fbpx

I film cinesi da non perdere

Guarda film indipendenti e cult selezionati

Vai oltre i film proposti dalle solite piattaforme commerciali. Guarda centinaia di film indipendenti e d'autore rari, cult e documentari introvabili selezionati da tutto il mondo.

Indice dei contenuti

I film cinesi sono realizzato tra le 3 aree del cinema in lingua cinese: Cina, Hong Kong e Taiwan. Nella storia del cinema cinese ci sono molti film da vedere assolutamente e capolavori. Il cinema è arrivato in Cina nel 1896 e il primo film cinese, Dingjun Mountain, è stato realizzato nel 1905. Nei primissimi anni il mercato del cinema era situato a Shanghai. Gli anni ’20 erano dominati da film commerciali e da piccoli studi di produzione, in particolare nella genere di film d’ azione wuxia. 

film-cinesi

Il primo film cinese sonoro, Sing-Song Girl Red Peony, che utilizzava l’innovazione del suono su disco, fu realizzato nel 1931. Gli anni ’30, considerati il ​​periodo d’oro iniziale del cinema cinese, videro lo sviluppo dell’attività cinematografica di sinistra. Il disaccordo tra nazionalisti e comunisti si rifletteva nei film realizzati.  Dopo l’invasione giapponese della Cina e l’occupazione di Shanghai, il mercato in città è stato gravemente bloccato, con i registi che si sono trasferiti a Hong Kong, Chungking (Chongqing) e in varie altre località. 

Princess Iron Fan (1941), il primo film cinese di animazione, fu lanciato alla fine di questo periodo. Ha influenzato l’animazione giapponese in tempo di guerra e successivamente Osamu Tezuka. Dopo essere stato completamente bloccato dalla guerra nel 1941, fino al completamento del conflitto nel 1945, il settore cinematografico della città di Shanghai era sotto il controllo giapponese.

VAI AI FILM DA GUARDARE

Film cinesi dopo la guerra

Dopo la fine della guerra, si è verificata una seconda era d’oro dei film cinesi, con il ritorno alla produzione a Shanghai. Spring in a Small Town (1948) è stato definito il miglior film in lingua cinese al 24esimo Hong Kong Film Awards. Dopo il cambiamento comunista nel 1949, i film lanciati e una selezione di film internazionali furono vietati nel 1951, a causa della censura cinematografica in Cina. Nonostante ciò, la produzione di film cinesi è aumentata notevolmente.  Durante la Rivoluzione Culturale, il settore cinematografico è stato drasticamente limitato, arrivando praticamente a un punto morto dal 1967 al 1972. Il mercato ha prosperato seguendo il completamento della Rivoluzione Culturale, costituito da film drammatici degli anni ’80, come Evening Rain ( 1980), Legend of Tianyun Mountain (1980) e Hibiscus Town (1986), che illustrano le ferite psicologiche lasciate dal periodo.  

I film cinesi della Quinta generazione 

A partire dalla metà fino alla fine degli anni ’80, con film come One and Eight (1983) e Yellow Earth (1984), l’arrivo di nuovi cineasti cinesi che ebbero il nome di “Quinta generazione” ha accresciuto l’interesse del cinema cinese all’estero, in particolare tra i mercati d’essai occidentali.  Film come Red Sorghum (1987), The Story of Qiu Ju (1992) e Farewell My Concubine (1993) hanno ottenuto importanti riconoscimenti a livello mondiale. L’attività è in parte terminata dopo le manifestazioni di piazza Tiananmen del 1989. La durata post-1990 ha visto l’aumento della sesta generazione e anche della post-sesta generazione, entrambe realizzando film indipendenti al di fuori del principale sistema cinematografico cinese che ha circolato principalmente nel circuito internazionale dei festival cinematografici.

Con il successo industriale globale di film come Crouching Tiger, Hidden Dragon (2000) e Hero (2002), la varietà di coproduzioni nei cinema in lingua cinese è migliorata e c’è stata anche un’attività di  Cinema in lingua cinese direttamente nel mercato globale. Dopo che film cinesi come The Dream Factory (1997) ha mostrato la fattibilità del grande successo commerciale,i film cinesi sono esplosi al botteghino e, da gennaio 2017, 5 dei primi 10 film di maggior incasso in Cina sono produzioni cinesi. Shed in Thailand (2012) è stato il primo film cinese a raggiungere ¥ 1 miliardo di RMB alla biglietteria cinese.  Beast Hunt (2015) è stato il primo ad arrivare a ¥ 2 miliardi di RMB.  The Mermaid (2016) è stato il primo a raggiungere ¥ 3 miliardi di RMB.  Wolf Warrior 2 (2017) li ha superati diventando il film di maggior incasso in Cina.

La Cina è la sede del più grande impianto di produzione di film in tutto il mondo, l’Oriental Movie Metropolis e gli Hengdian World Studios, e nel 2010 ha avuto il terzo mercato cinematografico più grande di lungometraggi creati ogni anno. Nel 2012 la nazione è diventata il secondo mercato mondiale per vendite di biglietti. Nel 2016, la vendita di biglietti in Cina è stata di ¥ 45,71 miliardi di RMB ($ 6,58 miliardi).  Il paese ha la più grande varietà di schermi in tutto il mondo dal 2016, e si prevede che diventerà il più grande mercato organizzato entro il 2019. La Cina è diventata anche un importante centro di servizio per i laboratori di Hollywood.

Nel novembre 2016, la Cina ha approvato una legislazione sui film che proibisce i contenuti considerati pericolosi per il “rispetto di sé, l’onore e i sentimenti” della Repubblica Popolare, oltre a favorire la promozione dei “valori fondamentali socialisti”. Come suggeriscono le linee guida di settore, i film sono abilitati a rimanere nelle sale cinematografiche per un mese. Le case di produzione possono rivolgersi alle autorità di regolamentazione per ampliare la restrizione. 

Negli ultimi anni, il pubblico cinese ha gradito in modo significativo i film in lingua cinese, prodotti localmente. I valori di produzione nei film cinesi sono aumentati.  Sono grandi successi cinesi che i cineasti cinesi stanno realizzando e che le persone desiderano vedere, così come si sentono molto meno coinvolti dai film realizzati a Hollywood. Gli alti ricavi delle biglietterie dei film cinesi del 2021 come “Hello, Mom” ​​​​e anche “The Battle at Lake Changjin” hanno effettivamente dimostrato che il mercato cinematografico locale dei film cinesi ha raggiunto l’indipendenza e non richiede l’attrazione del mercato di riferimento globale per generare incassi significativi. Gli attuali film cinesi patriottici sono in realtà film di propaganda. La maggior parte dei successi cinesi attuali sono simili a quei film di Hollywood che rivelano gli Stati Uniti come paese che difende il pianeta dal disastro globale.

VAI AI FILM DA GUARDARE

Film cinesi delle origini

film-cinesi

Il cinema è stato introdotto in Cina nel 1896. La Cina è stata solo una delle prime nazioni a scoprire lo strumento del cinema, dopo che Louis Lumière ha inviato il suo cameraman a Shanghai un anno dopo aver sviluppato la cinematografia. Il primo test videoregistrato di un film in Cina avvenne a Shanghai l’11 agosto 1896. Il primo film cinese, una registrazione dell’opera di Pechino, Dingjun Mountain, fu girato nel novembre 1905 a Pechino. Negli anni successivi le aziende di produzione di film in Cina furono principalmente di proprietà straniera, e il distretto del cinema locale fu fissato a Shanghai, un fiorente centro commerciale e anche la più grande città dell’Estremo Oriente. 

Nel 1913, la prima sceneggiatura di un film cinese indipendente, The Difficult Couple, fu girata a Shanghai da Zheng Zhengqiu e Zhang Shichuan. Zhang Shichuan successivamente fondò la prima attività di produzione cinematografica di proprietà cinese nel 1916. Il primo lungometraggio integrale fu Yan Ruishen lanciato nel 1921. che era un documentario riguardante l’omicidio di una prostituta di Shanghai. Per tutti gli anni ’20 specialisti cinematografici degli Stati Uniti hanno istruito professionisti cinesi a Shanghai, e l’impatto americano è rimasto molto sentito lì per i successivi 20 anni. Poiché il cinema era ancora nelle sue prime fasi di crescita, molti film muti cinesi in quel momento erano solo cortometraggi teatrali o atti comici, e la formazione era molto scarsa sotto l’aspetto tecnologico. 

