John Wayne

Indice dei contenuti

Biografia

John Wayne, pseudonimo di Marion Robert Morrison (Winterset, 26 maggio 1907 – Los Angeles, 11 giugno 1979), è stato un attore statunitense. Soprannominato Duke, cominciò la carriera con il cinema muto negli anni venti, diventando poi fra gli anni quaranta e settanta una delle star più popolari del cinema mondiale, soprattutto per i suoi ruoli in film western e di guerra.

Wayne nacque a Winterset (Iowa), con il nome di Marion Robert Morrison. Suo padre, Clyde Leonard Morrison (1884-1937), era figlio del veterano della guerra civile Marion Mitchell Morrison (1845-1915). Sua madre, Mary Alberta Brown (1885-1970), era una casalinga. Wayne aveva un fratello maggiore, Robert, e una sorella minore, Mary.

Wayne crebbe a Glendale, in California. Da ragazzo, era un appassionato di sport, in particolare di football americano. Nel 1925, si iscrisse all’Università del Southern California, dove giocò nella squadra di football. Nel 1926, fu notato da un agente cinematografico e iniziò la sua carriera di attore.

John-Wayne

Wayne iniziò con piccole parti in film muti, ma la sua carriera decollò negli anni trenta, quando iniziò a recitare in film western. Wayne divenne uno dei più popolari attori western di tutti i tempi, e interpretò alcuni dei personaggi più iconici del genere, tra cui John Wayne in Il signore delle praterie (1936), Ringo Kid in Ombre rosse (1939) e Ethan Edwards in Sentieri selvaggi (1956).

Negli anni quaranta, Wayne iniziò a recitare anche in film di guerra. Il suo ruolo più famoso in questo genere è quello del colonnello John T. “Mad Dog” Mallory in Iwo Jima, deserto di fuoco (1945). Altri film western di successo di Wayne degli anni quaranta includono Il fiume rosso (1948) e La valle della vendetta (1949).

Negli anni cinquanta, Wayne continuò a recitare in film western e di guerra. Alcune delle sue interpretazioni più memorabili di questo periodo includono quelle di Hondo Lane in Hondo (1953), Ethan Edwards in Sentieri selvaggi (1956) e Rooster Cogburn in Il Grinta (1969).

Negli anni sessanta, Wayne iniziò a recitare anche in film d’azione e di avventura. Alcune delle sue interpretazioni più famose di questo periodo includono quelle di Jim Bowie in Alvarez Kelly (1966), Ben Trane in La battaglia di Midway (1976) e J.B. Books in Lo sparatore (1976).

Wayne ottenne due nomination all’Oscar come miglior attore protagonista, per Il fiume rosso (1948) e La valle della vendetta (1949). Nel 1979, ricevette un Oscar alla carriera.

Vita privata

John-Wayne

Wayne si sposò tre volte. Il suo primo matrimonio fu con Josephine Alicia Saenz nel 1933. La coppia ebbe quattro figli: Michael, Patrick, Melinda e Toni. Il matrimonio finì con un divorzio nel 1945.

Nel 1946, Wayne si sposò con Esperanza Baur. La coppia ebbe un figlio, Ethan. Il matrimonio finì con un divorzio nel 1954.

Nel 1954, Wayne si sposò con Pilar Pallete. La coppia ebbe un figlio, Aissa. Il matrimonio durò fino alla morte di Wayne nel 1979.

Wayne era un repubblicano conservatore. Era un sostenitore del militarismo e della politica estera americana. Era anche un sostenitore della segregazione razziale.

Morte

Wayne morì di cancro allo stomaco il 11 giugno 1979, all’età di 72 anni. Fu sepolto nel Pacific View Memorial Park di Newport Beach, in California.

Eredità

John Wayne è uno degli attori più popolari e influenti di tutti i tempi. È considerato un’icona americana e il suo stile di recitazione è stato imitato da generazioni di attori. Il suo lavoro ha contribuito a definire l’immagine del cowboy americano e del soldato americano.

I film di John Wayne da vedere

Ombre rosse (1939)

“Ombre Rosse” è un capolavoro del cinema western del 1939, diretto dal leggendario regista John Ford. Questo film è noto anche con il titolo “Stagecoach” in inglese. La trama segue un gruppo eterogeneo di personaggi che viaggiano insieme su una diligenza attraverso il pericoloso territorio dell’Ovest americano. Tra i passeggeri, ci sono un pistolero fuggevole, un medico ubriaco, una prostituta, un venditore di whisky e altri personaggi variopinti.

Il film è un’epica avventura che esplora non solo le minacce esterne, come gli attacchi degli indiani, ma anche le dinamiche interne e i conflitti tra i passeggeri. È considerato uno dei primi esempi di western psicologico, in quanto si concentra sulla caratterizzazione profonda dei personaggi.

