Guarda film indipendenti e cult selezionati

Vai oltre i film proposti dalle solite piattaforme commerciali. Guarda centinaia di film indipendenti e d'autore rari, cult e documentari introvabili selezionati da tutto il mondo.

Samuel Fuller

Indice dei contenuti

Chi era Samuel Fuller?

Samuel Fuller è stato un regista e sceneggiatore americano. È stato definito “l’ultimo grande autore di Hollywood” e ha diretto 30 film nella sua carriera, tra i quali ci sono alcuni film da vedere assolutamente.

Nato a Worcester, Massachusetts, il 12 agosto 1912 da immigrati ebrei ucraini di Kiev, Samuel ha studiato giornalismo e comunicazione all’Università dell’Illinois prima di abbandonare. Nel 1937 si trasferì a Hollywood per dedicarsi alla scrittura per il cinema.

Fuller ha scritto numerose sceneggiature per la Warner Bros., la Columbia Pictures, la Paramount Pictures e altri studi prima di iniziare a dirigere nel 1949 con Ho Ucciso Jess il bandito (I Shot Jesse James), con Robert Mitchum nei panni di Jesse James ed è noto soprattutto per i suoi classici di culto come Il Corridoio della paura (1963) con Peter Breck; Il bacio perverso (1964) con Constance Towers; Il grande uno rosso (1980) con Lee Marvin.

Iscriviti

Un regista da riscoprire

Una buona occasione per di ridare la popolarità meritata a Samuel Fuller, un duro che non voleva cedere, un artista fuori dai canoni e dai piani imposti dagli studios di Hollywood, più volte molestato cercando di ammorbidire il suo lato controverso e gli estremi della sua visione, sempre dalla parte degli emarginati e dei perdenti. In seguito gli hanno lasciato scegliere un percorso indipendente.

Disse Fuller: “Oggi lavoro più liberamente perché faccio i miei film che scrivo e dirigo. Quando lavoro in un grande studio, devo sempre superare le opinioni degli altri, i loro suggerimenti e la loro opposizione. Spesso, una serie di compromessi distrugge l’ispirazione iniziale. Ci sono molte questioni etiche e sociali che devono essere risolte. Perché quelli che si definiscono censori, ma anche i produttori e i critici, ti sfidano a diventare un creatore, a provare qualcosa di originale, e allo stesso tempo a restare nella mediocrità. I difensori di questa morale sono sanguisughe e ipocriti, manipolatori e tristi parassiti che sputano al vento e si compiacciono. Trovano spazzatura o allusioni politiche in luoghi dove non ce ne sono.. Occuparsi di qualsiasi film con un alto incasso al botteghino è una causa sacra per loro.

I film di Samuel Fuller da vedere assolutamente

samuel-fuller

Samuel Fuller è stato un regista molto sottovalutato che ha creato alcuni dei film più iconici e amati della storia del cinema. I suoi film hanno avuto un grande impatto sulla società ed era noto per la sua capacità di affrontare qualsiasi argomento, non importa quanto duro o controverso. È stato nominato per un Academy Award e ha vinto il British Film Academy Award.

Nel 1997 ha ricevuto la Legion d’Honneur francese come riconoscimento per il suo contributo al cinema. Molti dei film di Fuller sono diventati dei classici di culto e sono ancora popolari tra il pubblico di oggi. Ad esempio, “White Dog” è stato bandito per 25 anni a causa dei temi controversi del razzismo e della crudeltà sugli animali che esplora.

Alcuni dei suoi film sono considerati dei classici della storia del cinema. Dopo la sua morte, la gente ha cominciato a rivalutare il suo contributo al cinema e a riconoscere il suo lavoro come uno dei registi più originali di tutti i tempi. Ecco alcuni dei suoi migliori film che dovresti guardare:

Ho ucciso Jess il bandito (1948)

 I-shot-Jess-James

Ho ucciso Jess il bandito è un film del 1948 di Samuel Fuller. È basato sulla vera storia del fuorilegge Jessie James, un famigerato rapinatore di treni nel West americano.

