Blake Edwards

Indice dei contenuti

Dalla regia di alcuni dei film più iconici di tutti i tempi alla rivoluzione del genere commedia, Blake Edwards è un nome che è diventato sinonimo del successo di Hollywood. Con una carriera che dura da oltre cinquant’anni, Edwards ha lasciato un segno indelebile nel mondo del cinema e continua a ispirare i registi di oggi. In questo articolo faremo un tuffo nella vita e nella carriera di questo leggendario regista, esplorando i suoi primi anni, la sua ascesa alla fama e l’impatto che ha avuto sull’industria cinematografica.

Primi anni e inizi

Blake-Edwards

Infanzia e prime influenze

William Blake Crump, in seguito noto come Blake Edwards, è nato il 26 luglio 1922 a Tulsa, in Oklahoma. Era l’unico figlio di Jack McEdwards e Lillian McDonald. Suo padre lavorava come agente immobiliare mentre sua madre era casalinga. All’età di tre anni, i genitori di Edwards divorziarono e lui si trasferì con la madre in California. Questo importante cambiamento nella sua vita avrebbe giocato un ruolo significativo nel plasmare la sua futura carriera.

Cresciuto a Beverly Hills, Edwards è stato esposto allo sfarzo e al glamour di Hollywood fin dalla giovane età. L’amica intima di sua madre, l’attrice Norma Shearer, lo portava spesso con sé sui set cinematografici, dandogli uno sguardo dietro le quinte del mondo del cinema. Ciò ha suscitato il suo interesse per i film e ha iniziato a sviluppare una passione per la narrazione.

Istruzione e inizio carriera

Dopo essersi diplomato al liceo, Edwards ha frequentato la University of Southern California, dove ha studiato letteratura inglese e teatro. Durante il periodo universitario, ha scritto, diretto e recitato in diverse opere teatrali, gettando le basi per la sua futura carriera nel settore dell’intrattenimento.

Dopo la laurea, Edwards ha iniziato a lavorare presso la stazione radio KNX come scrittore e annunciatore. Passò poi alla scrittura di sceneggiature per film, che alla fine lo portarono al suo primo lavoro da regista nel 1952. Il suo film d’esordio, “Porta il tuo sorriso”, ricevette recensioni positive e pose le basi per i suoi progetti futuri.

L’ascesa alla fama

Collaborazione con Peter Sellers

Alla fine degli anni ’50, Edwards incontrò il comico e attore britannico Peter Sellers mentre lavorava al film “La nuda verità”. Ciò ha segnato l’inizio di una fruttuosa collaborazione, con Sellers protagonista di alcuni dei lavori di maggior successo di Edwards, tra cui la serie “Pink Panther” e “The Party”.

La loro collaborazione è stata unica e ha tirato fuori il meglio da entrambi gli uomini. La scrittura spiritosa e intelligente di Edwards, combinata con il genio comico di Sellers, ha dato vita ad alcune delle scene più iconiche e memorabili della storia del cinema. La loro alchimia era evidente sullo schermo, rendendoli una delle coppie regista-attore più amate di tutti i tempi.

Film rivoluzionari

Per tutti gli anni ’60, Edwards continuò a farsi un nome come regista da tenere d’occhio. Nel 1961 pubblicò “Colazione da Tiffany”, con Audrey Hepburn e George Peppard. Il film ha ricevuto il plauso della critica e ha consolidato la reputazione di Edwards come maestro della commedia. Questo successo fu seguito dal successo del 1965 “The Great Race”, con Tony Curtis, Jack Lemmon e Natalie Wood.

Tuttavia, fu l’uscita di “La Pantera Rosa” nel 1963 che elevò Edwards allo status di superstar. Il film è diventato subito un classico, con il suo umorismo slapstick, i personaggi memorabili e la sigla iconica. Il suo successo ha dato vita a un franchise che sarebbe durato oltre tre decenni e avrebbe fatto guadagnare a Edwards un posto permanente nella storia di Hollywood.

Impatto sul genere commedia

blake-edwards

Portare la raffinatezza allo slapstick

Lo stile comico di Blake Edwards era noto per essere sofisticato, ma racchiudeva comunque l’umorismo slapstick che il pubblico amava. È stato in grado di fondere perfettamente dialoghi spiritosi, gag visive e commedia fisica, creando un marchio di umorismo unico che lo distingue dagli altri registi. Questo approccio ha dato ai suoi film un ampio fascino, attirando sia i critici che gli spettatori mainstream.

