiutato un accordo per interpretare il personaggio principale del film, Bronson è stato utilizzato per la parte. Quando fu lanciato per la prima volta il 21 dicembre 1968, il film durava 166 min. Questa variazione è stata accolta nei cinema europei ed è stata un successo al botteghino. Per il lancio negli Stati Uniti il 28 maggio 1969, C’era una volta il West è stato modificato a 145 minuti dalla Paramount ed è stato un flop economico.

2001: Odissea nello spazio (1968)

È tra i più grandi film di fantascienza mai realizzati, girato da Stanley Kubrick nel 1968. Kubrick ha evitato il cinema tradizionale e le tradizionali strategie narrative per realizzare un film sperimentale. La colonna sonora integra vari lavori di musica sinfonica, di autori tra cui Richard Strauss, Johann Strauss II, Aram Khachaturian e György Ligeti. Il film ha ricevuto vari feedback cruciali, che variano da quelli che lo hanno visto come oscuramente apocalittico a quelli che lo hanno visto come una storia piena di speranza per l’umanità. Il film tratta i grandi temi dello sviluppo umano, la tecnologia moderna e la possibilità della vita extraterrestre. Il film è attualmente considerato tra i film più significativi mai realizzati prima. 

In un epoca preistorica un popolo di ominidi viene allontanato dalla sua pozza d’acqua da un gruppo di ominidi in competizione. Il giorno successivo, scoprono che un monolite alieno è apparso nel luogo in cui vivono. Scoprono quindi come utilizzare un osso come arma e, dopo la loro prima caccia, tornano indietro per scacciare i loro concorrenti con la nuova arma. Milioni di anni anni dopo, il dottor Heywood Floyd, presidente del Consiglio nazionale di astronautica degli Stati Uniti, fa un viaggio alla base Clavius, una stazione lunare degli Stati Uniti. Durante una sosta alla Stazione Spaziale 5, incontra i ricercatori russi preoccupati che Clavius ​​sembri non rispondere. Heywood si preoccupa dell’obbligo di segretezza riguardo alla loro ultima scoperta: un monolite sepolto 4 milioni di anni prima vicino al cratere lunare Tycho. Lui e altri viaggiano su un Moonbus fino al monolite. Mentre danno un’occhiata all’oggetto, viene colpito dalla luce del sole, sulla quale produce un segnale radio ad alta potenza.

VAI AI FILM DA VEDERE

Corvo rosso non avrai il mio scalpo! (1972)

È un film western americano del 1972 diretto da Sydney Pollack e interpretato da Robert Redford e Will Geer. È basato in parte sulla vita di John Jeremiah Johnson. La sceneggiatura è stato scritta da John Milius e da Edward Anhalt; il film è stato girato in numerosi luoghi nello stato dello Utah. Ha partecipato al Festival di Cannes del 1972.

Il veterano della guerra messicano-americana Jeremiah Johnson è un uomo di montagna che vive isolato sulle Montagne Rocciose come cacciatore. La sua prima stagione invernale è dura e ha un incontro con Paints-His-Shirt-Red, un capo del popolo Crow. Inizia a cacciare con un fucile a percussione Hawken calibro 30, fino a quando non scopre il corpo congelato dell’uomo di montagna Hatchet Jack che impugna un fucile Hawken calibro 50. La volontà di Jack è dare il suo fucile all’uomo che scopre i suoi resti. Con il suo fucile nuovo Johnson interrompe accidentalmente la caccia all’orso grizzly dell’eccentrico e anziano Chris Lapp, soprannominato “Bear Claw”, che gli insegna a vivere sulla montagna. 

Aguirre, furore di Dio (1972)

È un film epico e storico della Germania occidentale del 1972 prodotto, scritto e diretto da Werner Herzog. Klaus Kinski interpreta il ruolo principale del soldato spagnolo Lope de Aguirre, che guida una squadra di conquistatori lungo il Rio delle Amazzoni in Sud America cercando di trovare la favolosa città d’oro, El Dorado. Facendo uso di un metodo rigoroso di racconto e dialogo, il film sviluppa una visione di follia e di incoscienza in conflitto con la foresta amazzonica. Basandosi liberamente su ciò che si sa di Aguirre, Herzog ha riconosciuto anni dopo il lancio del film che la sua storia è un lavoro di finzione. Alcune delle circostanze e anche delle persone potrebbero essere state influenzate dal racconto di Gaspar de Carvajal di una precedente esplorazione amazzonica.

