Film strani e assurdi da vedere

Indice dei contenuti

Il cinema è un’arte in grado di esplorare ogni aspetto della realtà, anche quello più oscuro e surreale. I film strani e assurdi sono opere che sfidano il senso comune e ci portano in un mondo in cui tutto è possibile.

Questi film possono essere divisi in due categorie principali: quelli che sono volutamente strani e assurdi, e quelli che lo diventano per caso.

I primi sono opere che nascono da una precisa visione del regista, che vuole creare un’esperienza cinematografica unica e memorabile. Questi film sono spesso caratterizzati da un’originalità e un’inventiva che li rende unici.

I secondi, invece, sono opere che non erano originariamente intese come strane o assurde, ma che lo diventano per una serie di fattori, come il budget limitato, l’improvvisazione degli attori o le scelte di regia. Questi film possono essere altrettanto divertenti e affascinanti dei primi, ma spesso sono anche più imprevedibili e stravaganti.

film-strani-e-assurdi

Ecco alcuni esempi di film strani e assurdi appartenenti alle due categorie:

Categoria 1:

  • Eraserhead (1977) di David Lynch: un incubo in bianco e nero sulla nascita e la morte.
  • The Holy Mountain (1973) di Alejandro Jodorowsky: un’allegoria filosofica e religiosa ricca di immagini surreali.
  • Tetsuo: The Iron Man (1989) di Shinya Tsukamoto: un’allucinante storia di un uomo che si trasforma in un cyborg.
  • Videodrome (1983) di David Cronenberg: un thriller psicologico che esplora i pericoli della tecnologia.
  • Naked Lunch (1991) di David Cronenberg: un adattamento del romanzo di William S. Burroughs sull’uso di droghe e la depravazione umana.
  • Twin Peaks: Fire Walk with Me (1992) di David Lynch: un prequel della serie TV “Twin Peaks” che esplora i misteri della città.
  • Mulholland Drive (2001) di David Lynch: un film noir enigmatico e surreale.
  • Lost Highway (1997) di David Lynch: un thriller psicologico che esplora il tema dell’identità.

Categoria 2:

  • The Wicker Man (1973) di Robin Hardy: un thriller psicologico ambientato in una remota comunità pagana.
  • The Rocky Horror Picture Show (1975) un musical rock camp che ha avuto un enorme successo cult.
  • Repo Man (1984) un film d’azione post-apocalittico con un tocco di umorismo nero.
  • Liquid Sky (1982) un film di fantascienza underground con un’estetica psichedelica.
  • The Toxic Avenger (1984) un film di supereroi trash con un protagonista che è un mostro verde e ripugnante.
  • Beetlejuice (1988) un film di commedia fantasy con un fantasma che aiuta una coppia a cacciare i nuovi inquilini della loro casa.
  • The Big Lebowski (1998) una commedia stoner con un protagonista disoccupato e pigro.
  • Pulp Fiction (1994) un film neo-noir con un’atmosfera pulp e un’estetica postmoderna.

Questi film sono solo alcuni esempi di un genere cinematografico che continua a crescere e a diversificarsi. Sono opere che possono essere apprezzate da un pubblico ampio, ma che sono anche in grado di offrire qualcosa di unico e speciale a chi è alla ricerca di un’esperienza cinematografica diversa dal solito.

Ecco una lista di film strani e assurdi da vedere in ordine cronologico per anno di uscita. Alcuni sono capolavori altri sono film stupidi ma forse vale la pena di dargli un’occhiata per farsi due risate. 

Haxan, la stregoneria attraverso i secoli (1922)

Häxan, la stregoneria attraverso i secoli è un film muto del 1922 diretto da Benjamin Christensen. Il film è un’indagine storica e psicologica sulla stregoneria, dalla sua origine nelle culture primitive fino alle persecuzioni del Medioevo.

Il film è diviso in due parti. La prima parte, intitolata “La stregoneria nelle credenze primitive”, esplora le origini della stregoneria nelle culture primitive. Christensen utilizza una serie di immagini d’epoca, tra cui statue, dipinti e xilografie, per illustrare le credenze di queste culture sulle streghe, i demoni e i riti magici.

La seconda parte, intitolata “La stregoneria nel Medioevo”, si concentra sulle persecuzioni delle streghe nel Medioevo. Christensen utilizza una combinazione di immagini d’epoca e scene drammatiche per raccontare storie di streghe accusate, torturate e bruciate vive.

Häxan è un film sperimentale, strano e assurdo sotto diversi aspetti. Innanzitutto, è uno dei primi film a trattare il tema della stregoneria in modo scientifico e documentario. In secondo luogo, il film utilizza tecniche cinematografiche innovative, come il montaggio alternato e la dissolvenza incrociata, per creare un’atmosfera inquietante e suggestiva.

Una pagina di follia (1926)

Una pagina di follia (1926) è un film muto giapponese diretto da Teinosuke Kinugasa. Il film è un’opera sperimentale e avanguardista, che esplora i temi della follia, della memoria e della repressione.

La storia è ambientata in un manicomio, dove un uomo tormentato dai sensi di colpa accetta di lavorare come inserviente per stare vicino alla moglie impazzita, che ha tentato di annegarsi insieme al figlioletto molti anni fa.