Satira pionieristica

L’interpretazione satirica di Edwards nei confronti delle norme e delle convenzioni della società è stato un altro aspetto che ha fatto risaltare i suoi film. In “The Party”, ha affrontato questioni come la razza e la classe in modo intelligente e divertente, aprendo la strada ai futuri registi per esplorare argomenti controversi attraverso la satira. La sua narrazione audace e spesso stimolante sfidava lo status quo e spingeva i confini, rendendolo uno dei registi più progressisti del suo tempo.

Influenza sui futuri registi

L’impatto del lavoro di Blake Edwards sul genere commedia può essere avvertito ancora oggi. Molti registi moderni lo attribuiscono come fonte di ispirazione e citano i suoi film come influenze sui propri progetti. Con il suo approccio non convenzionale alla commedia, Edwards ha aperto la strada a una nuova ondata di registi che non hanno avuto paura di oltrepassare i limiti e sperimentare diversi stili di umorismo.

Premi e riconoscimenti

Nel corso della sua carriera, Blake Edwards ha ricevuto numerosi riconoscimenti per il suo contributo al mondo del cinema. Ha vinto un Academy Honorary Award nel 2004 in riconoscimento dei suoi successi e della sua influenza nell’industria cinematografica. Ha ricevuto anche quattro nomination all’Oscar per la migliore sceneggiatura e il miglior regista per “Victor Victoria” nel 1983.

Oltre all’Oscar, Edwards ha ricevuto anche due Emmy Awards per il suo lavoro in televisione. È stato onorato postumo con una stella sulla Hollywood Walk of Fame nel 2016, consolidando il suo posto come leggenda di Hollywood.

Eredità e impatto

L’eredità di Blake Edwards va ben oltre la sua filmografia. Il suo impatto sull’industria cinematografica e sulla cultura popolare nel suo insieme è incommensurabile. Dal rivoluzionare il genere della commedia all’ispirare le future generazioni di registi, l’influenza di Edwards continua a farsi sentire anche oggi.

Impatto su Hollywood

Attraverso i suoi film, Blake Edwards ha portato gioia e risate a milioni di persone in tutto il mondo. Ha anche contribuito a plasmare l’immagine e l’identità di Hollywood, e molti dei suoi film sono diventati sinonimo dello sfarzo e del glamour della città. Il suo lavoro non solo ha intrattenuto il pubblico, ma ha anche lasciato un’impressione duratura nel settore stesso.

Influenza sui cineasti

L’approccio non convenzionale di Edwards alla commedia e alla narrazione ha ispirato innumerevoli registi, passati e presenti. Registi come Quentin Tarantino e Wes Anderson lo hanno citato come una delle maggiori influenze nel loro lavoro, rendendogli omaggio nei loro progetti. Ancora oggi, i suoi film continuano a servire da modello per coloro che cercano di lasciare il segno nel mondo del cinema.

Filmografia

Quando una ragazza è bella (Bring Your Smile Along) (1955)

Genere: Musicale, Romantico

Trama: Un cantautore in difficoltà, Paul, incontra una bellissima donna di nome Sue. Si innamora di lei e decide di aiutarla a raggiungere la celebrità come cantante. Man mano che la loro relazione cresce, affrontano varie sfide nel competitivo settore della musica.

Colui che rise per ultimo (He Laughed Last) (1956)

Genere: Commedia, Romanticismo

Trama: Un giovane, Joe, cerca di impressionare il padre della sua ragazza, che sembra essere un giudice. Nel tentativo di ottenere la sua approvazione, Joe rimane invischiato in una serie di incomprensioni e disavventure comiche.

Le avventure di mister Cory (Mister Cory) (1958)

Genere: Drammatico, Romantico

Trama: Cory, un affascinante truffatore, mette gli occhi su una ricca vedova. Mentre tenta di derubarla della sua fortuna, inaspettatamente si innamora di lei. Cory ora deve scegliere tra l’amore e i suoi modi ingannevoli.

La tentazione del signor Smith (This Happy Feeling) (1958)

Genere: Commedia, Romanticismo

Trama: Una giovane donna, Janet, viene coinvolta in un complicato triangolo amoroso quando inizia a lavorare per una famiglia benestante. Il suo arrivo sconvolge le dinamiche familiari, portando a intrecci umoristici e romantici.

In licenza a Parigi (The Perfect Furlough) (1958)

Genere: Commedia, Romanticismo

Trama: Per sollevare il morale, l’esercito organizza una trovata pubblicitaria in cui a un gruppo di soldati viene concessa una settimana di vacanza a Parigi. Segue il caos quando un soldato, il soldato di prima classe Dooley, finge di essere un eroe per impressionare una bellissima ragazza francese.

