fbpx

I migliori film sul carcere da vedere

Indiecinema Film Festival 2022

Dal 5 al 26 dicembre guarda i film del festival in streaming: una numerosa selezione dei migliori film indipendenti inediti da tutto il mondo.

Indice dei contenuti

I film sul carcere sono un filone di film che racconta la vita in prigione e in genere i tentativi di fuga dalla prigione. In questo genere ci sono anche film da vedere assolutamente come A Man Escape di Robert Bresson, tra i migliori capolavori di sempre. I film sul carcere attraversano vari generi: da film drammatici che analizzano la natura delle carceri a film d’azione come fino a commedie divertenti. Le storie dei film sul carcere consistono in tentativi di fuga, attività di gang all’interno della prigione, sforzi di colpevoli accusati erroneamente per mostrare la loro innocenza e spietatezza delle guardie e dei carcerieri. Esiste un intero sottogenere di film in cui i detenuti partecipano a incontri di boxe o incontri di arti marziali su cui avvengono scommesse. I film sulla prigione ambientati durante la guerra sono finiti per essere un sottogenere popolare denominato “film sui prigionieri di guerra”. I film sul carcere sono un filone cinematografico molto prolifico iniziato negli anni 40 che ha continuato a sfornare film interessanti nel corso del tempo.

film-sul-carcere

Le ali della libertà (1994)

Nel 1947, Andy Dufresne viene ritenuto colpevole di aver ucciso la moglie e il suo amante è punito con 2 ergastoli nella prigione statale di Shawshank. Fa amicizia con Ellis “Red” Redding, un prigioniero e trafficante di contrabbando che sconta l’ergastolo, che ottiene un martello e un grande poster di Rita Hayworth per Andy.   Incaricato di prestare servizio nella lavanderia delle carceri, Andy viene spesso aggredito sessualmente. Dopo 25 anni dal lancio di “The Shawshank Redemption”, un film sulla fuga dalla prigione basato sul romanzo di Stephen King del 1982 “Rita Hayworth and also Shawshank Redemption”, esso rimane tra i migliori film sulla prigione.

Forza bruta (1947) 

In una mattina buia e tempestosa nella prigione di Westgate, i detenuti sono stati infilati in una piccola cella per vedere dalla finestra Joe Collins che torna dal suo mandato in arresto in isolamento. Joe è arrabbiato e parla di fuga. Il direttore è sotto pressione per rafforzare la sicurezza del carcere.  Il suo collaboratore, il capitano Munsey, è un sadico che usa i detenuti per metterli uno contro l’altro e per creare problemi in modo da poterli punire. 

Un film noir del 1947 ambientato nella prigione di Westgate, “Brute Force” è interpretato da Burt Lancaster. Diretto da Jules Dassin e scritto da Richard Brooks, il film racconta i fatti spietati del sistema carcerario americano negli anni ’40, ed ha continuato ad essere di sconcertante attualità per oltre 30 anni. 

Un condannato a morte è fuggito (1956)

A Lione nel 1943 Fontaine, membro della Resistenza francese, salta fuori dal veicolo che lo sta portando al carcere di Montluc. Viene immediatamente catturato e i suoi rapitori tedeschi lo ammanettano, lo picchiano e lo rinchiudono. Durante la sua permanenza in prigione, Fontaine sente regolarmente sparare mentre vengono uccisi altri prigionieri. Inizialmente, Fontaine è posizionato in una cella al piano terra di Montluc. Interagisce con il suo vicino di cella picchiettando sul muro ed è spesso in grado di parlare con Terry, un membro di un piccolo gruppo che è in grado di allenarsi in un cortile non sorvegliato, dalla sua finestra. Terry porta le lettere di Fontaine alla sua famiglia e ai superiori della Resistenza e gli procura una spilla da balia in modo che possa aprire le sue manette.