Il film è caratterizzato da una regia visionaria e da un uso espressivo delle immagini. Kinugasa crea un’atmosfera onirica e surreale, che riflette lo stato mentale dei personaggi.

Una pagina di follia è un film strano e assurdo, che può disorientare lo spettatore. Tuttavia, è anche un film affascinante e potente, che lascia un’impressione duratura.

Ecco alcuni esempi di come la parola chiave “film strano e assurdo” può essere inserita in modo naturale nella descrizione del film:

  • “Una pagina di follia è un film strano e assurdo, che esplora i temi della follia in modo visionario e surreale.”
  • “Il film è un’opera sperimentale e avanguardista, che può confondere lo spettatore, ma che è anche affascinante e potente.”
  • “Kinugasa crea un’atmosfera onirica e surreale, che riflette lo stato mentale dei personaggi, in un modo che può risultare strano e assurdo.”

L’angelo sterminatore (1962)

L’angelo sterminatore è un film del 1962 diretto da Luis Buñuel. Il film è un’opera surreale e satirica che esplora le ipocrisie e le contraddizioni della borghesia.

La trama del film è semplice: un gruppo di persone dell’alta società si ritrovano per una cena in una villa. Dopo la cena, gli ospiti si ritrovano intrappolati all’interno di un salottino. Nessuno riesce a uscire, anche se la porta è aperta. I personaggi, inizialmente infastiditi e poi sempre più impauriti, iniziano a perdere il controllo di sé.

Il film è pieno di scene surreali e grottesche, che servono a Buñuel per criticare la borghesia. I personaggi del film sono rappresentati come esseri superficiali e incapaci di affrontare la realtà. La loro ipocrisia e i loro vizi vengono messi a nudo attraverso una serie di situazioni paradossali.

L’angelo sterminatore è un film strano e assurdo, che ha suscitato interpretazioni diverse. Alcuni critici lo hanno visto come una metafora della repressione sociale, altri come una riflessione sull’alienazione dell’individuo nella società moderna.

Il film è stato un successo internazionale e ha contribuito a consolidare la fama di Buñuel come uno dei più grandi registi del XX secolo.

The Wicker Man (1973)

The Wicker Man è un film del 1973 diretto da Robin Hardy. Il film è un thriller psicologico che combina elementi di folklore, paganesimo e religione.

La trama del film è la seguente: Neil Howie, un ispezionatore di polizia di Glasgow, viene mandato sull’isola di Summerisle per indagare sulla scomparsa di una bambina di cinque anni. Quando arriva sull’isola, Howie scopre che la comunità locale è governata da un culto pagano che adora la dea della fertilità.

Howie è un uomo devoto e puritano, e la sua rigida moralità entra in conflitto con le pratiche pagane della comunità. Mentre Howie indaga sulla scomparsa della bambina, inizia a scoprire i segreti oscuri dell’isola.

The Wicker Man è un film strano e assurdo, pieno di scene memorabili e inquietanti. Il film è stato un successo internazionale e ha avuto un forte impatto sulla cultura popolare.

Ecco alcuni esempi di come il film può essere descritto come strano e assurdo:

  • La comunità pagana sull’isola pratica rituali che sono alieni alla cultura cristiana di Howie. Questi rituali includono sacrifici umani, sesso rituale e cannibalismo.
  • Howie è un personaggio che rappresenta la razionalità e la legge. La sua presenza sull’isola crea un senso di disequilibrio e di minaccia.
  • Il film è pieno di ambiguità e di simbolismi. Il significato del film è stato oggetto di dibattito da parte dei critici e degli spettatori.

La montagna sacra (1973)

La montagna sacra è un film del 1973 diretto da Alejandro Jodorowsky. Il film è un’opera surrealista e visionaria che esplora temi come la spiritualità, la religione e l’occulto.

La trama del film è la seguente: un ladro, molto somigliante alla figura di Gesù Cristo, dopo molte disavventure con persone pseudo-religiose, fugge in cima ad una torre che si rivelerà poi il laboratorio di un misterioso alchimista.

Dopo aver preso parte a vari riti iniziatici, l’alchimista gli presenta sette persone, le più potenti della Terra, che incarnano nel particolare le industrie del benessere, bellica, artistica, ludica e la polizia, l’imprenditorato edile e il potere economico, che, insieme a loro, rappresentano le nove concezioni di vita indicate dall’Enneagramma della personalità.

Il film è pieno di scene surreali e grottesche, che servono a Jodorowsky per esplorare i suoi temi in modo provocatorio e provocatorio. I personaggi del film sono rappresentati come esseri complessi e contraddittori, e le loro azioni sono spesso incomprensibili e assurde.

La montagna sacra è un film che ha suscitato interpretazioni diverse. Alcuni critici lo hanno visto come un film allegorico che critica la società moderna, altri come un film visionario che esplora il mondo spirituale.

Il film è stato un successo internazionale e ha avuto un forte impatto sulla cultura popolare. È un film che continua a essere discusso e analizzato oggi.

Alcuni esempi di come il film può essere descritto come strano e assurdo includono:

  • La storia del film è piena di eventi improbabili e bizzarri. Ad esempio, il ladro riesce a fuggire da un gruppo di assassini, a scalare una torre altissima e a partecipare a una serie di riti magici.
  • I personaggi del film sono spesso rappresentati in modo grottesco e caricaturale. Ad esempio, l’alchimista è un uomo eccentrico e misterioso, mentre le sette persone potenti sono rappresentate come dei mostri.
  • Il film è pieno di simbolismi e allusioni esoteriche. Ad esempio, la torre rappresenta la scalata spirituale, mentre le sette persone potenti rappresentano le sette energie dell’Enneagramma.

