fbpx

16 Film horror spagnoli da vedere assolutamente

Indiecinema Film Festival 2022

Dal 5 al 26 dicembre guarda i film del festival in streaming: una numerosa selezione dei migliori film indipendenti inediti da tutto il mondo.

Indice dei contenuti

Alcuni dei film horror spagnoli più creativi, stimolanti e decisamente spaventosi hanno arricchito lo scenario dei migliori film da vedere. Essi provengono dalle menti di scrittori e registi spagnoli, i cui lavori hanno davvero goduto di una piccola rinascita negli ultimi anni. Anche il messicano come Guillermo del Toro ha creato un luogo di produzione cinematografica in Spagna e ha lavorato in produzioni di film horror cult spagnoli.

film-horror-spagnoli

Autori cinematografici come Juan Antonio Bayona e Pedro Almodóvar mescolano spesso devota iconografia e sensualità in una fusione efficace che è tipicamente spagnola, e relativi neofiti come Jaume Balagueró e Guillem Morales si concentrano su avventure mentali nei labirinti della mente umana che sono simili a quelle di Alfred Hitchcock (ma molto più entusiasta). Classificati da IMDB, questi film offrono un viaggio esilarante nell’abbondante usanza dello spaventoso spagnolo.

SCEGLI I FILM DA VEDERE

Cronos (1993)

Cronos è un film horror spagnolo che racconta la storia di un antiquario chiamato Gesù che si imbatte in un antico scarabeo meccanico che, quando si collega a lui, gli offre la fonte della giovinezza. Il suo vigore giovanile finisce per essere al centro dell’attenzione un vecchio affascinato dai trucchi dell’alchimia spagnola, il cui nipote non si fermerà davanti a nulla per trovare lo scarabeo e darglielo, tuttavia Gesù non rinuncerà all’immortalità così rapidamente.

Il primo vero film di Guillermo del Toro è completamente in spagnolo, i fan del regista devono capire che è imbevuto del misticismo e del macabro che sarebbe poi diventato il biglietto da visita della sua filmografia.

La madre muerta (The Dead Mother, 1993) 

In questo film horror spagnolo del 1993 una rapina mal gestita provoca l’omicidio di una donna mentre suo figlia riesce a sopravvivere. Vent’anni dopo, il criminale, con un altro nome e lavorando ora in un bar, rivede la ragazza. Il suo sguardo vuoto manda brividi freddi lungo la colonna vertebrale dell’assassino. Lei lo riconosce? Lo denuncerà? L’assassino sconvolto, disperato, desidera coprire le sue tracce e risolvere alcune questioni in sospeso. Complotta per completare il compito che doveva aver svolto diversi anni fa. Avrà la capacità di farlo finalmente?

SCEGLI I FILM DA VEDERE

El día de la bestia (Il giorno del mostro, 1995) 

“El día de la bestia” è tra i film horror spagnoli con un mix di generi: terrore, azione e commedia. È la storia di un sacerdote che analizza la data precisa di nascita dell’Anticristo. Desiderando fermare il regno malvagio prima che sia troppo tardi, il prete collabora con uno specialista dell’occulto e un fanatico della musica black metal. Quando l’Anticristo nasce, il loro piano assurdo è di commettere quanti più peccati possibile per poter entrare nella cerchia ristretta del Diavolo ed essere vicino a lui. Ecco perché nella scena di apertura vedrai un prete passeggiare per la strada, prendere a pugni individui, spingere sconosciuti impotenti, rubare nei negozi e fare una serie di altri peccati terribili.

Tesis (Thesis, 1996)

Ti piacerà questo Film horror spagnolo del 1996 se il sangue freddo e la narrazione formidabile sono ciò che ti attrae. Angela è una studentessa universitaria che si occupa di una tesi sulla violenza audiovisiva. Scopre uno snuff movie che include una signora scomparsa 2 anni prima e tenta di determinare chi ha filmato l’omicidio. Man mano che Angela approfondisce la sua tesi, sviluppa allo stesso modo la genuina possibilità che potrebbe effettivamente finire per recitare nel suo stesso film snuff e finire morta. Ora tutti sono sospettati. Questo vincitore di 7 premi Goya 1996, consistenti nei premi per il miglior film, la migliore sceneggiatura originale e il miglior regista, ti porterà sulle montagne russe del brivido.

Los sin nombre (The Anonymous, 1999)

Il corpo di una bambina di sei anni gravemente mutilato viene ritrovato in una vasca profonda. Poi sua madre all’improvviso riceve una telefonata dove sente una voce familiare: è sua figlia! O almeno la voce dichiara di esserlo. Afferma che desiderava solo che tutti pensassero che fosse morta, e ora sta chiedendo a sua madre di venire a prenderla. Inizia così l’impressionante battaglia di una mamma per riavere sua figlia dalle grinfie di qualunque cosa abbia in lei. “Los sin nombre” (The Anonymous) è il nome del culto che ha effettivamente operato dietro le quinte della storia per fare gli atti più orrendi dell’umanità.

