fbpx

I film horror degli anni ’90 da vedere

Indiecinema Film Festival 2022

Dal 5 al 26 dicembre guarda i film del festival in streaming: una numerosa selezione dei migliori film indipendenti inediti da tutto il mondo.

Indice dei contenuti

Gli anni ’90 hanno offerto al pubblico alcuni film da vedere assolutamente in tutti i generi cinematografici, e più che mai, gli anni ’90 vengono riconosciuti come uno dei decenni di maggior successo del cinema americano. Erano gli anni delle commedie romantiche, d’azione e, ovviamente, dei film horror. Sinceramente, non ci sono altre decadi con così tanto afflusso di pubblico di film horror come gli anni ’90: grandi successi al botteghino all’inizio, come Cape Fear e Il silenzio degli innocenti, distinsero nettamente gli anni ’90 da tutti gli altri decenni precedenti. Questo interesse culminò nell’enorme successo di Il sesto senso. 

Negli anni ‘90 inizia anche l’era dei film horror “neri”. All’epoca non c’erano personaggi protagonisti neri nel cinema horror. Invece di accettare una Hollywood non inclusiva, hanno realizzato i propri film in modo indipendente e hanno raccontato le proprie storie. Film come Def By Temptation, Daughters of the Dust, Demon Knight e Tales from the Hood hanno sviluppato ancora di più l’usanza del Black Horror nella loro rivisitazione della categoria.

Nei film horror anni ‘90 il genere cinematografico horror è diventato mainstream. Con il successo di film come Scream e Buffy l’ammazzavampiri, gli anni ‘90 hanno visto un flusso stabile di film spaventosi per adolescenti come So cosa hai fatto l’estate scorsa, Urban Legend, The Faculty e Idle Hands, molti dei quali erano al femminile. Con un pubblico più ampio, l’horror anni ‘90 ha finito per essere il luogo prediletto della nuova generazione di star di Hollywood. Non solo gli anni ’90 sono stati una trasformazione del cinema horror, ma sono stati anche una delle primissime volte in cui abbiamo visto personaggi e trame diverse dal solito.

In ordine temporale, ecco alcuni tra i migliori film horror degli anni ’90.

Film horror anni ’90 da vedere

Cabal (Nightbreed, 1990) 

Nightbreed era decenni in anticipo sui tempi. Scritto e diretto dal regista britannico Clive Barker, Nightbreed non ebbe successo al momento della sua uscita iniziale a causa della scelta dello studio di presentarlo come un film slasher quando non era assolutamente niente del genere. 

Piuttosto, la storia racconta la natura oscura dell’essere umano, ribaltando la struttura narrativa della maggior parte del film che pone l’Uomo/Donna retto e buono contro una sorta di Altro abietto e mostruoso. In Nightbreed, le bestie sono gli eroi, quelli con più umanità. Utilizzando il meglio delle tecniche e degli effetti speciali creati negli anni ’80, il film ci dice di non fidarci della bontà e del fascino apparente.

Child’s Play 2 (1990) 

Doppiato da Brad Dourif di Qualcuno volò sul nido del cuculo e recitato da Ed Gale, la bambola folle Chucky spaventa il cattivo Andy Barclay (Alex Vincent) di otto anni e la sua famiglia adottiva. 2 anni dopo il primo film, la Play Pals Corporation, che produce le bambole Good Guy, si riprende dalla pubblicità negativa e commercializza di nuovo Chucky per assicurare ai suoi investitori che non c’era assolutamente nulla di veramente sbagliato nella bambola. Durante tutta la procedura, un aumento di potenza elettrica fulmina uno dei dipendenti della catena di montaggio. Il signor Sullivan, il dirigente dell’azienda, ordina al suo assistente Mattson di nascondere l’incidente e di occuparsi di Chucky. Chucky e quegli occhi blu hanno seminato davvero paura.