La stranezza e l’assurdità del film sono ciò che lo rende così memorabile e provocatorio. Il film è una sfida al nostro senso della realtà e ci invita a riflettere sul significato della vita.

Salo o le 120 giornate di Sodoma (1975)

Salò o le 120 giornate di Sodoma, diretto da Pier Paolo Pasolini nel 1975, è un film strano e assurdo in cui la violenza e la depravazione sono rappresentate in modo crudo e senza sconti.

Il film è ambientato a Salò, in Italia, durante l’occupazione nazista. Quattro uomini depravati, rappresentanti dei quattro poteri (il potere politico, il potere economico, il potere religioso e il potere intellettuale), rapiscono un gruppo di giovani uomini e donne e li rinchiudono in una villa. I quattro uomini, che si fanno chiamare i “principi”, sottopongono le loro vittime a torture e sevizie di ogni genere, in un crescendo di violenza che sfocia in un vero e proprio delirio omicida.

Il film è stato fortemente criticato per la sua crudezza e la sua violenza, tanto che Pasolini fu accusato di blasfemia e apologia della pedofilia. Tuttavia, il film è anche un’opera importante e significativa, che rappresenta una critica feroce alla natura umana e alla degenerazione della società.

Alcuni esempi di stranezze e assurdità presenti nel film:

  • I quattro principi sono personaggi grotteschi e caricaturali, che rappresentano l’apocalittica fine della civiltà.
  • Le torture e le sevizie a cui vengono sottoposti i prigionieri sono di una violenza inaudita, e spesso hanno un carattere simbolico e allegorico.
  • Il film è ambientato in una villa decadente e lugubre, che crea un’atmosfera surreale e inquietante.

Il film è sicuramente un’esperienza difficile e disturbante, ma è anche un’opera importante e provocatoria, che ha lasciato il segno nella storia del cinema.

The Rocky Horror Picture Show (1975)

The Rocky Horror Picture Show (1975) è un film musicale commedia horror strano e assurdo che ha guadagnato un seguito di culto per il suo umorismo camp, le canzoni orecchiabili e la rappresentazione rivoluzionaria della sessualità.

Il film segue le disavventure di Brad Majors e Janet Weiss, una coppia che si ritrova bloccata in un castello durante un temporale. Vengono accolti dal Dr. Frank-N-Furter, uno scienziato transessuale stravagante e sessualmente emancipato che sta lavorando alla creazione dell’uomo perfetto.

La stranezza e l’assurdità del film derivano dai suoi molti elementi non convenzionali:

  • Umorismo camp: Il film è pieno di interpretazioni esagerate, costumi ridicoli e dialoghi spiritosi che sono spesso autoreferenziali e sciocchi.
  • Canzoni orecchiabili: Il film presenta una serie di popolari canzoni rock and roll, tra cui “Sweet Transvestite”, “Time Warp” e “I’m Going Home”.
  • Rappresentazione rivoluzionaria della sessualità: Il film è stato uno dei primi film mainstream ad esplorare apertamente temi di sessualità, tra cui omosessualità, travestitismo e promiscuità.

La stranezza e l’assurdità del film hanno contribuito a renderlo un cult. Il pubblico ha imparato ad amare il senso dell’umorismo del film, le sue canzoni orecchiabili e i suoi personaggi non convenzionali. Il film è stato anche elogiato per la sua rappresentazione rivoluzionaria della sessualità, che ha contribuito a abbattere barriere e sfidare le norme tradizionali.

Eraserhead – La mente che cancella (1977)

Eraserhead – La mente che cancella (1977) è un film horror sperimentale scritto, diretto e montato da David Lynch. È il primo lungometraggio diretto da David Lynch, realizzato nell’arco di cinque anni. Il film ad oggi è considerato un vero cult del genere, nonché fonte d’ispirazione per altri registi.

Il film è ambientato in una città industriale post-industriale in cui la vita è cupa e desolata. Il protagonista, Henry Spencer, è un uomo solitario e infelice che vive con la sua ragazza, Mary X. I due hanno un figlio, ma il bambino è un mostro deforme e inquietante. Henry è costretto a prendersi cura del bambino, ma è una prova troppo difficile per lui.

Il film è un viaggio nell’incubo e nella follia. Lynch crea un’atmosfera surreale e inquietante, utilizzando immagini forti e simboliche. Il film è stato elogiato per la sua originalità e la sua visione unica della realtà.

Alcuni elementi che contribuiscono alla stranezza e all’assurdità del film includono:

  • La storia è surreale e bizzarra, con personaggi eccentrici e situazioni improbabili.
  • L’atmosfera è cupa e inquietante, con immagini forti e simboliche.
  • Il film esplora temi complessi e sfumati, come la paternità, la paura della morte e la natura della realtà.

Eraserhead è un film che non lascia indifferenti. È un film che può essere visto come un incubo, una metafora della società moderna o un semplice ritratto della follia umana.