SCEGLI I FILM DA VEDERE

The Others (2001)

Diretto dal famoso regista spagnolo Alejandro Amenábar, The Others è un Film horror spagnolo in stile gotico spagnolo che integra aspetti del cinema soprannaturale, mentale e magico. Si concentra sulle occasioni insolite che accadono nella tenuta di una donna e dei suoi figli, afflitti da spiriti dopo la fine della seconda guerra mondiale. E’ l’unico film spagnolo in lingua inglese che ha trionfato ai premi cinematografici nazionali spagnoli, i Goyas. In totale, il film ha 7 premi Goya, tra cui quello per il miglior regista.

El espinazo del Diablo (The Devil’s Backbone, 2001) 

“El espinazo del diablo” di Guillermo del Toro è un film horror spagnolo ambientato nel 1939, quando la guerra civile spagnola sta per finire. Il giovane Carlos viene mandato in un orfanotrofio in mezzo al nulla. Ciò che è strano è che sente una voce che afferma: “Molti di voi moriranno”. Carlos scopre subito che la voce è di un ragazzino, Santi, un fantasma con una storia da raccontare. Se ti stai chiedendo cosa descriva “el espinazo del diablo”, è una bevanda fatta con il liquido utilizzato per proteggere i feti morti. E nel film puoi vedere un uomo di scienza consumarla.

Pan’s Labyrinth (2006)

In una fiaba, la principessa Moanna, il cui padre è il re degli inferi, controlla il mondo umano, dove il sole la acceca e le cancella la memoria. Finisce per essere mortale e alla fine muore. Il re pensa che alla fine il suo spirito tornerà negli inferi, quindi costruisce labirinti in tutto il mondo in preparazione al suo ritorno. Nella Spagna franchista del 1944, Ofelia, una bambina di dieci anni, fa un viaggio con la mamma incinta Carmen per incontrare il capitano Vidal, il suo nuovo patrigno. Vidal, il figlio di un famoso leader scomparso in Marocco, ha un’alta considerazione nel falangismo ed è stato effettivamente incaricato di perseguire i ribelli repubblicani.

Guillermo del Toro ha effettivamente preso Narnia o il Paese delle Meraviglie e le ha rese parti equivalenti ammalianti e orribili, in cui gli animali incontrati dalla giovane eroina sono sia alleati che desiderano assisterla, sia cattivi con funzioni più minacciose. Pan’s Labyrinth rimane tra i film spaventosi più eccezionali mai realizzati.

El orfanato (2007)

Laura torna nel vecchio orfanotrofio dove è cresciuta, insieme al marito e al figlio adottivo Simon. Non ci vuole molto prima che Simon inizi a parlare di vedere Tomás, un bambino della sua età che usa un vecchio sacco come maschera. Simon dichiara di parlare con Tomas, un orfano che lo ha avvertito che morirà. Il giorno dell’inaugurazione dell’orfanotrofio, dopo una piccola discussione, Simon si nasconde e scappa da Laura. Dov’è Simon? È ancora vivo?

Juan Antonio Bayona è tra i registi spagnoli più famosi e la sua opera in The Orphanage mostra perché i suoi film impressionano costantemente ai Goya Awards. Mescolando atmosfera e tensione mentale realizza un film spaventoso che è commovente, estremamente ricco di suspense e sbalorditivo da guardare.

SCEGLI I FILM DA VEDERE

REC (2007)

La tecnica del found footage di REC gli fornisce una credibilità viscerale istantanea. Il regista Jaume Balagueró mantiene il film saldamente concentrato su una giornalista e la sua troupe cinematografica che raccontano gli eventi di un appartamento invaso dai non morti, registrando qualsiasi cosa in modo perverso, ed ogni cruda scena che si svolge diventa parte della storia filmata.

Il film ha generato una serie di seguiti, tuttavia l’iniziale del 2007 girato a Barcellona, ​​in Spagna, è rimasto il migliore fino ad ora. Ancora più importante, non compromette l’avanzamento della storia o del personaggio con salti di paura, ma piuttosto unisce tutti i componenti insieme per un film di zombi molto più efficiente.

Los ojos de Julia (Julia’s Eyes, 2010) 

Creato dallo scrittore-regista Guillem Morales, questo film horror del 2010 è così pieno di colpi di scena, svolte, tradimenti e scoperte che la tua testa continuerà a girare giorni dopo averla visto. La sorella gemella cieca di Julia, Sara, è morta apparentemente per suicidio. Julia, che ha una malattia degenerativa agli occhi, pensa che ci sia di più nella morte della sorella gemella di quanto appare. Sceglie di trovare chi o cosa ha veramente ucciso la sua gemella. La sua condizione aggravata non aiuta la sua causa ed è affidata a una cattiva vista e alla sensazione che qualcuno – un’esistenza inquietante nascosta nell’ombra – stia cercando di farle subire la stessa sorte di suo sorella.

