Guarda film indipendenti e cult selezionati

Vai oltre i film proposti dalle solite piattaforme commerciali. Guarda centinaia di film indipendenti e d'autore rari, cult e documentari introvabili selezionati da tutto il mondo.

I film erotici italiani da vedere

Indice dei contenuti

I film erotici italiani comprendono numerosi sottogeneri: dramma erotico, thriller erotici, commedie erotiche, film di formazione, film romantici erotici, ed altri. Un film pornografico, d’altra parte, è un film di sesso che in genere non dichiara alcun tipo di valore creativo, si propone solo la stimolazione legata al sesso, e sono definiti film per adulti. La commedia sexy italiana è una tipologia di film erotico italiano che deriva direttamente dalla commedia all’italiana. Il genere, nato alla fine degli anni Sessanta, ebbe un ottimo successo in Italia e in Sud America per circa un anno, per poi calare a partire dal 1982-1983.

film-erotici-italiani

I film erotici italiani ed i film della commedia sexy all’italiana ebbero innumerevoli fan e ottimi guadagni al botteghino. I film della commedia sexy, che vedevano protagonisti comici come Lino Banfi, Lando Buzzanca, Renzo Montagnani, Carlo Giuffré, Aldo Maccione, Mario Carotenuto, Alvaro Vitali, Gianfranco D’Angelo, Enzo Cannavale e anche Bombolo, furono presi in considerazione come cult movie, grazie ad una divertente rappresentazione sui costumi erotici e sessuali degli italiani. Il modello è nato grazie all’idea di alcuni noti produttori del momento, tra cui Luciano Martino, considerato tra i creatori del genere.

La commedia sexy italiana ha alcune caratteristiche che la distinguono dagli altri film erotici italiani: un mix di divertimento e nudità femminile. All’epoca rappresentava qualcosa di ingegnoso nel cinema, con la moda della Rivoluzione Sessuale in cui si inserisce l’attraente comico italiano. I film erotici italiani della commedia sexy sono stati per lo più creati per poter guadagnare il più possibile accontentando le esigenze di spettatori uomini, attratti da scene di nudo ed allusioni sessuali. 

VAI AI FILM DA GUARDARE

Vedo nudo (1969 )

È un film erotico e commedia all’italiana del 1969 diretto da Dino Risi. Nino Manfredi interpreta 7 personaggi diversi. Il film rappresenta l’ultima collaborazione tra Manfredi e Risi, dopo Operazione San Gennaro e Straziami ma di baci saziami. Per questo film a Manfredi è stato assegnato un David di Donatello come miglior protagonista. Vedo Nudo ha ottenuto un notevole successo commerciale, ed è stato seguito anche da due successivi film dello stesso genere, entrambi diretti da Risi.

Iscriviti

La monaca di Monza (1969)

È un film erotico italiano del 1969 diretto da Eriprando Visconti. È liberamente ispirato a Marianna de Leyva, chiamata “La monaca di Monza”, la cui storia vera è stata resa nota dal celebre romanzo I promessi sposi di Alessandro Manzoni. Virginia, una signora costretta a diventare una religiosa dai suoi genitori, diventa madre superiora del convento in cui si trova nel nord Italia. Quando il direttore del convento decide di trattenere un ricercato criminale per nasconderlo, lei si innamora di lui e iniziano ad avere rapporti sessuali.

VAI AI FILM DA GUARDARE

Venere in pelliccia (1969)

È un film erotico italiano del 1969 diretto da Massimo Dallamano. Basato sul romanzo Venus in Furs di Leopold von Sacher-Masoch, il film è stato lanciato per la prima volta nel 1969 in Germania. In Italia il film non ha superato l’esame della censura a causa delle scene di sesso ritenute troppo forti e tutte le iniziative per rimuovere i limiti di censura, con molte varianti di riduzione, non hanno avuto successo.

Il film è stato finalmente pubblicato nel 1973, ma anche questa versione ridotta è stata rapidamente ritirata un paio di giorni dopo il lancio. Nel 1975 il film uscì finalmente nelle sale cinematografiche italiane, in una versione che fu fortemente censurata e ridotta durante il montaggio. Con scene nuove girate da Paolo Heusch, il film è stato trasformato in un film giallo. Il nuovo titolo è stato un riferimento per il successo dell’attrice Laura Antonelli in Malizia (1973)

Il Decameron (1971)

È un film erotico italiano a episodi del 1971 scritto e diretto da Pier Paolo Pasolini, basato su I racconti del ‘300 di Giovanni Boccaccio. È il primo film della trilogia della vita di Pasolini, gli altri sono I racconti di Canterbury, Le mille e Una notte. Ogni film è un adattamento di una serie di lavori classici di opere letterarie. I racconti hanno molta nudità, sesso, farsa ep umorismo scatologico. L’obiettivo di Pasolini non era quello di ricreare i personaggi di Boccaccio, ma di raccontare il mondo moderno attraverso l’uso simbolico dei temi esistenti nei racconti. I racconti sono ambientati nell’Italia meridionale e fanno uso della lingua napoletana. Essi sono un affresco dello sfruttamento dell’area più povera da parte delle località più ricche del nord Italia.