Il film inizia con Jesse James e la sua banda che assaltano un ufficio ferroviario per rubare $ 43.000 per finanziare la loro prossima rapina. Questa volta vengono catturati e imprigionati a vita. Mentre è in prigione, Jesse James diventa una celebrità ed è idolatrato dalla nuova generazione di giovani americani che ammirano il suo stile di vita alla Robin Hood.

Il regista Samuel Fuller era un ex soldato nella seconda guerra mondiale prima di iniziare a girare film a Hollywood. Questo suo primo film è stata definita un’allegoria dell’autodifesa e del diritto di difendersi. Il film è ambientato in una città americana occidentale senza nome. 

Guarda il film

Il barone dell’Arizona (1949)

“Il barone dell’Arizona” è un film del 1949 diretto da Samuel Fuller. Questo film è un dramma storico che si basa su eventi reali e segue la vita e le truffe di James Addison Reavis, un impostore del XIX secolo che cercò di dichiarare falsamente la proprietà di gran parte dell’Arizona spagnolo.

Il protagonista del film, James Addison Reavis, è interpretato da Vincent Price. Reavis è un personaggio ambizioso e ingannevole che cerca di sfruttare un errore nei documenti storici per affermare che il territorio dell’Arizona appartiene a lui. La sua truffa coinvolge la falsificazione di antichi documenti spagnoli e il coinvolgimento di varie persone nella sua impresa.

Il film segue la trama intricata di questa frode e il tentativo di Reavis di ottenere il controllo delle terre dell’Arizona attraverso mezzi fraudolenti. Tuttavia, la sua truffa viene scoperta e affronta conseguenze legali.

“Il barone dell’Arizona” è un film che esplora il tema dell’inganno e della frode, basato su un episodio storico realmente accaduto. Vincent Price offre una performance memorabile nel ruolo di Reavis. Il film offre uno sguardo intrigante su un personaggio che cercò di manipolare la storia e la legge per ottenere ricchezza e potere.

I figli della gloria (1951)

“I figli della gloria” è un film bellico del 1951 diretto da Samuel Fuller. Il film è ambientato durante la Guerra di Corea e si concentra su un plotone di soldati americani mentre affrontano le sfide e le difficoltà del combattimento.

La storia segue il plotone quando riceve l’ordine di difendere un valico strategico contro una forza cinese molto più grande. Mentre l’inverno si fa più rigido e il nemico si avvicina, i soldati devono affrontare la paura, la stanchezza e i legami di cameratismo che si sviluppano di fronte all’avversità.

“I figli della gloria” è noto per la sua rappresentazione realistica della guerra e del tributo psicologico che essa infligge ai soldati. Il film esplora temi di coraggio, sacrificio e dello spirito umano nel bel mezzo del combattimento.

Il titolo originale “Fixed Bayonets!” fa riferimento ai soldati che preparano le baionette per il combattimento ravvicinato, mettendo in evidenza l’intensità e il pericolo che affrontano sul fronte. La regia di Samuel Fuller e le interpretazioni del cast contribuiscono a fare di questo film un notevole contributo al genere bellico dell’epoca.

Corea in fiamme (1951)

the-steel-helmet

Il film è un dramma dell’epoca della seconda guerra mondiale, girato in bianco e nero. La storia si svolge nel 1942, quando la guerra sta appena iniziando a rivoltarsi contro le Potenze dell’Asse. Si concentra su una squadra di soldati americani che combattono nella campagna d’Africa.

Corea in fiamme di Samuel Fuller cattura gli orrori della guerra. La trama ruota attorno al colonnello Joseph Madden, un ufficiale dell’esercito americano di stanza al confine tra la Corea del Nord e la Corea del Sud. Ha un presentimento e si ritira nel suo bunker per prepararsi all’atteso attacco dei soldati nordcoreani.

