fbpx

I film di spionaggio da vedere

Guarda film indipendenti e cult selezionati

Vai oltre i film proposti dalle solite piattaforme commerciali. Guarda centinaia di film indipendenti e d'autore rari, cult e documentari introvabili selezionati da tutto il mondo.

Indice dei contenuti

Lo spy movie, detto anche spy thriller, è un sottogenere dei film d’azione che tratta il tema dello spionaggio, sia in maniera razionale sia in modo fantasioso, come nei film di James Bond film. Molti libri nella categoria della fiction di spionaggio sono stati adattati come film, tra cui opere di John Buchan, le Carré, Ian Fleming (Bond) e Len Deighton. È un elemento sostanziale del cinema britannico, con importanti registi britannici come Alfred Hitchcock e Carol Reed che realizzano molti film e contributi degni di nota incorporati nei servizi segreti britannici.

I film di spionaggio rivelano le attività di spionaggio degli agenti segreti del governo federale e la loro minaccia di essere scoperti dai loro oppositori. Dai thriller di spionaggio nazisti degli anni ’40 ai film di James Bond degli anni ’60 e ai successi all’avanguardia in questi giorni, il film di spionaggio è stato costantemente popolare tra il pubblico di tutto il mondo. Fornendo un mix di evasione, delizie tecnologiche e luoghi unici, numerosi film di spionaggio integrano le categorie di film d’azione e fantascienza, creando eroi per cui il pubblico può fare il tifo e cattivi che non amano. Potrebbero anche includere aspetti di thriller politici. Ce ne sono molti che sono comici principalmente film d’azione commedia

James Bond è la più famosa delle spie cinematografiche, tuttavia c’erano anche opere più penetranti come The Spy Who Came in from the Cold di Le Carré, anch’esse emerse dalla Guerra Fredda. Con la fine della Guerra Fredda, il cattivo più recente finì per essere il terrorismo e più frequentemente includeva il Medio Oriente. 

VAI AI FILM DA GUARDARE

Breve storia dei film di spionaggio

film-spionaggio

La categoria dei film di spionaggio nasce nel periodo del cinema muto e l’inizio della Grande Guerra. Nel 1928, Fritz Lang realizzò il film Spies che includeva numerosi cliché che divennero popolari nei successivi film di spionaggio, tra cui l’ufficio segreto e un agente segreto identificato da un numero. Anche i film del Dr. Mabuse di Lang hanno componenti di film di spionaggio, sebbene il personaggio centrale sia una mente criminale che pensa solo allo spionaggio a scopo di lucro. Inoltre, molti dei film americani di Lang, come Hangmen Also Die, trattano di spie durante la seconda guerra mondiale.

Alfred Hitchcock ha fatto molto per rendere popolare il film di spionaggio negli anni ’30 con i suoi importanti thriller The Man Who Knew Too Much (1934), The 39 Steps (1935), Sabotage (1937) e The Lady Vanishes (1938). Questi spesso includevano civili innocenti coinvolti in cospirazioni globali o reti di sabotatori, come in Saboteur (1942). Alcuni, tuttavia, raccontano di spie esperte come in Hitchcock’s Secret Agent (1936), basato sulle storie di Ashenden di W. Somerset Maugham, o nella serie Mr. Moto, basata sui libri di John P. Marquand.

Negli anni Quaranta e all’inizio degli anni Cinquanta furono realizzati numerosi film sulle gesta degli agenti alleati nell’Europa, che molto probabilmente potrebbero essere considerati un sottogenere. 13 Rue Madeleine e OSS erano storie immaginarie sugli agenti americani nella Francia occupata dai tedeschi, e c’era una varietà di film basati sulle storie di agenti segreti britannici della vita reale, tra cui Odette e Carve Her Name With Pride. Un esempio immaginario più attuale è Charlotte Gray, tratto dall’originale di Sebastian Faulks.

Quando le paure della Guerra Fredda si combinavano con il desiderio del pubblico di vedere film pieni di suspense e sorprendenti, il picco di fascino del film di spionaggio venne raggiunto negli anni ’60. Da un lato, i saggi libri di spionaggio di Len Deighton e John le Carré sono stati adattati in thriller importanti della Guerra Fredda che trattavano alcune delle verità del mondo dello spionaggio. Alcuni di questi film consistevano in The Spy Who Came in from the Cold (1965), The Deadly Affair (1966), Torn Curtain (1966) e la serie di Harry Palmer, basata sui libri di Len Deighton.

In un’altra forma di narrazione, i libri di James Bond di Ian Fleming sono stati trasformati in una serie fantastica di film d’azione ironici dei produttori Harry Saltzman e Albert R. Broccoli, con Sean Connery come protagonista. Includevano supercriminali grotteschi e folli, un archetipo che in seguito sarebbe diventato un punto fermo dell’ondata di film di spionaggio tra la metà e la fine degli anni ’60. Lo straordinario successo della serie Bond si traduce in un diluvio di imitatori, come la categoria eurospy e un certo numero di americani.

I film di spionaggio hanno avuto una sorta di revival alla fine degli anni ’90, sebbene si trattasse in genere di film d’azione con componenti di spionaggio o divertenti come Austin Powers. Alcuni critici riconoscono uno schema tutt’altro che onirico a favore del realismo, come osservato in Syriana, la serie di film di Bourne e nei film di James Bond con Daniel Craig da Casino Royale (2006).

VAI AI FILM DA GUARDARE

L’inafferrabile (1928)

È un film thriller di spionaggio muto tedesco del 1928 diretto da Fritz Lang e co-scritto con la sua compagna, Thea von Harbou, che ha anche scritto un libro di lo stesso nome, rilasciato un anno dopo. Il film è stato il penultimo film muto  di Lang e il primo in assoluto per la sua attività di produzione. Come nei film Mabuse di Lang, come Dr. Mabuse: The Gambler (1922) e The Testament of Dr. Mabuse (1933), Rudolf Klein-Rogge interpreta un maestro criminale che cerca il dominio del mondo. 

Germania, 1927: la bella spia russa Sonja Baranikowa convince il colonnello Jellusič a tradire la sua nazione (un’anonima nazione dell’Europa orientale) per il suo amante, Haghi, un direttore di banca apparentemente rispettabile che è in realtà la mente malvagia di un gruppo di criminali. Jason, capo dei servizi segreti tedeschi, offre l’incarico di portare Haghi a un giovane rappresentante di bell’aspetto chiamato Numero 326, che pensa che la sua identità sia un trucco. 

