Ava DuVernay

Indice dei contenuti

Ava DuVernay è un nome che ha raccolto molta attenzione ed elogi negli ultimi anni. È una regista americana, scrittrice e attivista che ha avuto un impatto significativo non solo nel settore dell’intrattenimento, ma anche nella società nel suo insieme. Con il suo lavoro pionieristico, è stata in grado di oltrepassare i confini e portare alla luce questioni importanti, aprendo al tempo stesso la strada a voci sottorappresentate nel cinema e in televisione.

In questo articolo esploreremo la vita e la carriera di Ava DuVernay, dai suoi esordi fino al suo attuale status di una delle figure più influenti del settore. Approfondiremo le sue opere importanti, la sua difesa della giustizia sociale e i suoi contributi alla rappresentazione delle donne e delle persone di colore nei media. Unisciti a noi per dare uno sguardo più da vicino all’impatto di Ava DuVernay e al modo in cui continua a ispirare e creare cambiamento attraverso la sua arte.

Primi anni di vita e inizi di carriera

Ava-DuVernay

Ava DuVernay è nata il 24 agosto 1972 a Long Beach, in California. È cresciuta a Compton, un quartiere prevalentemente nero noto per il suo alto tasso di criminalità e povertà. Nonostante le sfide dell’ambiente circostante, DuVernay è cresciuta in una famiglia che valorizzava l’istruzione, l’arte e la cultura. Sua madre, Darlene Maye, era un’insegnante e suo padre, Murray Maye, era un uomo d’affari. Le hanno instillato l’importanza del duro lavoro, della determinazione e del pensiero critico.

DuVernay ha frequentato la Saint Joseph High School, una scuola cattolica femminile, dove eccelleva a livello accademico ed è stata coinvolta in varie attività extrascolastiche come teatro e dibattiti. Dopo il liceo, ha continuato a studiare inglese e studi afroamericani presso l’Università della California, Los Angeles (UCLA). È stato durante questo periodo che ha sviluppato una passione per il cinema ed è stata attivamente coinvolta in società e festival cinematografici.

Nel 1992, DuVernay ha ottenuto il suo primo lavoro presso CBS News, dove ha lavorato come stagista mentre era ancora al college. Successivamente è passata a lavorare come pubblicista per vari film, tra cui l’acclamato “Boyz n the Hood” (1991) diretto da John Singleton. Attraverso il suo lavoro come pubblicista, ha acquisito preziose informazioni sul funzionamento interno dell’industria cinematografica, che in seguito le sarebbero state utili nella sua carriera cinematografica.

Inizio carriera nel cinema

Nonostante il suo interesse per il cinema, DuVernay ha inizialmente intrapreso la carriera nel giornalismo dopo essersi laureata alla UCLA. Nel 1993, ha ottenuto un lavoro presso Fox Networks, dove ha lavorato come giovane pubblicista per spettacoli come “Living Single” e “The Bernie Mac Show”. Tuttavia, il suo desiderio di raccontare storie attraverso il cinema non ha mai vacillato e nel 1999 ha lasciato la Fox per avviare la sua società di pubbliche relazioni, The DuVernay Agency.

Mentre gestiva la sua azienda, DuVernay ha continuato a perseguire la sua passione per il cinema scrivendo e dirigendo cortometraggi. Nel 2006, ha scritto, prodotto e diretto il suo primo lungometraggio documentario, “This is the Life”, che raccontava la scena hip-hop underground di Los Angeles. Il film ha ricevuto il plauso della critica e ha vinto numerosi premi, tra cui quello come miglior documentario al Pan African Film Festival.

Prima svolta con “I Will Follow”

Dopo il successo del suo documentario, DuVernay ha deciso di concentrarsi sul cinema narrativo. Nel 2010 ha pubblicato il suo primo lungometraggio narrativo, “I Will Follow”. Il film è stato girato in soli 15 giorni e aveva un budget di 50.000 dollari, ma ha ricevuto ampi consensi dalla critica ed è stato un successo commerciale. “I Will Follow” raccontava la storia di una donna che affrontava la morte di sua zia, interpretata da Salli Richardson-Whitfield.