Il film ha molti elementi che lo rendono unico, in particolare la mancanza di musica e dialoghi in tutto il film (eccetto per i titoli dei titoli all’inizio). Questo crea un’atmosfera inquietante in cui non sei mai sicuro di cosa accadrà dopo. Presenta anche una delle prime apparizioni sullo schermo di Richard Widmark, che avrebbe avuto una carriera di successo a Hollywood.

Il film è ambientato in Corea durante il periodo in cui il paese era diviso a metà. Un film che riesce a catturare la cultura e l’atmosfera della Corea durante questo periodo.

Park Row (1952)

“Park Row” è un film del 1952 diretto da Samuel Fuller. Questo film è noto per essere un omaggio appassionato al giornalismo e alla stampa, ambientato nel contesto della guerra tra giornali a New York City del XIX secolo.

La trama di “Park Row” ruota attorno alla rivalità tra due editori di giornali, Phineas Mitchell e Charity Hackett. Phineas Mitchell, interpretato da Gene Evans, è il caporedattore del giornale “The Globe,” mentre Charity Hackett, interpretata da Mary Welch, è l’editrice del suo concorrente, “The Star.” La lotta tra questi due personaggi per ottenere la notizia più grande e sensazionale diventa il fulcro del film.

Il film cattura l’atmosfera frenetica e competitiva del giornalismo dell’epoca, con reporter che cercano di ottenere scoop esclusivi e stampa a vapore che produce edizioni straordinarie. La storia si svolge principalmente nella storica zona di Park Row a Manhattan, dove molti dei primi giornali di New York avevano le loro redazioni.

“Park Row” celebra l’importanza del giornalismo come quarto potere e come veicolo di espressione democratica. Samuel Fuller, noto per la sua passione per il giornalismo, ha diretto il film con fervore, e questo si riflette nella sua rappresentazione vivida e coinvolgente del mondo dei giornali.

Il film è un omaggio alla stampa scritta e al suo ruolo nella formazione dell’opinione pubblica e nell’informare il pubblico. “Park Row” è considerato un classico nel genere dei film sul giornalismo e offre uno sguardo affascinante nel passato della stampa a New York City.

Mano pericolosa (1953)

Pickup-on-South-Street

Il film Mano pericolosa (Pickup on South Street) è un thriller del 1953 scritto e diretto da Samuel Fuller. La storia era basata sull’omonimo romanzo del 1951 dell’autore John D. MacDonald. La storia ruota attorno a un truffatore senzatetto di New York di nome Skip McCoy, che viene arrestato dall’FBI per un furto che non ha commesso e deve aiutarli a catturare un giro di spionaggio internazionale in cambio della sua libertà.

Il film segue Skip mentre si fa strada attraverso il mondo criminale e cerca di evitare di essere ucciso. Nel cast troviamo anche Jean Peters, Richard Kiley, Thelma Ritter e Jay C. Flippen nei panni di altri agenti dell’FBI. Nel 2015, è stato selezionato per la conservazione nel National Film Registry degli Stati Uniti dalla Library of Congress.

Guarda il film

Operazione mistero (1953)

“Operazione mistero” (in inglese: “Hell and High Water”) è un film del 1953 diretto da Samuel Fuller. Questo è un thriller di guerra che mescola elementi di azione e suspense, con una trama incentrata su una missione segreta in mare durante la Guerra Fredda.

La trama di “Operazione mistero” segue un gruppo di specialisti militari reclutati per condurre una missione top-secret su un sottomarino modificato. La loro missione è scoprire l’origine di una serie di test atomici segreti che stanno avvenendo in una zona remota dell’Oceano Pacifico. Il film si sviluppa in una corsa contro il tempo mentre il gruppo cerca di scoprire l’obiettivo di tali test e impedirli, se necessario.