Mata Hari (1931) 

È un film drammatico americano del 1931 diretto da George Fitzmaurice liberamente basato sulla vita di Mata Hari, una spogliarellista accusata di spionaggio durante la prima guerra mondiale. Il film Metro-Goldwyn-Mayer ha come protagonista Greta Garbo nel ruolo del titolo. Nel 1917, la Francia è coinvolta nella prima guerra mondiale. Dubois, capo dell’ufficio di spionaggio francese, si offre di risparmiare la vita a un agente se smaschererà chi sta proteggendo. Dubois presume che sia Mata Hari, una nota spogliarellista, ma il detenuto sceglie l’esecuzione mediante fucilazione.

VAI AI FILM DA GUARDARE

On Secret Service (1933)

È un film thriller britannico del 1933 diretto da Arthur B. Woods e interpretato da Greta Nissen, Karl Ludwig Diehl, Don Alvarado e Austin Trevor. È basato sul film tedesco del 1933 Spies at Work con Karl Ludwig Diehl che interpreta lo stesso ruolo di quel film. 

Nel 1912 l’Evidenzbureau, la direzione dell’intelligence militare dell’impero austro-ungarico, individua la marchesa Marcella Galdi, una nobildonna italiana che si reca a Vienna, come spia italiana. Per evitare confusione diplomatica, viene rapita mentre balla con il capitano di stato maggiore austro-ungarico Michael von Homberg a un ballo al famoso Hotel Sacher di Vienna, e torna in Italia. Poco dopo, sulla scrivania dell’ufficio di von Homberg appare un piano segreto di una fortezza austriaca, e poiché lui stesso non è in grado di descriverlo, l’Evidenzbureau gli consiglia di suicidarsi, ma lui riesce ad allontanarsi da Vienna. 

L’uomo che sapeva troppo (1934)

E un film noir britannico del 1934 diretto da Alfred Hitchcock, con Leslie Banks e Peter Lorre. È stato uno dei film più famosi della filmografia britannica di Hitchcock. Il film è il primo di Hitchcock che utilizza questo titolo ed è stato seguito in seguito dal suo film del 1956 che utilizza lo stesso nome, con una trama e una sceneggiatura sostanzialmente diverse con alcuni aggiustamenti. I due film sono estremamente simili nel tono. Nel libro-intervista Hitchcock/Truffaut (1967), in risposta all’affermazione del regista François Truffaut secondo cui gli elementi del remake erano senza dubbio eccezionali, Hitchcock ha risposto: “Affermiamo che la prima variazione è opera di un dilettante di talento e il il secondo è stato fatto da un esperto.”

Il film del 1934 non ha altro che il titolo in comune con l’omonimo libro del 1922 di GK Chesterton. Dato che deteneva i diritti cinematografici per alcune delle storie del libro, Hitchcock ha scelto di utilizzare il titolo. Bob e Jill Lawrence, una coppia britannica in viaggio in Svizzera con la loro bambina Betty, fanno amicizia con il francese Louis Bernard, che rimane nel loro hotel. Jill sta partecipando a una gara di tiro al piattello. Raggiunge la finale ma perde contro un tiratore scelto, Ramon Levine, perché al punto di svolta viene distratta da un rintocco dell’orologio proveniente da Abbott.

I 39 scalini (1935)

È un film thriller britannico del 1935 diretto da Alfred Hitchcock e interpretato da Robert Donat e Madeleine Carroll. È vagamente basato sul romanzo del 1915 The Thirty-Nine Steps di John Buchan. Racconta di un canadese a Londra, Richard Hannay, che finisce per essere coinvolto in un’organizzazione di spie chiamata “The 39 Steps”. 

Dopo essere stato ingiustamente implicato nell’omicidio di un agente del controspionaggio, Hannay va in Scozia e finisce per trovarsi invischiato con una donna attraente mentre vuile fermare il giro di spie e riabilitare il suo nome. Il regista Orson Welles lo ha descritto come “un’opera d’arte”. Lo scrittore cinematografico Robert Towne ha detto: “Non è un’esagerazione affermare che tutto il moderno intrattenimento di evasione inizia con I 39 gradini”. 

VAI AI FILM DA GUARDARE

Sabotaggio (1936)

È un film di spionaggio britannico del 1936 diretto da Alfred Hitchcock con Sylvia Sidney, Oskar Homolka e John Loder. È vagamente basato sul romanzo The Secret Agent di Joseph Conrad del 1907, su una donna che scopre che il suo coniuge, un negoziante londinese, è un rappresentante dei terroristi.

Il film non deve essere confuso con il film Secret Agent di Hitchcock, anch’esso pubblicato nel 1936, ma che è basato su due storie della raccolta del 1927 Ashenden: Or the British Agent di W. Somerset Maugham. Allo stesso modo non deve essere perplesso con il film di Hitchcock Saboteur (1942), che include la famosa caduta dalla torcia della Statua della Libertà. È considerato tra i migliori film britannici mai realizzati. 

La signora scompare (1938)

È un film di mistero britannico del 1938 diretto da Alfred Hitchcock, con Margaret Lockwood e Michael Redgrave. Scritto da Sidney Gilliat e Frank Launder, basato sul romanzo The Wheel Spins di Ethel Lina White del 1936, il film racconta di una viaggiatrice inglese che viaggia in treno nell’Europa continentale e scopre che la sua compagna di viaggio anziana sembra essere scomparsa dal treno. Dopo che i suoi compagni di viaggio rifiutano di aver mai visto la donna più anziana, la ragazza è assistita da un giovane musicologo, i due continuano a perquisire il treno alla ricerca della vecchia signora.

Hitchcock ha catturato l’attenzione di Hollywood con il film e si è trasferito a Hollywood subito dopo la sua uscita. I tre precedenti lavori del regista non avevano funzionato al botteghino, The Lady Vanishes è stato un successo e ha rafforzato la convinzione del produttore americano David O. Selznick che Hitchcock potesse avere un futuro nel cinema di Hollywood. È tra i film britannici più importanti di Hitchcock. 

La spia in nero (1939)

È un film britannico del 1939 e rappresenta la prima collaborazione tra i registi britannici Michael Powell ed Emeric Pressburger. Sono stati chiamati da Alexander Korda per trasformare in un film il thriller di spionaggio della prima guerra mondiale con lo stesso titolo di Joseph Storer Clouston. Powell e Pressburger alla fine hanno realizzato oltre 20 film nel corso della loro collaborazione. The Spy in Black è interpretato da Conrad Veidt, Valerie Hobson e Sebastian Shaw, con Marius Goring e Torin Thatcher nei panni di 2 ufficiali sottomarini tedeschi. 