Tremors (1990) 

Il deserto è l’ideale per i film horror perché è abbastanza grande da permettere ai mostri di vivere senza essere scoperti. Kevin Bacon (Val McKee), in tutta la sua magnificenza cinematografica degli anni ’90, Fred Ward (Earl Bassett) e Finn Carter (Rhonda LeBeck) interpretano uno dei film più spaventosi che tu abbia mai visto in questo horror di culto. Valentine “Val” McKee e Earl Bassett sono tuttofare che operano a Perfection, Nevada, un insediamento nell’alto deserto a est delle montagne della Sierra Nevada. Alla fine si stancano del loro lavoro e partono per Bixby, la città vicina. Mentre se ne vanno, trovano il cadavere di un altro cittadino, Edgar Deems, adagiato in cima a una torre elettrica. Jim Wallace, il medico della città, scopre che Edgar è morto per disidratazione, essendo stato troppo spaventato per scendere.

Daughters of the Dust (1991) 

Daughters of the Dust è un film realizzato all’interno del filone Black Horror. Fu il primo film diretto da una donna di colore (Julie Dash) ad avere una circolazione a livello nazionale, Daughters of the Dust esamina la paura della migrazione forzata e del danno generazionale all’interno della famiglia di Gullah Geechee. Il film è stato in realtà estremamente importante per la sua splendida fotografia e stilizzazione che ha effettivamente aiutato a sviluppare una visuale cinematografica unica attorno al genere gotico del Sud degli Stati Uniti d’America.

La casa nera (The People Under the Stairs, 1991) 

The People Under the Stairs è tra quei film che ancora visivamente sembrano appartenere agli anni ’80. Scritto e diretto da Wes Craven, questo film è un cult della commedia horror in cui l’assurdità opera come una visione bruciante ma esilarante della guerra di classe e dell’industrialismo americano razzista. Il protagonista Brandon Quintin Adams nei panni di Fool, un giovane ragazzo di colore che tenta di sostenere sua madre che viene sfrattata dal suo padrone di casa e trova bambini cannibali nel seminterrato, ma questo è solo l’inizio. Le cose diventano davvero insolite, piuttosto violente e divertenti. Interpretati da Everett McGill e Wendy Robie è un film horror interessante per la critica sociale.

Cape Fear (1991) 

Martin Scorsese e Robert De Niro potrebbero aver raggiunto il loro apice da thriller psicologico con l’epocale Taxi Driver nel 1976, tuttavia Cape Fear è altrettanto notevole. Nei panni di Max Cady, uno stupratore psicopatico, De Niro escogita una vendetta contro il suo ex rappresentante legale Sam Bowden (Nick Nolte) per aver nascosto le prove che potrebbero averlo assolto. Cady invade ogni aspetto della vita di Bowdens come una fitta ombra che ricopre la sua famiglia e il suo lavoro in un inevitabile spirale di omicidi e crudeltà. Cady seduce come un serpente, affascinando le sue vittime, e si trasforma in un mostro psicopatico che colpisce la famiglia Bowden durante una tempesta torrenziale. L’imprevedibilità di Cady e il suo sadismo rendono Cape Fear un film da vedere assolutamente superbo nel suo genere.

Mindwarp (1991) 

Il regista Steve Barnett ha realizzato uno dei film di fantascienza più spaventosi degli anni ’90. È l’anno 2037. Il mondo è stato devastato da un armageddon nucleare, tuttavia la maggior parte di coloro che sopravvivono non sono consapevoli poiché sono collegati a un’intelligenza artificiale che dà l’impressione di risiedere in un paradiso. Marta Martin interpreta Judy, una donna che cerca di liberarsi totalmente dalle catene della realtà virtuale, solo per essere bandita in una landa nucleare governata da cannibali mutanti. Quando finalmente si riunisce con il suo papà scomparso da tempo, scopre con sua paura che intende usarla nella sua missione di ripopolare il mondo con gli esseri umani.