Il successo di “I Will Follow” ha aperto le porte a DuVernay a Hollywood e alla fine l’ha portata a essere scelta come uno dei partecipanti al prestigioso laboratorio di sceneggiatori e registi del Sundance Institute. Questo programma offre ai registi l’opportunità di sviluppare le proprie capacità e dare vita ai propri progetti con la guida di mentori esperti.

Ava-DuVernay

Il prossimo film di DuVernay rappresenterà una pietra miliare nella sua carriera e nella storia del cinema afroamericano. Nel 2012, ha scritto e diretto “Middle of Nowhere”, presentato in anteprima al Sundance Film Festival e vinto il premio come miglior regista, rendendo DuVernay la prima donna nera a ricevere questo onore. Il film ha ricevuto anche quattro nomination agli Independent Spirit Award, tra cui Miglior Film e Miglior Regia, e ha vinto il premio come Migliore Attrice per Emayatzy Corinealdi.

Nel 2014, DuVernay ha fatto ancora una volta la storia con il suo film “Selma”. È diventata la prima donna nera ad essere nominata per un Golden Globe come miglior regista e la prima regista donna nera ad avere il suo film nominato per l’Oscar come miglior film. Nonostante l’affronto nella categoria Miglior Regia, “Selma” ha ricevuto ampi consensi dalla critica ed è stato un successo commerciale. Il dramma storico, incentrato sulla marcia per i diritti di voto da Selma a Montgomery del 1965, vedeva David Oyelowo nei panni di Martin Luther King Jr. e ha ricevuto due nomination agli Oscar, vincendo per la migliore canzone originale.

Dopo il successo di “Selma”, DuVernay ha continuato a fare passi da gigante nel settore avventurandosi in televisione. Nel 2016, ha creato e prodotto la serie drammatica “Queen Sugar” per la rete OWN di Oprah Winfrey. Lo spettacolo, che segue la vita di tre fratelli che ereditano la fattoria di canna da zucchero del padre in Louisiana, ha ricevuto il plauso della critica ed è stato rinnovato per una seconda stagione prima ancora che la prima fosse trasmessa.

Nel 2018, DuVernay ha fatto ancora una volta la storia quando è diventata la prima donna nera a dirigere un film live-action con un budget di oltre 100 milioni di dollari, “A Wrinkle in Time”. Il film Disney, basato sull’amato romanzo di Madeleine L’Engle, presentava un cast stellare tra cui Oprah Winfrey, Reese Witherspoon e Mindy Kaling. Sebbene il film abbia ricevuto recensioni contrastanti, ha comunque incassato oltre 132 milioni di dollari in tutto il mondo e ha infranto le barriere per le donne e le persone di colore a Hollywood.

Sostenere la diversità e l’inclusione

Nel corso della sua carriera, DuVernay è stata una sostenitrice della diversità e dell’inclusione nel settore dell’intrattenimento. Ha costantemente utilizzato la sua piattaforma per far luce su questioni importanti e promuovere le voci sottorappresentate. Nel 2016 ha fondato Array, un distributore e collettivo di base dedicato ad amplificare le voci emarginate nel cinema e nei media.

DuVernay è stato anche un forte sostenitore del movimento OscarsSoWhite, che denuncia la mancanza di diversità nelle nomination e nei vincitori degli Oscar. Nel 2017 ha pubblicato il potente documentario Netflix “13th”, che esamina il razzismo e l’incarcerazione di massa negli Stati Uniti. Il film ha ricevuto ampi consensi dalla critica e ha fruttato a DuVernay una nomination all’Oscar come miglior film documentario.

Ava-DuVernay

Il potere dello storytelling per il cambiamento sociale

Con il suo lavoro pionieristico, DuVernay ha dimostrato che lo storytelling può essere un potente strumento per il cambiamento sociale. Usa i suoi film e programmi televisivi per sensibilizzare su questioni importanti come l’ingiustizia razziale, l’incarcerazione di massa e la disuguaglianza di genere. Attraverso la sua arte, è in grado di umanizzare queste questioni complesse e innescare conversazioni che portano all’azione.

“Quando ci vedono”: una storia straziante di ingiustizia

Nel 2019, DuVernay ha pubblicato il suo lavoro di maggior impatto, la miniserie Netflix “When They See Us”. La serie in quattro parti racconta la vera storia dei Central Park Five, un gruppo di adolescenti neri e latini che furono ingiustamente condannati per lo stupro di una donna a Central Park. La serie fa luce sul razzismo sistemico e sull’ingiustizia all’interno del sistema di giustizia penale e sull’impatto devastante che ha sulla vita di questi giovani e delle loro famiglie.