E’ un film francese di evasione dal carcere del 1956 diretto da Robert Bresson. Si basa su un racconto di André Devigny, un membro della Resistenza francese che fu tenuto nella prigione di Montluc durante la seconda guerra mondiale dai tedeschi. Il film è stato in concorso al Festival di Cannes del 1957, ed è tra i capolavori di Bresson. Bresson ha vinto il premio come miglior regista al Festival di Cannes del 1957. A Man Escape è una lezione di rigore cinematografico assoluto e tra i migliori film di tutti i tempi

L’uomo di Alcatraz (1962) 

Robert Stroud è rinchiuso da ragazzo per aver commesso un omicidio in Alaska. Si rivela un prigioniero ribelle, in lotta contro un rigido sistema carcerario: mentre viene spostato in treno con vari altri detenuti, rompe la finestra per permettere ai prigionieri soffocati di prendere fiato. Entra in conflitto con Harvey Shoemaker, direttore della prigione di Leavenworth. Mentre è dietro le sbarre, Stroud scopre che sua madre ha tentato di vederlo, ma è stata rifiutata.  In collera, aggredisce una guardia, pugnalandola a morte.  Stroud viene punito con la pena di morte, tuttavia sua madre riesce a trasformare la sua condanna in ergastolo.  La sentenza richiede che venga messo in cella di isolamento per il resto della sua vita.

Il film sulla prigione del 1962 “Birdman of Alcatraz” mostra il personaggio principale Robert Stroud, interpretato da Burt Lancaster, un assassino colpevole che ha passato gran parte della sua vita nella prigione di Leavenworth del Kansas. Oltre a diventare uno studioso di uccelli per ammazzare il tempo, Stroud, un tempo ribelle, finisce per essere un prigioniero con una buona condotta per tutta la sua condanna a vita, e la sua vicenda ha conosciuto la popolarità dopo che una biografia sulla sua vita è stata scritta. Karl Malden, Thelma Ritter, Telly Savalas, Neville Brand e anche Betty Field sono i co-protagonisti di questo famoso film drammatico, che ha ottenuto 4 nom8nation all’Oscar.

La grande fuga (1963)

Alla fine del 1942 gli eserciti nazisti tedeschi trasferiscono molti prigionieri a Stalag Luft III, un nuovissimo campo di prigionieri di guerra di massima sicurezza gestito dal colonnello della Luftwaffe  von Luger.  Il consiglio di ritiro dei detenuti, l’Organizzazione “X”, guidata da “Big X”, il capo dello squadrone della RAF Roger Bartlett, un ex detenuto della Gestapo, e con l’assistenza dell’anziano poliziotto britannico Capitano del gruppo Ramsey, elabora una strategia avventurosa per la fuga dalla prigione.  Gli uomini si organizzano direttamente in gruppi, lavorando allo stesso tempo con 3 passaggi vie di fuga. 

Steve McQueen guida un cast stellare che comprende anche James Garner, Richard Attenborough, Charles Bronson, Donald Pleasence e James Coburn in “The Great Escape”, un film sulla fuga dalla prigione ambientato nella seconda guerra mondiale e basato sul l’omonimo libro di saggistica di Paul Brickhill del 1950. Il film è in parte romanzato, la pubblicazione è un resoconto della vera fuga di massa di vari prigionieri britannici di battaglia dal campo di prigionia tedesco di Stalag Luft III nel 1944. Diretto da John Sturges, “The Great Escape” è un film classico apprezzato sia dalla critica che dal pubblico nel corso dei decenni.

Nick mano fredda (1967) 

All’inizio degli anni ’50 in Florida, il reduce della seconda guerra mondiale Lucas “Luke” Jackson viene incarcerato per atti di vandalismo commessi una sera in cui era ubriaco. Viene punito con 2 anni di carcere in un campo di prigionia gestito da un guardiano chiamato il Capitano. Il carceriere informa i nuovi detenuti delle regole. Anche le piccole infrazioni sono punite mettendo i prigionieri in un piccolo cubicolo di legno nel prato del carcere con poca aria e pochissimo spazio per muoversi.

Paul Newman ha avuto una lunga e prestigiosa carriera cinematografica: tra i suoi film più leggendari c’è il dramma carcerario del 1967 “Cool Hand Luke”. Newman interpreta Lucas “Luke” Jackson, un uomo che viene incarcerato per atti di vandalismo. Grazie al ruolo di Newman, a una sceneggiatura elegante e a scene di culto girate in maniera magistrale, “Cool Hand Luke” ha vinto 4 Oscar ed è stato sempre molto amato dalla critica.

