I registi tedeschi più importanti 

Guarda film indipendenti e cult selezionati

Vai oltre i film proposti dalle solite piattaforme commerciali. Guarda centinaia di film indipendenti e d'autore rari, cult e documentari introvabili selezionati da tutto il mondo.

Indice dei contenuti

I registi tedeschi hanno una storia ricca e variegata, che abbraccia tutto il XX secolo e arriva ai giorni nostri. Tra loro ci sono alcuni tra i registi più importanti di tutti i tempi. In questo articolo ripercorriamo le tappe fondamentali di questo viaggio, dagli esordi del cinema muto fino alle ultime tendenze del cinema contemporaneo.

Gli esordi dei registi tedeschi

Le origini del cinema tedesco risalgono agli anni ’10 del XX secolo. I primi registi tedeschi, come Max Skladanowsky e Oskar Messter, furono pionieri nella sperimentazione di nuove tecniche di ripresa e montaggio. I loro film, spesso documentari o cortometraggi, erano caratterizzati da un forte realismo e da un’attenzione al dettaglio.

Nel 1913, con la produzione del film Nosferatu il vampiro, di Friedrich Wilhelm Murnau, il cinema tedesco iniziò ad acquisire una propria identità. Il film, un’opera visionaria e inquietante, è considerato uno dei capolavori del cinema espressionista tedesco.

Iscriviti

Il cinema espressionista

registi-tedeschi
Murnau

Il cinema espressionista tedesco, sviluppatosi negli anni ’20, è uno dei movimenti cinematografici più importanti del XX secolo. Caratterizzato da un’estetica ricca di simboli e metafore, il cinema espressionista tedesco ha esplorato temi quali la follia, la paura e la solitudine.

I registi più importanti del cinema espressionista tedesco furono Robert Wiene, Fritz Lang, Friedrich Wilhelm Murnau e Georg Wilhelm Pabst. I loro film, come Metropolis (1927), Il gabinetto del dottor Caligari (1920) e Nosferatu il vampiro (1922), sono ancora oggi considerati dei classici del cinema mondiale.

I registi tedeschi e il cinema sonoro

L’avvento del cinema sonoro, negli anni ’30, ebbe un profondo impatto sul cinema tedesco. Molti registi tedeschi, come Fritz Lang e Marlene Dietrich, emigrarono negli Stati Uniti per continuare la loro carriera.

Nel cinema tedesco di questo periodo, si distinsero registi come Georg Wilhelm Pabst, che continuò a esplorare temi sociali e politici, e Leni Riefenstahl, che realizzò film propagandistici per il regime nazista.

I registi tedeschi nel dopoguerra

Rainer-Werner-Fassbinder
Fassbinder

Dopo la seconda guerra mondiale, il cinema tedesco dovette ricostruirsi dalle macerie. I registi di questo periodo, come Wolfgang Staudte e Hans-Jürgen Syberberg, affrontarono temi quali la guerra, la colpa e la memoria.

Negli anni ’60, il cinema tedesco fu caratterizzato da un fermento creativo che sfociò in un nuovo movimento, il Nuovo cinema tedesco. I registi del Nuovo cinema tedesco, come Rainer Werner Fassbinder, Werner Herzog e Wim Wenders, sperimentarono nuove forme di narrazione e affrontarono temi quali la politica, la società e la cultura.

I registi tedeschi nel cinema contemporaneo

Il cinema tedesco contemporaneo è un cinema ricco e variegato, che spazia da film di genere a film d’autore. Tra i registi tedeschi più importanti di questo periodo si possono citare Michael Haneke, Fatih Akin, Maren Ade e Christian Petzold.

 La lista dei più grandi registi tedeschi

Il cinema tedesco ha una storia ricca e affascinante che ha contribuito a plasmare il mondo del cinema.  I registi tedeschi sono sempre stati in prima linea nell’innovazione, esplorando nuovi temi e tecniche.

