fbpx

Otto Preminger: 16 film da vedere del controverso regista austriaco

Indice dei contenuti

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on email

Otto Preminger (5 dicembre 1905-23 aprile 1986) è uno dei registi più famosi della storia del cinema. Di origine austro-ungarica, è stato anche produttore e attore cinematografico. Ha girato più di 35 lungometraggi in una carriera di cinque decenni dopo aver lasciato il teatro. Ha attirato l’attenzione per la prima volta per bellissimi film noir come Laura (1944) e Fallen Angel (1945), mentre negli anni ’50 e ’60 ha diretto importanti adattamenti di romanzi e opere teatrali. 

Otto_Preminger

Molti dei suoi film erano ai confini della censura per temi che in seguito furono disapprovati a Hollywood, come la dipendenza dalla droga (The Man with the Golden Arm, 1955), lo stupro (Anatomy of a Murder, 1959) e l’omosessualità ( Consiglio e consenso, 1962). È stato scelto due volte per l’Academy Award come miglior regista. Ha avuto anche diversi ruoli principali da attore.


Inizia ora una prova gratuita e guarda film in streaming

Cerchi qualcosa in più delle solite piattaforme commerciali? Su Indiecinema puoi guardare in streaming centinaia di film indipendenti e d’autore rari, cult e documentari introvabili selezionati da tutto il mondo. Con un solo abbonamento e su qualsiasi dispositivo. Senza limiti, senza pubblicità. Nuovi film ogni settimana. Entra nel cineclub ora!

Film-in-streaming

La vita di Otto Preminger

Preminger nacque nel 1905 a Wischnitz nell’impero austro-ungarico da una famiglia ebrea. Il fratello più giovane Ingwald, fu in seguito il produttore della versione cinematografica di M * A * S * H (1970). Durante la Grande Guerra, la Russia entrò in battaglia dalla parte serba. Come vari altri rifugiati in fuga, Markus Preminger, il padre di Otto, vedeva l’Austria come un rifugio sicuro per la sua famiglia. Ottenne la carica di pubblico ministero a Graz, capitale della Stiria. L’anno successivo si trasferì con la famiglia a Vienna, dove Otto in seguito affermò di essere nato.

Otto Preminger e il cinema

La prima ambizione di Otto Preminger era quella di diventare un attore. L’esibizione di maggior successo di Preminger fu alla Biblioteca Nazionale: un’orazione funebre di Marco Antonio per Giulio Cesare. Dopo che ha iniziato a fare molti spettacoli teatrali ha iniziato a perdere un numero crescente di lezioni al college.

Poiché il mestiere di avvocato di suo padre continuò a prosperare nella Vienna del dopoguerra, Otto si poté permettere di pensare seriamente a una professione nel teatro. Nel 1923, quando Otto Preminger aveva 17 anni, il suo futuro maestro, Max Reinhardt, l’importante regista di origine viennese, presentò piani per sviluppare uno studio teatrale a Vienna. 

L’annuncio di Reinhardt è stato visto come un richiamo del destino da Preminger. Ha iniziato a scrivere a Reinhardt settimanalmente, chiedendo un’audizione. Reinhardt è diventato il suo mentore, diventando sia un confidente che un istruttore. Quando il teatro aprì, il 1 aprile 1924, Reinhardt mise in scena Il servo di due padroni di Carlo Goldoni. Altri straordinari ex alunni con cui Preminger avrebbe collaborato erano Mady Christians, che morì per un ictus dopo essere stato inserito nella lista nera durante il periodo McCarthy, e Nora Gregor, che avrebbe recitato in La Règle du jeu di Jean Renoir (1939).

Otto_Preminger

Con l’arrivo dell’estate Preminger non si accontentò più di occupare il posto di secondo piano e decise di lasciare il teatro di Reinhardt. I suoi primi progetti cinematografici come regista ad Aussig erano commedie che variavano dalle intriganti opere teatrali di Wedekind Lulu, alla commedia melodrammatica di Sergei Tretyakov Roar China.

Nel 1930, un ricco produttore di Graz si avvicinò a Otto con un’offerta per dirigere un film intitolato Il grande amore. Preminger non aveva per il cinema la stessa passione che aveva per il teatro. Ha comunque accettato l’incarico. Il film è stato presentato in anteprima all’Emperor Theatre di Vienna il 21 dicembre 1931, con ottime recensioni. Dal 1931 al 1935 ha diretto ventisei spettacoli.


Sfoglia il catalogo e scegli il film da guardare

Indiecinema è un servizio di streaming in abbonamento dedicato agli amanti del cinema indipendente e dei tesori nascosti dell’arte cinematografica. Crea un circolo virtuoso: con il tuo abbonamento guardi centinaia di film e supporti contemporaneamente la produzione di nuovi film indipendenti e d’autore. Un unico abbonamento, nessun vincolo. Nuove uscite ogni settimana.

film-dessai

Otto Preminger a Hollywood

Nell’aprile del 1935, mentre Preminger stava provando una farsa, Il re con l’ombrello, ricevette una convocazione dal produttore cinematografico americano Joseph Schenck a una riunione all’Imperial Hotel. Schenck e il suo partner, Darryl F. Zanuck, fondatori di Twentieth Century-Fox, cercavano nuovi talenti. Entro mezz’ora dall’incontro con Schenck, Preminger accettò un invito a lavorare per la Fox a Los Angeles.