Nel marzo 1917, il capitano Hardt (Conrad Veidt), un comandante di sottomarini tedeschi della prima guerra mondiale, viene ingaggiato per assaltare la flotta britannica a Scapa Flow. Raggiunge le Isole Orcadi per incontrare il suo contatto, Fräulein Tiel (Valerie Hobson). Tiel ha effettivamente preso il controllo dell’identità di una nuova insegnante locale, la signorina Anne Burnett (June Duprez), che gli agenti tedeschi avevano  catturato e narcotizzato durante il viaggio verso l’isola. Hardt viene portato da lei, ma Tiel non mostra alcun interesse. I tedeschi sono aiutati da un ufficiale della Royal Navy caduto in disgrazia, l’ex comandante Ashington (Sebastian Shaw) che, secondo Tiel, ha acconsentito ad aiutare i tedeschi dopo aver perso il comando a causa dell’ubriachezza. 

Night Train to Munich (1940)

È un film thriller britannico-americano del 1940 diretto da Carol Reed e interpretato da Margaret Lockwood e Rex Harrison. Scritto da Sidney Gilliat e Frank Launder, il film è basato sul racconto del 1939 Report on a Fugitive di Gordon Wellesley. 

Mentre le forze tedesche prendono il controllo della Cecoslovacchia nel marzo 1939, Axel Bomasch, un inventore cecoslovacco che si occupa di un nuovo tipo di corazzatura, vola in Gran Bretagna. La figlia di Bomasch, Anna, viene arrestata prima che possa raggiungere l’aeroporto e inviata in un campo di prigionia, dove viene interrogata dai nazisti che stanno inseguendo suo padre. Anna si rifiuta di obbedire e fa amicizia con un detenuto di nome Karl Marsen, che afferma di essere un istruttore rinchiuso per le sue opinioni politiche. Insieme riescono a scappare e raggiungere Londra. Marsen è in realtà un agente della Gestapo incaricato di acquisire la sua fiducia e ritrovare suo padre.

VAI AI FILM DA GUARDARE

Virginia City (1940)

È un film western americano del 1940 diretto da Michael Curtiz e interpretato da Errol Flynn, Miriam Hopkins, Randolph Scott e un baffuto Humphrey Bogart nei panni del teppista John Murrell. Basato su una sceneggiatura di Robert Buckner, il film ha a che fare con un ufficiale dell’Unione che esce da una prigione confederata e viene inviato a Virginia City, da dove il suo precedente capo della prigione si prepara a inviare 5 milioni di dollari in oro in Virginia per la Confederazione. Il film è stato presentato in anteprima nella città con il suo nome, Virginia City, Nevada.

L’ufficiale sindacale Kerry Bradford organizza un’audace fuga dalla prigione confederata di Libby gestita dal comandante, Vance Irby. Bradford fa rapporto alla sede centrale dell’Unione e viene subito inviato a Virginia City, una città mineraria del Nevada, per sapere dove sono tenuti 5.000.000 di dollari in oro che i simpatizzanti del sud si preparano a consegnare alla Confederazione. Sulla diligenza diretta a ovest, si innamora dell’elegante Julia Hayne che, a sua insaputa, è in realtà una spia ribelle e un’artista da ballo, inviata da Jefferson Davis per aiutare nel trasferimento dell’oro su un carro. treno. Sulla diligenza c’è il famoso John Murrell, capo di una banda di “banditos”, in viaggio come venditore di armi.

Sabotatori (1942)

È un film thriller di spionaggio americano del 1942 diretto da Alfred Hitchcock con una sceneggiatura composta da Peter Viertel, Joan Harrison e Dorothy Parker. Il film è interpretato da Robert Cummings, Priscilla Lane e Norman Lloyd. Barry Kane è ingiustamente accusato di aver incendiato la Stewart Aircraft Works a Glendale, in California. Barry pensa che il vero colpevole sia un uomo di nome Fry, tuttavia gli investigatori privati ​​non scoprono un nome simile nell’elenco dei membri dello staff. Quindi Barry finisce per essere l’obiettivo di una caccia all’uomo. Pur evitando la cattura, tiene a mente l’indirizzo di Fry da una busta, quindi raggiunge un grande ranch nell’Alto Deserto. Mentre è lì, scopre che il proprietario del ranch, Charles Tobin, sta lavorando insieme a Fry e altri sabotatori.

Il prigioniero del terrore (1944) 

È un film noir americano del 1944 diretto da Fritz Lang e interpretato da Ray Milland e Marjorie Reynolds. Basato sul libro del 1943 di Graham Greene, il film racconta la storia di un uomo in un manicomio che si ritrova coinvolto in un giro di spionaggio mondiale e inseguito dagli agenti segreti nazisti dopo aver ottenuto accidentalmente qualcosa che desideravano.

I See a Dark Stranger (1946)

È un film di spionaggio britannico della seconda guerra mondiale del 1946 con tocchi di commedia leggera, di Frank Launder e Sidney Gilliat, e interpretato da Deborah Kerr e Trevor Howard. Nel maggio 1944, durante la seconda guerra mondiale, una giovane irlandese, Bridie Quilty, compie 21 anni e si propone di realizzare un sogno di lunga data nato ascoltando le storie del suo defunto padre sulla Rivoluzione irlandese. Lascia la sua città rurale e va a Dublino. Durante il viaggio, condivide uno scompartimento del treno con J. Miller, ma pensando che sia inglese, è estremamente brusca con lui. All’arrivo, cerca Michael O’Callaghan, un noto ex radicale con cui suo padre aveva apparentemente combattuto contro gli inglesi nel 1916. Gli chiede di aiutarla a arruolarsi nell’esercito repubblicano irlandese. Poiché la situazione in Irlanda è  migliorata lui cerca di scoraggiarla.

Notorius (1946)

È un film noir di spionaggio americano del 1946 diretto e prodotto da Alfred Hitchcock, con Cary Grant, Ingrid Bergman e Claude Rains nei panni di 3 individui le cui vite sono in pericolo durante un’operazione di spionaggio. Il film segue il rappresentante del governo federale degli Stati Uniti TR Devlin (Grant), che impiega l’assistenza di Alicia Huberman (Bergman), figlia di un cattivo di guerra tedesco, per penetrare in una cerchia di dirigenti di IG Farben nascosti a Rio de Janeiro dopo la guerra mondiale. II.

Lo scenario finisce per essere complesso quando i due si innamorano e quando a Huberman viene consigliato di sedurre Alex Sebastian (Rains), un dirigente della Farben che in precedenza era stato affascinato da lei. Fu girato tra la fine del 1945 e l’inizio del 1946, e fu lanciato dalla RKO Radio Pictures nell’agosto del 1946. Studiosi e critici lo ritennero famoso per segnare uno spartiacque creativo per Hitchcock e per rappresentare una maggiore maturità tematica. Notorious è il primo tentativo di Alfred Hitchcock, all’età di quarantasei anni, di portare le sue abilità alla produzione di una storia d’amore tormentata.