Max Skladanowsky

registi-tedeschi

Max Skladanowsky (30 aprile 1863 – 30 novembre 1939) è stato un inventore e regista tedesco. Insieme a suo fratello Emil, inventò il bioscopio, un primo proiettore cinematografico che i fratelli Skladanowsky usarono per riprodurre i primi spettacoli di film al mondo.

Skladanowsky nacque a Berlino, in Germania, nel 1863. Suo padre era un vetraio e suo fratello Emil era un fotografo. Skladanowsky iniziò a lavorare come vetraio, ma in seguito si interessò alla fotografia.

Nel 1894, i fratelli Skladanowsky iniziarono a lavorare a un proiettore cinematografico. Il loro bioscopio era un dispositivo semplice ma efficace. Utilizzava una serie di lenti per proiettare le immagini su uno schermo.

Il 1 novembre 1895, i fratelli Skladanowsky tennero il primo spettacolo di film al mondo al Wintergarten di Berlino. Lo spettacolo presentava una serie di brevi filmati, tra cui “Boxing”, “Serpentina Dance” e “Komisches Reck”.

Skladanowsky e suo fratello continuarono a produrre film per diversi anni. Nel 1896, realizzarono il primo film girato in Svezia, “Eine lustige Gesellschaft vor dem Tivoli in Stockholm”.

I fratelli Skladanowsky furono pionieri della cinematografia. Il loro bioscopio fu uno dei primi proiettori cinematografici pratici e i loro film furono tra i primi film mai realizzati.

Oskar Messter

registi-tedeschi-Oskar-Messter

Oskar Messter (21 novembre 1866 – 6 dicembre 1943) è stato un inventore e pioniere del cinema tedesco. È stato uno dei primi a produrre e distribuire film in Germania. Messter è nato a Berlino, in Germania, nel 1866. Ha iniziato la sua carriera come fotografo e poi ha iniziato a sperimentare con la fotografia in movimento. Nel 1896 ha inventato il proprio proiettore cinematografico, il Bioskop. Il Bioskop era uno dei primi proiettori cinematografici pratici ed è stato utilizzato per proiettare i primi film in Germania.

Messter ha anche fondato una società di produzione cinematografica, la Messter Film GmbH. La Messter Film GmbH ha prodotto una serie di film di successo, tra cui “Rapunzel” (1897), “Der Liebesbrief der Königin” (1906) e “Das wandernde Licht” (1916). Messter è stato anche un pioniere nel campo della cinematografia tecnica. Ha sviluppato una serie di innovazioni, tra cui un sistema di registrazione del suono e un sistema di proiezione a colori.

Friedrich Wilhelm Murnau

registi-tedeschi-Murnau

Friedrich Wilhelm Murnau, noto anche come F. W. Murnau, è stato un regista tedesco-americano ampiamente considerato uno dei registi più influenti e importanti della storia del cinema. Nacque Friedrich Wilhelm Plumpe a Bielefeld, in Germania, il 28 dicembre 1888. Iniziò la sua carriera come giornalista e attore teatrale prima di passare al cinema nel 1912.

I primi film di Murnau furono fortemente influenzati dall’espressionismo tedesco, uno stile di regia che utilizzava scenografie distorte, illuminazione esagerata e angolazioni estreme per creare un’atmosfera da incubo o onirica. Alcuni dei suoi film espressionisti più famosi includono Nosferatu (1922), un film sui vampiri basato sul romanzo Dracula di Bram Stoker, e Il gabinetto del dottor Caligari (1920), un thriller su un sonnambulo che viene utilizzato come assassino ipnotizzato.

A metà degli anni ’20, Murnau si trasferì a Hollywood, dove realizzò una serie di film innovativi che erano più stilisticamente diversi delle sue opere espressioniste. Questi film includevano Aurora: un canto di due anime (1927), una tragedia romantica ambientata nel Midwest americano, e Tabu (1931), un semi-documentario sui popoli polinesiani.

GUARDA I FILM

Robert Wiene

registi-tedeschi-robert-wiene

Robert Wiene è stato un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico tedesco. È considerato uno dei più grandi e influenti registi del cinema espressionista tedesco.

