Film che ti cambiano la vita: i titoli da vedere assolutamente

Indice dei contenuti

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on email

Ci sono certi film che ti cambiano la vita, film che in un particolare momento della tua esistenza hanno un grande impatto sul tuo modo di pensare, sulla crescita personale e sulle tue scelte future. Sono gli stessi film che spesso sono unanimemente considerati grandi capolavori della storia del cinema. Ecco una lista di alcuni film che potrebbero cambiare definitivamente la tua visione del mondo.

Stand by me

Il primo dei film che ti cambiano la vita, sopratutto se sei un adolescente, è Stand by Me, di Rob Reiner. Lo scrittore Gordie Lachance legge un articolo di notizie su un ragazzo accoltellato in un ristorante. Gordie ricorda un evento giovanile quando lui, il suo migliore amico, Chris Chambers, e anche altri due buoni amici, Teddy Duchamp e Vern Tessio, viaggiarono per localizzare il corpo di un ragazzo scomparso vicino alla comunità di Castle Rock, nell’Oregon. Avventura di un fine settimana di un giorno di settembre del 1959.

I genitori del dodicenne Gordie rimpiangono la morte del fratello maggiore Denny e offrono a Gordie molte attenzioni. Durante la ricerca del denaro che ha nascosto sotto il portico di sua madre e suo padre, Vern sente suo fratello maggiore Billy parlare con il suo amico Charlie della scoperta del corpo del ragazzo scomparso, Ray Brower, al di fuori della città. Dal momento che potrebbe attirare l’attenzione sul fatto che lui e Charlie hanno recentemente rubato un’auto, Billy non vuole denunciare il corpo.

I quattro ragazzi, sperando davvero di diventare degli eroi locali, decidono di andare alla ricerca del corpo quando Vern dice a Gordie, Chris e Teddy cosa ha ascoltato. Dopo che Chris ha rubato la pistola di suo padre, lui e Gordie affrontano il delinquente locale “Ace” Merrill e anche il fratello maggiore di Chris, “Eyeball” Chambers. Ace minaccia Chris con una sigaretta accesa e Eyeball ruba il berretto degli Yankees di Gordie, che era un regalo di Denny.

I quattro ragazzi iniziano il loro viaggio. Vengono sorpresi in una proprietà privata da Milo Pressman e dal suo cane, Chopper. Scappano oltre una recinzione, mentre Milo offende il padre malato di mente di Teddy. Teddy cerca di attaccare Milo, ma è fermato dagli amici. I quattro continuano il viaggio, così come Chris esorta Gordie a realizzare il suo potenziale come scrittore nonostante la disapprovazione di suo padre. Quando attraversano un ponte ferroviario, Gordie e Vern vengono sorpresi da un treno in avvicinamento e saltano fuori dai binari salvandosi per miracolo.

Stand by me è basato sul romanzo di Stephen King del 1982 The Body, così come il titolo deriva dalla canzone di Ben E. King. Wil Wheaton, River Phoenix, Corey Feldman e anche Jerry O’Connell interpretano 4 ragazzi che, nel 1959, fanno un’escursione per scoprire i resti di un ragazzo scomparso. Il film è stato scelto per un Academy Award per la migliore sceneggiatura adattata e anche per 2 Golden Globe: uno per il miglior film drammatico e uno per il miglior regista.

The Truman Show

Un altro dei film che ti cambiano la vita è stato realizzato da Peter Weir. Truman Burbank è la celebrità inconsapevole di The Truman Show, un programma televisivo di reality girato 24 ore su 24, 7 giorni su 7 tramite centinaia di videocamere nascoste e trasmesso live in tutto il mondo. Christof, l’ideatore del programma e produttore esecutivo, cerca di registrare le emozioni autentiche di Truman e di offrire ai mercati di riferimento un uomo comune facilmente riconoscibile. Poiché Truman è stato selezionato dalla nascita in seguito a una gravidanza indesiderata, Christof dichiara che Truman è stato abbracciato non solo dallo spettacolo, ma anche dal “mondo”.