VAI AI FILM DA GUARDARE

Il terzo uomo (1949)

È un film noir britannico del 1949 diretto da Carol Reed, scritto da Graham Greene e interpretato da Joseph Cotten, Alida Valli, Orson Welles e Trevor Howard. Ambientato nella Vienna del dopoguerra, il film è incentrato sull’americana Holly Martins (Cotten), che si presenta in città per accettare un incarico con il suo amico Harry Lime (Welles), solo per scoprire che Lime è morto. Considerando sospetta la sua morte, Martins sceglie di rimanere a Vienna ed indagare.

L’uso della cinematografia espressionista in bianco e nero di Robert Krasker, con un’illuminazione dura è una caratteristica significativa di The Third Man, girato in luoghi squallidi e con attori di talento, l’ambiente è quello di una Vienna, una città tetra del dopoguerra all’inizio della Guerra Fredda. Greene ha scritto il racconto con lo stesso nome come preparazione per la sceneggiatura del film. Il film è considerato tra i migliori film di tutti i tempi, apprezzato per la sua regia, musica e fotografia.

Operazione Cicero (1952)

È un film di spionaggio americano del 1952 diretto da Joseph L. Mankiewicz e prodotto da Otto Lang. La sceneggiatura del film scritta da Michael Wilson era basata sul libro del 1950 Operazione Cicero di Ludwig Carl Moyzisch, addetto industriale nazista presso l’ambasciata tedesca ad Ankara, in Turchia (1943-44).

Il film è basato sulla storia vera di Elyesa Bazna, di origine albanese, una spia con la parola in codice di Cicerone che lavorò per i nazisti nel 1943-44 mentre lavorava come cameriere dell’ambasciatore britannico in Turchia. Bazna avrebbe fotografato file top secret e fornito le immagini a Franz von Papen, l’ambasciatore tedesco in Turchia ed ex cancelliere tedesco, utilizzando Moyzisch come intermediario.

Mano pericolosa (1953)

È un film noir di spionaggio della Guerra Fredda del 1953 scritto e diretto da Samuel Fuller e lanciato dallo studio 20th Century Fox. Il film è interpretato da Richard Widmark, Jean Peters e Thelma Ritter. È stato selezionato al Festival del cinema di Venezia nel 1953. Su un congestionato treno della metropolitana di New York City, il borseggiatore Skip McCoy prende il portafoglio di Candy. All’insaputa di Skip e di Candy, nel portafoglio c’è un microfilm di informazioni top secret del governo federale. Sweet stava portando una busta come ultimo favore al suo ex amante, Joey. 

Un americano tranquillo (1958) 

È un film di guerra americano del 1958 e il primissimo adattamento cinematografico dell’omonimo libro di successo del 1955 di Graham Greene, e tra i primi film a raccontare la geopolitica dell’Indocina. È stato scritto e diretto da Joseph L. Mankiewicz e interpretato da Audie Murphy, Michael Redgrave e Giorgia Moll. 

Nella scrittura della sceneggiatura, Mankiewicz ha ricevuto collaborazione non accreditata dall’ufficiale della CIA Edward Lansdale, che fu la vera ispirazione per il personaggio americano interpretato da Murphy. Secondo Greene, la motivazione per il personaggio di Pyle era Leo Hochstetter, un americano che fungeva da direttore delle relazioni pubbliche per la missione di aiuto economico in Indocina che i francesi presumevano venisse dalla CIA. Il film ha stimolato il dibattito. Greene si è infuriato perché il suo messaggio contro la guerra è stato eliminato dal film e lo ha rinnegato come un film di propaganda per l’America.

Intrigo internazionale (1959)

È un film thriller di spionaggio americano del 1959, prodotto e diretto da Alfred Hitchcock e interpretato da Cary Grant, Eva Marie Saint e James Mason. La sceneggiatura è di Ernest Lehman. E’ una storia di scambio d’identità, con un uomo innocente inseguito in tutti gli Stati Uniti dagli agenti segreti di un’organizzazione che tentano di impedirgli di ostacolare la loro strategia per contrabbandare microfilm, che include truffe del governo federale, fuori dal paese. Il film è uno dei classici di Hitchcock degli anni ’50 ed è spesso inserito tra i migliori film di tutti i tempi. 

Il nostro agente all’Avana (1959)

È un film di spionaggio e commedia britannico del 1959 girato in CinemaScope, diretto e prodotto da Carol Reed, e interpretato da Alec Guinness, Burl Ives, Maureen O’Hara, Ralph Richardson, Noël Coward ed Ernie Kovacs. Il film è adattato dal romanzo Our Man in Havana del 1958 di Graham Greene. Il film riprende l’azione del romanzo e gli conferisce un tocco più comico. Il film segna la terza collaborazione di Reed con Greene. 

Nella Cuba pre-rivoluzionaria, James Wormold, un venditore di aspirapolvere, viene assunto da Hawthorne dei servizi segreti britannici per essere il loro agente all’Avana. Invece di assumere i propri agenti, Wormold abbozza strategie per una rampa di lancio di razzi per guadagnare più denaro per sé e per il suo costoso figlio.

VAI AI FILM DA GUARDARE

Va’ e uccidi (1962)

È un film thriller psicologico americano del 1962 diretto e prodotto da John Frankenheimer. La sceneggiatura del film è di George Axelrod, basata sull’originale The Manchurian Candidate di Richard Condon del 1959. Le star principali del film sono Frank Sinatra, Laurence Harvey e Angela Lansbury, con i co-protagonisti Janet Leigh, Henry Silva e James Gregory. 

La trama è incentrata sul veterano della guerra di Corea Raymond Shaw, componente di un gruppo politico. Shaw viene ipnotizzato con un lavaggio del cervello dai comunisti dopo che il suo squadrone dell’esercito è stato catturato. Torna alla vita civile negli Stati Uniti, dove finisce per essere un inconsapevole assassino in una cospirazione comunista mondiale. Il gruppo, che comprende agenti della Repubblica Cinese e dell’Unione Sovietica, si prepara ad assassinare il candidato governativo causando il rovesciamento del governo federale degli Stati Uniti.

Il film è stato lanciato negli Stati Uniti il ​​24 ottobre 1962, al culmine dell’ostilità USA-URSS durante la crisi dei missili cubani ed ha contribuito ad una propaganda anticomunista. Era ampiamente conosciuto dalla critica occidentale ed è stato scelto per 2 premi Oscar: miglior attrice non protagonista (Angela Lansbury) e miglior montaggio.