“Ombre Rosse” ha influenzato in modo significativo il cinema western successivo e ha contribuito a rendere famoso John Wayne, che interpreta il ruolo del pistolero Ringo Kid. Questo film è un’icona del cinema e rimane un must-see per gli amanti del genere.

Iwo Jima, deserto di fuoco (1945)

“Iwo Jima, deserto di fuoco” è un film del 1945 diretto da Allan Dwan. Questo film è ambientato durante la Seconda Guerra Mondiale e si concentra sulla Campagna di Iwo Jima, uno degli scontri più cruciali tra le forze americane e giapponesi nel teatro del Pacifico.

Il protagonista è il sergente John Stryker, interpretato da John Wayne, un duro istruttore dei Marine che addestra un gruppo di nuovi reclute. Mentre il film segue il loro addestramento rigoroso, si preparano per la battaglia imminente sull’isola di Iwo Jima. La narrazione esplora il rapporto tra il sergente Stryker e i suoi uomini, mostrando come il suo stile autoritario influenzi la loro evoluzione come soldati.

“Sands of Iwo Jima” è noto per essere uno dei primi film a catturare l’eroismo dei Marines durante la Seconda Guerra Mondiale ed è uno dei ruoli più iconici di John Wayne. Il film offre un’immersione appassionante nella brutalità della guerra e nelle sfide affrontate dai soldati americani sul fronte del Pacifico.

Il fiume rosso (1948)

“Il Fiume Rosso” è un film del 1948 diretto da Howard Hawks. Questo è un classico del genere western, noto anche per essere uno dei film chiave nella carriera di John Wayne.

La trama ruota attorno a Thomas Dunson, interpretato da John Wayne, un uomo determinato a guidare un vasto gregge di bestiame attraverso il pericoloso territorio del Texas per raggiungere il mercato di vendita. Lungo il tragitto, emergono conflitti tra Dunson e il suo adottato figlio adottivo, interpretato da Montgomery Clift, che si scontrano su questioni di leadership e moralità.

“Il Fiume Rosso” è un western epico che esplora temi di autorità, lealtà, e la sfida dell’ambiente selvaggio. La performance di John Wayne è particolarmente notevole, dimostrando la sua versatilità come attore. Il film è rinomato per la sua cinematografia suggestiva e per la maestria nella rappresentazione del paesaggio selvaggio del West americano.

Sentieri selvaggi (1956)

“Sentieri Selvaggi” è un film del 1956 diretto da John Ford. Questo è uno dei capolavori del cinema western e rappresenta uno dei ruoli più iconici nella carriera di John Wayne.

La trama segue Ethan Edwards, interpretato da John Wayne, un ex soldato confederato che intraprende una missione solitaria per trovare sua nipote, Debbie, che è stata rapita da una tribù indiana Comanche. Il film esplora il tema della vendetta e dell’odio razziale mentre Ethan persegue implacabilmente Debbie attraverso il deserto del Texas.

“Sentieri Selvaggi” è noto per la sua profonda complessità caratteriale e per la sua esplorazione delle tensioni interculturali tra i coloni bianchi e le tribù indigene. È anche celebrato per la cinematografia mozzafiato di Monument Valley, un luogo iconico che è diventato un simbolo dei film western. Questo film è una pietra miliare del genere e rappresenta una delle opere più significative di John Ford.

Hondo (1953)

“Hondo” è un film western del 1953 diretto da John Farrow e basato su una storia di Louis L’Amour. Questo film è noto per essere uno dei primi film western a utilizzare la tecnologia 3D.

La trama segue il protagonista Hondo Lane, interpretato da John Wayne, un messaggero e scout solitario che si trova coinvolto in una situazione di conflitto tra i coloni bianchi e la tribù Apache locale. Hondo si lega a una donna e suo figlio, rimasti isolati dalla minaccia Apache, e cerca di proteggerli dagli attacchi imminenti.

Il film offre uno sguardo autentico sulla vita nella frontiera e affronta temi di conflitto culturale e lealtà. La performance di John Wayne è notevole, come spesso accade nei suoi ruoli western. “Hondo” è un classico del genere e rappresenta un altro contributo significativo alla carriera di John Wayne nell’ambito dei film western.

L’uomo che uccise Liberty Valance (1962)

“L’Uomo che Uccise Liberty Valance” è un film del 1962 diretto da John Ford. Questo è un altro capolavoro del regista John Ford e presenta un notevole cast, tra cui John Wayne e James Stewart.

La storia si svolge nel selvaggio West e segue Ransom Stoddard, interpretato da James Stewart, un avvocato idealista che si trasferisce in una piccola città per portare la legge e l’ordine. Incontra Tom Doniphon, interpretato da John Wayne, un uomo dal passato misterioso che diventa suo alleato nella lotta contro il bandito violento Liberty Valance, interpretato da Lee Marvin.