Più tardi, dopo la sperimentazione, la Cina è stata in grado di trarre motivazione dai propri meriti tipici e ha anche iniziato a produrre film sulle arti marziali, con Burning of Red Lotus Temple (1928).  Burning of Red Lotus Temple è stato un successo, la produzione di Star Motion Pictures (Mingxing) ha successivamente registrato 18 sequel, segnando l’inizio dei prestigiosi film di arti marziali cinesi. Diversi imitatori hanno aderito al genere, tra cui Red Heroine (1929) di U. Lien Studio. Fu durante questo periodo che nacquero molte delle attività di produzione più importanti, in particolare Mingxing e Tianyi dei fratelli Shaw. Mingxing, fondato da Zheng Zhengqiu e Zhang Shichuan nel 1922, inizialmente si concentrò su cortometraggi comici, tra cui il primo film cinese completo, Laborer’s Love (1922).  La produzione si dedicò poi a lungometraggi e drammi familiari tra cui Orphan Rescues Grandfather (1923).  Tianyi ha focalizzato il proprio stile verso la mitologia, oltre a spingersi direttamente nei mercati internazionali;  il loro film White Snake (1926) è un esempio calzante del loro successo tra gli spettatori cinesi del sud-est asiatico.  

Primi film cinesi sonori

film-cinesi

Nel 1931 fu realizzato il primo film sonoro cinese Sing-Song Girl Red Peony, il risultato di un lavoro di squadra tra la produzione cinematografica della Mingxing Film Company e l’innovazione audio di Pathé Frères. L’audio è stato registrato su disco, ed è stato successivamente riprodotto in sala in sincronia con l’azione sullo schermo. Il primo film sonoro con dialoghi realizzato in Cina era Spring on Stage di Tianyi, o Clear Sky After Storm di Great China Studio e Jinan Studio.  I film musicali, come Song at Midnight (1937) e Street Angels (1937), con Zhou Xuan, si sono trasformati in uno dei generi di film più importanti in Cina. 

I primi film cinesi importanti furono prodotti a partire dagli anni ’30, con l’introduzione dell’attività politica di sinistra. Spring Silkworms di Cheng Bugao (1933), The Goddess di Wu Yonggang (1934), e Sun Yu di  The Great Road, noto anche come The Big Road (1934).  Questi film sono stati ricordati per la loro attenzione alla lotta di classe e anche ai rischi esterni come il Giappone, oltre che per il loro focus sulla gente comune, come un membro della famiglia dei coltivatori di seta in Spring Silkworms e anche una prostituta in La Dea. In parte a causa del successo di questo tipo di film, il periodo fu descritto come la la prima epoca d’oro del cinema cinese. Il movimento cinematografico di sinistra di solito si concentrava sulla Shanghai influenzata dall’Occidente, dove i registi descrivevano le classi inferiori di una città sovrappopolata. Tra le aziende di produzione che controllavano il mercato tra l’inizio e la metà degli anni ’30 c’ erano la neonata Lianhua, la più vecchia e più grande Mingxing e anche Tianyi. Sia Mingxing che Lianhua si sono schierate con la politica di sinistra, soprattutto Lianhua. 

Il periodo ha anche creato le prime grandi celebrità del film cinese, come Hu Die, Ruan Lingyu, Li Lili, Chen Yanyan, Zhou Xuan, Zhao Dan e Jin Yan. Vari altri film significativi dell’epoca includono Amore e dovere (1931), Little Toys (1933), New Women (1934), Track of the Fishermen (1934), Plunder of Peach e Plum  (1934), Crossroads (1937) e Street Angel (1937). Per tutti gli anni ’30, i nazionalisti e i comunisti furono in forte competizione per il controllo delle grandi produzioni di film cinesi; l’impatto può essere visto nei film che gli studi cinesi hanno creato durante questi anni.

VAI AI FILM DA GUARDARE

I film cinesi da vedere assolutamente

Ecco una sostanziosa selezione dei migliori film cinesi da vedere assolutamente: dai capolavori del cinema cinese muto delle origini, attraverso le diverse generazioni di registi, le rivoluzioni culturali ed i film di propaganda e d’avanguardia, fino ad arrivare al cinema d’essai e indipendente cinese contemporaneo, rigorosamente in ordine cronologico. A te la scelta.

Playthings (1933)

È un film cinese muto del 1933 diretto dal regista Sun Yu. Il film è interpretato dalla famosa star cinese Ruan Lingyu, ed è stato anche prodotto dalla società di produzione cinematografica di sinistra, Lianhua Film Company.  

La storia racconta di un produttore di giocattoli della città che consiglia a un gruppo di cittadini di continuare a produrre giocattoli convenzionali indipendentemente dagli enormi concorrenti di giocattoli internazionali.  Associato a molti altri film realizzati nello stesso periodo di tempo, Playthings è un film di propaganda patriottico che mostra esitazione verso la rapida urbanizzazione e automazione della Cina.

 Realizzato dopo l’invasione del Giappone in Cina è un melodramma marxista con solide convinzioni nazionaliste. Oggi, il film è identificato come uno dei film cinesi più efficaci del 20° secolo.  Prodotto durante l’età d’oro del cinema cinese, il folm è stato considerato dai critici cinematografici moderni come un film senza tempo di notevole rilevanza sociale. Il suo focus sulla difficoltà, l’ingegnosità, il nazionalismo e la determinazione rappresentata dall’attrice Ruan Lingyu ha contribuito a far avanzare l’archetipo della “Donna Nuova”; un concetto importante durante gli anni ’30 in Cina. È considerato tra i migliori film cinesi mai realizzati. 

Springtime Silkworms (1933)

È un film cinese muto del 1933.  È stato diretto da Cheng Bugao ed è stato adattato da Cai Chusheng e Xia Yan dall’omonima novella dello scrittore cinese Mao D’un. Il film è interpretato da Xiao Ying, Yan Yuexian, Gong Jianong, Gao Qianping e Ai Xia ed è stato prodotto dalla Mingxing Film Company.

 Oggi il film è considerato tra i primi film del movimento di sinistra nella Shanghai degli anni ’30. Il film racconta la storia di una famiglia di coltivatori di seta nel distretto di Zhejiang, che sopportano sfide e fame quando la loro pianta di bozzoli di bachi da seta muore. Il film denuncia non solo gli estremi problemi di mercato che hanno costretto la famiglia alla miseria, ma anche le nozioni superstiziose e il narcisismo.

Il vecchio Tong Bao è il patriarca di una famiglia di allevatori di bachi da seta nello Zhejiang. Rifiuta di acquistare tipi internazionali di bachi da seta per la sua prossima piantagione. I problemi del mercato sono gravi e nonostante le iniziative poste dalla sua famiglia nell’allevamento dei bachi da seta, i bozzoli non riescono a portare guadagno sul mercato.  

VAI AI FILM DA GUARDARE

The Goddess (1934)

È un film cinese muto del 1934 lanciato dalla Lianhua Film Company. Il film racconta la storia di una donna sconosciuta, che vive come una prostituta di sera e impegna la mamma di giorno a dare al suo bambino un’istruzione e un apprendimento nel mezzo dell’oppressione sociale nelle strade di Shanghai, in Cina.  Ha come protagonista Ruan Lingyu tra i suoi ultimi ruoli. Lo Ming Yau ha scritto il film e Hong Weilie era il direttore della fotografia.

Il grande pubblico ha reagito con entusiasmo, soprattutto a causa dell’appello di Ruan Lingyu a Shanghai nei primissimi anni ’30. 4 anni dopo il lancio iniziale di Goddess, Yonggang Wu riprende il film nei panni di Yanzhi Lei con aggiustamenti apportati agli attori, all’ambientazione e a parti della storia.  Dopo la rinascita del racconto di Ruan Lingyu da parte di Stanley Kwan con il film biografico Center Stage (1991) con Maggie Cheung nei panni di Ruan, l’interesse del pubblico per il cinema tradizionale cinese è stato rivitalizzato. Oggi, Goddess è uno dei film più famosi dell’era d’oro del cinema cinese, ed è stato addirittura definito uno dei 100 film più importanti della Cina dagli Hong Kong Film Awards nel 2005.

Plunder of Peach and Plum (1934)

È uno dei primi film cinesi sonori del 1934. Creato dalla Diantong Film Company di Shanghai, schierata a sinistra, il film è stato diretto da Ying Yunwei e interpretato dalla star di spicco Yuan Muzhi, che ha anche co-scritto la sceneggiatura del film. Il film è stato incluso nella 62a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia come parte della retrospettiva, The Secret History of Asian Cinema.