Aguirre è stata la prima delle cinque collaborazioni tra Herzog e Kinski. Avevano opinioni diverse su come svolgere il ruolo e si sono scontrati durante le riprese; La registrazione è avvenuta nella giungla peruviana sul Rio delle Amazzoni per una dura durata di cinque settimane. Gli attori e la troupe si sono arrampicati sulle colline, hanno sradicato pesanti piante rampicanti per aprire percorsi verso le diverse aree forestali e hanno cavalcato insidiose rapide fluviali su imbarcazioni realizzate da artigiani locali. Aguirre è stato elogiato dalla critica ed è diventato rapidamente un grande film di culto globale, nonché uno dei film più famosi del regista. Numerosi critici cinematografici hanno affermato che il film è un’opera d’arte. 

L’inferno di cristallo (1974)

È un film catastrofico americano del 1974 diretto da John Guillermin, che include un cast guidato da Paul Newman e Steve McQueen. [8] È stato adattato da Stirling Silliphant dai libri The Tower (1973) di Richard Martin Stern, è da The Glass Inferno (1974) di Thomas N. Scortia e Frank M. Robinson. Il film ha ottenuto recensioni favorevoli dai critici cinematografici al suo lancio ed è stato un successo al botteghino.

L’architetto Doug Roberts torna a San Francisco per il lavoro della Glass Tower, che ha creato per James Duncan. La torre, alta 515 metri e 138 piani, è la struttura più alta del mondo. Durante la cerimonia inaugurale, un guasto elettrico avvia un incendio all’81° piano subito dopo che un altro guasto del genere si è verificato nel ripostiglio principale. Dopo averlo scoperto, Roberts vede che i circuiti sono inadeguati e pensa che Roger Simmons, il subappaltatore e genero di Duncan, abbia tagliato gli angoli. Roberts affronta Simmons, che finge innocenza.

Quell’ultimo ponte (1977)

A Bridge Too Far è un film epico di guerra del 1977 che mostra l’operazione Market Garden, un’operazione degli alleati senza successo nei Paesi Bassi occupati dai nazisti durante la seconda guerra mondiale. Basato su una pubblicazione di saggistica con lo stesso nome del cronista Cornelius Ryan, il film è diretto da Richard Attenborough con una sceneggiatura di William Goldman. È interpretato da Dirk Bogarde, James Caan, Michael Caine, Sean Connery, Edward Fox, Elliott Gould, Gene Hackman, Anthony Hopkins, Hardy Krüger, Laurence Olivier, Ryan O’Neal, Robert Redford, Maximilian Schell e Liv Ullmann.

Fu il secondo film basato sugli eventi dell’Operazione Market Garden fallita durante la seconda guerra mondiale. Una coproduzione tra il Regno Unito e gli Stati Uniti, il film è stato girato in un’area nei Paesi Bassi, nella maggior parte dei luoghi reali in cui si sono svolti gli eventi storici. Al momento del suo lancio, era uno dei film più costosi mai realizzati prima. Il film è costoso, enorme e pieno di celebrità, ma non è impressionante. È stato definito il film di serie B di guerra più lungo mai realizzato.

Blade Runner (1982)

È un film di fantascienza del 1982 diretto da Ridley Scott e scritto da Hampton Fancher e David Peoples. Interpretato da Harrison Ford, Rutger Hauer, Sean Young e Edward James Olmos, è un adattamento di Do Androids Dream of Electric Sheep? Si tratta di un film distopico ambientato a Los Angeles del 2019, in cui persone artificiali chiamate replicanti sono bioingegnerizzate dalla Tyrell Corporation. Quando una squadra fuggitiva di replicanti guidati da Roy Batty (Hauer) scappa sulla Terra, l’ufficiale di polizia Rick Deckard (Ford) accetta con esitazione la loro ricerca.

Blade Runner all’inizio ha avuto prestazioni scarse nei cinema nordamericani e tra i critici cinematografici: alcuni ne hanno elogiato la complessità tematica e le immagini, mentre altri ne hanno criticato il ritmo lento e l’assenza di azione. In seguito è diventato un film cult, ed è stato considerato uno dei migliori film di fantascienza di tutti i tempi. Blade Runner è spesso considerato sia un esempio di spicco del cinema neo-noir sia un lavoro fondamentale della categoria cyberpunk. La colonna sonora del film, composta da Vangelis, è stata scelta nel 1982 per un BAFTA e un Golden Globe. Il film ha effettivamente influenzato diversi film di fantascienza, giochi per computer, anime e serie televisive. Ha portato il lavoro di Philip K. Dick all’interesse di Hollywood, e molti dei suoi lavori in seguito sono diventati film. 