Papillon (1973) 

Henri Charrière (Steve McQueen), è uno scassinatore soprannominato “Papillon” per via del tatuaggio di una farfalla sulla parte superiore del corpo.  Nel 1933 in Francia, viene ritenuto erroneamente colpevole di aver ucciso un omicidio ed è punito con l’ergastolo all’interno del carcere della Guyana francese. Durante il viaggio, incontra un tizio, Louis Dega (Dustin Hoffman), un famigerato falsario.  Resistendo alle paure della vita in un campo di prigionia, entrambi alla fine finiscono per essere amici.

Creato da Dalton Trumbo e interpretato da Steve McQueen e Dustin Hoffman, “Papillon” è la storia dei tentativi di 2 ragazzi per scappare di prigione nella Guiana francese. Film molto costoso, “Papillon” guadagna anche più di 53 milioni di dollari al botteghino. McQueen ha ottenuto una nomination ai Golden Globe per il ruolo di Henri Charriere, il detenuto soprannominato Papillon. È sicuramente un classico dei film sul carcere conosciuto da tantissimi spettatori. 

Quella sporca ultima meta (1974 )

Un ex giocatore di football professionista di nome Paul “Wrecking” Crewe abbandona la sua amata Melissa a Palm Beach, in Florida. Dopo aver preso la sua Citroën SM con motore Maserati senza approvazione ed essere stato catturato dalla polizia in un inseguimento, Crewe viene punito con 18 mesi nella prigione statale. Il direttore, Rudolph Hazen, è un fanatico del football che gestisce un gruppo semi-professionista.  Desidera che Crewe lo aiuti ad allenare il gruppo.  Crewe alla fine accetta di giocare e crea un gruppo carcerario.

Il divertente “The Longest Yard” del 1974 è stato rifatto 3 volte, ma nessuno dei sequel è paragonabile al primo film. Interpretato da Burt Reynolds, Il co-protagonista Eddie Albert, Ed Lauter e Bernadette Peter’s, insieme ai veri giocatori della NFL Ray Nitschke, Mike Henry, Jim Nicholson e  Ray Ogden, “The Longest Yard” è stato elogiato e ha anche vinto il Golden Globe per il miglior film ed è stato menzionato  all’Oscar.

Fuga di mezzanotte (1978) 

In vacanza a Istanbul, in Turchia, nel 1970, lo studente universitario americano Billy Hayes si lega 2 kg di hashish alla parte superiore del corpo.  Mentre si imbarca su un aereo per tornare negli Stati Uniti, Billy viene arrestato dalle autorità turche, che sono in allerta per attacchi terroristici. Billy dichiara di aver acquisito l’hashish da un automobilista di taxi e provvede anche ad aiutare le autorità a trovarlo per essere rilasciato. In un mercato vicino, Billy segnala il tassista ai poliziotti, che lo arrestano, ma non hanno intenzione di rilasciare Billy.

Nel 1970, lo studente universitario americano Billy Hayes fu incarcerato in Turchia per aver tentato di contrabbandare 2 chili di hashish. Punito a 4 anni, Hayes è stato in seguito condannato 30 anni, ed ha fatto molti tentativi di fuga dalla sua prigione turca. La storia di Hayes è stata narrata nel libro del 1977 “Midnight Express”, che è stata adattato da Oliver Stone e diretta da Alan Parker, con Brad Davis che interpretava Hayes.

Fuga da Alcatraz (1979) 

All’inizio del 1960 Frank Morris, un criminale astuto che è fuggito da varie prigioni raggiunge la prigione di massima sicurezza sull’isola di Alcatraz. Il direttore lo istruisce brevemente sul fatto che Alcatraz è speciale all’interno del sistema carcerario degli Stati Uniti per il suo grado di protezione estremamente elevato e che nessun prigioniero è mai riuscito a scappare. Nei giorni successivi Morris fa la conoscenza di un paio di prigionieri: l’eccentrico Litmus, che adora i dolcetti;  English, un prigioniero nero che sconta 2 ergastoli per aver ucciso 2 uomini bianchi per legittima difesa, e l’anziano Doc, che dipinge quadri. 

