L’uomo che cadde sulla Terra

Indice dei contenuti

“L’uomo che cadde sulla Terra” (The Man Who Fell to Earth) è un film di fantascienza del 1976, diretto da Nicolas Roeg e basato sul romanzo omonimo di Walter Tevis. Il protagonista del film è Thomas Jerome Newton, un alieno che arriva sulla Terra con l’obiettivo di salvare la sua specie, che sta morendo a causa di una grave crisi di risorse sul suo pianeta d’origine.

Newton (interpretato da David Bowie) cerca di ottenere il denaro necessario per costruire una nave spaziale che gli permetta di portare acqua sulla Terra, salvando così il suo popolo. Per farlo, crea un’impresa che produce e vende brevetti avanzati di tecnologia spaziale, ma si scontra presto con la malvagità e la corruzione della società umana.

Il film esplora temi come l’isolamento, la solitudine e la disumanizzazione, mostrando come l’esperienza di Newton sulla Terra lo cambi in modo profondo e irrevocabile. Il film è stato molto apprezzato dalla critica per la sua fotografia evocativa, la colonna sonora di Bowie e la performance di attori come Rip Torn e Candy Clark.

“L’uomo che cadde sulla Terra” è considerato un classico del cinema di fantascienza e ha ispirato numerose opere successive, tra cui la serie di fumetti “The Incal” di Alejandro Jodorowsky e Moebius. 

SCEGLI UN FILM DA GUARDARE

Trama

La trama di “L’uomo che cadde sulla Terra” segue l’arrivo di Thomas Jerome Newton (interpretato da David Bowie), un alieno proveniente dal pianeta Anthea, sulla Terra. Newton arriva sulla Terra con l’obiettivo di salvare il suo popolo dalla distruzione, causata da una grave crisi di risorse sul suo pianeta d’origine.

Per far fronte alla situazione, Newton cerca di ottenere il denaro necessario per costruire una nave spaziale in grado di trasportare l’acqua sulla Terra, salvando così il suo popolo. Per fare ciò, crea un’impresa che produce e vende brevetti avanzati di tecnologia spaziale.

Durante il suo soggiorno sulla Terra, Newton incontra Mary-Lou (interpretata da Candy Clark), una giovane donna che diventa la sua amante, e il professore Nathan Bryce (interpretato da Rip Torn), che lo aiuta a proteggere la sua impresa dalla corruzione e dalla cupidigia degli uomini d’affari.

Ma, nonostante i suoi sforzi, Newton si scontra con l’ostilità e l’avidità della società umana, che cerca di sfruttare la sua tecnologia per scopi militari e commerciali. Inoltre, la solitudine e l’isolamento che prova sulla Terra lo portano a diventare sempre più distaccato e disumanizzato, fino a perdere il contatto con il suo popolo e la sua stessa natura aliena.

Personaggi del film 

Ecco i principali personaggi del film “L’uomo che cadde sulla Terra”:

Thomas Jerome Newton (interpretato da David Bowie): un alieno proveniente dal pianeta Anthea che arriva sulla Terra con l’obiettivo di salvare il suo popolo dalla distruzione. Newton è un personaggio enigmatico e isolato, che cerca di adattarsi alla società umana, ma alla fine perde la sua identità e la sua natura aliena.

Mary-Lou (interpretata da Candy Clark): una giovane donna che diventa l’amante di Newton e lo aiuta nella sua missione sulla Terra. Mary-Lou è un personaggio semplice e genuino, che si lega a Newton nonostante la sua stranezza e la sua natura aliena.

Nathan Bryce (interpretato da Rip Torn): un professore universitario che diventa un alleato di Newton e lo aiuta a proteggere la sua impresa dalla corruzione e dalla cupidigia degli uomini d’affari. Bryce è un personaggio ambiguo e complesso, che cerca di comprendere la natura aliena di Newton e di sfruttare la sua tecnologia per scopi personali.

Oliver Farnsworth (interpretato da Buck Henry): un uomo d’affari che cerca di sfruttare la tecnologia di Newton per scopi commerciali e militari. Farnsworth è un personaggio cinico e senza scrupoli, che rappresenta l’avidità e la corruzione della società umana.

Trevor (interpretato da Bernie Casey): un uomo di colore che lavora per la compagnia di Farnsworth e che diventa amico di Newton. Trevor è un personaggio leale e onesto, che cerca di aiutare Newton nonostante le difficoltà e l’opposizione dei suoi superiori.

SCEGLI UN FILM DA GUARDARE

Produzione 

“L’uomo che cadde sulla Terra” è un film del 1976, diretto da Nicolas Roeg, basato sul romanzo omonimo di Walter Tevis del 1963. Il film è stato prodotto dalla British Lion Film Corporation e dalla Cinema 5 Distributing.

David Bowie, che interpreta il protagonista alieno Thomas Jerome Newton, ha anche contribuito alla colonna sonora del film, insieme a Paul Buckmaster. La colonna sonora è stata molto apprezzata e ha contribuito al successo del film.

Il film è stato girato principalmente a New Mexico, in diversi luoghi tra cui Albuquerque, White Sands e la cittadina di Roswell, famosa per il presunto avvistamento di un UFO nel 1947. La fotografia del film, curata da Anthony B. Richmond, è stata molto apprezzata per l’uso di luci e colori che creano un’atmosfera onirica e surreale.