The Mission (1986)

E’ dramma storico epico britannico del 1986 sulle esperienze di un missionario gesuita nel Sud America del XVIII secolo. Diretto da Roland Joffé, il film è interpretato da Robert De Niro, Jeremy Irons, Ray McAnally, Aidan Quinn, Cherie Lunghi e Liam Neeson. Il film ha ottenuto recensioni favorevoli da parte della critica cinematografica per le sue strepitose immagini e la famosa colonna sonora di Ennio Morricone, anche se alcuni ritengono che i dialoghi e i ritratti psicologici non indagano in profondità i personaggi.

Nel 1750, il sacerdote gesuita spagnolo padre Gabriel arriva nell’Argentina nord-orientale e nella giungla del Paraguay orientale per convertire i guaraní al cristianesimo. I Guaraní all’inizio non sono favorevoli al cristianesimo o agli estranei in generale e, quando Gabriele invia un prete a raggiungerli, mettono il sacerdote su una croce di legno e lo mandano a morire nelle cascate di Iguazu. Lo stesso Gabriel fa quindi un viaggio alle cascate, raggiunge i protagonisti e, nel tentativo di stabilire un legame con loro attraverso la musica, suona il suo oboe. 

VAI AI FILM DA VEDERE

L’ultimo imperatore (1987)

E’ un film epico biografico del 1987 sulla vita di Puyi, l’ultimo imperatore della Cina. È diretto da Bernardo Bertolucci da una sceneggiatura cinematografica che ha scritto insieme a Mark Peploe, adattata dal libro di memorie di Puyi del 1964. Il film illustra la vita di Puyi dalla sua ascesa al trono da bambino fino al carcere fino alla “riabilitazione politica” da parte del Partito Comunista Cinese. Ha come protagonista John Lone, Peter O’Toole, Joan Chen, Ruocheng Ying, Victor Wong, Dennis Dun, Vivian Wu, Lisa Lu e Ryuichi Sakamoto che ha anche contribuito alla musica del film con David Byrne e Cong Su. È stato il primo lungometraggio occidentale a cui è stato concesso dalla Repubblica popolare cinese di girare nella Città Proibita di Pechino.

Bertolucci ha la capacità di far sembrare il periodo di detenzione di Pu Yi ancora più paradossale perché l’intero film è stato girato in un’area all’interno della Repubblica Popolare Cinese, e gli è stato anche permesso di filmare all’interno della Città Proibita, un’enorme città medioevale che copre circa 100 ettari e include anche 9.999 spazi. La storia e la qualità del film non possono essere separati dal notevole impatto scenografico della Città Proibita, dai costumi e molti altri accorgimenti sul set per ricreare la quotidianità di questo bambino imperatore.

L’ultimo dei Mohicani (1992)

E’ un film epico storico americano del 1992 ambientato nel 1757 durante la guerra indiana e francese. E’ stato diretto da Michael Mann ed era basato sul romanzo del 1826 The Last of the Mohicans: A Narrative of 1757 di James Fenimore Cooper e sull’adattamento del film del 1936. Il film è interpretato da Daniel Day-Lewis e Madeleine Stowe, con Jodhi May, Russell Means, Wes Studi, Eric Schweig e Steven Waddington nei ruoli secondari. Il film è un affascinante viaggio che gioca in modo disinvolto con l’ambientazione e ne fa emergere un film ricco di azione. I critici cinematografici che hanno applaudito il film per la sua cinematografia e per il suono.

Nel 1757, il maggiore dell’esercito britannico Duncan Heyward si presenta ad Albany, New York, durante la guerra indiana e francese. Viene nominato al colonnello Edmund Munro, il capo di Fort William Henry nelle montagne Adirondack. Heyward è incaricato di accompagnare i 2 figli di Munro, Cora e Alice, dal loro papà. Prima che se ne vadano, Heyward chiede a Cora di sposarlo, ma lei chiede più tempo prima di dare la sua risposta. Un Mohawk chiamato Magua è incaricato di assistere Heyward, le due donne e una truppa di soldati britannici al forte, tuttavia è in realtà un Urone che li conduce in un’imboscata che elimina la maggior parte dei soldati. Mohican Chingachgook, suo figlio Uncas e il suo figlio bianco adottivo “Occhio di Falco” arrivano ed eliminano tutti gli Uroni tranne Magua. Il trio accetta di portare le donne e Heyward al forte. Durante il viaggio scoprono un altro massacro in una fattoria.