Agente 007 – Licenza di uccidere (1962)

È un film di spionaggio del 1962 diretto da Terence Young, nonché il primo film della serie di James Bond. Interpretato da Sean Connery, Ursula Andress, Joseph Wiseman e anche Jack Lord, è stato adattato da Richard Maibaum, Johanna Harwood e Berkely Mather dall’omonimo libro del 1958 di Ian Fleming. Il film è stato prodotto da Harry Saltzman e Albert R. Broccoli, una collaborazione che è proseguita fino al 1975. 

Strangways, il capo della stazione dell’intelligence britannica in Giamaica, viene eliminato. In risposta, l’agente segreto britannico James Bond, noto anche come 007, viene inviato in Giamaica per indagare. Bond incontra Quarrel, un pescatore delle Cayman, che aveva a che fare con Strangways nelle isole vicine per raccogliere campioni di minerali. Tra le isole c’era Crab Key, la casa del solitario Dr. No.

Dalla Russia con amore (1963)

È un film di spionaggio del 1963 e anche il secondo della serie di James Bond creata da Eon Productions, insieme al secondo ruolo di Sean Connery come rappresentante dell’MI6 007 James Bond.  Il film è stato diretto da Terence Young, prodotto da Albert R. Broccoli e Harry Saltzman, scritto da Richard Maibaum e Johanna Harwood, basato sull’originale From Russia, with Love di Ian Fleming del 1957. Il film ha seguito Dr. No (1962) ed è stato seguito da Goldfinger (1964).

L’organizzatore specializzato di SPECTRE Kronsteen, indicato come “Numero Cinque”, su ordine del Numero Uno dell’organizzazione, crea un complotto per prendere uno strumento crittografico Lektor dai sovietici e restituirglielo mentre esige vendetta su Bond per aver eliminato il loro agente Dr. No; l’ex agente SMERSH Rosa Klebb, numero tre di SPECTRE, supervisiona l’obiettivo. Assume Donald “Red” Grant come assassino e Tatiana Romanova, impiegata di cifratura presso il consolato sovietico a Istanbul, come esca inconsapevole.

Charade (1963)

È un film di mistero divertente romantico americano del 1963 prodotto e diretto da Stanley Donen, scritto da Peter Stone e Marc Behm, e interpretato da Cary Grant e Audrey Hepburn. Il cast comprende anche Walter Matthau, James Coburn, George Kennedy, Dominique Minot, Ned Glass e Jacques Marin. Charade è stato applaudito dalla critica per la sceneggiatura del film e per la il feeling tra Grant e Hepburn. È stato definito “il miglior film di Hitchcock che Hitchcock non abbia mai realizzato”. È stato girato a Parigi. 

Durante una vacanza nelle Alpi francesi, Regina “Reggie” Lampert, un’americana espatriata che lavora come interprete, informa la sua amica Sylvie che si sta separando dal suo partner, Charles. Incontra anche Peter Joshua, un americano. Al suo ritorno a Parigi, scopre che il suo appartamento è stato derubato. Un ispettore di polizia afferma che Charles ha venduto i loro effetti personali, poi è stato ucciso mentre lasciava Parigi. A Reggie viene fornito il piccolo bagaglio del marito con una lettera indirizzata a lei, un biglietto di nave per il Venezuela, 4 passaporti con diversi nomi e cittadinanze. 

Goldfinger (1964)

Goldfinger è un film di spionaggio del 1964 e anche il terzo capitolo della raccolta di James Bond creata da Eon Productions, con Sean Connery nei panni dell’immaginario agente segreto dell’MI6 James Bond. È basato sull’omonima storia del 1959 di Ian Fleming. Il film vede anche Honor Blackman nei panni di Pussy Galore e anche Gert Fröbe nei panni del protagonista Auric Goldfinger, insieme a Shirley Eaton nei panni della sfortunata Jill Masterson. Goldfinger è stato prodotto da Albert R. Broccoli e Harry Saltzman ed è stato il primo dei quattro film di Bond diretti da Guy Hamilton.

Bond viene ingaggiato per sorvegliare il commerciante di lingotti Auric Goldfinger. Bond ostacola il suo piano sviando la sua complice, che viene successivamente eliminata dal servitore coreano di Goldfinger e scagnozzo Oddjob dopo che Bond l’ha sedotta. A Bond viene quindi consigliato di esaminare l’operazione di contrabbando d’oro di Goldfinger e segue la concessionaria in Svizzera. Quando perlustra gli uffici di Goldfinger viene drogato e perde i sensi; Goldfinger quindi porta Bond nella sua scuderia del Kentucky dove lo tiene in ostaggio. 

La spia che venne dal freddo (1965)

È un film di spionaggio della Guerra Fredda britannico del 1965 basato sull’omonimo libro del 1963 di John le Carré. Il film è interpretato da Richard Burton, Claire Bloom e Oskar Werner. È stato diretto da Martin Ritt e la sceneggiatura del film è stata scritta da Paul Dehn e Guy Trosper.

Il film illustra l’obiettivo dell’agente segreto dell’MI6 britannico Alec Leamas a cui viene affidato il compito di seminare disinformazione distruttiva su un ufficiale dell’intelligence della Germania dell’Est. Come parte di una sciarada, Leamas viene licenziato dai servizi segreti britannici e finisce per essere un alcolizzato amareggiato. Viene avvicinato dai rappresentanti della Germania dell’Est in Gran Bretagna e si lascia assumere nell’Europa continentale per offrire i suoi servizi in cambio di denaro.

L’affare Goshenko (1966)

È un film thriller del 1966 con Montgomery Clift, Hardy Krüger, Roddy McDowall e Macha Méril. È stato diretto dal regista/produttore belga Raoul Lévy e basato sul romanzo L’espion del 1965 di Paul Thomas. Molto malato, l’attore protagonista è morto meno di 3 mesi dopo che le riprese erano terminate, Clift è comunque riuscito a offrire un’interpretazione convincente in quello che è stato definito un film triste ed estremamente malinconico. Il regista Lévy si suicidò il 31 dicembre 1966, meno di 2 mesi dopo l’uscita americana del film.

Il fisico americano Professor Bower viene ricattato da un dubbio rappresentante della CIA chiamato Adams per aiutare la CIA ad acquisire microfilm segreti da un ricercatore russo disertore. L’esitante Bower si reca sotto copertura nella Germania dell’Est come antiquario, dove incontra Heinzmann, un collega fisico della Germania dell’Est che è anche un agente segreto. Heinzmann conosce l’incontro di Bower con Adams e del suo obiettivo di prendere il microfilm, tuttavia il loro comune rispetto per le reciproche tecniche rende complesse le procedure.