La città natale di Truman, Seahaven Island, è un set completo sviluppato all’interno di un’enorme cupola, occupata da partecipanti del team e attori che mettono in risalto la pubblicità di prodotti che creano entrate per lo spettacolo. L’elaborata scenografia permette a Christof di regolare praticamente ogni aspetto della vita di Truman, compreso il tempo. Per impedire a Truman di scoprire la verità Christof crea scenari che scoraggiano il bisogno di esplorazione di Truman, come la morte di suo padre in una tempesta marina per infondere in lui l’acquafobia, nonché trasmettendo continuamente messaggi sui rischi di viaggiare così come i vantaggi di stare a casa.

Il film è interpretato da Jim Carrey nei panni di Truman Burbank, un ragazzo cresciuto vivendo una vita comune che, a sua insaputa, compare in uno show televisivo su di lui. Il cast di supporto include Laura Linney, Ed Harris, Noah Emmerich, Natascha McElhone, Holland Taylor, Paul Giamatti e Brian Delate.

The Truman Show è un film distopico che usa anche il tono della commedia. Era inizialmente una sceneggiatura di Niccol, influenzata da un episodio del 1989 di The Twilight Zone chiamato “Special Service” (scritto a sua volta da J. Michael Straczynski). A differenza del film completato, era più un thriller di fantascienza, con la storia ambientata a New York City. Scott Rudin ha acquisito la sceneggiatura e ha avviato la produzione presso la Paramount Pictures. Brian De Palma doveva dirigere il film prima che di Peter Weir, realizzando il film per $ 60 milioni – $ 20 milioni in meno rispetto al prezzo iniziale. Niccol ha riscritto la sceneggiatura mentre il personale aspettava l’autorizzazione di Carrey. La maggior parte delle riprese si sono svolte a Seaside, in Florida, un quartiere pianificato a regola d’arte situato nella Florida Panhandle.

Arancia Meccanica

Non c’è dubbio: Arancia meccanica è uno dei grandi film drammatici che ti cambiano la vita. In una Gran Bretagna del futuro, Alex DeLarge è il capo di una banda di teppisti: Georgie, Dim e Pete. Una notte, dopo essersi ubriacati con il “latte più” carico di droga, partecipano a una notte di “ultraviolenza”, che include una rissa con una banda rivale. Guidano verso la tenuta dello scrittore Frank Alexander e ingannano sua moglie riuscendo ad entrare. Picchiano Alexander al punto da paralizzarlo, così come Alex violenta la moglie di Alexander mentre canta “Singin’ in the Rain”. Il giorno seguente, mentre è assente dal college, Alex viene avvicinato dall’agente di polizia che lo controlla, Deltoid, che capisce le colpe di Alex nei fatti della sera prima e lo avverte.

I compagni di Alex condividono il malcontento per attività criminali minori e vogliono furti ad alto rendimento, eppure Alex afferma la sua autorità aggredendoli. Più tardi, Alex invade la casa di una ricca “gattara” e la picchia con una scultura fallica mentre i suoi compagni lo aspettano fuori dalla villa. Sentendo gli allarmi, Alex tenta di scappare ma Dim gli spacca una bottiglia in faccia, stordendo Alex e lasciandolo catturare dalla polizia. Deltoid dice che la donna è morta per le ferite riportate, e Alex viene condannato per omicidio a 14 anni di carcere.

A due anni dall’inizio della sentenza, Alex accetta con entusiasmo un accordo per essere un soggetto di prova per il nuovissimo metodo Ludovico del ministro dell’Interno, una terapia per sistemare i criminali entro 2 settimane. Alex è legato a una sedia, i suoi occhi sono ben aperti e viene riempito di psicofarmaci. È quindi costretto a godersi film di sesso e violenza, alcuni dei quali sono accompagnati dalla musica del suo compositore preferito, Ludwig van Beethoven. Alex finisce per essere nauseato dai film e, temendo che la tecnica lo farà sicuramente stare male dopo aver sentito Beethoven, chiede la fine della terapia.