Il primo vero progetto di Preminger a Hollywood è stato quello di dirigere un film per Lawrence Tibbett. Preminger lavorò in modo efficiente, completando il film nel rispetto del budget e anche prima della scadenza programmata. Il film uscì con tiepide recensioni nel novembre 1936. Zanuck diede a Preminger il compito di dirigere un’altra commedia stravagante, Danger, Love at the workplace

La storia racconta di 8 componenti di una famiglia eccentrica e benestante che hanno ereditato la terra del nonno, e il protagonista è un avvocato incaricato di incoraggiare i membri della famiglia a cedere la terra a un’azienda che pensa che ci sia petrolio. 

Otto_Preminger

Nel novembre 1937 Zanuck scelse Preminger per dirigere Kidnapped, che sarebbe stato uno dei film più costosi della Twentieth Century-Fox. Zanuck stesso aveva adattato il romanzo di Robert Louis Stevenson. Dopo aver letto il manoscritto di Zanuck, Preminger capì che sarebbe rimasto in difficoltà perché sarebbe stato un regista straniero a dirigere in un ambiente straniero. 

Durante le riprese di Kidnapped, in una proiezione privata con Zanuck, il capo dello studio ha accusato Preminger di apportare modifiche a una scena; in particolare, una con la star bambina Freddie Bartholomew e un cane. Preminger affermò di aver girato la scena esattamente come era stata scritta. Zanuck lo ha esortato a rispettare la propria sceneggiatura. 

Preminger è uscito dall’ufficio e ha sbattuto la porta. Giorni dopo, la serratura del posto di lavoro di Preminger è stata cambiata e anche il suo nome è stato rimosso dalla porta. In seguito, un rappresentante di Zanuck ha fornito a Preminger un’offerta che il regista ha rifiutato: Preminger voleva essere pagato per almeno undici mesi del suo contratto di due anni. 

Cercò lavoro in altri studi, ma non ricevette accordi: solo due anni dopo il suo arrivo a Hollywood, era disoccupato nel settore cinematografico. Tornò a New York e iniziò a concentrarsi nuovamente sul teatro. Il successo è arrivato rapidamente a Broadway per Preminger, con produzioni come Outward Bound con Laurette Taylor e Vincent Price, My Dear Children, in cui Preminger interpretava un fuorilegge nazista. Preminger iniziò a insegnare presso la Yale School of Drama e ha iniziato a viaggiare due volte a settimana nel Connecticut per insegnare recitazione.

William Goetz, che dirigeva la Fox in assenza di Zanuck, fu subito colpito da Preminger e gli fornì un nuovo contratto di sette anni sia come regista che come star. Preminger accettò. Terminò la prima produzione nei tempi previsti, anche se con un piano di budget aumentato, entro novembre 1942. Prima del suo successivo incarico con la Fox, il magnate del cinema Samuel Goldwyn ha chiesto a Preminger di apparire ancora una volta come nazista, questa volta in un divertente film di Bob Hope, They Got Me Covered.

Preminger sperava di trovare dei progetti realizzabili prima del ritorno di Zanuck, tra cui il thriller Laura di Vera Caspary. Prima che iniziasse la produzione di Laura, a Preminger è stato dato il via libera per scrivere e dirigere Army Wives, un altro film di serie B che stimolava il morale di una nazione in guerra. La sua enfasi era sulla rivelazione dei sacrifici fatti dalle donne mentre mandavano i loro coniugi al fronte.

Laura

Zanuck tornò dalle forze armate con la sua animosità contro Preminger intatta. A Preminger non fu concesso di dirigere Laura, ma solo di fungere da produttore. Rouben Mamoulian fu scelto per la regia. Mamoulian ha iniziato a ignorare Preminger e ha iniziato a rivedere la sceneggiatura. Sebbene Preminger non abbia avuto problemi riguardo al casting di Gene Tierney e Dana Andrews, non era d’accordo con la loro scelta per il cattivo del film, Waldo per l’attore Laird Cregar. Preminger ha discusso con Zanuck che il pubblico avrebbe immediatamente riconosciuto Cregar come un cattivo, specialmente dopo il ruolo di Jack lo Squartatore in The Lodger.

Preminger desiderava che la star del teatro Clifton Webb interpretasse Waldo e incoraggiò il suo manager a fornire a Webb un provino. Webb è stato scelto e Mamoulian è stato licenziato per divergenze creative. Il set di “Laura” iniziò le riprese il 27 aprile 1944, con un budget previsto di $ 849.000. Dopo che Preminger è subentrato, le riprese del film sono continuate fino alla fine di giugno. Quando è stato rilasciato, il film è stato un successo immediato sia di critica che di pubblico, dando a Preminger la sua prima nomination all’Oscar per la regia.


Sfoglia il catalogo e scegli il film da guardare

Indiecinema è un servizio di streaming in abbonamento dedicato agli amanti del cinema indipendente e dei tesori nascosti dell’arte cinematografica. Crea un circolo virtuoso: con il tuo abbonamento guardi centinaia di film e supporti contemporaneamente la produzione di nuovi film indipendenti e d’autore. Un unico abbonamento, nessun vincolo. Nuove uscite ogni settimana.

film-dessai

Il successo di Otto Preminger

Otto_Preminger

Preminger si aspettava che il riconoscimento di Laura lo avrebbe pubblicizzato per lavorare con film molto migliori, ma il suo destino era nelle mani di Zanuck, che ha voluto Preminger al posto di Ernst Lubitsch in A Royal Scandal, un remake del paradiso proibito di Lubitsch (1924), con Pola Negri nei panni di Caterina la Grande. Preminger ha scelto Tallulah Bankhead, che aveva conosciuto dal 1938 quando stava lavorando a Broadway.