VAI AI FILM DA GUARDARE

Modesty Blaise (1966)

È un film commedia di spionaggio britannico del 1966 diretto da Joseph Losey, prodotto da Joseph Janni e vagamente basato sul popolare cartone animato Modesty Blaise di Peter O’Donnell, che ha co-scritto la storia su cui Evan Jones e Harold Pinter basato sulla sceneggiatura del loro film. La protagonista è Monica Vitti nei panni di “Modesty”, al fianco di Terence Stamp nei panni di Willie Garvin e Dirk Bogarde nei panni del suo nemico Gabriel. Il cast è composto anche da Harry Andrews, Michael Craig, Alexander Knox, Rossella Falk, Clive Revill e Tina Aumont. È stato il primo ruolo in lingua inglese di Vitti.

La produzione del film ha visto scontri tra il regista Losey e il produttore Blaise O’Donnell. Losey desiderava sviluppare una satira influenzata dalla “pop art” in contrasto con il tono severo del prodotto originale. Di conseguenza, il film si è notevolmente discostato dai fumetti e dalla storia storia di O’Donnell. Modesty Blaise ha partecipato al Festival di Cannes, dove è stata scelta per la Palma d’oro. L’accoglienza è stata buona, con i critici che hanno applaudito lo stile visivo e il tono insolito, ma hanno criticato le divergenze dal prodotto originale, la trama complicata e la regia. 

Il sipario strappato (1966)

È un film thriller politico americano del 1966 diretto da Alfred Hitchcock e interpretato da Paul Newman e Julie Andrews. Scritto da Brian Moore, il film è ambientato nella Guerra Fredda. Racconta di un ricercatore americano che penetra oltre la cortina di ferro verso la Germania dell’Est.

Nel 1965, Michael Armstrong (Paul Newman), un fisico e scienziato missilistico degli Stati Uniti, sta facendo un viaggio a una conferenza a Copenaghen con la sua assistente e fidanzata, Sarah Sherman (Julie Andrews). Armstrong ottiene un radiogramma per ottenere un libro a Copenaghen; include un messaggio che afferma: “Contatta π in caso di situazione di emergenza”. Informa Sherman che sta andando a Stoccolma, ma lei scopre che sta volando a Berlino Est e lo segue. Viene invitato da agenti del governo federale della Germania dell’Est quando sbarcano. Sherman scopre che Armstrong ha disertato ed è spaventata dal fatto che, dati gli scenari della Guerra Fredda, se rimane con lui, probabilmente non vedrà mai più la sua casa e la sua famiglia.

Si vive solo due volte (1967)

È un film di spionaggio del 1967 nonché il quinto della raccolta di James Bond creata da Eon Productions, con Sean Connery nei panni dell’immaginario rappresentante dell’MI6 James Bond.  È il primo film di Bond ad essere diretto da Lewis Gilbert, che in seguito ha diretto il film del 1977 The Spy Who Loved Me e anche il film del 1979 Moonraker, entrambi con Roger Moore. La sceneggiatura del film You Only Live Twice è stata scritta da Roald Dahl, nonché liberamente basata sull’omonimo libro del 1964 di Ian Fleming. È il primo film di James Bond a tagliare la maggior parte della storia di Fleming, utilizzando solo alcuni personaggi e trame principali.

007 viene inviato in Giappone per esaminare il furto della navicella spaziale e il rapimento dell’astronauta in orbita della navicella spaziale americana Project Gemini Jupiter 16 da parte di una navicella spaziale sconosciuta. Al suo arrivo, Bond viene contattato da Aki, assistente del leader dei servizi segreti giapponesi Tiger Tanaka. Bond ha scoperto che la mente dietro il dirottamento è il numero uno di SPECTRE, Ernst Stavro Blofeld, in collaborazione con Osato, un industriale. Bond segue il percorso verso la sede centrale dell’isola di Blofeld. Blofeld descrive a Bond che il suo complotto è quello di fingere di fronte a ogni superpotenza che Bird One è un’astronave avversaria per trasformare la Guerra Fredda nella Terza Guerra Mondiale.

Base artica Zebra (1968)

È un film thriller di spionaggio americano del 1968 diretto da John Sturges e interpretato da Rock Hudson, Patrick McGoohan, Ernest Borgnine e Jim Brown. La sceneggiatura del film è di Alistair MacLean, Douglas Heyes, Harry Julian Fink e WR Burnett, liberamente basata sul libro di MacLean del 1963. Entrambi hanno parallelismi con eventi della vita reale accaduti nel 1959. Il film è stato fotografato in Super Panavision 70 e proiettato in Cinerama da 70 mm. 

Un satellite ritorna nell’atmosfera ed espelle una navicella, che cade nell’Artico, vicino a una stazione meteorologica britannica chiamata Drift Ice Station Zebra, a circa 500 chilometri (320 miglia) a nord-ovest di Station Nord, Groenlandia. Un individuo si avvicina, rilevato da un segnale di ricerca, mentre un secondo individuo osserva di nascosto.

Topaz (1969)

È un film thriller di spionaggio americano del 1969 diretto da Alfred Hitchcock. Basato sull’omonimo libro del 1967 di Leon Uris, il film ha a che fare con un agente segreto francese (Stafford) che finisce per essere legato alla politica della Guerra Fredda prima della crisi dei missili cubani del 1962 e dopo la rottura di un giro di spionaggio sovietico globale. La storia è vagamente basata sull’affare Zaffiro del 1962, che includeva il capo della SDECE francese negli Stati Uniti, la spia Philippe Thyraud de Vosjoli, un amico di Uris, che svolse una funzione cruciale nell’assistere gli Stati Uniti a scoprire l’esistenza di razzi offensivi russi a Cuba.

Agente 007 – Al servizio segreto di Sua Maestà (1969) 

È un film di spionaggio del 1969 nonché il sesto della raccolta di James Bond creata da Eon Productions. È basato sul libro del 1963 di Ian Fleming. Con la scelta di Sean Connery di abbandonare il ruolo dopo You Only Live Twice, Eon ha scelto George Lazenby, un personaggio senza precedenti crediti di recitazione, per interpretare James Bond. 

Mentre cerca Blofeld, il capo di SPECTRE, Bond (interpretato da George Lazenby) salva Tracy di Vicenzo (Diana Rigg) sulla spiaggia dal suicidio per annegamento, e poi la incontra ancora una volta in una casinò. Bond ottiene dettagli da Marc-Ange Draco, il capo della gang criminale europea Unione Corse e padre di Tracy, sull’avvocato svizzero di Blofeld. Bond svaligia l’ufficio dell’avvocato e scopre che Blofeld si riferisce al London College of Arms. Bond incontra Blofeld fingendosi qualcun altro, e scopre che ha effettivamente organizzato un istituto di ricerca scientifica sulle allergie in cima al Piz Gloria nelle Alpi svizzere. Bond scopre rapidamente che Blofeld sta convincendo i suoi collaboratori a disperdere virus della guerra batteriologica in diverse parti del mondo.