Il silenzio degli innocenti (Since of the Lambs, 1991) 

Since of the Lambs del 1991 è tra i più famosi film sui serial killer degli anni ‘90. Prima che Anthony Hopkins si insinuasse nelle nostre menti come serial killer cannibalistico Dr. Hannibal Lecter, nessun film horror aveva vinto l’Oscar come miglior attore considerando che Fredric March aveva il doppio personaggio nei panni del dottor Jekyll e misyer Hyde nel film del 1931. La paura di Il silenzio degli innocenti rivive nelle risate minacciose di Lecter quando scopre il divertimento nel parlare di omicidio e lo sguardo d’acciaio che spara attraverso lo schermo. Diretto da Jonathan Demme e scritto da Ted Tally, Il silenzio degli innocenti è uno dei film più spaventosi per diverse generazioni di pubblico.

Dracula di Bram Stoker (1992) 

Questo vasto adattamento di Francis Ford Coppola reinventa la storia di Stoker del XIX secolo. La sua fotografia, lo stile dei costumi e l’uso del colore rendono questo film un cult horror gotico stravagante. Nel 1462, Vlad Dracula torna nella sua campagna per scoprire che sua moglie Elisabeta si è suicidata. Un prete lo informa che l’anima della sua dolce metà è condannata all’inferno. Infuriato, Vlad profana il Dio della cappella, affermando che tornerà dalla tomba per vendicare Elisabeta con tutti i poteri delle tenebre.

Mikey (1992) 

Mikey è stato proibito nel Regno Unito a causa dell’omicidio nella vita reale di James Bulger da parte di 2 ragazzi di 10 anni nel 1993. Mikey racconta la vicenda di un ragazzino che sembra dolce di aspetto ma tuttavia ha l’abitudine di uccidere persone quando non ottiene ciò che desidera. Mikey è un interessante film horror psicologico che vale la pena guardare come parte di una mini-ondata di film di bambini assassini che comprende anche Benny’s Video (1992), The Good Son (1993) e The Paperboy (1994).

I sonnambuli (Sleepwalkers, 1992) 

Sleepwalkers è il primo film in assoluto scritto da Stephen King che non si basa su nessuno dei suoi libri pubblicati. Sleepwalkers è un pazzo miscuglio di film di vampiri e mostri. Mary e Charles sono una mamma e un bambino che si trasferiscono in una cittadina dell’Indiana: sono vampiri metà uomini e metà felini e si nutrono della forza vitale delle donne vergini, e tendono a lasciarsi dietro una scia di morti sospette. Il problema arriva quando cercano le loro vittime per nutrirsi e devono affrontare gli unici esseri che possono percepire la loro malvagità e che possono ucciderli graffiandoli: i gatti. Sleepwalkers è davvero un film strano, tuttavia è davvero fantastico nella sua stranezza.

Fuoco cammina con me (Fire Walk With Me, 1992) 

Lanciato come prequel della serie tv Twin Peaks, Fire Walk with Me fa ripercorrere al pubblico la storia di Laura Palmer (Sheryl Lee), fino al punto in cui la serie precedente inizia. Fire Walk with Me usa la voce, la profondità e il contesto sociale in cui vive Laura per descrivere l’orrore che circonda le situazioni del suo omicidio. Il film fu accolto negativamente al festival di Cannes e dai critici. Anche il pubblico, che si aspettava maggiori chiarimenti sui misteri lasciati nella prima serie, non gradì particolarmente l’opera, giudicata generalmente troppo caotica. Negli anni successivi il “caos” è diventato la migliore qualità del film: lo stile visionario e onirico di David Lynch. Un film di avanguardia realizzato in formato seriale, vent’anni prima delle serie TV in streaming. Solo Lynch poteva essere così geniale.

Body Snatchers (1993) 

Body Snatchers è il terzo adattamento cinematografico dell’omonimo libro di Jack Finney. I film precedenti sono del 1956 e del 1978, entrambi intitolati L’invasione degli ultracorpi. In un adattamento piuttosto libero del libro del 1955 con lo stesso nome. Body Snatchers si svolge in una base militare in Alabama dove i baccelli alieni stanno segretamente cambiando individui con duplicati quasi identici. Il film è stato diretto da Abel Ferrara, un regista noto per i suoi film a volte controversi come Il cattivo tenente (1992), Ms. 45 (1981) e The Driller Killer (1979). Ferrara ha avuto la capacità di spostare la sua oscura percettività in questa variazione di Body Snatchers, offrendo al film un ambiente opprimente e cupo che colpisce l’immaginario del pubblico.