Liquid Sky (1982)

Liquid Sky (1982) è un film avant-garde, di fantascienza e thriller psicologico diretto da Slava Tsukerman. È un film surreale e assurdo che esplora temi di alienazione, sessualità e la natura della realtà.

Il film è ambientato in una New York City distopica degli anni ’80. La protagonista, Natasha, è una modella che lavora in un nightclub. Viene introdotta a un gruppo di alieni che stanno studiando la sessualità umana. Gli alieni sono attratti dall’energia rilasciata dagli umani durante l’orgasmo e usano Natasha per raccogliere questa energia.

Il film è molto stilizzato e presenta molti nudi e violenza. È anche molto sperimentale nell’uso di suono e musica. L’effetto complessivo è un’esperienza sconvolgente e inquietante.

Alcuni elementi che contribuiscono alla stranezza e all’assurdità del film includono:

  • L’atmosfera surreale e onirica del film.
  • I personaggi eccentrici e spesso grotteschi.
  • La trama complicata e a volte insensata.
  • La violenza grafica e spesso scioccante.
  • Il dialogo camp e spesso esilarante.

Il film non è per tutti, ma è un’opera d’arte che fa riflettere che rimarrà con te per molto tempo dopo averlo visto.

 Videodrome (1983)

Videodrome (1983) è un film di fantascienza e horror corporeo diretto da David Cronenberg. È interpretato da James Woods, Sonja Smits e Debbie Harry. Il film è ambientato a Toronto, in Canada, all’inizio degli anni ’80, e segue la storia di Max Renn, un dirigente di una stazione televisiva ossessionato dal trovare nuove e disturbanti trasmissioni.

Max si imbatte in una nuova trasmissione misteriosa chiamata Videodrome, che presenta violenza estrema e contenuti sadomasochisti. Man mano che guarda le trasmissioni, Max diventa sempre più ossessionato da esse e inizia a sperimentare strane allucinazioni e cambiamenti fisici.

Videodrome è un film oscuro e disturbante che esplora la relazione tra tecnologia e identità umana. È anche un avvertimento sui pericoli del consumo eccessivo di media.

Ecco alcuni dei motivi per cui Videodrome è così strano e disturbante:

  • La trama è complicata e intrecciata, con sequenze surreali e oniriche.
  • I personaggi sono eccentrici e spesso grotteschi.
  • La violenza è grafica e disturbante.
  • Gli effetti speciali del film sono impressionanti e orribili.

Videodrome è un film stimolante e disturbante che ti rimarrà impresso a lungo dopo averlo visto. È un must-see per i fan di Cronenberg e horror corporeo.

Repo Man (1984)

Repo Man (1984) è un film di fantascienza e commedia-drammatica diretto da Alex Cox. È interpretato da Emilio Estevez, Harry Dean Stanton e Tracey Walter. Il film è ambientato a Los Angeles nel 1984 e segue la storia di Otto Maddox, un recuperatore di auto che lavora per una società che recupera le auto che hanno ritardato i pagamenti.

Otto è un giovane cinico e nichilista che è disilluso dalla società. Vede il mondo come un luogo corrotto e privo di significato e trae piacere dal suo lavoro perché gli permette di distruggere le proprietà degli altri.

Un giorno, Otto viene incaricato di recuperare una Chevrolet Malibu del 1964 che si ritiene porti un pericoloso dispositivo alieno. Mentre cerca di recuperare l’auto, si ritrova coinvolto in una serie di eventi strani e bizzarri.

Repo Man è un film cupo e umoristico che esplora temi di alienazione, identità e l’inutilità della società consumistica. È un cult che è stato elogiato per la sua originalità e il suo stile unico.

Ecco alcuni dei motivi per cui Repo Man è così strano e bizzarro:

  • La trama è complicata e bizzarra, con svolte e colpi di scena inaspettati.
  • I personaggi sono eccentrici e spesso grotteschi.
  • Il dialogo è tagliente e spiritoso, con molte battute memorabili.
  • L’estetica punk del film è memorabile e distintiva.

Repo Man è un must per i fan di Alex Cox, della cultura punk e dei film strani e fuori dal comune.

The Toxic Avenger (1984)

The Toxic Avenger (1984) è un film cult di genere horror-commedia B movie diretto da Lloyd Kaufman. Protagonista è Melvin Ferd il Terzo, un mite addetto alle pulizie che cade in un tino di rifiuti tossici e si trasforma in un mostro deforme e mutato.

Melvin lavora come addetto alle pulizie a Tromaville, New Jersey, una città corrotta e squallida governata da un sindaco che si preoccupa più dei soldi che del benessere dei suoi cittadini. Un giorno, mentre cerca di fermare un gruppo di teppisti che molestano una donna, Melvin viene spinto in un tino di rifiuti tossici.

Quando emerge, Melvin è stato trasformato nel Vendicatore tossico, un mostro corpulento dalla pelle verde con forza sovrumana e la capacità di respirare gas tossico. Usa i suoi poteri per combattere il crimine a Tromaville, proteggendo gli innocenti e abbattendo le forze corrotte che controllano la città.

The Toxic Avenger è un film violento e volgare che non è per i deboli di cuore. È anche estremamente camp e sopra le righe. Tuttavia, è anche esilarante e divertente, e ha sviluppato un seguito di culto negli anni.