Il film racconta la sfortunata storia di due laureati, Tao Jianping, e  Li Lilian. Sposati, entrambi intendono utilizzare la cultura nel modo giusto, ma sono costantemente messi alla prova dalla corruzione e dall’oppressione della cultura cinese.

The Big Road (1934) 

È un film cinese muto del 1934 diretto da Sun Yu e interpretato da Jin Yan e Li Lili, ed è stato anche scritto da Sun Yu in particolare per Li Lili per pubblicizzarela sua immagine. Si tratta di un film muto che è stato sviluppato con una colonna sonora, con canzoni e anche effetti audio inclusi nella post-produzione. Questo film è stato creato da Sun Yu dopo Wild Rose (1931) e Little Toys (1933) come parte del National Defense Cinema con elementi anti-giapponesi. Sebbene sia stato definito un “film difficile”, Sun Yu non ha fatto riferimenti specifici al fatto che “il paese avversario” nel film fosse il Giappone, così come il film non consisteva in uno scontro diretto con “l’avversario” su un  campo di battaglia. Piuttosto rivela lo spirito della guerra anti-giapponese in un modo “incantevole ed elegante”. 

The Big Road è stato definito il 30° miglior film cinese mai realizzato dagli Hong Kong Film Awards nel 2004. Il regista Sun Yu apparteneva a un gruppo di underground guidato da Xia Yan sviluppato dal Partito Comunista Cinese, il gruppo aderente alla rivoluzione sovietica del 1917. Il tratta I temi di antimperialismo e del proletariato.

VAI AI FILM DA GUARDARE

New Women (1935)

È un film cinese muto del 1935 prodotto dallo United Photoplay Service. Il film è interpretato da Ruan Lingyu ed è stato diretto da Cai Chusheng. Questo film si è trasformato in uno dei lavori di gran lunga più riconosciuti di Ruan Lingyu. Il suo suicidio durante la Giornata internazionale della donna (8 marzo 1935) ha accentuato la posizione discutibile delle nuove donne e ha anche reso questo film un classico nella Cina contemporanea.

Il tema delle “Donne Nuove” è stato in realtà il risultato di un modello economico sociale e anche di una riforma dell’attività sociale che era in atto da anni. Ha creato dubbi e perplessità al background ideologico standard della Cina e ha anche utilizzato una trasformazione delle “donne anziane” cinesi in “donne nuove” come convenzione sociale diversa. Si pensava che New Women fosse un film per stimolare “l’inchiesta femminile”.  Questa indagine è in realtà una raccolta di domande su come le “nuove donne” della Cina erano prese in considerazione all’interno della cultura. Preoccupazioni come qual è la posizione delle donne in Cina, come sono le nuove donne cinesi, e come devono vivere le loro vite appartenevano alla rivoluzione femminista. New Women era basato sulla vita dell’attrice cinese e scrittrice, Ai Xia, che si era suicidata nel 1934.

Song at Midnight (1937)

È un film cinese del 1937 diretto da Ma-Xu Weibang, un regista famoso per il suo lavoro nel genere horror. Comunemente descritto come il primo film horror cinese, o come il primo musical horror, il film prende l’impatto del film del 1923 Il gobbo di Notre Dame, è il romanzo del 1910 Il fantasma dell’opera di Gaston Leroux e anche il suo adattamento cinematografico del 1925 con lo stesso nome. Il film è stato lanciato 5 mesi prima dello scoppio della seconda guerra sino-giapponese in Cina. 

La trama del film racconta il lavoro dei rivoluzionari di sinistra cinesi, e non ha evitato la censura cinematografica del Kuomintang, insieme alla sua severa punizione per i film che trattano motivi di paura, divinità, spiriti o “nozioni superstiziose. Con l’interesse di mantenere la sua produzione, e anche al fine di prevenire le legislazioni di censura in Cina all’epoca, il regista Ma-Xu Weibang ha incontrato l’autore di “Yiyong jun jinxing gu” (Marcia dei volontari) Tian Han numerosi  volte durante la scrittura della sceneggiatura.  Entrambi si assicurarono che il progetto fosse accettato sotto censura. Lo scrittore Yiman Wang suggerisce che Song at Midnight non solo racconta indirettamente la fede nazionalista di sinistra, ma menziona anche lo tensione della guerra e le ansie dei cinesi alla fine degli anni ’30. Secondo Wang, il fantasma nel film era associato al terribile passato di Shanghai e di Hong Kong, che erano sotto il dominio coloniale.  

Crossroads (1937)

È un film commedia cinese del 1937 diretto da Shen Xiling, con Bai Yang e e Zhao Dan. Il film mostra la moda in espansione dei film cinesi verso la metà degli anni ’30 di integrare i riferimenti, sia velati che evidenti, alla guerra con il Giappone. La storia si svolge nella Grande Depressione degli anni ’30. Prodotto da Mingxing Film Company, il film rappresentava anche uno sviluppo di Mingxing nel mercato cinematografico di sinistra che era stato effettivamente controllato dalla sua concorrente Lianhua Film Company. Nel 2001 è stato realizzato un seguito, nonostante l’intervallo temporale di mezzo secolo, chiamato New Crossroads.  

Crossroads inizia in un molo a Shanghai, dove il laureato Xu sta prendendo in considerazione il suicidio poiché non riesce a trovare un lavoro.  Il suo amico Zhao (Zhao Dan) lo riporta al loro appartamento in affitto. Scopriamo che gli amici sono tutti disoccupati. Zhao dissuade Xu dall’idea di suicidio, chiedendogli di concentrarsi piuttosto sul suo lavoro di traduttore. Xu informa Zhao che ha deciso di raccogliere fondi per andare a trovare sua madre in campagna. Gli amici di Tang fanno la sua festa di compleanno con un quarto amico, Liu.

Gli angeli della strada (1937)

È un film cinese di sinistra del 1937 diretto da Yuan Muzhi e lanciato dalla Mingxing Film Company. Interpretato dall’importante star cinese Zhao Dan e dal famoso cantante cinese Zhou Xuan il racconto è ambientato nei quartieri fatiscenti di Shanghai, narrando le vite di una banda di derelitti del proletariato oppresso. 

Un cantante di una casa da tè, un suonatore di tromba, un venditore ambulante di carta, e una prostituta.  Mescolando elementi di film romantico, commedia e melodramma, i personaggi si trovano in una serie di svolte difficili mentre tentano di esplorare le sfide della città negli anni ’30. Lanciato nell’epoca d’oro del cinema di Shanghai, il film è considerato un’opera d’arte dell’attività della sinistra cinese. Durante un periodo di tensione nazionale all’interno del paese, si scopre che problemi come il piano economico e le controversie sulle forze armate aumentano alcuni dei problemi più gravi della Cina. Inoltre, la rappresentazione di una comunità povera nel mezzo di una città moderna è una narrazione coinvolgente di come l’innovazione abbia influenzato la Cina durante questo periodo. Essendo uno dei primi film sonori della Cina, ha anche fatto molta strada promuovendo due canzoni: “Song of the Seasons” e “The Wandering Songstress”, entrambe ancora ricordate oggi.

VAI AI FILM DA GUARDARE

Mulan Joins the Army (1939) 

È un film di guerra storico cinese del 1939. È tra i numerosi adattamenti cinematografici del racconto di Hua Mulan che consisteva in due versioni mute: Hua Mulan si unisce all’esercito (1927) della Tianyi Film Company, e  Mulan si unisce all’esercito (1928) prodotta dalla China Sun Motion Picture Company. Il film, indicato come un musical, è stato diretto da Richard Poh e vede protagonista Nancy Chanuna, una ragazza che si traveste da maschio per prendere il posto di suo padre nell’esercito. Mulan è stato realizzato durante l’occupazione giapponese della Cina. Presentato in anteprima a Shanghai per il capodanno cinese, il film finì per essere un successo proiettato in tutti i cinema di Shanghai e ha continuato ad essere sullo schermo per 85 giorni consecutivi, e il protagonista, Chen Yunshang, è diventato una celebrità. 

The Spring River Flows East (1947)

È un film epico cinese del 1947 scritto e diretto da Cai Chusheng e Zheng Junli e prodotto dalla Kunlun Film Company. È considerato uno dei film cinesi più notevoli e importanti mai realizzati prima, considerato la versione cinese di Via col vento. Gli Hong Kong Film Awards lo hanno valutato nella sua lista dei più grandi film in lingua cinese mai realizzati. Il film include 2 delle più grandi celebrità dell’epoca: Bai Yang e Shangguan Yunzhu. Il film dura più di 3 ore e contiene 2 parti, Eight War-Torn Years e Before e After the Dawn, usciti in diversi giorni dello stesso anno. 