Con un piano elaborato i 3 prigionieri fuggono del penitenziario federale di Alcatraz nel 1962 attraverso le gelide acque della baia di San Francisco. I loro corpi non sono mai stati recuperati molte persone pensano che Frank Morris, John Anglin e Clarence Anglin siano stati gli unici a scappare dalla prigione dell’isola. Nel 1979, Clint Eastwood, Fred Ward e Jack Thibeau hanno interpretato i 3 prigionieri in “Fuga da Alcatraz” diretto da Don Siegel, un grande classico dei film sulla prigione. 

Brubaker (1980)

Nel 1969, Henry Brubaker arriva nella prigione statale di Wakefield in Arkansas camuffato da prigioniero. È immediatamente testimone di abusi e corruzione diffusi, costituiti da aggressioni sessuali, abusi, cibo infetto da vermi, truffe. Ad un certo punto Brubaker rivela di essere il nuovo direttore della prigione. Brubaker cerca di riformare il carcere, con un occhio di riguardo ai diritti umani, scontrandosi spesso con le autorità corrotte del carcere. 

Assume detenuti di lunga data, tra cui i fidati Larry Lee Bullen, Richard “Dickie” Coombes e il precedente impiegato del direttore Purcell per aiutarlo con la riforma. Influenzato dallo scandalo della prigione dell’Arkansas del 1967, “Brubaker” ha ottenuto una menzione per la migliore sceneggiatura originale agli Academy Awards, sebbene in realtà fosse basato sul libro del 1969 “Complices to the Crime”.

Nessuno ci può fermare (1980)

La promettente star Harry Monroe (Pryor) sta lavorando come cameriere tuttavia viene licenziato quando i cuochi utilizzano inavvertitamente la sua scorta di cannabis come origano durante una cena. Il suo amico, il drammaturgo Skip Donahue (Wilder), lavora come investigatore di un negozio quando crede di vedere una popolare attrice che ruba e la sua accusa lo fa licenziare. Skip, l’ottimista dei due, convince Harry che hanno bisogno di fare un viaggio in California. Lasciano New York City in un camper Dodge malconcio, svolgendo lavoretti precari lungo la strada. Essi finiscono per commettere un furto con scasso in una banca e vengono condannati a 125 anni di reclusione. Entrambi i personaggi sono ancora coinvolti in molte difficoltà dietro le sbarre in questo commedia sul carcere del 1980 diretto da Sidney Poitier che ha incassato più di 100 milioni di dollari solo negli Stati Uniti, più di qualsiasi altro film diretto da un afroamericano fino a quel momento.

Bad Boys (1983)

Mick O’Brien è un ruffiano irlandese-americano di 16 anni di Chicago. La maggior parte delle attività criminali di Mick include rubare borse, atti di vandalismo e aggressioni, tuttavia desidera cose più grandi. Lo sforzo di Mick di truffare il suo concorrente portoricano, Paco Moreno, va storto, facendo sì che il partner di Mick e l’amico Carl vengano eliminati, e Mick investe involontariamente ed uccide il fratello di otto anni di Paco quando tenta di fuggire dalla polizia. 

Mick viene mandato al carcere minorile di Rainford. La maggior parte delle guardie sono solo degli esecutori tranne Ramon Herrera che nutre speranze per alcuni prigionieri, in particolare Mick. Il film sul carcere del 1983 diretto da Rick Rosenthal ha ottenuto l’apprezzamento dei critici, in particolare per il ruolo di Sean Penn interpretato quando l’attore aveva 23 anni.

Il bacio della donna ragno (1985)

Il film è incentrato su una relazione tra 2 persone estremamente diverse che condividono una cella in Brasile durante la dittatura militare brasiliana: Valentin Arregui, che viene mandato in prigione dopo eseere stato torturato, a causa delle sue attività per conto di un gruppo sovversivo di sinistra, e Luis Molina, un omosessuale effeminato in carcere per aver violentato un minorenne. Molina ammazza il tempo tra i ricordi dei suoi film preferiti, un thriller romantico in tempo di guerra che è anche un film di propaganda nazista. Racconta la trama del film per confortare Valentin e distoglierlo dalla dura realtà del carcere. Valentin motiva Molina ad avere autostima e lo istruisce sulla politica. Indipendentemente dal fatto che Valentin a volte si arrabbi con Molina per le sue visioni superficiali, tra i due si stabilisce una relazione.