Il film è arrivato al 21° Festival Internazionale del Cinema di Berlino, dove ha vinto l’Orso d’argento. Nonostante il successo e anche l’apprezzamento di questo film, Pasolini era infastidito dai numerosi tagli di censura. Pensava a questi come un affronto al messaggio anticapitalista. 2 interi racconti sono stati eliminati dal film: il mito di Girolamo e Salvestra e il mito di Rustico e Alibech. Pasolini ha rimosso Girolamo perché riteneva che fosse un racconto debole e ha anche ridotto la sequenza di Alibech perché intendeva mantenere i paesaggi dello Yemen per il suo film successivo Mille e una notte, il terzo film della sua Trilogia della vita. Il film è stato il 3° film di maggior incasso in Italia nel 1971 con 11.167.557 spettatori. È stato il 21° film di tutti tempi in Italia ed è attualmente al 25° posto.

Ultimo tango a Parigi (1972)

È un film erotico italiano drammatico del 1972 diretto da Bernardo Bertolucci. Il film è interpretato da Marlon Brando, Maria Schneider e Jean-Pierre Léaud, e racconta di un americano vedovo che inizia una relazione sessuale con una giovane donna parigina. Il film è stato presentato in anteprima al New York Film Festival il 14 ottobre 1972 e ha incassato 36 milioni di dollari nel suo lancio nelle sale statunitensi, diventando così il settimo film di maggior incasso del 1973.

La scabrosa rappresentazione del sesso nel film e il tumulto emotivo dei personaggi hanno causato un dibattito internazionale e hanno anche portato a diversi livelli di censura del governo in numerose nazioni. In Italia, il film è stato lanciato il 15 dicembre 1972, guadagnando $ 100.000 in 6 giorni. Una settimana dopo, tuttavia, gli agenti di polizia hanno sequestrato tutti i duplicati del procuratore distrettuale, che ha definito il film un porno, e il regista è stato perseguito. Il film è stato bloccato dalla Corte di Cassazione italiana, che ha approvato la distruzione di tutte le copie in circolazione. A Bertolucci è stata data una condanna a quattro mesi dietro le sbarre e le sue libertà civili sono state ostacolate per 5 anni.

VAI AI FILM DA GUARDARE

Malizia (1973)

È un film erotico italiano del 1973 scritto e diretto da Salvatore Samperi, con gli attori Laura Antonelli, Turi Ferro e Alessandro Momo. Il film racconta del desiderio sessuale di un vedovo e anche dei suoi tre figli per la loro nuova badante. Ai Nastri d’Argento, Antonelli e anche Ferro hanno vinto anche il premio per la Miglior Attrice e il Miglior Attore non Protagonista. Il film ha partecipato al 23° Festival Internazionale del Cinema di Berlino.

Dopo la morte della moglie, un papà di tre figli (di 18, 14 e 6 anni) incontra un’affascinante giovane cameriera di nome Angela, e con lei inizia un’avventura sensuale. Anche i suoi figli sono eccitati da Angela, ognuno cerca modi per vedere suo corpo nudo. A un certo punto il giovane Nino la ricatta, imponendole le sue perversioni.

Emanuelle nera (1975)

È un film erotico italiano del 1975 diretto da Bitto Albertini. Questo film della serie Africana è stato girato principalmente in Kenya. Le musiche sono state composte da Nico Fidenco. Black Emanuelle è stato seguito da una serie di follow-up, tutti focalizzati sui viaggi legati al sesso di Mae Jordan (interpretata da Laura Gemser), una giornalista investigativa sexy e giramondo e fotografa professionista denominata “Emanuelle”, una donna indipendente, sessualmente affamata, costantemente alla ricerca di ricchi giovani e anziani bianchi al potere.

La giornalista e fotografa professionista Mae Jordan (Laura Gemser) svolge il suo lavoro sotto il nome di Emanuelle. Incontra una coppia che è cresciuta a Nairobi e inizia una relazione sessuale con entrambi. Insieme le mostrano le usanze del paese e l’amore.