Fallen Angel (1945) era esattamente ciò per cui Preminger si stava preparando. In Fallen Angel, un truffatore e donnaiolo finisce per caso in una piccola comunità californiana, dove ha una storia d’amore con una zitella benestante e una cameriera sensuale. Quando la cameriera viene trovata morta, il vagabondo, interpretato da Dana Andrews, diventa il principale sospettato. Linda Darnell ha interpretato la cameriera. 

Centennial Summer (1946), fu il successivo film di Preminger. Le recensioni e il pubblico furono entusiastici quando il film uscì nel luglio 1946, ma alla fine di quell’anno Preminger aveva uno dei contratti più eccezionali del settore cinematografico, guadagnando $ 7.500 a settimana.

Forever Amber, basato sul romanzo Forever Amber di Kathleen Winsor, pubblicato nel 1944, fu il successivo investimento di Zanuck. Preminger aveva letto la storia e non gli era piaciuta. Preminger aveva in mente un altro bestseller rivolto a un mercato di riferimento femminile, Daisy Kenyon. Zanuck ha giurato che se Preminger avesse fatto Forever Amber inizialmente, avrebbe potuto fare Daisy Kenyon dopo. Quando Preminger ha sostituito il regista John Stahl, Forever Amber era in produzione già da quasi sei settimane. Zanuck aveva già investito quasi 2 milioni di dollari nella produzione.

Subito dopo aver contato sul suo manoscritto modificato, Preminger scoprì che Zanuck aveva effettivamente sostituito Linda Darnell. Zanuck era convinto che chiunque avesse interpretato Amber sarebbe diventata una grande star, e voleva che quella donna fosse tra le stesse dello studio. 

Zanuck aveva effettivamente acquistato il libro poiché credeva che la sua credibilità assicurasse grandi guadagni al botteghino, e inoltre non è rimasto stupito quando la Legion of Decency cattolica ha condannato il film per aver descritto un’eroina promiscua che ha un figlio fuori dal matrimonio; hanno fatto pressioni sulla 20th Century Fox per apportare modifiche al film. Forever Amber uscì nell’ottobre 1947 e ottenne recensioni rispettabili. Preminger lo ha definito “il film più costoso che abbia mai realizzato ed è stato inoltre il peggiore”.

Preminger ha mantenuto un programma frenetico, lavorando con gli sceneggiatori per 2 progetti pianificati, Daisy Kenyon (1947) e The Dark Wood; quest’ultimo non è stato realizzato. Joan Crawford ha recitato in Daisy Kenyon insieme a Dana Andrews, Ruth Warrick e Henry Fonda. Variety ha proclamato il film “un melodramma di grande potenza, infallibile per il mercato femminile”. 

Dopo il piccolo successo di Daisy Kenyon, Preminger vede in That Lady in Ermine un’ulteriore opportunità. Betty Grable è stata scritturata al fianco di Douglas Fairbanks, Jr. Il film era stato in precedenza un altro lavoro di Lubitsch, ma dopo la scomparsa prematura di Lubitsch nel novembre 1947, Preminger ne prese il controllo. Il suo film successivo era basato sul ventaglio di Lady Windermere. Durante la primavera e l’inizio dell’estate del 1948 Preminger trasformò la commedia di Oscar Wilde in The Fan (1949), con Madeleine Carroll. Il film ebbe problemi di censura.

Numerosi suoi film trattavano di tabù e motivi controversi, irritando così sia il Codice di censura della Motion Picture Association of America’s Production che la lista nera di Hollywood. La Catholic Legion of Decency ha condannato la commedia The Moon Is Blue (1953) per gli standard etici. Il film era basato su un’opera teatrale di Broadway che aveva ispirato manifestazioni di massa per l’uso delle parole “vergine” e anche “in attesa”. 

Rifiutando di sbarazzarsi delle parole irritanti, Preminger ha effettivamente lanciato il film senza il sigillo di approvazione del codice di produzione. Basato sul romanzo di Nelson Algren, L’uomo dal braccio d’oro (1955) è stato tra i primi film di Hollywood a prendersi cura della dipendenza da eroina.

Più tardi, Anatomy of a Murder (1959), con le sue oneste conversazioni in tribunale di stupri e rapporti sesuali, ha portato i censori a opporsi all’uso di parole come “stupro”, “sperma”, “orgasmo sessuale” e “penetrazione” . Preminger ha tuttavia ceduto alle richieste di tagli e l’immagine è stata rilasciata con l’approvazione. 

Con Exodus (1960) Preminger ha sferrato un primo duro colpo contro la lista nera di Hollywood dando spazio allo sceneggiatore proibito Dalton Trumbo. Il film è un adattamento del bestseller di Leon Uris sull’inizio dello stato di Israele. Preminger ha anche recitato in alcuni film, tra cui il ruolo del comandante della Luft-Stalag della seconda guerra mondiale, Oberst von Scherbach del campo di prigionia tedesco Stalag 17 (1953), diretto da Billy Wilder.