Il film racconta le prove e le avversità di una famiglia durante e subito dopo la seconda guerra sino-giapponese. La prima parte, Otto anni dilaniati dalla guerra, racconta la storia della relazione coniugale di una giovane coppia, Sufen (Bai Yang) e Zhang Zhongliang (Tao Jin), nonché la pressione creata quando il marito  è tenuto a partire per Chungking, perdendo i contatti con i membri della famiglia a Shanghai. Il sequel racconta il ritorno di Zhang Zhongliang a Shanghai dopo una seconda relazione coniugale in una famiglia benestante in cui la sua prima povero moglie Sufen ha trovato lavoro come domestica.

Lengthy Live the Missus! (1947)

È un film cinese del 1947 indicato come uno delle migliori commedie dell’era della guerra civile.  Il film è stato diretto da Sang Hu con una sceneggiatura creata dal noto letterato cinese Eileen Chang.  Il film è stato prodotto a Shanghai dalla Wenhua Film Company e racconta in modo divertente la vita delle donne, i legami uomo-donna e le relazioni coniugali nella Shanghai degli anni ’40.

Il film è un esempio di come l’autrice Eileen Chang abbia adattato la commedia occidentale delle buone maniere per gli spettatori cinesi. Il film è stato applaudito dai critici in tutto lo Stretto di Taiwan come e considerato anche la migliore commedia cinese mai realizzata. Il successo del film fu dovuto al fatto che aveva soddisfatto i gusti del mercato di riferimento di Shanghai per il melodramma che raccontava le donne in scenari sociali e domestici.

Spring in a Small Town (1948)

È un film cinese in bianco e nero del 1948, scritto da Li Tianji e diretto da Fei Mu, un regista noto per la sua compassionevole rappresentazione delle donne. È stato prodotto e finanziato dalla Wenhua Film Company, la cui carenza di denaro all’epoca l’ha portata a creare Spring in a Small Town con un piano di budget ridotto.  Il film si concentra sulle battaglie di una coppia quando Zhang Zhichen, l’ex compagno di scuola di Liyan e, paradossalmente, l’ex amante di Yuwen, fa una visita involontaria .  

Spring in a Small Town è stato eletto il miglior film cinese mai realizzato. Mentre oggi è riconosciuto come classico, al suo lancio, il film era molto più criticato negativamente. Spring in a Small Town, a differenza dei suoi precursori di sinistra degli anni ’30, si concentrava su una storia intima con riferimenti solo sporadici alla politica nazionale dell’epoca. A causa di questa evidente assenza di basi “politiche”, il film fu rifiutata dal Partito Comunista e dalla destra. L’ambientazione del film mostra lo stato d’animo di una comunità e le loro case danneggiate. Ci sono solo 5 personaggi, e ciò crea un’atmosfera di solitudine  terribile. 

Crows and Sparrows (1949)

È un film cinese del 1949 realizzato dai Kunlun Studios di sinistra alla vigilia del trionfo comunista, diretto da Zheng Junli e sceneggiato da Chen Baichen. Notevole per la sua visione dei politici nazionalisti corrotti, il film è stato realizzato mentre il governo federale con sede a Nanjing di Chiang Kai-shek era sull’orlo del collasso, e in realtà non è stato lanciato fino a dopo l’invasione cinese. La guerra civile era già finita. Il film si svolge a Shanghai e si concentra su un gruppo di affittuari che hanno difficoltà a non essere gettati in strada a causa delle autorità corrotte per vendere i loro appartamenti.

Il film è stato il campione degli Huabiao Film Awards del 1957 per la categoria “Miglior film”, e fu interpretato da Zhao Dan, Sun Daolin, Wu Yin e anche Shangguan Yunzhu nei ruoli principali. Il titolo ha il significato metaforico di piccoli uccelli che si uniscono per allontanare un corvo più grande. La metafora dei piccoli passeri viene utilizzata per evidenziare la battaglia della gente comune contro i suoi oppressori.

Questo dramma è stato influenzato dagli eventi della guerra civile cinese. Nel 1948, la situazione politica della Cina era instabile e il Partito Comunista Cinese (PCC) stava conducendo tre battaglie significative contro il Kuomintang. Attori e artisti della Kunlun Film Company hanno rivisto una possibile sceneggiatura durante una cena, evidenziando i problemi sociali e politici degli eventi attuali. Prendendo atto del fatto che in Cina si sarebbero verificati cambiamenti sostanziali, è stato deciso che il film avrebbe sicuramente agito come un’allegoria in direzione di una nuova era.

VAI AI FILM DA GUARDARE

The Life of Wu Xun (1950) 

È un film cinese del 1950 diretto da Sun Yu e interpretato da Zhao Dan. È un film bianco e nero prodotto da Kunlun Film Studio. Racconta una vera storia di un noto personaggio di origine cinese, Wu Xun, che ha investito anni a raccogliere denaro come mendicante per creare un’istituzione gratuita per i giovani indigenti.

Dopo il lancio preliminare e nonostante l’apprezzamento di vari altri leader del Partito Comunista, Mao Zedong ha rilasciato un contenuto che ha criticato il film per come pubblicizzava fanaticamente la società feudale e ha definito il protagonista come  “leader feudale reazionario”. Mao ha anche espresso apprezzamento per il film. Il film venne definito “il primo film proibito della Nuova Cina”. All’inizio è stato ben accolto come uno dei 10 migliori film dell’anno, ma è stato rapidamente criticato dalle autorità cinesi.  È stato restaurato nel 1986.

The Unfinished Comedy (1957)

È un film cinese del 1957 diretto da Lü Ban. Questa famosa commedia è stato definito uno dei film cinesi più riusciti realizzati nei 17 anni tra il 1949 e la Rivoluzione Culturale. A causa del suo argomento discutibile, il film è stato odtacolato della censura e tenuto lontano da un pubblico più vasto, e ha anche comportato la proibizione a Lü Ban di realizzazione altri film fino alla sua morte 20 anni dopo. 

L’argomento del film era proprio la censura cinematografica e la sua autorità soffocante è ridicola attraverso il censore cinematografico soprannominato “The Bludgeon”. Il censore è cieco e sordo ma inebriato dal suo potere di prendere una decisione se il film sarà autorizzato a essere mostrato al pubblico oppure noi.  La sua satira delle autorità di censura fu accostata anche alla satirs dello stesso Partito Comunista, poiché era il Partito a sostenere l’esigenza della censura. Era in cima alla lista dei film fastidiosi, la presunta lista delle “erbacce pericolose”, ed era vietato prima del suo lancio. Chen Huangmei, un dirigente di spicco del Partito denominato “zar del cinema”, ha criticato il film in un articolo del People’s Daily, definendolo “completamente antipartitico, antisocialista e poco divertente”.

Five Golden Flowers (1959) 

È un film musicale cinese del 1959 diretto da Wang Jiayi e prodotto da Changchun Film Studio. La sceneggiatura del film è stata scritta da Zhao Jikang e da Wang Gongpu. Ambientato nella città di Dali nella provincia dello Yunnan, il film ha a che fare con un giovane di etnia Bai, Ah Peng, alla ricerca della sua amata donna Jin Hua (Fiore d’oro). Realizzato durante il Grande balzo in avanti, il film commemora l’edilizia socialista e anche la collettivizzazione agricola. La colonna sonora del film “By the Butterfly Spring”, composta dall’artista Lei Zhenbang, è stata una delle tracce popolari più conosciute in Cina.

Il film è stato prodotto e lanciato nel 1959,ed è stato esportato in 46 paesi dopo il suo lancio. Durante la Rivoluzione Culturale, è stato messo fuori legge e colpito da Jiang Qing per aver pubblicizzato il romanticismo. Nel 1978, il film è stato ripubblicato. Al secondo festival del cinema asiatico-africano al Cairo nel 1960, il film vinse il premio per il miglior regista.  Nel 2000 al Changchun Film Festival, il film ha vinto è entrato nella Top 10 dei film cinesi del secolo. Esso differisce da molti altri film perché non ha la rappresentazione della sofferenza causata dai problemi storici e la rappresentazione del Partito Comunista come soccorritore dei contadini.  