Lettera al Kremlin (1970)

È un thriller di spionaggio neo-noir americano del 1970 in Panavision diretto da John Huston e interpretato da Richard Boone, Orson Welles, Max von Sydow, Bibi Andersson, Patrick O’Neal e George Sanders. La sceneggiatura del film è stata co-scritta da Huston e Gladys Hill come un fedele adattamento del romanzo di Noel Behn, che aveva lavorato per il Corpo di controspionaggio dell’esercito degli Stati Uniti. Considerato un film accattivante, ben fotografato, il film è una storia amorale ed estremamente complicata di intrighi e spionaggio ambientata al culmine della guerra fredda USA-URSS.

The Kremlin Letter è stato un fallimento commerciale ma il film ha raccolto costanti apprezzamenti da parte di alcuni critici nel corso degli anni dalla sua uscita. Il regista francese Jean-Pierre Melville ha definito The Kremlin Letter “magistrale” e l’ha considerato come uno sviluppo del linguaggio del cinema.

Verso la fine del 1969, un brillante giovane ufficiale dell’intelligence della Marina degli Stati Uniti, Charles Rone, scopre che la sua commissione è stata ritirata in modo che possa essere assunto in un obiettivo di spionaggio per recuperare una lettera fasulla che rivela un’alleanza tra l’Occidente e l’Unione Sovietica contro la Cina. Rone viene informato che l’obiettivo viene svolto individualmente dalle società di intelligence governative, come succedeva prima della seconda guerra mondiale, quando le operazioni di spionaggio erano gestite da un piccolo gruppo di agenti che operavano su base indipendente.

I 3 giorni del condor (1975)

È un film thriller politico americano del 1975 diretto da Sydney Pollack e interpretato da Robert Redford, Faye Dunaway, Cliff Robertson e Max von Sydow. La sceneggiatura del film di Lorenzo Semple Jr. e David Rayfiel era basata sul romanzo I sei giorni del condor del 1974 di James Grady. Il film è stato scelto per l’Oscar per il miglior montaggio cinematografico. 

Joe Turner è un esperto della CIA, parola in codice “Condor”. Opera presso l’American Literary Historical Society di New York City, che in realtà è un posto di lavoro privato della CIA. Turner presenta un rapporto alla sede centrale della CIA su un libro thriller con strane componenti della trama; nonostante le cattive vendite, è stato effettivamente identificato in numerose lingue.

Il maratoneta (1976)

È un film thriller americano del 1976 diretto da John Schlesinger. È stato adattato da William Goldman dal suo libro del 1974 con lo stesso titolo e vede protagonisti Dustin Hoffman, Laurence Olivier, Roy Scheider, William Devane e Marthe Keller. Nel film, “Babe” Levy, una studentessa universitaria (Hoffman), finisce per essere coinvolta in un complotto del criminale di guerra nazista Christian Szell (Olivier) per recuperare i diamanti presi da una cassetta di sicurezza di proprietà del fratello morto di Szell. Babe finisce per essere inconsapevolmente coinvolta a causa delle trattative di suo fratello Doc (Roy Scheider) con Szell.  Il film è stato un successo importante, con Olivier che ha avuto una candidatura all’Oscar come miglior attore non protagonista per il suo ruolo di Szell, il cattivo del film.

VAI AI FILM DA GUARDARE

2 sotto il divano (1980)

È un film commedia di spionaggio americano del 1980, prodotto da Edie Landau e Ely A. Landau, diretto da Ronald Neame, con Walter Matthau, Glenda Jackson, Sam Waterston, Ned Beatty e Herbert Lom. La sceneggiatura del film è stata scritta da Bryan Forbes e Brian Garfield, basata sull’omonimo libro del 1975 di Garfield. L’ex ufficiale della CIA Miles Kendig è intenzionato a pubblicare un racconto esplosivo che smaschererà anche i trucchi di Myerson, il suo precedente datore di lavoro odioso. Il protetto di Myerson e Kendig, Joe Cutter, cerca di interrompere la pubblicazione del suo racconto. 

Il gioco del falco (1985)

È un film drammatico di spionaggio americano del 1985 diretto da John Schlesinger. La sceneggiatura del film di Steven Zaillian è basata sul libro del 1979 The Falcon and the Snowman: A Real Story of Relationship and Espionage di Robert Lindsey, e racconta la vera storia di 2 giovani ragazzi americani, Christopher Boyce (Timothy Hutton) e Andrew Daulton Lee (Sean Penn), che hanno offerto strategie di sicurezza agli Stati Uniti e all’Unione Sovietica. Il film include il brano “This Is Not America”, composto e interpretato da David Bowie e da Pat Metheny Group.

Christopher Boyce, uno specialista nello sport della falconeria e figlio di un precedente agente segreto dell’FBI, ottiene un incarico presso uno specialista della difesa civile che opera nel cosiddetto “Black Vault”, un centro di interazione attraverso il quale vengono trasmesse informazioni su alcuni delle operazioni statunitensi. Boyce finisce per essere deluso dal governo federale degli Stati Uniti dopo aver scoperto un comunicato errato che è una strategia della CIA per deporre il Primo Ministro australiano. Infastidito da questa doppiezza, Boyce sceglie di ripagare il suo governo federale passando I suoi servizi ai sovietici.

Il sarto di Panama (2001)

È un thriller di spionaggio del 2001 diretto da John Boorman da una sceneggiatura che ha scritto insieme a John le Carré e Andrew Davies. Basato sull’omonimo libro di Le Carré del 1996, è interpretato da Pierce Brosnan e Geoffrey Rush. Rush interpreta il personaggio del titolo, un ex condannato trasformato in sarto che è costretto con forza da un amorale rappresentante dell’MI6 (Brosnan) a spiare il governo federale panamense. Jamie Lee Curtis, Brendan Gleeson, Catherine McCormack, Leonor Varela e Harold Pinter sono co-protagonisti, insieme a Daniel Radcliffe nel suo film di lancio. Il film ha ottenuto valutazioni favorevoli, con apprezzamento per il ruolo di Brosnan e Rush, e ha guadagnato $ 28 milioni su un piano di spesa di $ 21 milioni.