Il budget del film è stato di circa 1,5 milioni di dollari, ed è stato distribuito inizialmente in Inghilterra nel 1976, per poi essere distribuito in tutto il mondo. Il film ha ottenuto un grande successo di critica, ma ha avuto meno successo commerciale, diventando tuttavia un cult movie nel tempo.

Distribuzione e accoglienza 

“L’uomo che cadde sulla Terra” è stato distribuito per la prima volta nel Regno Unito nel maggio del 1976, mentre negli Stati Uniti è uscito in settembre dello stesso anno. Il film ha ottenuto un grande successo di critica, con molti critici che hanno elogiato la sua originalità e la sua innovativa mescolanza di fantascienza, dramma e satira sociale.

Nonostante le recensioni positive, il film non ha avuto molto successo commerciale, probabilmente a causa della sua struttura non lineare e della sua narrazione frammentata. In seguito, tuttavia, il film è diventato un cult movie, soprattutto grazie alla performance di David Bowie e alla sua colonna sonora.

In generale, il film è stato apprezzato per la sua atmosfera onirica e surreale, la fotografia suggestiva, la colonna sonora avanguardista e la recitazione intensa e commovente di David Bowie. Il film è stato anche apprezzato per la sua capacità di affrontare temi importanti come l’isolamento, la solitudine, l’alienazione, la corruzione e l’avidità del potere.

Nel corso degli anni, “L’uomo che cadde sulla Terra” è stato rivalutato dalla critica e considerato un classico della fantascienza e del cinema sperimentale. Il film è stato anche oggetto di numerosi remake e riferimenti in altri film, serie TV e opere artistiche.

Stile

“L’uomo che cadde sulla Terra” è stato diretto da Nicolas Roeg, che è noto per il suo stile sperimentale e non convenzionale. Il film si distingue per la sua struttura narrativa frammentata e non lineare, che scompone la trama in una serie di sequenze temporali non ordinate. Questa struttura narrativa, insieme alla fotografia suggestiva e alla colonna sonora avanguardista, crea un’atmosfera onirica e surreale che permea tutto il film.

Il film è anche caratterizzato dall’uso di immagini e simboli forti, come l’immagine ricorrente della scarpa, che rappresenta l’alienazione e l’isolamento di Newton. L’uso del colore e della luce è anch’esso molto importante, con l’uso di toni freddi e bluastri per rappresentare l’alienazione e l’isolamento del protagonista, e toni caldi e dorati per rappresentare la speranza e la vitalità.

La colonna sonora del film, curata da David Bowie e Paul Buckmaster, è anch’essa molto importante per lo stile del film. La colonna sonora presenta una combinazione di strumenti acustici e sintetizzatori, che creano un suono avanguardista e futuristico. La canzone “Space Oddity” di Bowie è utilizzata nel film come tema principale di Newton, e diventa un simbolo del suo desiderio di tornare a casa.

Nel complesso, “L’uomo che cadde sulla Terra” è uno dei film più innovativi e sperimentali degli anni ’70, che ha influenzato molti altri film successivi. Il suo stile unico e la sua combinazione di fantascienza, dramma e satira sociale lo rendono un classico del cinema sperimentale e della fantascienza.

SCEGLI UN FILM DA GUARDARE

Il regista

Nicolas-Roeg

Nicolas Roeg (1928-2018) è stato un regista, sceneggiatore e direttore della fotografia inglese, noto per il suo stile innovativo e sperimentale. Ha iniziato la sua carriera cinematografica come assistente alla fotografia e alla regia, lavorando su film come “Lawrence d’Arabia” di David Lean e “Il dottor Živago” di Lean. Ha poi lavorato come direttore della fotografia su diversi film, tra cui “Fahrenheit 451” di Francois Truffaut e “Il maschio ruspante” di Joseph Losey.

Roeg ha fatto il suo debutto alla regia nel 1970 con il film “Performance”, che ha co-diretto con Donald Cammell. Il film, che vedeva Mick Jagger dei Rolling Stones nel ruolo di protagonista, è stato molto controverso per la sua violenza e la sua tematica sessuale. Tuttavia, ha avuto un grande impatto sulla cultura popolare e ha influenzato molti altri registi.

Dopo “Performance”, Roeg ha diretto diversi altri film innovativi e sperimentali, tra cui “Inverno di fuoco” (1973), “Il mio corpo per un poker” (1974) e “L’uomo che cadde sulla Terra” (1976), che è diventato uno dei suoi film più conosciuti e apprezzati. Roeg ha continuato a dirigere film fino alla fine degli anni ’90, tra cui “Castaway” (1986), “Il cuoco, il ladro, sua moglie e l’amante” (1989) e “Heart of Darkness” (1993).

Nicolas Roeg è stato un regista che ha sempre cercato di rompere le convenzioni e di esplorare nuovi territori cinematografici. Il suo stile innovativo e sperimentale ha influenzato molti altri registi e ha avuto un impatto significativo sulla cultura popolare.

Picture of Indiecinema

Indiecinema