La storia si focalizza sugli individui della minoranza Bai durante il Grande Balzo in avanti e coinvolge con scene affascinanti.  Durante la Rivoluzione Culturale, il film è stato proibito a causa della sua “affascinante vitalità”, ed è stato anche identificato come “un’erba dannosa antisocialista” con feudalesimo pietista e romanticismo.

The Red Detachment of Women (1970) 

È un film cinese del 1970 ispirato dal balletto cinese con lo stesso nome creato nel 1964, che a sua volta era una versione del primo film del 1961 del regista Xie Jin.  Lo stile è ‘yangbanxi’, una versione innovativa di film drammatici). È tra le 8 versioni di dramma accettate durante la Rivoluzione Culturale. Una versione dell’Opera di Pechino è stata registrata dall’August First Film Studio nel 1972. Negli anni ’30, sull’isola di Hainan, l’eroina Wu Qinghua parte da Nan Bastian, con il sostegno di Hong Changqing, assistente del Partito Comunista.

Braking With Old Ideas (1975) 

È un film cinese del 1975 diretto da Li Wenhua. Come risultato dei disordini politici che si sono verificati, la storia del film è stata scritta secondo standard precisi per garantire una fruizione di massa.  Il film trae motivazione dai problemi per l’istruzione in Cina all’epoca, ad esempio che c’erano troppe ricerche e una tecnica sociale insufficiente. 

Nel 1958, il Partito Comunista Cinese inviò Long Guozheng (Guo Zhenqing), un laureato dell’Università militare e politica contro-giapponese, a dirigere la Jiangxi Communist Labour University.  Le componenti ancora più capitaliste del college, come l’adozione di criteri scolastici alto borghesi, e il rifiuto di accettare contadini poco istruiti incontrano il metodo comunista di Long,che avvia modifiche all’avanguardia come porre più attenzione al duro lavoro che alla classe sociale, cambiare i corsi di formazione, eliminando le aree non pratiche dal programma educativo, tenendo lezioni sul campo, e anche scusando gli alunni che mancano agli esami per aiutare il quartiere.  Successivamente, un allievo, Li Jinfeng (Wang Suya), che Long considera un grande sostenitore della “trasformazione accademica”, va incontro all’espulsione e viene perseguito. Le masse si presentano a suo nome e colpiscono coloro che seguono la linea capitalista sull’istruzione e l’apprendimento. Coloro che sono al potere seguendo la linea capitalista scelgono di conseguenza di chiudere l’università.  

Uno e otto (1983) 

È un film cinese del 1983 che racconta la storia di 8 cattivi e di un poliziotto cinese disertore dell’esercito comunista dell’Ottava Strada catturato nel bel mezzo della seconda guerra sino-giapponese.  Diretto da Zhang Junzhao, One and Eight include anche la fotografia del futuro acclamato Zhang Yimou e la star Chen Daoming. È basato su un’epopea di Guo Xiaochuan. Il film costituì una prima collaborazione tra i laureati del corso del 1982 della Beijing Film Academy, in particolare i compagni di scuola Zhang Junzhao e Zhang Yimou.

Sia Zhang Yimou che Zhang Junzhao hanno partecipato alla “Quinta generazione”, ovvero il primo gruppo significativo di registi dopo il completamento della Rivoluzione Culturale. Il film è comunemente considerato uno dei primi film a muoversi verso l’atteggiamento più creativo che è il marchio di fabbrica del cinema cinese degli anni ’80. In particolare, l’attenzione del film sull’umanesimo e sui problemi individuali ha significato un allontanamento drastico dai film propagandistici della Rivoluzione Culturale. 

VAI AI FILM DA GUARDARE

Terra gialla (1984)

È un film cinese del 1984 che narra di una giovane donna di città che resiste senza paura a indottrinamenti antiquati e cerca la libertà. È stato il lancio alla regia di Chen Kaige. La straordinaria fotografia del film è di Zhang Yimou. Al 24esimo evento degli Hong Kong Film Awards il 27 marzo 2005, è stata stilata una lista di controllo dei 100 migliori film cinesi, e Yellow Earth si trova al 4 ° posto.

È il primo film cinese dalla Liberazione Comunista del 1949, a narrare con immagini invece che con dialoghi. Il film ha suscitato un dibattito in Cina, ed è ambiguo riguardo alla capacità del Partito Comunista di assistere i contadini durante il cambiamento comunista. Il film utilizza la cinematografia del film ispirandosi all’arte cinese senza tempo, utilizzando una quantità minima di ombre, luci naturali, e un uso non prospettico dell’inquadratura. Si tratta di uno sforzo “avanguardista” di giovani cineasti cinesi della Quinta Generazione, traendo motivazione dalle alte qualità astrattiste dell’arte cinese senza tempo. 

The Black Cannon Incident (1985)

È una commedia nera cinese del 1985 che ironizza sull’amministrazione e la paura delle autorità cinesi. Prodotto da Xi’an Film Studio e diretto da Huang Jianxin, è interpretato da Gao Ming, Gerhard Olschewski e Liu Zifeng.

Il film è stato inserito fuori concorso al Festival di Cannes del 1987. Zhao Shuxin (Liu Zifeng) è un designer qualificato e interprete tedesco in un’attività mineraria.  È solitario e ha l’insolita pratica di giocare da solo a scacchi cinesi. La scacchiera e gli oggetti sono suoi amici intimi e lo accompagnano da molti anni. Alla fine, quando Zhao torna da un viaggio in compagnia, si accorge che tra i suoi oggetti degli scacchi non c’è più il cannone nero. Nonostante le forti piogge, si precipita immediatamente all’ufficio postale e invia anche un telegramma al resort in cui era rimasto in precedenza, che dice “Cannone nero mancante. 301. Ricerca. Zhao.”, chiedendo l’assistenza del resort per cercare  per l’oggetto nella Stanza 301.

Sorgo rosso (1988)

È un film cinese del 1988 sulla vita di una ragazza che lavora in una distilleria di alcol di sorgo. Si basa sulle prime 2 parti del romanzo Sorgo rosso del premio Nobel Mo Yan. Il film è il lancio alla regia del regista di fama mondiale Zhang Yimou, e il lancio della celebrità del cinema Gong Li. Con la sua rappresentazione potente e sontuosa della vita contadina, ha rapidamente portato Zhang al vertice dei registi della quinta generazione. Il film ha vinto l’Orso d’Oro al Festival di Berlino. 

Il film è ambientato in una cittadina di campagna nel distretto orientale cinese dello Shandong durante la seconda guerra sino-giapponese. È raccontato dal punto di vista del nipote del protagonista, che ripensa a sua nonna, Jiu’er. Era una donna inadeguata che è stata obbligata dai suoi genitori a sposare un vecchio, Li Datou, che aveva una distilleria di vino bianco di sorgo e che aveva la lebbra. Al suo lancio, Red Sorghum ha accumulato onori in tutto il mondo, vincendo l’ambito Orso d’Oro al Festival Internazionale del Cinema di Berlino del 1988. C’è una potenza nella semplicità di questo racconto, nell’alta qualità fantasiosa delle sue immagini e nella sorprendente rapidità della sua violenza. 

Ju Dou (1990)

È un film del 1990 diretto da Zhang Yimou e Yang Fengliang e interpretato da Gong Li. È stato girato in un abbagliante Technicolor molto tempo dopo che la procedura di lavorazione era stata abbandonata negli Stati Uniti. È stato inoltre il primo film cinese ad essere scelto per un Academy Award per il miglior film in lingua straniera, nel 1990. Il film è una tragedia, incentrata sul personaggio di Ju Dou, una splendida ragazza che è stata offerta come moglie a Jinshan, un vecchio tintore di tessuti. Il film è stato bandito per un paio d’anni in Cina, ma la restrizione fu poi abolita.

Il racconto deriva dal romanzo Fuxi, Fuxi di Liu Heng. Ju Dou si ambienta all’inizio del XX secolo nella campagna della Cina.  Yang Tianqing (Li Baotian) sta tornando da una spedizione al mercato della seta per suo zio adottivo, Yang Jinshan (Li Wei).  Jinshan, la cui professione è colorare i tessuti, ed è noto per la sua spietatezza.  Dopo il ritorno di Tianqing, un altro dipendente viene licenziato da Jinshan.  Mentre va via il dipendente informa Tianqing che Jinshan ha recentemente preso una nuova moglie. 