Il film è noto per le sue scene d’azione dinamiche e per la tensione crescente mentre la squadra affronta le sfide in un ambiente ostile e potenzialmente pericoloso. Richard Widmark interpreta il protagonista, il capitano della missione, e il cast include anche Bella Darvi e Victor Francen.

“Operazione mistero” offre un’immersione intrigante nella geopolitica e nella spionaggio della Guerra Fredda, con un forte elemento di mistero che tiene lo spettatore con il fiato sospeso fino alla fine. È un esempio affascinante del cinema di Samuel Fuller e del suo talento nel creare film di azione e suspense coinvolgenti.

La casa di bambù (1955)

“La casa di bambù” è un film del 1955 diretto da Samuel Fuller. Questo è un film noir ambientato in Giappone, noto per la sua combinazione di thriller criminale e dramma.

La trama di “La casa di bambù” ruota attorno a un gruppo di criminali americani che operano a Tokyo dopo la Seconda Guerra Mondiale. Questi criminali sono coinvolti in una serie di rapine e omicidi, e le autorità giapponesi cercano di fermarli. L’agente della polizia militare Eddie Spanier, interpretato da Robert Stack, viene inviato sotto copertura per infiltrarsi nella banda e scoprire chi sta dietro i crimini.

Il film offre uno sguardo affascinante sulla vita postbellica in Giappone e sulla criminalità organizzata americana che opera nel paese. La trama si sviluppa con tensione mentre Eddie Spanier cerca di guadagnarsi la fiducia dei criminali e scoprire i loro segreti.

“La casa di bambù” è noto per le sue ambientazioni suggestive e per l’uso del colore nel film in bianco e nero per rappresentare la cultura e l’atmosfera giapponese. Il film cattura anche l’essenza del cinema noir con personaggi ambigui, atmosfera cupa e una storia criminale intricata.

Il titolo fa riferimento a un luogo chiave nel film, la residenza dei criminali, che è costruita in stile giapponese tradizionale con pareti di bambù. Samuel Fuller dirige il film con la sua consueta passione e offre un’opera che combina elementi di genere e rappresenta un tassello interessante nella storia del cinema noir.

La tortura della freccia (1956)

“La tortura della freccia” (in inglese: “Run of the Arrow”) è un film del 1957 diretto da Samuel Fuller. Questo è un western che esplora temi di razzismo, vendetta e redenzione ambientato nel periodo post-Guerra Civile americana.

La trama di “La tortura della freccia” ruota attorno a un soldato confederato di nome O’Meara, interpretato da Rod Steiger, che, dopo la sconfitta del Sud, cerca di sfuggire all’arresto recandosi tra i Sioux Lakota in Dakota del Sud. Qui, O’Meara cerca di iniziare una nuova vita, imparando la cultura nativa americana e sposando una donna Lakota.

Tuttavia, quando il suo passato lo raggiunge e viene coinvolto in un conflitto tra i Sioux e l’esercito americano, O’Meara si trova a fare una scelta difficile tra il suo vecchio mondo e il suo nuovo popolo adottivo.

Il film affronta temi complessi di identità culturale e individuale, oltre a esplorare la questione delle relazioni tra i nativi americani e i coloni europei. “La tortura della freccia” offre anche spettacolari sequenze d’azione western, tipiche della regia di Samuel Fuller.

Il titolo del film si riferisce a una pratica di tortura nativa americana in cui il protagonista è coinvolto durante la storia. Il film è noto per la sua profonda riflessione sulla natura umana e il desiderio di redenzione, oltre a presentare una performance intensa di Rod Steiger.

La porta della Cina (1957)

“La porta della Cina” (in inglese: “China Gate”) è un film del 1957 diretto da Samuel Fuller. Questo è un film di guerra che esplora i temi della guerra d’Indocina e dei mercenari coinvolti in essa.