Basato sull’omonimo libro di Manuel Puig del 1976, “Il bacio della donna ragno” il cast include William Hurt, Raul Julia e Sonia Braga, ed è stato diretto dal regista brasiliano Héctor Babenco. Un film sul carcere, una storia di trasformazione, amore e crimine in una prigione brasiliana, “Kiss of the Spider Woman” ha ottenuto buone recensioni, e William Hurt ha ricevuto un Oscar come miglior attore e un BAFTA per il ruolo del prigioniero transgender Luis Molina. Inoltre, questo dramma ha vinto l’Oscar per il miglior film, miglior regista e migliore sceneggiatura non originale.

American Me (1992)

Il film ritrae 30 anni di vita di una gang messicana a Los Angeles. La storia si apre con una giovane coppia latina Esperanza e Pedro Santana che subisce discriminazioni dai marinai. Pedro viene portato in strada e picchiato insieme ad altri latinoamericani con i vestiti strappati, mentre Esperanza viene violentata in gruppo dai marinai. La storia continua anni dopo, nel 1959, e si concentra sul figlio maggiore della famiglia Santana Montoya, un adolescente che forma una banda. Si ritrovano a commettere crimini e vengono arrestati.

“American Me” non è una rappresentazione realistica del potere della mafia messicana nel sistema carcerario della California negli anni ’50 e anche ’60. E’ la storia di Montoya Santana, un giovane di Los Angeles che crea una gang che gli ruba gran parte della vita. Edward James Olmos interpreta il protagonista e dirige il film, che è stato selezionato al festival di Cannes ma è stato un fallimento al botteghino.

Nel nome del padre (1993)

A Belfast, Gerry Conlon viene arrestato erroneamente dalle forze di sicurezza britanniche come cecchino e perseguitato fino allo scoppio di una rivolta. Gerry viene mandato a Londra da suo padre per fermare una rappresaglia nei suoi confronti. Una notte, Gerry rapina una donna. Mentre si droga in un parco con il suo amico Paul Hill, insieme al senzatetto irlandese Charlie Burke, si verifica una rivolta a Guildford, in cui vengono uccisi 4 e un civile, oltre a causare molti feriti. Tornato a Belfast molto tempo dopo, Gerry viene incarcerato con l’accusa di terrorismo e viene portato in aereo nel Regno, dove lui e il suo amico Paul subiscono abusi delle autorità durante l’interrogatorio.

“In the Name of the Father” racconta i fatti realmente accaduti su persone che sono state erroneamente incarcerate per gli attentati IRA di 2 bar di Guildford, in Inghilterra, nel 1974. Il film ha ottenuto 7 candidature per l’Oscar: Miglior film, Miglior regista (Jim Sheridan), Miglior attore (Daniel Day-Lewis ), Miglior attore non protagonista (Pete Postlethwaite) e Miglior attrice non protagonista (Emma Thompson).

Dead Man Walking (1995)

Matthew Poncelet, condannato a morte per l’omicidio di una coppia di adolescenti, è nel braccio della morte nel penitenziario statale della Louisiana da 6 anni. Poncelet chiede a suor Helen Prejean, con la quale ha avuto una corrispondenza, di assisterlo con un ultimo appello. Helen sceglie di andare da Poncelet, che è presuntuoso, razzista e sessista, e non finge nemmeno di provare rimorso. Incoraggiando un abile avvocato a gestire il caso di Poncelet, Helen tenta di fargli ottenere una condanna all’ergastolo invece della pena di morte. Dopo molte visite, sviluppa una relazione con lui. Allo stesso tempo, conosce la madre di Poncelet, Lucille, e le famiglie delle due vittime. Le famiglie delle vittime non comprendono gli sforzi di suor Helen per assistere Poncelet. Preferiscono la “giustizia assoluta”, cioè la sua vita per quella dei loro figli.