Lanterne rosse (1990)

È un film del 1991 diretto da Zhang Yimou e interpretato anche da Gong Li. È un adattamento del romanzo del 1990 Raise the Red Lantern di Su Tong. Il film è stato successivamente adattato in un famoso balletto con lo stesso titolo dal National Ballet of China, diretto anche da Zhang.

Ambientato negli anni ’20, il film racconta la storia di una ragazza che si trasforma in una delle cortigiane di un uomo ricco durante l’era dei signori della guerra. È noto per le sue immagini lussuose e anche per i bellissimi colori. Il film è stato girato nel Qiao Family Compound vicino alla vecchia città di Pingyao, nella provincia dello Shanxi. La sceneggiatura del film è stata autorizzata dalla censura cinese, l’ultima versione del film è stata proibita in Cina per un certo periodo. C’è stato un piccolo numero di recensioni sfavorevoli ma Il film è stato classificato tra i 100 migliori film del cinema mondiale. 

La storia di Qiu Ju (1992)

È una commedia drammatica cinese del 1992. Il film è stato diretto da Zhang Yimou e, come nella maggior parte dei suoi film, interpretato fa Gong Li nel ruolo della protagonista. La sceneggiatura del film è un adattamento del romanzo di Chen Yuanbin The Wan Family’s Lawsuit. 

Il film racconta la storia di una contadina, Qiu Ju, che vive in una foresta della Cina.  Quando sua moglie viene picchiata dal capo della città, Qiu Ju, nonostante la sua maternità, fa un viaggio in una comunità vicina, e in seguito in una grande città per prendersi cura delle sue ferite. Il film è stato scelto come rappresentante cinese per il miglior film in lingua straniera ai 65 ° Academy Awards, ma è stato rifiutato come candidato. Il film è stato un successo nei festival cinematografici e ha vinto il Leone d’oro al Festival del cinema di Venezia nel 1992.

Addio mia concubina (1993)

È un film storico cinese del 1993 diretto da Chen Kaige, con Leslie Cheung, Gong Li e Zhang Fengyi. Adattato per lo schermo da Lu Wei il film è basato sul romanzo di Lilian Lee e ambientato in una Cina politicamente travagliata del XX secolo, dai primissimi giorni della Repubblica di Cina alle conseguenze della Rivoluzione Culturale. Narra la difficile collaborazione tra due star dell’opera di Pechino e gli amici di lunga data Cheng Dieyi (Cheung) e Duan Xiaolou (Zhang), e la moglie di Xiaolou, Juxian (Gong).

I temi del film sono l’identità e i confini oscuri tra il mondo reale e il palcoscenico, rappresentato falla star dell’opera Dieyi, il cui amore non corrisposto per Xiaolou continua per tutta la storia.  Per attirare il pubblico mondiale, la cultura cinese e l’Opera di Pechino vengono inseriti nella trama mentre l’omosessualità, i problemi etici e le perversioni private vengono tenute sullo sfondo. Ci sono anche i problemi sociali e politici nella Cina del XX secolo, che è tipica del cinema cinese di quinta generazione.

Il film ha ottenuto recensioni generalmente favorevoli e ha vinto la Palma d’Oro al Festival di Cannes del 1993, diventando il primo film in lingua cinese a vincere il premio. Ha vinto anche un Golden Globe per il miglior film in lingua straniera e anche un BAFTA per il miglior film non in lingua inglese, oltre a ottenere 2 candidature al 66 ° Academy Awards per la migliore fotografia e anche per il miglior film in lingua straniera.

Un paio di settimane dopo il suo lancio in Cina, il film è stato proibito a meno che non fossero state apportate modifiche significative. Pur consentendo una proiezione a Pechino ma vietando il lancio in altre città, il governo federale ha contestato la rappresentazione dell’omosessualità, il suicidio di un protagonista e una sintesi del caos durante l’era comunista in Cina. Il film è stato autorizzato a tornare alle proiezioni pubbliche nel settembre 1993, meno di un anno dopo il suo lancio iniziale.  Al suo ritorno la censura cinese aveva operato innumerevoli tagli, eliminando 14 minuti. Il film ha portato l’interesse mondiale per i registi cinematografici cinesi.

VAI AI FILM DA GUARDARE

The Days (1993)

È il lancio alla regia del regista Wang Xiaoshuai nel 1993. Girati interamente in bianco e nero, The Days segue la vita di Dong, interpretato dalla star e musicista Liu Xiaodong, e Chun (Yu Hong), musicisti sposati che si sono recentemente diplomati al Beijing Art Institute. Vivendo miseramente nella speranza di guadagnare abbastanza soldi dal proprio lavoro, diventa presto evidente a tutti, tranne che a se stessi, che la loro relazione coniugale inizia a vacillare. Il primo film di Wang dopo aver terminato la Beijing Film Academy nel 1989, The Days è stato girato con un piano di budget di meno di $ 10.000, con riprese durante le pause del fine settimana con gli amici di Wang che interpretavano i ruoli principali.

Film indipendente realizzato oltre il sistema cinematografico statale, The Days è stato inserito nella lista nera al suo lancio dal Chinese Film Bureau. Sul fronte internazionale, tuttavia, il film è stato visto sotto una luce diversa. Cavalcando il successo del cinema cinese all’estero all’epoca, il minuscolo film indipendente di Wang Xiaoshuai era un indicatore molto precoce che un nuovo cinema cinese stava iniziando a sostituire quello vecchio.  The Days è stato selezionato in una serie di eventi cinematografici, in particolare Rotterdam e Berlino; ha vinto l’Alexander d’Oro al Festival Internazionale del Film di Salonicco del 1995 e un premio come miglior regista per Wang al Festival del Cinema di Taormina del 1995. The Days è stato anche scelto come uno dei 100 migliori film di sempre dalla BBC. 

Nonostante i suoi successi festivalieri, The Days non aveva distribuzione in gran parte nei mercati europei. Molti spettatori ebbero la possibilità di vedere The Days non nei cinema, ma in televisione. Come molti film underground, tuttavia, The Days non è mai stato lanciato nella Repubblica di Cina, nemmeno in televisione. Poiché il film era stato mostrato in numerosi festival cinematografici internazionali senza autorizzazione, il Film Bureau ha inserito nella lista nera Wang impedendogli di realizzare nuovi film. 

The Postman (1995)

È un film cinese in mandarino del 1995 diretto da He Jianjun.  È la storia di un postino interpretato da Feng Yuanzheng che legge di nascosto le lettere delle persone che deve consegnare.  Il film fa parte del movimento di sesta generazione cinese. In occidente il film è stato molto apprezzato.  Rispetto alla maggior parte dei film molto più raffinati originati dalla Cina durante la metà degli anni ’90, come Temptress Moon (1996) di Chen Kaige o To Live (1994) di Zhang Yimou e Raise the Red Lantern (1991), Postman è stato un immagine  moderna della Cina. Il film fa parte della promettente attività della sesta generazione iniziata con Zhang Yuan, Wang Xiaoshuai e altri. Oggi Postman è considerato uno dei lavori più interessanti degli anni ‘90, uno dei film più vitali e trasgressivi nella sua rappresentazione dell’omosessualità, dell’uso di droghe e dell’infedeltà.

East Palace, West Palace (1996)

È un film cinese del 1996 diretto da Zhang Yuan, con Hu Jun e Si Han, e anch’esso basato su una storia dell’autore Wang Xiaobo, ed è il primo film della Cina continentale con uno stile chiaramente omosessuale. Il titolo del film deriva da entrambi i parchi vicino alla Città Proibita: il Palazzo Est e anche il Palazzo Ovest. Entrambi i parchi, in particolare i loro bagni pubblici, sono famosi per incontri omosessuali a Pechino. In Cina l’omosessualità non è proibita, eppure gli omosessuali sono costantemente maltrattati dalla polizia e anche arrestati per “teppismo”. Il film si concentra su un giovane scrittore gay di nome A-Lan che, arrestato da un giovane poliziotto di nome Xiao Shi, che viene incarcerato e interrogato per un’intera notte. La sua storia di vita che racconta durante le indagini mostra la soppressione della cultura cinese. 