Due settimane dopo, il ministro mostra la guarigione di Alex a un evento di funzionari. Alex non è in grado di reagire ad un attore che lo ridicolizza e lo maltratta, e finisce per stare male quando desidera fare sesso con una donna in topless. Il prete della prigione si lamenta del fatto che Alex sia stato effettivamente privato della sua spontanea volontà; il ministro insiste sul fatto che il metodo Ludovico ridurrà la criminalità oltre che alleviare l’affollamento nelle carceri.

Arancia meccanica è un film distopico che utilizza immagini inquietanti e violente per parlare di psichiatria, delinquenza giovanile, bande di giovani e anche vari altri argomenti sociali, politici e finanziari in una Gran Bretagna distopica del prossimo futuro. Uno dei grandi capolavoro di Stanley Kubrick.

Phantom of the Paradise

Film cult assoluto, unico, indimenticabile. Il cantautore Winslow Leach viene ascoltato dall’acclamato produttore discografico Swan mentre Winslow suona una composizione originale su un set con una band in stile anni ’50, i Juicy Fruits, che Swan ha creato. Swan crede che le canzoni di Winslow siano ideali per aprire “The Paradise” – il nuovo teatro dell’opera molto atteso di Swan.

Un mese dopo, Winslow va alla Swan’s Death Records per firmare il contratto per la sua musica, ma viene buttato fuori. Winslow riconosce il piano di Swan di aprire il Paradiso con la sua musica dopo che è stato cacciato di nuovo. Winslow viene condannato all’ergastolo nella prigione di Sing e anche i suoi denti vengono estratti e sostituiti con quelli d’acciaio (un programma per ridurre le infezioni tra i prigionieri, finanziato dalla Swan Foundation).

6 mesi dopo, Winslow viene a sapere che i Juicy Fruits hanno realizzato un disco di successo con la sua musica con la complicità di Swan. Una guardia sorprende Winslow mentre sta distruggendo le macchine da stampa per i dischi, facendolo scivolare e anche cadere a faccia in giù in una pressa, che schiaccia e brucia la metà della sua faccia, distruggendo inoltre le sue corde vocali.

Winslow tenta di uccidere Swan ed i suoi artisti e quasi elimina i Beach Bums (ex Juicy Fruits) con una bomba mentre stanno suonando una versione della canzone Faust di Winslow. Il fantasma affronta Swan, che lo riconosce come Winslow. Swan sfrutta l’opportunità per far sì che Winslow completi le sue canzoni promettendogli che Phoenix diventerà la star dello show. Il Fantasma completa Faust, ma Swan sostituisce Phoenix con un travestito glam rock di nome “Beef” alla guida del Faust di Winslow e mette Phoenix in un ruolo secondario.

La storia è una miscela di horror e musical vagamente adattata di una serie di opere classiche europee: il romanzo di Gaston Leroux del 1910 Il fantasma dell’opera, Il ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde del 1890 e Faust di Goethe/Christopher Marlowe.

Il film è stato un fallimento al botteghino e contemporaneamente ha ottenuto anche critiche sfavorevoli, ottenendo allo stesso tempo apprezzamento per le sue canzoni e ottenendo l’Oscar e le candidature del Golden Globe. Nel corso degli anni, il film ha ricevuto valutazioni molto più positive ed è diventato anche un film cult.

C’era una volta in America

Opera gigantesca sui grandi temi della vita , capolavoro di Sergio Leone, uno dei film che ti cambiano la vita per sempre. Nel 1933, tre teppisti cercano un uomo chiamato “Noodles”. Entrano in un cinema Wayang, dove i proprietari gestiscono una fumeria d’oppio nascosta all’interno dell’edificio. I cinesi avvisano Noodles, che è drogato e ricorda la morte degli amici Patrick Goldberg, Philip Stein e Maximilian Bercovicz. Ricorda di aver osservato la polizia che rinveniva i loro resti, Max era bruciato e irriconoscibile. Noodles evita la cattura e lascia la città.