Operazione sottoveste (Operation Petticoat) (1959)

Genere: Commedia, Guerra

Trama: Durante la seconda guerra mondiale, il capitano di un sottomarino e il suo equipaggio si imbarcano in una serie di disavventure mentre cercano di tenere a galla la loro nave danneggiata e hanno a che fare anche con un gruppo di infermiere bloccate.

In due è un’altra cosa (High Time) (1960)

Genere: Commedia, Drammatico

Trama: Il vedovo di mezza età Harvey Howard decide di iscriversi al college, con grande sorpresa della sua famiglia e dei suoi amici. Mentre naviga nella vita del campus, incontra nuove esperienze e sfide, tra cui romanticismo e scoperta di sé.

Colazione da Tiffany (Breakfast at Tiffany’s) (1961)

Genere: Romantico, drammatico

Trama: Holly Golightly, un’elegante ed enigmatica socialite di New York, stringe un legame con il suo nuovo vicino, uno scrittore in difficoltà. Man mano che la loro amicizia si approfondisce, entrambi affrontano lotte personali e traumi passati mentre cercano felicità e stabilità.

Operazione terrore (Experiment in Terror) (1962)

Genere: Crimine, thriller

Trama: Una cassiera di banca diventa il bersaglio di una pericolosa mente criminale che usa minacce contro sua sorella per costringerla a rubare al suo datore di lavoro. Cerca l’aiuto dell’FBI per catturare l’autore del reato e proteggere la sua famiglia.

I giorni del vino e delle rose (Days of Wine and Roses) (1963)

Genere: Dramma

Trama: Joe Clay, un uomo delle pubbliche relazioni, e Kirsten Arnesen, una segretaria, si innamorano e si sposano. La loro relazione prende una svolta oscura quando sprofondano nell’alcolismo, portando a conseguenze devastanti per loro stessi e per i loro cari.

La pantera rosa (The Pink Panther) (1963)

Genere: Commedia, Crimine

Trama: Il maldestro ispettore Jacques Clouseau ha il compito di risolvere il furto dell’inestimabile diamante della Pantera Rosa. La sua indagine porta a una serie di disavventure comiche mentre insegue l’inafferrabile ladro di gioielli noto come “Il Fantasma”.

Uno sparo nel buio (A Shot in the Dark) (1964):

Genere: Mistero/Commedia

Trama: Jacques Clouseau (Peter Sellers), un inetto ispettore di polizia francese, viene incaricato di indagare sull’omicidio di una ricca vedova. Sospetta del suo maggiordomo, Maria Gambrelli (Eleanor Bron), ma lei si rivela innocente. Le indagini di Clouseau lo portano a una serie di eventi e sospetti bizzarri, tra cui uno chef che parla in rima, un medium sensitivo e un uomo dalle personalità multiple.

La grande corsa (The Great Race) (1965):

Genere: Azione/Commedia

Trama: Il Grande Leslie (Tony Curtis) e il Professor Fate (Jack Lemmon) sono due piloti di auto da corsa rivali che competono nella Great Race, una corsa campestre da New York a Parigi. La corsa è piena di ostacoli e sfide, tra cui un insidioso passo di montagna, un fiume in piena e un gruppo di banditi. Anche Leslie e Fate devono vedersela tra loro, poiché cercano di sabotare a vicenda le possibilità di vittoria.

Papà, ma che cosa hai fatto in guerra? (What Did You Do in the War, Daddy?) (1966):

Genere: Guerra/Commedia

Trama: Durante la seconda guerra mondiale, il capitano Henry Tyler (James Coburn) viene incaricato di guidare un gruppo di soldati in una missione per recuperare un prezioso dipinto da un castello occupato dai nazisti.

Peter Gunn: 24 ore per l’assassino (Gunn) (1967):

Genere: Crimine/Azione

Trama: Peter Gunn (Craig Stevens), un investigatore privato, viene assunto per trovare un’ereditiera scomparsa. La sua indagine lo porta in un mondo di corruzione e violenza, mentre scopre un complotto per contrabbandare diamanti fuori dal paese. Gunn deve usare le sue abilità e il suo ingegno per stare un passo avanti ai criminali e salvare l’ereditiera prima che sia troppo tardi.

Hollywood Party (The Party) (1968):

Genere: Commedia

Trama: Hrundi V. Bakshi (Peter Sellers), un attore indiano, viene invitato accidentalmente a una festa di Hollywood. Crea caos e caos mentre cerca di destreggiarsi nel mondo sconosciuto di Hollywood, scambiando una piscina per una pista da ballo e causando una serie di contrattempi. Nonostante il caos, il fascino innocente di Bakshi conquista i partecipanti alla festa e lui diventa l’inaspettata anima della festa.