Wiene è nato a Breslavia, in Germania, il 27 aprile 1873. Ha iniziato la sua carriera come attore teatrale e cinematografico, prima di passare alla regia nel 1913.

I suoi primi film sono di genere melodrammatico, almeno fino al 1920. In quell’anno, Wiene dirige il film Il gabinetto del dottor Caligari, considerato uno dei capolavori del cinema espressionista tedesco. Il film è ambientato in una città tedesca distopica e racconta la storia di un giovane uomo che viene accusato di omicidio da un ipnotizzatore, il dottor Caligari.

Il gabinetto del dottor Caligari è un film rivoluzionario per l’uso dell’espressionismo. Le scenografie sono distorte e angolari, l’illuminazione è drammatica e le inquadrature sono audaci. Il film è un’allegoria della natura della follia e del potere dell’illusione.

Successivamente, Wiene dirige altri importanti film espressionisti, tra cui Le mani dell’altro (1920), La morte di una stella (1921) e Raskolnikov (1923).

GUARDA I FILM

Fritz Lang

registi-tedeschi-Fritz-Lang

Fritz Lang è stato un regista, sceneggiatore e produttore austriaco naturalizzato statunitense, ampiamente considerato uno dei registi più importanti e influenti della storia del cinema.

Lang nacque a Vienna, in Austria, il 5 dicembre 1890, in una famiglia della classe media. Sviluppò un interesse per il cinema in giovane età e iniziò a realizzare cortometraggi da adolescente. Nel 1913, si trasferì in Germania per intraprendere una carriera nel cinema.

I primi film di Lang furono influenzati dall’espressionismo tedesco, uno stile di regia che utilizzava scenografie distorte, illuminazione esagerata e angolazioni estreme per creare un’atmosfera da incubo o onirica. Alcuni dei suoi film espressionisti più notevoli includono Il dottor Mabuse (1922) e Metropolis (1927).

Metropolis è stato un film di fantascienza rivoluzionario che ha esplorato i temi del conflitto di classe e delle disuguaglianze sociali. Fu uno dei film più costosi mai realizzati all’epoca e fu un successo di critica e commerciale. È considerato uno dei film più importanti della storia del cinema.

GUARDA I FILM

Georg Wilhelm Pabst

registi-tedeschi-georg-wilhelm-pabst


Georg Wilhelm Pabst
è stato un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico austriaco naturalizzato francese, considerato uno dei più importanti e influenti registi del cinema tedesco ed europeo.

Pabst nacque a Raudnitz, Boemia, Austria-Ungheria, il 25 agosto 1885. Studiò architettura all’Università tecnica di Vienna, ma ben presto si interessò al cinema. Iniziò a lavorare come assistente alla regia nel 1911 e fece il suo debutto come regista nel 1914 con il cortometraggio Il cabaret.

I primi film di Pabst furono influenzati dall’espressionismo tedesco, uno stile cinematografico che utilizzava scenografie distorte, illuminazione esagerata e angolazioni estreme per creare un’atmosfera da incubo o onirica.

Nella seconda metà degli anni ’20, Pabst iniziò a muoversi lontano dall’espressionismo e verso uno stile cinematografico più realistico. I suoi film di questo periodo esploravano spesso le dure realtà della vita nella Germania di Weimar, come la povertà, la prostituzione e l’ingiustizia sociale.

Leni Riefenstahl

registi-tedeschi-leni-riefenstahl

Leni Riefenstahl (1902-2003) è stata una regista, attrice e fotografa tedesca, nota soprattutto per i suoi film di propaganda commissionati dal Partito nazista. È stata una pioniera nell’uso della cinematografia, del montaggio e dell’illuminazione per creare film potenti e visivamente sbalorditivi.

I suoi film più famosi includono Il trionfo della volontà (1935), che documenta il congresso del Partito nazista del 1934 a Norimberga, e Olimpia (1938), che racconta le Olimpiadi estive del 1936 a Berlino. Questi film furono elogiati per i loro risultati tecnici, ma furono anche condannati per l’uso della propaganda per glorificare il Partito nazista e la sua ideologia.