Sleep Tight (2011)

Sleep Tight è un film horror psicologico spagnolo del 2011 diretto da Jaume Balagueró. César, portiere di un appartamento, non è in grado di raggiungere la felicità, qualunque cosa gli accada, e ha l’obiettivo di disturbare gli occupanti del condominio. Quando il suo partner Marcos le fa visita, Clara mostra a César che farla arrabbiare è più difficile di quanto si aspettasse e le cose si trasformano in un’occasione contorta. Sleep Tight è stato uno dei film più attesi in anteprima al 44° Sitges Film Festival. Sleep Tight stravolge le aspettative del pubblico mentre gli frigge i nervi, dimostrandosi un thriller estremo e interessante che si basa più su un frustrante senso di paura e anticipazione che su uno shock.

The Hidden Face (2011)

Adrián (Quim Gutierrez), un giovane direttore d’orchestra, sta vedendo un video registrato della sua amata Belén (Clara Lago) che lo informa di averlo lasciato. Mentre consuma il suo dolore in un bar, incontra Fabiana (Martina Garcia) e iniziano una relazione. Fabiana si trasferisce nella casa che Adrián stava mostrando a Belén. Cose strane iniziano ad accadere in bagno, con Fabiana che osserva strani suoni provenienti dal lavandino e dalla vasca da bagno e viene ustionata da una doccia. Adrián finisce per essere un sospettato della scomparsa di Belén. Tra gli investigatori della polizia, un precedente partner di Fabiana, avverte Adrián che se succede qualcosa a Fabiana eliminerà Adrián. The Hidden Face è esattamente ciò che il pubblico si aspetta e molto di più, fornendo una miriade di intrecci fino alla fine del film. Assolutamente niente è come appare in questo racconto teso sui rischi della gelosia e dell’inganno.

The Skin I Live In (2011)

Un chirurgo estetico che vive in una splendida proprietà in affitto nasconde un trucco oscuro e una donna adorabile in questo film horror psicologico vincitore del premio Goya. The Skin I Live In inizia con un medico che tenta di stabilire un metodo per preservare le vittime di ustioni dopo che sua moglie è morta in un terribile incendio, scegliendo una ragazza inconsapevole come cavia per una pelle artificiale nuova, e alla fine la vicenda degenera in un’odissea che sviluppa qualcosa di abominevole.

Molto più della storia di un ricercatore pazzo e della sua bestia, il film del famoso regista Pedro Almodovar va oltre i luoghi comuni e racconta la perdita, il dolore e il significato della vita attraverso il suo marchio di fabbrica di ambiguità sessuale. Un film composto di melodramma, moralità, segreti e omicidi.

Ahí va el diablo (Here Comes The Devil, 2013) 

Una coppia perde il loro prezioso figlio adolescente tra le colline e le caverne di Tijuana, in Messico. Fortunatamente, i bambini vengono scoperti vivi e vegeti il ​​giorno successivo. Ma davvero lo sono? Cominciano a mostrare abitudini estremamente insolite, sinistre e antisociali al loro ritorno. Questo fa pensare alla coppia che qualcosa di profondamente inquietante deve essere successo la notte in cui se ne sono andati, e pensano che qualche demone potrebbe innescare queste abitudini preoccupanti. In cerca di risposte, sentono storie sulle oscure leggende del luogo e delle grotte in cui si sono persi i bambini. La mamma trova una caverna, dove scopre alcune risposte.

La casa del fin de los tiempos (2013)

Immagina di essere agli arresti domiciliari all’interno di una casa infestata. Immagina di vivere le tue giornate nella casa dove tuo marito è stato ucciso e tuo figlio è scomparso, e tu sei quello che è stato ritenuto colpevole di questi crimini. Questo film si svolge in 2 linee temporali: una nel 1981 e un’altra nel 2011. Quando l’orologio segna le 11:11:11 l’11 novembre 2011, la casa è riportata indietro di trent’anni fino al 1981. Dulce, il personaggio principale, vede cose che le fanno comprendere tutte le catastrofi, le paure e le strane situazioni di trent’anni prima. Questo film, che è stato distribuito in tutto il mondo, è stata ben accolta dal pubblico ed è tra i film horror in lingua spagnola con il maggior incasso.

Centinaia di film e documentari selezionati senza limiti

Nuovi film ogni settimana. Guarda su qualsiasi dispositivo, senza nessuna pubblicità. Annulla in qualsiasi momento.
error: Content is protected !!

Indiecinema Film Festival 2022

Indiecinema Film Festival 2022

Dal 5 al 26 Dicembre guarda in streaming la selezione dei film in concorso: cortometraggi, documentari e film indipendenti da tutto il mondo