“When They See Us” ha ricevuto ampi consensi dalla critica ed è stato elogiato per la sua potente narrazione e l’impatto emotivo. Ha inoltre scatenato importanti conversazioni sulla razza e sulle carenze del sistema giudiziario, portando alla riapertura del caso e alla possibile soluzione per i cinque uomini.

“Queen Sugar”: affrontare le questioni sociali con autenticità

La serie televisiva di DuVernay “Queen Sugar” è un altro esempio del suo impegno nell’utilizzare la narrazione per il cambiamento sociale. Lo spettacolo esplora una vasta gamma di questioni sociali, tra cui la brutalità della polizia, la dipendenza dalla droga, i diritti LGBTQ+ e la salute mentale, evidenziando anche la resilienza e la forza delle famiglie nere. In un’intervista con Variety, DuVernay ha dichiarato di voler creare uno spettacolo che “sembrasse vita”, in cui i personaggi e le loro lotte siano autentici e riconoscibili.

“Queen Sugar” è stato elogiato per la sua potente narrazione e la sua diversificata rappresentazione di persone di colore, sia davanti che dietro la telecamera. Lo spettacolo è stato anche riconosciuto per i suoi sforzi verso l’uguaglianza di genere nel settore, con tutti gli episodi diretti da donne.

L’impatto di DuVernay sulle donne e sulle persone di colore nei media

Attraverso il suo lavoro, DuVernay ha infranto le barriere e aperto le porte alle donne e alle persone di colore nel settore dell’intrattenimento. Come donna nera a Hollywood, ha affrontato molte sfide e ostacoli, ma la sua perseveranza e determinazione le hanno permesso di fare passi da gigante verso un settore più inclusivo.

Aprire la strada alle donne registe

Le registe donne sono state a lungo sottorappresentate nell’industria cinematografica. Infatti, secondo uno studio della USC Annenberg Inclusion Initiative, negli ultimi dieci anni, solo il 4% dei 100 film di maggior incasso sono stati diretti da donne di colore. Il successo di DuVernay non solo ha mandato in frantumi questa statistica, ma ha anche aperto la strada ad altre donne per perseguire il loro sogno di diventare registe.

In un’intervista con il New York Times, DuVernay ha dichiarato di voler utilizzare la sua piattaforma per creare opportunità per altre donne e persone di colore nel settore. Ha fatto da mentore e sostenuto registi emergenti attraverso programmi come ARRAY 101 e ARRAY Creative Campus, che forniscono risorse e guida per le voci sottorappresentate nei media.

La rappresentazione è stata un obiettivo chiave nel lavoro di DuVernay, sia sullo schermo che fuori. Attraverso le sue scelte di casting e la narrazione, si sforza di rappresentare accuratamente la diversità del mondo in cui viviamo. Sostiene inoltre una maggiore rappresentanza dietro le quinte, da scrittori e produttori a membri della troupe e dirigenti.

Nel 2016, DuVernay è stata nominata uno dei “più grandi leader del mondo” da Fortune per i suoi sforzi volti a promuovere la diversità e l’inclusione nel settore. Continua a sfidare Hollywood a fare meglio e usa la sua piattaforma per elevare e amplificare le voci sottorappresentate.

L’eredità di Ava DuVernay e l’impatto continuo

L’impatto di Ava DuVernay sull’industria dell’intrattenimento e sulla società nel suo complesso è innegabile. È una pioniera, una visionaria e una potente voce a favore del cambiamento. Attraverso la sua arte, ha ispirato ed educato il pubblico, innescato conversazioni importanti e avuto un impatto duraturo sulla rappresentazione delle donne e delle persone di colore nei media.

Mentre continua a creare lavori innovativi, l’eredità di DuVernay vivrà senza dubbio per le generazioni a venire. Serve da ispirazione per aspiranti registi, attivisti e chiunque cerchi di avere un impatto positivo nei rispettivi campi.

Picture of Indiecinema

Indiecinema

0 0 voti
Film Rating
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi.x