Nel 1918, David “Noodles” Aaronson e i suoi amici “Patsy” Goldberg, “Cockeye” Stein e Dominic sono ragazzini di strada nel Lower East Side di Manhattan. Si dedicano a piccoli furti in concorrenza con un delinquente locale, Bugsy. Max e Noodles diventano amici.

Mettono metà dei loro guadagni in un armadietto della stazione ferroviaria, dando la chiave a “Fat Moe”, un buon amico non direttamente coinvolto nelle loro attività. Bugsy alla fine assale i ragazzi e spara a Dominic, che muore tra le braccia di Noodles.

Il film è una produzione italo-americana creata da The Ladd Company, Embassy International Pictures, PSO Enterprises e Rafran Cinematografica, e distribuita dalla Warner Bros. Basato sul romanzo di Harry Grey The Hoods, narra le vite degli amici David “Noodles” Aaronson e Maximilian “Max” Bercovicz mentre guidano una squadra di giovani ebrei del ghetto che diventano importanti mafiosi nel mondo della criminalità organizzata di New York City. Il film esamina i temi delle amicizie dell’infanzia, dell’amore, del desiderio, dell’avidità, della disonestà, della perdita, delle relazioni interrotte, insieme all’ascesa dei mafiosi nella cultura americana.

Fu l’ultimo film diretto da Sergio Leone prima della sua morte cinque anni dopo, e il primo lungometraggio che aveva effettivamente diretto in 13 anni. È anche il terzo film della trilogia di C’era una volta, che include C’era una volta il West (1968) e Giù la testa! (1971). La fotografia è di Tonino Delli Colli, la colonna sonora di Ennio Morricone. Leone inizialmente ha immaginato due film di tre ore, poi una versione unica di 269 minuti (4 ore e 29 minuti), ma è stato incoraggiato dai distributori a ridurlo a 229 minuti (3 ore e 49 minuti). I fornitori americani, The Ladd Company, lo hanno ulteriormente ridotto a 139 minuti (2 ore e 19 minuti) e hanno anche riposizionato le scene in ordine sequenziale, senza la partecipazione di Leone.

8 1/2

Probabilmente, secondo l’opinione di tanti famosi registi, il più grande capolavoro cinematografico di tutti i tempi. Il più importante dei film che ti cambiano la vita e ti regalano una nuova visione del mondo. Guido Anselmi, popolare regista italiano, sta vivendo il “blocco del regista”. Bloccato nel suo nuovissimo film di fantascienza che consiste in riferimenti autobiografici sottilmente velati, si è effettivamente stancato di problemi creativi e coniugali.

Mentre cerca di riprendersi dallo stress e dalle ansie in una lussuosa spa medica, Guido interpella un noto critico per esaminare i suoi suggerimenti per il suo film, ma il critico cinematografico lo scoraggia a portare a termine il suo progetto. Guido ha visioni ricorrenti di una donna ideale, che considera cruciale per la sua storia. La sua amante Carla vuole vederlo, ma Guido la mette in un albergo separato.

Guido ammette alla migliore amica di sua moglie, Rosella, che desiderava fare un film che fosse puro e veritiero, tuttavia non trova qualcosa di onesto da raccontare. Carla sorprende Guido, Luisa e Rosella fuori dall’albergo, mentre Guido dichiara che lui e Carla hanno finito la loro relazione anni fa. Luisa e Rosella lo smentiscono, e Guido scivola in un mondo fantastico in cui domina un hareem di donne della sua vita, ma una showgirl ripudiata inizia una rivolta.

Co-sceneggiato da Fellini, Tullio Pinelli, Ennio Flaiano e Brunello Rondi, è interpretato da Marcello Mastroianni nei panni di Guido Anselmi, un famoso regista cinematografico italiano che sperimenta una creatività soffocata mentre tenta di girare un leggendario film di fantascienza. È girato in bianco e nero dal direttore della fotografia Gianni Di Venanzo e include una colonna sonora di Nino Rota, con costumi e scenografie di Piero Gherardi.