Leprechaun (1993) 

Warwick Davis ha interpretato il malvagio personaggio del titolo 6 volte nella serie Leprechaun tra il 1993 e il 2003. Leprechaun non è un capolavoro, tuttavia è una commedia divertente oltreché un horror, e soprattutto c’è Warwick Davis. Il film include Jennifer Aniston nel suo primo ruolo da protagonista in un lungometraggio, tuttavia Warwick Davis è la vera star nei panni di un folletto malvagio divertente ed inquietante. Davis può diventare davvero spaventoso in questo film, il che non è un piccolo risultato pensando a quanto sia sciocca la storia. La donna di città Tory (Aniston) si trasferisce in una vecchia casa con suo padre dove c’è un folletto in una scatola nel seminterrato. Leprechaun è una commedia horror che ha portato a un franchise di lunga data e ad ispirare altri film horror di fiabe. 

Trauma (1993) 

Il maestro degli effetti speciali Tom Savini ha prodotto numerosi lavori di alto livello. In quella che è la prima produzione americana integrale del famoso regista italiano Dario Argento, una donna (Asia Argento) che sembra tentare il suicidio dopo essere uscita da un ospedale psichiatrico. La donna torna al centro psichiatrico, ma la struttura sanitaria finisce presto per essere il punto di collegamento di una serie di violenti omicidi. I critici non sono stati molto gentili con il film quando è uscito, tuttavia è comunque un film ambientato in manicomio da vedere.

Death Machine (1994) 

A causa della sua estrema violenza, Death Machine è stato vietato in Sri Lanka, Cina, Iran, Malesia, Iraq e Australia. Ambientato nell’allora prossimo futuro del 2003, Death Machine ha a che fare con un costruttore di armi moderne senza etica, Jack Dante (Brad Dourif), e l’individuo che tenta di fermarlo, Hayden Cale (Ely Pouget). Mentre Cale si avvicina, Dante libera un grosso dinosauro robotico per eliminare tutti coloro che gli si oppongono. Vengono sparati numerosi proiettili e molto sangue viene versato in questo film pacchiano di fantascienza/azione/horror dagli anni ’90.

Il cavaliere del male (Demon Knight, 1995) 

Il primo di una trilogia designata di film Tales from the Crypt, Demon Knight è stato diretto da Ernest Dickerson e rappresenta la prima e più efficace rappresentazione di una Black Final Girl nella storia horror. Jeryline (Jada Pinkett-Smith) infrange tutte le linee guida comuni relative ad i film horror dove il protagonista deve sopravvivere, e questo la rende così coinvolgente come personaggio. Il ruolo di Pinkett è ispirato dalla presenza di Billy Zane e CCH Pounder.

Specie mortale (Species, 1995) 

L’attrice canadese Natasha Henstridge interpreta qui il suo primo ruolo importante, Sil, un adorabile alieno assassino, un ibrido umano il cui desiderio di accoppiarsi con maschi umani è piuttosto forte. Un gruppo (composto dagli attori Alfred Molina, Forest Whitaker, Michael Madsen e Marg Helgenberger) viene inviato a perseguitare ed eliminare Sil prima che possa portare in vita una prole con la possibilità di eliminare l’umanità. Il film tende a essere un po’ banale e trash a volte, tuttavia il suo cast e la sua trama accattivante, che spesso sembra poco più di un percorso per arrivare alla prossima scena di nudo, fanno di Species un classico degli anni ’90.

Tales From the Hood (1995) 

Tales from the Hood è un film a episodi horror come Creepshow (1982) e Tales from the Crypt (1972). Il film include 4 racconti inclusi all’interno di una trama di un trio di spacciatori che incontrano un direttore di pompe funebri davvero loquace. Le storie affrontano vari problemi sociali relativi al quartiere afroamericano con umorismo e paura. Il film è un classico di culto che ha in realtà ottenuto un numero crescente di fan nel tempo grazie al suo fascino e alla narrazione eccezionalmente divertente da commedia nera. L’interesse rinnovato per Tales from the Hood alla fine ha causato i seguiti nel 2018 e nel 2020, entrambi diretti dal regista Rusty Cundieff.