Dopo la guerra, Riefenstahl fu bandita dal cinema per diversi anni. Continuò a fare film, ma il suo lavoro non fu mai così riuscito come negli anni ’30. Pubblicò anche diversi libri e documentari, tra cui Gli ultimi Nuba (1974), che documentava le vite di una tribù in Sudan.

Douglas Sirk

Douglas-Sirk

Douglas Sirk (nato Hans Detlef Sierck; 26 aprile 1897 – 14 gennaio 1987) è stato un regista, sceneggiatore e produttore tedesco-americano noto per il suo lavoro nei melodrammi hollywoodiani degli anni ’50.

Sirk iniziò la sua carriera in Germania come regista teatrale e cinematografico, ma scappò ad Hollywood nel 1937 dopo che sua moglie ebrea fu perseguitata dai nazisti. I suoi primi film americani erano commedie e drammi convenzionali, ma negli anni ’50 iniziò a realizzare melodrammi che furono sia popolari che criticamente acclamati.

I melodrammi di Sirk sono caratterizzati dalle loro emozioni esagerate, dallo stile sfavillante e dall’esplorazione di questioni sociali come classe, genere e razza. I suoi film più famosi includono:

  • All That Heaven Allows (1955), la storia di una vedova che si innamora di un uomo più giovane
  • Written on the Wind (1956), una storia di una ricca famiglia del Texas
  • Imitation of Life (1959), un remake di un film del 1934 su una donna bianca e una donna nera che formano un’amicizia
  • Magnificent Obsession (1954), la storia di un uomo che viene guarito e poi diventa ossessionato dal aiutare gli altri
  • Tender Is the Night (1962), un adattamento del romanzo di F. Scott Fitzgerald su uno psichiatra che si innamora di una donna sposata con il suo paziente

I film di Sirk furono inizialmente respinti dalla critica come “film per donne”, ma da allora sono stati rivalutati e riconosciuti per la loro arte e la loro commento sociale. È ora considerato uno dei registi più importanti e influenti del cinema americano.

Iscriviti

Wolfgang Staudte

Wolfgang-Staudte

Wolfgang Staudte è stato un regista, sceneggiatore e attore tedesco. È considerato uno dei più importanti registi tedeschi del dopoguerra.

Staudte è nato a Saarbrücken, in Germania, nel 1906. Ha iniziato la sua carriera come attore teatrale, e ha recitato in una serie di film degli anni ’30. Dopo la seconda guerra mondiale, Staudte ha diretto una serie di film che hanno esplorato il tema della colpa tedesca per la guerra.

I suoi film più famosi includono:

  • Die Mörder sind unter uns (I carnefici sono tra noi, 1946), che racconta la storia di un ex soldato tedesco che cerca di reintegrarsi nella società dopo la guerra.
  • Die letzte Chance (L’ultima possibilità, 1945), che racconta la storia di un gruppo di prigionieri di guerra tedeschi che cercano di fuggire.
  • Rotation (Rotazione, 1949), che racconta la storia di un gruppo di operai che lottano per migliorare le proprie condizioni di lavoro.

Staudte ha continuato a dirigere film fino alla sua morte nel 1984. I suoi film sono stati elogiati per la loro sincerità e il loro impegno a affrontare importanti questioni sociali.

Hans-Jürgen Syberberg

Hans-Jürgen-Syberberg

Hans-Jürgen Syberberg (nato il 8 dicembre 1935) è un regista, drammaturgo e scrittore tedesco. È noto per i suoi film epici e controversi, molti dei quali si concentrano sulla storia e la cultura tedesche. [Immagine di Hans-Jürgen Syberberg]

Syberberg è nato a Nossendorf, Pomerania, Germania, e ha studiato filosofia e teatro all’Università di Monaco. Ha iniziato la sua carriera in teatro nei primi anni ’60 e ha diretto il suo primo film, Fünfter Akt, Siebte Szene (Quinto atto, settima scena), nel 1965. Il suo successo è arrivato nel 1972 con l’uscita di Ludwig: Requiem per un re vergine, un film di nove ore sulla vita di re Ludwig II di Baviera. Il film è stato elogiato per la sua ambizione e originalità, ma anche criticato per la sua lunghezza e stile sperimentale.