“Dead Man Walking” è uno dei più famosi film sul carcere ed ha vinto 4 l’Oscar, tra cui una vittoria come migliore attrice per Susan Sarandon, una nomination come miglior attore per Sean Penn e come miglior regista per Tim Robbins. Il film ha guadagnato oltre $ 80 milioni e ha avuto ottime recensioni.

Sleepers (1996 )

Lorenzo “Shakes” Carcaterra, Tommy Marcano, Michael Sullivan e John Reilly sono giovani amici che risiedono a Hell’s Kitchen negli anni ’60. Papà “Bobby” Carillo, il loro parroco e lui stesso un giovane criminale in passato, cerca di insegnare loro a distinguere tra il bene dal male. I ragazzi iniziano a fare piccoli crimini per il gangster locale King Benny. Nell’estate del 1967, i 4 ragazzi prendono un carrello degli hotdog, che fanno rotolare involontariamente giù per le scale della metropolitana, ferendo gravemente un uomo anziano. Sono tutti condannati a scontare la pena presso la Wilkinson Home for Boys nello stato di New York. Durante la loro detenzione sono continuamente oggetto di aggressioni sessuali e abusi da parte dei capi delle guardie Sean Nokes, Henry Addison, Ralph Ferguson e Adam Styler.

” Sleepers ” è un film sul carcere che racconta gli abusi di 4 ragazzini da parte delle guardie di un riformatorio per giovani. Brad Pitt, Jason Patric, Billy Crudup e anche Ron Eldard interpretano i ragazzini da adulti, che cercano vendetta sulle guardie, con Kevin Bacon, Robert De Niro , Dustin Hoffman e Minnie Driver che compaiono in ruoli secondari. “Sleepers” ha guadagnato $ 165 milioni al box office, ha ottenuto recensioni generalmente favorevoli.

American History X (1998)

Il tirocinante del liceo Danny Vinyard infastidisce il suo istruttore di storia ebreo Murray scegliendo di scrivere un saggio sulle libertà civili sul Mein Kampf. Il preside afroamericano e il dottor Bob Sweeney informano Danny che sarà espulso. Il primo scritto di Danny è un articolo su suo fratello maggiore Derek, un ex tirocinante di Sweeney ed ex leader neonazista che viene rilasciato dal carcere proprio quel giorno. Anni prima, il padre di Danny e Derek, un vigile del fuoco, è stato colpito ed ucciso da uno spacciatore di colore mentre spegneva un incendio a casa loro. Subito dopo la sua morte, Derek fa una dichiarazione razzista in un’intervista televisiva. Il famoso suprematista bianco Cameron Alexander finisce per essere l’allenatore di Derek e formano la loro violenta banda di suprematisti bianchi chiamata Discepoli di Cristo (DOC) a Venice Beach. Un giocatore di basket competente, Derek prende il controllo dei tribunali lovali e organizza un attacco a un negozio di alimentari che impiega immigrati messicani illegali.

In “American History X” la vicenda di Derek (Edward Norton) mentre è incarcerato è un fattore essenziale della storia del 1998. Edward Furlong, Elliott Gould, Stacy Keach, Beverly D’Angelo, Ethan Suplee e Fairuza Balk completano il cast. Norton ha ottenuto molto apprezzamento per il suo ruolo di un ex suprematista bianco e ha anche vinto un Oscar come miglior attore.

Il miglio verde (1999)

In una casa assistita della Louisiana nel 1999, l’anziano Paul Edgecomb si emoziona mentre vede il film Stovepipe hat. La sua amica Elaine si preoccupa per lui e Paul le dice che il film gli ha portato alla mente momenti passati che ha vissuto quando era un ufficiale nel braccio della morte del penitenziario di Cold Mountain, soprannominato “The Green Mile”. Nel 1935, Paul gestisce gli ufficiali di correzione Brutus “Brutal” Howell, Dean Stanton, Harry Terwilliger e Percy Wetmore. Percy, il nipote della moglie del governatore dello stato, mostra una carattere pervertito, tuttavia si nasconde dietro i suoi legami familiari per evitare di essere ritenuto responsabile; è particolarmente violento nei confronti del detenuto Eduard Delacroix, rompendogli le dita ed uccidendo il suo topo animale.