Dalla metà degli anni ’50, molti film di Preminger utilizzavano titoli animati creati da Saul Bass e molti avevano colonne sonore jazz. Alla New York City Opera, nell’ottobre 1953, Preminger diresse la prima americana dell’opera Der Prozeß di Gottfried von Einem, basata sul romanzo di Franz Kafka Il processo. Preminger ha anche adattato due opere per lo schermo nel corso del decennio. Carmen Jones (1954) è una rielaborazione dell’opera di Bizet Carmen in un’ambientazione afroamericana in tempo di guerra mentre Porgy and also Bess (1959) è basata sull’opera di George Gershwin. I suoi 2 film dei primi anni ’60 furono Advise & Consent (1962), un dramma politico dal bestseller di Allen Drury con un sottotema omosessuale, e The Cardinal (1963), un dramma ambientato nella gerarchia vaticana per la quale Preminger ricevette la sua seconda nomination all’Oscar.

Film successivi

Otto_Preminger

A partire dal 1965, Preminger ha realizzato una serie di film in cui ha tentato di creare storie originali, tra cui In Harm’s Way (1965) e Dimmi che mi ami, Junie Moon (1970 ), un flop sia di critica che economico. Hurry Sundown (1967) è un grande dramma ambientata nel sud degli Stati Uniti ed è stato in parte progettato per rompere i tabù razziali e legati al sesso. Il film è stato accolto male e ridicolizzato per un approccio pesante e per il dubbio casting di Michael Caine per il ruolo di un sudamericano.

Hurry Sundown ha segnato un declino nella reputazione di Preminger, poiché è stato seguito da molti altri film che erano fallimenti commerciali e di critica, tra cui Skidoo (1968), uno sforzo infruttuoso in una commedia alla moda degli anni Sessanta e Rosebud (1975), un thriller sul terrorismo che è stato altrettanto criticato negativamente. Numerose controversie con le star hanno ulteriormente danneggiato la carriera di Preminger. Il suo ultimo film, un adattamento del romanzo di spionaggio di Graham Greene The Human Factor (1979), ebbe problemi finanziari.

Lo stile di Otto Preminger

Sia come regista che come produttore dei suoi stessi film, Preminger ha continuamente esplorato nuovi territori, testando standard consolidati e tabù a Hollywood. Era anche noto per la sua efficacia come regista: per la maggior parte della sua carriera ha terminato regolarmente i suoi film nei tempi previsti e nel budget. Prediligeva regolarmente riprese lunghe, dialoghi spesso registrati con due macchine da presa. 

John Ford era conosciuto per metodi simili, come girare il maggior numero di riprese possibile e “tagliare direttamente nella macchina da presa”, ed è anche probabile che Preminger preferisse questi metodi per gli stessi motivi di Ford, che aveva imparato dalla dura esperienza che catturare il minor numero possibile di scene riduce i costi, riducendo anche al minimo la capacità dei dirigenti dello studio di ritagliare i loro film mutilando l’idea originale del regista.

Tuttavia, nonostante la sua visione sociale liberale, Preminger finì per essere famoso per la sua personalità prepotente e sgradevole, il suo carattere esplosivo, tanto che gli cucirono addosso etichette come “Otto the Terrible” e anche “Otto l’Orco”, sebbene sia stato ipotizzato che il carattere dispotico di Preminger e il comportamento violento fossero in una certa misura una posa calcolata, progettata per ottenere promozioni, mantenere i suoi attori e la squadra sotto il suo controllo, e anche mantenere lontani i dirigenti dello studio che interferivano.

Preminger ha avuto un paio di conflitti con le star principali con cui ha lavorato. Lana Turner (originariamente scelta per il ruolo che alla fine sarebbe stato di Lee Remick) ha rinunciato ad Anatomy of a Murder un mese prima dell’inizio delle riprese, a causa di un conflitto riguardo al suo guardaroba, con Turner che ha detto alla stampa che non poteva sopportare la prepotenza di Preminger, e anche la famosa star britannica Paul Schofield apparentemente ha lasciato Saint Joan dopo essere stato coinvolto in un acceso disaccordo con Preminger durante la prima lettura della sceneggiatura.

Laurence Olivier, che ha interpretato un assessore alle autorità nel thriller Bunny Lake Is Missing (1965), girato in Inghilterra, ha ricordato nel suo libro di memorie Confessions of an Actor di aver scoperto Preminger un “bullo”. Adam West, che interpretava il protagonista nella serie televisiva Batman degli anni ’60, ha fatto eco al punto di vista di Olivier. Teneva a mente Preminger, che interpretava Mr. Freeze, come scortese oltre che insopportabile.

Preminger è diventato famoso per il suo comportamento prepotente e offensivo nei confronti della sua troupe, ed era anche particolarmente intollerante nei confronti delle star meno esperte: si dice che avesse memorizzato completamente ogni riga di ogni sceneggiatura prima dell’inizio delle riprese, e si sarebbe arrabbiato con qualsiasi attore che faticava a tenere a mente le loro battute. Il musicista Elmer Bernstein, che ha collaborato a The Man with the Golden Arm, ha ricordato: “Era un personaggio spaventoso. Credevo che mi avrebbe buttato fuori dall’ufficio quando gli ho detto che quello che avevo in mente era di fare una colonna sonora basata sul jazz”. Tuttavia essa era la qualità caratteriale per cui Preminger era stato assunto dagli studios, era quello di cui avevano bisogno.