Xiao Wu (1997)

È un film cinese del 1997 e anche la prima regia di Jia Zhangke. Con Wang Hongwei nel ruolo del protagonista oltre a Hao Hongjian e Zuo Baitao, è stato girato a Fenyang, la città natale di Jia, in 16 mm. In una comunità rurale minuscola, sporca e povera che cerca di contrastare il crimine nel 1997, mentre avviene il trasferimento della sovranità su Hong Kong, Xiao Wu fa parte di una squadra di borseggiatori, la maggior parte dei quali sono diventati commercianti. Uno di loro si sta sposando e sceglie di non invitare al matrimonio il vecchio amico Xiao Wu. Vaga, infelice, ma non prende iniziative per cambiare. Incontra una prostituta a cui piace, ma lei lo lascia quando trova un altro uomo. Vede la sua povera famiglia di contadini, ma finisce per scontrarsi con i suoi genitori e affermare che non tornerà mai più. 

Mentre era un allievo a metà degli anni ’90, Jia Zhangke ha continuato a essere un membro dell’importante Beijing Film Academy cinese. Mentre era ancora al college, Jia ha diretto il cortometraggio Xiao Shan Going Home che a un certo punto è stato in grado di distribuire all’estero, vincendo il premio principale agli Hong Kong Independent Short Film & Video Awards del 1997. Questo successo ha portato Jia a entrare in contatto con il direttore della fotografia Yu Lik-wai e con il produttore Li Kit Ming. Con il loro aiuto, Jia è stato in grado di realizzare il film Xiao Wu, che sarebbe diventato il suo primo lungometraggio. Xiao Wu è stato realizzato con un piccolo budget di $ 50.000.

The Opium War (1997)

È un film epico storico cinese del 1997 diretto da Xie Jin. Vincitore del Gallo d’oro nel 1997 e del Premio dei cento fiori nel 1998 per il miglior film, il film è stato selezionati in numerosi eventi cinematografici in tutto il mondo, in particolare a Cannes e a Montreal. Il film racconta la storia della prima guerra dell’oppio del 1839-1842, che fu combattuta tra l’Impero Qing della Cina e l’Impero britannico.

A differenza di molti dei suoi contemporanei, questo film cinese è stato fortemente sostenuto dall’amministrazione statale. Nonostante il suo chiaro messaggio politico. Al momento del suo lancio, con un budget di 15 milioni di dollari, era uno dei film più costosi prodotti in Cina. La storia del capo della dinastia Qing Lin Zexu e la sua lotta contro l’espansionismo britannico è ambientata all’inizio del 1838 durante le fasi iniziali della disputa che sarebbe diventata la guerra dell’oppio. 

Lin Zexu viene inviato a Guangzhou per porre fine alla commercializzazione di massa di oppio alla popolazione da parte dell’impero britannico. Il rappresentante dei britannici Eliot arriva in Cina per mediare un provvedimento in cui l’oppio sarebbe stato scaricato in mare. Questa azione non piace ai politici di Londra che inviano un’enorme potenza di fuoco per assaltare i porti della Cina.

Platform (2000)

È un film cinese del 2000 scritto e diretto da Jia Zhangke. Il film è ambientato nella piccola città di Fenyang, nel distretto di Shanxi, in Cina, dalla fine degli anni ’70 all’inizio degli anni ’90. La storia racconta di un gruppo di artisti ventenni che cercano di adattarsi alla società e ai propri cambiamenti individuali. Il dialogo è una miscela di lingue locali, soprattutto cinese Jin e mandarino. Il film ha raccolto negli anni grandi elogi da parte dei critici dal suo lancio, ed è definito tra i migliori film degli anni 2000.  

Evil ones on the Doorstep (2000)

È un film di guerra e commedia nera cinese del 2000 diretto, co-scritto e prodotto da Jiang Wen, con lo stesso Jiang, Kagawa Teruyuki, Yuan Ding e Jiang Hongbo. Girato in bianco e nero per imitare i vecchi film di guerra, il film è stato presentato in anteprima al Festival di Cannes del 2000 il 12 maggio, dove ha vinto il Grand Prix. All’inizio non era consentito proiettare il film nelle sale cinematografiche della Cina nativa, ma poi è stato reso disponibile.

La storia si svolge in una piccola città remota chiamata Gujiatai vicino a Shanhaiguan, Hebei, alla fine della Guerra di Resistenza contro il Giappone. Una sera, un ragazzo porta 2 schiavi nei sacchi (il soldato giapponese Teruyuki e anche il traduttore Dong Hanchen) alla porta d’ingresso della residenza di un contadino (Ma Dasan) per mantenerli finché non torna a prenderli alla Vigilia di Capodanno. L’intera città si trova in una situazione difficile su cosa fare con entrambi i detenuti.

Il film è ispirato dal romanzo Survival di You Fengwei, notevolmente modificato durante il processo di adattamento. Questo film ha accantonato lo stile della resistenza contro l’ostilità giapponese delle prime opere letterarie per concentrarsi sui temi della mancanza di conoscenza dei contadini e dell’assurdità della guerra. Non è un film di battaglia anti-giapponese. La letteratura cinese ed i film tradizionali hanno criticato l’aggressore e considerato la popolazione cinese come vittima. Jiang desiderava che il film illuminasse la tipica qualità emotiva umana di condannare gli altri per una catastrofe che supera l’appartenenza cinese.

Le biciclette di Pechino (2001)

È un film cinese del 2001 del regista cinese della sesta generazione Wang Xiaoshuai.  Il film è interpretato dagli attori debuttanti Cui Lin e Li Bin. È stato presentato in anteprima al Festival internazionale del cinema di Berlino il 17 febbraio 2001 e ha vinto anche il Gran Premio della giuria, ma alla fine è stato bandito nella Cina continentale.

La storia si concentra su un bambino di diciassette anni Guei (Cui) della campagna che va a Pechino per cercare lavoro. Trova un lavoro con un’azienda di spedizioni, che gli fornisce una bicicletta che però gli viene rubata. All’altra estremità della città, Jian (Li) è uno scolaretto che acquista la bici rubata di Guei da un mercato dell’usato. Quando la ricerca di Guei porta i due ragazzi ad incontrarsi, viene messo in discussione qualcosa di più del possesso della bicicletta.  Il film Esplora il mondo giovanile insieme a una serie di problemi sociali, tra cui il comportamento scorretto dei giovani, il furto con scasso, e il contrasto tra le zone rurali e quelle urbane.

VAI AI FILM DA GUARDARE

Unknown Pleasures (2002)

È un film cinese del 2002 diretto da Jia Zhangke, con Wu Qiong, Zhao Weiwei e Zhao Tao nei panni di 3 giovani che risiedono a Datong nel 2001, parte della nuova generazione “Birth Control”.  Alimentati da una dieta coerente della cultura pop, sia cinese che occidentale, i personaggi del film rappresentano un tipo nuovo di individui nella Repubblica Popolare Cinese, separati dalla realtà con lo spettacolo dei media e del web.

Il film è stato in competizione per la Palma d’Oro al Festival di Cannes del 2002, vinto poi da Roman Polanski per Il pianista. È il terzo lungometraggio di Jia dopo Xiao Wu del 1997 e Platform degli anni 2000, e in alcuni casi è considerato l’ultimo film di una trilogia su una Cina in trasformazione. 

Blind Shaft ( 2003)

È un film del 2003 su un gruppo di imbroglioni nelle miniere di carbone proibite della Cina settentrionale contemporanea. Il film è stato scritto e diretto da Li Yang ed è basato sul racconto Shen Mu (Bosco sacro) dell’autore cinese Liu Qingbang. La maggior parte delle miniere di carbone in Cina sono gestite da lavoratori migranti che sono tenuti a sopportare operazioni pericolose e faticose per inviare denaro a casa.

Track Jinming (interpretato da Li Yixiang) e Tang Zhaoyang (Wang Shuangbao) sono imbroglioni esperti, ed eseguono una truffa. Trovano un uomo ingenuo in cerca di lavoro e lo convincono che hanno preparato 3 proficue attività di estrazione del carbone con un membro della famiglia.  Il familiare in realtà non è arrivato in tempo lasciando l’opportunità del lavoro. Dopo un paio di giorni di lavoro nella miniera, uccidono la vittima e, facendo sembrare l’omicidio un incidente, utilizzano la sua morte per ottenere denaro dal monitoraggio della miniera.