La trama di “La porta della Cina” è incentrata su un gruppo di mercenari reclutati per compiere una missione pericolosa in Vietnam durante la guerra d’Indocina. Questo gruppo eterogeneo è guidato da un cinico ex ufficiale dell’esercito degli Stati Uniti, interpretato da Gene Barry, e comprende anche un’interprete franco-vietnamita, interpretata da Angie Dickinson.

La missione consiste nel distruggere una base nemica e disarmare le mine nascoste in una zona pericolosa. Durante la missione, i mercenari affrontano numerosi pericoli e sfide, ma anche questioni morali e personali legate alla guerra.

“La porta della Cina” è noto per il suo stile visivo distintivo e per l’uso del colore nelle sequenze in bianco e nero per rappresentare l’atmosfera e l’ambientazione del Vietnam. Il film offre anche un ritratto complesso dei personaggi e delle loro motivazioni per partecipare a una missione così pericolosa.

Il titolo del film, “La porta della Cina,” si riferisce a una specifica località chiave nella storia. Il film è un esempio del talento di Samuel Fuller nel dirigere film di guerra che esplorano le sfumature morali e umane delle situazioni di combattimento.

Quaranta pistole (1957)

samuel-fuller-Forty-Guns

Quaranta pistole (Forty Guns) di Samuel Fuller è un film western del 1957 con Barbara Stanwyck, Barry Sullivan e John Ericson. Il film è ambientato nell’ovest americano del 1882 e racconta la storia di una vedova che gestisce il ranch del suo defunto marito mentre respinge le minacce di costruttori di terreni, ladri di bestiame e ladri di cavalli.

La donna si mette a capo di una banda di quaranta uomini per arrestare il responsabile di una rapina all’ufficio postale. Un uomo, Griffin, e i suoi due fratelli, lavorano per il Procuratore di Giustizia, e devono affrontare la banda. Griffin si innamora della donna, ma è costretto ad uccidere il fratello di lei. 

Iscriviti

L’urlo della battaglia (1962)

samuel-fuller-Merrills-Marauders

“L’urlo della battaglia” (in inglese: “Merrill’s Marauders”) è un film del 1962 diretto da Samuel Fuller. Questo è un film di guerra basato su eventi reali che segue le azioni della famosa unità militare delle Forze Speciali durante la campagna della Birmania nella Seconda Guerra Mondiale.

La trama di “L’urlo della battaglia” si concentra sulle sfide e gli sforzi straordinari compiuti dal colonnello Frank Merrill, interpretato da Jeff Chandler, e dalla sua unità, nota come “Merrill’s Marauders” o “Unità Galahad.” Questi soldati statunitensi si trovano ad affrontare condizioni climatiche estreme, terreno difficile e forze giapponesi superiori mentre cercano di completare una serie di missioni dietro le linee nemiche in Birmania.

Il film cattura la durezza della guerra nella giungla e la determinazione dei soldati coinvolti nell’operazione. La storia si concentra anche sulle relazioni tra i membri dell’unità e sulle sfide personali che devono superare.

“L’urlo della battaglia” è noto per il suo realismo nella rappresentazione delle operazioni militari e per il modo in cui mette in evidenza l’eroismo e la resilienza dei soldati impegnati in situazioni estreme. Il film è basato sulle memorie di un membro delle Merrill’s Marauders e offre uno sguardo affascinante sulla campagna della Birmania e sulle forze speciali durante la Seconda Guerra Mondiale.

Il Corridoio della paura (1963)

samuel-fuller-Shock-Corridor

Il corridoio della paura è un film del 1963 scritto, prodotto e diretto da Samuel Fuller. Il film parla di un giornalista, Johnny Jones, incaricato di scrivere sull’omicidio di una giovane donna in un ospedale psichiatrico. Si avvicina troppo alla verità e viene coinvolto lui stesso.