Ecco alcuni dei motivi che rendono The Toxic Avenger così strano e bizzarro:

  • La trama è ridicola e assurda.
  • I personaggi sono eccentrici e spesso grotteschi.
  • La violenza è eccessiva e grafica.
  • L’umorismo è dark e satirico.

Il pasto nudo (1991)

Il pasto nudo (1991) è un film di fantascienza e commedia oscura diretto da David Cronenberg, adattamento dell’omonimo romanzo di William S. Burroughs. Il film è interpretato da Peter Weller, Ian Holm, Judy Davis e Julian Sands.

La trama segue la storia di William Lee, uno sterminatore di scarafaggi che vive a New York negli anni ’50. William è un uomo tormentato dalla sua dipendenza dalla droga e dalla sua omosessualità repressa. Un giorno, William viene arrestato per possesso di droga e portato in commissariato. Qui, ha una serie di allucinazioni in cui incontra un agente segreto alieno.

Dopo essere stato rilasciato dal commissariato, William inizia a lavorare per un gruppo di agenti segreti che lo incaricano di trovare un’arma aliena. La ricerca di William lo porta in un mondo di violenza, depravazione e follia.

Il pasto nudo è un film sperimentale e provocatorio che esplora temi come la droga, la sessualità, la violenza e la natura della realtà. Il film è stato accolto con recensioni contrastanti, ma ha sviluppato un seguito di culto negli anni.

Ecco alcuni dei motivi che rendono Il pasto nudo un film così strano e bizzarro:

  • La trama è contorta e surreale, con scene di violenza e depravazione che possono essere scioccanti per alcuni spettatori.
  • I personaggi sono eccentrici e spesso grotteschi.
  • L’immagine è spesso inquietante e disturbante.
  • Il dialogo è spesso surreale e incoerente.

Twin Peaks – Fuoco cammina con me (1992)

Twin Peaks: Fuoco cammina con me è un film del 1992 diretto da David Lynch e prodotto da Mark Frost. È un prequel della serie televisiva Twin Peaks (1990-1991), creata da Frost e Lynch.

Il film segue gli ultimi sette giorni di vita di Laura Palmer (Sheryl Lee), una popolare studentessa delle superiori della piccola città di Twin Peaks, nello Stato di Washington. La storia si concentra sul suo rapporto con Bob (Frank Silva), un’entità demoniaca che la perseguita.

Twin Peaks: Fuoco cammina con me è un film oscuro e inquietante che esplora temi come la violenza, la droga, la sessualità e il male. Il film è stato accolto con recensioni contrastanti, ma ha sviluppato un seguito di culto negli anni.

Ecco alcuni motivi che rendono Twin Peaks: Fuoco cammina con me un film così strano e bizzarro:

  • La trama è contorta e surreale, con scene di violenza e depravazione che possono essere scioccanti per alcuni spettatori.
  • I personaggi sono eccentrici e spesso grotteschi.
  • L’immagine è spesso inquietante e disturbante.
  • Il dialogo è spesso surreale e incoerente.

Strade perdute (1997)

https://youtu.be/FTUxRX6cwDk?si=PxHQySvrWJC-0WgG

Strade perdute è un film del 1997 diretto da David Lynch. È un film noir moderno che esplora temi come l’identità, la memoria e la realtà. Il film è stato interpretato da Bill Pullman, Patricia Arquette, Balthazar Getty, Robert Blake e Robert Loggia.

La trama segue la storia di Fred Madison, un musicista jazz che viene accusato dell’omicidio di sua moglie Renee. Fred viene condannato e imprigionato, ma inizia a soffrire di visioni e allucinazioni. Una notte, Fred si sveglia in un corpo diverso, quello di un giovane meccanico di nome Pete Dayton. Pete viene rilasciato dalla prigione e inizia a lavorare per un boss mafioso di nome Eddy.

Strade perdute è un film complesso e ambiguo che ha lasciato gli spettatori perplessi e affascinati. Il film è stato elogiato per le sue immagini evocative, il suo uso della musica e la sua esplorazione delle questioni esistenziali.

Ecco alcuni dei motivi per cui Strade perdute è considerato un film così strano e bizzarro:

  • La trama è contorta e surreale, con scene di violenza e depravazione che possono essere scioccanti per alcuni spettatori.
  • I personaggi sono eccentrici e spesso grotteschi.
  • L’immagine è spesso inquietante e disturbante.
  • Il dialogo è spesso surreale e incoerente.

Il grande Lebowski (1998)

Il grande Lebowski è un film del 1998 diretto da Joel e Ethan Coen. È una commedia neo-noir che segue le vicende di Jeff “Il Drugo” Lebowski, un hippie disoccupato e giocatore di bowling, che viene scambiato per un ricco omonimo miliardario.

Il film è interpretato da Jeff Bridges, John Goodman, Steve Buscemi, Julianne Moore e John Turturro.

La trama segue Jeff Lebowski, un disoccupato giocatore di bowling che vive a Los Angeles. Un giorno, viene avvicinato da due scagnozzi che gli chiedono di pagare un riscatto per la moglie del vero Jeffrey Lebowski, un magnate del porno. Jeff, che non ha soldi, decide di chiedere aiuto al suo amico Walter Sobchak, un veterano della guerra del Vietnam che è altrettanto disoccupato e giocatore di bowling.