Il film esplora temi di giustizia, coraggio e lotta per i valori. È noto per il suo sottotesto politico e la riflessione sulla mitologia del West americano. “L’Uomo che Uccise Liberty Valance” è un western che va oltre gli stereotipi del genere e offre una profonda meditazione sulla civiltà e la violenza nella frontiera americana.

Il Grinta (1969)

“Il Grinta” è un film del 1969 diretto da Henry Hathaway. Questo film è noto per essere uno dei western più iconici e ha fruttato a John Wayne il suo primo premio Oscar come miglior attore.

La trama segue Mattie Ross, una giovane determinata interpretata da Kim Darby, che assume il duro sceriffo Rooster Cogburn, interpretato da John Wayne, per aiutarla a catturare l’uomo che ha ucciso suo padre. Insieme a loro si unisce anche La Boeuf, interpretato da Glenn Campbell, un ranger del Texas. La storia è un’avventura epica che si svolge nell’ambiente selvaggio del vecchio West mentre cercano di rintracciare il criminale Tom Chaney.

“Il Grinta” è noto per il suo mix di avventura, dramma e humor, e John Wayne offre una delle sue interpretazioni più memorabili come il ruvido ma onorevole Rooster Cogburn. Il film è un classico del genere western e ha lasciato un’impronta indelebile nella storia del cinema.

Un dollaro d’onore (1966)

“Un Dollaro d’Onore” è un film del 1966 diretto da Andrew V. McLaglen. Questo film è un western che si ispira alla vera storia di John Chisum, un noto allevatore di bestiame del vecchio West.

La trama segue John Chisum, interpretato da John Wayne, mentre cerca di proteggere i suoi interessi nell’allevamento di bestiame dalla crescente minaccia dei fuorilegge e dei rancher rivali, in particolare di Lawrence Murphy, interpretato da Forrest Tucker. Chisum forma un’alleanza con Billy the Kid, interpretato da Geoffrey Deuel, per affrontare la crescente violenza.

“Un Dollaro d’Onore” è un western ricco di azione e conflitto, con John Wayne nel ruolo di un uomo duro ma giusto che lotta per difendere la sua terra e il suo bestiame. Il film offre uno sguardo romanzato sulla vita nell’epoca del vecchio West e sulle tensioni tra gli allevatori di bestiame e le forze della legge.

Il giorno più lungo (1962)

“Il Giorno più Lungo” è un film del 1962 diretto da Ken Annakin, Andrew Marton, e Bernhard Wicki. Questo film è una epica ricostruzione storica degli eventi dello sbarco in Normandia durante la Seconda Guerra Mondiale.

La trama presenta un cast corale di attori, tra cui John Wayne, Robert Mitchum, Richard Burton, e molti altri, che interpretano una varietà di personaggi coinvolti nell’operazione Overlord. Il film segue gli eventi cruciali dell’invasione alleata il 6 giugno 1944, noto come il D-Day, quando le forze alleate sbarcarono sulle spiagge della Normandia per liberare l’Europa dall’occupazione nazista.

“Il Giorno più Lungo” è noto per la sua precisione storica nella rappresentazione degli eventi e per la sua vasta portata. È uno dei film di guerra più celebri sull’invasione della Normandia e offre uno sguardo coinvolgente sulla drammaticità e l’eroismo di quel giorno cruciale durante la Seconda Guerra Mondiale.

McLintock! (1963)

“McLintock!” è un film del 1963 diretto da Andrew V. McLaglen e interpretato da John Wayne e Maureen O’Hara. Questo film è una commedia western che offre un mix di azione, humor, e romanticismo.

La trama segue George Washington McLintock, interpretato da John Wayne, un ricco e rude proprietario di un ranch nel territorio dell’Arizona. McLintock è noto per il suo carattere forte e il suo modo di fare diretto. Quando sua moglie, interpretata da Maureen O’Hara, torna in città in cerca di un divorzio, scoppiano divertenti e caotiche situazioni.

“McLintock!” è noto per le sue sparatorie spettacolari, le risate contagiose e le interpretazioni carismatiche di John Wayne e Maureen O’Hara. È un film leggero e divertente che offre un’interpretazione non convenzionale del genere western.

I 4 figli di Katie Elder (1965)

“I 4 Figli di Katie Elder” è un film del 1965 diretto da Henry Hathaway. Questo è un western che presenta un notevole cast, tra cui John Wayne, Dean Martin, e Earl Holliman.