I film successivi di Syberberg includevano Karl May (1974), un’esplorazione di sette ore della vita del romanziere d’avventura tedesco; Hitler: un film dalla Germania (1977), un’analisi di 24 ore della vita di Adolf Hitler; e Die Macht der Bilder (Il potere delle immagini) (1989), una collage di sei ore di materiale storico e culturale.

Rainer Werner Fassbinder

Rainer-Werner-Fassbinder

Rainer Werner Fassbinder (31 maggio 1945 – 10 giugno 1982) è stato un regista, attore, drammaturgo, compositore e montatore tedesco. È considerato uno dei più influenti e prolifici personaggi del cinema tedesco e del cinema mondiale.

Fassbinder è nato a Bad Wörishofen, in Baviera, il 31 maggio 1945. È cresciuto a Monaco, dove è stato esposto alla vivace scena teatrale e cabaret della città. Ha iniziato la sua carriera teatrale all’inizio degli anni ’60 e ha debuttato nel cinema con Amore è il diavolo (1969).

I primi film di Fassbinder erano caratterizzati dall’esplorazione di questioni sociali e politiche, nonché dal loro stile sperimentale e spesso oscuro. Si è rapidamente affermato come un regista controverso e innovativo.

Negli anni ’70, i film di Fassbinder sono diventati più ambiziosi e personali. Ha iniziato a esplorare temi di sessualità, genere e classe, e ha sviluppato uno stile distintivo che era caratterizzato dall’uso di lunghe inquadrature, primi piani estremi e lavoro con la telecamera a mano.

Werner Herzog

Werner-Herzog

Werner Herzog (nato il 5 settembre 1942) è un regista, sceneggiatore, autore, attore e regista d’opera tedesco. È considerato una delle figure più importanti del cinema tedesco e del cinema mondiale, e il suo lavoro è stato elogiato per la sua originalità, lo stile visivo e la profondità filosofica.

Nato a Monaco di Baviera, in Germania, Herzog è cresciuto in una famiglia cattolica. Ha studiato recitazione e filosofia all’Università di Monaco, ma ha lasciato dopo un anno per dedicarsi al cinema. I suoi primi film erano caratterizzati dalla loro natura sperimentale e dal loro focus sulle periferie della società.

Negli anni ’70, Herzog iniziò a realizzare film più ambiziosi, come Aguirre, la furia di Dio (1972), un dramma storico ambientato nella foresta pluviale amazzonica, e Nosferatu il vampiro (1979), una reinterpretazione del classico racconto del vampiro. Questi film hanno stabilito la reputazione di Herzog come regista con una visione unica e una volontà di spingere i confini del cinema.

Negli anni ’80 e ’90, Herzog ha continuato a realizzare una serie di film acclamati dalla critica, tra cui Fitzcarraldo (1982), un dramma storico su un magnate della gomma che cerca di costruire un’opera lirica nella foresta pluviale amazzonica, e Grizzly Man (2005), un documentario sulla vita di Timothy Treadwell, un uomo che viveva tra gli orsi grizzly in Alaska.

Wim Wenders

Wim-Wenders


Wim Wenders
(nato il 10 agosto 1945) è un regista, sceneggiatore, produttore e fotografo tedesco. È considerato una delle figure più importanti del cinema tedesco e del cinema mondiale. Il suo lavoro è noto per l’esplorazione dell’alienazione, della spiritualità e della condizione umana. È un pioniere del movimento del Nuovo Cinema Tedesco e ha realizzato film in una varietà di generi, tra cui dramma, documentario e fantascienza.

Wenders è nato a Düsseldorf, in Germania, nel 1945. Ha studiato filosofia e letteratura all’Università di Friburgo e ha iniziato a fare film all’inizio degli anni ’60. I suoi primi film erano caratterizzati dalla loro natura sperimentale e dal loro focus sulle periferie della società.