Il grande Lebowski è un film divertente e irriverente che ha conquistato il pubblico di tutto il mondo. Il film è stato elogiato per la sua sceneggiatura, la regia e le interpretazioni dei protagonisti.

Ecco alcuni dei motivi per cui Il grande Lebowski è considerato un film così strano e bizzarro:

  • La trama è piena di colpi di scena e di situazioni surreali, come la sostituzione dei personaggi, la perdita dei gioielli e la sparatoria con i nazisti.
  • I personaggi sono eccentrici e spesso grotteschi, come Jeff Lebowski, un uomo disoccupato che si veste con camicie hawaiane e fuma marijuana; Walter Sobchak, un veterano della guerra del Vietnam che è ossessionato dalla violenza; e Donnie, il cognato di Walter, un uomo timido e ansioso.
  • L’umorismo è spesso surreale e provocatorio, con battute che possono essere offensive o incomprensibili per alcuni spettatori.

Mulholland Drive (2001)

Mulholland Drive (2001) è un film del 2001 diretto da David Lynch. È un film neo-noir psicologico che esplora temi come il sogno, la memoria e la realtà. Il film è stato interpretato da Naomi Watts, Laura Harring, Justin Theroux, Ann Miller e Robert Forster.

La trama segue la storia di Betty Elms, una giovane aspirante attrice che arriva a Los Angeles con il sogno di sfondare nel mondo del cinema. Betty incontra Rita, una donna con amnesia che ha perso la memoria a causa di un incidente. Le due donne diventano amiche e si aiutano a vicenda a ricostruire il passato di Rita.

Mulholland Drive è un film complesso e ambiguo che ha lasciato gli spettatori perplessi e affascinati. Il film è stato elogiato per le sue immagini evocative, il suo uso della musica e la sua esplorazione delle questioni esistenziali.

Ecco alcuni dei motivi per cui Mulholland Drive è considerato un film così strano e bizzarro:

  • La trama è piena di colpi di scena e di situazioni surreali, come la perdita della memoria di Rita, la scoperta di un mistero e il finale ambiguo.
  • I personaggi sono eccentrici e spesso grotteschi, come Betty Elms, una giovane aspirante attrice ingenua e sognatrice; Rita, una donna con amnesia che cerca di scoprire il suo passato; e Diane Selwyn, un’attrice frustrata che sogna una vita diversa.
  • L’immagine è spesso inquietante e disturbante, con scene di violenza, depravazione e follia. Queste scene possono essere sconvolgenti per alcuni spettatori.
  • Il dialogo è spesso surreale e incoerente, con scambi di battute che possono essere difficili da seguire e capire.

A Scanner Darkly (2006)

A Scanner Darkly (2006) è un film thriller psicologico neo-noir di fantascienza del 2006 adattato dal romanzo omonimo di Philip K. Dick del 1977. Diretto da Richard Linklater e interpretato da Keanu Reeves, Robert Downey Jr., Winona Ryder e Woody Harrelson, il film utilizza l’animazione rotoscoped per rappresentare i personaggi e le ambientazioni del film, conferendogli una qualità onirica e surreale.

Il film segue la storia di Bob Arctor, un agente di polizia antidroga che partecipa a un programma di test antidroga che gli somministra la pericolosa e addictive sostanza “Substance D”. Man mano che Arctor diventa sempre più dipendente dalla droga, la sua sanità mentale inizia a sgretolarsi e fatica a distinguere tra realtà e allucinazione.

A Scanner Darkly è un film complesso e stimolante che esplora temi di dipendenza, paranoia e identità. Lo stile di animazione rotoscoped del film è sia innovativo che efficace, creando un’esperienza unica e coinvolgente per lo spettatore.

Ecco alcuni dei motivi per cui A Scanner Darkly è considerato un film così strano e bizzarro:

  • La trama è piena di colpi di scena e situazioni surreali, come il programma di test antidroga, la dipendenza di Arctor e la confusione tra realtà e allucinazione.
  • I personaggi sono eccentrici e spesso grotteschi, come Arctor, un agente di polizia in difficoltà che lotta contro la dipendenza e la paranoia; Barris, un spacciatore che è anche un informatore della polizia; e Luckman, un tossicodipendente che è delirante e paranoico.
  • L’immagine è spesso inquietante e disturbante, con scene di violenza, dipendenza e malattia mentale. Queste scene possono essere disturbanti per alcuni spettatori.
  • Il dialogo è spesso surreale e incoerente, con scambi che possono essere difficili da seguire o capire.

Essere John Malkovich (2009)

Essere John Malkovich è un film del 1999 diretto da Spike Jonze e interpretato da John Cusack, Cameron Diaz, Catherine Keener e John Malkovich.

Il film segue la storia di Craig Schwartz, un burattinaio disoccupato che scopre una porta segreta che conduce alla mente dell’attore John Malkovich. Craig e la sua amante Lotte decidono di sfruttare questa scoperta per trarne profitto, ma presto si rendono conto che le conseguenze di questa scoperta sono più di quanto si aspettassero.

Essere John Malkovich è un film surreale e bizzarro che esplora temi come l’identità, il controllo e la follia. Il film è stato elogiato per la sua originalità, la sua sceneggiatura e le sue interpretazioni.