Linda Darnell era un altro bersaglio frequente dell’umore di Preminger: secondo quanto riferito, le ha urlato quasi ogni giorno per due mesi durante le riprese di Forever Amber. Lei lo detestava, e il mix di lunghe ore di riprese, pesante perdita di peso e le continue discussioni con Preminger hanno fatto crollare Darnell due volte durante le riprese, ed è stata convinta a prendersi dieci giorni di ferie da un medico. Durante le prove per la commedia di Herman Wouk “A Modern Primitive”, Preminger ha urlato così violentemente a un attore che l’uomo ha subito un esaurimento nervoso, e anche un testimone in seguito ha commentato: “Non avevo mai visto tale terrificante rabbia in chiunque”, descrivendo il regista come avente “vasi sanguigni che sporgono sulla fronte” e “schiuma alla bocca”.

16 film di Otto Preminger da non perdere

Vertigine – 1944

Il primo vero classico di Otto Preminger, “Laura” è una miscela di film noir, melodramma e racconto investigativo, con una delle colonne sonore più iconiche degli anni ’40 (Il tema di Laura del compositore David Raksin ” è ora uno classico jazz). Incentrato sul caso dell’omicidio di Laura (Gene Tierney) da parte dell’investigatore Mark (Dana Andrews, nel primo dei 4 film per Preminger), il cast del film include Vincent Price, Judith Anderson (nota per il ruolo in  “Rebecca” di Alfred Hitchcock), e Clifton Webb, la cui aperta omosessualità implicava che Preminger difendesse il suo casting. Laura è stato un grande successo: oscar per il miglior regista con lancio di Preminger per una delle filmografie più varie e coinvolgenti di Hollywood. 

Un angelo è caduto – 1945

Un noir elegantemente diretto, coinvolgente e carico di colpi di scena, con Dana Andrews, una delle migliori star di Preminger che sarebbe apparsa in quattro dei suoi primi film. “Laura” è generalmente considerato il miglior film di Preminger degli anni ’40, ma “Fallen Angel” è allo stesso livello. Il film inizia con un truffatore indigente (Andrews) che arriva in una sonnolenta cittadina fuori San Francisco e incontra alcuni truffatori (John Carradine) che cercano di derubare i cittadini ignoranti dei loro soldi con una seduta spiritica. 

Preminger racconta una storia in modo acuto e coinvolgente grazie alla trama vincente dello sceneggiatore Kleiner. Un film noir avvincente, Preminger al suo vertice, con una bella fotografia in bianco e nero di Joseph LaShelle (Oscar per “Laura”).

L’amante immortale – 1947

“Non sono affascinante. Non c’è melodramma nella mia vita…” afferma Daisy Kenyon di Joan Crawford, tra le sue interpretazioni cinematografiche più misurate e di successo. Come non ricordare Crawford come interprete, nei suoi momenti più emozionanti? Bloccata in una relazione reciprocamente distruttiva con un pidocchio ai vertici della professione di avvocato, la vita di Daisy viene sconvolta quando inizia un delicato corteggiamento di Fonda, uomo delle forze armate. L’intreccio del triangolo amoroso è attualmente la struttura narrativa in qualsiasi tipo di soap opera, l’accuratezza dello stile discreto di Preminger aumenta la tensione del film. Sebbene non mostri esattamente la stessa ossessione compulsiva dei melodrammi sfacciati e isterici di Douglas Sirk,” il secondo ritratto di donna di Preminger, dopo “Angel Face” è uno dei suoi lavori più ricercati. 

Crawford, Andrews e Fonda sono inconoscibili e volubili come la tavolozza estetica del chiaroscuro del regista e, sebbene di solito venga erroneamente inserito nella lista di film noir che Preminger ha fatto con la 20th Century Fox, è una classificazione che ignora il vero tema del film: un’odissea nel disordinato mondo delle relazioni.

Il segreto di una donna – 1949

” Whirlpool “, sebbene sia una storia ben raccontata, lotta con “Laura” e i vari altri lavori del regista, molto più ricordati. Tierney, che interpreta una delicata signora della società che soffre di problemi di cleptomania è, in qualche modo, un personaggio precursore di “Marnie” di Hitchcock. Un giorno, prendendo una spilla da sopra il bancone di un negozio, Ann Sutton (Tierney), una donna apparentemente tranquilla sull’orlo della nevrosi che vive all’ombra del suo partner, viene salvata da un “umile astronomo” chiamato David Korvo. 

In vero stile noir, Korvo è il malvagio, così come Jose Ferrer sembra divertirsi un mondo mettendo in evidenza le sue nefaste perversioni. Sebbene la sceneggiatura del film di Ben Hecht si risolva in un modo pacato che implica tutti i tipi di deus ex-machina e incantesimi senza senso, il racconto sembra piuttosto appropriato per un film sulla malvagità dell’ipnoterapia, magico, ammaliante e simile alla trance. Nelle mani di Preminger diventa una lucida follia. 