Scream (1996) 

L’opera d’arte postmoderna di Wes Craven è tra i migliori film horror degli anni 90, ed ha il merito di aver rinnovato il genere horror e slasher. Il pubblico ama questo film ancora oggi dopo tanti anni dalla sua uscita per il suo sovvertimento dei logori  luoghi comuni del genere horror. Craven racconta una storia spaventosa permettendo alla sua Sidney Prescott, interpretata da Neve Campbell di fare l’amore con l’assassino e ancora riuscire a vedere l’alba.

Giovani streghe (The Craft, 1996) 

The Craft è tra quei film il cui personaggio principale è in realtà il personaggio meno intrigante sullo schermo. Le efficienze più notevoli di questo film vanno a Fairuza Balk, Rachel True e Neve Campbell che sono tutte decisamente magnetiche con la loro adorabile e disordinata complessità. Sarah Bailey, un’adolescente angosciata ma con capacità non comuni, si è trasferita da San Francisco a Los Angeles con suo padre e la matrigna. Nella sua scuola nuova stringe una relazione con un gruppo di donne che si dice che siano streghe. Le donne lodano un essere divino efficace che chiamano “Manon”.

Mars Attacks! (1996) 

Mars Attacks! è un mix di vari generi: commedia d’azione-horror-fantascienza che sfrutta anche la cultura americana attraverso il sottogenere di film sull’invasione aliena. Diretto da Tim Burton, questo film sottovalutato ha un cast eccezionale composto da Jack Nicholson, Glenn Close, Pierce Brosnan, Sarah Jessica Parker, Danny De Vito, Natalie Portman, Jim Brown e l’impareggiabile Pam Grier. Il presidente degli Stati Uniti James Dale assiste i cittadini del suo paese quando la Terra viene raggiunta da un’enorme flotta di dischi volanti provenienti da Marte. La conduttrice di talk show Nathalie Lake e il suo partner, il giornalista Jason Stone, si sforzano di trarre profitto dalla storia con un’intervista con il consulente del presidente Dale, il professor Donald Kessler, che viene improvvisamente interrotta da una trasmissione del leader marziano.

So cosa hai fatto (I Know What You Did Last Summer, 1997) 

Spesso il segno distintivo di un film horror formidabile è il realismo delle situazioni che mettono i personaggi in circostanze spaventose. I Know What You Did Last Summer ha un gruppo di adolescenti che speravano di poter seppellire nel loro passato, in una storia principale in cui praticamente chiunque sia stato un adolescente in difficoltà può connettersi. Lo spettro di un serial killer che toglie la vita come punizione funziona bene come metafora dell’ineluttabilità del proprio passato. I Know What You Did Last Summer ha rinvigorito il genere horror adolescenziale che ha generato decenni di imitatori.

Anaconda (1997) 

Simile a numerosi film che vengono notoriamente criticati per essere “terribili”, Anaconda non è così male come suggerirebbe il commento dominante su di esso. Tuttavia, c’è da chiedersi come Jennifer Lopez, Ice Cube, Jon Voight, Eric Stoltz, Danny Trejo e Owen Wilson siano finiti tutti in questa film su un serpente assassino. Ovviamente Anaconda non è un film “eccellente” degli anni ’90, tuttavia la trama ironica e tutte le celebrità lo rendono una fonte di bei ricordi degli anni ’90. 

La baia di Eva (Eve’s Bayou, 1997) 

Come Figlie della polvere, Eve’s Bayou è un altro film sui costumi spaventosi delle donne afroamericane. Scritto e diretto da Kasi Lemmons e interpretato da Jurnee Smollett all’inizio della sua professione, questo film è sicuramente più cerebrale degli altri, poiché verifica l’orrore nascosto nella memoria e nella conoscenza. Ha ottenuto un ampio e importante successo al momento dell’uscita ed ha anche contribuito alla creazione di un’usanza cinematografica del gotico.