La sottile linea rossa (1998)

E’ un film epico di guerra americano del 1998 scritto e diretto da Terrence Malick. È il secondo adattamento cinematografico della storia del 1962 con lo stesso nome di James Jones, come il film realizzato nel 1964. Raccontando una variazione romanzata della battaglia di Mount Austen, che divenne parte della campagna di Guadalcanal nel Pacifico della seconda guerra mondiale, mostra i soldati statunitensi della compagnia C, 1 ° battaglione, 27 ° reggimento di fanteria, 25a divisione di fanteria, interpretati da Sean Penn, Jim Caviezel, Nick Nolte, Elias Koteas e Ben Chaplin. Ritenuto tra i miglior film di guerra mai realizzati, con grandi scene di combattimento. Non è solo un film storico ma soprattutto un film psicologico con immagini emozionanti: un film sullo sviluppo che supera i conflitti e sull’amore.

La tigre e il dragone (2000)

E’ un film del 2000 diretto da Ang Lee che include attori di origine etnica cinese, tra cui Chow Yun-fat, Michelle Yeoh, Zhang Ziyi e Chang Chen. È basato sull’omonimo libro cinese di Wang Du Lu. La storia si dipana in modo simile a un fumetto, con i personaggi e gli scenari che vengono dipinti utilizzando grandi pennellate con un approccio teatrale e grandioso. Il film è un ingegnoso mix di straordinarie scene di combattimento, splendide scenografie e dramma. 

Nella Cina della dinastia Qing del XIX secolo, Li Mu Bai è un illustre spadaccino Wudang e la sua amica Yu Shu Lien, una guerriera machete, è a capo di un’azienda di sicurezza personale. Shu Lien e Mu Bai in realtà hanno avuto a lungo sentimenti l’una per l’altro, tuttavia, poiché Shu Lien era stato fidanzata con l’amico di Mu Bai, Meng Sizhao, prima della sua morte, Shu Lien e Mu Bai si sentono legati dall’impegno a Meng Sizhao e non esprimono i loro sentimenti l’uno per l’altro. Mu Bai chiede a Shu Lien di dare la sua leggendaria spada di 400 anni “Green Destiny” al loro benefattore Sir Te a Pechino. Molto tempo prima l’istruttore di Mu Bai è stato eliminato da Jade Fox, una donna che cercava di scoprire le abilità di Wudang. 

Musa (2001)

E’ un film epico d’azione della Corea del Sud del 2001 diretto da Kim Sung-su, con Jung Woo-sung, Ahn Sung-ki, Joo Jin-mo e la star cinese Zhang Ziyi. Il racconto semi-storico racconta le esperienze di una delegazione di pace coreana mentre tenta di tornare in Corea attraverso gli inospitali deserti della Cina settentrionale. Il film è considerato uno dei più grandi film del cinema sudcoreano. Al momento della sua produzione, il suo budget era il più grande mai visto prima per un film coreano. Include un alto livello di precisione storica nei costumi d’epoca, oggetti di scena, allestimenti, linguaggio. Il film è stato l’ottavo film di maggior incasso del 2001 con oltre 2 milioni di biglietti venduti.

Black Hawk Down (2001)

E’ un film di guerra del 2001 diretto da Ridley Scott, da una sceneggiatura di Ken Nolan. Si basa sull’omonima pubblicazione di saggistica del 1999 del giornalista Mark Bowden, riguardante il raid delle forze armate statunitensi nel 1993 a Mogadiscio. Il film include un grande cast di attori, composto da Josh Hartnett, Ewan McGregor, Eric Bana, Tom Sizemore, William Fichtner, Jason Isaacs, Sam Shepard, Jeremy Piven, Ioan Gruffudd, Ewen Bremner, Hugh Dancy, e Tom Hardy nel suo primo ruolo. Anche Orlando Bloom, Ty Burrell e Nikolaj Coster-Waldau hanno piccole parti.