Sui marciapiedi – 1950

Scritto dallo sceneggiatore due volte vincitore di un Oscar Ben Hecht (“La signora venerdì”, “A qualcuno piace caldo”, “Spellbound” di Hitchcock, “Notorious”). “Where the Sidewalk Ends” non è così noto come il resto del lavoro di Preminger, ma è, a prescindere, un film noir tradizionale. Ancora una volta interpretato da due delle prime muse, “Laura” è interpretato da Dana Andrews e dall’affascinante Gene Tierney, Hecht pone una cupa domanda che Preminger è felice di strutturare nel modo più oscuro e grintoso: sei semplicemente il prodotto della tua natura? 

Andrews interpreta Dixon, un investigatore insensibile e cinico, conosciuto da tutti per i suoi modi terribili. Odia i reati penali perché suo padre era un criminale e anche ora ha una scheggia di dimensioni mostruose sulla sua spalla a causa di certi teppisti. Dixon uccide inavvertitamente uno scommettitore da due soldi per legittima difesa. In preda al panico oltre a pensare al peggio, tenta di gettare via il corpo, ma ottiene accidentalmente l’omicidio di un tassista innocente (Tom Tully). 

Karl Malden interpreta il personaggio di Andrews, un ragazzo convinto che l’autista del veicolo sia malato e anche colpevole dei metodi brutali di Andrew. Sebbene sia un piccolo film, ciò che rende unico “Sidewalk” è la psicologia dietro il suo protagonista; la situazione morale che lo perseguita, la sua richiesta disperata di essere qualcosa di più di suo padre e la restante sensazione misantropica che lui semplicemente non va bene. Inoltre, la paura che traspira dalla sua mente mentre cerca di riscattarsi, di non farsi beccare e anche di non impiccare un uomo innocente è un avvincente racconto in stile noir. 

Seduzione mortale – 1952

“Angel Face” si trova in quello che è normalmente considerato il periodo di punta della produzione cinematografica di Preminger mentre era sotto contratto per la 20th Century Fox, tuttavia era stato cercato dalla RKO. Howard Hughes, che possedeva la RKO, chiese a Preminger la sceneggiatura, che all’epoca aveva il titolo innovativo di “Murder Story”, basata su omicidi nella vita reale in cui due giovani furono accusati di aver fatto esplodere i genitori della donna. 

Jean Simmons (la futura “faccia d’angelo”) era sotto contratto con la RKO solo per altri 18 giorni di riprese, inoltre Hughes e Simmons avevano recentemente litigato, una discussione feroce che ha portato Simmons a tagliare tutti i capelli. Questo film è stato il modo in cui Hughes si è vendicato: ha fornito carta bianca a Preminger sul film (incluso la sceneggiatura), stabilendo solo che Simmons doveva indossare una lunga parrucca nera per tutto il film. Preminger era d’accordo. 

Sebbene diverse storie di litigi tra Robert Mitchum, Preminger e Simmons, sono state Simmons e Hughes ad apparire vincitori alla fine: “Angel Face” è uno dei migliori ruoli della sua carriera, al contrario di Mitchum. Un noir tradizionale relativamente dimenticato che include Simmons nel ruolo di Diane Tremayne, la tipica femme fatale, e Mitchum nei panni di un affascinante antieroe altrettanto ambiguo, Frank Jessup. Il loro rapporto di lavoro, basato su convinzioni errate, finisce in conflitto.

Carmen Jones – 1954

C’è qualcosa di veramente curioso riguardo a questo piccolo film. Basato sull’opera teatrale di Broadway degli anni ’40, Preminger sceglie la meravigliosa Dorothy Dandridge per interpretare la seduttrice titolare che si ritrova a giocare con una serie di sciocchi (tra cui un ufficiale militare e un noto pugile), che alla fine porta alla sua morte. Pieno zeppo di drammatizzazioni coinvolgenti, il film è in realtà più uno sconcerto dai toni bizzarri che un film di successo. Scegliere una protagonista femminile era decisamente controcorrente, così come inserire un attore nero nel cast.

La magnifica preda – 1954

Mentre la struttura di Frank Fenton è liberamente ottenuta da “The Bicycle Thief”, non c’è praticamente alcuna possibilità che tu crei il collegamento a meno che tu non controlli quei dettagli da qualche parte. Ambientato in Canada durante la corsa all’oro del 19° secolo, una corpulenta Marilyn Monroe interpreta una radiosa cantante/ballerina in una storia di avventura e vendetta girata in CinemaScope.

Il film d’azione western di Preminger del 1954 ha 3 personaggi principali: (Rory Calhoun), un contadino che è stato ingannato da un mascalzone (Robert Mitchum) e una moglie illogicamente tranquilla (Marilyn Monroe). Una coppia (Monroe, Calhoun) viene salvata su un fiume in tempesta da un contadino. (Mitchum). Il contadino viene derubato dall’uomo affamato d’oro sotto la minaccia di una pistola. Con gli indiani alle calcagna e nessuna arma per proteggersi, il papà, il cantante e suo figlio devono inseguire l’uomo che ha preso i loro destrieri, armi e denaro. 

L’uomo dal braccio d’oro – 1956

Un dramma degli anni ’50 con Frank Sinatra nei panni di un eroinomane. Mentre ogni anno vengono create molti film indipendenti sull’abuso di droghe, lo sguardo serio di Preminger sulla dipendenza era rivoluzionario all’epoca. Frankie “Machine” di Sinatra lascia la prigione come un uomo nuovo con il sogno di diventare un batterista. Nel momento stesso in cui esce, si ritrova circondato dai teppisti che era solito frequentare in passato e sua moglie in sedia a rotelle Zosh. Frankie ricade in cattive abitudini.