Wishmaster (1997) 

Robert Kurtzman è apparso nel suo stesso film, interpretando un ragazzo ucciso da un pianoforte. In questo film horror soprannaturale ricco di effetti, prodotto da Wes Craven, un Djinn demoniaco viene lanciato da un’antica gemma mentre viene valutata da una casa d’aste. La stimatrice Alexandra Amberson (Tammy Lauren) è misticamente legata al Djinn e ha visioni contorte che il Djinn provoca. È una corsa contro il tempo mentre Alex cerca di fermare il Djinn prima che possa portare il resto della sua specie sulla Terra per rovinare l’umanità. Wishmaster è divertente e include numerosi attori dei film di genere preferiti tra cui Robert Englund, Tony Todd, Kane Hodder, Angus Scrimm e altri.

Cube (1997)

Cube ha influenzato un seguito, un prequel, un remake giapponese nel 2021 e persino giochi per computer. Un piccolo gruppo di sconosciuti si sveglia e si ritrova in uno spazio cubico di metallo, senza finestre, di 14 x 14 x 14 piedi.  Non hanno idea di come siano arrivati ​​e riconoscono rapidamente che ogni porta che scoprono si traduce in un altro spazio quasi simile allo spazio precedente.  Ancora peggio, un certo numero di spazi sono trappole, provocando alcune morti raccapriccianti prima che il gruppo si riunisca per cercare una via di fuga dal labirinto in cui sono intrappolati. Cube è un film indipendente impressionante che fa un uso eccellente della sua low budget.  È un film horror degli anni ’90 da vedere basato sul sottogenere horror del piccolo gruppo di intrappolati in un luogo isolato.

Ringu (1998) 

Questo horror anni ’90 diretto da Hideo Nakata ha portato l’horror giapponese e i suoi stili visivi al grande pubblico mondiale. Famoso per le sue scene estremamente spaventose, l’impatto di Ringu è stato significativo, ed è diventato un intero franchise in Giappone ed ha avuto numerosi remake americani. Apparendo alla fine degli anni ’90, il suo effetto è estremamente evidente nei film horror degli anni 2000.

Deep Rising (1998) Il 

Dotato di armi adeguate per gestire un esercito, un gruppo di pirati sale a bordo di un transatlantico di alta classe nel Mar Cinese Meridionale, solo per capire che la nave è stata attaccata da un gruppo di enormi animali carnivori a cui non piacciono i concorrenti. L’horror pieno di azione di Deep Rising deve molto a film bestiali come Aliens (1986), offrendo al pubblico il tipo preciso di genere che si aspettano. Il film è stato un flop al botteghino, tuttavia ha ottenuto un buon seguito in home video.

Kolobos (1999) 

C’è uno strato di orrore psicologico e soprannaturale nel film, che gli conferisce lo strano titolo di Kolobos. Kolobos può essere meglio definito come il mondo reale di MTV, tuttavia con una grande quantità di morte violenta. 5 giovani rispondono a una pubblicità per partecipare ad un reality show in cui condivideranno una casa insieme per 3 mesi mentre tutte le loro azioni vengono registrate. I personaggi iniziano a scontrarsi quando sono all’interno della casa, tuttavia le preoccupazioni individuali finiscono rapidamente per essere meno importanti poiché i 5 individui si trovano rinchiusi all’interno con un mucchio di trappole fatali. Kolobos è un buon film del cinema a basso budget degli anni ’90, le interpretazioni degli attori sono interessanti e gli effetti gore davvero repellenti.

Centinaia di film e documentari selezionati senza limiti

Nuovi film ogni settimana. Guarda su qualsiasi dispositivo, senza nessuna pubblicità. Annulla in qualsiasi momento.
error: Content is protected !!

Indiecinema Film Festival 2022

Indiecinema Film Festival 2022

Dal 5 al 26 Dicembre guarda in streaming la selezione dei film in concorso: cortometraggi, documentari e film indipendenti da tutto il mondo