Syriana (2003) 

È un thriller politico americano del 2005 composto e diretto da Stephen Gaghan, vagamente basato sul racconto di Robert Baer del 2003 See No Evil. Il film è interpretato da un cast corale che include George Clooney, Matt Damon, Jeffrey Wright, Chris Cooper, William Hurt, Tim Blake Nelson, Amanda Peet, Christopher Plummer, Alexander Siddig e Mazhar Munir. Syriana è stata girata in 200 location in 5 continenti, con grandi parti girate in Medio Oriente, Washington, DC e Africa. In un’intervista con Charlie Rose, Gaghan ha spiegato gli eventi da singole conferenze e interviste con i più potenti proprietari di petrolio, proprietari dei media, lobbisti, avvocati e leader politici che erano nel film. Proprio come la sceneggiatura del film di Gaghan per Traffic, Syriana utilizza diverse storie parallele, saltando tra in Iran, Texas, Washington, DC, Svizzera, Spagna e Libano.

Clooney ha vinto un Oscar e un Golden Globe, insieme al British Academy Film Award, al Critics ‘Choice Movie Award e alle candidature dello Screen Actors Guild Award. Gaghan è stato scelto per un Academy Award e un Writers Guild of America Award per la sceneggiatura del suo film. Dal 20 aprile 2006, il film aveva guadagnato un totale di $ 50,82 milioni alle biglietterie statunitensi e $ 43,2 milioni all’estero, per un totale di $ 94 milioni. Gaghan ha modificato i nomi delle entità attualmente in attività in Medio Oriente, pur mantenendo la loro posizione reale nella storia.

Le vite degli altri (2006)

È un film drammatico tedesco del 2006 composto e diretto da Florian Henckel von Donnersmarck che segna il suo lancio alla regia di un lungometraggio. La trama ha a che fare con il monitoraggio dei cittadini di Berlino Est da parte dei rappresentanti della Stasi, le autorità segrete della Germania dell’Est. Nel cast Ulrich Mühe nei panni del capitano della Stasi Gerd Wiesler, Ulrich Tukur nei panni del suo straordinario Anton Grubitz, Sebastian Koch nei panni del drammaturgo Georg Dreyman e Martina Gedeck nei panni dell’appassionata di Dreyman, una popolare starlet chiamata Christa-Maria Sieland.

Le vite degli altri ha vinto l’Oscar per il miglior film in lingua straniera. Il film aveva precedentemente vinto 7 premi Deutscher Filmpreis, tra cui quelli per il miglior film, il miglior regista, la migliore sceneggiatura del film, la migliore star e la migliore star non protagonista, dopo aver stabilito un record con 11 candidature. Il film ha vinto il BAFTA Award per il miglior film non in lingua inglese e l’European Film Award per il miglior film, mentre è stato scelto per il Golden Globe Award per il miglior film in lingua straniera. The Lives of Others è costato 2 milioni di dollari e ha incassato più di 77 milioni di dollari in tutto il mondo. Lanciato 17 anni dopo la caduta del muro di Berlino, che segna il completamento della Repubblica Democratica Tedesca, è stato il primo film drammatico degno di nota sull’argomento dopo una serie di commedie come Good Bye, Lenin! e Sonnenallee. 

Ek Tha Tiger (2012)

È un thriller d’azione di spionaggio in lingua hindi indiana del 2012 diretto da Kabir Khan e co-scritto da Khan e Neelesh Misra, da una storia di Aditya Chopra. È la prima parte della serie Tiger e il primo film nell’universo di spionaggio YRF. Nel cast Salman Khan, Katrina Kaif, Ranvir Shorey, Roshan Seth, Girish Karnad e Gavie Chahal. Nel film, Avinash “Tiger” Singh Rathore (Khan), una spia indiana, è incaricata di recuperare informazioni prima che vengano acquisite dal Pakistan, ma viene distratta dopo essersi innamorata di Zoya Humaimi (Kaif).

Ek Tha Tiger è la terza collaborazione tra Kabir Khan e Yash Raj Films, dopo aver diretto Kabul Express (2006) e New York (2009). Le riprese principali sono iniziate nell’agosto 2011 e sono durate fino a luglio 2012, con aree di ripresa a Dublino, L’Avana, Bangkok, Istanbul e Delhi. 

Ek Tha Tiger ha stabilito diversi record al botteghino nella sua corsa nelle sale, guadagnando 42 milioni di dollari in tutto il mondo. È stato il film hindi con il maggior incasso del 2012, è il 36esimo film indiano di sempre con il maggior incasso.

Skyfall (2012)

Skyfall è un film di spionaggio del 2012 e anche il ventitreesimo della raccolta di James Bond generata da Eon Productions.  Il film è il terzo con Daniel Craig nei panni dell’immaginario rappresentante dell’MI6 James Bond e presenta anche Javier Bardem nei panni di Raoul Silva, il cattivo, con Judi Dench che torna nei panni di M. Diretto da Sam Mendes e scritto da Neal Purvis, Robert Wade Vede il ritorno di 2 personaggi dei film di Bond, Miss Moneypenny (interpretata da Naomie Harris) e anche Q (interpretata da Ben Whishaw), dopo la mancanza di essi in 2 film.  Ralph Fiennes, Bérénice Marlohe e anche Albert Finney sono tra gli attori protagonisti.

Dopo che un’operazione a Istanbul si è conclusa con una catastrofe, Bond si perde e si presume che sia morto. Di conseguenza, vengono sollevate preoccupazioni sulla capacità di M di gestire i servizi segreti, e lei finisce per essere oggetto di una valutazione del governo federale sulla sua gestione dell’accaduto. Il servizio stesso viene aggredito, provocando il ritorno di Bond a Londra. La sua presenza aiuta l’indagine dell’MI6 a rivelare una pista, e Bond viene inviato a Shanghai e Macao alla ricerca di un mercenario chiamato Patrice. Lì trova un Co tatto con Raoul Silva, un precedente rappresentante dell’MI6 che è stato catturato e torturato dagli agenti cinesi. Incolpando M per il suo periodo in prigione, Silva mette in atto una strategia per distruggere la sua carriera prima di ucciderla. Bond protegge M e cerca di attirare Silva in una trappola, e mentre riesce a respingere l’attacco di Silva, M viene ferito a morte. 

Centinaia di film e documentari selezionati senza limiti

Nuovi film ogni settimana. Guarda su qualsiasi dispositivo, senza nessuna pubblicità. Annulla in qualsiasi momento.
error: Content is protected !!

Indiecinema Film Festival 2022

Indiecinema Film Festival 2022

Dal 5 Dicembre al 31 gennaio guarda in streaming la selezione dei film in concorso: cortometraggi, documentari e film indipendenti da tutto il mondo