8 e 1 ⁄ 2 ha vinto l’Oscar al miglior film in lingua straniera e ai migliori costumi. È anche riconosciuto come un film d’avanguardia e un classico estremamente importante. È ritenuto da molti come il più importante film della storia del cinema. Sicuramente tra i film più grandi e significativi di tutti i tempi.

Amarcord

La vita celebrata nella sua forma più poetica e grottesca in un altro dei film che ti cambiano la vita di Federico Fellini. A Borgo San Giuliano, un paese vicino a Rimini, l’arrivo dei soffici semi di pioppo che galleggiano nel vento annuncia l’arrivo della primavera. Al calare della notte, i cittadini si recano nella piazza del villaggio per un falò in cui la Vecchia Strega dell’Inverno viene ritualmente bruciata. I cittadini si fanno scherzi a vicenda, fanno esplodere fuochi d’artificio, si divertono con le donne e fanno rumori volgari quando il rappresentante della mentalità civica tiene conferenze sulla storia della zona.

La scuola sotto il fascismo è una noiosa sequela di fatti recitati da professori di diverso livello di interazione e di abilità. Quando non sono chiamati a risolvere problemi di matematica o a riconoscere dettagli storici sconosciuti, tutto ciò che Titta e i suoi compagni studenti possono fare è scherzare o saltare la lezione. Quando Titta si confessa, ha la capacità di evitare di informare Don Balosa delle sue masturbazioni e di tentare di sedurre Gradisca, un’attraente donna, poiché il sacerdote è più interessato alle composizioni floreali.

L’amico di Titta, Ciccio, sogna ad occhi aperti di essere sposato con la sua Aldina, dal grande viso di Mussolini. A causa del suo passato da anarchico, il papà di Titta, Aurelio, viene interrogato e costretto a consumare alcol e olio di ricino.

Nella stagione estiva, a mezzogiorno, la famiglia vede zio Teo (Ciccio Ingrassia), fratello di Aurelio, costretto in un manicomio. (“Voglio una signora!”). Una suora nana e 2 inservienti alla fine risolvono l’inconveniente.

Il titolo del film è un’espressione romagnola a m’ arcôrd (“io tengo a mente”). Il titolo venne poi ad essere un neologismo della lingua italiana, con il significato di “evocazione nostalgica”. Il personaggio di Titta è senza dubbio basato sul compagno d’infanzia di Fellini, il riminese Luigi Titta Benzi. Benzi rimase e in stretto contatto con Fellini per tutta la vita. L’educazione sentimentale di Titta è rappresentativa dell'”abbandono dei principi” dell’Italia.

Il film ha vinto l’Oscar per il miglior film in lingua straniera, ed è stato nominato per altri due premi Oscar: miglior regista e miglior sceneggiatura originale.

Roma

Tra i film che ti cambiano la vita, questo è il più visionario, il più anti-narrativo e quello che si avvicina di più alla grande arte pittorica. Un affresco indimenticabile e senza tempo, uno dei più grandi viaggi figurativi del ‘900. Federico Fellini racconta la sua gioventù a Roma. Il film si apre con una lunga congestione del traffico verso la città. Quando sono lì, vengono mostrate scene su Roma durante la routine fascista negli anni ’30 e negli anni ’70.

Un giovane Fellini (Gonzales) si trasferisce in un vivace appartamento romano popolata da persone non comuni (tra cui un sosia di Benito Mussolini) e gestita da una signora malata e in sovrappeso. Va in 2 bordelli – uno fatiscente e pieno zeppo e l’altro stravagante e alla moda – e apparentemente si innamora di una donna di strada che lavora nell’ultimo. Vengono rivelate varie altre attrazioni di Roma, costituite da un teatro di vaudeville economico, strade, passaggi e un’antica catacomba con affreschi che vengono distrutti dall’aria fresca subito dopo che gli scavatori li scoprono.