Ecco alcuni dei motivi per cui Essere John Malkovich è considerato un film così strano e bizzarro:

  • La trama è piena di colpi di scena e situazioni surreali, come la porta segreta che conduce alla mente di John Malkovich.
  • I personaggi sono eccentrici e spesso grotteschi, come Craig Schwartz, un burattinaio disoccupato e ossessionato dal cinema; Lotte Schwartz, la sua amante che è una ballerina e un’artista; Maxine Lund, la moglie di John Malkovich che è una produttrice cinematografica; e John Malkovich, un attore famoso che è un narcisista e un egoista.
  • L’umorismo è spesso surreale e provocatorio, con battute che possono essere offensive o incomprensibili per alcuni spettatori.

Inception (2009)

Inception (2009) è un film thriller d’azione fantascientifico del 2009 scritto, diretto e prodotto da Christopher Nolan. Il film è interpretato da Leonardo DiCaprio nei panni di Dom Cobb, un ladro professionista che ruba segreti aziendali entrando nel subconscio dei suoi bersagli. Cobb viene assunto da un ricco uomo d’affari, Saito, per impiantare un’idea nella mente dell’erede del suo concorrente. [Immagine del poster del film Inception (2009)]

Il film segue Cobb e il suo team di specialisti mentre si immergono in molteplici livelli di sogni, ognuno più pericoloso del precedente. Devono navigare attraverso un paesaggio onirico altamente instabile evitando le “proiezioni” del loro subconscio.

Inception è un film complesso e ambizioso che esplora i temi della memoria, dell’identità e della realtà. È lodato per le sue immagini innovative, la trama intricata e i temi stimolanti.

Ecco alcuni dei motivi per cui Inception è considerato un film così strano e stravagante:

  • La trama è piena di colpi di scena e situazioni surreali, come la tecnologia di condivisione dei sogni e i molteplici livelli di sogni.
  • I personaggi sono eccentrici e spesso grotteschi, come Dom Cobb, un ladro in difficoltà perseguitato dal suo passato; Arthur, un esperto estrattore che è l’uomo di fiducia di Cobb; Ariadne, una giovane architetto che aiuta Cobb a progettare i sogni; ed Eames, un esperto falsario che può impersonare persone nei sogni.
  • Il film è visivamente sbalorditivo e surreale, con scene che sono spesso confuse e disorientanti.

The Lobster (2015)

The Lobster (2015) è un film commedia-drammatica distopica del 2015 scritto e diretto da Yorgos Lanthimos. Il film è interpretato da Colin Farrell, Rachel Weisz, Léa Seydoux, Ben Whishaw, John C. Reilly, Olivia Colman, Ashley Jensen, Roger Ashton-Griffiths, Michael Smiley, Ariane Labed e Angeliki Papoulia. [Immagine del poster del film The Lobster (2015)]

Il film è ambientato in un futuro distopico in cui le persone single vengono portate in un hotel e hanno 45 giorni per trovare un partner romantico. Se falliscono, vengono trasformati in un animale a scelta.

The Lobster è un film strano e surreale che esplora i temi dell’amore, della perdita e della conformità. È lodato per il suo humor nero, il suo acuto commento sociale e la sua visione originale e inquietante del futuro.

Ecco alcuni dei motivi per cui The Lobster è considerato un film così strano e stravagante:

  • La trama è piena di colpi di scena e situazioni assurde, come l’hotel per single e la regola che le persone single devono essere accoppiate con qualcuno entro 45 giorni o essere trasformate in un animale.
  • I personaggi sono eccentrici e spesso grotteschi, come David, un uomo che è disperato per trovare un partner in modo da non essere trasformato in un animale; e il direttore dell’hotel, che è freddo e calcolatore.
  • Il film è visivamente accattivante e inquietante, con scene che sono spesso oscure e claustrofobiche.

Io sono nulla (2015)

Io sono nulla (2015) è un film scritto, diretto e prodotto da Fabio Del Greco, si presenta come un dramma esistenziale incentrato sul tempo, la memoria e l’oblio. Il film riflette sull’ego in una Roma che diventa lo specchio dei problemi del mondo contemporaneo.

Vasco, un imprenditore romano di 74 anni, ha raggiunto uno stato di grande agiatezza grazie alla sua connivenza con le organizzazioni criminali locali. Vive una vita lussuosa e piena di vizi, apparentemente lontana da un tragico epilogo.

Un giorno, riceve una chiamata da un individuo losco che gli propone un incontro al “solito posto”, una spiaggia del litorale laziale. Incontra un agguato, viene soccorso in extremis e si salva, ma cade in coma per tre lunghi anni. Al suo risveglio, scopre di aver perso completamente la memoria e inizia a comunicare con gli alberi, rivelando una profonda connessione con la natura.

Io sono nulla è un film strano e assurdo che contamina il thriller con tematiche esistenziali e cinema sperimentale.

La vicenda del “palazzinaro” romano, interpretato da Vasco Montez, invita a riflettere sull’avidità, la brama di potere, l’innocenza e la purezza in una società influenzata da logiche mafiose, criminalità e clientelismo.

Il sacrificio del cervo sacro (2017)

Il sacrificio del cervo sacro (2017) è un dramma psicologico diretto da Yorgos Lanthimos e interpretato da Colin Farrell, Nicole Kidman, Raffey Cassidy, Barry Keoghan e Sunny Suljic.

