Film indipendenti e cult

Documentari in streaming: 3 titoli da non perdere

Il documentario è sicuramente il laboratorio di sperimentazione più ampio e sfaccettato del cinema indipendente, con le più grandi possibilità di esplorare la realtà senza disporre di grossi budget e di sottostare alle logiche di produzione, a volte molto complesse, dei film di finzione. Il cinema documentario propone le novità più sorprendenti e le sperimentazioni più coraggiose del cinema indie a basso budget, dando la possibilità al pubblico di scoprire mondi e realtà sconosciute e molto interessanti del mondo in cui viviamo. La realtà spesso supera ogni possibile immaginazione. Ecco 3 documentari in streaming sorprendenti disponibili su Indiecinema che non potete perdere assolutamente.

Chirurgo ribelle

documentario-cgirurgo-ribelle

Il chirurgo Erik Erichsen, stanco della burocrazia svedese, decide di trasferirsi in Etiopia, dove ci sono risorse estremamente limitate e si opera a volte con strumenti davvero rudimentali, ma si può essere padroni delle proprie scelte. Il regista Erik Gandini, autore di Videocracy, uno dei primi meglio riusciti documentari a raccontare la saga berlusconiana, ci narra qui l’avventura in Etiopia di un uomo straordinario, un chirurgo totalmente controcorrente. Costretto a lavorare in situazioni drammatiche ma dotato di un’ironia e una fermezza fuori dal comune il signor Erichsen non va troppo per il sottile nello scegliere i suoi strumenti. Ironia e immagini cruente si mescolano in un film davvero unico.

Il sogno di Omero

documentario-omero

Un documentario d’autore che esplora l’inconscio e i sogni di un gruppo di non vedenti dalla nascita, con un ritmo ipnotico e con immagini di forte impatto visivo. Un cinema che sfrutta appieno le potenzialità della settima arte di mostrare l’invisibile. Un viaggio nel buio attraverso i diari registrati ogni mattina al risveglio. L’inconscio che emerge e che lega le loro vite. Un’esplorazione poetica sul potere salvifico dei sogni e dell’immaginario.

Moving sound

Riuscite a immaginare qualcosa di più folle che andare in bicicletta dall’Inghilterra all’Africa occidentale? Lo ha fatto e documentato in questo film documentario l’insegnante e musicista Ed Wade-Martins. Per raccogliere fondi per la Fresh Start Foundation e sostenere gli orfani del Gambia, parte per un viaggio epocale con lo scopo di unire culture diverse con il linguaggio universale della musica. Un viaggio solitario e senza aiuto, se non quello della sua videocamera con cui documenta le sue giornate, attraverso 6.000 miglia, otto paesi diversi, due continenti. Un viaggio unico a ritmo di musica.

Condividi l'articolo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Indiecinema

Indiecinema

Autore dell'articolo

Iscriviti alla Newsletter

Resta aggiornato sui nuovi articoli, nuovi film in uscita, festival, promo, eventi… e molto altro!

Iscriviti alla Newsletter

Resta aggiornato sui nuovi articoli, nuovi film in uscita, festival, promo, eventi… e molto altro!