Sinatra è un po’ troppo pulito e di bell’aspetto per sembrare un drogato, ma le sue voglie maniacali sono ben interpretate e il rifiuto del regista di edulcorare la vicenda fa bene al film. Otto è ancora al di sopra dei suoi colleghi coetanei in questo film: sia che stia catturando una scena con una ripresa unica o che stia lasciando indugiare un personaggio nel finale di una scena, questo regista aveva una visione molto introspettiva, mentre i suoi colleghi contemporanei erano più propensi a realizzare l’uso di movimenti della macchina da presa o dissolvenze incrociate frettolose nel momento in cui un personaggio smetteva di parlare. 

Buongiorno tristezza – 1958

Il primo film di Preminger con la sua scoperta Jean Seberg, “St. Joan”, è stato un fallimento sia monetario che di critica. Preminger le ha fornito una seconda possibilità con “Bonjour Tristesse”, tratto dall’omonimo bestseller francese di Francois Sagan. Girato in Cinemascope con riprese lunghe, il film mostra 5 personaggi, le loro relazioni mutevoli e i desideri, dando un’occhiata agli effetti devastanti dell’ozio. Preminger utilizza il bianco e nero con i classici richiami della Costa Azzurra con un Technicolor iperrealistico e abbagliante, in netto contrasto con il cupo bianco e nero. 

“Bonjour Tristesse” ha notoriamente portato Seberg all’interesse di Jean-Luc Godard, che l’ha scelta per il suo primo film “Breathless”. È stato citato per aver affermato che Patricia di Seberg in “Breathless” arriva da dove Cecile si era interrotta in “Bonjour Tristesse”.

Anatomia di un omicidio – 1959

È particolare che “Anatomy of a Murder” non venga realizzato oggi, ma probabilmente è molto più sbalorditivo che sia stato realizzato nel 1959. Un procedimento in aula di tribunale con un’ampia durata di 160 minuti, con una rappresentazione esplicita della sessualità più di quanto si vedesse a Hollywood da anni. Forse il film più prezioso di Preminger, ha ottenuto sette nomination all’Oscar, recensioni entusiastiche e successo al botteghino. Ora, mezzo secolo dopo, si erge come un gangster movie, un thriller come non era mai stato rivelato. Concentrandosi sulla protezione di Stewart di un tenente militare (Ben Gazzara) che ha ucciso un barista che ha dichiarato di aver violentato la moglie (Lee Remick), rischia di sembrare un film arido, eppure Preminger bilancia le sfaccettature del processo con la musica di Duke Ellington, con le migliori serie di titoli di Saul Bass.

Il personaggio di Remick è vivace e promiscuo: gran parte della trama si concentra sul fatto che abbia acconsentito al sesso o meno, eppure è l’intensa incertezza etica che rende il film così indimenticabile: come in una situazione reale, non ci sono risposte semplici da scoprire. E anche il cast, che include un cameo dell’avvocato nella vita reale Joseph Welch, l’uomo che ha praticamente danneggiato Joe McCarthy, in qualità di presidente del tribunale, è superbo su tutta la linea. In particolare Stewart, che non ha quasi mai avuto una parte più adatta alla sua identità, così come George C. Scott, il cui ruolo di procuratore distrettuale di una grande città ha introdotto il suo arrivo nel mondo del cinema in modo fantastico (ha avuto una nomination all’Oscar).

Exodus – 1960

Quello che accade quando Otto Preminger si avvicina direttamente a quello che vuole veramente fare è “Exodus”. La storia della genesi di Israele era vicina al cuore del regista ebreo, la cui famiglia scappò direttamente da Hitler in Austria nel 1937. Tuttavia, i suoi noiosi 212 minuti di durata sono troppi. La MGM ha incaricato Leon Uris di scrivere la storia, con l’intento di trasformarla direttamente in un film, ma Preminger, con l’aiuto del fratello Ingo e il denaro contante della United Artists, ha acquistato i diritti dalla MGM e ha sviluppato il lui stesso lo script come produttore/regista/scrittore, collaborando apertamente con l’autore nella lista nera Dalton Trumbo.

Girato in Grecia e Israele, il film segue Ari Ben Canaan (Paul Newman), un attivista che libera una nave di immigrati ebrei europei diretti in Palestina da un campo di detenzione britannico a Cipro, e poi si innamora di una vedova americana (Eva Marie Saint) che si offre volontaria come infermiera nel campo di detenzione. Di gran lunga la migliore interpretazione e la trama più avvincente è quella di Dov Landau (Sal Mineo), un adolescente sopravvissuto ad Auschwitz che entra a far parte del gruppo terroristico israeliano Irgun. Mineo è affascinante (oltre ad aver ottenuto una nomination all’Oscar) come interprete di un giovane angosciato e arrabbiato. Preminger utilizza perfettamente il movimento della macchina da presa per unire i personaggi e il racconto. Indimenticabile la scena in cui, in una lunga ripresa ininterrotta, Landau passa dall’ammettere in lacrime il suo trauma del tempo di guerra al giurare alacremente la sua fedeltà a Irgun sulla Torah .