The World (2004)

È un film cinese del 2004 diretto e scritto da Jia Zhangke sul lavoro e la vita di molti giovani che si trasferiscono dalla campagna in un parco divertimenti.  Interpretato dalla musa di Jia, Zhao Tao, insieme a Cheng Taishen, The World è stato girato in un vero parco di divertimenti situato a Pechino, il Beijing World Park, che ricrea luoghi della Terra a distanze ridotte per i viaggiatori cinesi. The World presenta nuove tecnologie moderne come telescopi a gettoni, videocamere elettroniche, telefoni cellulari e soluzioni elettroniche nel parco dei divertimenti come dispositivi turistici per circumnavigare il globo, evidenziando la globalizzazione. The World è stato il primo film di Jia ad ottenere l’autorizzazione dal governo federale cinese. Il film è stato presentato in anteprima al Festival del cinema di Venezia del 2004 il 4 settembre 2004, Non è riuscito a vincere il Leone d’oro, che è andato al film di Mike Leigh Vera Drake,

Still Life (2006)

È un film cinese del 2006 diretto da Jia Zhangke. Girato nella città vecchia di Fengjie, un villaggio sul fiume Yangtze che viene danneggiato dalla struttura della Diga delle Tre Gole, Still Life racconta la storia di 2 individui che cercano di trovare i loro partner.   Il film è stato presentato in anteprima al Festival del cinema di Venezia del 2006 ed è stato vincitore del Leone d’oro per il miglior film. Come The World, il film precedente di Jia Zhangke, Still Life è stato approvato dalle autorità cinesi ed è stato distribuito senza censure sia in Cina che all’estero. La stampa cinese, dopo aver visto il suo successo, ha anche offerto al film e al suo regista una buona copertura assicurativa sui media. Il film è stato eletto il terzo miglior film degli ultimi anni in uno studio della Cinematheque del Toronto International Film Festival, composta da 60 professionisti del cinema provenienti da tutto il mondo.

The Founding of a Republic (2009)

È un film storico cinese prodotto nel 2009 per celebrare il 60° anniversario della Repubblica di Cina ed è stata realizzato per rappresentare gli ultimi anni della rivoluzione comunista cinese alla fine della seconda guerra sino-giapponese (1937-1945).  Questo film è stato co-diretto da Huang Jianxin e Han Sanping, ed il cast è composto da molte star famose come Andy Lau, Ge You, oltre a vari altri registi come Jiang Wen e Chen Kaige. I principali personaggi principali Mao Zedong e Chiang Kai-shek sono stati interpretati da star molto illustri, Tang Guoqiang e Zhang Guoli. Uno degli obiettivi di questo film, oltre a rievocare gli eventi della rivoluzione comunista cinese, era anche quello di portare un pubblico più giovane per guardare i film incentrati sulla pubblicità del governo federale, che intendono ottenere includendo star famose che sarebbero sicuramente  attirare l’attenzione dei giovani. È il primo film zhuxuanlu, cioè propaganda, a funzionare solo con approcci audiovisivi cinematografici per raggiungere i suoi obiettivi ideologici e politici. Questo film è stato distribuito il 16 settembre 2009, nella Cina continentale e durante il suo lancio ha avuto un’incredibile quantità di sostegno da parte del Partito Comunista.

Il tocco del peccato (2013)

È un film a episodi cinese del 2013 diretto da Jia Zhangke e interpretato da Jiang Wu, Wang Baoqiang, Luo Lanshan e anche Zhao Tao, moglie di Jia. Il film include 4 tableau liberamente interconnessi ambientati in luoghi geografici e sociali molto diversi in tutta la Cina contemporanea, basati su eventi attuali e attingendo anche da racconti wuxia e opera cinese. È stato scelto per la Palma d’oro al Festival di Cannes 2013, con Jia che ha vinto per la migliore sceneggiatura. Il film contiene 4 storie interconnesse che vengono mostrate in ordine cronologico. 

Al di là delle montagne (2015) 

È un film cinese in lingua mandarina del 2015 e anche l’ottavo lungometraggio diretto da Jia Zhangke. Ha partecipato per la Palma d’Oro al Festival di Cannes 2015  ed è stato scelto nella sezione area Presentazioni speciali del Toronto International Film Festival 2015. Si tratta di un’opera mistica ed emozionante di un regista il cui pensiero creativo si sviluppa sempre di più, un lavoro appassionato intriso di un umanesimo profondo. 

Nel 1999 Fenyang, Tao, proprietaria di un negozio di 25 anni, si trova in un triangolo amoroso tra Liangzi, un lavoratore in una miniera di carbone che prova sentimenti non corrisposte per lei, e Jinsheng, un ricco proprietario di una stazione di servizio che, nonostante lei sia cattiva e arrogante, la desidera. Tao che rivela l’amore per Jinsheng innesca una battaglia tra i suoi 2 corteggiatori. Tao e Jinsheng decidono di sposarsi.  Liangzi, sentendosi davvero incapace di mantenere una relazione platonica con Tao, abbandona il luogo.

The Founding of an Army (2017)

È un film cinese storico del 2017 prodotto dalla China Film Group Corporation per celebrare il 90° anniversario dell’inizio dell’Esercito di liberazione. Scritto da Han Sanping e diretto da Andrew Lau, è la terza installazione della trilogia Founding of New China, oltre a The Founding of a Republic (2009) e The Founding of a Party (2011). Il film include famosi attori stelle cinesi. È stato lanciato il 28 luglio 2017, in occasione del 90° anniversario dell’inizio dell’Esercito di liberazione. La storia inizia nel 1927 all’inizio della rivolta di Nanchang. 

I figli del fiume giallo (2018)

È un film cinese del 2018 diretto da Jia Zhangke. È stato scelto per la competizione per la Palma d’oro al Festival di Cannes 2018. Il racconto è liberamente basato sul capo di una banda degli anni dell’infanzia di Jia Zhangke, che aveva apprezzato come buon esempio. Jia dà un’altra occhiata agli stili conosciuti pur rimanendo ad osservare la cultura cinese moderna con un occhio attento. Il tema del sacrificio di sé è del perdono viene raccontato sullo sfondo della crescita della Cina. 

An Elephant Sitting Still (2018)

È un film cinese del 2018 scritto, diretto e montato da Hu Bo. Il primo e unico lungometraggio del romanziere diventato regista Hu, scomparso per suicidio non molto tempo dopo aver completato il suo film il 12 ottobre 2017 all’età di 29 anni, è basato su un racconto con lo stesso  stesso titolo dal suo romanzo Huge Crack del 2017, riguardante 4 persone che fanno un viaggio in una città della Cina settentrionale per vedere l’omonimo elefante. Ha fatto la sua serata di apertura nell’area Forum del 68° Festival Internazionale del Cinema di Berlino. Il film ha ricevuto elogi da registi affermati come Béla Tarr, Wang Bing, Ang Lee e Gus Van Sant.

Béla Tarr ha presentato il film al pubblico mondiale, ed ha affermato aver fatto troppo poco per evitare il suicidio del suo allievo, e che attraverso il suo meraviglioso film sarebbe stato ricordato in modo permanente. Un esordio alla regia eccezionale che sfortunatamente funziona come l’epitaffio del suo creatore, il film fornisce un quadro senza compromessi cupo ma emozionante della vita nella Cina contemporanea. Sebbene il film abbia un scene drammatiche, morti premature, incidenti deplorevoli, aggressioni ingiustificate, il racconto non perde mai  la sua sensazione di equilibrio. Si tratta di una vibrante analisi sociopolitica e di un intimo ritratto umano. 

Lengthy, My Son (2019) 

È un film cinese del 2019 diretto da Wang Xiaoshuai. È stato scelto per contendersi l’Orso d’Oro al 69° Festival Internazionale del Cinema di Berlino. Alla celebrazione, il film ha vinto entrambi i principali premi di recitazione, con Wang Jingchun e Yong Mei che hanno vinto l’Orso d’argento come miglior attore e attrice. Il film racconta la storia di due membri della famiglia da più di trent’anni: Liu Yaojun, Wang Liyun e il loro figlio Liu Xing (“Xingxing”) insieme a Shen Yingming, Li Haiyan e il loro figlio Shen Hao (”  Haohao’). Haohao e Xingxing sono nati lo stesso giorno. Entrambi i membri della famiglia erano inizialmente vicini e operavano anche nello stesso impianto di produzione, ma finirono per essere separati negli anni ’80. Si tratta di un dramma straziante all’ interno di una famiglia durante la trasformazione della Cina contemporanea.

Centinaia di film e documentari selezionati senza limiti

Nuovi film ogni settimana. Guarda su qualsiasi dispositivo, senza nessuna pubblicità. Annulla in qualsiasi momento.
error: Content is protected !!

Indiecinema Film Festival 2022

Indiecinema Film Festival 2022

Dal 5 Dicembre al 31 gennaio guarda in streaming la selezione dei film in concorso: cortometraggi, documentari e film indipendenti da tutto il mondo