Il film segue la storia di Steven Murphy, un rinomato neurochirurgo che conduce una vita da sogno con la moglie Anna, una nota oftalmologa, e i loro due figli adolescenti, Kim e Bob. Tuttavia, tutto cambia quando Martin, un adolescente solitario che ha da poco perso il padre, si insinua nella loro vita.

Il sacrificio del cervo sacro è un film strano e inquietante che esplora temi come la colpa, il sacrificio e la redenzione. È un film che è stato elogiato per la sua regia, la sceneggiatura e le interpretazioni.

Ecco alcuni dei motivi per cui Il sacrificio del cervo sacro è considerato un film così strano e inquietante:

  • La trama è piena di colpi di scena e situazioni surreali, come la relazione tra Steven e Martin e la richiesta di Martin a Steven di sacrificare uno dei suoi figli.
  • I personaggi sono eccentrici e spesso grotteschi, come Steven, un uomo che è così ossessionato dal controllo che è disposto a sacrificare tutto, incluso suo figlio.
  • Il film ha un tono dark e inquietante, con scene che sono spesso violente e perturbanti.

Il sacrificio del cervo sacro è un film che non è per tutti. È un film che è sia affascinante che disturbante. È un film che invita lo spettatore a riflettere sulla natura della colpa, del sacrificio e della redenzione.

La favorita (2018)

La favorita (2018) è un film drammatico storico diretto da Yorgos Lanthimos e interpretato da Olivia Colman, Emma Stone e Rachel Weisz. Il film è ambientato in Inghilterra nel 1700 e segue la storia della regina Anna, una donna fragile e instabile, che è governata dalla sua amica e confidente, Lady Sarah. Quando una giovane e ambiziosa cameriera, Abigail, arriva alla corte, inizia a manipolare la regina per ottenere il suo favore.

La favorita è un film complesso e ambiguo che esplora temi come il potere, l’ambizione e la lealtà. È un film che è stato elogiato per le sue interpretazioni, la regia e la sceneggiatura.

Ecco alcuni dei motivi per cui La favorita è considerato un film così complesso e ambiguo:

  • La trama è piena di colpi di scena e svolte imprevedibili, come l’arrivo di Abigail e la sua crescente influenza sulla regina.
  • I personaggi sono complessi e sfaccettati, come la regina Anna, una donna fragile e instabile, e Lady Sarah, una donna calcolatrice e determinata.
  • Il film ha un tono ambiguo e sfumato, che non fornisce risposte facili alle domande che pone.

Il ghigno e la mucca (2020)

Il ghigno e la mucca l’opera prima del musicista eclettico e visionario Fabio Nicosia, si presenta come un film strano e assurdo dal taglio indipendente. Il progetto esplora l’intricato viaggio dell’immaginario infantile, trasformato e trasmigrato attraverso i vari stadi dell’esistenza individuale. Le ombre, i fantasmi e le paure, inizialmente domate ma mai completamente eliminate, ritornano nei sogni, creando un’atmosfera surreale e onirica.

L’avventura musicale proposta da Nicosia è descritta come un’esperienza straordinaria, caratterizzata da scenari provenienti dall’immaginazione, dall’inconscio, dalla realtà passata e dalla finzione. Il film si sviluppa come una sorta di viaggio poetico, affrontando le tendenze convenzionali con una narrazione aritmica. L’opera è definita come un “elan vital” di memoria bergsoniana, un invito alla riflessione profonda e all’introspezione.

Nel contesto artistico, il film abbraccia diverse discipline e forme, includendo musica, pittura, fotografia, danza e teatro. Queste arti collaborano sinergicamente, a volte in modo dolcemente violento, contribuendo alla creazione di un’opera d’arte unica, strettamente legata alla visione e alla personalità dell’autore. La musica, in particolare, si fonde magicamente con immagini fortemente evocative, interpretate dagli attori che, liberi da copioni rigidi, si lasciano guidare dalla spontaneità del momento.

GUARDA IL FILM

Los arenas (2022)

Los arenas è un film distopico di fantascienza di Noah Paganotto, realizzato in Argentina nel 2022.

In una località non definita del nostro pianeta, in un periodo di tempo sconosciuto, Zoilo condivide la sua esistenza con la sua famiglia, immersa in un paesaggio desolato cinto da rovine. Vivono senza radici, prive di figure materne, consapevoli che la gravidanza per le donne rappresenti una sorta di sentenza di morte. La loro unica routine collettiva è preservare la fiamma vitale.

Un film d’avanguardia che brucia lentamente nella sua prima parte, per poi svelare nella seconda i conflitti profondi di una famiglia imprigionata in credenze arcaiche. Si tratta di un’opera distopica e visionaria, caratterizzata da una fotografia straordinaria e immagini di rara intensità che consentono di cogliere la profondità della narrazione e il suo potenziale poetico.

I volti degli attori, soprattutto quello del giovane protagonista, sono straordinariamente incisivi. Los Arenas rappresenta in modo metaforico il nostro mondo: una società alienata, dove ciò che ci sostiene viene demonizzato e associato alla morte. In contrasto con il ritmo frenetico del tipico film mainstream, Los Arenas si configura come un viaggio meditativo nelle profondità delle immagini.

GUARDA IL FILM

Picture of Indiecinema

Indiecinema

0 0 voti
Film Rating
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi.x