La trama segue i quattro figli adulti di Katie Elder, una donna rispettata nella città natale di Clearwater. Dopo la morte della madre, i fratelli Elder tornano in città per vendicare la morte della loro madre e ripristinare l’onore della famiglia. La storia è una combinazione di avventura, vendetta, e legame familiare mentre i quattro fratelli affrontano sfide e nemici per ottenere giustizia.

“I 4 Figli di Katie Elder” è noto per il suo ritmo coinvolgente e per l’interpretazione di John Wayne come il maggiore Elder. Il film offre una storia di vendetta e riscatto in un contesto western, con il valore dell’onore familiare al centro della narrazione.

Berretti verdi (1968)

“Berretti Verdi” è un film del 1968 diretto da Ray Kellogg e John Wayne. Questo film è noto per essere uno dei primi film che ha affrontato direttamente il coinvolgimento degli Stati Uniti nella guerra del Vietnam.

La trama segue il colonnello Mike Kirby, interpretato da John Wayne, e il suo team di Berretti Verdi, un’unità delle forze speciali dell’esercito degli Stati Uniti. Vengono inviati in Vietnam per addestrare le forze sudvietnamite e partecipare a operazioni di combattimento contro il Viet Cong.

“Berretti Verdi” offre una visione di parte della guerra del Vietnam, presentando i punti di vista dei soldati americani coinvolti e affrontando temi come il patriottismo, il coraggio e gli orrori della guerra. È un film che ha suscitato discussioni per la sua rappresentazione della guerra e il suo significato storico nel contesto dell’epoca.

Uomini d’amianto contro l’inferno (1968)

“Uomini d’Amianto contro l’Inferno” è un film del 1968 diretto da Andrew V. McLaglen. Questo film è un action-drama che ha John Wayne nel ruolo principale.

La trama segue la vita di Chance Buckman, interpretato da John Wayne, un esperto nel campo dei pompieri specializzati nell’estinguere incendi causati da esplosioni di pozzi petroliferi. Il film esplora le sfide e i pericoli del loro lavoro, compresa la lotta contro il fuoco e le esplosioni in ambienti petroliferi estremamente pericolosi.

“Uomini d’Amianto contro l’Inferno” è noto per le sue scene d’azione mozzafiato e per la rappresentazione di un lavoro estremamente pericoloso e coraggioso. John Wayne offre una performance solida come l’eroico Chance Buckman. Il film offre uno sguardo intrigante sul mondo dei pompieri specializzati nell’industria petrolifera.

Il grande Jake (1971)

“Il Grande Jake” è un film del 1971 diretto da George Sherman e John Wayne. Questo è un western che vede John Wayne nel ruolo principale.

La trama segue Jake McCandles, interpretato da John Wayne, un ex fuorilegge ora ritirato che deve tornare in azione quando suo nipote viene rapito da un gruppo di criminali durante un attacco alla sua famiglia. Jake forma una squadra per recuperare il nipote e vendicarsi dei rapitori.

“Il Grande Jake” è noto per il suo stile western classico e per la performance carismatica di John Wayne. Il film combina azione, avventura, e elementi di vendetta in un contesto western tipico. È un altro esempio del talento di John Wayne nel genere western.

I cowboys (1972)

“I Cowboys” è un film del 1972 diretto da Mark Rydell. Questo è un western drammatico che presenta John Wayne in uno dei suoi ruoli più memorabili.

La trama segue Wil Andersen, interpretato da John Wayne, un anziano allevatore di bestiame che, a causa della mancanza di manodopera durante la stagione dei rodeo, decide di assumere un gruppo di ragazzi adolescenti come mandriani. Insieme, affrontano sfide e pericoli lungo il percorso per guidare il bestiame attraverso il pericoloso territorio del Montana.

“I Cowboys” è noto per la sua commovente storia di crescita e amicizia tra Wil e i giovani mandriani. Il film cattura l’essenza del vecchio West e offre una performance iconica di John Wayne. È una narrazione toccante e coinvolgente che combina elementi di avventura e dramma.

Il pistolero (1976)

“Il pistolero” è un film del 1976 diretto da Don Siegel. Questo è uno dei film iconici nella carriera di John Wayne.

La trama segue John Bernard Books, interpretato da John Wayne, un famoso pistolero che si ritira in una piccola città dell’ovest per trascorrere gli ultimi giorni della sua vita, afflitto da una malattia terminale. Mentre cerca di vivere gli ultimi giorni in tranquillità, Books si trova coinvolto in situazioni complesse legate al suo passato da uomo legge.

“Il pistolero” è noto per la performance emozionante e riflessiva di John Wayne nel ruolo di un uomo che affronta la fine della sua vita con coraggio. Il film esplora temi di morte, onore, e la difficile transizione dal vecchio West all’era moderna. È un commovente epitaffio alla carriera di John Wayne e al genere western.

Picture of Indiecinema

Indiecinema