Sebbene sia superficiale sullo sviluppo dei personaggi e sulla compassione sociale, Black Hawk Down è un’immagine realistica e al cardiopalma della guerra, creata dall’eccezionale abilità di Ridley Scott, che fa vivere al pubblico le esperienze reali dei soldati invece di farne spettacolo: una cosa insolita per un film di guerra che capovolge le convenzioni del genere cinematografico.

Apocalypto (2006)

E’ un film epico storico del 2006 prodotto, co-scritto e diretto da Mel Gibson. Il film include attori nativi americani e star messicane indigene tra cui Rudy Youngblood, Raoul Trujillo, Mayra Sérbulo, Dalia Hernández, Gerardo Taracena, Rodolfo Palacios, Bernardo Ruiz Juarez, Amell Rodrigo Mendoza, Ricardo Diaz Mendoza e Israel Contreras. Tutti gli aborigeni nel film erano Maya. La lingua maya indigena yucateca è tradotta con didascalie.

Ambientato nello Yucatán, in Messico, intorno all’anno 1502, Apocalypto mostra il viaggio dell’eroe di un uomo di nome Jaguar Paw, un tardo cercatore mesoamericano, e dei suoi compagni di tribù che vengono colti da un’invasione nemica. Dopo la distruzione della loro città, vengono spinti in un pericoloso viaggio in una città Maya per sacrifici umani. Il film è stato un successo al botteghino, incassando oltre 120 milioni di dollari in tutto il mondo, e ha ottenuto recensioni prevalentemente favorevoli, con i critici cinematografici che hanno applaudito la regia di Gibson, la cinematografia di Dean Semler e l’interpretazione degli attori. La rappresentazione del mondo Maya e la precisione storica, invece, è stata criticata.

The Road (2009)

E’ un film post-apocalittico americano del 2009 diretto da John Hillcoat e scritto da Joe Penhall, basato sull’omonima storia del 2006 di Cormac McCarthy. Il film è interpretato da Viggo Mortensen e Kodi Smit-McPhee nei panni di un papà e di suo figlio in una palude post-apocalittica. La fedeltà di The Road alla visione oscura di Cormac McCarthy potrebbe rivelarsi anche inesorabile per alcuni, ma il film sfrutta le interpretazioni efficaci di Viggo Mortensen e Kodi. E’ un’immagine inquietante dell’America con personaggi che devono contare solo su se stessi per tutta la vita, con la terrificante certezza che assolutamente nulla andrà bene.

The Tree of Life (2011)

The Tree of Life è un film d’essai e sperimentale americano del 2011 diretto da Terrence Malick e che include nel cast Brad Pitt, Sean Penn, Hunter McCracken, Laramie Eppler, Jessica Chastain e Tye Sheridan nel suo lungometraggio di lancio. Il film narra la ricerca del senso della vita utilizzando i ricordi giovanili di un uomo di mezza età e dei membri della sua famiglia che vivono nel Texas degli anni ’50, mescolati con immagini degli inizi del cosmo e della creazione della vita nel mondo. Le prime recensioni erano contrastanti. Il film ha vinto la Palma d’Oro e due dei suoi produttori, Bill Pohlad e Sarah Green, hanno ritirato il premio per il solitario Malick. L’albero della vita è stato il primo film americano a vincere la Palma d’oro dopo Fahrenheit 9/11 nel 2004.

Mud (2012)

E’ un film drammatico americano di formazione del 2012 diretto da Jeff Nichols. Nel film Tye Sheridan e Jacob Lofland interpretano due adolescenti che incontrano Mud (Matthew McConaughey), un fuggitivo che si nasconde su una piccola isola, e accettano di aiutarlo a salvarsi dai suoi inseguitori. Spinto da una solida performance di Matthew McConaughey nel ruolo del protagonista, Mud fornisce un’interessante dramma che si preoccupa di rimanere sincero. Nichols ha abilità per descrivere le emozioni e per generare la tensione necessaria, con profondità e acutezza mentale. Il film è stato importante per consacrare McConaughey come star del cinema americano.

Centinaia di film e documentari selezionati senza limiti

Nuovi film ogni settimana. Guarda su qualsiasi dispositivo, senza nessuna pubblicità. Annulla in qualsiasi momento.
error: Content is protected !!

Indiecinema Film Festival 2022

Indiecinema Film Festival 2022

Dal 5 Dicembre al 31 gennaio guarda in streaming la selezione dei film in concorso: cortometraggi, documentari e film indipendenti da tutto il mondo