Negli anni ’70, Wenders emerse come una delle figure di spicco del movimento del Nuovo Cinema Tedesco. Questo movimento era caratterizzato dal suo rifiuto dello stile tradizionale di Hollywood e dalla sua esplorazione della cultura tedesca contemporanea.

Edgar Reitz

Edgar-Reitz

Edgar Reitz (nato il 1º novembre 1932) è un regista, sceneggiatore e fotografo tedesco. È noto soprattutto per la sua epica miniserie televisiva Heimat (1984-2004), considerata uno dei lavori più importanti della televisione tedesca. Reitz è anche co-fondatore dell’Istituto di progettazione cinematografica di Karlsruhe.

Reitz è nato a Morbach, in Germania, nel 1932. Ha studiato letteratura tedesca e filosofia all’Università di Friburgo, e poi ha iniziato la sua carriera nel cinema negli anni ’60. I suoi primi film erano caratterizzati dalla loro natura sperimentale e dal loro focus sulle periferie della società.

Il successo di Reitz arrivò nel 1984 con il primo episodio di Heimat, una miniserie in dieci parti su un villaggio immaginario nella regione del Hunsrück in Germania. La serie fu un successo di critica e commerciale, e contribuì a stabilire Reitz come una delle figure di spicco del cinema tedesco.

Michael Haneke

Michael-Haneke

Michael Haneke (nato il 27 agosto 1942) è un regista, sceneggiatore e compositore austriaco. È uno dei registi più acclamati e controversi della sua generazione. I suoi film sono spesso cupi, inquietanti e profondamente disturbanti, ma sono anche intellettualmente stimolanti e visivamente sbalorditivi. Haneke è noto per la sua esplorazione di temi come la violenza, l’alienazione e il declino della condizione umana. È anche un maestro del suspense e della tensione, e i suoi film sono spesso caratterizzati da lunghi piani sequenza e da uno stile minimalista.

Haneke è nato a Monaco di Baviera, Germania Ovest, da genitori austriaci. Ha studiato filosofia e teatro all’Università di Vienna, e poi ha iniziato la sua carriera nel cinema negli anni ’70. I suoi primi film erano sperimentali e spesso difficili da guardare, ma hanno attirato l’attenzione di critici e festival.

Il successo di Haneke arrivò nel 1997 con l’uscita di Funny Games, un thriller psicologico suspense su due giovani uomini che terrorizzano una famiglia nella loro casa di vacanza. Il film è stato elogiato per la sua originalità e la sua esplorazione della violenza, ma ha anche causato polemiche per la sua rappresentazione grafica della tortura.

Fatih Akin

Fatih-Akin

Fatih Akin è un regista, sceneggiatore, produttore e attore tedesco nato il 25 agosto 1973 ad Amburgo, Germania.

Akin è nato da genitori turchi ed è cresciuto in Germania. Ha iniziato a fare film all’inizio degli anni ’90 e ha rapidamente guadagnato una reputazione come uno dei registi più talentuosi della sua generazione.

I film di Akin spesso esplorano temi di identità, cultura e integrazione. I suoi film sono spesso caratterizzati da una forte componente visiva e da una narrazione coinvolgente.

Akin ha vinto numerosi premi per il suo lavoro, tra cui il Premio Oscar per il miglior film straniero per La sposa turca (2004) e il Premio del Festival di Cannes per la miglior regia per Soul Kitchen (2009).

Maren Ade

Maren-Ade

Maren Ade è una regista, sceneggiatrice e produttrice cinematografica tedesca nata il 12 dicembre 1976 a Karlsruhe, in Germania.

Ade ha studiato cinema alla Hochschule für Fernsehen und Film di Monaco e ha iniziato la sua carriera di regista con cortometraggi e documentari. Il suo primo lungometraggio, Der Wald vor lauter Bäumen (2003), ha vinto il premio per il miglior film al Festival internazionale del cinema di Berlino.