Operazione Crêpes Suzette (Darling Lili) (1970):

Genere: guerra.

Trama: Ambientato durante la seconda guerra mondiale, il film segue Lady Lili Smith (Julie Andrews), una bellissima cantante di cabaret che viene coinvolta con un agente segreto britannico, il maggiore William Dugan (Rock Hudson). Insieme, devono recuperare un sistema radar tedesco rubato e sventare i piani dei nazisti.

Uomini selvaggi (Wild Rovers) (1971):

Genere: western.

Trama: Due cowboy, Ross Bodine (William Holden) e Paul Catlett (Ryan O’Neal), intraprendono un viaggio alla ricerca di una nuova terra e di una vita migliore. Lungo la strada incontrano varie sfide, tra cui uno spietato cacciatore di taglie e un gruppo di fuorilegge.

Il caso Carey (The Carey Treatment) (1972):

Genere: thriller.

Trama: Il dottor Peter Carey (James Coburn) è un brillante chirurgo che viene assunto da un ricco paziente, Douglas Carey (Jennifer O’Neill), per eseguire un’operazione rischiosa. Tuttavia, Carey scopre presto che l’operazione fa parte di un sinistro complotto e che viene utilizzato come pedina in un gioco mortale.

Il seme del tamarindo (The Tamarind Seed) (1974):

Genere: thriller di spionaggio.

Trama: Il maggiore John Bullet (Omar Sharif) e Judith Farrow (Julie Andrews) sono due agenti segreti provenienti da diversi fronti della Guerra Fredda che si innamorano mentre lavorano sullo stesso caso. Tuttavia, la loro relazione viene messa alla prova quando vengono assegnati a missioni opposte.

La Pantera Rosa colpisce ancora (The Return of the Pink Panther) (1975):

Genere: Commedia.

Trama: L’ispettore Clouseau (Peter Sellers) viene richiamato dalla pensione per indagare sul furto di un prezioso diamante, la Pantera Rosa. Mentre Clouseau si fa strada nel caso, incontra una serie di personaggi pittoreschi, tra cui un maldestro ladro di gioielli (Christopher Plummer) e una donna misteriosa (Joanna Lumley).

La Pantera Rosa sfida l’ispettore Clouseau (The Pink Panther Strikes Again) (1976):

Genere: Commedia.

Trama: L’ispettore Clouseau è ancora una volta impegnato nel caso in cui una serie di omicidi vengono commessi da un misterioso assassino noto come Falcon. Mentre Clouseau indaga, si ritrova intrappolato in una rete di intrighi che coinvolgono un dipinto di valore, un gruppo di criminali e una bella donna (Lesley-Anne Down).

La vendetta della Pantera Rosa (Revenge of the Pink Panther) (1978):

Genere: Commedia.

Trama: L’ispettore Clouseau ha il compito di proteggere un prezioso diamante, la Pantera Rosa, da uno spietato cattivo noto come Sir Charles Lytton (Christopher Plummer). Tuttavia, le maldestre buffonate di Clouseau portano al furto del diamante e lui deve lottare contro il tempo per recuperarlo prima che cada nelle mani sbagliate.

10 (1979):

Genere: musicale.

Trama: Un ricco compositore, George Webber (Dudley Moore), fatica a trovare un equilibrio tra la sua vita personale e quella professionale. È diviso tra l’amore per sua moglie, Molly (Julie Andrews), e la sua attrazione per una bellissima giovane cantante, Samantha (Bo Derek).

S.O.B. (1981):

Genere: commedia-dramma.

Trama: Un produttore di Hollywood, Felix Farmer (Richard Mulligan), sta lottando per salvare il suo ultimo film, “The Last Laugh”. Mentre combatte contro i dirigenti dello studio, gli attori capricciosi e i suoi demoni personali, Farmer deve trovare un modo per completare il film e salvare la sua carriera.

Victor Victoria (1982):

Genere: commedia musicale.

Trama: Un’aspirante cantante, Victoria Grant (Julie Andrews), si traveste da uomo, Victor, per trovare lavoro in una discoteca. Quando Victor diventa un artista di successo, si innamora di un collega artista, Toddy (Robert Preston), che non è a conoscenza della sua vera identità.

Sulle orme della Pantera Rosa (Trail of the Pink Panther) (1982):

Genere: Commedia.