Una delle scene più famose ritrae un’anziana nobildonna solitaria che tiene una stravagante sfilata liturgica per un cardinale e altri visitatori con suore e anche sacerdoti che ostentano tutti i tipi di abiti particolari. Il film alla fine si conclude con una squadra di giovani motociclisti che cavalcano dritti in città e una scena malinconica dell’attrice Anna Magnani, che la troupe cinematografica incontra per strada e che sarebbe morta alcuni mesi dopo.

Roma, anche conosciuta come Fellini Roma o Roma di Federico Fellini, è un film autobiografico del 1972 che descrive il trasferimento del regista Federico Fellini dalla sua nativa Rimini a Roma da giovane. È un omaggio alla città, mostrato in una serie di episodi liberamente collegati, ambientati durante il presente e il passato di Roma. La trama è davvero inesistente, e l’unico “personaggio” ad affermarsi è la stessa Roma. Peter Gonzales interpreta il giovane Fellini, e il film utilizza generalmente attori non professionisti.

Il settimo sigillo

Uno film che ti cambiano la vita di Bergman. Il cavaliere disilluso Antonius Block e il suo cinico scudiero Jöns tornano dalle Crociate per trovare la nazione devastata dalla peste. Il cavaliere si imbatte nella Morte che lo sfida in una partita a scacchi, pensando di poter sopravvivere finché il gioco continua. La partita a scacchi che iniziano procede per tutta la storia.

Il cavaliere e il suo scudiero passano davanti a una carovana di artisti: Jof e la moglie Mia, con il loro figlio neonato Mikael e l’attore-manager Jonas Skat. Svegliandosi presto, Jof ha una visione di Maria e Gesù, che racconta a Mia che sorride incredula.

Block e Jöns esplorano una chiesa dove viene ridipinto un affresco della Danse Macabre, e lo scudiero rimprovera il musicista per aver cospirato nell’entusiasmo ideologico che ha portato alla guerra. Nel confessionale, Block informa il sacerdote che vuole compiere “un’azione significativa” dopo quella che ora vede come una vita inutile. Dopo avergli rivelato la strategia degli scacchi che gli salverà la vita, il cavaliere scopre che in realtà dietro il sacerdote si nasconde la Morte con cui ha parlato. Lasciando la chiesa, Block parla con una ragazza condannata al rogo per aver confidato con il diavolo. Crede che lo informerà sicuramente della vita oltre la morte, solo per scoprire che è pazza.

In una città deserta, Jöns incontra una serva muta che è stata violentata da Raval, un teologo che 10 anni prima aveva incoraggiato il cavaliere a arruolarsi nelle Crociate e attualmente è anche un ladro. Jöns rapisce la serva e vanno in città. Lì, Skat viene attirato da Lisa, partner del fabbro Plog. Il programma della scena degli artisti è interrotto da un corteo di flagellanti guidati da un predicatore che parla ai cittadini.

Il cavaliere e lo scudiero sono raggiunti dai membri della famiglia di Jof e anche da un pentito Plog. Block si gode un picnic a base di latte e fragoline di bosco che Mia ha raccolto e proclama anche: “Mi porterò questo ricordo tra le mani come se fosse una ciotola piena fino all’orlo di latte fresco … E questo sarà un indicatore appropriato– sarà certamente sufficiente per me.”

Block accoglie Plog e gli attori per ripararsi dalla peste nel suo castello. Quando incontrano Skat e Lisa nel bosco, lei torna da Plog, mentre Skat pensa ad un suicidio, pieno di rimorsi. Mentre il gruppo procede, Skat si arrampica su un albero per passare la notte, ma la Morte si presenta sotto e abbatte l’albero.

Incontrando la donna condannata, Block le chiede di convocare Satana in modo che possa interrogarlo su Dio. La dama afferma di averlo effettivamente fatto, ma il cavaliere vede solo il suo orrore e le dà le erbe per lenire il suo dolore mentre viene posta sulla pira.