Il suo secondo film, Alle anderen (2009), è stato un successo di critica e pubblico, vincendo numerosi premi, tra cui il premio per la miglior regia al Festival internazionale del cinema di Berlino. Il film racconta la storia di due coppie che si incontrano in un villaggio tedesco.

Il suo terzo film, Toni Erdmann (2016), è stato un altro successo, vincendo il premio per la miglior regia al Festival di Cannes. Il film racconta la storia di un padre che cerca di riconnettersi con sua figlia adulta travestendosi da clown.

Christian Petzold

Christian-Petzold

Christian Petzold è un regista e sceneggiatore tedesco noto per il suo stile distintivo e l’esplorazione di temi sociali e storici. Nato a Hilden, in Germania, nel 1960, Petzold ha studiato tedesco e dramma alla Freie Universität Berlin prima di iscriversi alla German Academy for Film and Television (DFFB) di Berlino.

I primi film di Petzold, come Die Innere Sicherheit (1998) e Die andere Heimat (2004), hanno consolidato la sua reputazione per il realismo crudo e le rappresentazioni sfumate di individui che si muovono in complessi paesaggi sociali e politici. Ha acquisito una maggiore notorietà con Barbara (2012), un dramma acclamato dalla critica ambientato nella Germania dell’Est durante la Guerra Fredda, che ha vinto il Premio del Gran Giuria d’Argento al Festival internazionale del cinema di Berlino.

I film successivi di Petzold, tra cui Phoenix (2014) e Transit (2018), hanno ulteriormente consolidato la sua posizione di figura di spicco del cinema tedesco contemporaneo. Queste opere spesso presentano forti protagoniste femminili ed esplorano temi di identità, sradicamento e il lascito della storia.

Oliver Hirschbiegel

Oliver-Hirschbiegel

Oliver Hirschbiegel è un regista, produttore e sceneggiatore tedesco nato il 29 dicembre 1957 a Hagen, in Germania.

Hirschbiegel ha studiato storia e politica alla Freie Universität Berlin prima di iscriversi alla Deutsche Film- und Fernsehakademie Berlin (DFFB) per studiare regia cinematografica. I suoi primi film, come Der Untergang (2004) e Downfall (2004) in inglese, hanno consolidato la sua reputazione per la sua rappresentazione realistica della storia e dei conflitti. Ha acquisito una maggiore notorietà con Das Experiment (2001), un thriller psicologico basato su un esperimento sociale reale, che ha vinto il premio per il miglior film straniero al Festival internazionale del cinema di San Sebastián.

I film successivi di Hirschbiegel, tra cui Der Baader Meinhof Komplex (2008) e The Counterfeiters (2007), hanno ulteriormente consolidato la sua posizione di figura di spicco del cinema tedesco contemporaneo. Queste opere spesso esplorano temi di potere, oppressione e resistenza.

Florian Henckel von Donnersmarck

Florian-Henckel-von-Donnersmarck

Florian Henckel von Donnersmarck è un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico tedesco. È noto soprattutto per aver scritto e diretto il thriller drammatico del 2006 Das Leben der Anderen (Le vita degli altri), che ha vinto l’Oscar al miglior film straniero.

Donnersmarck è nato a Colonia, in Germania, nel 1973. Ha studiato filosofia, politica ed economia all’Università di Oxford prima di frequentare la Deutsche Film- und Fernsehakademie Berlin (DFFB) per studiare regia cinematografica.

Il suo primo lungometraggio, Der Untergang (La caduta), è stato distribuito nel 2004. Il film era un racconto romanzato degli ultimi giorni di Adolf Hitler nel Führerbunker. È stato un successo di critica e commerciale, e ha stabilito Donnersmarck come una stella nascente del cinema tedesco.

Il successo di Donnersmarck è arrivato con Das Leben der Anderen nel 2006. Il film racconta la storia di un ufficiale della Stasi che si disincanta con il regime della Germania Est dopo essere stato incaricato di spiare un drammaturgo e la sua amante. È stato elogiato per la sua trama suspense, i suoi personaggi sfumati e la sua rappresentazione sensibile della storia della Germania Est. Il film ha vinto numerosi premi, tra cui l’Oscar al miglior film straniero, il Golden Globe al miglior film straniero e il Premio del cinema europeo per il miglior film.