Stephen King ha una propensione a scrivere racconti e film sul carcere: anche il film onirico del 1999 “The Green Mile” racconta i prigionieri come vittime in un carcere della Louisiana. Tom Hanks, Michael Clarke Duncan, Sam Rockwell, James Cromwell, David Morse, Bonnie Hunt, Harry Dean Stanton, Barry Pepper e anche Gary Sinise sono gli attori del cast di questo film nominato all’Oscar per il miglior film, il miglior attore non protagonista (Duncan), Miglior sceneggiatura e miglior suono. 

Animal Factory (2000)

Ron Decker (Edward Furlong), rampollo di famiglia borghese, viene arrestato per detenzione di stupefacenti. In prigione egli attira le simpatie di Earl Copen (Willem Dafoe), che gli dà una mano a superare il terribile impatto con il carcere. Ma Ron, poco prima del processo, viene stuprato da un altro detenuto e per vendetta lo accoltella insieme a Earl. Quando gli eventi vengono scoperti egli viene ritenuto pericoloso e viene incarcerato per 5 anni.

Steve Buscemi dirige questo film sul carcere ambientato a San Quentin intitolato “Animal Factory”. Buscemi ha messo insieme un grande cast: Willem Dafoe, Edward Furlong, Danny Trejo, John Heard, Mickey Rourke e Tom Arnold. Il film ha incassato solo $ 43.805 ma è stato apprezzato dalla critica cinematografica.

Colpo di fulmine – Il mago della truffa (2009)

“I Love You Phillip Morris” non è propriamente un film sul carcere ma una bizzarra commedia nera riguardante un uomo chiamato Steven (Jim Carrey) che lascia la sua fidanzata e si trasferisce a Miami, dove vive una vita nuova da gay e si guadagna da vivere come imbroglione. Alla fine finisce in prigione e si innamora di un detenuto di nome Phillip Morris (Ewan McGregor) e trascorre il resto del film cercando di far uscire Phillip di prigione. “I Love You Phillip Morris” non ha avuto molto successo ma è stato comunque elogiato sia dal pubblico che dalla critica, con la performance di Carrey citata come uno dei suoi migliori ruoli.

Cesare deve morire (Caesar Must Die, 2012)

Lo spettacolo teatrale del Giulio Cesare di Shakespeare è giunto al termine e gli attori sono ricompensati con applausi entusiasti. Le luci si spengono; gli attori lasciano il palco e tornano nelle loro celle. Sono tutti prigionieri del carcere di massima sicurezza romano Rebibbia. Qualcuno di loro pensa malinconico: “da quando ho scoperto l’arte, questa cella ha davvero finito per essere una prigione”. I registi Paolo e Vittorio Taviani hanno investito 6 mesi seguendo le prove di questa produzione all’interno del carcere; il loro film mostra come l’universalità del linguaggio di Shakespeare aiuti i detenuti a confrontarsi con il tradimento, il potere, la violenza e la disonestà.

Cesare deve morire è un docufiction drammatico italiano ambientato in carcere del 2012 diretto da Paolo e Vittorio Taviani. Il film è stato in concorso al 62esimo Festival Internazionale del Cinema di Berlino dove ha vinto l’Orso d’Oro. Il film è ambientato nel Carcere di Rebibbia a Roma, e segue i detenuti nelle prove di uno spettacolo teatrale su Giulio Cesare. Il film fa uso di veri detenuti, ed è girato in bianco e nero. Si tratta di un film profondamente umanista che fonde lieve umorismo e approfondimento psicologico. Paolo Taviani ha affermato di sperare che anche un detenuto con una condanna terribile, anche con l’ergastolo, è e rimane un essere umano. 

Centinaia di film e documentari selezionati senza limiti

Nuovi film ogni settimana. Guarda su qualsiasi dispositivo, senza nessuna pubblicità. Annulla in qualsiasi momento.
error: Content is protected !!

Indiecinema Film Festival 2022

Indiecinema Film Festival 2022

Dal 5 al 26 Dicembre guarda in streaming la selezione dei film in concorso: cortometraggi, documentari e film indipendenti da tutto il mondo