Lo psichiatra dell’ospedale psichiatrico vuole tenere Johnny lì perché ha scoperto la verità su quello che le è successo ma ha bisogno dell’aiuto di Johnny perché sa che la sua stessa memoria non sarà una prova sufficiente per lui per uscire di prigione per quello che ha fatto.

Il film è stato girato a New York City e ha un’atmosfera urbana. Non contiene scene di azione o violenza, ma si basa invece sul dialogo e sulla narrazione, il che lo rende davvero unico tra gli altri film prodotti in quel momento.

Il bacio perverso (1964)

samuel-fuller-The-naked-kiss

Una donna fugge dalla prigione e dalla sua vita di prostituta per tornare dal suo bambino. La sua fuga non è facile, poiché deve affrontare molti pericoli. Questo film tocca temi come la prostituzione, l’infedeltà e le difficoltà delle donne in quel periodo. La protagonista cerca di liberarsi dalle catene della società e ad andare avanti con la sua vita.

Samuel Fuller utilizza una serie di complessi dispositivi retorici in Il bacio perverso per rappresentare la relazione tra un maschio e una femmina. Il bacio perverso è un racconto che parla della relazione tra un uomo e una donna. Vivono momento complicati insieme perché hanno punti di vista significativamente diversi su come dovrebbe essere vissuta la vita. Samuel Fuller usa molti espedienti retorici come l’ironia e la satira per descrivere la loro relazione.

Il film è stata la prima produzione hollywoodiana con un finale aperto, in cui il destino dell’eroina rimane irrisolto. Il film era considerato molto provocatorio ai suoi tempi, ed è spesso citato come uno dei primi esempi del genere “roughie”. È stato anche accolto bene dalla critica e dal pubblico per il suo forte personaggio femminile.

Guarda il film

Il grande uno rosso (1980)

The-Big-Red-One

Il grande uno rosso è uno dei migliori film di Samuel Fuller e probabilmente il più popolare, tranne che in Francia, dove non è mai uscito. Un marchio di fabbrica di Fuller è l’uso di tagli netti e salti nel tempo: “The Big Red One” salta avanti o indietro nel tempo ogni pochi minuti, dando la sensazione che lo spettatore possa viaggiare nel tempo.

Racconto in soggettiva di un soldato arruolato nella 1ª Divisione di Fanteria americana, soprannominata “il Grande Uno Rosso”, il film segue le vicende di quattro soldati e del loro sergente Possum, durante le campagne le battaglie della seconda guerra mondiale in Nordafrica, in Sicilia, in Normandia, nelle Ardenne ed in Cecoslovacchia.

Il film fu girato in gran parte in Israele e in Irlanda. Il film è costato 4 milioni di dollari e ne ha incassati 7. Lee Marvin e Samuel Fuller hanno veramente combattuto durante la seconda guerra mondiale.

Cane bianco (1982)

samuel-fuller-White-Dog

Cane bianco (White Dog) è un film drammatico americano del 1982 scritto e diretto da Samuel Fuller, basato sul romanzo omonimo di Romain Gary.

Il film è interpretato da Kristy McNichol nei panni di Julie Smith, un’adolescente che adotta un cane randagio che scopre nella proprietà rurale della sua famiglia in California. Lo chiama White Dog per via della sua pelliccia completamente bianca.

Stabilitosi nella fattoria il cane inizia ad assumere il comando sugli altri animali e terrorizza gli umani intorno a lui. Quando Julie scopre che White Dog è in realtà un feroce killer addestrato, deve prendere una decisione straziante su come gestirlo prima che faccia del male a qualcun altro.

White Dog di Samuel Fuller esplora i temi del razzismo e della crudeltà sugli animali attraverso il rapporto di amore-odio di una famiglia con il loro cane. Un film che ha stile duro e grintoso, ed è uno dei migliori di Fuller.

Picture of Indiecinema

Indiecinema

0 0 voti
Film Rating
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi.x