Wolfgang Becker

Wolfgang-Becker

Wolfgang Becker è un regista, sceneggiatore e attore tedesco. È noto soprattutto per aver scritto e diretto la commedia drammatica del 2003 Good Bye, Lenin!, che ha vinto l’Oscar al miglior film straniero e il Golden Globe al miglior film straniero.

Becker è nato a Hemer, in Germania, nel 1954. Ha studiato cinema e televisione all’Università di Televisione e Film di Monaco (HFF München). I suoi primi film, come Kinderspiele (Giochi per bambini) (1992) e Das Leben ist eine Baustelle (La vita è un cantiere) (1997), hanno consolidato la sua reputazione per l’umorismo eccentrico e il commento sociale.

Il successo di Becker è arrivato con Good Bye, Lenin! nel 2003. Il film racconta la storia di un giovane uomo della Germania Est che deve impedire a sua madre di sapere che il Muro di Berlino è caduto. È stato elogiato per il suo umorismo, la sua risonanza emotiva e la sua rappresentazione della caduta del Muro di Berlino da una prospettiva personale. Il film ha vinto numerosi premi, tra cui l’Oscar e il Golden Globe al miglior film straniero.

Volker Schlöndorff

Volker-Schlöndorff

Volker Schlöndorff è un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico tedesco. È noto soprattutto per il suo lavoro nel movimento del Nuovo Cinema Tedesco degli anni ’70 e ’80, nonché per la regia del film del 1981 Il tamburo di latta, che ha vinto l’Oscar al miglior film straniero.

Schlöndorff è nato a Wiesbaden, in Germania, nel 1939. Ha studiato legge e filosofia all’Università di Friburgo prima di frequentare l’Università di Monaco per studiare cinema. I suoi primi film, come Il giovane Törless (1974) e Il tamburo di latta (1979), erano noti per l’esplorazione di argomenti tabù e per le loro tecniche di regia non convenzionali.

Il successo di Schlöndorff è arrivato con Il tamburo di latta nel 1981. Il film è un adattamento del romanzo omonimo di Günter Grass e racconta la storia di un giovane ragazzo che rifiuta di crescere come forma di protesta contro il regime nazista. Il film è stato elogiato per il suo stile visivo, le sue interpretazioni e la sua complessa esplorazione dei temi della guerra e dell’infanzia. Ha vinto l’Oscar al miglior film straniero, nonché l’Orso d’oro al Festival del cinema di Berlino.

Hans-Christian Schmid

Hans-Christian-Schmid

Hans-Christian Schmid è un regista e sceneggiatore tedesco nato nel 1965 ad Altötting, in Baviera. È noto per i suoi film socialmente impegnati che esplorano temi come la gioventù, l’alienazione e le questioni sociali. I film di Schmid sono stati elogiati per il loro realismo, la loro sensibile rappresentazione dei personaggi e l’esplorazione di complesse questioni sociali.

Schmid ha studiato cinema all’Università di Televisione e Cinema di Monaco. I suoi primi film, come “Nach Fünf im Urwald” (1995) e “23” (1998), sono stati realizzati con un budget limitato e sono stati elogiati per il loro realismo crudo e la loro rappresentazione della vita dei giovani in Germania.

All’inizio degli anni 2000, Schmid ha iniziato a realizzare film più mainstream, come “Crazy” (2000) e “Requiem” (2006). Questi film erano ancora socialmente impegnati, ma erano anche più commercialmente di successo. I film più recenti di Schmid, come “Was bleibt” (2012) e “Wir sind dann wohl die Angehörigen” (2022), continuano ad esplorare questioni sociali, ma si addentrano anche in temi più personali.

Fabio Del Greco

Fabio Del Greco

Centinaia di film e documentari selezionati senza limiti

Nuovi film ogni settimana. Guarda su qualsiasi dispositivo, senza nessuna pubblicità. Annulla in qualsiasi momento.