Trama: L’ispettore Clouseau (Peter Sellers) viene richiamato dalla pensione per indagare sulla scomparsa del diamante della Pantera Rosa. Mentre Clouseau si fa strada nel caso, incontra una serie di personaggi pittoreschi, tra cui un misterioso ladro noto come “Il Fantasma” (David Niven).

Pantera Rosa – Il mistero Clouseau (Curse of the Pink Panther) (1983):

Genere: Commedia.

Trama: L’ispettore Clouseau (Peter Sellers) ha il compito di indagare su una serie di furti con scasso in un museo. Mentre indaga, Clouseau incontra una serie di personaggi pittoreschi, tra cui una bellissima ladra di gioielli (Joanna Lumley) e un misterioso sensitivo (David Niven).

I miei problemi con le donne (The Man Who Loved Women) (1983):

Genere: dramma romantico.

Trama: David Fowler (Burt Reynolds) è un uomo d’affari affascinante e di successo che ha una storia di innamoramenti e abbandoni di donne. Tuttavia, quando incontra una bellissima giovane donna di nome Mariana (Julie Andrews), inizia a mettere in discussione il suo stile di vita da playboy e cerca di cambiare i suoi modi.

Micki e Maude (Micki + Maude) (1984):

Genere: commedia romantica.

Trama: Rob Salinger (Dudley Moore) è un conduttore televisivo che è bloccato in una routine. Non è soddisfatto del suo lavoro e del rapporto con sua moglie Carol (Ann Reinking). Tuttavia, le cose iniziano a cambiare quando incontra Micki (Amy Irving), una giovane donna dallo spirito libero, e Maude (Ann Reinking), una donna bella e sofisticata.

Un bel pasticcio! (A Fine Mess) (1986):

Genere: Commedia.

Trama: Fred (Ted Danson) e Vince (Griffin Dunne) sono due amici che si ritrovano in una serie di disavventure dopo aver rubato accidentalmente un prezioso dipinto. Mentre cercano di restituire il dipinto al legittimo proprietario, incontrano una serie di personaggi pittoreschi, tra cui un detective maldestro (Richard Mulligan) e una bella donna (Maria Conchita Alonso).

Così è la vita (That’s Life!) (1986):

Genere: commedia-dramma.

Trama: Harvey Fairchild (Jack Lemmon) è un uomo d’affari di successo a cui viene diagnosticata una malattia terminale. Mentre fa i conti con la sua mortalità, cerca di ricucire i suoi rapporti con la sua ex moglie, Gillian (Julie Andrews), e i suoi due figli.

Appuntamento al buio (Blind Date) (1987):

Genere: commedia romantica.

Trama: Walker (Bruce Willis) è un uomo cieco che incontra Nadia (Kim Basinger), una bellissima donna, ad un appuntamento al buio. Mentre trascorrono del tempo insieme, Walker e Nadia si innamorano, ma devono superare una serie di ostacoli, inclusa la disapprovazione del padre di Nadia (John Larroquette), prima di poter stare insieme.

Intrigo a Hollywood (Sunset) (1988):

Genere: thriller noir.

Trama: Joe Gillis (William Holden) è uno sceneggiatore in difficoltà che si trasferisce a Hollywood nella speranza di diventare grande. Incontra Norma Desmond (Gloria Swanson), un’ex star del cinema muto che ora vive in isolamento. Quando Joe diventa il confidente di Norma, inizia a scoprire gli oscuri segreti dietro la sua facciata affascinante.

Skin Deep – Il piacere è tutto mio (Skin Deep) (1989):

Genere: commedia romantica.

Trama: Alex (John Ritter) è un uomo d’affari di successo ossessionato dal suo aspetto. Quando si sottopone a una serie di interventi di chirurgia plastica per migliorare il suo aspetto, inizia a perdere il senso di sé e ad allontanare le persone che ama.

Nei panni di una bionda (Switch) (1991):

Genere: Commedia.

Trama: Arnold Schwarzenegger è un investigatore privato di nome Steve Brooks che con riluttanza accetta di aiutare Kate (Ellen Barkin), una donna inseguita da uno spietato assassino. Per proteggerla, Steve traveste Kate da uomo e scappano insieme.

Il figlio della Pantera Rosa (Son of the Pink Panther) (1993):

Genere: Commedia.

Trama: Il figlio dell’ispettore Clouseau (Roberto Benigni), Jacques (Herbert Lom), è un maldestro detective incaricato di indagare sul furto di un prezioso diamante. Mentre Jacques si fa strada attraverso il caso, incontra una serie di personaggi pittoreschi, tra cui una bellissima ladra di gioielli (Claudia Christian).

Picture of Indiecinema

Indiecinema

0 0 voti
Film Rating
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi.x