Le Monache di Sant’Arcangelo (1973)

È un film erotico italiano del 1973 diretto da Domenico Paolella. L’azione è ambientata nel XVI secolo nel convento di Sant’Arcangelo, presso Napoli, poi sotto dominio spagnolo. Il successo del film fa uscire proprio nello stesso anno un altro lungometraggio di Paolella, Storia di una religiosa di clausura, coproduzione italo-francese-tedesca con Eleonora Giorgi. I rapporti sui titoli di coda affermano che il film è “basato su fatti reali del XVI secolo e su un racconto di Stendhal”, L’Abbesse de Castro (1832) di Stendhal

La storia racconta del potere e degli intrighi legati al sesso di un gruppo di attraenti religiose del Convento di Sant’Arcangelo, nonché delle macchinazioni di Suor Julia mentre tenta, per quanto possibile, di prendere il posto della Madre Superiora morta. Le donne religiose combattono con i loro voti di celibato, alcune si dedicano a rapporti lesbici mentre altre accolgono segretamente uomini nelle loro celle. Una chiesa corrotta desidera guadagnare denaro da un pagamento al Convento prima di iniziare un’inquisizione.

Saloon Kitty (1976)

È un film erotico italiano del 1976 diretto da Tinto Brass. Il film è stato coprodotto da Italia, Francia e Germania Ovest. È basato sull’omonimo racconto di Peter Norden, che racconta gli eventi della vita di Salon Kitty, dove il Sicherheitsdienst prese il controllo di un bordello a Berlino, scambiando tutte le donne con spie esperte, al fine di raccogliere informazioni sui membri del partito nazista. È considerato tra i capostipiti del genere Nazisploitation. Il film mostra le perversioni il più rapidamente possibile, e la caratterizzazione dei personaggi è abbastanza assurda.

VAI AI FILM DA GUARDARE

Immagini in un convento (1979)

È un film erotico del 1979 diretto da Joe D’Amato con Paola Senatore, Marina Hedman e anche Donald Obrien. Il film proviene dal sottogenere “nunsploitation”. Ha scene di violenza che si collegano al genere di film sull’esorcismo ed è uno dei primi film per adulti hardcore che ha superato la censura italiana nel 1979. Il film ha scene lesbiche e cunnilingus.

In un convento di clausura, la sera le religiose partecipano a spettacoli a sfondo sessuale, preoccupate che la loro Madre Superiora possa scoprire la loro disobbedienza. Un uomo ferito si presenta al convento e le religiose lo ricevono e si alternano anche per soddisfarlo per tutta la notte. A loro insaputa, anche Satana è entrato nel convento e sta trasformando le religiose in peccatrici. Un esorcista viene inviato al convento per combattere Satana e recuperare la dedizione spirituale.

Suor Omicidi (1979)

È un film erotico dell’orrore italiano del 1979 diretto e anche co-scritto da Giulio Berruti, co-scritto da Alberto Tarallo, e interpretato da Anita Ekberg, Joe Dallesandro, Lou Castel e Alida Valli. La sua storia racconta di una donna religiosa che, dopo essersi ripresa da una terapia chirurgica del cervello, va in preda alla paura e inizia a consumare oppioidi e sviluppa dipendenza e disturbo con effetti terribili. Il film è liberamente basato sulla storia vera di Cécile Bombeek, una religiosa di mezza età che ha commesso una serie di efferati delitti in un ospedale universitario per anziani a Wetteren, in Belgio, nel 1977.

A differenza di altri esempi nella categoria, che di solito si ambientano in epoche medievali o rinascimentali, questo film si svolge nei nei tempi moderni e non ha critiche sociali relative al compito delle suore all’interno della Chiesa. Nel Regno Unito è stato indicato come film che può avere un’influenza distruttiva sugli spettatori.

Malabimba (1979)

È un film erotico italiano del 1979 diretto da Andrea Bianchi. Una seduta spiritica viene tenuta nel castello di una famiglia benestante per entrare in contatto con lo spirito di una ragazza che era stata assassinata. Lo spirito di Lucrezia, capostipite della famiglia, viene evocato durante la seduta. Lucrezia cerca di impossessarsi dello spirito della sorella Sofia, che è rimasta nel castello per accudire il paralitico Adolfo, proprietario del castello insieme al fratello Andrea, amico della donna uccisa. Non avendo successo con il corpo dell’adolescente Bimba entra piuttosto nel corpo della figlia di Andrea che fino a quel momento aveva condotto una vita regolare.

Le pratiche di Bimba cambiano in modo significativo e cresce in lei la malvagia sessualità dello spirito di Lucrezia. Il parente, preoccupato, lascia la donna in cura a suor Sofia. Il sodalizio tra Bimba e suor Sofia cresce e tra loro nasce anche una passione carnale. In realtà Bimba, comandata dallo spirito di Lucrezia, trascina sessualmente la religiosa in una spirale di dissolutezza.