Ambientato in Svezia durante la Peste Nera, racconta il viaggio di un cavaliere del medioevo (Max von Sydow) e una partita a scacchi con la personificazione della Morte (Bengt Ekerot), che è effettivamente interessato a portare via la sua vita. Bergman ha sviluppato il film dalla sua opera teatrale Wood Painting. Il titolo si riferisce ad un brano dell’Apocalisse, utilizzato sia all’inizio del film, sia ancora una volta alla fine, iniziando con le parole “E quando l’Agnello aprì il 7° sigillo, ci fu silenzio in paradiso per lo spazio di mezz’ora”. Proprio qui, il concetto di silenzio si riferisce al “silenzio di Dio”, che è uno dei motivi principali del film.

Il settimo sigillo è considerato uno capolavoro del cinema mondiale, oltre che tra i più grandi film di tutti i tempi. Ha reso Bergman regista di fama mondiale, con molte scene che sono diventate famose grazie a tributi, valutazioni critiche e parodie.

Wings of Desire

Uno dei film che ti cambiano la vita perchè rivela, in modo semplice, grandi temi esoterici. In una Berlino divisa dal muro di Berlino, 2 angeli, Damiel e Cassiel, vagano per la città, inascoltati e non visti dai suoi cittadini umani. Damiel e anche Cassiel sono effettivamente esistiti come angeli; erano a Berlino prima che fosse una città, così come prima che esistessero esseri umani di qualsiasi tipo.

Tra i berlinesi c’è un vecchio di nome Omero, che immagina un “impressionante di pace”. Cassiel segue il vecchio mentre cerca di trovare l’allora demolita Potsdamer Platz in un campo aperto e scopre solo il muro coperto di graffiti. Sebbene Damiel e Cassiel siano puri osservatori, visibili solo ai bambini e anche incapaci di qualsiasi interazione con il mondo fisico, Damiel inizia ad amare una trapezista circense profondamente solitaria chiamata Marion. Obbedisce a se stessa in un camper a Berlino Ovest, finché non ottiene la notizia che il suo gruppo, il Circus Alekan, chiuderà. Depressa, balla da sola al ritmo delle canzoni di Crime & the City Solution e si sposta per la città.

Allo stesso tempo, la star Peter Falk si presenta a Berlino Ovest per girare un film sul passato nazista della città. Falk una volta era un angelo, che, essendosi stancato di osservare sempre e di non sperimentare mai, ha rinunciato alla sua vita eterna per finire per essere un partecipante al mondo. Incontra Marion in un sogno ed è scioccato quando Falk percepisce la sua presenza e gli racconta i piaceri della vita umana.

Il film parla di angeli invisibili che abitano Berlino e prestano attenzione alle idee dei suoi cittadini umani, calmando gli afflitti. Anche se la città è densamente abitata, molti individui sono isolati o separati dai loro cari. Uno degli angeli, interpretato da Bruno Ganz, ama una trapezista solitaria e attraente, interpretato da Solveig Dommartin. L’angelo sceglie di diventare un essere umano per assicurarsi di poter sperimentare i piaceri sensoriali umani, che vanno dal piacere del cibo al tatto, così che possa trovare l’amore umano con la trapezista.

Influenzati dall’arte che mostra angeli visibili intorno a Berlino Ovest, all’epoca circondata dal muro di Berlino, Wenders e l’autore Peter Handke hanno realizzato la sceneggiatura del film con una coproduzione tedesca e francese. Il film è stato girato da Henri Alekan sia a colori che in bianco e nero color seppia, l’ultimo utilizzato per rappresentare il mondo visto dagli angeli. Il cast è composto da Otto Sander, Curt Bois e Peter Falk.

Centinaia di film e documentari selezionati senza limiti

Nuovi film ogni settimana. Guarda su qualsiasi dispositivo, senza nessuna pubblicità. Annulla in qualsiasi momento.
error: Content is protected !!

Inizia ora a guardare gratis per 7 giorni centinaia di titoli disponibili

Inizia una prova gratuita

Guarda centinaia di film indipendenti, film d’essai, documentari, cult, film sperimentali e di avanguardia, retrospettive tematiche, spettacoli teatrali. Inizia gratis.