Allo stesso modo, una sequenza quasi priva di dialoghi viene eseguita magistralmente, ispirando il pubblico a volere che il film fosse quasi Landau e Irgun senza tutta la storia d’amore conflittuale e senza discorsi politici. È una storia ben raccontata, ma non leggendaria come vari altri film della sua dimensione. Vale la pena guardarla per le interpretazioni e le belle location, ma è più intrigante come parte della biografia di Preminger come produttore/regista multitasking che lavora attorno al sistema dello studio per realizzare i suoi progetti personali.

Tempesta su Washington – 1962

Anche se superficialmente, potrebbe non essere uno dei film più dinamici e neanche con l’argomento più sexy al mondo: le votazioni del Congresso sull’opportunità di promuovere un aiutante del presidente a segretario di stato , il dramma politico di Otto Preminger del 1964 diventa piuttosto un esame della politica nazionale vendicativa e amorale e anche dei litigi interni al Congresso.

Basato su un romanzo vincitore del Premio Pulitzer, è una storia spaventosamente complessa, tuttavia godibile grazie a un cast eccezionale tra cui Henry Fonda, il meraviglioso Charles Laughton nel suo ultimo ruolo, Peter Lawford, Walter Pidgeon, Burgess Meredith e anche la migliore interpretazione della futura celebrità di “Knots Landing” Don Murray.

Sempre in anticipo sui tempi , Preminger è stato uno dei primi registi a gestire liberamente l’indagine sull’omosessualità, oltre a far interpretare a Fonda una personalità con un background comunista, ogni volta che molti erano ancora nella lista nera per tali associazioni. Forse è guidato ancora di più dai problemi di “Anatomia di un omicidio”, lasciando spesso che il dramma arrivi al secondo posto. Tuttavia, come in quel film, è la miseria morale e l’assenza di soluzioni semplici che rendono il film significativo. Un film ingiustamente trascurato.

Bunny Lake è scomparsa – 1965

“Bunny Lake is Missing” racchiude tutti gli aspetti indesiderati dell’identità registica di Preminger. La storia descrive una giovane donna americana a Londra, Anne, che scopre che sua figlia, Bunny, è scomparso dall’istituto. Nessuno sembra ricordare Bunny, e l’ispettore (Laurence Olivier) si domanda se Bunny esista al di fuori dell’immaginazione di sua madre. Girato in un bianco e nero immacolato, che trasuda quel vero marchio britannico della surrealtà degli anni ’60 (i luoghi di Londra sono utilizzati per effetti inquietanti) e aperto con una serie di titoli di Saul Bass notevoli, il film è sbalorditivo. La performance di Lynley si stabilizza più avanti nel film, fornendo ad Anne sottigliezze che forse una star non avrebbe potuto avere.

Considerando che si tratta di Preminger, ci sono torbide correnti sotterranee: la relazione fratello/sorella è incestuosa e il personaggio di Noel Coward, che in seguito mostra la sua collezione di fruste alle autorità, sembra lì solo per aumentare la devianza sessuale. Ci sono anche alcuni meravigliosi attori britannici nei personaggi secondari e la brillante fotografia di Denys N. Coop.

E venne la notte – 1967

Basato su un best-seller allora attuale della coppia Katya e Bert Gilden, “Hurry Sundown” deve essere sembrato un successo in divenire. Chi meglio di lui può affrontare questa dramma con una sana ed equilibrata dose di desiderio e anche di razzismo? Il cugino angelico Rad (John Phillip Law) lotta contro le macchinazioni non etiche di schivare la leva, abusare di bambini e suonare il sassofono del cugino Henry (Michael Caine).

Henry vuole una terra inestimabile, una storia raccontata da Rad, che è tornato a casa dalla guerra. Reeve è un maschio di colore che lavora sodo e non si fida di persone bianche. Preminger dirige con abilità, ma il film gli sfugge in alcune sequenze. A lungo termine, “Hurry Sundown” molto probabilmente sembrava davvero datato quando è stato lanciato e ora sembra assolutamente antico. Un film minore nell’ultimo periodo della carriera del regista.

Skidoo – 1968

Quando Timothy Leary collabora con Alejandro Jodorowsky, esce “The Holy Mountain”. Quando presenta all’LSD Otto Preminger e Groucho Marx (che qui interpreta un criminale chiamato Dio), ci ritroviamo con questo film che suona come una scusa per l’analisi degli hippy. Nel cast c’è Carol Channing, Frankie Avalon, George Raft, Mickey Rooney e i cattivi di “Batman” Cesar Romero, Burgess Meredith e Frank Gorshin. “Skidoo” termina in modo sconcertante, con Harry Nilsson che canta la più grande pubblicità contro la droga che il mondo abbia mai prodotto: se espandere la tua mente provoca questo, restiamo tutti dentro per il resto delle nostre vite.

Centinaia di film e documentari selezionati senza limiti

Nuovi film ogni settimana. Guarda su qualsiasi dispositivo, senza nessuna pubblicità. Annulla in qualsiasi momento.
error: Content is protected !!

Inizia ora a guardare centinaia di titoli disponibili gratis per 7 giorni

Resta in contatto

Iscriviti alla newsletter per ricevere nella tua casella di posta comunicazioni sui nuovi film in uscita, nuovi articoli, eventi, offerte e sconti.