Caligula (1979)

È un film erotico italiano e film storico del 1979 incentrato sull’imperatore romano Caligola. Il film è interpretato da Malcolm McDowell nel ruolo del protagonista, insieme a Teresa Ann Savoy, Helen Mirren, Peter O’Toole, John Steiner e John Gielgud. Il produttore Bob Guccione, il proprietario della pubblicazione Penthouse, intendeva creare una serie di lungometraggi sensuali con alti valori di produzione e star. Gore Vidal ha dato il suggerimento per un film sull’imperatore romano e ha anche creato una bozza della sceneggiatura del film con il titolo Gore Vidal’s Caligula. Tuttavia, il regista, Tinto Brass, ha trasformato completamente la sceneggiatura iniziale del film di Vidal, portando Vidal a rinnegare il film. L’ultima sceneggiatura del film si concentra sul concetto che “il potere assoluto danneggia definitivamente”.  I produttori non hanno permesso a Brass di modificare il film e ne hanno anche alterato notevolmente il tono e lo stile, comprese scene di sesso non simulate tra cui Penthouse Pets come aggiunte girate in post-produzione da Guccione e Giancarlo Lui. Brass aveva rifiutato di filmare quelle scene.

Così fan tutte (1992)

È un film erotico italiano del 1992 diretto da Tinto Brass e interpretato da Claudia Koll.  È liberamente basato sull’opera Mozart/da Ponte Così fan tutte. Diana (Claudia Koll) è una donna romana felicemente sposata con Paolo (Paolo Lanza), ma le piace giocare a giochi di seduzione con altri uomini mentre resiste alle avances del proprietario del negozio di biancheria intima alla moda Silvio (Renzo Rinaldi) mentre lei  racconta le sue avventure a Paolo per migliorare la loro altrimenti noiosa vita sessuale. Sotto l’influsso della sua amica lesbica Antonietta (Isabella Deiana) e della volgare sorella Nadia (Ornella Marcucci), Diana inizia a ricollocare meglio gli avvenimenti mentre Paolo pensa che gli eventi da lei raccontati siano solo sogni.  Quando il francese sadico Donatien Alphonse (Franco Branciaroli) lascia dei segni sul suo corpo, Paolo capisce che Diana lo sta tradendo e la butta fuori di casa.  Diana poi cerca altre avventure sessuali, mentre lei e Paolo riesaminano la natura della sessualità e della monogamia, e anche il loro futuro come coppia.

VAI AI FILM DA GUARDARE

Iscriviti

Paprika (1991)

È un film erotico italiano del 1991 diretto da Tinto Brass. Il film è liberamente tratto dal romanzo Fanny Hill di John Cleland, uscito per la prima volta nel 1748. Nel 1958, mentre viene approvata la Legge Merlin che rende illegali i bordelli, Mimma (Debora Caprioglio), una giovane donna di campagna, coinvolge la comunità e sceglie  a lavorare come prostituta per aiutare il suo fidanzato a ottenere i soldi per iniziare la propria attività, e viene le viene dato il nome Paprika a casa di Madame Collette (Martine Brochard). Non appena il suo fidanzato la tradisce, Mimma abbandona le sue passioni iniziali e decide di cercare un’occupazione come prostituta.  Allo stesso tempo, perde ogni tipo di immagine positiva di sé e stima di sé, eppure a un certo punto scopre la redenzione, la ricchezza, ed il suo vero amore.

Monella (1998) 

È un film erotico italiano del 1998 diretta da Tinto Brass. Lola (Anna Ammirati) è la figlia adolescente della vedova Zaira (Serena Grandi) che vive in una minuscola comunità padana negli anni ’50. Ha una relazione con il giovane Masetto (Max Parodi), che crede nella verginità delle donne prima del matrimonio. Stanno per sposarsi, ma lei è particolarmente interessata al sesso, e anche manipolata dagli imbrogli del suo libertino patrigno André (Patrick Mower). 

Tra(sgre)dire (2000)

È un film erotico italiano del 2000 diretto da Tinto Brass, con Yuliya Mayarchuk in testa. Particolari somiglianze si riscontrano in Nerosubianco (1969), un altro film di Tinto Brass ambientato a Londra.  A Londra, l’attraente veneziana Carla Burin (Yuliya Mayarchuk) è una tirocinante alla reception di un resort. Sta cercando di trovare una casa per permettere al suo compagno Matteo (Jarno Berardi) di raggiungerla lì. L’agente immobiliare, Moira (Francesca Nunzi), che è bisessuale, le affitta un loft con vista sul Tamigi.  Quando l’irritabile e geloso Matteo trova una foto di Carla nuda e lettere del suo ex amante francese Bernard (Mauro Lorenz), Carla e Matteo litigano al telefono.  Arrabbiata con Matteo, Carla fa sesso Co  Moira. Matteo, determinato, va a Londra, dove scopre Moira nuda nell’appartamento di Carla. Accusa Carla di tutti i suoi precedenti adulteri e rifiuta anche la fellatio su di lui prima di andarsene.

Picture of Indiecinema

Indiecinema